Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Una Nuova Illustrazione di Larry Elmore per Dragonlance

L'iconico artista di Dragolance, Larry Elmore, ha finito una nuova illustrazione tutta al femminile legata alla celebre ambientazione.

Read more...

Uno sguardo a Dune 2d20

Diamo un'occhiata al nuovo GdR di Dune con questa recensione di Rob Weiland. 

Read more...

Cosa c'è di nuovo su Kickstarter: Fantasy World

Oggi andremo ad approfondire questo nuovo progetto lanciato su Kickstarter, sviluppato da un gruppo di game designer italiani pronti a reclamare il proprio posto nel mondo dei PbtA.

Read more...

In arrivo gli adattamenti televisi di Scion e del Mondo di Tenebra

La settimana scorsa sono stati rilasciati due annunci su dei futuri adattamenti per il piccolo e grande schermo di alcuni prodotti della fu White Wolf.

Read more...

Altri d20 Artefatti Magici

Goblin Punch ci propone altri 20 peculiari artefatti da introdurre nelle nostre campagne.

Read more...

Recommended Posts

Ho recentemente finito "Shadow of Self", il secondo libro della seconda era di Mistborn, dove sono presenti i primi riferimenti al "Cosmere". Chiedo quindi un consiglio agli altri appassionati: è sensato concludere la trilogia? Oppure sarebbe più opportuno leggere qualche altro libro di Sanderson, dato che la mia conoscenza del Cosmere si ferma a Scadrial?

Link to post
Share on other sites

  • Replies 12
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Piccolo dettaglio sarà una quadrilogia (Alloy of Law, Shadow of Self, Bands of Mourning, The Lost Metal). Per quanto mi riguarda dipende molto se dopo hai intenzione o meno di passare alle altre

Dici Edgedancer (ce l'ho in inglese non so come l'abbiano tradotto)? Sarebbe il caso di leggerlo dopo il secondo libro della Folgoluce. Per Mistborn: Secret History, potrebbe valer la pena di leg

Diciamo che una volta che uno è consapevole dell'esistenza del Cosmere leggersi Mistborn: Secret History (che alla fine è la parte corposa di Arcanum Unbounded) prima di avventurarsi nella Folgoluce c

  • Moderators - supermoderator
29 minuti fa, Ian Morgenvelt ha scritto:

Ho recentemente finito "Shadow of Self", il secondo libro della seconda era di Mistborn, dove sono presenti i primi riferimenti al "Cosmere". Chiedo quindi un consiglio agli altri appassionati: è sensato concludere la trilogia? Oppure sarebbe più opportuno leggere qualche altro libro di Sanderson, dato che la mia conoscenza del Cosmere si ferma a Scadrial?

Piccolo dettaglio sarà una quadrilogia (Alloy of Law, Shadow of Self, Bands of Mourning, The Lost Metal).

Per quanto mi riguarda dipende molto se dopo hai intenzione o meno di passare alle altre serie oppure no. Se vuoi farlo a mio allora ci potrebbe stare fermarsi e mettersi in pari con alcune cose. Nell'ordine leggiti Elantris, Warbreaker (in italiano Il Conciliatore) Arcanum Unbounded e i primi due libri delle Cronache della Folgoluce, poi passa a Bands of Mourning e il terzo della Folgoluce.

E se mai hai interesse di discutere di questo fandom sappi che ne sono un grande fan da tempo.

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites

Avevo intenzione di approfittare di questi giorni per mettermi alla pari con i romanzi di Sanderson (che è praticamente l'anti-Martin sotto questo aspetto). Grazie per il consiglio, seguirò il tuo suggerimento.

1 ora fa, Alonewolf87 ha scritto:

E se mai hai interesse di discutere di questo fandom sappi che ne sono un grande fan da tempo.

Mi farebbe piacere, anche se ne conosco molto poco.

Non ho trovato moltissimi fan di Sanderson in Italia. Ed è un vero peccato, merita veramente molto. 

Link to post
Share on other sites
  • Moderators - supermoderator
46 minuti fa, Ian Morgenvelt ha scritto:

Mi farebbe piacere, anche se ne conosco molto poco.

Non ho trovato moltissimi fan di Sanderson in Italia. Ed è un vero peccato, merita veramente molto. 

Al di là del Cosmere di per sè possiamo anche semplicemente parlare di Mistborn, mi va benissimo comunque 😄

Sì in effetti non ho trovato molto gente che lo conosca (se non magari per il fatto che ha terminato La Ruota del Tempo)

Link to post
Share on other sites
11 ore fa, Alonewolf87 ha scritto:

Al di là del Cosmere di per sè possiamo anche semplicemente parlare di Mistborn, mi va benissimo comunque 😄

Con vero piacere, allora. Inizio subito a farti una domanda sulla prima era: anche tu hai trovato Vin molto meno interessante di qualunque altro personaggio? Mi è piaciuto moltissimo il colpo di scena sul finale (magistrale, IMHO), che ha in parte rotto la sua caratterizzazione come Mary Sue, ma mi è comunque sembrata un po' banale rispetto al resto del "cast".

