Vai al contenuto

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Il Laboratorio Perduto di Kwalish

Disclaimer: tutte le traduzioni dei termini e dei nomi presenti in questo articolo sono da intendersi non ufficiali, viene lasciata tra parentesi la versione inglese originale.
La WotC ha pubblicato un nuovo modulo di avventura sulla DMs Guild intitolato Il Laboratorio Perduto di Kwalish (Lost Laboratory of Kwalish). Pensata per i livelli dal 5 al 10, quest'avventura si svolge sui Picchi della Barriera. Viene presentata come "una spedizione alternativa" (NdT, "an alternative expedition", in riferimento alla storica avventura Expedition to the Barrier Peaks) che include nuovi mostri, oggetti magici, incantesimi e "oggetti di sci-fi", oltre alla "celebre armatura ad energia (suit of power armor)".
Vengono forniti tutta una serie di possibili agganci per questa avventura, alcuni dei quali richiamano altri recenti prodotti della WotC, tra cui Tomb of Annihilation, Waterdeep: Dragon Heist, Waterdeep Dungeon of the Mad Mage e la Guildmaster's Guide to Ravnica.
I nuovi mostri includono un kraken meccanico (clockwork kraken), delle melme umanoidi (ooze-folk) e una medusa non morta unica (che sembra essere stata uno yuan-ti in origine).
I nuovi oggetti magici includono la lama della Medusa (blade of the Medusa), il mazzo delle molte cose (deck of several things; NdT: è un riferimento al deck of many things, ovvero al mazzo delle meraviglie), la pipa a bolle di Galder (Galder's bubble pipe), l'armatura del mercenario di Heward (Heward's hireling armor), alcune nuove pietre magiche e l'armatura ad energia.
I nuovi incantesimi: sciame di famigli (flock of familiars), corriere rapido di Galder (Galders's speedy courier) e torre di Galder (Galder's tower).
L'avventura è lunga 62 pagine e costa 9.99 dollari americani. Tutti i ricavati andranno all'ente di beneficenza Extra Life.

Articolo originale:
http://www.enworld.org/forum/showthread.php?654872-Lost-Laboratory-of-Kwalish&p=7520675#post7520675
Leggi tutto...

Di navi e mare

Wizards of the Coast, 12 Novembre 2018.
Navi, ufficiali e pericoli del mare aperto - queste cose saranno il focus degli Arcani Rivelati di questo mese.
Più tardi questo mese, sul sito di D&D comparirà un sondaggio dedicato a queste opzioni. Per favore fateci sapere in quel sondaggio cosa pensate degli Arcani Rivelati di oggi.
Questo è Materiale da Playtest
Il materiale di questo articolo è presentato allo scopo di effettuarne il playtesting e di stimolare la vostra immaginazione. Queste meccaniche di gioco sono ancora delle bozze, usabili nelle vostre campagne ma non ancora forgiate tramite playtest e iterazioni ripetute. Non sono ufficialmente parte del gioco. Per queste ragioni, il materiale presentato in questa rubrica non è legale per gli eventi del D&D Adventurers League.
arcani rivelati: di navi e mare
Link all'articolo originale:
http://dnd.wizards.com/articles/unearthed-arcana/ships-and-sea
Leggi tutto...

Ricordate il Cinque di Novembre!

Ricorda, ricorda! Il 5 novembre
La congiura delle polveri contro il parlamento
Non c'è ragione per cui
questa congiura
debba essere dimenticata.
Un'avventura a tema politico può essere molto divertente. Nemici complessi, intrighi, trame e imbrogli si possono combinare in un tipo di esperienza diversa dalla solita esplorazione di un dungeon. Naturalmente quasi sicuramente ci sarà da combattere prima o poi, ma in un'avventura politica il combattimento non è la parte centrale della partita. Partite come questa richiedono un maggiore coinvolgimento da parte dei giocatori, ma lo sforzo speso in più può essere molto soddisfacente.
Alcuni giochi di ruolo - per dire Blue Rose della Green Ronin e Hillfolk di Robin Lawes - si basano fin dall'inizio su questo stile di gioco. Altri giochi, tra cui D&D e le sue varianti, possono richiedere un maggior sforzo per rendere più divertente una partita politica, ma molti sistemi dovrebbero essere in grado di gestire la cosa. Se apprezzate l'investigazione come parte del tema generale, allora il sistema Gumshoe (con giochi celebri come Night's Black Agents di Ken Hite) è pensato apposta per prendere questo concetto e renderlo centrale.

Quindi ecco la mia lista, in ordine alfabetico, di ottimi giochi per partite politiche od investigative! Avete delle aggiunte da proporre?

Blue Rose della Green Ronin è un gioco di "fantasy romantico", ovvero si concentra sulle relazioni, di ogni genere, da quelle politiche a quelle sociali a quelle romantiche. Scritto da Jeremy Crawford della WotC, Dawn Ellion, il celebre Steve Kenson di Mutants & Mastermind, e John Snead nel 2005, la nuova versione usa l'Adventure Game Engine della Green Ronin.

Hillfolk, di Robin D. Lawes, e pubblicato dalla Pelgrane Press, usa il Drama System, con meccaniche che si concentrano intensamente sugli aspetti di ruolo del gioco. Anche se inizialmente si concentrava su un ambientazione preistorica, è stato poi espanso - tramite un Kickstarter di successo - da una serie di eccellenti sviluppatori per coprire molteplici ambientazioni, tra cui Hollywood, scienziati pazzi, spionaggio, Mafia, fantascienza e altro ancora. "Avete presente quelle fantastiche sessioni di gioco in cui le regole e i dadi sembrano svanire, e l'intero gruppo entra spontaneamente in una zona collettiva di pura storia e personaggi? La struttura basilare del Drama System riproduce questa dinamica a volontà."

Night's Black Agents usa il sistema Gumshoe. Questo gioco, creato da Ken Hit, è stato a sua volta pubblicato dalla Pelgrane Press. Il sistema Gumshoe mette al centro della sua struttura l'investigazione e la trama. Se apprezzate trame di spionaggio o thriller, questo sistema fa per voi. NBA presenta degli agenti addestrati che combattono dei vampiri in un'ambientazione moderna. Il sistema Gumshoe è stato creato da Robin Laws ed è alla base di un gran numero di giochi - Ecoterrorists, Trail of Cthulhu, Ashen Stars - e ha come concetto basilare l'idea che troverete sempre degli indizi, la sfida sta nel riuscire ad interpretarli.
Link all'articolo originale:
http://www.enworld.org/forum/content.php?2988-Remember-Remember-The-Fifth-Of-November
Leggi tutto...

