Jump to content

[WFRP 2e] [AVVENTURA] The Usual Day


Fodasu

Recommended Posts

ATTO I

picture.php?albumid=99&pictureid=702

___________________

Giorno 2, Mese IX, Anno 2523; Costa occidentale della Bretonnia; Sud di Merton. [MAPPA]

Nulla, non un scroscio d'onda sul fianco della nave, non una voce dal ponte, ne dalla coperta. Nulla. Da giorni.

Per l'esattezza tre giorni; tre giorni di noia e maledetto vento di mare sulla faccia, a seccare lo scalpo e la gola, a portare ognuno alla branda, in attesa che qualcosa accada o, meglio ancora, che questa ennesima rotta si concluda.

Si perchè sono mesi, forse anni, che la ''Green Mary'' solca queste acque, poco largo dalla costa di Merton, avanti e indietro da Nord a Sud.

E' infatti a Merton che ha sede la ''Grande Compagnia Silverston'', società di trasporti che copre col suo operato praticamente la totalità della costa, da Hendaye a Nord, a Bordeleaux a Sud.

La Compagnia, nota e prestigiosa nel campo, vanta la bellezza di 12 navi, sempre attive ed equipaggiate con personale preparato e capace. Noto è infatti il motto: ''Se non arriviamo si suoni l'allarme!'', che tradotto significa: ''se falliamo o ritardiamo un recapito chiamate soccorsi, perchè significa che la nave è affondata''.

Come detto, la Compagnia ha sede ha Merton, cittadina florida nonchè ottimo punto strategico per il mercato della Rotta (la Rotta, per intenderci, è chiamato il tragitto che è solita coprire la Compagnia nei suoi affari e va dal Nord a Sud dell'area prima descritta). Proprio da qui, circa tre giorni fa, è salpata la Green Sally, una delle navi corriere che tratta consegne più che commerci.

Si tratta di un piccolo veliero che deve il nome al fatto che una volta, quando da poco era uscita dal cantiere, vantava uno sgargiante colorito verde smeraldo.

Ora la Verde Signora è diventua la Vecchia Mary, argomento comune di scherzo tra la ciurma durante le mangiate in coperta.

Una nave non grande, abbastanza maneggevole e, data l'età, anche abbastanza ben mantenuta, opera soprattutto delle cure riservate dalla Compagnia alle sue navi.

Decisamente poco adatta al combattimento, la Mary ha comunque il sufficiente per scoraggiare eventuali piccoli e disorganizzati gruppi di predoni di mare: 6 cannoni (tre per fianco) e una bombarda sul cassaretto, e una fasciatura robusta.

Una nave comune, insomma, affidabile e collaudata.

Questo è per lei il viaggio numero 138, e la vede diretta a Mousillon, a sud, per il recapito di un carico di 4 casse sigillate e contenenti materiale grezzo metallico, prezioso non per il metallo quanto per il fatto che sia prodotto da una nota impresa metallurgica del nord. E' solo acciaio, dicono, ma di qualità eccezionale.

L'equipaggio, data l'ordinarietà della commissione, è a file ridotte: 12 marinai, Capitano e Vice, carpentiere, cartografo e corriere di bordo, farmacista e ricercatore, sarto veliere ed esperto in fasciami, cuoco.

In aggiunta, poi, vi è un viavai di passeggeri, mercanti solitamente, che approfittano della rotta della Mary per svolger propri affari.

Le giornate, in particolar modo in questo periodo dell'anno, scorrono lente a bordo; e si avverte.

Poche le opportunità di svago quando arranchi a vele magre su d'un mare di tavola, se non si è amanti della lettura o si reputa il giocare a dadi un attività inopportuna.

Questo, signori miei, altro non è che il pomeriggio di una di quelle comuni giornate.

[A TUTTI]

[Vi trovate sul ponte, insieme a mezza dozzina di marinai, tutti accalcati intorno ad una botte sulla quale, a gruppi di 4, sfidate la sorte rotolando 2 dadi, scommettendo e pagando non in moneta, rigorosamente proibita nel gioco a bordo, bensì in ore lavorative dei propri turni.

La brezza di mare, seppur lieve, è sufficiente a farvi sventolar la chioma, se ce l'avete, e sfilarvi il cappello, se avete anch'esso.

Il mare è piatto ed il cielo sereno, mentre approfittate del sonno del Capitan Murray per poltrire e svolgere il vostro sconveniente svago.]

___________________

SEGUIRA' PRIMO POST DI NARRAZIONE DEL DM

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 405
  • Created
  • Last Reply

[TUTTI]

[vedi sopra]

----

[ERASMUS]

Spoiler:  
[Ti trovi in pausa dalle occupazioni giornaliere di infermeria e controllo delle condizioni dei provati dal mare, alle quali aggiungi le attività personali di ricerca e studio dell'alchimia e scienze relative. Hai quindi lasciato la tua stanza, nonchè studio, per oziare qualche ora dopo il pranzo, in attesa che il Capitano venga a darvi una messa in riga. Non stai giocando, al momento. Sei tra le file esterne della calca di marinai ad osservare i 4 che giocano.]

----

[ROSS]

Spoiler:  
[Interrotta l'attività che ti vedeva impegnato nella redazione del diario di bordo degli ultimi tre giorni, stai oziando sul ponte, chiccherando con Kelah, un giovane mozzo che sembra stravedere per te e la tua cultura. Mentre passeggiate accanto al fianco della nave, questi ti riempe di domande su ciò che sai e che hai visto o di cui hai letto, mentre tu cerchi di aumentare il passo e levartelo, come al solito, di torno.

