Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Humble Bundle: Warhammer Fantasy

E' stato messo a disposizione un nuovo bundle, dedicato a Warhammer Fantasy RPG

Read more...
By Lucane

I Mondi del Design: "Quando un GdR diventa un hobby da tavolo?"

In questo articolo si cerca di analizzare qualsi siano le caratteristiche che defiscono un gioco di ruolo rispetto ad altre tipologie di gioco. Per voi quali sono gli elementi che rendono unico il GdR?

Read more...

Le novità Need Games per Lucca Comics & Games 2021

Ecco per voi tutte le novità Need Games che vedrete a Lucca Comics & Games 2021.

Read more...

Avventure Investigative #3: Cherchez la succube Parte 1

D&D può essere usato per creare delle avventure investigative interessanti? Eccovi il terzo articolo di una serie in cui espongo le mie idee in merito.

Read more...

Odissea dei Signori dei Draghi verrà presentato a Lucca Comics & Games 2021

Diventate eroi mitologici in un mondo dove Dei e Titani camminano in mezzo ai mortali.

Read more...

Mi sono creato un gioco su misura: MedioEvo Universalis


Veldriss
 Share

Recommended Posts

Quand'ero piccolo (anni '80) giocavo tantissimo a Risiko con i miei amici, solo che a noi non "bastava", sia perché le partite alla lunga erano ripetitive sia perché c'era un numero limitato di giocatori.

Per ovviare a questi "limiti", ad esempio, ci eravamo inventati di accostare 2 o 4 mappe di Risiko per giocare partite più lunghe... inoltre le varie ristampe di Risiko avevano carriarmatini con tonalità differenti (soprattutto giallo e blu) che ci consentivano di giocare anche in 8 o 9 giocatori...

2xrisikobl5.jpg

Ma non eravamo ancora soddisfatti :-p

Che fare per rendere una partita un pò più movimentata e varia? (vi ricordo che negli anni '80 non esistevano i PC di oggi, c'era solo in C64, quindi o giocavi con un boardgame o andavi fuori in giardino ;-))

Sicuramente la fantasia non ci mancava a 14-16 anni, così depredammo per la prima volta i pezzi di alcuni giochi in scatola per crearne uno nostro... che piacesse a noi insomma al 100%.

Inizialmente era piuttosto semplice:

- commerciando da una città all'altra si guadagnavano soldi per comprare le armate e combattere

- esistevano carte attacco e difesa

- c'erano anche le carte eventi casuali

- man mano che aggiungevamo carte di altri giochi, davamo loro un significato "utile" al nostro prototipo... il mazzo alla fine era composto da circa 300 carte.

Qui sotto un'idea di com'era, 1988... forse prima:

cimg0805sj3.jpg

Alcune caratteristiche:

- Le città venivano scelte 1 alla volta dai giocatori all'inizio del gioco, seguendo la sequenza di gioco ma al contrario (partendo cioè dall'ultimo fino al primo).

- Le armate venivano piazzate nelle 36 città.

- I movimenti dovevano seguire le varie rotte terrestri/marittime indicate sulla mappa

- Si potevano creare "posti di blocco" su queste rotte, ma tutto quello che si trovava al di fuori delle città era esposto alle carte attacco degli altri giocatori.

- Non c'erano limiti per quanto riguarda armate, mezzi di trasporto e monete d'oro.

- I mezzi di trasporto, navi cavalli e carovane, erano personalizzabili per velocità e capacità di trasporto.

- Scopo del gioco, credo di ricordare, era la conquista di un certo numero di città.

Ma non eravamo ancora soddisfatti :-p

Edited by Pippomaster92
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Quando arrivarono i primi PC seri con programmi di fotoritocco decisi di cimentarmi nella realizzazione di questa idee precedenti con una grafica personalizzata.

Preparai abbastanza in fretta la mappa e il primo mazzo di carte "base" sul genere Risiko in vista di produrre poi anche il mazzo di carte "avanzato" con tutte le idee che ci piacevano e che avevamo più e più volte testato...

europafinita6xn8.jpg

Qualche immagine di repertorio di una partita di almeno 10 anni fa:

pict0001cb9.jpg

pict0002qo6.jpg

pict0005xq8.jpg

pict0006wq0.jpg

pict0012fu1.jpg

pict0017dz1.jpg

Numero giocatori stavolta... anche 13... ero riuscito, facendo bollire i carriarmatini con i coloranti dei tessuti, ad ottenere abbastanza colori per giocare in veramente tanti.

Avrei dovuto sviluppare il resto del gioco che avevo in testa... ma per un motivo o per l'altro non c'era mai tempo...

Quindi... non eravamo ancora soddisfatti :-p

Link to comment
Share on other sites

Nel 1999 però decisi di rimboccarmi le maniche, oramai eravamo tutti più grandicelli (chi più chi meno) ed era ora di realizzare il sogno di 15 anni prima... anche perché sui PC moderni stavano arrivando una serie di giochi gestionali come Europa Universalis, Medieval Total War, Age of Empires ecc ecc, che mi consentivano di attingere qualcosa dalla loro grafica o dalle loro meccaniche (o sono stati loro a copiare il nostro gioco? :lol:)

Partito da una mappa così...

mappa00originaleck7.jpg

Ridimensionata e colorata così...

mappa06riempimentoeh2.jpg

Aggiunte le città...

cittug6.jpg

... i terreni...

