Jump to content

Capitolo I - So long and thanks for all the beer [Alphius]


Alphius

Recommended Posts

Come è ben noto, molto spesso, l'apparenza inganna.

Ad esempio, gli umani si sono ritenuti da sempre gli esseri più intelligenti del mondo riportando come scusa a loro favore il fatto di avere inventato un sacco di cose. Ok, avevano inventato i carri, le guerre, l'omeopatia, i giochi di ruolo... ma questo li rende "solo" la terza razza più intelligente del pianeta.

Prima degli umani ci sono i nani; questi erano visti come esseri grezzi, volgari e solitari scavatori di miniere a tempo perso i cui sport nazionali sono le gare di rutti e prendere a capocciate i muri. In realtà i nani sono provetti incantatori, architetti, ingegneri, studiosi, professionisti minatori... e di certo sono stati gli unici a predire l'avvento dell'imminente catastrofe, a differenza degli umani; questi ultimi probabilmente erano maggiormente interessati al vano tentativo di ottimizzare un monaco mezzelfo con il voto di povertà.

I nani invece tentarono invano di avvisare tutti gli abitanti del globo circa la minaccia incombete ma nessuno sembrava interessarsi a loro finché una notte tutte le popolazioni naniche sparirono misteriosamente lasciando un messaggio inciso sulle rispettive montagne: "ADDIO E GRAZIE PER TUTTA LA BIRRA"

Il pomeriggio seguente, uno studioso si trovava in una taverna a sorseggiare un orzo in tazza grande dopo una mattinata intera trascorsa a fare le solite ricerche senza avere ottenuto il minimo risultato, come al solito. All'improvviso alza il capo chino sulla tazza rivolgendo il suo sguardo attonito davanti a sè; aveva trovato la soluzione a ciò che lo turbava, qualcosa che avrebbe reso il mondo un posto migliore. Si alzò di scatto, era emozionatissimo, felice... ma purtroppo non fece in tempo a condividere con nessuno tale rivelazione.

Ciò non è ancora avvenuto, manca solo qualche ora... o anche meno...

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 9
  • Created
  • Last Reply

@Cinder:

Spoiler:  
Viaggiando sei arrivato a Neverwinter, non ci eri mai stato. Non conosci nulla di questa città ma parlando con chi ti ha dato informazioni per raggiungerla hai avuto l'impressione che sia un luogo pieno di opportunità, ottimo posto per trovare un modo di valutare la tua forza e il tuo onore. La via che stai percorrendo non ha nulla di particolare, poca gente in giro a causa dell'ora, è mezzogiorno. Non noti nulla a parte la normalità.

@Harper:

Spoiler:  
Ti sei svegliato da poco, è circa mezzogiorno. Sei nella stanza di una taverna a Neverwinter. Non ti ricordi il nome della taverna perché sei arrivato in tarda notte ed eri molto stanco. Anche se il posto non è dei più economici hai voluto permettertelo, solo per assecondare le richieste di quell'essere che per l'ennesima volta era apparso nei tuoi sogni. Dubiti di ciò che hai sognato, forse è solo follia, ma la mancanza di altri compiti ti ha portato a prendere tale decisione, principalmente per noia. Comunque ora sei intenzionato a cercare qualcosa da fare.
Link to comment
Share on other sites

Mi aggiro lungo le vie della città, con il roningasa, l'ampio cappello di paglia, che mi nasconde il volto, e un lacero mantello che copre gran parte del corpo: non voglio che il mio peculiare aspetto disturbi i passanti. E tuttavia cammino con orgoglio al centro della strada, come si conviene ad un guerriero addestrato nelle mie terre d'origine; la mia meta è la piazza centrale della città, nella speranza di trovare una bacheca in cui siano affissi annunci interessanti e offerte di lavoro. In alternativa anche una taverna o una locanda vanno bene: non ho bisogno di mangiare o riposarmi, ma l'esperienza mi ha insegnato che in questi posti è facile trovare chi ha bisogno di aiuto o servizi.

