Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Un annuncio ufficiale riguardo il canone di Dungeons & Dragons 5E

Dopo le dichiarazioni di Jeremy Crawford sul canone di Dungeons & Dragons i D&D Studios hanno rilasciato un post pubblicato sul loro blog in merito a ciò che viene considerato canonico per il gioco.

Read more...

I romanzi, i videogame e i manuali precedenti alla 5a Edizione non sono considerati canonici per D&D 5E

Jeremy Crawford, lead designer e responsabile della 5a Edizione di D&D, ha dichiarato che tutto il materiale legato alle passate edizioni non è considerato canonico ai fini della 5E.

Read more...

Alfeimur: Uscite per il 2021

Scopriamo assieme le novità per il 2021 della linea di Alfeimur Quinta Edizione.

Read more...
By Lucane

Humble Bundle: 13th Age

Un nuovo Humble Bundle, questa volta a tema 13th Age, è stato reso disponibile in collaborazione con la Pelgrane Press.

Read more...

Strixhaven: A Curriculum of Chaos uscirà a Novembre

La Wizard of the Coast ha rilasciato nuovi dettagli sul prossimo manuale di crossover tra Magic: The Gathering e D&D 5E

Read more...

PBF L'era dell'Alleanza Galattica


Demian

Recommended Posts

Attenzione, quest'introduzione contiene Spoiler riguardo la serie di Star Wars

Anno: 121 ABY

Dopo la sconfitta dell’Impero a Endor, e con la morte dell’Imperatore Palpatine, l’Alleanza Ribelle ha potuto riportare la libertà a numerosi potentati locali, Coruscant stesso è insorto, e il Senato, destituito poco prima della distruzione di Alderaan da parte della prima Morte Nera, è stato ricostituito, con ciò è nata la Nuova Repubblica.

Private del loro leader supremo e di buona parte dell’elite militare dalla battaglia di Endor, le forze imperiali si sono ritirate in disordine dividendosi in numerosi e molto estesi potentati locali, uno scontro è cominciato fra i vari Moff ed Ammiragli, in molti desideravano il potere, fino al ritorno del Grande Ammiraglio Thrawn che, con la sua flotta, era stato inviato ad esplorare le Regioni Sconosciute.

Usando le ancora ingenti risorse dell’Impero, Thrawn prese il controllo di quanto rimaneva dei domini imperiali, unificandoli con la forza delle armi, forte delle sue flotte da battaglia e della sua esperienza in campo strategico, per diverso tempo l’ammiraglio impegnò le forze della Nuova Repubblica, dimostrando peraltro un notevole acume militare.

Anche se ormai non vi erano dunque più Sith a capo dell’Impero, l’impressionante complesso industriale/militare si stava riprendendo e, con Thrawn al suo comando, minacciava la riconquista dei sistemi unitisi sotto la repubblica, cosa che fu scongiurata, anche, dall’assassinio dell’ammiraglio da parte di una delle sue guardie del corpo, la cui specie, a lungo schiava degli imperiali, capì i vantaggi che avrebbe ottenuto ribellandosi per passare dall’altra parte, una specie, i Noghri, convinta all’intervento dalla senatrice Leia Organa.

Private di Thrawn, le rimanenze imperiali non riuscirono a riconquistare la Nuova Repubblica anche a causa del tradimento di Mara Jade, assassina precedentemente addestrata dall’Imperatore Palpatine medesimo, essa rivelò l’ubicazione delle camere di clonazione con le quali gli imperiali creavano il loro esercito, permettendo ai repubblicani di distruggerle, e le forze militari dell’Impero si ritirarono alfine nei loro settori, ciononostante la minaccia ancora non era terminata.

Prevedendo la possibilità della propria morte, Palpatine aveva provveduto alla creazione di numerosi suoi cloni, e usando i suoi poteri della Forza, aveva trasferito il proprio spirito a uno di questi, risorgendo di fatto sul pianeta/fortezza Byss, una roccaforte Sith nascosta a gran parte degli stessi quadri imperiali, li Palpatine aveva radunato forze in grado di servirlo meglio degli uomini, forze impossibilitate a tradire, forze composte da automi.

Risorto, Palpatine ordinò alle sue forze di attaccare la capitale della Repubblica, Coruscant, che le sue truppe riuscirono a danneggiare in modo notevole, fu poi la volta di Mon Calamari, cui fece pagare il tradimento inviandovi i Devastatori di Mondi, immense stazioni da battaglia fortificate, praticamente inattaccabili, in grado d’assorbire ogni genere di materia o energia per convertirli in materie prime con cui forgiare, in automatico, le nuove forze dell’impero Sith: orde di droidi da battaglia, caccia spaziali pilotati da droidi, un’armata dal potenziale immenso.

Sconfitta su Calamari, la Repubblica fu salvata quando il potere degli Jedi portò infine la morte a Darth Sidious sul pianeta/fortezza di Byss, li Luke Skywalker, che poi si sposò con Mara Jade, riuscì a recuperare le memorie storiche e le tradizioni dei Jedi, sottratte dai Sith ai custodi durante la brutale purga imperiale seguita alla distruzione del tempio di Coruscant e all’esecuzione dell’Ordine 66, grazie a quel tesoro di conoscenze, egli poté fondare un nuovo tempio Jedi sul remoto pianeta di Yavin 4, il luogo dove la prima Morte Nera era stata distrutta dando di fatto il via alla caduta dell’Impero dei Sith.

Dopo un breve periodo di tranquillità, durante il quale i Jedi tornarono, almeno in parte, ad essere i custodi della pace e dell’equilibrio nella Repubblica, cominciò la grande invasione degli Yuuzhan Vong, una specie aliena giunta dallo spazio esterno, a lungo raminga, e proveniente da un’altra galassia.

Società violenta e barbarica, gli Yuuzhan Vong disprezzavano la tecnologia sostituendola in toto con apparecchiature sconosciute, di origine biotecnologica, macchine viventi; ferventi e violenti fanatici, avevano distrutto tutta la loro grande galassia in una guerra ormai quasi del tutto dimenticata, partendo alla ricerca di nuovi mondi da colonizzare su vascelli spaziali formati da ciò che rimaneva dei loro domini originari, frammenti di pianeti divenuti le navi-mondo.

