Jump to content

shadizar

Circolo degli Antichi
  • Posts

    2.2k
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Everything posted by shadizar

  1. Rhal Vassilji caro, qualunque strada va bene purché ci porti fuori di qui al più presto
  2. Amelia Ma no caro dottore, se ricordo bene il Barone proseguirà il viaggio con noi quindi non vi è pericolo di perdere il treno. Piuttosto mi chiedo per quale motivo la scelta sia caduta sul signor Mayer, per via della sua discendenza magari? Oppure per età, aspetto o che? Vengono scelte persone con caratteristiche specifiche oppure gli serviva un avvocato e quindi hanno cercato di assoggettarlo? In ultimo mi chiedo: cambierebbe qualcosa se fosse lo stesso Scott a togliersi il fez da solo?
  3. Acai Sollevo le spalle in segno di resa rispondendo a Veldrin: io non sono abituata a combattere contro qualcuno che non mi ha fatto niente. Quindi preferirei passare.
  4. Al fascino dell'Irlanda ( anche se un filino sopravvalutato a parer mio) non so resistere. Voto per Navan.
  5. Rhal Se ne sono andati? chiese L'elfo guardando Illius con occhi stupiti. Sperava fosse stato lui perché altrimenti erano finiti in guai ancora più grossi.
  6. Lainadan Il ragazzo passò avanti maledicendo la fama che lo riteneva in grado di trovare chissà quale trappola o passaggio segreto; dentro di sé temeva di essere invece il più sacrificabile in quanto l'altra unica possibilità, era l' inverosimile fatto che i compagni fossero divenuti più codardi di lui.
  7. Rhal Tanto finché son lì fuori non possiamo di certo uscire disse Rhal facendo cenno d'assenso ad Arn e tendendo l'arco verso la porta
  8. Lainadan Passaggi segreti nelle celle mi sembrano davvero improbabili. Tutt'al più nella stanza delle torture disse controllandola con maggiore impegno.
  9. Amelia Meadcroft Gli hanno detto che non toglierlo fino a Costantinopoli faceva parte del rituale e ovviamente loro non possono sapere che è il cappello la causa di tutto... chi mai sano di mente lo penserebbe?
  10. Tass L'improvvisa tranquillità avrebbe dovuto allertare i compagni: dov'era finito Tass? Sdraiato pancia a terra di fianco alle lenti, il kender aveva stesa un foglio di carta nuovo e dopo averlo fermato con quattro pietre, si era messo diligentemente a redarre una nuova mappa aggiornata della zona. Se lo avessero chiesto a lui gli avrebbe risposto che non aveva la minima intenzione di spostarsi da quel punto finché non avesse finito.
  11. Amelia Meadcroft Dopo aver atteso per essere certa che sia la donna che il suo accompagnatore si fossero allontanati, Amelia raggiunse i compagni al tavolo dove passò a spiegare per filo e per segno quanto aveva scoperto: "a quanto pare il marito della ragazza, Scott, è un avvocato a cui hanno promesso avanzamenti di carriera in cambio dell'adesione ad una certa setta. Ha fatto l'iniziazione e dovrebbe concluderla a Costantinopoli davanti al Gran Maestro, ma da quando si è messo in testa il fez sta male e non esce più dalla sua cabina. Lei poveretta vorrebbe farlo visitare ma Menkap e kapok non vogliono e stanno tutto il giorno con lui. Il momento dei pasti è l'unico in cui è solo." disse fermandosi un attimo per pensare a che altro dire " Le ho proposto di farci entrare il dottore di nascosto in questi momenti ma magari potremmo anche agire senza di lei."
  12. Lainadan Senza proferir verbo Lainadan fece cenno a Gromnir di seguirlo nella perlustrazione. Girando a sinistra vi era un piccolo corridoio sulla destra in cui il rouge penetro' per un paio di metri prima di tornare sui suoi passi.
  13. Rhal Bene disse alzandosi faticosamente dal suo cantuccio, allora andiamo e facciamola finita.
  14. Tass Raist? chiese il kender con gli occhi ancora puntati sulla lastra magicamente ripulita ma quel libro che c'hai te non è mica di quel Fistandantilus lì? Se mi trovi la chiave io poi la uso volentieri.
  15. Rhal Sei stato convincente, disse l'elfo a Vass dal suo angolo, ma io non potrò più esservi di alcun aiuto conciato così. Vi seguirò restando nelle retrovie e dandovi il supporto che riesco con il mio arco.
