Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Con Me nella Tomba: Il Gioco di Taffo

La Taffo e MS Edizioni hanno realizzato un Gioco da Tavolo con un'unica Regola: dovrai giurare di portare quel Segreto Con Te nella Tomba!

Read more...

Cosa c'è di Nuovo su Kickstarter: Red Giant e Thurian Adventures

Andiamo a scoprire assieme le novità in campo GdR attive in questi giorni su Kickstarter.

Read more...

Avventure Investigative #8: Un Tocco di Spoiler

D&D può essere usato per creare delle avventure investigative interessanti? Eccovi l'ottavo articolo di una serie in cui espongo le mie idee in merito.

Read more...

Sondaggio sugli Incantesimi

I giocatori di D&D 5E sono chiamati a fornire la loro opinione sugli incantesimi del Manuale del Giocatore.

Read more...

West Marches: Creare la Vostra Campagna

Dopo una lunga pausa torniamo a parlare di West Marches: dopo aver visto come era organizzata la campagna di Ben Robbins, creatore originale di questo stile di gioco, vedremo come poterne creare una nostra ed imparare a gestirla.

Read more...

Evocazione di una creatura


Alex Andrew
 Share

Recommended Posts

[n.b. Non sono domande regolistiche, più che altro invece ruolistiche]

Mi sono sempre posto questi quesiti: come interpretate il fatto che si evochi una creatura? Un baatezu passeggia tranquillo per i fatti suoi, sul suo piano, o magari è alle prese con problemi intestinali, e si ritrova catapultato accanto a un incantatore, per aiutarlo a combattere? Ma ne avrà voglia o no? E sarà ancora senziente, o solo un burattino nelle mani dell'incantatore (visto che in incantesimi come Portale, l'evocato deve rispettare l'ordine)? E se il compito, ruolisticamente, non fosse sulla stessa linea di pensiero dell'allineamento dell'evocato?

Scusate le saghe mentali, cambierò pusher :lol:

[p.s. anche se le domande suonano umoristiche, si pone comunque il problema]

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 8
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Popular Days

Top Posters In This Topic

[n.b. Non sono domande regolistiche, più che altro invece ruolistiche]

Mi sono sempre posto questi quesiti: come interpretate il fatto che si evochi una creatura? Un baatezu passeggia tranquillo per i fatti suoi, sul suo piano, o magari è alle prese con problemi intestinali, e si ritrova catapultato accanto a un incantatore, per aiutarlo a combattere? Ma ne avrà voglia o no? E sarà ancora senziente, o solo un burattino nelle mani dell'incantatore (visto che in incantesimi come Portale, l'evocato deve rispettare l'ordine)? E se il compito, ruolisticamente, non fosse sulla stessa linea di pensiero dell'allineamento dell'evocato?

Scusate le saghe mentali, cambierò pusher :lol:

[p.s. anche se le domande suonano umoristiche, si pone comunque il problema]

molto semplicisticamente credo che l'incantesimo di evocazione faccia in modo che la creatura evocata sia sotto il controllo dell'incantatore.... come parte dell'incantesimo o copme lanciare dominazione su un'umano. per questo le evocazioni sono le spell forse più potenti del gioco

Link to comment
Share on other sites

per questo le evocazioni sono le spell forse più potenti del gioco

Su questo ho i miei dubbi...nel round in cui casti possono attaccarti e farti perdere l'incantesimo per dirne una...comunque...

[n.b. Non sono domande regolistiche, più che altro invece ruolistiche]

Mi sono sempre posto questi quesiti: come interpretate il fatto che si evochi una creatura? Un baatezu passeggia tranquillo per i fatti suoi, sul suo piano, o magari è alle prese con problemi intestinali, e si ritrova catapultato accanto a un incantatore, per aiutarlo a combattere? Ma ne avrà voglia o no? E sarà ancora senziente, o solo un burattino nelle mani dell'incantatore (visto che in incantesimi come Portale, l'evocato deve rispettare l'ordine)? E se il compito, ruolisticamente, non fosse sulla stessa linea di pensiero dell'allineamento dell'evocato?