Convinti di essere eletti dei loro dèi, destinati a conquistare e purificare i mondi dagli infedeli, gli Yuuzhan Vong giunsero nella galassia della Nuova Repubblica e dell’Impero, scontrandosi a lungo soltanto con pianeti isolati, distruggendoli del tutto, rendendoli inabitabili, o schiavizzando intere popolazioni tramite biomacchine di controllo cerebrale, mondi interi caddero, più a casua delle reazioni non coordinate e della corruzione del senato repubblicano che per le capacità belliche del nemico, il flusso dei profughi divenne una piaga per la Repubblica, e della guerra vennero incolpati i Jedi, i quali, impegnatisi subito nella difesa, vennero accusati di aver attaccato per primi e, con l’autorizzazione della Repubblica, cacciati e perseguitati da una flotta di traditori fedeli agli Yuuzhan Vong, la Brigata della Pace.

Furono anni convulsi, di grandi scontri e di disperazione, lo stesso tempio Jedi su Yavin 4 venne distrutto, alla fine però, la Repubblica e l’Impero si unirono, coordinando i loro sforzi, i Jedi furono riabilitati, la Brigata della Pace distrutta, gli Yuuzhan Vong continuarono a vincere, ma ogni vittoria costava loro sempre più cara, sempre meno erano le forze che gli rimanevano per poter continuare la guerra, gli invasori riuscirono anche a conquistare e devastare la capitale repubblicana, Coruscant, ma persero moltissime forze nell’assalto, e la sorte della loro offensiva era ormai segnata: armi biochimiche in grado di paralizzare i nemici, robot assassini creati per dargli la caccia, nuove potenti navi da guerra, la Repubblica aveva avuto il tempo di preparare un contrattacco.

In breve tempo, gli Jedi scoprirono la verità dietro i falsi dèi degli Yuuzhan Vong, diffondendola e minando la volontà bellica del nemico, molti dei capi invasori avevano già perso la vita, ed entro breve tempo anche i capi supremi, militare e politico, vennero uccisi, la casta guerriera si trovò isolata, combattuta intestinamente dalla casta degli schiavi Yuuzhan Vong, in breve tempo l’offensiva fu fermata e si spense, ciononostante la Repubblica era finita, il suo prestigio minato dalla corruzione dimostrata dal senato, incapace di proteggere qualcosa oltre gli squallidi interessi locali dei singoli potentati costituenti.

Fu la fine per la Repubblica, che si sciolse per formare un nuovo organismo, differente dal precedente, la Grande Alleanza Galattica cui anche l’Impero si aggregò, un’unione politica come non se ne vedevano dai tempi della Vecchia Repubblica, ciononostante l’epoca dei disordini non era ancora finita.

In seguito infatti, i contrasti interni all’Alleanza si acuirono sfociando in una frammentazione interna che portò alla divisione in due fazioni rivali, aventi capo Coruscant e Corellia, eroi della guerra contro gli Yuuzhan Vong si schierarono da una parte o dall’altra, e in breve cominciò la guerra civile, coi negoziati di pace frustrati dalla segreta attività della signora dei Sith Lumiya, la quale ebbe talmente successo da riuscire addirittura a plagiare uno dei figli di Han Solo e Leia Organa, il Colonnello Jedi Jacen Solo, che tradì la causa del suo ordine e dell’Alleanza, rimanendo nei ranghi di Coruscant allo scopo di combattere l’insurrezione di Corellia trasformando però, allo stesso tempo, l’Alleanza Galattica in un nuovo dominio Sith, di cui egli sarebbe stato il signore col nome di Darth Caedus.

Col comando corrotto di Jacen Solo, cominciò la segregazione dei prigionieri, la repressione, a milioni i cittadini dei mondi insorti vennero imprigionati in campi di concentramento, Corellia fu sottoposta ad un blocco militare, e molte delle forze possibilmente simpatizzanti con gli insorti vennero pesantemente colpite, questo portò però altri numerosi mondi alla ribellione, Fondor, Bespin e i domini dei Bothan si unirono contro l’Alleanza Galattica, riuscendo ad infrangere l’embargo di Corellia, con la creazione della Confederazione, la guerra civile entrava nel vivo, , seppur ancora non in una vera e propria guerra totale, ambo le parti si stavano armando in previsione dello scontro, e la tensione non faceva altro che accrescersi.

Oltre al conflitto principale, vero e proprio, miriadi di altri conflitti, frutti di desideri di vendetta e di rivalità mai sopite fra le migliaia di pianeti della galassia, scoppiarono aggravando ancor di più la situazione, nel frattempo l’Alleanza Galattica divenne di fatto un Dumvirato sotto il comando del Colonnello Jacen Solo e dell’Ammiraglio Mon Calamari Cha Niathal, cosa che portò ad un allontanamento della possibilità di accordi di pace, l’ordine Jedi aveva però nel frattempo scoperto la caduta di Jacen nel Lato Oscuro della Forza e, fra le battaglie di Kuat e Kashyyyk, i cavalieri abbandonarono l’Alleanza Galattica formando una terza parte, la Coalizione Jedi, il cui scopo divenne quello di fermare Jacen Solo per porre pacificamente fine al conflitto intestino, Mara Jade stessa tentò di fermare il nipote combattendo con lui, ma Darth Caedus, seppur sconfitto, riuscì ad ucciderla usando l’inganno; informato della morte della moglie, Luke Skywalker raggiunse Lumiya e riuscì ad ucciderla in duello, decapitandola.

Da quel momento, il passaggio dei Jedi dalla parte della Confederazione al fine di sconfiggere i Sith a capo dell’Alleanza Galattica, mise in difficoltà le forze di Darth Caedus, sempre più popoli si unirono contro i Sith, e Jacen Solo, per mantenere il potere della sua fazione accentrò tutto il potenziale militare trovando l’alleanza dei corrotti Moff imperiali, nonostante ciò , la Jedi ribelle Alema Rar, alleata di Jacen che in passato gli aveva salvato la vita, venne sconfitta e uccisa in combattimento da Jagged Fel, un pilota molto valoroso, alleato ai Jedi dai tempi della guerra contro gli Yuuzhan Vong, inoltre in occasione della battaglia di Fondor, vista la brutalità gratuita di Caedus, lo stesso Ammiraglio Cha Niathal tentò di destituire Jacen dal comando, e il Grande Ammiraglio imperiale Gilad Pellaeon, fin dalla battaglia di Endor uno dei più importanti quadri del settore imperiale, ordinò alle sue forze di sospendere l’attacco al pianeta per schierarsi contro il signore dei Sith.