  16. Spero ultima stesura Charles Loup/ il redento lupo cattivo Concetto base: Aspetto famelico, anima innocente. Sono passati secoli dall'ultima volta che il lupo cattivo ha operato al di fuori della legalità e adesso, grazie all'addomesticamento ricevuto da una lunga serie di cacciatori, Charles Loup è diventato un sagace inspecteur della Sûreté di Parigi. Problema. Il lupo perde il pelo ma non il vizio Nonostante secoli di scuola gli istinti predatori non gli danno tregua e alla vista del sangue deve fare forza su se stesso per non perdere il controllo. Persino mangiare carne è diventato un problema e Loup si è ridotto ad una dieta vegetariana Aspetto: diffido dalle facce carine Molte persone come la stessa cappuccetto rosso sembrano buone ma in realtà hanno l'animo corrotto. Loup ha imparato a diffidare di coloro che gli ispirano fiducia senza averne data dimostrazione. Per lui è difficile fare amicizia, essa va conquistata. Ciò permetterebbe a Loup di resistere ai tentativi di persuasione o fascinamento. Di contro una volta "addomesticato", esso ti sarà fedele per sempre. Aspetto: sete di sapere Per compensazione Loup ha sostituito la sete di sangue con la passione per la conoscenza in tutte le sue forme, sia scolastica che tecnica. Legame: casa sicura/la forza del branco Era stato avvisato ma anche questa volta non aveva saputo credergli. Da allora aveva dovuto faticare per rintracciare il ragazzo e infine trasferire sia lui che il suo fido amico Bert nella vecchia Parigi. Aveva trovato alloggio per entrambi in uno degli appartamenti dello sgangherato palazzo che possedeva in rue Morgue lascito di un'anziana signora che lo trovava A-DO-RA-BI-LE , "con quegli occhioni grandi, e quelle mani enormi" ripeteva sempre. Valle a capire certe vecchiette. Al piano terra viveva anche Loup e le orecchie fini gli permettevano di sentire tutto ciò che accadeva e distinguere perfettamente chi entrava o usciva dal suo palazzo. Fatta eccezione per Ysegrind, di quello gli bastava sentirne la puzza ad un isolato di distanza. Gli introiti di quella casa gli permettevano di arrotondare lo stipendio, anche se la maggior parte finiva in pranzi caldi e riscaldamento gratuito per gli inquilini indigenti che lui si ostinava a mantenere " No Signora Flabert non deve pagare le medicine, sono gratuite per i genitori soli con più di due figli, lei vada alla farmacia all'angolo che lo sanno'", " la bolletta del gas non è mai stata così bassa? Merito dei pannelli voltaici George, li ho installati mentre eri in ospedale, goditi il calduccio" e via di seguito, gli ospiti fingevano di crederci e tutto andava bene. Per questo la morte del facoltoso Mister Bean all'ultimo piano era stato un brutto colpo per Loup; quattro famiglie dipendevano dal suo affitto e il testamento sventagliato dal nipote puzzava di contraffatto lontano un miglio. Petras Lazzaroni aveva risolto la situazione. Fin da subito qualcosa nel ragazzo aveva messo in allerta il vecchio lupo: puzzava di meraviglia ma non era una creatura fatata. Aveva sempre un atteggiamento stupito come un infante nella culla che si sorprende per ogni cosa. Un modo di fare che piaceva a Loup e glielo fecero catalogare come: ingenuo, timido, imbranato...dubitava che sarebbe mai riuscito a fare la prima mossa con una ragazza. Per fortuna era accompagnato da un buon amico, molto più sveglio e attivo di lui, che lo aiutava a stare con i piedi per terra. Gli altri abitanti sembravano condividere la sua simpatia per i nuovi inquilini e li avevano subito accolti nel branco. Bert e Petras si erano integrati bene e il fiuto di Charles gli diceva che erano sereni. Il lupo gli aveva anche trovato un lavoro come tuttofare all'interno del palazzo, tubature rotte, scarichi otturato, piccole commissioni. Alla morte di Mister Bean non era accaduto nulla di particolare ma quando il nipote aveva iniziato a svuotare l'appartamento le cose erano cambiate. Luop aveva sentito modificarsi gli equilibri nel palazzo e aveva capito che stava per accadere qualcosa. Aveva seguito Petras che usciva furtivo dal suo appartamento fino all'ultimo piano, lo aveva ascoltato mentre parlava con qualcuno che non vedeva e spiato mentre si dirigeva sicuro verso un pannello nascosto, inseriva la combinazione e ne traeva una busta. Aveva finto stupore il giorno dopo quando aveva trovato il testamento originale di Bean, ( con un lascito a dir poco considerevole per la ristrutturazione del palazzo) nella sua casella della posta, ma non gli aveva detto nulla rispettando la privacy del ragazzo. La casa avrebbe finalmente avuto il fotovoltaico, Loup un nuovo inquilino di cui fidarsi e Petras una tana sicura.
  17. Tass Magari al tramonto la lastra a cui puntiamo si apre e tutto questo marchingegno non è altro che un enorme serratura.
  18. Lainadan Ripulita grossolanamente l'arma sulla casacca del primo Ghoul, Lainadan si diresse cautamente verso il secondo per porre fine anche a quella vita.
  19. Acai Il ballo ha inizio disse pacata la monaca sganciando la propria arma dalla cintura.
  20. Tasslehoff Che dovrei vedere? chiese il kender poggiando l'occhio.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.