Link to post
Share on other sites
  • Moderators - supermoderator
33 minuti fa, Ian Morgenvelt ha scritto:

Con vero piacere, allora. Inizio subito a farti una domanda sulla prima era: anche tu hai trovato Vin molto meno interessante di qualunque altro personaggio? Mi è piaciuto moltissimo il colpo di scena sul finale (magistrale, IMHO), che ha in parte rotto la sua caratterizzazione come Mary Sue, ma mi è comunque sembrata un po' banale rispetto al resto del "cast".

Sì Vin non è proprio scritta benissimo rispetto al resto del cast principale, ma ti posso assicurare che negli anni ha imparato a scrivere molto meglio sia i protagonisti (di qualunque sesso), che i personaggi femminili in genere. Per dire Shallan e Jasnah de Le Cronache della Folgoluce oppure Vivenna e Siri di Warbreaker sono decisamente migliori.

Link to post
Share on other sites
9 ore fa, Alonewolf87 ha scritto:

Sì Vin non è proprio scritta benissimo rispetto al resto del cast principale, ma ti posso assicurare che negli anni ha imparato a scrivere molto meglio sia i protagonisti (di qualunque sesso), che i personaggi femminili in genere. Per dire Shallan e Jasnah de Le Cronache della Folgoluce oppure Vivenna e Siri di Warbreaker sono decisamente migliori.

Vin difetta come protagonista più che come personaggio femminile (a mio parere). Tindwyl e Allrianne, che appaiono solo nel libro successivo, sono personaggi molto interessanti, per esempio. 

E ho notato come i protagonisti migliorino già con i libri della seconda era. Wax non mi fa impazzire (non mi piacciono i personaggi "tenebrosi e tormentati"), ma lo trovo molto più gradevole di Vin.

Cambiando argomento, ti chiedo di farmi un piccolissimo spoiler (che metto come contenuto nascosto).

Spoiler

Sapresti dirmi se esistano dei libri che espandano la storia e le identità "umane" di Ruin e Preservation? Mi hanno incuriosito moltissimo.

 

Link to post
Share on other sites
  • Moderators - supermoderator
7 minuti fa, Ian Morgenvelt ha scritto:

Vin difetta come protagonista più che come personaggio femminile (a mio parere). Tindwyl e Allrianne, che appaiono solo nel libro successivo, sono personaggi molto interessanti, per esempio. 

Vivenna, Kaladin, Wayne, Jasnah sono protagonisti decisamente migliori. C'è poi da dire che le Cronache della Folgoluce ha essenzialmente cinque protagonisti primari quindi diventa anche più facile mostrare varietà narrativa

Spoilerone

Spoiler

Sì e no. Non sono state mostrate direttamente, ma si sono scoperti ulteriori dettagli sulla loro origine. La serie che dovrebbe approfondire quei retroscena si chiamerà Dragonsteel e verrà pubblicata tra le terza e la quarta serie di Mistborn (sì ce ne sono quattro programmate a vari livelli di avanzamento tecnologico, la terza sarà a tecnologia dei giorni nostri, la quartà sarà stile fantascienza). Sappi comunque che hai già avuto modo di "incontrare" alcune volte un personaggio direttamente collegato al passato di Ruin e Preservation nei libri di Mistborn

 

Link to post
Share on other sites
15 minuti fa, Alonewolf87 ha scritto:

Vivenna, Kaladin, Wayne, Jasnah sono protagonisti decisamente migliori. C'è poi da dire che le Cronache della Folgoluce ha essenzialmente cinque protagonisti primari quindi diventa anche più facile mostrare varietà narrativa

Spoilerone

  Rivela contenuti nascosti

Sì e no. Non sono state mostrate direttamente, ma si sono scoperti ulteriori dettagli sulla loro origine. La serie che dovrebbe approfondire quei retroscena si chiamerà Dragonsteel e verrà pubblicata tra le terza e la quarta serie di Mistborn (sì ce ne sono quattro programmate a vari livelli di avanzamento tecnologico, la terza sarà a tecnologia dei giorni nostri, la quartà sarà stile fantascienza). Sappi comunque che hai già avuto modo di "incontrare" alcune volte un personaggio direttamente collegato al passato di Ruin e Preservation nei libri di Mistborn

 

Wayne è un capolavoro. Tralasciando che credo che sia impossibile non farsi piacere quell'uomo. 