Per il suo “tradimento”, Gilad Pellaeon fu assassinato per ordine di Caedus e per il tradimento dei Moff, ciononostante forze imperiali si schierarono contro il signore dei Sith collaborando con l’Ammiraglio Cha Niathal, che pure, tradendo il governo ormai soggiogato di Coruscant, utilizzò Fondor come base per una nuova Alleanza Galattica, infine, sempre più isolato, Darth Caedus si rese conto di aver sbagliato ad allearsi agli spregevoli Moff imperiali, e, in duello con la sorella Jedi Jaina Solo, si lasciò alla fine uccidere, i corrotti Moff furono ricondotti all’ordine con la nomina di un nuovo Imperatore, Jagged Fel, mentre l’Ammiraglio imperiale Natasi Daala divenne il nuovo capo dell’Alleanza Galattica, la quale si riconciliò alfine con la Confederazione, da questo periodo in poi, per ottant’anni, i conflitti si ridussero a fenomeni molto più limitati, e finalmente una relativa pace tornò, dopo molto tempo, a regnare sulla galassia.

Questi sono i tempi attuali, la Grande Alleanza Galattica è attualmente un’unione politica che domina gran parte della galassia, ciononostante molti, negli anelli esterni, sono ancora i sistemi indipendenti, le zone di frontiera sono molto estese, e ancor di più lo sono quelle, molto più lontane, delle “regioni sconosciute”, i Jedi hanno rifondato il loro tempio su Coruscant, e un’accademia su Ossus, ma allo stesso tempo hanno ormai perso gran parte del loro prestigio, mentre una nuova carica ha fatto la sua comparsa, i Cavalieri dell’Impero, seguaci come i Jedi del lato chiaro della Forza, essi sono fedeli solo alla nuova famiglia imperiale dei Fel, che servono con grande devozione.

Spoiler:  
Topic di Servizio, anche se ancora un po' scarno: http://www.dragonslair.it/forum/threads/55053-Topic-organizzativo.

Progressivamente, aggiungerò l'introduzione per ciascun personaggio, in spoiler.

Uthuk Seenzikat Uaat:

Spoiler:  
Finalmente, dopo alcune ore di viaggio, il pilota automatico della nave emette un segnale forte e chiaro, l’asteroide M127 è ormai vicino, e i sistemi di tracciamento della rotta stanno per spegnere il motore hyperdrive, l’apparecchiatura che permette di viaggiare nell’Iperspazio, una dimensione che è possibile attraversare per spostarsi rapidamente attraverso la galassia.

Era ora, la monotonia della non azione ti aveva stancato già da un po’, finalmente ti riscuoti dai tuoi pensieri, tornando a prestare attenzione ai comandi; l’abitacolo della tua nave, la Dente, non è propriamente confortevole, non era stato progettato per quelli come te, un tempo ciò che stai guidando era un veicolo per umani, una nave di sorveglianza e pattugliamento nelle regioni interne della galassia, poi, quando fu posto in smantellamento, XT-95 fu messo in vendita sul mercato nero, e acquistato dai suoi precedenti padroni, quelli da cui l’hai “ereditato”.

Nel corso del tempo, hai dovuto fare dei lavori per adattare la nave alle tue esigenze, l’hai modificata e fatta modificare per renderla compatibile alla tua specie, le hai anche dato un nuovo nome, Dente, una parola che per te ha un forte significato, per un istante fremi per la rabbia abbandonandoti ai ricordi, ma subito dopo lo spegnimento dell’hyperdrive ti riporta alla realtà, i colori violetti e bluastri dell’iperspazio scompaiono improvvisamente lasciando nuovamente spazio all’oscurità del vuoto e alla luce delle stelle, non molto distante dalla Dente puoi vedere un brullo, butterato asteroide solitario, la tua destinazione.

Sai poco di M127, a parte che si tratta di un posto in cui non dovrebbero farti storie, è un avamposto di frontiera, per cui ottenere i permessi di atterraggio non dovrebbe essere affatto complicato. Le tue fonti ti hanno detto che ciò che al momento stai cercando si trova in questo posto sperduto. Non c’è altro da fare che sperare sia vero.

Mentre preindi in mano i comandi dirigendo la Dente verso l’asteroide, i sistemi di rilevamento ti segnalano che un radio-faro ha intercettato la tua nave, e ti sta ora guidando verso gli hangar d’atterraggio, il sistema di comunicazione si accende, e una voce ti fa alcune brevi, semplici domande in Basic, la lingua più comune della galassia.

Vi abbiamo sui nostri schermi. Prima d’atterrare, dichiarare nome della nave e periodo di permanenza.

Karka Fen:

Spoiler:  
Giocherellando a tratti col bicchiere, stai sorseggiando uno squisito Raskjr, un alcolico prodotto dalla fermentazione di alghe del pianeta Kamino e radici del pianeta Duro. Sembri rilassato, ma i tuoi sensi sono tutti all’erta. Non si sa mai, qualcuno potrebbe starti dando la caccia, dopo l’ultimo lavoro su Bespin.

Per questo sei qui, avevi bisogno di un posto tranquillo dove riposare aspettando che si calmino le acque, e M127 era abbastanza sperduto, lontano e piccolo, qui ti sarà facile controllare chiunque arrivi, e fare attenzione alle facce nuove.

Dietro il bancone, Kaellus sta versando da bere con fare bonario, quel maledetto advosziano sembra essere gioviale come il più amichevole degli osti, ma tu, come molti altri nel bar, sapete degli omicidi e dei loschi traffici cui ha dovuto occuparsi per arrivare alla sua attuale posizione. Tutto su M127 è suo, e lui segue l’attività lavorando come barista, parlando con chiunque arrivi e raccogliendo, “amichevolmente”, voci su possibili “affari” in tutta la galassia. E’ un signore del crimine apparentemente in pensione, ma sai che non è da lui che potrebbe giungerti la principale minaccia.

Colui che invece più ti desta sospetti, è appena entrato nel bar, lo osservi avvicinarsi al bancone e ordinare un piatto di Vrila, una ricetta tipica di Kashyyyk, a base di cavoli e carne. Un umano. Sei abituato a vederne negli anelli interni dove in genere operi, ma qui, su M127… la sua sola presenza è sospetta, tanto più che hai saputo egli viaggia come passeggero. Non ha una nave sua, è arrivato caricato da altri, i quali per di più sono ripartiti.

Stai osservando lo straniero, quando attraverso le finestre vedi una grossa nave da carico atterrare negli hangar di M127. Strano mezzo per il viaggio nello spazio, sembra più decorato come un palazzo nobiliare che progettato per essere un’astronave. Tanta ostentazione della ricchezza e cattivo gusto si possono riscontrare soltanto in poche specie nella galassia, e una su tutte ti viene in mente: Hutt.

Nabbo lo Hutt:

Spoiler:  
L’asteroide M127. Uno squallido buco assolutamente indegno della tua persona, pensi osservando il paesaggio butterato e lunare dai monitor, la mano destra corre quasi istintivamente fino alla ciotola dove tieni gli anfibi di cui sei ghiotto, ne afferri uno e, con una rapidità sorprendente per un essere della tua mole, lo addenti godendoti i suoi disperati tentativi di fuga mentre i denti lo smembrano, il liquido caldo e saporito comincia a colarti giù per la gola.