@TUTTI

Spoiler:  
[ATTACH=CONFIG]10165[/ATTACH]

@DM

Spoiler:  
È un problema se quando parlo uso invece questo modo per "simulare" una voce metallica e innaturale?
Link to comment
Share on other sites

Certo che Mask potrebbe anche essere meno criptico, porco Tempus! Questo è il primo pensiero della mattina mentre allaccio il mio pratico vestito nero. I raggi di luce filtrano attraverso le tende violette, dando alla stanza un'atmosfera che trovo gradevole. Il tutto però viene sostituito dal profondo senso di irritazione che provo da giorni

Da settimane mi sposto da taverna in taverna, da città in città per seguire gli "oscuri disegni" di questa divinità capricciosa e adesso pure questo: una taverna in cui una notte costa quasi due monete d'oro! Sei uno scadente dio dei ladri se incoraggi i tuoi seguaci ad essere derubati in questa maniera!

Nessuna risposta, al solito.

Sbuffando, scendo le scale. Ripenso alla situazione in cui sono ed ho la sensazione di essere come un bimbo che fa i capricci poiché non comprende gli insegnamenti del padre. Dissimulando un atteggiamento aperto, amichevole e non eccessivamente espansivo, mi avvicino al bancone e chiedo qualcosa da mettere sotto i denti. Mentre l'oste prepara qualsiasi cosa abbia a disposizione cerco di intavolare una conversazione, sfoggiando un ampio sorriso:

Allora buon uomo, come procedono gli affari? Sai mica che divertimenti Neverwinter possa offrire ad un forestiero come me?

@DM

Spoiler:  
Hey! Mask è il dio dei ladri, non un'entità misteriosa del cavolo! ;-)

Se serve: Raccogliere informazioni.

@Tutti

Spoiler:  
Farò la descrizione fisica quando entrerò in contatto con Cinder, tanto il master la conosce già, d'accordo?
Link to comment
Share on other sites

@Tutti:

Spoiler:  
Chiedo scusa per aver tardato nella risposta. Se anche voi potete postare poco a causa degli esami siete più che giustificati! xD Inoltre devo riscrivere tutto perché per un problema di connessione ho perso la risposta...

@Cinder:

Spoiler:  

Percorrendo la strada arrivi in una piazza con una grande fontana al centro. C'è poca gente e non sembri attirare molto l'attenzione. Non trovi bacheche o annunci ma ci sono dei negozi e una taverna.

@Harper:

Spoiler:  

Non vedi nessun altro a parte l'oste; è un uomo anziano corpulento, barba bianca e capelli lunghi bianchi raccolti in una coda di cavallo. Qualcuno da uno sportello sul muro dietro il bancone gli passa la colazione che lui appogia di fronte a te sul bancone. Ti parla con tono molto cordiale e sembra felice.

"Gli affari? Benissimo! Oggi è il mio ultimo giorno di lavoro, da domani sto in pensione dopo oltre cinquanta anni trascorsi a faticare giorno e notte per poter vivere! In questa città puoi trovare qualsiasi cosa ti serva, anche se credo di aver capito cosa cerchi..."

Si appoggia al bancone con i gomiti come per avvicinarsi e ti parla sottovoce.

"Sembri un avventuriero... vedi là?" Fa un cenno con la testa in direzione di un separatore. "Dietro c'è un cliente molto importante, specialmente per me che gli sto facendo credito... Sta cercando qualcuno per un lavoro e ancora non gli ho trovato nessuno disposto ad offrirsi. Non vorrei fare brutta figura con un cliente del genere, credo che sia una di quelle persone che pensano che le taverne siano un ufficio di collocamento! Se sei interessato ti consiglio di andarci a parlare prima di darmi il tuo denaro, dice di di avere molto da offrire e di occuparsi di tutte le spese!"

Link to comment
Share on other sites

Rapidamente mi pappo ciò che mi ha passato l'oste, sperando davvero che il tipo pagherà per me.

Felice per te e la tua pensione, buonuomo, ti ringrazio per il consiglio! Se davvero quell'individuo crede di trovarsi in un centro assunzioni non ho che da farmi avanti!

Saluto con un sorriso e un cenno del capo l'anziano oste e mi dirigo verso l'uomo misterioso celato dal divisorio. Un cliente abituale di questa costosa taverna dietro un separatore, piuttosto promettente.. speriamo sia un grosso pollo da spennare!

Torno serio, e con passo sicuro e portamento professionale varco il separatore e, senza perdere un istante mi "propongo"

Buongiorno e perdoni il disturbo, ma ho saputo che cercate qualcuno. Forse potrei fare al caso vostro.

Dopodiché, con occhio esperto, osservo chi realmente ho davanti.