Per rispondere allo spoiler

Spoiler

Sapevo delle quattro serie, idea che adoro. Cercherò con piacere questi riferimenti, magari li comprenderò solamente quando mi sarò messo in pari con gli altri libri.

 

Link to post
Share on other sites
  • 3 months later...

Riesumo la discussione perché mano a mano che continuo a leggere i libri mi stanno sorgendo dei dubbi a livello pratico. Ho finito il Conciliatore ed Elantris e sto per iniziare Arcanum Unbounded. Mentre stavo per acquistarlo mi è caduto l'occhio sulle novelle presente, con una che viene indicata come parte delle Cronache della Folgoluce. Può essere letta tranquillamente anche senza gli altri romanzi (come se fosse un prequel, diciamo) o sarebbe meglio leggerla in un secondo momento?

Link to post
Share on other sites
  • Moderators - supermoderator
1 ora fa, Ian Morgenvelt ha scritto:

Mentre stavo per acquistarlo mi è caduto l'occhio sulle novelle presente, con una che viene indicata come parte delle Cronache della Folgoluce. Può essere letta tranquillamente anche senza gli altri romanzi (come se fosse un prequel, diciamo) o sarebbe meglio leggerla in un secondo momento?

Dici Edgedancer (ce l'ho in inglese non so come l'abbiano tradotto)? Sarebbe il caso di leggerlo dopo il secondo libro della Folgoluce.

Per Mistborn: Secret History, potrebbe valer la pena di leggersela dopo i libri di Wax & Wayne ma non è così obbligatorio (sicuramente svela molti retroscena della prima trilogia di Mistborn)

La cosa bella è che puoi prenderti Arcanum Unbounded e poi leggerti solo le novelle che non ti spoilerano cose.

Ad ogni modo molto consigliate le graphic novel di White Sand se ci metti sopra le mani, se ti interessa di più l'argomento scrivimi in PM.

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, Alonewolf87 ha scritto:

Dici Edgedancer (ce l'ho in inglese non so come l'abbiano tradotto)? Sarebbe il caso di leggerlo dopo il secondo libro della Folgoluce.

 

Esatto, il titolo è quello. Mi consigli comunque di leggere il resto di Arcanum Unbounded prima di iniziare la Folgoluce? Sempre nell'ottica di farmi un recap sul Cosmere.

11 minuti fa, Alonewolf87 ha scritto:

Ad ogni modo molto consigliate le graphic novel di White Sand se ci metti sopra le mani, se ti interessa di più l'argomento scrivimi in PM.

Farò qualche ricerca, allora! Ho letto che una piccola parte è contenuta in Arcanum, una ragione in più per acquistarlo, a questo punto. 

Link to post
Share on other sites
  • Moderators - supermoderator
8 ore fa, Ian Morgenvelt ha scritto:

Esatto, il titolo è quello. Mi consigli comunque di leggere il resto di Arcanum Unbounded prima di iniziare la Folgoluce? Sempre nell'ottica di farmi un recap sul Cosmere.

Diciamo che una volta che uno è consapevole dell'esistenza del Cosmere leggersi Mistborn: Secret History (che alla fine è la parte corposa di Arcanum Unbounded) prima di avventurarsi nella Folgoluce ci potrebbe stare. Alcune novelle come The Emperor's Soul, Sixth of the Dusk e Shadows for Silence si possono leggere in maniera estemporanea senza preoccupazioni.

Tra l'altro la parte su Allomancer Jak fa sbudellare dalle risate, leggitela appena possibile dopo i libri di Wax & Wayne.