E se volessi giocare...un mostro? Parte IV

Negli anni il materiale uscito per la prima edizione di Pathfinder ha raggiunto proporzioni titaniche.
Se è vero che alcune opzioni sono così buone da essere usate e abusate, altre sono rimaste un po’ nel dimenticatoio. É però ancora possibile sfruttarle e combinarle per creare personaggi interessanti e un po’ diversi dal solito. Ragionando su questo fatto sono giunto ad una conclusione: è certo vero che la grande mole di opzioni permette creazioni focalizzate in specifici ambiti, secondo il vecchio principio del Min-Max...ma non solo. Innumerevoli manuali e manualetti contengono anche il necessario per dar vita a personaggi molto particolari e tematici, unici. 
Così mi sono ritrovato a pensare che (con il dovuto lavoro di ricerca) sarebbe possibile sfruttare tutto ciò per creare dei personaggi mostruosi. Penso che molti giocatori prima o poi abbiano avuto il desiderio di mettere in campo qualcosa di particolare, un personaggio molto fuori dagli schemi. Non sono certo il primo ad aver pensato a qualcosa del genere, visto che già i creatori di D&D 3E avevano preso in considerazione questo tema quando fecero uscire il manuale Specie Selvagge. Ma la pratica si è rivelata complessa e poco funzionale. Il famoso LEP (Livello Effettivo del Personaggio) rendeva praticamente impossibile giocare certe creature se non ai livelli più alti, quando sarebbero state schiacciate dagli altri personaggi: i personaggi mostruosi risultavano troppo deboli rispetto a creature con soli livelli di classe.

Pathfinder ha implementato fin dalla Guida alle Razze la possibilità di creare (e giocare) personaggi mostruosi. Con grossi limiti, dovuti ad un sistema di punti che non permette di creare facilmente mostri veri e propri, ma solo umanoidi un po' diversi dal solito. Sorge poi un altro problema: non tutti i Master sono desiderosi di creare una razza dal nulla, con il costo in tempo che ne può risultare, specialmente se tale razza viene poi sfruttata da un singolo giocatore. Inoltre, le regole per creare nuove specie giocabili non sono a prova di bomba...è una soluzione che richiede tempo e non è ben vista dalla maggior parte dei Master, e comunque non permette di giocare creature molto diverse dalle razze già disponibili. 
Ne consegue che spesso l'idea di giocare un mostro viene messa da parte, vista come troppo complicata. Ebbene, non è necessariamente così. Sfruttando le numerosissime opzioni di razza e classe, i vari talenti, i tratti e anche le magie è possibile interpretare un vero e proprio mostro.
 
Il punto di forza di questo sistema sta nel fatto che, purché il Master accetti i manuali ufficiali, non c'è da fare nessuna modifica alle regole. Non è necessario chiedere eccezioni, alterare il regolamento o scervellarsi su tabelle in cerca di equilibri tra personaggi: basta semplicemente modificare l'aspetto esteriore del personaggio stesso e scegliere le opzioni più indicate. 
Un processo semplice, specialmente se amate la fase di creazione del personaggio, che in Pathfinder è abbastanza importante. 
In questo primo articolo, e nei prossimi della serie, fornirò alcuni esempi di come sia possibile creare un mostro dal nulla. Non è un sistema perfetto e di certo non è possibile usarlo per giocare qualsiasi mostro. Ma finché ci si attiene a qualcosa di medio-basso potere, è tutt'altro che difficile creare il personaggio che più si preferisce. 
Nella stesura di questi esempi mi sono attenuto alle regole ufficiali di Pathfinder senza mai modificarle: ci sono pochi casi in cui un archetipo piuttosto vecchio non contempla specifiche opzioni perché queste ultime sono uscite su manuali più recenti. Di solito un Master ragionevole non dovrebbe fare problemi in casi come questi, ma la situazione cambia da gruppo a gruppo. 
Non ho creato build vere e proprie, perché lo scopo di questi articoli è appunto quello di fornire indicazioni e spunti, e non personaggi completi al 100%. Tutto il materiale che utilizzo è stato preso (dove possibile) da Golarion Insider, mentre per le parti non ancora tradotte in italiano mi sono affidato agli Archives of Nethys.
REDCAP
Livello Minimo: 5
Razza: dovremo necessariamente scegliere una razza di taglia piccola. Se il Master vi concede oggetti custom e potete permettervelo, potreste anche prendere una razza media e comprare un oggetto che vi renda piccoli...ma sinceramente è preferibile partire con uno gnomo o un halfling. Anche un goblin può essere una valida scelta. 

Classe: una prerogativa tipica dei Redcap è la possibilità di impugnare armi per creature di taglia media, nello specifico una falce (ma nel folklore hanno più spesso spade o coltellacci). Inoltre possiedono pesanti stivali di ferro con cui posso schiacciare i nemici, e finché indossano il loro cappuccio/cappello rosso sono molto più letali e pericolosi. Per questo la classe migliore è probabilmente quella del guerriero. Certo, uno gnomo ha un malus alla Forza, ma tra un bonus alla Costituzione e un pò di lavoro sul point buy si possono tirare fuori statistiche più che decenti. Anche il barbaro potrebbe andare bene, ma abbiamo bisogno di molti talenti per far funzionare il Redcap, ed è meglio tenerlo in conto durante la scelta della classe. Inoltre è una buona idea prendere l’archetipo del guerriero titan fighter: riduce i malus nell’impugnare un’arma di taglia maggiore e aggiunge bonus alle manovre di combattimento. Tornerà molto utile. 

Talenti: attacco poderoso, oltrepassare migliorato, riflessi in combattimento, colpo senz'armi migliorato, attraversare, vicious stomp. Con questi cinque talenti (ottenibili al lv5) quando carichiamo possiamo spingere a terra un nemico sul nostro percorso; il suo cadere a terra genera un attacco di opportunità, che deve essere un attacco disarmato. Ricordo che un guanto ferrato conta come un attacco disarmato, e un Master gentile può farvi contare i vostri pesanti stivali di ferro come guanti ferrati. I danni non sono altissimi, ma è pur sempre qualcosa in più. 
Se aggiungiamo i talenti necessari per gettare proni i nemici (maestria in combattimento e sbilanciare migliorato) e usiamo una falce, possiamo anche dedicarci al buttare a terra gli avversari, tirare loro un pugno (calcio) quando sono a terra, e poi colpirli di nuovo quando si alzano. 

Oggetti Magici: i boots of the mastodont concedono bonus alle manovre di oltrepassare e, una volta al giorno, la capacità calpestare (che infligge 2d8+18 danni!); la minotaur belt aggiunge +2 alla Forza e permette di ignorare il terreno difficile mentre si carica e/o si usa una manovra di oltrepassare. Questo secondo oggetto è abbastanza costoso e probabilmente non vale la spesa, però è in tema con il resto del personaggio. 
Oltre a questi, sono ovviamente molto utili le armi magiche...e ricordatevi di farvi incantare almeno uno "stivale".