Ai piedi del tuo comodo trono, Selina si agita nel sonno. Ti è costata cara questa schiava, ma ogni volta che ti fai soddisfare dalle sue arti, è come raggiungere il paradiso.

Fuori dalle tue camere, i guerrieri gamorreani vegliano sul tuo riposo, mentre l’equipaggio della tua nave manovra per atterrare negli hangar della stazione spaziale di M127. Conosci ormai bene il posto, un punto di sosta obbligato nei tuoi viaggi dagli anelli esterni alle regioni sconosciute, qui la nave fa rifornimento, ed è possibile occuparsi del carico.

Maledetti taloriani. Rozzi, primitivi selvaggi. Talòr, il loro patetico mondo, sarebbe del tutto inutile se non fosse per le loro ottime capacità di lavoratori. I tuoi uomini hanno fatto buona caccia stavolta, almeno una quarantina di prigionieri, almeno una quarantina di futuri schiavi. Gli idioti credevano i tuoi fossero delle divinità, lo fanno sempre, e la cosa rende molto facile la cattura. Peccato che, come al solito, almeno un paio di loro saranno morti durante il trasporto.

Una sonora vibrazione ti fa capire che la nave è atterrata, il pilota ci è andato più pesante del solito stavolta, dovrai fargli dare un paio di frustate, pensi rapidamente. Ma non è questo il momento. Quel b@st@rdo di Kaellus ha avuto proprio una buona idea quando ha acquistato M127, una miniera metallifera esaurita da trasformare in un porto franco per contrabbandieri, schiavisti e pirati. La nave dovrà stare ferma per un po’, per le operazioni di manutenzione, alimentazione e gestione della “merce”.

Tanto vale vedere se Kaellus vuole comprare qualche schiavo fresco, pensi. Avrai però bisogno del tuo droide interprete, Swego. E’ giunto il momento di muoversi, gli affari sono affari.

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 35
  • Created
  • Last Reply

Nabbo lo Hutt

Spoiler:  
"Dra-bog Kaellus, har gron di sfarfar? Un drogusta for digan sfit i titridas of did optimum, dur, gore it tu riki... Ah, ah, ah!! Gore it wastie do tu e dasavagergu..."

"Come va Kaellus, vuoi un paio di nuovi schiavi? A questo giro sono riuscito a catturarne degli ottimi esemplari, forti, perfetti per le tue miniere... Ah, ah, ah!! Perfetti per qualsiasi uso te ne voglia fare..."

@ Sado-Master

Spoiler:  
Fa' pure tutti i tiri che vuoi su raggirare o quello che ti sembra più adatto, forse persuadere, se c'è...
Link to comment
Share on other sites

Nabbo lo Hutt:

Spoiler:  
Dopo alcuni minuti, le porte delle tue stanze si aprono, e Swego il droide ti raggiunge, accompagnato da otto delle guardie gamorreane, rimani incantato osservando i loro verdastri grugni suini, poche specie nel cosmo hanno un aspetto altrettanto affascinante e marziale.

La pattuglia ti accompagnerà all’interno, assieme ai portantini e ad un paio delle tue bamboline personali, è sempre bene far una buona impressione sui villici, sempre sperando, certo, che ne valga la pena. In passato Kaellus, il proprietario del porto spaziale di M127, ha comprato alcuni schiavi taloriani per i restauri della miniera che un tempo questo buco puzzolente era.

Che assoluta genialità imprenditoriale, quel Kaellus, pensi preparandoti a scendere dalla nave, comprare un’intera miniera esaurita e trasformarla in un porto franco a pagamento.

L’improvvisa messa in funzione dei meccanismi di abbassamento del trono ti riportano la mente al presente, un’intera sezione del pavimento si stacca e scorre lateralmente, mentre tu e i tuoi servitori venite calati al suolo attraverso un’apertura pensata per le manovre di caricamento/scaricamento delle merci, in pochi secondi tutto il tuo trono è a terra, e altre due guardie gamorreane fanno la loro comparsa dal vero e proprio portello d’uscita, scortando quattro schiavi wookie, questi vengono spinti fino al tuo trono, che, come al solito, devono sollevare e trasportare dove tu, attraverso la mediazione di Swego, gli ordini.

E’ così che il tuo gruppo di sbarco è al completo: quattro schiavi-portantini wookie, dieci guardie gamorreane, al cui comando sta il tuo più fido mercenario, Gnawg, poi le schiave sessuali Selina e Leyyyria, e infine il tuo droide interprete, Swego.

aorcracakoorcaoraaowo ahan akooccwowhaowo whrarhrhoo wwahwhoo raan anoooaraanwo waah orrawoananhucc, caohuakahwaah rascscraccah waah akwoanoo akhuanoaahoocoo. (Trasportate il possente Nabbo fino al locale di Kaelluss, stup1d1 ammassi di pelo pulcioso.), ordina bruscamente Swego ai wookie, che iniziano ad avanzare goffamente nverso il bar della stazione spaziale.

Mentre avanzi verso il locale di Kaellus, sgranocchiando un altro anfibio ed accarezzando bramosamente le forme, toniche e tornite, di Leyyyria, ti guardi pigramente attorno: il grande hangar è stato ricavato in un magazzino interrato dove il minerale estratto veniva accumulato e stivato, il locale è di proporzioni molto grandi, tanto che ben nove navi vi sono ancorate al momento, la tua è, però, la più grande di tutte, noti con orgoglio.

Nyaiiir Faorengusss akatchka!, afferma una voce femminile dagli altoparlanti, e tu d’istinto rivolgi il tuo guardo a Swego, che si avvicina traducendo: Astronave Faorengus, abbandonare gli ormeggi e decollare immediatamente.

Dietro di voi, un piccolo cargo mercantile si alza dal suolo e, virando lentamente grazie agli stabilizzatori gravitazionali, prende velocità uscendo dagli hangar, in pochi secondi raggiunge la barriera d’energia azzurrina che permette all’aria respirabile di non esser risucchiata all’esterno, impedendo al vuoto cosmico d’invadere i locali, in un istante la Faorengus è fuori dall’hangar, e si allontana prendendo quota.

Poco dopo, raggiungete le porte del bar di Kaellus, e gli wookie ti trasportano all’interno, fermandosi subito di fronte al bancone appena Swego li apostrofa: Wwworcscraaowohoah rawawoccoo, rhwocaoahwo akrcahscahaoahhowo (Fermatevi adesso, bestie primitive.).