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Similar Content

    • By MadLuke
      All'inferno sono trascorsi numerosi millenni da quando Lucifero è caduto dall'Alto, insieme agli ex-angeli, ora trasformati in orrendi demoni dalla loro bramosia. Di lui non si ha traccia e il governo è affidato al legittimo reggente, il principe Belzebù, che governa la capitale Dis. Oltre a lui spicca il gran demone Sargatanas che governa Adamantirax, seconda città del regno; ma mentre Belzebù è ancora in preda alla superbia e governa nell'intento di creare la più grande città di sempre, ancorché terrificante e corrotta, per dimostrare che non ha bisogno del Paradiso, Sargatanas invece è conscio della loro presunzione e del fatto che è stato vittima dell'affascinante retorica di Lucifero. Governa quindi con ferocia, ma al solo scopo di realizzare una soluzione dignitosa.
      Col passare del tempo Sargatanas arriva però alla conclusione che per quante terre possa conquistare, e per quanti dannati possa possedere, nulla lo potrà mai ripagare di quello che ha perso, si rende conto che non esiterebbe a distruggere tutto quello che ha creato nei millenni "solo per poter rivedere per un momento il viso di Lui".
      Ancorchè vittima di pesanti dubbi, primo fra tutti quello di star peccando di presunzione, esattamente così come fece Lucifero prima della sua caduta, intraprende la più grande guerra sia mai stata condotta all'inferno, direttamente contro Belzebù, animato solo da una flebile speranza, che dall'Alto possano vederlo, che si rendano conto che lui è pronto ad annientarsi per rinnegare gli sbagli del passato, e magari possano nuovamente accettarlo tra loro.
      Non so quanto il romanzo sia rispettoso delle tesi della teologia cristiana ufficiale, quello che più mi ha colpito ed emozionato è la ricerca della bellezza da parte del protagonista, il demone Sargatanas, pure nel contesto più corrotto e decrepito che possa esistere, mi ha dato la certezza che non è mai troppo tardi per cambiare, per ricominciare a essere uomini.
      Voto: 5/5
    • By MadLuke
      Ho voluto leggere questa trilogia su consiglio di un amico, e perché avevo già letto con gran soddisfazione quella del Mare Infranto (anche se pubblicata successivamente). Dopo un poco di delusione nei primissimi capitoli, derivante dall'assistere alla comparsa di personaggi che sembravano piazzati a caso, l'intreccio entra rapidamente nel vivo. I personaggi acquistano rapidamente sia spessore psicologico (anche se non quanto quelli della saga di George Martin, ad eccezione dell'inquisitore Glotka di cui leggiamo anche i pensieri) che ruolo nello svolgimento degli intrighi e guerre che incombono. I colpi di scena si susseguono ma senza mai scadere nell'eccesso, e le scene si tingono di rosso sangue (decisamente più di quanto succeda nella saga di Martin, per fare un ultimo paragone), sia nelle battaglie che nei duelli, resi con grande varietà e nitidezza di dettagli ognuno, sia nelle trame oscure che sottendono alla vita di corte.
      Tra i principali meriti dell'opera io ne ho apprezzati principalmente due: senza mai tradire l'ambizione epica, viene costantemente palesato il dubbio di tanti personaggi, molto diversi tra loro, sul senso ultimo delle loro azioni. Su come bene e male siano concetti che si prestano facilmente a intepretazioni relative, mai pienamente sostenibili senza ammantarli con almeno un poco d'ipocrisia, in fin dei conti sempre sostenuta dal nostro ego, dalle piccole ambizioni e meschinità personali. E poi l'opera catartica che svolge la morte, l'unica vera foriera di pace interiore, l'unica in grado di sottrarre gli uomini alla fatica e all'angoscia di vivere, anche di restituirgli un po' di umanità vera o apologetica che sia, mentre chi sopravvive è suo malgrado svelto nel reimmergersi nelle stesse solite abitudine, vizi e debolezze.
      Preziosi aforismi sulla bocca dei personaggi, o anche famose citazioni storiche a presentazione delle diverse parti, sintetizzano perfettamente i temi che vanno a svolgersi nei capitoli successivi, e offrono uno spunto di riflessione in più per il lettore.
      Voto: 5/5
    • By Nyxator
      Girovagando nel magico tubo delle meraviglie in cerca di musiche per gdr mi sono ritrovato in quel di Barovia.
      No, davvero, non scherzo. All'inizio ho pure pensato fosse qualcosa di ufficiale, alla chessò "levo la scatola bara kitsch e ci schiaffo il cd audio."
      Invece è una playlist fanmade con 13 (più una contenitore) musiche per Curse of Strahd.
      Siccome imho è assai azzeccata e magari torna utile, ve la segnalo. 
       
       
      (Nota: i titoli potrebbero contenere piccoli spoiler su nomi di png e location)
       
       
      P.S: sul canale ho visto che in questo periodo l'autore sta postando quelle per Rime of the Frostmaiden. 
    • By Aranar
      Da domani esce in edicola a cura di Hachette la collana dei libri dedicati a Forgotten Realms e Dragonlance. Purtroppo le informazioni sono piuttosto confuse, pare saranno 53 libri (ma si conoscono i titoli solo dei primi 4) ma non trovo il piano dell'opera
    • By Codan il bardo
      No, mi spiace, non ho sbagliato sezione e né traduzione, perché quello di cui vi sto per parlare non è il famoso gioco da tavolo fantasy "Black Rose Wars", ma del suo romanzo.
      Purtroppo non posso darvi altri dettagli in merito (almeno, non ancora), ma posso invitarvi tutti ad un'intervista che chiarirà molte cose a riguardo. Non mancate!
      Clicca qui per partecipare


×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.