Jump to content

Aramyl

Ordine del Drago
  • Content Count

    25
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

1 Coboldo

About Aramyl

  • Rank
    Studioso
  • Birthday 11/14/2001

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  • GdR preferiti
    D&D 3.5

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Ciao, nella creazione di una campagna per dnd mi sono trovato (ovviamente) a cercare di definirne la trama. Premetto che la suddetta campagna partirà dal lv1 e terminerà ad un livello molto più alto, e che fin'ora non ho mai organizzato campagne dalla durata così lunga. Mi è sorto quindi un dubbio: com'è possibile che dei personaggi di primo livello possano interessarsi ad una missione che sono destinati a compiere solo ad un livello molto più alto? O, riformulando: Quale missione, che solo un pg di alto livello riuscirebbe a risolvere, può suscitare interesse in eroi freschi freschi e alle pr
  2. quindi convieni con me che non sarebbe un problema se il mio paladino dovesse essere egoista, giusto?
  3. Nello schizzo di alcune idee per nuovi personaggi mi sono imbattuto in un dubbio: un paladino che ha compiuto un giuramento di vendetta, è possibile che sia egoista e insensibile (con tutti meno che con chi ha subito un torto dal suo stesso malfattore) o questo aspetto caratteriale entra in conflitto con la classe? Leggendo il manuale del giocatore penso di aver concluso che nessun tipo di carattere è "sbagliato" per un paladino fintanto che non entra in conflitto con gli obblighi imposti dal suo giuramento, ergo un paladino con giuramento di vendetta (di cui inserisco sotto gli obblighi) pu
  4. Ho capito, grazie a tutti per i chiarimenti e consigli. In ogni caso penso opterò per comprare il manuale della costa della spada (che dovrebbe uscire in italiano tra pochi giorni) e ambienterò lì la mia campagna.
  5. Capito, grazie. E sarebbe tanto sbagliato utilizzare il manuale della terza edizione al suo posto?
  6. Perdonate se mi faccio risentire dopo così tanto tempo, ma non volevo aprire un altro post. Tante sessioni sono passate, e con il mio gruppo abbiamo deciso che la campagna successiva a questa (che quindi arriverà tra sufficiente tempo) sarà finalmente ambientata nei FR. Ci chiedevamo però, dopo esserci informati un pochino, se esistesse un manuale di ambientazione per la 5e, siccome non lo abbiamo trovato. Nel caso non esistesse, ho poi pensato che sarebbe adeguato anche quello di una edizione più vecchia del gioco (3a o 4a edizione), anche se rinunciando ahimè alle specifiche su razze e cla
  7. L'idea mi piace... potrebbe anche fornire parecchi spunti di role. Come un incontro faccia a faccia tra membri dell'associazione e party stile "Non lasceremo che usiate l'artefatto per i vostri scopi malvagi" "semmai NOI non lasceremo che VOI lo usiate per scopi malvagi" "aspetta un attimo..." Grazie ancora ^^
  8. semplicemente il compito dei pg è riportare alla caserma l'artefatto, purtroppo per loro non hanno le competenze per stabilire che genere di oggetto magico sia; potrebbero tranquillamente pensare che sia qualcosa di incredibilmente potente e che potrebbe quindi favorire Ulmo se nelle giuste mani... in ogni caso questo spetterà ai giocatori nel momento in cui ruoleranno. Alla funzione dell'artefatto penserò ora, mi hai già aiutato abbastanza ^^ grazie
  9. l'idea della gilda mi piace... siccome l'oggetto è custodito da un mimic potrei far trovare ai pg un paio di cadaveri con lo stesso tatuaggio nella stanza del tesoro e dal momento in cui usciranno dal dungeon fino a quando non consegneranno l'oggetto fare in modo che questi assassini/criminali li ostacolino. Moradin vuole solo che non cada nelle mani sbagliate, cosa che sarebbe anche coerente con la storia della gilda/setta Stavo pensando anche a qualche ripercussione per chi tiene l'oggetto troppo a lungo, tipo paranoia e simili.
  10. Nella stesura della attuale avventura che sto masterando mi sembrava di aver trovato un, se non bello, quantomeno accettabile finale, ma adesso (circa a 2/3 dell'avventura) mi ritrovo a credere che sia piuttosto banale e poco coerente. Ciò che vorrei chiedervi è, dopo che vi avrò raccontato in breve la trama, qualche spunto per ricostruire il finale; grazie in anticipo ed ecco la mia storia... Il mio blocco comincia qua, come concludereste l'avventura? N.B.: non sto certo chiedendo di fare il lavoro di master per me ^^ chiedo solo qualche spunto
  11. Non necessariamente, nella mia ambientazione tutti i crimini sono puniti con un certo numero di scontri nell'arena anzichè tot giorni di prigione. Mea culpa non aver specificato. Comunque per crimini leggeri si è condannati ad uno scontro e si viene liberati se si sopravvive. Dei pg di terzo livello sono comunque in grado di dare buone prestazioni in uno scontro semplice, e le parole del finto paladino le adeguerò ovviamente all'andazzo dello scontro.
  12. Sì la trama procede circa in questo modo, grazie mille ^^ per me la discussione può essere chiusa
  13. umano stregone caotico neutrale, nano guerriero caotico buono e nano chierico neutrale buono Il problema è che il nano chierico ha come scopo la gloria per mezzo di opere buone e non il guadagno, quindi ho bisogno di farlo legare con il gruppo prima della missione vera e propria, che altrimenti non avrebbe interesse ad accettare. Adesso che ci penso però potrei far inventare qualche motivazione nobile e buona al (non) paladino; forse sarebbe meglio della classica cella fredda e umida.
  14. Mi sono spiegato male, in prigione avevo intenzione di farceli finire per crimini diversi, e di farli conoscere solo una volta in cella. Mi rendo conto della banalità del cliché ma personalmente lo preferisco alla bramosia di denaro principalmente perchè questa non coincide con lo scopo di uno dei pg.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.