Considerazioni Finali: in soldoni il Redcap è un guerriero di taglia piccola focalizzato su oltrepassare e sbilanciare. Non è certo ottimizzato, ma dovrebbe essere particolarmente divertente da giocare e interpretare.

SUCCUBE
Livello Minimo: 5

Razza: la scelta migliore in questo caso è il tiefling, sottorazza pitborn. Il bonus alla Forza è un po’ sprecato, ma il bonus al Carisma è perfetto. Come opzione alternativa prendete ali vestigiali. 

Classe: fattucchiere con archetipo seducer. L’archetipo utilizza il Carisma al posto dell’intelligenza per il lancio di incantesimi e concede qualche bonus all’ammaliamento, oltre che la capacità di danneggiare o aiutare gli alleati con baci e...altre effusioni. Si, è un archetipo riservato ai maggiorenni e no, non viene da un certo manuale con la copertina blu! Le fatture migliori sono seduzione e volo, seguiti da camuffamento. Seduzione permette di affascinare i bersagli, la funzione di volo è abbastanza intuitiva, lo stesso vale per il camuffamento. Siamo anche costretti a scegliere la fattura charme al livello 1, e l'archetipo ne aumenta la CD. Avendo le ali vestigiali abbiamo anche un bonus alle prove di volo e, anche se meccanicamente stiamo usando un incantesimo/fattura, nulla vieta di rappresentare la cosa come un volo ad ala battente.
Per il resto l'archetipo richiede di scegliere un patrono da una lista abbastanza limitata, ma alcune opzioni come inganno e ammaliamento sono chiaramente ottime per una succube. 

Incantesimi: la fattucchiera ci permette poi di essere dei veri e propri fullcaster, anche se con una lista incantesimi un po' meno variegata di quella di un mago. Ci sono comunque un sacco di incantesimi tematici che possono tornarci utili se vogliamo rafforzare l'immagine della seduttrice (o del seduttore). Mi soffermo sulle magie più interessanti per i primi cinque livelli, quelli minimi necessari per essere una vera succube. Per il resto siete liberi di scegliere gli incantesimi che più vi piacciono. 
Livello 1: Ali Forti, Comando, Grazia della Nereide.
Livello 2: Adorazione, Cuore Affranto, Tocco di Idiozia.
Livello 3: Eroismo, Infatuazione Avventata, Suggestione. 

Considerazioni Finali: questo personaggio è un face seducente che utilizza varie magie e capacità per crearsi degli alleati temporanei e per impartire qualche bonus al resto del gruppo. Per arrivare ad avere una succube (o un incubo!) è necessario sacrificare solo qualche fattura e scegliere un patrono tematico. In combattimento questo personaggio non è diverso da un classico buffer/debuffer, ma in una campagna incentrata sulla narrazione e sull'intrigo può essere veramente utile e interessante.

VAMPIRO I
Livello Minimo: 3

Razza: la scelta migliore è il dhampir, possibilmente una variante che fornisca bonus al Carisma. Abbiamo molte opzioni tra talenti e tratti razziali che ci riconducono ai vampiri veri e propri, e sarebbe un peccato non sfruttarle. 

Classe: una qualunque va bene, ma trovo abbastanza interessante l’antipaladino con l’archetipo cavaliere del sepolcro. 

Talenti: abilità focalizzata (Religione) per poter accedere a stirpe stregonesca (sanguinaria). Qui il Master deve mostrarsi magnanimo e permettervi di scegliere una stirpe che, purtroppo, è legata ad un archetipo. RAW (Rules As Written, ovvero prendendo le regole alla lettera) non sarebbe possibile, ma ritengo che non sia una concessione in grado di infrangere il gioco, e un buon Master con una salda presa sulle regole dovrebbe potersi rendere conto della cosa e concedervi questa opzione. Del resto vi serve solo il potere del livello 1, il quale vi permette di bere sangue per recuperare punti vita, una capacità non esattamente potente, e più che altro tematica e divertente da portare al tavolo da gioco. 

Considerazioni Finali: questa è praticamente una miglioria del dhampir standard, ma aggiungendo l’antipaladino si può capitalizzarne l’uso di energia negativa per guarire dalle ferite. Inoltre grazie all'archetipo al lv20 (un po’ tardi, in realtà) il tipo del personaggio cambia da umanoide a nonmorto, completando il tema del vampiro.
VAMPIRO II
Livello Minimo: 1

Razza: caldeggio la scelta dell'umano. Ci interessa più del dhampir in questo caso, perché fornisce un talento bonus. In realtà vanno bene anche altre razze, la scelta è abbastanza libera in questo caso. Volete un nano succhiasangue? Scegliete il nano!

Classe: probabilmente la scelta migliore in questo caso è l'oracolo. Come già per il Ghoul, potrebbe essere interessante il mistero delle Ossa, ma non è l’unica opzione. Antenati, per esempio, può essere altrettanto tematico. Ciò per cui siamo qui è la maledizione: ve n’è una che risponde al nome di vampirism e funziona parecchio bene! Se volete sfruttare appieno il mistero delle Ossa potete, invece, scegliere la maledizione hunger, la quale fornisce un morso e la capacità di afferrare creature più piccole. Ancora, il mistero Lunar concede alcune capacità interessanti per un vampiro come la possibilità di assumere una forma animale, quella di farsi crescere un attacco naturale (morso) e pure la possibilità di usare il Carisma al posto della Destrezza per la Classe Armatura. Come ben sappiamo dalla letteratura di genere, i vampiri hanno un certo legame con lupi, topi e pipistrelli, e non è raro trovare queste bestie in compagnia di questi nonmorti. 

Talenti: come per la prima versione del Vampiro, e per il resto possiamo selezionare i talenti che più ci piacciono. L'umano ha un tratto razziale alternativo che si chiama studio focalizzato, e che concede tre iterazioni del talento abilità focalizzata, rispettivamente al lv1, al lv8 e al lv16. Il primo lo abbiamo già scelto, gli altri due possono essere quello che più desideriamo. Ritengo, però, che furtività e percezione siano sempre utili. 

Considerazioni Finali: l’oracolo è abbastanza versatile, lo si può giocare come fullcaster o combattente secondario. Praticamente la maledizione vampirism da sola sorregge tutto il personaggio. Entrambe queste versioni del vampiro sono in pratica semplici estensioni di un concetto già abbastanza facile da realizzare tramite la scelta oculata di una razza (la prima versione) o una classe (la seconda). 

Leggi tutto...

Oggi su Kickstarter #11: Victor-Untold Reveries

Grazie a "Oggi su Kickstarter" avete avuto modo di conoscere alcuni dei progetti lanciati sull'omonima piattaforma di crowdfunding. Una cosa che salta immediatamente all'occhio è come fossimo principalmente focalizzati sul campo dei GdR. Oggi cambieremo questa tendenza parlandovi di un prodotto totalmente diverso da quelli a cui siete stati abituati da questi schermi: Victor-Untold Reveries, un videogame in 2D per PC, prodotto da una piccola azienda italiana, Voidward Pyramid Studios.
Cosa ci avranno proposto questi ragazzi, che si definiscono scenograficamente come i "guardiani della fantasia"? In questo articolo faremo in modo di scoprirlo, grazie ad alcune succose anteprime.