Scusate le saghe mentali, cambierò pusher :lol:

[p.s. anche se le domande suonano umoristiche, si pone comunque il problema]

Allora intanto distinguiamo, le evocazioni sono di (Convocazione) e (Richiamo):

gli incantesimi evoca mostri convocano una creatura da un'altro piano. Ovvero, la creatura in questione se ne sta dov'è per i fatti suoi. Una copia magica di essa, appare sul piano materiale e combatte per l'incantatore.

Se parliamo invece di (Richiamo) sono incantesimi come Alleato planare e legame planare, dove la creatura in questione viene sì in prima persona richiamata da un'altro piano, ma in un caso deve essere pagata, e nell'altro invece viene intrappolata con l'inganno. Unica eccezione è portale, dove una creatura è costretta a combattere con l'incantatore per pochi round, ma parlaimo di un incantesimo di 9° livello che può richiamare anche le divinità

Link to comment
Share on other sites

Allora intanto distinguiamo, le evocazioni sono di (Convocazione) e (Richiamo):

gli incantesimi evoca mostri convocano una creatura da un'altro piano. Ovvero, la creatura in questione se ne sta dov'è per i fatti suoi. Una copia magica di essa, appare sul piano materiale e combatte per l'incantatore.

Se parliamo invece di (Richiamo) sono incantesimi come Alleato planare e legame planare, dove la creatura in questione viene sì in prima persona richiamata da un'altro piano, ma in un caso deve essere pagata, e nell'altro invece viene intrappolata con l'inganno. Unica eccezione è portale, dove una creatura è costretta a combattere con l'incantatore per pochi round, ma parlaimo di un incantesimo di 9° livello che può richiamare anche le divinità

*Salamelecchi*

Grazie della rapida schematizzazione, ora appare tutto più chiaro e meno forzato, per quanto riguarda le convocazioni

;-)

Link to comment
Share on other sites

Io lo ho sempre interpretato (per gli evoca mostri tanto per chiarire) come:

" Il mago muove le braccia mentre intona una strana serie di parole che gli altri non comprendono, i suoi movimenti seguono la sua voce e dopo pochi istanti la voce sembra rimbombare con se vi fossero echi o altri che parlano in diversi punti. I gesti, che prima erano perfettamente visibili ora sembrano lasciare sfocature o aloni di luce al loro passaggio. Il ritmo diventa sempre più potente e veloce fino a che la stessa aria intorno all'incantatore comincia a essere deformata come da un potente calore. Alla fine l' incantatore unisce le mani e pronuncia la parola finale che, deformando la realtà stessa, porta alla formazione di un terribile...... tasso celestiale LOL "

Quando l'incantatore apre gli occhi, che ha chiuso nella parte finale dell'incantesimo i suoi compagni scoprono con costernazione che gli occhi sono identici a quelli della creatura e che, quando parla, non pronuncia vere parole ma strani versi che ricordano il linguaggio dell'animale.

Per quanto concerne la origine della creatura evocata sono daccordissimo con quanto detto prima da Klunk

Link to comment
Share on other sites

Allora intanto distinguiamo, le evocazioni sono di (Convocazione) e (Richiamo):

gli incantesimi evoca mostri convocano una creatura da un'altro piano. Ovvero, la creatura in questione se ne sta dov'è per i fatti suoi. Una copia magica di essa, appare sul piano materiale e combatte per l'incantatore.

Inoltre su questo ci possono essere anche alcune varianti, tipo quelle riportate in Forgotten Realms.

Ad esempio, la creatura evocata è, appunto, una copia di una creatura reale, composta della materia del piano da cui si va a cercare la creatura, oppure l'incantatore stringe un legame con una (o più) creature e le richiama davvero; in questo caso, si, le creature stanno sul loro piano tranquille e beate e quando sentono il richiamo si trasferiscono (come le evocazioni di Naruto).