Link to comment
Share on other sites

Con calma faccio un giro della piazza dando un'occhiata ai vari negozi e alla gente di passaggio, per farmi un'idea della città e dei suoi abitanti. Se non noto nulla di strano, alla fine entro nella taverna e chiedo una stanza: anche se non ho bisogno di dormire, mi serve un luogo in cui sistemarmi per il periodo di permanenza in città. Fatto questo, inizio ad informarmi, parlando con l'oste, riguardo avvenimenti interessanti degli ultimi giorni e se ci sia la possibilità di qualche lavoro extra.

Link to comment
Share on other sites

@Harper:

Spoiler:  

Appena passato oltre il separatore vedi una persona seduta mentre sta appoggiando un enorme boccale di birra sul tavolo, rimani sorpreso da ciò che ti si presenta; vedi una bellissima elfa con un lungo vestito bianco scollato e un seno prosperoso in risalto, lunghi capelli biondi sotto un velo celeste dello stesso colore degli occhi. Sul tavolo di fronte a lei c'è il boccale di birra vuoto e una piccola ciotola vuota.

Si rivolge a te con una voce bellissima e affascinante, con molta grazia.

"Sono contenta di poter parlare con un probabile interessato. Avrei bisogno di qualcuno molto forte che mi faccia da guardia del corpo, che non distolga mai l'attenzione da me e mi tenga sott'occhio in ogni momento della giornata. Spero che tu non sia qui in cerca di denaro perché non ne ho, ma ho molto di più da offrirti..."

Ti sorride, poi arriva il locandiere portando un altro boccale di birra e una ciotolina piena di arachidi salate, appoggia tutto sul tavolo. L'elfa gli rivolge la parola.

"Per favore, porti la stessa cosa anche per questo signore e una bottiglia del vino più costoso. Ovviamente metta tutto sul mio conto, grazie mille."

Il locandiere fa un cenno con la testa e se ne va. L'elfa distende il braccio verso la sedia alla sua destra, come per invitarti a sedere, e con la mano sinistra prende il boccale e comincia a bere.

@Cinder:

Spoiler:  

Nella taverna non vedi nessun altro a parte l'oste; è un uomo anziano corpulento, barba bianca e capelli lunghi bianchi raccolti in una coda di cavallo. Qualcuno da uno sportello sul muro dietro il bancone gli passa un boccale di birra e una ciotola di arachidi salate che lui prende con le mani. Ti parla con tono molto cordiale e sembra felice, non sembra avere strane reazioni al tuo modo di parlare.

"Nulla di nuovo, a parte strane dicerie sui nani... poco importa, tanto quì in città non se ne vedono da anni. Adesso dovrei andare a servire un cliente importante, sta cercando qualcuno per alcune faccende e dice di essere in grado di offrire molto. Se sei interessato ti consiglio di andarci a parlare, forse troverai qualcuno disposto a pagare al posto tuo! Fortunatamente io non ho più problemi di lavoro, da domani sono in pensione! Ah ah ah..."

Si dirige oltre un separatore scomparendo per qualche secondo, poi riappare senza nulla in mano. Percepisci delle voci da quella direzione ma non sei capace di sentire il discorso.

@Tutti:

Spoiler:  
Per le prossime volte: se non state insieme usate gli spoiler! :)
Link to comment
Share on other sites

@DM

Spoiler:  
Cerco di controllare la crescente libidine alla vista di quell'elfa, così succintamente provocante

Ti prego fa che non sia un'illusione, ti prego fa che non sia un'illusione, ti prego, fa che non sia un'illusione!

Poi però ritorno sospettoso, non mi piace molto l'accostamento tra le parole "non ho" e "denaro". Spero comunque che quello che ha da offrire non sia semplicemente ciò che nasconde (male) sotto i suoi vestiti, poiché sono qui per affari.

Tuttavia, al gesto della sua mano mi sedio. Non c'è motivo di non ricambiare la cortesia: sorrido e, di tono gioviale, affermo:

L'oste mi aveva assicurato che un individuo qua dietro mi avrebbe offerto la colazione, non mi aspettavo un'intera bottiglia del miglior vino disponibile..

Aggiungo ammiccando, mentre mi prendo la libertà di spiluccare un'arachide:

Né mi aspettavo certo un'interlocutrice così graziosa!

Link to comment
Share on other sites

@DM

Spoiler:  
Mi avvicino al paravento, ma educatamente non ascolto la conversazione dall'altra parte; resto invece in attesa che i due finiscano di parlare per presentarmi a mia volta. Intanto faccio cenno all'oste di informare l'uomo che attendo di parlargli.
Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

×
×
  • Create New...