Nabbo lo Hutt

"Dra-bog Kaellus, har gron di sfarfar? Un drogusta for digan sfit i titridas of did optimum, dur, gore it tu riki... Ah, ah, ah!! Gore it wastie do tu e dasavagergu..."

dici a Kaellus, senza minimamente degnare gli altri avventori, un Bothan seduto ad uno dei tavoli, e un Umano che, al bancone, sta cenando.

Swego si avvicina, e subito traduce:

"Come va Kaellus, vuoi un paio di nuovi schiavi? A questo giro sono riuscito a catturarne degli ottimi esemplari, forti, perfetti per le tue miniere... Ah, ah, ah!! Perfetti per qualsiasi uso te ne voglia fare..."

Cosa mi hai portato, Nabbo?, chiede Kaellus parlando in Basic, perchè non dici a qualcuno dei tuoi di portarmi un po' di merce da vedere, eh? Nel frattempo, potrei farti portare qualcosa da bere.; quasi contemporaneamente, Swego traduce, riportandoti in huttese le parole del signorotto locale, sai che Kaellus non è un semplice oste, è un signore del crimine, uno squalo, come te. Meglio non abbassare mai la guardia.

Karka Fen:

Spoiler:  
Stai rimuginando pensando al da farsi, se assecondare i tuoi sospetti o meno, quando un nuovo spettacolo ti distrae, a quanto pare avevi indovinato, un obeso Hutt, ancor più sovrappeso rispetto agli altri della sua specie, è stato appena scaricato con tutta la sua corte dal vascello, e si sta dirigendo verso il bar.

Ti pare di conoscerlo, o almeno hai sentito parlare di lui. Un opulento trafficante di schiavi attivo fra la frontiera e le regioni sconosciute, Nabbo ti pare si chiami. Pochi minuti dopo, quattro poveri schiavi wookie trascinano dentro il locale il trono dello Hutt, dieci guardie gamorreane ed un droide interprete lo circondano, mentre due schiave, femmine, sono accoccolate sul suo trono, Nabbo ne sta accarezzando una in modo quasi morboso, ma per il resto tutta la sua attenzione è rivolta a Kaellus, col quale comincia a parlare d’affari.

Noti che l’umano non si volta neppure, degnando l’intero gruppo di nuovi arrivati di una sola, rapida occhiata di profilo, molto discreta, sicuramente, pensi, ha appena preso nota di qualunque cosa abbia appena visto, facendo gli stessi calcoli che hai fatto tu, ma ha fatto anche il possibile per non darlo a vedere.

Poco dopo, dalle porte entra anche un aqualish, ma non pare sia collegato ai restanti avventori, si avvicina al bancone ordinando qualcosa da mangiare, da portare in appartamento, dopodiché si siede ed attende, tranquillo.

Uthuk Seenzikat Uaat:

Spoiler:  
Attendere XT-500, risponde la voce dei portuali, nave mercantile in transito, in uscita dal porto. Rimanete nell’attuale posizione fino a nuovo ordine.

Fermi l’avanzata della Dente rimanendo in attesa, e dagli hangar ormai in vista scorgi uscire un piccolo cargo mercantile, che prende rapidamente quota e si allontana dirigendosi verso lo spazio profondo, dopodiché il sistema di comunicazione si riattiva, e senti nuovamente la voce del personale darti indicazioni: Potete procedere.

Riattivi i propulsori della Dente, avvicinandoti alla superficie dell’asteroide, hai l’ingresso dell’hangar davanti a te, ora, puoi già vedere la luce azzurrina del campo energetico che isola i locali interni, tenendo fuori il vuoto e l’aria respirabile all’interno, gli attracchi si trovano all’interno di una grande struttura in buona parte interrata, e ai suoi lati vedi, chiaramente, due pesanti batterie puntate sulla tua nave.

Si tratta di armi pesanti, per quanto antiquate, adatte ad una nave da guerra di grossa stazza e probabilmente acquistate dallo smantellamento di un’unità di vecchio stampo, a quanto pare i difensori della stazione spaziale non hanno alcuna intenzione di farsi cogliere di sorpresa.

Pochi secondi dopo la Dente attraversa il campo energetico ed atterra negli hangar di M127, noti altre due batterie all’interno, sulla parete di fondo. Ti terranno sotto tiro finché non sarai sceso dalla tua nave. I proprietari del porto sono prudenti a quanto pare. Prudenti, e pericolosi.

Atterrato in una sezione libera degli hangar, spegni i motori ed i sistemi della nave, preparandoti a scendere.

All’altro capo dell’hangar, vedi le luci di un bar, per il resto ci sono diverse porte lungo le pareti della struttura, droidi e personale impegnati a lavorare sui vari vascelli attraccati.

Link to comment
Share on other sites

Uthuk Seenzikat Uaat:

Spoiler:  
un istante prima di scendere mi metto il mio impermeabile mettendo il cappuccio e chiudendo i bottoni , mi diriggo a passo lento verso il bar guardandomi intorno . Una volta arrivato al bar mi siedo in disparte al bancone , a voce bassa :"qualcosa di fresco e analcolico...." godendomi la bevanda osservo il locale senza dare nell'occhio , facendo attenzione a tutto e tutti .
Link to comment
Share on other sites

Nabbo lo Hutt

Spoiler:  
A Demian
Spoiler:  
Senti è bello l'Huttese, ma è peso da scrivere soprattutto con lunghi dialoghi giacchè non lo scrivo pigiando tasti a caso... quindi oggi sospendo e scrivo tutto direttamente... ok?

Kaellus, mi sento insolitamente buono oggi e per dimostrarti la mia amicizia e fratellanza ti lascerò scegliere personalmente gli schiavi che preferirai... e, rivolgendomi torcendo leggermente la testa verso Swego urlo: "Portate tutto il carico!" - e aggiungo sottovoce in modo tale che Kaellus non possa sentirmi, ma Swego sì - "Puliteli e rendeteli ben presentabili" sottintendendo che dovranno essere venduti e che quindi dovranno essere pronti nel più breve tempo possibile, e la mia servitù sa bene che se i miei ordini non saranno prontamente soddisfatti scateneranno punizioni terribili... nel frattempo per stemperare la fatica appena fatta continuo a sgranocchiare i miei animaletti preferiti e faccio scorrere con attenzione e cautela, quindi senza farmi scorgere da Kaellus in particolare, i miei furbi occhioni da lumacona, su tutta la sala...

Link to comment
Share on other sites

Che schifo che mi fanno gli hutt, schifosi lumaconi gonfi di lardo e Mergvda che ingurgitano, solo l' odore della loro pelle mi fa vomitare

Caxxç! se solo potessi aver denaro per comprarmi una delle sue stanghe non ci penserei due volte...