terrenoym2.jpg

... e altro ancora per abbellirla il più possibile, alla fine si presentava così:

mappa08finitabs9.jpg

Creati FINALMENTE tutti i mazzi di carte che avevamo simulato con carte di altri giochi... qui sotto alcuni esempi rispettivamente per calamità, tecnologia, evento (c'erano anche le carte impero):

cartegh5.jpg

Sistemato FINALMENTE anche la tabella del COMMERCIO:

commercioge6.jpg

FINALMENTE una tabella tecnologie che interagiva con le calamità, le carte impero, il commercio, la diplomazia tra giocatori e le battaglie:

tecnologie.jpg

ed altro ancora: fortificazioni, città espandibili, mezzi di trasporto personalizzabili, generali, barbari gestiti da regole automatiche ecc ecc ecc...

il gioco nel complesso, si presentava ESATTAMENTE così:

102iw1.jpg

Giocato e rigiocato per quasi 4 anni consecutivi sempre in 8-10 persone, devo dire che ha soddisfatto appieno le nostre esigenze.

Link to comment
Share on other sites

Poi però è stato il momento di decidere se mostrare al pubblico questo prototipo oppure tenerlo nel cassetto e giocare solo a casa mia con gli amici...

Nel 2007 ho cominciato a mostrarlo su internet... e visto che a molti piaceva, decisi di cominciarlo a mostrare nelle conventions ludiche che si svolgono in Italia durante tutto l'anno.

Per fare questo però dovevo modificare enormemente il pototipo per una serie di motivi:

- la mappa di allora non era storica, era stata creata per le esigenze di gioco, andava sistemata

- andava rivista tutta la grafica, obsoleta di ormai 8 anni... volete che i PC del 2008 non possano fare qualcosa di meglio dei Pentium III del 1999?

- andava cambiata la componentistica, soprattutto quella, perché non potevo certo usare ad esempio i carriarmatini di Risiko in pubblico (era si un prototipo, ma mi avevano spiegato che non si poteva fare)

Detto ciò, mi misi al lavoro... mi portò via tantissimo tempo la ricerca su internet per le informazioni storiche...

Ovviamente la mappa non poteva rappresentare tutti i singoli piccoli Regni del periodo medievale per ovvie ragioni di dimensioni-spazio occupato dalle unità di gioco...

mappa14maricmyk06600nm8.jpg

pieghevole ovviamente...

hpim0663vj6.jpg

per stare dentro, insieme a tutto il resto, nella mega scatola...

hpim0706.jpg

Per le armate ho optato per le miniature scala 1:72 del periodo medievale, colorate a mano da un amico, qui alcuni esempi:

Spagnoli...

cimg0749mw7.jpg

Inglesi...

hpim0729.jpg

Francesi...

cimg0721cd8.jpg

...e qui i passaggi per l'assemblaggio delle scatoline per le armate:

hpim0717.jpg

Poi i mezzi di trasporto, in questo caso le navi da guerra, rispettivamente di 1°, 2° e 3° livello...

hpim0833.jpg

... e le Navi mercantili.

hpim0823d.jpg

I pannelli dei giocatori nella base in legno, con riportate tutte le regole base più usate in gioco: le classiche 50 domande che il giocatore ti fa le prime 3 partite prima di aver imparato le regole... così invece ho quasi azzerato i tempi di apprendimento... tempo 3 turni di gioco.

cimg0691.jpg

ed altro altro ancora: nuovo mazzo carte OBIETTIVI, pergamena per segnare il commercio e i patti diplomatici con gli altri giocatori, l'espositore pubblicitario, il regolamento...

Link to comment
Share on other sites

Benvenuto anche qui, ci siamo già incrociati dai Goblin :-p

Oltretutto farai la gioia del buon Freppi, rimasto colpito da MedioEvo Universalis dopo aver visto le immagini su web, ora potrà assillarti direttamente :lol:

Ho visto il gioco a Play 2008, purtroppo come già ti avevo detto ero impegnato in tornei e quindi non ho seguito molto, però il colpo d'occhio era impressionante e le facce dei giocatori soddisfatte e divertite. Spero avremo occasioni di ribeccarci, lo proverei volentieri. :bye:

Link to comment
Share on other sites

Benvenuto Veldriss! ^^

Come già anticipato dal buon Jalavier, sono colui che un giorno vide casualmente una foto sul web e disse ".. ma questo è il gioco definitivo!", ma ahimè scopretti che non esisteva. Quindi sono ben felice che abbia fatto la tua comparsa sul Dragons' Lair Forum: per le non troppo "assillanti domande" attenderò che tu concluda l'interessante trattazione storica del gioco che hai creato. Immagino posterai anche un sunto del regolamento.

Purtroppo non sono un particolare esperto di boardgame, ma spero di difendermi bene con quelli che conosco e ai quali ho avuto il piacere di giocare. Non conosco Europa Universalis, Age of Empire o Medieval Total War, ma spero queste mie conoscenze siano sufficienti per comprendere meglio le dinamiche del tuo "MedioEvo Universalis": risiko, futurisiko, coloni di katan, shogun, shadow over Camelot, world of warcraft, la furia di Dracula, arkham horror, twilight imperium.

Ancora benvenuto e buona permanenza! ;-)

Link to comment
Share on other sites

Innanzitutto vi faccio davvero i complimenti per l'impegno e il mazzo che vi siete fatti: il work in progress credo sia un gran bel biglietto da visita. Onestamente non avevo mai sentito parlare del vostro gioco, dunque non l'ho mai provato, ma a vederlo così mi sembra davvero una grande opera. Attualmente dal punto di vista commerciale come vi piazzate? Intendo dire, è disponibile gratuitamente, lo vendi tu, hai una casa editrice, non è disponibile..?

