Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Cosa c'è di Nuovo su Kickstarter: Red Giant e Thurian Adventures

Andiamo a scoprire assieme le novità in campo GdR attive in questi giorni su Kickstarter.

Read more...

Avventure Investigative #8: Un Tocco di Spoiler

D&D può essere usato per creare delle avventure investigative interessanti? Eccovi l'ottavo articolo di una serie in cui espongo le mie idee in merito.

Read more...

Sondaggio sugli Incantesimi

I giocatori di D&D 5E sono chiamati a fornire la loro opinione sugli incantesimi del Manuale del Giocatore.

Read more...

West Marches: Creare la Vostra Campagna

Dopo una lunga pausa torniamo a parlare di West Marches: dopo aver visto come era organizzata la campagna di Ben Robbins, creatore originale di questo stile di gioco, vedremo come poterne creare una nostra ed imparare a gestirla.

Read more...

Operazione YANKEE IREM

In questo nuovo articolo Gareth Ryder-Hanrahan fornisce un nuovo spunto di avventure a tema lovecraftiano, unendo l'ambientazione di due GdR basati su GUMSHOE

Read more...

Cronaca:gli ordini del re


gingy_94
 Share

Recommended Posts

Ok, premetto che questa è la prima volta che faccio la cronaca di una delle mie avventure. L'ho iniziata per caso ed invece mi ritrovo ad usarla. è ancora incompleta dato che la campagna è tutt'ora in corso, ma volevo farvela leggere per un parere. Grazie a tutti dell'aiuto e dell'interessamento

-Gli Ordini Del Re-

Spoiler:  
Notte. Una figura estranea osserva da lontano una torre illuminata dalla luna. La spia si muove lentamente verso il suo obiettivo. Non ha fretta. Sa che la notte lo assisterà ancora per molto. Quanto basterà per completare la sua missione. I suoi compagni lo seguono, formando una silenziosa fila. Ogni componente del piccolo gruppo ha i nervi tesi, attenti ad ogni minimo segnale che potrebbe giungere loro dalla silenziosa e quieta notte che li circonda. Si avvicinano sempre di più all’imponente torre, nella cui cima si trova il loro obiettivo. Documenti che potrebbero mettere in difficoltà il loro re. D’un tratto il gruppo si ferma vicino al muro che divide il villaggio alla grande torre costruita al centro della piazza. Una guardia staziona di fronte all’ingresso. Quell’entrata non va bene. La prima regola della missione è di mantenere l’anonimato ed infiltrarsi all’interno senza procurare allarmi. D’un tratto, il chierico del gruppo, Olevram, che è anche il più interessato alla storia, interrompe il prolungato silenzio. Esiste un’altra via per entrare nella torre. Una via che nessuno usa più da tempo. Collega l’esterno all’armeria interna della torre. Serve che qualcuno vada a controllare. Eram, il ladro del gruppo, si offre volontario. Tra tutti, è probabilmente quello che sa muoversi più silenziosamente degli altri. Scivolando agilmente tra le ombre, si avvicina al presunto posto del passaggio. Ma non appena avvicinatosi alla torre e svoltato l’angolo, si ritrova davanti una guardia che sorveglia qualcosa. Forse il passaggio segreto? La guardia tuttavia sembra non notare il suo vicino nemico. Uccidere la guardia è fuori discussione. Un minimo errore potrebbe compromettere la missione e mettere a repentaglio la vita sua e dei suoi compagni. C’è solo una cosa da fare: uscire allo scoperto e far allontanare la guardia con qualche scusa. Cercando di sembrare il più credibile possibile, si avvicina alla guardia e, con espressione spaventata, la allarma raccontandole che ci sono dei fantomatici banditi nel villaggio. La guardia sembra crederci. Corre all’interno della torre ad avvertire il capitano lasciando il luogo incustodito. Eram sorride compiaciuto. Nel frattempo i compagni, rimasti vicino al muro, vedendo la guardia correre dentro la torre, temono per la sorte del compagno, credendo sia stato scoperto. Ma i loro sospetti vengono subito smentiti dalla comparsa di un raggiante Eram. Informata dell’allontanamento della guardia, la comitiva si sposta al luogo del passaggio, scoprendo con stupore che non c’è traccia alcuna di tunnel o porte o qualsiasi cosa che possa indicare un accesso alla torre. Ma Ferin, il mago del gruppo, nota che un muro è diverso dagli altri . C’è una sezione della parete che sembra più nuova del muro che la circonda. Avvicinandosi, scopre che quel punto è davvero più recente del resto della costruzione. Con l’aiuto dei suoi compagni Olevram ed Eram, cercano di scansare le pietre più velocemente possibile. Sanno che il trucco dei finti banditi non potrà durare ancora per molto. Improvvisamente i tre distinguono un abbaiare lontano. Probabilmente le guardie stanno tornando. Affrettandosi ancora di più, Ferin ed Eram si affrettano a liberare la porta, che si inizia già a distinguere, mentre Olevram va a controllare se si avvicini qualcuno, iniziando a preparare un incantesimo da scagliare al primo malcapitato che si avvicini troppo al gruppo. Gocce di pioggia iniziano a scendere, mentre finalmente la porta diventa di nuovo agibile. Unico problema, è chiusa. Ma questo non è un problema per l’addestrato Eram che apre facilmente la porta, seppure un po’ malamente per via della fretta e della tensione. L’abbaiare dei cani si fa sempre più vicino, mentre il gruppo si lancia nel passaggio stretto e polveroso, e chiudendo la porta dietro di loro. Ma il passaggio sbuca direttamente nell’armeria, in cui una guardia si stava armando. Notando il trio apparso dal nulla, la guardia urla e cerca di uscire dalla stanza. Ma Eram è più veloce. Puntando dritto alla gola del nemico, uno Shuriken si pianta esattamente dove aveva mirato il ladro. La guardia si accascia al suolo senza emettere un suono, incredula e sanguinante ma ancora cosciente. Ferin la finisce con un fulmine scaturito dalla sua bacchetta. Quindi, si avviano verso la porta che darà l’accesso finalmente alla torre. Muovendosi in modo da non farsi vedere da nessun nemico, Eram si avvia, seguito da Ferin. Olevram rimane ad osservare per un attimo l’armeria. Illuminato da delle lanterne, in un lato della stanza, si trova un tavolo con delle carte spiegate sulla sua superficie. Le osserva cercando di capire se posano essere quelle che cercano. Nel frattempo Eram e Ferin entrano in una grande sala. Alla loro sinistra e alla loro destra ci sono due immensi portoni di legno, mentre davanti a loro delle maestose scale che portano al secondo piano. Ma ai due lati delle scale ci sono due guardie, una per lato, che si avvicinano minacciose ai due. Tuttavia, non sembrano aver notato Eram. Ma hanno decisamente visto il chierico. Parlottando fittamente tra di loro, si avvicinano al povero chierico, chiedendo di farsi riconoscere. Cercando di ingannare le guardie, le racconta che è un ospite attesso da ufficiali...
Link to comment
Share on other sites