Siete veramente svegli?
Victor-Untold Reveries è ambientato nella Detroit degli anni '90, dove un esperto detective privato, Victor Gooms, indaga sulla sparizione di Colin Payne. Un caso come tanti altri, se non fosse che ad assegnarglielo non è stato altro che il capo della polizia Fred Cooper. Il detective, di cui i giocatori devono vestire i panni, non è certo un cavaliere in armatura scintillante pronto a sconfiggere il male: il caso è "lavoro", nient'altro che la normale vita di tutti i giorni. Ma Victor non sa che questo caso sarà molto più che l'ennesimo fascicolo da archiviare in ufficio.
Nel corso dell'indagine, il nostro detective scoprirà verità ai cui gli uomini non dovrebbero avere accesso: un intero mondo, il Regno della Notte, esiste nascosto sotto la nostra realtà, un luogo abitato da poteri invisibili e inquietanti, misteriose figure che giocano con l'umanità come pedine su una scacchiera. Il gioco vuole proprio riflettere su questa dualità tra la mediocrità della vita del protagonista e le ombre che, suo malgrado, si trova costretto ad affrontare, quasi fosse capitato in un enorme incubo.
Riuscirà Victor a svegliarsi e a portare alla luce la verità?

Fedora e Trench: il sistema di gioco
Il gioco, pensato per un singolo giocatore, sarà diviso in tre diverse modalità d'azione, che rappresenteranno momenti differenti di questa avventura al cardiopalma. Saranno previste, oltre alla storia principale, un grosso numero di missioni secondarie, che il giocatore potrà accettare in base al proprio gradimento. E ora passiamo a presentarvi il funzionamento di questo sistema descrivendovi le tre parti in questione.
Mentre Victor è in Esplorazione, il giocatore potrà muoversi per le vie di Detroit e di Brookhaven. Le azioni compiute durante questa fase permetteranno al nostro detective di interagire con alcuni PNG, che potranno essere Interrogati o potranno fornirci delle missioni secondarie, e di visitare edifici peculiari, in cui si potrà iniziare un'Indagine. Si potrà anche decidere di indugiare per le strade o per gli edifici della città, cercando di scoprirne le particolarità con nessun altro scopo se non quello di soddisfare la propria curiosità.
Gli Interrogatori, invece, non sono altro che dei dialoghi più complessi, in cui il giocatore dovrà scegliere alcune opzioni per "distruggere" la barriera innalzata dai possibili testimoni in modo da proteggere i loro segreti. Ma state attenti: basta un passo falso per far chiudere la bocca ad una persona o, peggio, per farle rivelare solo parte delle informazioni che possiede in uno scatto di rabbia, le quali potrebbero guidarvi sulla strada sbagliata. 
Le Indagini sono, infine, la modalità che vede il giocatore interagire direttamente con l'ambiente: una singola sequenza verrà fissata sullo schermo, come se si trattasse di una fotografia, e si dovrà cercare indizi e prove usando uno dei più classici meccanismi "punta e clicca". Questi oggetti, oltre a guidare il personaggio sulla strada corretta, potrebbero inoltre essere usati durante un Interrogatorio per ottenere una immediata confessione dal testimone, schiacciato dalle prove che gli presentate.
A tutti voi, a questo punto, sarà rimasta una domanda: si potrà interagire con il Regno della Notte? Questo gioco non deluderà le vostre attese: grazie allo Sguardo della Notte, infatti, Victor riesce a penetrare la barriera tra i due mondi, osservando quel riflesso oscuro e distorto in cerca di segreti che la luce del sole non gli permette di cogliere. Ma le possibilità non finiscono qui: durante l'Esplorazione sarà possibile trovare dei portali per quel mondo parallelo, dove Victor si troverà ad affrontare personalmente orrori a cui nessun uomo vorrebbe assistere. Allo stesso tempo, questo Regno gli permetterà di ottenere indizi normalmente introvabili, magari imbastendo un Interrogatorio con uno degli strani abitanti di questo posto o Indagando su una scena sospetta.

Victor nella Tana dei Draghi
Victor-Untold Reveries è un gioco che potremmo definire di casa qui nella Tana dei Draghi. Uno degli sviluppatori del gioco, nonché Producer dell'azienda, è @athelorn, uno degli utenti storici di questo forum.
Siamo lieti di potervi presentare un gioco prodotto da uno dei pilastri di questa comunità e speriamo proprio che questo interessante progetto veda la luce. Tutti gli utenti che decideranno di giocarci, infatti, potranno osservare un simpatico easter egg che sono certo li colmerà di orgoglio. Vi state chiedendo cosa sia? Se ve lo rivelassimo non terremmo fede al titolo che vi stiamo presentando!
Link utili:
Pagina del Kickstarter: https://www.kickstarter.com/projects/voidwardpyramid/victor-untold-reveries?ref=discovery
Sito ufficiale degli sviluppatori: https://www.voidwardpyramid.com/
Leggi tutto...
Accedi per seguirlo  
  • inserzioni
    14
  • commenti
    120
  • visualizzati
    496

Riguardo a questo blog

Benvenuti o viandanti. Sedetevi e riscaldatevi al camino, bevete qualcosa che scacci il freddo dalle ossa stanche e rilassatevi. Godetevi questi attimi di pausa.

Inserzioni in questo blog

 

E dopo sei mesi...

...siamo ancora pieni di cose da fare. l'università, il lavoro, gli amici, la famiglia.. tutte cose che prendono (giustamente) tempo, richiedono impegno e non sempre se ne ha a sufficienza per tutti. mi dispiace davvero di non riuscire a dare ad ognuno quello che si merita ma purtroppo si arriva a sera con altre cose da fare e ti tocca rinunciare alle cose che dovrebbero darti più piacere. "i sons of Odhin sono divisi" è vero. al momento siamo separati dalle mille cose. si spera di tornare presto assieme! a conti fatti spero di finire presto questa laurea per poi smettere di studiare. due lauree sono più che sufficienti. se dovrò fare altra formazione (e dovrò per il lavoro che faccio) sarà breve e poco impegnativa. non ne posso più di passare le serate sui libri e spendere parte dei miei stipendi. finisco questa laurea e poi basta! e per il lavoro... bhe speriamo che continui! ringrazio pad per sto sfogo, mi è venuta voglia di scrivere qui dopo il suo sms.