Link to comment
Share on other sites

Jalavier, freppi e Aerys II, Vi ringrazio per il benvenuto e per i complimenti sul mio prototipo :-D.

Dal punto di vista commerciale sono fermo... nel senso... ho cominciato a mostrare il prototipo al pubblico nel settembre 2007, ho partecipato ad una dozzina di conventions ludiche... le ultime sono state PLAY 2008, LUCCACOMICS 2008 e LUDICA 2008 (Assago)...

Nel mentre ho contattato varie case editrici, sia italiane che straniere, per cercare di far produrre il gioco in quanto io non ho assolutamente il tempo di cimentarmi in un'impresa del genere.

Purtroppo le risposte sono state tutte negative:

- vuoi per le dimensioni del gioco, nonostante abbia più volte sottolineato che si potrebbe produrre la versione per 3-5 giocatori perfettamente funzionante e quindi grande esattamente la metà

- vuoi per il periodo di crisi che sta avvolgendo il globo ultimamente (a parte che ho letto un'articolo dove si evidenziava il fatto che le crisi economiche passate avevano solo che favorito i giochi in scatola perché le persone avevano smesso di uscire di casa a spendere)

- vuoi che le case editrici italiane puntino a giochi piccoli, poco costosi, con durata limitata, per 3-4 giocatori massimo e di facile apprendimento (ma si dimenticano di scrivere che la scatola spesso è semivuota :-p)

- vuoi che io nel mondo ludico non sono conosciuto, quindi niente "spinte" e "raccomandazioni"

Vuoi tutto quello che vuoi, fatto sta che mi sono un pò stancato di girare e chiedere... sono tornato a giocare con i miei amici a MedioEvo Universalis da quasi 2 mesi e già ci sono venute un sacco di idee nuove per modificarlo... le case editrici sanno che ci sono, se è destino accadrà qualcosa... io preferisco giocare :-D

Link to comment
Share on other sites

Sono stupefatto , letteralmente .

Complimenti assoluti .

Se per caso deciderai di commercializzarlo, una copia sarà mia !

Hai provato a sentire, così per caso a case editrici Statunitensi ( tipo la Fantasy Flight ) o tedesche ( i boardgames hanno krante merkato in Cermania, ja , sopratutto kvelli di konvista ti monto !!!! )

Link to comment
Share on other sites

Continuo con la breve presentazione...

Eccolo qui completo di tutto, durante la sua apparizione in pubblico a Ludica 2008 al Forum di Assago:

cimg0698.jpg

Qualche ZOOM del gioco:

Assieme...

cimg0697p.jpg

Assieme...

cimg0702g.jpg

Il regolamento, il pannello giocatore del Granducato di Vladimir-Suzdal, a semicerchio alcune carte CALAMITA', sotto alcune carte IMPERO

cimg0695.jpg

Le brochures usate nelle conventions per farmi pubblicità e le carte TECNOLOGIA

cimg0700.jpg

Il Regno degli Almohadi pronto ad espandersi e riprendere ciò che era suo: la penisola Iberica

cimg0703.jpg

Spagna: il Regno del Portogallo ancora in mano ai BARBARI; 1 nave da commercio del Regno di Castiglia a nord con a bordo 20 merci di ferro; il VESSILLO di Castiglia ha appena conquistato la città di Barcellona ed una nave da guerra di 1° livello è ormeggiata nel porto; tutte le città sono fortificate e l'Andalusia è difesa anche da una CATAPULTA.

cimg0704.jpg

Francia e dintorni: la flotta francese è tutta ad Anversa e sta commerciando spezie scortata dalla nave da guerra; gli inglesi vendono i 20 tessuti nella loro città di Bordeaux; il VESSILLO francese ha già conquistato la Provenza e si affaccia sull'italia.

cimg0705n.jpg

cimg0709n.jpg

P.S. finisco il posto un altro giorno perché ho internet mezzo inchiodato e non vedo le immagini che posto, non vorrei sbagliare i commenti

Link to comment
Share on other sites

Sono stupefatto , letteralmente .

Complimenti assoluti .

Se per caso deciderai di commercializzarlo, una copia sarà mia !

Hai provato a sentire, così per caso a case editrici Statunitensi ( tipo la Fantasy Flight ) o tedesche ( i boardgames hanno krante merkato in Cermania, ja , sopratutto kvelli di konvista ti monto !!!! )

Era la stessa cosa che stavo per chiederti io. MedioEvo è il classico gioco in stile Fantasy Flight.

Una cosa... Ho notato che le immagini ci mettono un sacco a caricarsi, magari rimpiccioliscile un po', altrimenti rischi che i lettori del post perdano la pazienza nell'attesa e non si godano lo spettacolo ;-)

@andrea: riguardo alla tua copia... Obiettai con Veldriss tempo fa che la scatola del gioco doveva anche includere un tavolo pieghevole, in quanto a casa mia non ne ho uno sufficientemente grande per giocarci sopra :lol:

Link to comment
Share on other sites

Sono stupefatto , letteralmente .

Complimenti assoluti .

Se per caso deciderai di commercializzarlo, una copia sarà mia !