Poi guardo il banco, mi copro il capo col mio cappello nero e lascio il mio conto per la buona bevanda sul banco, poi con naturalezza, tentando di non dare nell' occhio mi avvio verso l' uscio per lasciare quel posto che mi sta iniziando a puzzare da gasteropode.

Sull' uscio osservo la lussuosa nave che se ne sta andando e mi avvio verso la mia dolce carretta spaziale.

Link to comment
Share on other sites

Mentre Nabbo lo Hutt e Kaellus stanno parlando di affari, trattando la compravendita di schiavi, le porte metalliche che danno sugli hangar si aprono nuovamente, lasciando entrare un whiphid, la creatura è ancor più grossa dei suoi simili, alta almeno tre metri, e sfiora il soffitto con la testa, il nuovo venuto avanza lentamente mentre le porte si richiudono dietro di lui, porta delle armi primitive, tipiche della sua e di alcune altre specie della galassia, è però evidente che si tratta di un esemplare anomalo, il suo abito è stato fatto su misura, un tessuto impermeabile, probabilmente materiale militare.

Uthuk Seenzikat Uaat si trova di fronte ad un locale abbastanza affollato, c'è uno Hutt che, assieme a tutta la sua corte, sta parlando col gestore, a parte questo gruppo consistente non ci sono però molti altri avventori: un umano che sta cenando, un bothan che beve qualcosa, alcune guardie di varie specie, e un aqualish, che pare essere in attesa. Nessuna traccia, per ora, di ciò che stai cercando, ma forse... avvicinandoti al bancone per ordinare da bere, scruti meglio l'aqualish, e ti pare di riconoscerlo, in effetti è possibile che lavori proprio per colui che ti ha spinto a venire in questo buco.

Mentre il whiphid raggiunge il bancone ed ordina una bevanda analcolica, Nabbo sta continuando a parlare d'affari con Kaellus, passando dall'huttese al basic, quando ordina a Swego di raggiungere la nave per ripulire alcuni taloriani e portarli in mostra nel bar.

Mentre il droide interprete si volta per tornare alla lussuosa nave schiavista di Nabbo, anche il bothan, che cela appena un'espressione di disgusto, si alza dopo aver terminato la sua bevanda, dirigendosi poi verso l'uscita che da sugli hangar, la porta non si è però ancora aperta, sia il bothan che il droide sono ancora alquanto distanti dai sensori... ed è una vera fortuna, per tutti quelli che sono ancora nel locale.

Improvvisamente, un leggero boato giunge dagli hangar, come se qualcosa fosse esploso in profondità, e di colpo c'è un'interruzione nella corrente dei sistemi elettronici, le luci si spengono, loro ed ogni altra cosa. Non più alimentato, il campo d'energia che proteggeva l'hangar dallo spazio esterno svanisce, e il vuoto penetra nei locali, risucchiando all'esterno tutta l'aria, e con essa casse, suppellettili... e persone.

Nella penombra, Nabbo vede, attraverso i vetri delle finestre, due delle sue guardie gamorreane, e Frjca, una delle sue schiave sessuali, venire strappate via dalla piattaforma d'atterraggio della nave, e lanciate, senza speranza, nello spazio esterno.

Fortunatamente, le porte e le pesanti finestre di cristallo reggono al brusco cambiamento di pressione, anche se per tutti quelli che si trovavano nell'hangar non c'è ormai più nulla da fare.

Pochi secondi dopo, tenui luci d'emergenza si accendono illuminando il bar in una tetra penombra, ma, cosa ancor più importante, il sistema di circolazione dell'aria riprende a funzionare, seppur le ventole del locale siano tutt'ora immobili.

Che diavolo è successo?, grida Kaellus in un misto di rabbia ed angoscia, molte delle persone morte nell'hangar lavoravano per lui, le conosceva... e soprattutto avevano con sè strumenti di lavoro pagati da lui. Il proprietario del porto franco non è però l'unico a non capire come tutto ciò sia potuto accadere, sguardi impauriti e mormorii in preda al panico cominciano a serpeggiare nella sala.

Link to comment
Share on other sites

Uthuk Seenzikat Uaat:

Spoiler:  
Mi avvicino il piu possibile a chi sta dietro al bancone senza dare nell'occhio : " ce' un altra uscita del bar oltre quella da dove sono entrato.... " parlando pianissimo.

Intanto i miei sensi sono fissati suull'aqualish,tenendo salda la mia lancia vicino a me.

Link to comment
Share on other sites

me che cakkkio...

mi abbasso e tento di raggiungere l' hangar non appena il trambusto s' interrompe e le luci d' emergenza si attivano.

Quel boato ha squarciato lo scudo, qualcosa è successo al generatore forse...

Porca puyyana la mia nave! speriam che nulla sia successo...

Link to comment
Share on other sites

Nabbo lo Hutt

"Kaellus, ma che diavolo succede?" sbotto urlando disgustato per la perdita di quella bonazza di Frjca e inviperito per il fastidio arrecatomi - Diavolo, mi è caduto per terra il cibo, quanto mi fa infuriareeeaaarrrggghhh!!!:incavolat - "Gnawg, Gnawg! Controlla che sia tutto a posto, e comunicami che cosa è successo! In fretta!" Di scatto, nel trambusto, con una mano prendo la prima guardia più vicina che mi capita a tiro e gli ordino di controllare personalmente il carico, la nave e se qualcuno manca chi è e cosa gli è successo facendomi notare il meno possibile dagli altri avventori: "Vai! Subito! E riferisci solo a me!"

"Kaellus pretendo delle spiegazioni!" dico a Kaellus facendomi scudo con le mie guardie restanti...

Link to comment
Share on other sites

Uthuk Seenzikat Uaat:

Spoiler:  
Nella confusione, Uthuk Seenzikat Uaat si sporge leggermente verso Kaellus per non dare nell'occhio, e gli chiede se ci siano altre uscite dal locale, il barista si volta verso il whiphid, ma nel suo volto si legge soltanto lo sconcerto più totale, Kaellus è troppo sbalordito per poter dare una qualsiasi risposta, inoltre poco dopo, una prepotente voce Hutt distrae entrambi.

Kaellus, ma che diavolo succede?, grida lo Hutt, che ordina poi al suo luogotenente Gnawg d'andare a controllare la nave ed il carico, lo Hutt si volta poi nuovamente verso il proprietario del porto franco, e facendosi circondare dalle restanti guardie, grida: Kaellus pretendo delle spiegazioni.