Balder

Balder

 

2009. Cominciamo bene.

Bon.. eccoci nel 2009. Volevo scrivere un intervento nel blog ai primi di Gennaio ma vuoi per un motivo, vuoi per l'altro non l'ho mai fatto. Che dire, è iniziato il tanto fatidico 2009. Già si sente nell'aria la Crisi e a volte pare non accorgersi che pian piano sta arrivando perchè troppo preso dalle mille cose. Poi.. a scuola leggi nel tema dell'alunna che suo padre è a casa dal lavoro; il marito della tua collega che stimi tantissimo (sia lei che lui) è in cassa integrazione, non ci sono fondi nelle scuole per attivare i laboratori... E realizzi. E ti rendi conto di quanto sei fortunato a non sentirne (per ora) gli effetti. Speriamo davvero di riuscire a farcela, intendo al lavoro. In ufficio fin troppo spesso si parla di risparmiare, di tenere d'occhio le spese... Ma veniamo a noi. Sto 2009 è iniziato così così. Troppe cose da fare e troppo poco tempo per farle tutte. Ho dovuto mettere da parte diversi progetti che avevo in mente. Tra lavoro e tirocinio le giornate mi sfuggono senza che abbia il tempo di realizzare cosa sto facendo. Tra due settimane cominciano seriamente le lezioni in classe. Finalmente mi metto alla prova come insegnante. Le "prove" fatte con i ragazzi al lavoro sembrano buone. Chissà...? Solo vorrei aver davvero più tempo, o anche saperlo gestire meglio. Speriamo che sto periodo di alta marea passi, che smetta di farmi trascinare e riuscire a prendere in mano la situazione. Mi rendo conto rileggendo i miei post qui che sto prendendo una vena decisamente malinconica. Ho riletto i messaggi di zanna e simone sui buoni propositi, e sulla mia situazione. Non avrei diritto di lamentarmi troppo. Forse è solo la stanchezza di questa ennesima giornata che si fa sentire. Bene. Un altro sfogo per cominciare bene quest'anno. Dai che forse la settimana prossima tornerò a scrivere qualcosa di più "carico". Almeno, nonostante tutto la nota positiva c'è: sembra che una certa strada si stia tracciando davanti a me. Ma è come un albero che sta germogliando, che mette su i primi fiori. E' uno spettacolo e al momento non me lo posso godere. Posso solo sperare, in futuro, di poterne cogliere i frutti.

Balder

Balder

 

Anno Zero

Oramai sto costellando il 2008 di tanti Anni Zero. Punti ideali di nuovi inizi. Lunedì mattina in cui si prende l'impegno di migliorare e di fare qualcosa. Talvolta riesce, spesso no. Sento il bisogno di maggior convinzione nelle scelte che faccio. Se continuo così manderò a ramengo diverse cose. Tra un mese finisce il 2008. Di cose ne sono accadute, i miei buoni propositi li ho quasi portati a termine tutti. Oramai è arrivato il momento di tirare il bilancio, di farsi due conti in tasca e vedere cosa di buono e bello si è fatto in questi 12 mesi. Eh... tutto sommato non è andata male, parlando di obiettivi personali. La morte di Claudio ci ha segnato e di questo ne ho già e se ne è già parlato molto, il quadro che ho in camera mi rammenta sempre ciò che ho vissuto in questi ultimi sei mesi. Se tutto andrà come deve andare vivrò il cambio di anno a fianco di persone davvero importanti, festeggierò con loro per la prima volta il mio compleanno, cosa a cui tengo, non tanto per la festa in sè, ma per la loro presenza. E mi auguro che da questa esperienza io possa ricavare qualcosa, uno stimolo, per il 2009. Come per l'iniziativa, si stilano 100 cose da fare e la centesima dice: pensa ad altre 100 cose. Un nuovo anno zero sta per cominciare.

Balder

Balder

 

Il lato oscuro della Vita

Da tempo una domanda riecheggia nella mia mente, non ha una forma definita, forse non è neanche una domanda... o meglio si palesa come tale per rendersi meglio comprensibile e permettermi di angosciarmici sopra. Mi sento, da tempo, di sprecare il tempo concessomi. Vorrei fare tante cose, ma quando mi accingo a iniziare, un demone dentro di me mi spinge all'inerzia, al lasciare perdere, al lasciarmi scorrere lungo il tempo. E' una brutta sensazione questa. Perchè mi sembra di buttare via gli anni, definiti i migliori della vita. Ho finito di studiare, sto lavorando (al 50% del potenziale) e poi... che altro... i buoni propositi del 2008 li ho in parte realizzati ma mi sembra così poca roba. A volte mi soffermo a pensare a cosa sto facendo, e mi assale una tristezza che ben conosco, perchè alla fine non mi rimane in mano niente. A quasi 24 anni mi sembra di non aver nulla alle spalle. Vorrei poter fare di più ma la Pigrizia vera mi tiene incollato a terra. Eppure non dovrei dire così, di cose ne ho fatte. Ma allora... perchè sono così insoddisfatto di me stesso? Spero che settembre porti una nuova carica positiva. Voglio iscrivermi all'università di nuovo, voglio ricominciare ad andare in palestra (ora sono fermo solo perchè mi sono trasferito, il progetto "Vin Diesel01 - War Big" continua), iscrivermi (se i costi lo permettono) a scherma medievale, imparare alcune cose che mi serviranno, e mettere nero su bianco alcune idee che mi ronzano in testa. Mi piacerebbe davvero che nel vedere realizzate queste cose io mi possa sentire in parte a posto, mi auguro che sia così. Altrimenti... non so davvero dove sbattere la testa. Vedo la Vita come un lungo cammino, la Meta in fondo che ci aspetta, e noi angosciati non prestiamo attenzione al percorso, non ci godiamo il paesaggio, perchè abbiamo solo la Meta negli occhi. Vorrei potermi guardare intorno e ammirare la Bellezza che mi circonda, voltarmi indietro e vedere le tracce che ho lasciato. Questo... il lato oscuro della vita.

Balder

Balder

 

Odi et Amo

10 cose che odio e 10 che amo... Odi 1 - l'acquetta che si forma sul fondo del bicchiere degli spazzolini 2 - non trovare una cosa che sapevo benissimo essere lì fino a poco tempo prima 3 - i ritardi dei mezzi pubblici (fs in primis) 4 - la batteria del cellulare che molla proprio quando serve 5 - fermarmi a pensare alle mille e mille cose che mi aspettano a breve, sembrano quasi schiacciarmi 6 - non aver abbastanza tempo per fare tutto quello che vorrei fare 7 - certi atteggiamenti in certe persone 8 - i sentimenti negativi 9 - l'idea che la vita stia andando un po' a rotoli 10 - il mio atteggiamento un po' inerte di fronte alla Vita et Amo 1 - l'odore dei castagni in fiore 2 - il caldo del camino d'inverno 3 - il fresco di cantina d'estate 4 - l'odore del legno 5 - quando mi riesce un disegno 6 - i mille progetti che ho per questo autunno 7 - una buona birra al momento giusto 8 - le amicizie che vengono riscoperte ogni volta 9 - il mio fratellino 10 - la Vita, come dice Zel, un po' bastarda a volte, ma (e qui citazione) meravigliosa!