Hai provato a sentire, così per caso a case editrici Statunitensi ( tipo la Fantasy Flight ) o tedesche ( i boardgames hanno krante merkato in Cermania, ja , sopratutto kvelli di konvista ti monto !!!! )

Ho provato a sentire la FF (impegnati fino al 2010 mi hanno detto 1 anno fa), la GMT (non sono interessati)... per la Germania nessuno, ma ho visto che fine fanno i giochi tedeschi: diventano tutti con quadratini di legno, listelli di cartone e pedine di plastica piramidali... non mi piacerebbe se il mio prototipo facesse quella fine... :-(

Per il concorso miglior gioco da tavolo mi sembra che ci siano dei limiti per quanto riguarda le dimensioni, la durata di una partita e il numero di pagine del regolamento... sforo ovunque :-D

Link to comment
Share on other sites

Lo metto sul pavimento , tolgo il letto , faccio un soppalco sul garage, una soluzione si trova

;-)

Dico una stupidata, forse .

Ma hai provato a sentire un parere dalla D'L ? :-D

Per la Fantasy Flight, il 2010 comunque è dietro l'angolo ;-)

oooopppss . Doppio post scusate

Link to comment
Share on other sites

Era la stessa cosa che stavo per chiederti io. MedioEvo è il classico gioco in stile Fantasy Flight.

Una cosa... Ho notato che le immagini ci mettono un sacco a caricarsi, magari rimpiccioliscile un po', altrimenti rischi che i lettori del post perdano la pazienza nell'attesa e non si godano lo spettacolo ;-)

@andrea: riguardo alla tua copia... Obiettai con Veldriss tempo fa che la scatola del gioco doveva anche includere un tavolo pieghevole, in quanto a casa mia non ne ho uno sufficientemente grande per giocarci sopra :lol:

Sono d'accordo, poi ripeto, se bisognasse creare la versione per 3-5 giocatori penso avrebbe una quantità di pezzi molto simile agli ultimi giochi pubblicati dalla FF... nulla vieterebbe poi di creare 1 o 2 espansioni per portare il numero di giocatori a 10.

Per le immagini aspetto a modificarle, perché pare sia un problema di oggi di imageshack e non vostro/mio, di solito sono velocissime a caricarsi.

Per il tavolo incorporato nella scatola pensavo alla versione liofilizzata oppure con strutture portanti nanotecnologiche :-D

Dico una stupidata, forse .

Ma hai provato a sentire un parere dalla D'L ? :-D

Per la Fantasy Flight, il 2010 comunque è dietro l'angolo ;-)

oooopppss . Doppio post scusate

Scusami, ci sto pensando già da 3 minuti e non mi viene in mente chi è la D'L... HELP PLEASE!

Link to comment
Share on other sites

Secondo me per rifiutare un gioco simile devono essere delle vere teste di "miccia". Ok, è grosso, ma io farei carte false per essere quello che pubblica il gioco enorme.

EDIT - D'L a spanne non ha i mezzi economici. Voglio dire, secondo me qui serve una casa editrice coi contromaglioni (cit).

Link to comment
Share on other sites

Secondo me per rifiutare un gioco simile devono essere delle vere teste di "miccia". Ok, è grosso, ma io farei carte false per essere quello che pubblica il gioco enorme.

EDIT - D'L a spanne non ha i mezzi economici. Voglio dire, secondo me qui serve una casa editrice coi contromaglioni (cit).

QUOTE al 100%

Poi non immagini le centinaia di persone che non mi facevano nemmeno terminare la spiegazione del gioco e mi chiedevano quanto costava la scatola perché volevano acquistarne 1 subito... addirittura a LUCCACOMICS la gente chiedeva al personale della segreteria (a 2 passi dal prototipo) come acquistare il gioco :-)

CONTENUTO DELLA SCATOLA

N. 1 Scatola - Dimensioni: 520x305x120 mm

N. 11 Scatoline - Dimensioni: 50x150x40 mm

N. 1 Tabellone rappresentante Europa, Nord Africa e Medio Or. - Dimensioni: 1360x1040 mm

N. 1 Regolamento a colori

N. 10 Tabelle commercio e tecnologia (doppia faccia)

N. 10 Pannelli giocatore (rappresentanti 3 tabelle con un riassunto delle regole più usate)

N. 10 Fogli suddivisi in 2 tabelle per segnare rispettivamente il commercio e la diplomazia

N. 11 Gruppi di armate di colore diverso: 10 colori per i giocatori con 50 unità ciascuna più 1 giocatore “automatico” con 100-150 unità. Ogni colore ha la sua scatolina per contenerli.

N. 10 Spade per determinare i turni random

N. 151 fortini suddivisi in 4 colori diversi

N. 36 Castelli

N. 36 Palazzi

N. 36 Fortezze

N. 20 Cattedrali

N. 2 Torri con Stendardo

N. 20 Catapulte

N. 10 Bombarde

N. 30 Vessilli esercito e 30 Generali suddivisi in 10 colori giocatore

N. 10 Comandanti Barbari e N. 3 Generali Barbari

N. 1 Assassino

N. 90 Gettoni rossi in plastica (per i livelli di esperienza dei Vessilli)

N. 7 Gruppi di monete (in tagli da 1, 5, 10, 50, 100, 500, 1000)

N. 8 Gruppi di 30 merci di colore diverso

N. 30 Navi commercio

N. 30 carovane di colore diverso

N. 30 navi da guerra di dimensioni diverse

N. 30 cavalli di colore diverso

N. 10 Gruppi di Centri abitati suddivisi per colore e dimensioni diverse

N. 36 pedine commercio (fattoria, mercato, miniera)

N. 10 Scorte di grano

N. 10 Gruppi di 6 dadi D6 di colore diverso

N. 2 Dadi D6 eventi

N. 1 Dadi D12

N. 1 Dado D4 e N. 1 D8

N. 6 Mazzi di carte suddivisi in:

N. 154 Carte Impero

N. 240 Carte Civiltà (ma potrebbero essere sostituite sicuramente da un foglio fotocopiabile rappresentante tutte le 24 tecnologie dove il giocatore segna man mano quelle che possiede)

N. 40 Carte Eventi

N. 20 Carte Calamità

N. 40 Carte Tesoro

N. 30 Carte Obiettivi

Note: la mia versione prototipo contiene molti più pezzi, ma sono stato costretto per essere sicuro di avere abbastanza pezzi e non dover rifare il lavoro 2 o 3 volte.