Nella confusione, il bothan che, assieme all'androide Swego, si stava dirigendo verso l'hangar, preme il pulsante di apertura delle porte, ma queste non si muovono, rimangono chiuse. No!, grida alle sue spalle una voce che, per il suo tono elevato, attira l'attenzione anche di altri nella sala, pure Nabbo, Kaellus e Uthuk Seenzikat Uaat lo sentono, prestandogli improvvisamente attenzione, tutti si rendono conto che all'esterno del bar c'è ancora il vuoto, non è possibile raggiungere le navi, non senza delle tute di protezione.

A parlare è stato l'umano che poco prima stava cenando, ha i capelli lunghi, baffi e pizzetto, ed è accanto a Swego, stava infatti osservando l'androide, che è al momento del tutto immobile, si è bloccato camminando verso l'hangar; lo sconosciuto ha anche una pistola laser in mano, la punta a terra per non minacciare nessuno, e preme il grilletto facendolo chiaramente vedere a tutti. Dall'arma non esce però alcuno sparo, il raggio d'energia che avrebbe dovuto colpire il pavimento non appare. Fatto questo, lo sconosciuto riprende la parola: Tutto ciò che è elettronico ha smesso di funzionare. Questo non è un guasto nei generatori, solo una bomba ad impulsi elettromagnetici avrebbe potuto causare un danno di questo tipo. Non è stato un incidente, il porto è stato attaccato, e ora tutto ciò che è elettronico è stato danneggiato. Se anche raggiungessimo le navi, quelle non funzionerrebbero, almeno finchè i droidi di riparazione non abbiano sostituito i componenti distrutti. Naturalmente però, anche i droidi di riparazione saranno stati colpiti, e quindi messi fuori uso. Quindi non interverranno.

Ascoltate le parole dell'umano, Kaellus deglutisce in preda al panico, poi prende la parola: Se così stanno le cose, allora non possiamo stare qui ancora a lungo. I sistemi di riscaldamento saranno stati colpiti anche loro, entro alcune ore congeleremo, e lo stesso accadrà in ogni caso a quelli rimasti sulle navi. Senza i sistemi di purificazione dell'aria ed i sistemi di riscaldamento, a quelli che sono intrappolati nell'hangar rimangono solo alcune ore di vita.

Per Kuladan Fouryn:

Spoiler:  
Da quando avevi ricevuto il messaggio del tuo maestro Jedi, l'umano Qel Gohma, ti eri preparato alla partenza per raggiungerlo nel luogo indicato, l'asteroide M127, uno sperduto porto franco nelle regioni di frontiera della galassia, un luogo molto lontano dalle leggi e dalla giurisdizione militare dell'Alleanza Galattica.

Sei quindi salito sul tuo caccia Jedi, il Phoenix, per partire dal tempio Jedi di Coruscant, alla volta di M127, ed ora esci dall'iperspazio nei pressi della tua destinazione.

Le luci violacee e azzurrine dell'iperspazio scompaiono, lasciando il campo all'oscurità del vuoto e alle luci delle stelle, il piccolo asteroide M127 è ora in vista, c'è però qualcosa di strano, noti infatti, ferma sopra la tua destinazione, un'altra nave, troppo grossa per poter atterrare su M127, si tratta, intuisci, di una nave militare.

Mentre stai osservando la nave ferma attorno a M127, i sistemi di comunicazione del Phoenix si attivano, e il tuo astrodroide, C1-ZX, ti fa avere i suoi rilevamenti in linguaggio binario, un codice che ormai conosci molto bene, la tua mente lo traduce in automatico: Codice nave rilevato e riconosciuto. Incrociatore Voraakyan del pianeta Corellia, in forza presso la 12à flotta dell'Alleanza Galattica. ... Controllo ... Codice non corrispondente. Il database da il Voraakyan smantellato nel 116 ABY. Vero codice nave decifrato: incrociatore Zurska, nave militare del settore corporativo..

Ti stai chiedendo cosa ci faccia nella frontiera un incrociatore delle corporazioni finanziarie, quando C1-ZX rileva qualcos'altro, e te lo comunica: l'incrociatore sta emettendo un segnale di disturbo, ogni comunicazione a lungo raggio è stata disturbata nel settore. Impossibile comunicare. E' una pratica che conosci molto bene, di solito utilizzata in guerra. Qualunque cosa stia accadendo qui, non è pulita, e le corporazioni non vogliono si venga a sapere, sanno inoltre che sei qui, per cui probabilmente a breve ti attaccheranno.

Ti rendi conto, ora, di essere di fronte ad una difficile scelta: la cosa migliore da fare sarebbe tornare indietro e avvertire l'Alleanza Galattica, ma dato che tutto questo sta accadendo nella Frontiera, da questa potrebbe anche non venire alcun genere di reazione, allo stesso modo il tempio Jedi avrà bisogno del permesso dell'Alleanza per poter intervenire, come stabilito dagli accordi di pace successivi alla sconfitta di Darth Caedus, quando il trattato ha concentrato tutto il potere nelle mani dello Stato, compreso quello dei Jedi, che durante la Vecchia e la Nuova Repubblica avevano invece goduto di grande autonomia.

In altre parole, sai che su M127 ci sono molto probabilmente delle persone in pericolo, la cosa migliore da fare sarebbe tornare indietro in cerca di aiuti, i quali potrebbero però anche non venire, se invece tu atterrassi nel porto franco, non sapresti comunque se la tua presenza possa bastare ad aiutare gli "ostaggi" delle corporazioni. Potresti anche raggiungere un pianeta delle zone di frontiera, per cercare aiuti indipendenti, ma sai che molto difficilmente otterresti qualcosa.

Link to comment
Share on other sites

Uthuk Seenzikat Uaat:

Spoiler:  
e' talmente codardo che e' gia morto dentro.... vado dall'altra parte del bancone e cerco se ce' un uscita opposta del bar piccola o grande che sia. Ogni tanto mi giro,facendo finta per guardarmi intorno,in realta' tengo sott'occhio l'aqualish.
Link to comment
Share on other sites

Nabbo lo Hutt

"Kaellus, tiraci fuori da questo buco pulcioso in cui ci hai cacciato altrimenti io ti... io ti... io ti..." - ...distuggo, ti ammazzo, ti riduco a polvere, ti squarto, ti spello vivo... - minaccio Kaellus completamente fuori di me e, perdendo totalmente le staffe per la situazione quantomai incresciosa, gli punto l'indice addosso ad ogni io ti che ripeto per rendere più teatrale ed enfatica la minaccia.