Balder

Balder

 

Prima di partire... alcune riflessioni

Ciao a tutti. Voglio lasciare un post qui nel blog prima di iniziare questa nuova esperienza. Cominciamo con il raccontare cosa andrò a fare per un mese e mezzo a Montecreto, vicino a Sestola, in provincia di Modena. L'associazione dei comuni limitrofi a Sestola (compresa) ha messo su un iniziativa chiamata "Cimone in famiglia". Si traduce in interventi di animazione nei comuni partecipanti. Quest'anno abbiamo vinto noi. Ci toccano due mesi di interventi in 9 comuni diversi. Una media di due interventi al giorno in due comuni diversi. La mia cooperativa incasserà circa 25.000 euro per questa cosa.. non male. A me è toccato l'onere e l'onore di andare, dato che al lavoro siamo in pochi a conoscere davvero bene il Ludobus (il nostro mezzo di animazione), pertanto con una pacca sulla spalla il mio capo mi manda là, in un appartamento di 1/2 metro quadro da dividere con due persone, in un convento gestito da 5 pinguine nel nulla dell'appennino. Ovviamente internet non sanno neanche che cos'è. Però.. (spero) il clima sarà più fresco. Vivo al momento un dualismo. Da un lato sono carico, questo incarico fa bene al portafogli della cooperativa, mi farò un esperienza di "indipendenza" dalla famiglia, e proverò a stare un po' lontano da tutto e tutti. Dall'altro mi dispiace andarmene. Ho diverse cose da fare qua e mollare tutto così mi sa di male. Va bene che ogni venerdì sarò a casa e che rivedrò il mio gruppo di amici con la stessa cadenza settimanale (ergo non cambierebbe quasi nulla) però... c'è quel qualcosa in più che mi cambia... Se poi ci aggiungiamo le espressioni tristi dei miei bambini e degli educatori al centro estivo quando ho comunicato che non ci sarei stato per i prossimi due mesi e che quindi ci si rivede l'anno prossimo.... l'idea di partire è apparsa sempre meno allettante. Ma sono esperienze da provare... sicuramente ne ricaverò qualcosa nel bene o nel male. Anche se tra noi si sta parlando troppo ultimamente di trasferimenti e allontanamenti da casa.. eh no ragazzi! O si va via tutti assieme o non si fa nulla! - - - - - - - - - - - - - - - - - - Volevo dedicare uno spazio qui a Gid. Non ne ho parlato ancora qui nel blog, ho detto qualcosa nei topic ma qui nulla... e ora tutto quello che avevo in mente da scrivere non riesco a metterlo giù. L'altra sera Hiade mi dice "io e te dobbiamo parlare di religione" probabilmente il discorso sarebbe caduto sulla morte di Claudio, sul fatto che sia giusto o meno che Dio abbia accolto così presto Claudio in cielo... Dio non toglie ma dà solamente. Per Claudio era giunto il momento, se ne è andato lasciandoci tanti doni, avvicinandoci come non mai. Egoisticamente sono contento di aver passato gli ultimi giorni con lui. A lui ho dedicato uno spazio della mia firma, a lui dedico la sua canzone almeno una volta al giorno quando accendo il pc. Grazie Claudio, ci hai fatto un dono che, purtroppo, non saremo mai in grado di restituirti. Credo che l'unico modo per farti capire quanto lo apprezziamo sia viverlo pienamente. Il giorno del tuo funerale, quando il sole mandava il suo raggio attraverso le nubi, io lì vedevo (con un tocco da sceneggiatore dei migliori film) te che illuminavi dall'alto la scena... per poi bagnarci quando ti abbiamo dato l'ultimo saluto. Ora che Michael Turner è morto vi immagino voi due lassù che disegnate per i vostri fan. Ho giocato la tua avventura di Esilio con i bambini del cre. Purtroppo ho dovuto accorciarla per mancanza di tempo ma si sono divertiti lo stesso. E dopo i tuoi consigli al cungi ho intenzione di mettermi seriamente dietro al disegno, ho conosciuto una futura collega che è esperta di arte e disegno. Mi darà una mano a migliorarmi. Sei stato l'impulso che mi mancava per iniziare. Anche questo è un tuo dono. Sei e sarai sempre il migliore. Ci mancherà il tuo chiacchiericcio continuo ai raduni. Bene. Dopo il doveroso omaggio a Claudio mi ritiro. Domani mattina si parte, ci vediamo tra una settimana, epurate i bimbiminkia, vivete felici e vi auguro tante buone cose. A presto, Michele o il baldo e calvo Balder.

Balder

Balder

 

Minkia l'ammore e più Cungi per tutti

Ed eccoci di nuovo qua. Nell'ultima settimana ho avuto modo di staccare tre giorni dal lavoro e dalla vita qui a Faenza. Ci volevano. In occasione del matrimonio di un parente siamo partiti con tutta la famiglia alla volta di Sefro, minuscolo paesino nelle montagne marchigiane, terra d'origine della mia famiglia (da parte di padre), e luogo in cui ho passato parte della mia infanzia, in cui ho vissuto diverse esperienze, insomma lì ci ho lasciato una parte del mio cuore. Il matrimonio è stato lungo, molto. Ritrovo ore 9 a casa dello sposo per un rinfresco pre nozze, poi ore 11 matrimonio in una piccola chiesetta in pietra situata sulle mura della città vicino con un sagrato molto medievale. Come location meritava davvero. E poi il pranzo. Dalle 14 fino alle 20 (e oltre per chi è rimasto). Cibo ottimo, porzioni giuste, un buffet di antipasti meraviglioso.. con pesce, tanto pesce.. Le emozioni tante, i sorrisi degli sposi dicevano tutto. Sono stati tre giorni davvero belli. Il lato B della festa. La gogliardia là è terribile. Tradizione vuole che si imbratti le strade del paese con scritte di augurio o sfottò (più sfottò che auguri). Dalla porta d'ingresso della casa dello sposo parte subito un bivio che porta alla Condanna o alla Salvezza, alla macchia. Davanti alla chiesa del paese "Scopare è lecito, r'cacciarlu è mejo" eccetera. I ceci messi sotto al cuscino degli sposi quando si devono inginocchiare in chiesa, e il libretto del matrimonio con foto porno e formule sbagliate. E ovviamente durante il pranzo nuziale la proiezione di foto della festa di addio al celibato e nubilato.:lol: E poi i retroscena che non si sanno subito, come il patacca che svuota un estintore nel garage del fratello dello sposo (il perchè non si sa). E il tocco di classe... il cannone che sparava riso (soffiato) e coriandoli sugli sposi. Il paese è cambiato, hanno rimesso a nuovo le strade dando un aspetto più storico, mi piace, sono sempre più convinto di voler passare la mia vecchiaia lì. CUNGIIIIII Dopo la riunione soci e Stomaci Roboanti X il prossimo evento DL è il tanto agognato CUNGI. Spendiamo due parole per l'evento di aprile. Sono queste cose che mi fanno amare la DL e mi fanno programmare le ferie in base al calendario raduni. Ogni pranzo o cena che sia, sono momenti magici, tanti i discorsi, le chiacchere... Grazie Ragazzi Davvero!! E ora Cungi! Tre giorni con voi!! Se Hiade si eccita pensando a "Ci vediamo domani" chissà cosa farà pensando a tre giorni!! A presto ragazzi!!