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DI MEDIOEVO UNIVERSALIS:

- Numero giocatori: 3-10 (la mappa viene utilizzata in parte fino a 6 giocatori, man mano aumentano i partecipanti si utilizzano anche le zone restanti). Aggiunto l’11° giocatore, il “morto”, che segue delle regole automatiche per rinforzarsi, attaccare e far ribellare gli stati dei giocatori se poco difesi.

- Età giocatori: 14+ (ma ho potuto constatare sia a casa mia che a due partite a Ludicamentemantova 2008 che ragazzini svegli di 11 anni non hanno problemi, ovviamente non sono in grado di sfruttare alcune sottigliezze della diplomazia o “combo” di alcune carte, ma non bisogna sottovalutare questi piccoli giocatori).

- Terreno: 5 tipologie di terreno in combinazione con le città, fortificazioni e tecnologie danno dei modificatori per il movimento e la sovrappopolazione.

- Commercio: i giocatori hanno a disposizione mezzi di commercio marittimo e terrestre per commerciare fino a 8 tipi di merci nelle 36 città sparse sulla mappa e guadagnare fiorini.

- Avanzamento tecnologico: 24 tecnologie distribuite in 5 famiglie su un massimo di 3 livelli consentono di migliorare il proprio regno in campo economico, commerciale, militare e diplomatico. Queste tecnologie implementano le caratteristiche di altre carte da gioco oppure consentono di proteggersi dalle Calamità.

- Calamità: eventi molto rari possono scombussolare e stravolgere una partita, ma se il giocatore è preparato potrà sopravvivere quasi indenne.

- Eventi random: una serie di eventi casuali positivi e negativi, ma meno catastrofici, colpiranno le varie zone di terra o di mare in cui la mappa è suddivisa: piccole tempeste, missioni richieste dal Papa, tornei fra giocatori, mercanti che vi proporranno degli scambi… ecc.

- Sviluppo: il giocatore ha la possibilità di ingrandire le proprie città, aumentare le fortificazioni e le difese, gli eserciti, i mezzi commerciali e militari e altro ancora.

- Carte di gioco: consentono di potenziare i propri eserciti, le difese, la costruzione di fortificazioni, le gabelle, la diplomazia, l’acquisto di nuove armate mercenarie… ecc.

- Combattimento: la combinazione di tecnologie con carte di gioco consente di ottenere una serie di modificatori ed arrivare così a lanciare da un minimo di 3D6 ad un massimo di 8D6 ed ottenere un 10 come tiro più alto.

- Diplomazia: esistono 6 opzioni diplomatiche con gli altri giocatori, inoltre il giocatore che controlla il Papa dovrà vedersela con le crociate e con i regni “cristiani” che aspettano solo di prendere il suo posto… e se i Mamelucchi conquistassero Roma?

- Obiettivi territoriali: il giocatore è invitato ad espandere il proprio regno per creare un Impero.

- Obiettivo del gioco: ottenere il maggior numero di punti onore dai vari aspetti del gioco: espandere l’obiettivo terrestre, uccidere un generale nemico, conquistare un regno minore, vincere una crociata, completare una missione del Papa… ecc.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By Cydro
      ciao!
      esiste un programma per computer per giocare a Citadels contro il computer?
      intendo contro un'intelligenza artificiale.
      grazie!
    • By tony911
      Salve a tutti. Spero di non aver sbagliato sezione, ma avrei bisogno di un consiglio.
      Mi servirebbe un gioco da tavolo, da giocarci minimo in 2 persone e che sia bello. Non so quale scegliere e non vorrei sbagliare, quindi chiedo a persone più' esperte di me. Il genere che preferisco e' economia/commercio o gestione risorse.
      Inoltre aggiungo che il miglior gioco da tavolo che possiedo e' "de vulgari eloquentia", che è semplicemente divino. Mi andrebbe bene anche qualcosa del genere, meccanicamente parlando.
      grazie in anticipo
    • By padishar
      molto bello..un buon mix di tattica e di gestione delle risorse.la mia tattica per quattro partite disputate si è rivelata vincente..prima la realizzazione delle strutture militari e poi avanti con la riga clericale....attendo sfidanti:-D!!
    • By Jalavier
      Stavolta dovrò dilungarmi parecchio per rendere merito a quello che ritengo un capolavoro fra i giochi da tavolo, spero di non annoiarvi.
       
      “1289. Per rafforzare i confini del regno di Francia, Re Filippo il Bello decide di far costruire una nuova roccaforte. Caylus non è altro che un piccolo villaggio, ma presto falegnami, muratori, architetti lo faranno diventare una grande città.”
      Questo è Caylus, quello che ritengo il miglior gestionale mai realizzato fino a oggi. Per quanto apprezzi Agricola e Puerto Rico, personalmente ritengo questo gioco superiore per tanti aspetti.
       