Ulteriore variante legata a questo secondo caso è che le creature evocate siano "specifiche", cioè che le loro caratteristiche non siano quelle medie, ma che siano state tirate coi dadi e modificate come devono (seguendo le regole della guida del DM per cambiare le caratteristiche dei mostri) e che possano anche guadagnare esperienza e quindi aumentare nei DV (o nel caso di creature intelligenti, come un Couatl, anche prendere livelli di classe). Se tali creature specifiche vengono uccise tornano al loro piano d'origine, il legame si rompe e l'incantatore non può più richiamarle, e sarà costretto a stabilire un nuovo legame con un'altra creatura della stessa specie. Ad esempio, il Couatl guerriero di 3° che Morkulippo era solito evocare viene ucciso; da allora Morkulippo dovrà evocare un nuovo Couatl con DV base.

Questo può essere parecchio simpatico, ruolisticamente, anche quando si usa un Evoca Mostri per chiamare più creature di Lv d'incantesimo più basso, così si ha ad esempio un piccolo branco di lupi immondi il cui capobranco è il lupo che si era soliti evocare quando se ne chiamava solo uno alla volta.

Link to comment
Share on other sites

Inoltre su questo ci possono essere anche alcune varianti, tipo quelle riportate in Forgotten Realms.

Ad esempio, la creatura evocata è, appunto, una copia di una creatura reale, composta della materia del piano da cui si va a cercare la creatura, oppure l'incantatore stringe un legame con una (o più) creature e le richiama davvero; in questo caso, si, le creature stanno sul loro piano tranquille e beate e quando sentono il richiamo si trasferiscono (come le evocazioni di Naruto).

Ulteriore variante legata a questo secondo caso è che le creature evocate siano "specifiche", cioè che le loro caratteristiche non siano quelle medie, ma che siano state tirate coi dadi e modificate come devono (seguendo le regole della guida del DM per cambiare le caratteristiche dei mostri) e che possano anche guadagnare esperienza e quindi aumentare nei DV (o nel caso di creature intelligenti, come un Couatl, anche prendere livelli di classe). Se tali creature specifiche vengono uccise tornano al loro piano d'origine, il legame si rompe e l'incantatore non può più richiamarle, e sarà costretto a stabilire un nuovo legame con un'altra creatura della stessa specie. Ad esempio, il Couatl guerriero di 3° che Morkulippo era solito evocare viene ucciso; da allora Morkulippo dovrà evocare un nuovo Couatl con DV base.

Questo può essere parecchio simpatico, ruolisticamente, anche quando si usa un Evoca Mostri per chiamare più creature di Lv d'incantesimo più basso, così si ha ad esempio un piccolo branco di lupi immondi il cui capobranco è il lupo che si era soliti evocare quando se ne chiamava solo uno alla volta.

Varianti molto interessanti...ma l'ultima non trascende un pò dalla potenza dell'incantesimo? cioè è come se ogni volta che tiri un dardo incantato il danno per ogni dardo diventa maggiore di uno ogni 5 volte che usi l'incantesimo....

Però una versione d&d del pokemon mette bene!

Dove sono riportate queste varianti?

Link to comment
Share on other sites

Qualcosa è sul manuale di Forgotten Realms, mi pare alla fine del capitolo che parla delle divinità e della cosmologia. Il resto non ricordo.

Comunque aumentare i DV ai mostri evocati ogni chissà quanti lanci dell'incantesimo (perché dipende anche da quanta exp il DM decide di assegnare alle creature), col rischio molto alto che vengano uccise ogni volta e quindi si debba ripartire da capo è più una cosa sfiziosa che una davvero conveniente dal punto di vista dell'aumento di potere. Per ogni 3 DV (che già sarà dura far aumentare di 1), parlando dell'evocazione media, si hanno all'incirca 15 o 18 PF in più, +2 al bonus attacco, +2/+1/+1 ai TS e se va bene +1 alla CA, il ché, comparato al GS dei nemici affrontati (molto più alto di quello di tali creature), non è niente di sbilanciante.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By Aldo1313
      Ciao a tutti cerco party per D&D 3.5 zona Verona e limitrofe !!! 
    • By Alonewolf87
      Cerco 2/3 giocatori per il mio PbF Nuove Reclute. Livello 4, regolamento 3.5, manuali concessi tutti di base (ma con eventuali singole limitazioni ad esempio no difetti da Arcani Rivelati). Al momento sono rimasti 2 giocatori (con un umano barbaro/paladino della libertà e un nano ranger con cane da galoppo come compagno animale).
      Il gruppo (appartenente ad un ordine di persone dedite ad aiutare la povera gente) è sulle tracce di un paio di necromanti/contrabbandieri di componenti derivanti da bestie e creature magiche. Dopo aver investigato sui loro traffici in una città li hanno stanati e sono ora in fuga.
      Se avete domande o curiosità sul PbF chiedete pure.
       