Balder

Balder

 

Ritorno al Santuario del Divin Porcello

Ciao. Ho aspettato a postare qui perchè volevo raccontarvi di ieri sera. Siamo ritornati al santuario del maiale e del vino su nei monti romagnoli per festeggiare degnamente la mia laurea e quella dell'Angus. Che dire... vino buono (e stavolta senza fondo), carne buona (credo, non ricordo il sapore), affettato spesso un mignolo (!!!) e la compagnia degli amici! Una serata da ricordare: credo di aver caricato su di peso Feuris e che ci sia stato un estremo momento di intimità tra noi :lol: (ecco ora mi picchierà), la ghiaia tiratami addosso da qualcuno, le benedizioni di acqua e vino, e le tante bevute fatte, l'indifferenza agghiacciante di Pinè che ha superato i miei DV eclissandomi, il bivio infido che ci fa arrivare in ritardo, le cavallette, più maiale e più vino, ma soprattutto più maiale, il sasso inutile quanto la mia laurea che fa bella figura nel mio ingresso, il ritorno a casa fatto nell'estremo stato di incoscienza e le corse sui carrelli della spesa trainati dall'auto, i prodotti per i capelli che non ho, le tre spade da samurai che fanno la loro degna figura in camera mia (ma cos'è... a ogni laurea regaliamo spade??), l'amnesia che ho ora di certi momenti a cena... E IL SACRO CUNGI CINGHIALE CHE DALL'ALTO OSSERVAVA E GIUDICAVA. LOOL come non dimenticare (io l'ho fatto) la gente che accusava il vino e noi, invincibili, implacabili un po' come i guerrieri del metallo. Belli e apprezzati i regali, che oggi, sotto una luce diversa (da meno sbronzo) ho saputo apprezzarli meglio. Beh ringrazio tutti quelli che erano su e spero abbiate passato una bella serata come l'ho passata io. Mi fate venire voglia di laurearmi di nuovo... Grazie ragazzi (e ragazze)!!

Balder

Balder

 

LIVE TO WIN - And now... i'm a Doctor

Ciao a tutti. Ho aspettato a postare nel blog perchè volevo parlarvi di ieri. Finalmente ieri, 12 marzo, mi sono laureato. Tre anni di università e ho finito in pari. La settimana precedente l'ho passata ripassando in continuazione la tesi e cercando di entrare nella mentalità giusta. La sera prima l'ho passata chattando con alcuni amici e ascoltando in loop "Live to win" che mi ha caricato oltre ogni modo!! Il 12 mi sono alzato alle 5 (aaargh) per essere alle 8 in facoltà. Quando mi sono vestito sembravo Lex Luthor: pelata d'ordinanza, giacca blu, camicia bianca, jeans chiari e scarpe doppia fibbia nere. Ho atteso fino alle 11.00 prima di entrare. Sono venuti i parenti e i compagni di corso e ho trascorso una mattina tranquilla. Quando sono entrato in 15 minuti scarsi ho discusso la tesi e subito dopo c'è stato il proclama: Dottore in Scienze della Formazione, Corso di Laurea in Educatore Sociale con un punteggio di 102 su 110. Che gran momento. I parenti commossi, gli amici contenti, il mio capo orgoglioso, mio padre veramente contento. Dopo le foto di rito ho fatto un rinfresco tranquillo e i compagni di corso mi hanno organizzato la festa dopo pranzo. E' stata una gran bella giornata. Come mi aspettavo. A breve posterò alcune foto. Alla sera, stanco e stremato sono andato a festeggiare con il primo gruppo di amici. Si prospettano due settimane di festeggiamenti. Quello che mi ha fatto più piacere finora sono state le lacrime di commozione nei miei genitori e nonni. E l'avere al mio fianco una persona in particolare, una a cui voglio davvero bene. Se non fosse venuta ieri non sarebbe stata la stessa cosa. Ho inserito DL nei ringraziamenti. Perchè è la prima volta che vivo una community così intensamente. Anche se è da poco che sono tornato attivo come utente mi sento bene qui, e per questo meritate di figurare nei ringraziamenti, perchè se mi trovo bene è per merito vostro. Bene. Direi che è tutto. Grazie a tutti e a presto!! PS: a Stomaci Roboanti X vediamo di farci scappare una bevuta alla laurea eh?

Balder

Balder

 

I buoni propositi del 2008

Come ogni anno mi faccio dei buoni propositi allo scoccare della mezzanotte del primo gennaio. Quest'anno ero partito con un po' di anticipo a farmeli nella speranza di mantenerli almeno per qualche mese. Con mia somma gioia si stanno realizzando in parte, e questo non può che fare bene al mio animo che finalmente (assieme al mio Ego) si sente realizzato. I buoni propositi sono: - Laurearmi (cosa che accadrà tra pochissimo) - Farmi assumere nella cooperativa in pianta stabile (cosa che è successa 18 giorni fa, e che spero continui e si sviluppi) - Realizzare il sogno comune di me, zel, pad e gad (questa richiede più tempo ma direi che ci siamo) - Perdere chili e arrivare ad un peso decente (questa l'ho programmata a lungo termine, un anno, quindi conto di perdere molto peso) Quest'ultima è quella che ovviamente mi costa di più ma che mi da molte soddisfazioni! La dieta combizzata con l'allenamento costante (grazie Zel per avermi dato la spinta finale per decidermi) sta dando i suoi frutti - 3kg in 3 settimane. Un costante e lento calo di peso che fa solo bene. Temevo che la montagna mi avesse fatto guadagnare peso invece è andata bene. L'operazione MareBello continua con successo! Ho avuto la fortuna di farla coincidere sia con la Quaresima che con la scoperta della mia intolleranza al lattosio che mi toglie buona parte dei dolci e formaggi e altre pietanze che non sono comprese nella dieta. Non tutto il male vien per nuocere. Direi quindi che a meno di due mesi dall'inizio 2008 ho realizzato due propositi su quattro. Non male... non male!