       
       
      Autore: William Attia
      Lingua : svariate ma nessun testo di gioco
      Giocatori: 2 – 5 con variante per il gioco in solitario scaricabile da web
      Durata di una partita: 2 – 3 ore a seconda del numero dei giocatori e della velocità di questi nell’effettuare le scelte.
      Prezzo: dai 30€ ai 45€ a seconda dell’edizione (tedesca, inglese, italiana, ecc…) e del rivenditore.
       
       
      Contenuto: plancia di gioco, 1 pedina cilindrica bianca del "balivo", 1 pedina a disco bianca del "prevosto", 40 monete (30 piccole da un denaro, 10 grandi da cinque denari), 30 pedine lavoratori (6 per colore:blu, rosso, verde, arancio e nero), 100 casette (20 per ogni colore: blu, rosso, verde, arancio e nero), 35 pedine a disco (7 per colore: blu, rosso, verde, arancio e nero), 140 cubetti risorse divisi in 30 rosa (cibo), 30 viola(tessuto), 30 marroni(legno), 30 grigio(pietra), 20 gialli(oro), 40 tessere edificio (6 edifici neutrali, 8 edifici in legno, 9 edifici in pietra, 8 edifici residenziali, 9 edifici di prestigio) e il regolamento.
       
      Nota: il balivo era un pubblico ufficiale che faceva parte dell’amministrazione dello stato. Fu istituito in Francia, nel XII secolo. Il prevosto era invece un funzionario (carica spesso ereditaria) che il Re assegnava a una castellaneria con mansioni di riscossione tributi e amministrazione della giustizia, in campo civile e militare. L’istituzione del balivo tolse potere ai prevosti.
      Anche nel gioco le due figure sono strettamente legate, come vedremo.
       
      Preparazione:dopo avere aperto la plancia di gioco, si piazzano casualmente gli edifici neutrali sui primi 6 spazi dopo il ponte, si stendono gli edifici di legno, pietra e di prestigio sul tavolo, in modo che siano tutti visibili e si fa una pila con gli edifici residenziali (tutti identici fra loro). Dividiamo le risorse per tipo e diamo a ogni giocatore i segnalini di un colore. I 6 cilindri in legno sono i lavoratori che utilizzeremo per fare le azioni sulla plancia o negli edifici, i dischetti invece vengono piazzati 1 sul percorso del punteggio, uno nella zona del ponte, uno a fianco dell’ordine del turno, 4 a fianco delle righe dei favori reali. A questo punto non resta che determinare casualmente l’ordine del primo turno di gioco e assegnare i denari iniziali, 5 al primo giocatore, 6 al secondo e terzo, 7 al quarto e quinto. Questo per compensare l’handicap di giocare dopo. Oltre a questo, ogni giocatore riceve 2 cibo e 1 legno. Non resta che piazzare prevosto e balivo sull’ultimo edificio neutrale e dare il via alla partita.
      Lo scopo del gioco è ottenere più punti prestigio possibili. Per far ciò dobbiamo costruire edifici nel villaggio, accumulare ricchezze (materie, oro, denari) e costruire il castello, assicurandoci il favore del Re!
       

       
      Per capire il gioco bisogna per prima cosa dare un’occhiata alla plancia.
      Lungo il perimetro abbiamo il più classico dei segnapunti, ormai uno standard.
      In alto a sinistra vi è l’area del castello. Sotto il disegno troviamo 5 cerchi numerati. Sono i posti disponibili per i lavoratori, ogni giocatore ne può piazzare uno solo ma l’utilizzo della sezione non è esclusivo, come invece per edifici e azioni speciali. Subito sotto abbiamo una scacchiera di 2 righe e 15 colonne. La scacchiera è divisa in 3 sezioni: segrete di 3 colonne, mura di 5 e torri di 7. Costruendo i giocatori piazzeranno i loro segnalini casetta nelle caselle, per non incorrere in penalità e per ottenere punti e favori reali.
      Subito a destra del castello abbiamo una colonna di 5 cerchi numerati. Posizioneremo qui i segnalini disco per ricordare l’ordine di gioco.
      In alto a destra abbiamo una tabella di 5 colonne e 4 righe. Sono i favori reali. Durante il gioco faremo avanzare i nostri segnalini disco su queste 4 righe per ottenere gli effetti rappresentati nelle caselle.
      Subito sotto ai favori reali abbiamo 6 caselle con raffigurate le azioni speciali.
      A sinistra di queste vi è il ponte. Mano a mano che i giocatori passano (terminando per il turno di fare azioni) i segnalini verranno piazzati nei 5 cerchi numerati al di sotto del disegno.
      Proseguendo a sinistra del ponte abbiamo i 6 edifici neutrali. Dall’ultimo di questi a inizio gioco partono il prevosto e il balivo nella loro discesa lungo la strada.
      Proseguendo a destra lungo la strada abbiamo 2 edifici fissi (disegnati sulla plancia), poi 7 spazi vuoti in cui costruire edifici. Il quarto di questi ha “un’appendice” con un’icona. Quando il balivo arriverà su questa casella, si conteranno i punti delle segrete del castello. Abbiamo poi la casella della miniera d’oro e altri 12 spazi di costruzione. Quando il balivo arriva al secondo si contano i punti delle mura e quando arriva all’ottavo si contano i punti delle torri e termina la partita. Il calcolo dei punti si effettua immediatamente se una sezione viene completata, anche se il balivo non è ancora arrivato allo spazio corrispondente. La partita termina anche se non vi sono più spazi disponibili per costruire nelle torri.
       