    • By Comicshunter
      Buongiorno a tutti,
      Come si evince dal titolo sono un nuovo iscritto, ma semplicemente perchè non trovo più le credenziali del vecchio account.
      Sono qui perché vorrei tornare a giocare e far giocare un po'.
      Quindi cerco qualche giocatore per far partire una nuova campagna qui sul forum.
      sarà una campagna 3.5 ambientata nel forgotten.
      Livello 8 di partenza.
      Manuali concessi:
      quelli base più i vari perfetti (avventuriero, sacerdote, arcanista ecc..)
      quando vi proponete, provate a pensare a un ipotetico personaggio, entro fine settimana verrà stabilito il gruppo di partenza.
      per qualsiasi altra domanda, sono a disposizione.
      Non fatevi ingannare dai pochi messaggi che ho postato, purtroppo il mio vecchio account è andato perso.
      Vi aspetto
    • By supremenerd88
      Ciao a tutti!
      Qualcuno di voi che gioca su Roll20 come ha risolto la questione di come gestire le varie forme selvatiche del druido? La soluzione di creare una scheda per ogni forma selvatica mi sembra improponibile (finchè si è sotto la decina è anche proponibile ma poi?)
      Grazie di cuore.
    • By MadLuke
      Ciao,
      sono il master della campagna D&D 3.5 Il destino dei guerrieri già avviata con ambientazione artigianale ispirata a Gengis Khan e alla Mongolia del XII sec. I personaggi sono tutti barbari (nel senso culturale del termine) appartenenti a una tribù di nomadi.
      Sono ammesse tutte le classi e varianti di qualunque pubblicazione ufficiale WotC (del ToB solo il Warblade però) ma non esistono gli incantesimi, per cui di fatto tutte le classi incantatrici non sono giocabili (ma ci sono PnG druidi e sciamani) mentre abbondano barbari (in senso regolistico), guerrieri, ranger, ladri selvaggi, ecc.
      Nella campagna sono in uso le regole opzionali descritte in Unearthed Arcane: Punti Riserva, Armature con riduzione del danno e Punti danno.
      Infine: chi volesse unirsi alla campagna deve avere ben chiaro che per me il PbF non consiste semplicemente nel mettere per iscritto le frasi che si sarebbero dette se si fosse giocato normalmente al tavolo, bensì richiede la volontà (nonché il tempo e anche la capacità) di partecipare alla stesura di un "romanzo", un romanzo senza dubbio dilettantistico, ma pur sempre un romanzo, perciò nei post ci saranno non solo le mere azioni meccaniche dei personaggi bensì descrizione dei luoghi, le atmosfere, gli stati d'animo e le suggestioni che ne possono derivare.
      Per chi ha parimenti voglia di giocare a D&D così come di scrivere, questa è la campagna giusta, diversamente non si può fare parte del gruppo.
      Essendo rimasti solo 3 PG sto cercando almeno un paio di nuovi giocatori, chi volesse proporsi dovrà giocare solo poche settimane con un personaggio elfo selvaggio già mezzo creato (l'altra metà si può personalizzare), così da consentire la conoscenza reciproca tra tutti i giocatori e poi potrà creare un personaggio interamente proprio per contribuire liberamente alla campagna.
      Ciao, MadLuke.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.