non è male... magari il mio dm facesse avventure così :-D

molto buono l'incipit della storia, forse ci sono un paio di ripetizioni quando scrivi della porta nascosta, ma tutto sommato buona

c'è questo errore

Le osserva cercando di capire se posano essere quelle che cercano.

dovrebbe essere possano giusto?

comunque io darei un buon 7+ XD

p.s. scrivi appena puoi il finale sono curioso ^^

Link to comment
Share on other sites

  • 4 months later...

beh, è destino di topic del genere decadere e diventare parte della storia di DL dopo un po...comunque bene! mi è piaciuta, ma avrei alcune osservazioni se non ti dispiacciono:

1) mettici un po più di pepe: cinematografico non vuol dire commerciale! prendo come esempio il punto dove il mago Olevarm si tiene pronto ad attaccare un eventuale testimone mentre si apre la porta: potrebbe diventare da così:

Spoiler:  
Olevram va a controllare se si avvicini qualcuno, iniziando a preparare un incantesimo da scagliare al primo malcapitato che si avvicini troppo al gruppo.

a così:

Spoiler:  
Olevarm si appiattisce contro il muro, e silenziosamente si allontana dai compagni mentre comincia a mormorare la prima parte di un incantesimo. Se qualcuno, per caso, si avvicinasse, non vivrebbe abbastanza da poter raccontare dell'accaduto.

altra cosa che può essere migliorata è la descrizione dei personaggi: mi piacerebbe capire come sono fatti e come parlano:il ladro Eram per esempio: è un halfling astuto o un brutale mezz'orco? ha dei tic mentre parla? si sa destreggiare con le parole?

Dopo questi piccoli consigli (che sono comunque assolutamente personali) ti saluto con un grande applauso per la storia che sta uscendo, semplice ma intrigante! bravo! (o brava?)

Link to comment
Share on other sites

Ciao!

Ho letto velocemente il tuo elaborato.

Considerata la tua età direi che è un ottimo punto di partenza per migliorarsi.