      Svolgimento: A inizio turno ogni giocatore ottiene 2 denari. Partendo dal primo giocatore, ognuno piazza un lavoratore ( i cilindretti del proprio colore) su un’azione speciale o su un edificio, oppure passa. Si continua a piazzare 1 lavoratore alla volta finchè tutti non passano. I lavoratori naturalmente vogliono essere pagati, per cui dobbiamo restituire denari pari alla prima posizione libera sotto al ponte, quindi inizialmente 1. Il primo giocatore che passa riceve un denaro e piazza il suo segnalino disco sull’1 sotto al ponte. Da quel momento piazzare un lavoratore costerà 2, appena passa un altro (che metterà il disco sul secondo spazio ) 3 e così via. Per questo motivo è importante cercare di fare molte azioni ma al tempo stesso fermarsi al momento giusto per non terminare i denari.
      Il piazzamento segue queste 4 regole:
      1) non si può piazzare dove vi è un lavoratore di un altro giocatore, eccezion fatta per il castello, la locanda e le scuderie.
      2) piazzando su un edificio di un altro giocatore, questi otterrà 1 punto prestigio. Se l’edificio è di pietra e produce risorse, otterrà anche una risorsa del tipo indicato sulla tessera.
      3) piazzare su un edificio di nostra proprietà costa sempre 1 solo denaro.
      4) se un nostro lavoratore è nella posizione di destra della locanda, piazzare costa sempre solo 1.
       
      Quando tutti i giocatori hanno passato si procede con la risoluzione delle azioni.
      La prima fase è quella delle azioni speciali. Gli effetti sono i seguenti.
       
      Cancello: il lavoratore presente in questa casella può essere spostato gratuitamente su qualunque azione o edificio rimasto libero.
       
      Bottega: si ottengono 3 denari
       
      Gilda dei mercanti: spostiamo gratuitamente il prevosto avanti o indietro per un massimo di 3 caselle. Il prevosto determina quali edifici verranno utilizzati nel turno e influenza il movimento del balivo per cui posizionarlo sapientemente può essere molto vantaggioso.
       
      Campo del torneo: otteniamo un favore reale pagando 1 denaro e 1 tessuto. Spiegherò successivamente a cosa servono questi favori reali.
       
      Scuderie: in questa locazione abbiamo 3 caselle numerate. Il primo a piazzare un lavoratore lo metterà sull’1, il secondo sul 2 e il terzo sul 3. Questo sarà il nuovo ordine di gioco nel turno seguente. Gli altri scaleranno mantenendo lo stesso ordine, per cui chi era davanti nel turno fra i restanti sarà il primo dopo quelli che hanno utilizzato le scuderie, chi veniva subito dopo sarà dopo questo, ecc…
       
      Locanda: il lavoratore viene messo sul cerchietto di sinistra. Alla risoluzione lo si sposta su quella di destra. Il lavoratore non viene ripreso (a meno che non lo decida il proprietario), può essere solo “spinto fuori” da un altro lavoratore che il turno successivo viene piazzato sulla casella di sinistra (può essere dello stesso giocatore). Finchè il lavoratore è nella casella di destra della locanda, il giocatore paga sempre e solo 1 denaro per piazzare i lavoratori.
       
       
      Risolte le 6 azioni prima del ponte (sempre che qualcuno le abbia scelte), si arriva al movimento del prevosto. Ogni giocatore ha la possibilità di spostare il prevosto avanti o indietro fino a un massimo di 3 caselle, pagando 1 denaro per ogni casella di movimento. Non è obbligatorio muovere. L’ordine dei giocatori in questa fase è dato dall’ordine che si è creato al ponte man mano che i giocatori passavano, per cui il primo ad avere la possibilità di muovere sarà il primo che ha passato, il secondo sarà il secondo che ha passato ecc… Nella fase successiva verranno attivati SOLO gli edifici che sono compresi fra il ponte e la posizione attuale del prevosto, inclusa la casella in cui si trova. Capita facilmente che un giocatore azzardi a prendere costruzioni più avanti lungo la strada perché più redditizie di quelle più indietro… e gli altri decidano di punirlo spostando tutti il prevosto all’indietro…
      La posizione del prevosto influenza anche il movimento del balivo. Se il balivo è dietro al prevosto, il balivo avanza di due caselle, se è pari o avanti, avanza di una sola casella.
       

       
      A questo punto si procede risolvendo le azioni dopo il ponte fino alla posizione del prevosto. Ci sono molteplici edifici che producono risorse, altri per trasformare denari in materie o materie in denari… ma alcune meritano di essere citate.
       
      Carpentiere: ci permette di costruire un edificio in legno. Il costo è indicato in alto a sinistra. In alto a destra vi sono indicati i punti prestigio che l’edificio ci fa ottenere. In basso al centro cosa si ottiene piazzando un lavoratore sull’edificio. L’edificio appena costruito va piazzato sulla prima casella vuota disponibile lungo la strada e su di esso viene posta una casetta del giocatore per ricordarsi a chi appartiene.
       
      Muratore: questo edificio di legno (non è presente a inizio gioco, va costruito col carpentiere) permette di costruire edifici di pietra. Vale tutto ciò che è stato detto per gli edifici in legno, con l’aggiunta che per quelli che producono materie, sotto a quelle che ottiene chi piazza un lavoratore nell’edificio, è indicato fra parentesi cosa ottiene il proprietario, in aggiunta ai punti prestigio già presi in fase di piazzamento.
       
