Vai al contenuto

Samareth

Utenti
  • Conteggio contenuto

    3
  • Registrato

  • Ultima attività

Informazioni su Samareth

  • Rango
    Novizio
  • Compleanno 12/12/1992

Informazioni Profilo

  • Sesso
    Maschio
  • Località
    Santa Marinella
  1. Samareth

    Musica Cosa stai ascoltando in questo momento - Lato B

    Forse il più bel pezzo del loro primissimo periodo.
  2. Penso che tu sia stato troppo frettoloso nel giudicare quello che è, a tutti gli effetti, il volume d'esordio di uno dei migliori scrittori di fantasy viventi. Ammetto che Il guardiano degli Innocenti sia forse il meno riuscito di Sapkowski, tanto che molti consigliano di iniziare con il primo romanzo (Il sangue degli Elfi), ma è evidente che l'autore stava cercando più di trovare un proprio stile narrativo, e impostare quello che è da molti considerato uno dei migliori protagonisti nel panorama fantasy, ovvero Geralt di Rivia. È vero che, come dici tu, il mondo narrativo risulta moderno, ma è voluto, come è voluto il taglio sarcastico e ironico che forse non tutti hanno afferrato; questi sono aspetti molto comuni degli scrittori slavi, russi in particolare. Anche perché da questi romanzi ha avuto origine, grazie alla capacità dei team di CD Projekt RED di comprendere il mondo e lo stile narrativo di Sapkowski, quel capolavoro che è The Witcher, che riesce a trasmettere la forte ironia di cui i romanzi sono pregni. Ora, supponendo che i gusti personali siano inviolabili, non posso che consigliarti di dare un altra chance a quella che è a mio avviso una delle migliori saghe fantasy mai scritte. Ti consiglierei di saltare a piè pari La Spada del Destino, altra antologia di racconti, e buttarti diretto ne Il Sangue degli Elfi, dove l'autore dimostra una forte crescita stilistica e narrativa rispetto al suo esordio, che penso sia perdonabile ad ogni scrittore.
  3. Samareth

    Fiction Fantasy italiano. Si salva qualcosa?

    Personalmente, ho avuto modo di leggere parecchi libri della Troisi, durante la mia adolescenza, e all'epoca (con la mentalità di un tredicenne) erano volumi piuttosto fruibili. Il punto è che sono libri specificatamente YA (Young Adult), tanto che quando mi capitò di ripescarli qualche anno dopo, impallidii. Ovviamente non sono romanzi destinati ad un pubblico "adulto", né tanto meno a chi già possiede una infarinatura letteraria; in tal caso non ci si può che ritrovare dinanzi a strutture narrative ripetute alla nausea, personaggi senza archi di trasformazione convincenti, e un mondo tutto sommato pomposo. Però ha venduto, e tanto, perché si infila in un mercato - quello degli YA - che è già parecchio florido, e basta visitare una qualsiasi libreria per notarlo. Detto questo, secondo me il principale problema degli aspiranti scrittori moderni, è che leggono fantasy per scrivere fantasy, e ciò è di quanto più sbagliato si possa fare, poiché sono atmosfere già elaborate e viste da un preciso punto di vista - cioè quello dello scrittore -. Ora, non è che non si possa leggere o ispirarsi a queste opere, ma se manca una cultura folkloristica e storica (ma anche letteraria) da cui prendere il grosso, e da cui elaborare una propria visione e un proprio mondo narrativo, allora il rischio è fare copiature di copiature, con evidenti risultati mediocri, se non pessimi. Tutto questo perché il fantasy è forse uno dei generi più difficili da scrivere, poiché se da una parte ti lascia carta bianca sul tuo mondo narrativo, dall'altra c'è il costante rischio che esca una storia pomposa con personaggi banali che non vanno a parare da nessuna parte, incapaci di empatizzare con il lettore. Per questo ci sono pochi fantasy degni di nota, molti meno della fantascienza o dell'horror. Fare l'autore (che sia scrittore o sceneggiatore) è un mestiere, e richiede più dedizione che talento. Altrimenti uno fa la fine di quella "stella caduta" del fantasy italiano che è il Ghirardi, o di quell'altro "capolavoro" che è il Paolini.
  4. Samareth

    Saluti a Voialtri

    Ti ringrazio infinitamente. Effettivamente, dopo un attenta riflessione, penso di virare in direzione di Pathfinder, per iniziare; questo sebbene la 5e mi ispiri molto. Ad ogni modo, avrò sempre tempo in futuro di leggermi per bene anche i manuali di altre edizioni.
  5. Samareth

    Saluti a Voialtri

    Cordiali Saluti, sia ai goliardi giocatori che agli scaltri Maestri delle segrete. Lasciate dunque che mi presenti: il mio nome è Samuele, e sono un narratore. E come buona parte dei narratori, era inevitabile che mi ritrovassi -prima o poi- arenato dinanzi a quel cosmo affascinante che è il Gioco di Ruolo, e ovviamente, a quel sacro monolite che è D&D. Ho da sempre ammirato -con una punta di invidia- chi aveva modo di partecipare (se non presiedere) a questo "gioco". Non possedendo, all'interno della stregua cerchia di conoscenze, né giocatori né tanto meno master, decisi di voler apprendere quanto più possibile, per poi introdurre a mia volta alcuni compagni interessati. È indubbio che si tratta di un bell'impegno, tutto sommato, e già la sola scelta della versione di gioco (3.5; Pathfinder; 4^; 5e) mi mette in apprensione. Ho infine pensato di rivolgermi a menti esperte, che avrebbero potuto ben consigliarmi. Per cui, eccomi qui alla vostra mercé, e ai vostri consigli.
×

Informazioni Importanti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Ulteriori Informazioni.