In primo luogo la punteggiatura è quasi corretta, la qual cosa, guardando ad altri scritti di ragazzi della tua età, non è comune ai giorni nostri. In secondo luogo le frasi sono scritte in italiano.

Passiamo ai punti che secondo me potresti migliorare:

-Lista della spesa: il racconto, probabilmente a causa del fatto che è stato ricalcato da un PbF, risulta quasi una lista della spesa, dove siano scritte, in rigoroso ordine cronologico ed in modo talvolta distaccato e freddo, le diverse azioni dei pg. Facciamo un esempio:

Affrettandosi ancora di più, Ferin ed Eram si affrettano a liberare la porta, che si inizia già a distinguere, mentre Olevram va a controllare se si avvicini qualcuno, iniziando a preparare un incantesimo da scagliare al primo malcapitato che si avvicini troppo al gruppo.

Oltre a ripetere il verbo affrettarsi, in questa frase fai una vera e propria lista della spesa. Proviamo a rielaborarla in modo da renderla meno distaccata e fredda. "E' la fretta a controllare le azioni di Ferin ed Eram mentre cercano di liberare la porta della torre ed è il timore di ciò che al suo interno potrebbe celarsi a spingere Olevram a preparare un incantesimo: nessun nemico potrà passare illeso la soglia."

Il consiglio relativamente a questo problema è il seguente: rielabora le frasi di modo che risultino più avvincenti e non un semplice resoconto di ciò che avviene e di ciò che i pg provano.

-Punteggiatura: come ho scritto nell'introduzione al post, la punteggiatura è quasi corretta. Faccio qualche esempio di punti dove stride:

Si avvicinano sempre di più all’imponente torre, nella cui cima si trova il loro obiettivo. Documenti che potrebbero mettere in difficoltà il loro re

Tralasciando per il momento il fatto che si scrive "sulla cui cima" e non "nella cui cima", la frase avresti dovuto scriverla così: "Si avvicinano sempre di più all'imponente torre, sulla cui cima si trova il loro obiettivo:documenti che potrebbero mettere in difficoltà il loro re".

L’abbaiare dei cani si fa sempre più vicino, mentre il gruppo si lancia nel passaggio stretto e polveroso, e chiudendo la porta dietro di loro.

A parte il fatto che questa frase non è scritta in italiano, la punteggiatura è evidentemente sbagliata.

Tuttavia, non sembrano aver notato Eram. Ma hanno decisamente visto il chierico. Parlottando fittamente tra di loro, si avvicinano al povero chierico, chiedendo di farsi riconoscere. Cercando di ingannare le guardie, le racconta che è un ospite attesso da ufficiali...

Oltre a cadere in pieno nell'errore "lista della spesa", questa frase deve essere rielaborata per quanto riguarda la punteggiatura.

Facciamo un esempio: "Tuttavia non sembrano aver notato Eram, ma hanno decisamente visto il chierico; parlottando fittamente tra di loro, si avvicinano al povero Chierico (questa è un ripetizione), chiedendogli di farsi riconoscere. Cercando di ingannare le guardie, egli (dato che abbiamo cambiato soggetto è neccessario o mettere egli o mettere il suo nome!) gli (non le!) racconta di essere un ospite atteso da ufficiali.

-Ripetizioni e varie: nel testo ci sono molte ripetizioni e alcuni errori grammaticali, come il le di cui sopra, da correggere: provvedi!

Conclusione: prova a rielaborare il testo cercando di correggere gli errori che ho evidenziato!

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Doria, innanzitutto ti ringrazio per i consigli. Devo però ammettere che appena li ho letti mo sono spaventato xD

grazie a te ho capito che l'italiano è un labirinto vero e proprio. Non sarà facile rielaborarlo, ma vedrò cosa potrò fare. Grazie davvero. Cercherò di migliorare i punti che mi hai consigliato e vedrò di non fare più liste della spesa.

Ciao!!

Link to comment
Share on other sites

Gingy secondo me hai preso le mie critiche in maniera sbagliata. Ho commentato di modo che tu potessi migliorare non solo il testo in questione ma il modo in cui scrivi. Il fatto di sbagliare deve essere la ragione per cui nuovamente si torna a scrivere.

In fin dei conti tu hai scritto quasi in italiano, che alla tua età è già un ottimo risultato per i tempi che corrono! Io a sedici anni non scrivevo di certo così! Ho scritto qualche miliardo di volte prima di imparare ad abbozzare frasi accettabili!

Quindi: continua così! Sfrutta le critiche per migliorarti e posta qui la rielaborazione della Cronaca di modo che si possa giudicarla insieme! ;-)

Buon Lavoro!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.