Link to comment
Share on other sites

Kuladan Fouryn:

Spoiler:  
Paralizzato dall'indecisione, non sapendo come meglio reagire a quest'evento imprevisto, fai qualcosa che nessun Jedi dovrebbe mai fare: temporeggi, tentando di capire quale sia la strategia migliore, finché le trasmissioni in codice binario di C1-ZX non ti riportano alla realtà: I sistemi d'armamento dello Zurska ci stanno tracciando, la nave si sta orientando verso il Phoenix per assumere un assetto da battaglia..

Torni ad osservare l'incrociatore corporativo, e vedi che da uno dei portelli che danno sugli hangar interni è appena uscito un caccia, un vecchio modello, sicuramente meno potente del Phoenix, valuti. Ma è altrettanto sicuro che almeno altri tre o quattro verranno fatti decollare nei prossimi minuti. Inoltre, non è ancora finita. Le armi dello Zurska sono puntate sul tuo caccia, e ora fanno fuoco: usando la tua destrezza di pilota, riesci ad evitare un raggio d'energia ad alta intensità, e poco dopo anche un missile ti manca, perdendosi nel vuoto della galassia.

Credi che l'aver evitato l'attacco dello Zurska ti abbia salvato, ma ti stai sbagliando, anche il caccia appena liberato attacca infatti subito facendo fuoco coi suoi laser, due colpi diretti alla tua astronave, e il primo di essi ti colpisce. Manovrando disperatamente, C1-ZX riesce ad angolare gli scudi deflettori per assorbire la maggior parte del danno, ma la manovra non è sufficiente, il campo d'energia protettiva che avrebbe dovuto farti da scudo viene sfondato dalla forza del colpo, sparato con estrema precisione, la tua nave è colpita, e senti il forte tremito di un'esplosione dietro di te.

Ti volti per controllare i danni, e rimani inorridito, C1-ZX è stato colpito, e ora di lui non rimane altro che un mucchio di rottami, metallo e plastica anneriti e fusi dal calore. Inoltre non è tutto, ti rendi conto tornando a concentrarti sulla guida: non hai più gli scudi deflettori, la forza del colpo ha sovraccaricato i generatori, che sono andati in corto circuito. La tua nave è priva di difese, basterebbe un altro colpo come quello di prima per schiantarla.

Le possibilità a tua disposizione si sono ridotte, te ne rendi perfettamente conto. Non puoi più lasciare la zona per andare in cerca d'aiuti, il sistema ha bisogno di tempo per tracciare una rotta nell'iperspazio, verresti distrutto. Puoi tentare una manovra evasiva e dirigerti verso l'asteroide, ma anche così verresti bersagliato dai nemici almeno un'altra volta.

Spoiler:  
Beh, Jedi, questa è proprio sfortuna, un critico con 20 naturale. 1 colpo solo, ma ti ha preso parecchio bene, e con effetto percentuale "uccisione di un membro dell'equipaggio".

Tutti gli altri:

Uthuk Seenzikat Uaat aggira il bancone e comincia a infilarsi, a fatica, nella porta che vi sta dietro, più piccola della sua massiccia mole, Kaellus tenta però di fermarlo: Fermo, quella è la mia casa, non c'è alcun passaggio li. C'è un passaggio per gli appartamenti nelle miniere, ma non è li. Si trova nei magazzini dei viveri, però... è ad apertura elettrica, sarà bloccato come tutto il resto. Bisognerà lavorarci per aprirlo..

Le parole di Kaellus sono state udite anche da molti degli altri presenti nel bar.

Link to comment
Share on other sites

Kuladan Fouryn:

Spoiler:  
Nonostante i colpi delle navi corporative abbiano già pesantemente colpito e danneggiato il Phoenix, la paura che sta iniziando a serpeggiare in te rallenta troppo le tue reazioni, riesci ad evitare i colpi dell'incrociatore, ma il caccia ti spara ancora una volta, i suoi laser colpiscono lo scafo della tua nave, e una nuova esplosione segue la precedente, molteplici spie e sirene d'allarme si accendono nell'abitacolo, avvertendoti della condizione d'emergenza, la struttura della tua nave sta per cedere.

Finalmente ti decidi ad agire, spingendo i motori del Phoenix al massimo e scendendo in picchiata verso l'asteroide, lo Zurska tenta di fermarti con un fuoco di sbarramento, ma riesci ad evitare i suoi colpi, il caccia invece ti tallona senza lasciarti un attimo, e ancora una volta spara, ti rendi conto che è la fine.

Il laser si dirige con precisione verso la tua nave, colpendola e facendola esplodere, le fiamme circondano il Phoenix che, a questo punto, precipita privo di controllo, poco prima di perdere la vita schiacci il pulsante d'espulsione, e l'abitacolo del caccia viene sparato via come una capsula di salvataggio monoposto.

Prendendo i controlli della capsula, con la forza della disperazione riesci a rallentarne la corsa evitando di schiantarti mortalmente sull'asteroide, vedi però quanto rimane del Phoenix proseguire avvolto dalle fiamme, fino all'impatto col suolo, quella che per anni è stata la tua nave è appena andata in frantumi.

Grazie alle tue doti di pilota, riesci a correggere la rotta della capsula di salvataggio, devi trovare un punto in cui atterrare, ti accorgi però che il caccia corporativo non ti ha ancora mollato. Accortosi che ti sei salvato all'ultimo, il pilota nemico sta virando per tornare a bersagliarti, e non hai alcuna arma che possa difenderti. Il b@st@rdo è determinato ad eliminarti, e noti che altri due caccia sono stati rilasciati dallo Zurska, entrambi si stanno dirigendo verso l'asteroide per darti la caccia.

Se resterai allo scoperto, la fine della tua vita sarà senza dubbio una questione di secondi, devi rifugiarti da qualche parte, più avanti vedi il buio ingresso di quelli che sembrano essere degli hangar d'atterraggio abbandonati.

Link to comment
Share on other sites

Kuladan Fouryn:

Questa non ci voleva, C1-ZX è distrutto, e la nave è andata...... Ho una sola possibilità di salvarmi e aiutare poi gli abitanti dell'asteroide M127: un atterraggio d' emergenza. Dopo aver riflettuto brevemente, mi dirigo rapidamente verso l' asteroide, su cui spero di atterrare sano e salvo, o almeno tutto intero.

Link to comment
Share on other sites

Nabbo lo Hutt

Frustrato dall'incresciosa situazione difficile da risolvere a mio favore, chiamo tutte le guardie attorno a me e dico loro: "Seguite le istruzioni di quel farabbutto di Kaellus e aprite quella f*ttut@ porta che ci tiene bloccati qua a marcire..."

"...E voi - rivolgendomi poi ai miei portatori wookie - stupidi schiavi pelosi portatemi da bere e da mangiare che ho fame!"

Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.