Jump to content

Brauntigan

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    674
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

93 Gigante

About Brauntigan

  • Rank
    Antico
  • Birthday 11/04/1982

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  • Location
    Firenze
  • GdR preferiti
    Terre di Tuscia, Cthulu 2a ed, WFrp, D&D, LuT, Symbaroum
  • Occupazione
    Una bega...
  • Interessi
    Troppi
  • Biografia
    ...

Recent Profile Visitors

949 profile views
  1. Zaren Guardo Miclaus. Me ne fotto dei nobili gesti, ma... Ci porti tu dall'altra parte di queste montagne? Hai idea di come uscire da questi dannati cunicoli in cui ci siamo ficcati? Beh, se si, avanti e facci strada. Altrimenti recuperariamo questa lontra senza piagnucolare, e il tricheco ci porta fuori. Andiamo. Abbiamo perso fin troppo tempo in chiacchere. Ah, se una volta fuori volessi ignorare la richiesta del tricheco, libero di farlo.
  2. Zaren Perfetto. Per me è sufficiente... Mi rivolgo ai compagni Andiamo?
  3. Zaren Si, sicuro... Va tutto bene... Ma come la riconosciamo una lontra particolare tra quelle che potremmo trovare? Alla fine per noi una lontra vale l'altra, non so se mi spiego...
  4. Zaren Un tricheco parlante... E gli altri animali riuniti nella penombra della caverna... Assurdo. Quasi mi viene da ridere... Digrigno i denti... Certo, meglio qui che sotto una valanga. Alla fine queste bestie c'hanno salvato la pelle. Come ha detto giustamente il mio compagno, grazie per il provvidenziale aiuto. Attraversare le montagne per finire stecchiti sotto ad una valanga non avrebbe certo valso tutta la fatica fatta, dico bene? Ah, e quale sarebbe il motivo di questo salvataggio? Non soltanto la bontà d'animo a quanto pare...
  5. Zaren Dannazione! Che freddo infame! Stavo più al caldo in una bara... sussurro. L'aria è troppo fredda per aprir troppo la bocca. Non dovevo venirci quassù... Era meglio il Calimshan... L'avevo detto io, che giù in Calimshan non ci saremo ghiacciati i coglio... Un rombo improvviso. Come un tuono sordo, ma molto più intenso. Mi volto... Ci mancava solo una tempesta, adesso... Una fottuta tempes... No! Dannazione! UNA VALANGA! Schizzi di neve e ghiaccio ovunque! Rocce che rotolano per ogni dove... Un blocco di ghiaccio si schianta a tre passi da me Dannaz
  6. Spaccabue Ancora sotto a tutta quest'acqua. Almeno non c'ho paura come l'altra volta. Mi garba comunque poco tornare la sotto, ma almeno non rischio di pisciarmi nelle brache. Lancia in pugno ma guardo intorno
  7. Spaccabue Scuoto la testa e mi allontano per buttarmi su un'amaca. Un è possibile voler ritornare là sotto. Un è per noi. Si farà la fine di quei pesciacci che assaltarono la città... Fuori dalla loro terra... Anzi dal loro mare ce li siamo pappati tutti... Stavolta mi sa che toccherà a noi esser sgranocchiati... Comunque un posso abbandonare i mi compari.. Proprio no...
  8. Spaccabue Dopo esterno tolto l'armamentario nanico per scender sott'acqua sono incarognito come non mai. Ma guarda te se devo schiattar sotto a tutta st'acqua... Mica mi pare una cosa furba! Un è possibile! Un so mica un pesce schifoso! E c'ho du piedi! Non c'ho le pinne, se non s'era capito! Son fatto per starmene sulla terra, io! O sull'acqua se proprio devo! Ma sotto... Scuoto vigorosamente la testa. Tornare la sotto non mi garba per nulla...
  9. Spaccabue Dopo aver ammazzato gli strappacarne scendiamo ancora. Intorno c'è solo acqua... Blu e buia più giù che scendiamo... Comincia a montarmi la paura. Me la sto quasi facendo nelle brache. Gl'è peggio qua di quando ho portato via quel bambino dall'incendio, ad Alcova... Almeno lì c'avevo i piedi ben piantati a terra... Stringo i denti. Non mi piaceva prima e mi piace ancor meno ora...
  10. Spaccabue Mi spoglio ed iniziò ad indossare quello strambo armamentario. Non mi garba affatto infilarmi sta specie di armatura subacquea e ancora meno mi garba infilarmi in fondo a questo stramaledetto mare. C'ho le gambe io, mica la coda... Ad ogni modo mi preparo, lego la sacca alla cinta e impugno una lancia. Gnamo, forza. Se l'è da fare si farà pure questa..
  11. Spaccabue C'ha ragione i' mi' amico Querefal! C'ha detto proprio così... Che poi, se c'è un FONDO di verità... E la cattedrale è in FONDO al mare... È sicuramente lì sotto, un fa una grinza...
  12. Spaccabue A bocca spalancata guardoGuardo l'enorme nave avvicinarsi. Gl'è veramente un portento c'è poco da dire... Una volta affiancata, s'affaccia il capitano Mastro Rostro, salute! Davvero, sto mare gl'è dimolto piccino... Abbiamo pure notizie della su cattedrale... I mi compagni le diranno assai meglio d'icchè gli possa dire io... Guardo gli altri. Vero ragazzi? Indo' avea da essere la su cattedrale? Ce l'aveva detto quel becco.. come si chiamava?
  13. Spaccabue Dopo il carnaio con i pirati tiro un bel respiro di sollievo... Porc... Che sciagattata coi fiocchi... Mi pareva d'esser tornato in fattoria... Ai tempi di quando s'ammazzava i maiali... Solo che di sti porcacci si butta via ogni cosa meno che i fiorini... Molto meglio scannar maiali però, di quelli almeno un si butta via nulla e si fa meno fatica... *** Dopo un po' che navighiamo riecco quella nave di ferro dei nani... I miei compagni son lì a decidere icché fare, se andar sott'acqua... E un è che mi garbi molto, preferisco stare
  14. Spaccabue Querefal ci prova con le buone, ma i pirati non ne vogliono sapere e ci saltano addosso. Intercetto il primo con la spada e quasi lo taglio in due... Spaccabue... Spaccaaaa!!!
  15. Spaccabue Prima la tempesta, ora pure i pirati! Sta nave porta una sfiga nera, ve lo dice Spaccabue... Mo che facciamo? Si prova a filare? O s'affrontano? Ad ogni buon conto mi equipaggio con spada e scudo...
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.