Balder

Balder

 

Di ritorno dalla Val di Fiemme

Ciao. Dopo una settimana di pausa ritorno a scrivere nel blog e soprattutto nel forum. In questa settimana sono stato in vacanza con la famiglia nella Val di Fiemme. Ero partito con un bel carico di pregiudizi e poca voglia di passare una settimana a stretto contatto con i famigliari. Per certe cose mi devo ricredere. Innanzitutto lo sci. Da un po' di tempo a questa parte stavo abbandonando lo sci poichè sciare con mio padre e mio fratello (il mezzano) vuol dire (di solito) avere qualcuno che ti pressa dietro e non ti lascia godere la montagna. Difatti i primi giorni li ho passati passeggiando per le salite da un rifugio all'altro, cosa che mi fa bene alle gambe e al fiato, poi negli ultimi giorni ho preso gli sci e... è andata bene, i miei non mi pressavano e mi sono goduto il nuovo stile affinato. I parenti. Grazie a Dio non ci sono stati scontri eccessivi, dormendo in due stanze diverse ho avuto modo di stare di più con i miei nonni (unico motivo che mi ha spinto ad andare) e ad avere un rapporto più sereno con i miei, addirittura ho riso e scherzato con mio fratello (ok ok... eravamo praticamente gli unici della nostra età in hotel). Le attività. Oltre alle scarpinate e allo sci mi sono dedicato alla presentazione della tesi (ancora da ultimare) e alla lettura (Eymerich!!), alla fine soddisfacente! L'hotel. Un incubo! Cibo scadente, cortesia zero, camere caldissime, cameriere che si prendono troppa confidenza (manco fossero belle), mi scassano perchè non ho detto che seguivo una dieta, gli do la dieta così sanno come regolarsi e non la rispettano, quando mi lamento dicono: "ma non l'abbiamo mica letta" e oggi alla partenza mi danno una sporta con gli yogurt comprati apposta per me che erano rimasti. Unici aspetti positivi dell'hotel: il Wellness con il bagno turco e l'idromassaggio...aaaah.., la birra un'ottima Weiss che non si rifiuta mai. Insomma una vacanza con alti e bassi. Probabilmente il prossimo anno dovrò fare i conti seriamente con le ferie e quindi salterò, così da sfruttare bene i giorni (ovvero: DL e fiere!!!). Spero di non aver guastato nè la dieta nè il programma di allenamento, però ho rimediato una bella abbronzatura! PS: sono entrato in una mega pasticceria e non sentito il benchè minimo segno di tentazione!!! mooooooooooo l'immunità dai dolci!!!! Ciao a tutti!!

Balder

Balder

 

Lode al maiale e alla vite

Stasera serata di lodi e ringraziamenti al dio suino protettore della Romagna e del sacro nettare frutto della gloriosa vite. In concomitanza del compleanno di uno di noi si va tutti da "Pinè", un circolo situato alle pendici dei monti appenninici attorno a Faenza. Arrivati lì leggermente in ritardo e con notevoli problemi di parcheggio ci infiliamo in tavoli messi lì come capitano. Piatto del giorno, per 365 giorni, maiale in tutte le forme. Mi aspettavo di più, ma abbiamo mangiato di gusto e il giusto. Bevuto a sufficienza da non riuscire a stare più dritti da soli, e sufficientemente allegri per importunare senza troppi sensi di colpa le donne presenti al tavolo. Una buona idea del festeggiato quella di vestirci tutti in tuta da lavoro. Abbiamo fatto la nostra degna figura. Peccato essere andato via prima ma domani, o meglio oggi vista l'ora, mi aspetta un viaggio fino alle Alpi con la famiglia. Insomma.. una buona serata per salutare i miei amici più cari e per divertirmi come non facevo da molto tempo. Grazie a chi era presente. Per tutti quelli di DL, a presto!

Balder

Balder

 

Appunti di fine giornata

Che giornata sgaffa... oggi dovevo andare a lavorare con la mia cooperativa a reggio emilia ma causa pioggia è saltato tutto... quindi mi sono ritrovato la giornata libera. Bene perchè cosi mi riposavo e mi davo alla nullafacenzia, Male perchè se ne vanno i soldi. E oggi mi è toccato lo shopping (aaaah se odio lo shopping) per comprare le scarpe da allegare all'abito per la laurea. E io che speravo in un pomeriggio di boardgame... E ieri il ristorante faentino che usiamo di solito per le feste di compleanno ha toccato il fondo. A parte il fatto che ogni festa di compleanno si trasforma in bolgia tra urla, canti e alcool che scorre a fiumi, sarà che eravamo in tanti, sarà quello che volete... ho atteso 1.30h per un piatto scarno di pasta (almeno era buona), dopo che ho esternato il mio disappunto al cameriere ho ricevuto una caraffa di birra offerta dalla casa (credo che ci hanno sputato dentro). E tanto per fare il bastian contrario invece di andare nella disco in cui tutti vanno perchè è IN, doposerata boardgame con alcuni amici che non vedevo da tanto e che pian piano iniziano ad apprezzare quei giochi in scatola tanto snobbati prima.

Balder

Balder

 

Un nuovo inizio?

Ciao a tutti. Oggi primo febbraio 2008 è una data da segnare sul calendario. Finalmente da oggi sono dipendente della mia cooperativa sociale. Dopo 4 anni di gavetta e semi sfruttamento ho finalmente firmato il contratto e ho versato le mie prime quote sociali. Ma non lo voglio considerare un punto di arrivo. Non voglio adagiarmi ora. Questa deve essere un occasione per lanciarmi in nuovi progetti lavorativi e non. Un altro avvenimento importante è che finalmente ho finito la tesi e lunedi la consegnerò in segreteria. Due anni di lavoro giunti a termine. E' stata una soddisfazione enorme stringere tra le mani la tesi rilegata, ma maggiore è stata quando l'ho data a mio padre, che ha sorriso di fronte al lavoro compiuto. Ah Mio padre, che si è sempre dimostrato contrario alle mie scelte professionali e universitarie, stavolta ha (credo e spero) provato un moto di orgoglio, dopotutto sono il primo in famiglia che si laurea... anche se non in quello che avrebbe scelto lui. Credo che non capirà mai, o meglio che non accetterà mai che abbia fatto scelte diverse. D'altra parte la vita è la mia. So di aver scelto un lavoro a rischio, che non mi darà un benessere economico, ma per ora rispondo (con una certa arroganza e spocchia giovanile) ma chi se ne frega!! Al momento ho trovato un lavoro che mi piace, se vengo pagato poco pazienza, tiro la cinghia per un po'. E da questo lavoro potrò finalmente mantenermi l'auto e iniziare a pagare a mio padre le rate. Direi che per ora basta così...

Balder

Balder

Accedi per seguirlo  
×

Informazioni Importanti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Ulteriori Informazioni.