      Notaio: permette di trasformare un edificio neutrale o di nostra proprietà in uno residenziale. Questi edifici non hanno effetti ma chi li possiede ottiene 1 denaro in più a inizio turno, per ogni residenziale. Oltre a questo, gli edifici di prestigio possono essere costruito solo al posto di edifici residenziali. Il vantaggio monetario è già di per sé interessante ma il notaio viene usato anche in maniera più subdola. Sostituendo gli edifici neutrali, possiamo forzare gli avversari ad utilizzare edifici di nostra proprietà eliminando quelli che farebbero lo stesso effetto dei nostri.
       
      Architetto: permette di costruire edifici di prestigio al posto di quelli residenziali. Tutti gli edifici di prestigio richiedono oro per essere costruiti ma forniscono molti punti e spesso anche favori reali.
       
      Terminata la risoluzione delle azioni si passa alla costruzione del castello per chi vi ha piazzato dei lavoratori. Per ogni lotto scartato (composto da 1 cibo e 2 diverse materie) si mette una casetta nella sezione attuale (prima segrete, poi mura, poi torri). Si ottengono punti prestigio per ogni casetta. Chi costruisce più lotti ottiene un favore reale. In caso di parità, lo ottiene chi ha piazzato per primo il lavoratore al castello, fra i giocatori col maggior numero di lotti. Se non vi è più posto in una sezione, possiamo iniziare a piazzare casette anche in quella successiva, anche se il balivo non ha ancora raggiunto la casella in cui si contano i punti della precedente. Quando una sezione è completa o quando il balivo raggiunge la casella specifica, si contano le casette nella sezione. Chi non ne ha perde punti prestigio, chi ne ha 2 o più ottiene 1 o più favori reali.
      Finita la costruzione vi è il movimento del balivo che come detto, avanza di una casella se pari o davanti al prevosto, di 2 se più indietro. Nelle caselle specifiche forza il conteggio dei punti al castello, anche se la sezione non è completa, dando il via alla costruzione nella sezione successiva. Quando si contano i punti della torre perché il balivo vi arriva (o perché la sezione è completa) termina il gioco.
       
      Favori reali Ogni volta che otteniamo un favore reale possiamo avanzare con uno dei nostri segnalini disco sulla riga corrispondente. Se abbiamo più di un favore reale nella stessa fase del gioco non possiamo avanzare 2 o più volte sulla stessa riga ma dobbiamo scegliere righe differenti. I favori reali disponibili variano a seconda di quello che si sta costruendo al castello. Solo le prime 2 colonne durante le segrete. Fino alla quarta mentre si costruiscono le mura, tutte quando tocca alle torri. Se otteniamo un favore reale e non possiamo avanzare, possiamo sempre utilizzare di nuovo uno degli effetti precedenti. Questo è sempre possibile. I benefici che otteniamo sono i seguenti:
       
      Riga 1: punti prestigio. Man mano che avanziamo, avanza anche il punteggio.
       
      Riga 2: denari.
       
      Riga 3: materie aggiuntive.
       
      Riga 4: possibilità di costruire edifici, ottenendo anche sconti sul costo.
       
      Ho trovato particolarmente utili le righe 3 e 4, anche se le prime 2 sono comunque molto appetibili.
      Terminata la partita si ottengono punti aggiuntivi anche per materie e denari rimasti.
       

       
      Come detto all’inizio, questo gioco è balzato in testa alle mie preferenze. Meccaniche perfette rendono il gioco appassionante e divertente; la varietà delle strategie per arrivare alla vittoria fanno sì che nessuna partita sia uguale all’altra.
      Le icone su plancia e costruzioni sono estremamente ben fatte, anche alla prima partita è immediato capire l’effetto delle varie azioni. Queste sono caratteristiche tipiche anche di altri giochi gestionali ma Caylus è realizzato talmente bene da essere sì impegnativo, ma mai stancante o noioso.
      Quello che però lo rende davvero, sempre secondo me, il numero uno del settore, è la grande interazione che c’è fra i giocatori. Andare negli edifici, muovere il prevosto, piazzare nelle stalle, nella locanda, la costruzione del castello… sono tutte azioni che quando utilizzate ci costringono a interagire con gli altri giocatori, senza contare il piazzamento dei lavoratori, spesso fatto per convenienza propria, altre volte per limitare gli avversari.
       
      Altro punto a suo favore è che in Caylus a fine partita tutto fa punti. Non si è mai delusi per aver rimasto materie o denari inutilizzati, anche se non siamo riusciti a costruire l'edificio di prestigio che sognavamo, l'oro e la pietra messi da parte contribuiranno comunque a farci scalare la classifica finale.
       
      Un grazie a tutti coloro che sono riusciti ad arrivare fino in fondo, non è certo una recensione breve.
    • By Codan il bardo
      Ciao a tutti gente,
      Al Modena Play 2017 è stata presentata la nuova versione di questo splendido gioco da tavolo per tutti gli appassionati del genere musicale (ma anche non), per cui ho avuto il privilegio di poter scrivere la storia ad episodi ispirata al gioco stesso.
      Per chi volesse partecipare, qui trovate il Kickstarter dove poter acquistare non solo il gioco, ma anche delle succulente novità.
      Mentre qui, c'è il link alla pagina Facebook da cui potrete accedere al primo (solo per ora) episodio della serie (tutto online e gratuito).
      Buon divertimento a tutti e mi raccomando, stay tuned... stay ROCK!!
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.