<<Quindi Voi avete davvero visto l'isola di Lhan?! E com'era? Grande? Grande come dicono e ricca di ogni tipo di frutta?! Oh buon dio forza, parlate!>>, chiede lui fissandoti con ammirazione ed invidia.]

----

[JONAS]

Spoiler:  
Da bravo Carpentiere, da tempo ormai arruolato a bordo, conosci tutti e tutto di questa nave e mai e poi mai potresti lasciarti sfuggire l'occasione di spassartela a dadi, e magari vincere qualche ora di riposo a discapito di qualche marinaio. Seduto intorno al barile di gioco, stai vincendo di 2 ore di sgobbata su due dei tre partecipanti oltre te.

[JONAS][GAMBLING]

Lanci i dadi e fai un Doppio 2, risultato pessimo, e perdi entrambe le ore di vantaggio andando addirittura sotto di una. Ecco quindi che uno dei marinai, raccogliendo gli stoppini che simboleggiano le ore vinte, ti sbraita addosso ridacchiando: <<AhAhah! Che succede, Capo Mastro? Allora anche a te gira storto ogni tanto, uh? Hehehe, mi sa che stanotte andrò a dormire sbronzo mentre un certo carpentiere starà in piedi per il ponte a spazzolare al posto mio!>>. Ma sei così esperto, ormai, che ben sai quanto le situazioni possano mutare in breve tempo, e sorridi maligno.

----

[EGGAR]

Spoiler:  
Non stai giocando ma lo vorresti, e quanto! Le tue attività ed affari non prescindono quasi mai da una bella giocata d'azzardo, persino una putrida puntata a dadi tra marinai su d'una barca. Purtroppo, però, non avendo ''moneta corrente'', le ore lavorative, ad ogni modo non potresti partecipare. Stai quindi ben vicino alla scena, osservando i cubetti rotolare sul legno ed emozionandoti ad ogni uscita. Stai quindi trascorrendo qualche oretta con la testa estranea a soliti pensieri di trattative, affari e guadagni che programmi di sviluppare con il tuo bagaglio [PRIVATO MP] piccolo e prezioso che celi a bordo della nave in maniera accorta, in attesa dell'arrivo.

----

[DARIEL]

Spoiler:  
Sei uno dei quattro partecipanti, e stai rotolando dadi da circa mezzora, andando sopra e sotto di vincite ma rimanendo sempre su risultati medi.

Essendo giunto a bordo solo da poche settimane, sembri esserti ambientato anche se non ti lasci ancora andare troppo a scherzi ed esuberi. Seduto attorno al barile, di fronte a Jonas, sei insieme a lui uno dei due che dominano il gioco e si sfidano di continuo.

[DARIEL][GAMBLING]

Rolli e fai un doppio 6! Ottimo risultato che ti permette di andare sopra di ben 3 ore di sgobbata. Le voci dalla calca si levano, quindi, a scherzando sulla situazione: <<Ahaha! Il Sarto diverrà un tutt'uno con l'amaca!>>.

----

[TUTTI]

Spoiler:  
Essendo passate ormai circa 3 ore dall'apice del sole, ecco che da sotto il casseretto esce fuori Murray, il Capitano. Urlando ed imprecando verso di voi avanza lanciandovi di tutto, persino una bottiglia di rum vuota che, infrangendosi vicino Kelah il mozzo, riporta tutti coi piedi per terra.

<<Alzatevi e filate a lavorare, oziosa manica di scimmie! Se vedo anche sol'uno sfaccendato tra 2 minuti si troverà indaffarato a breve a cucirsi la pancia!>>, continua ad inveire il primo Navigatore, ed ecco che la nuvola di persone focalizzate sul barile dei dadi in un istante si dilegua per la nave.

[TUTTI][PERCEPTION]

Così fate anche voi, che rapidi filate in coperta. Tutti e 4 mentre ROSS, colto alla sprovvista, resta sul ponte a fissare il Capitano, che esclama subito sistemandosi il cappello: <<Voi! Voi?! Ma cosa fate li in mezzo a quella coltre di lerciume su due gambe?! Non sono affari per un uomo di cultura, per diamine! E a che punto siete con il Diario, lo avete completato? Spero per Voi di si, accidenti sono solo tre giorni di annotazioni!>>. E resta in attesa di risposta da ROSS.

----

Link to comment
Share on other sites

[ROSS]

Spoiler:  
Il Capitano ti fissa perplesso un istante, per poi parlare a voce comunque alta: <<Dunque? Non credete di dover tornare anche voi alla vostra stanza? Su, su, al lavoro!>>. Si agita e rientra sbuffando nel suo ufficio.

----

[TUTTI]

Spoiler:  
Vi trovate in coperta, ognuno nel proprio alloggio.

Proseguite voi, ora, secondo turnazione.

Link to comment
Share on other sites

[ROSS]

Spoiler:  
<< C-certo, Capitano>> dico annuendo mentre mi avvio verso il mio alloggio con passo sostenuto.

Non interessandomi del resto delle ciurma, entro, poso il Diario sulla scrivania e mi stendo sul letto per riposare le membra posando il mio "Leather Jerkin " sullo schienale della sedia. Passati cinque minuti di ristoro, apro il Diario sull'ultima pagina e annoto gli eventi della mattina, interrompendo la scrittura talvolta per immergere la piuma nell'inchiostro, talvolta per tornare con la mente a poche ore indietro.

Link to comment
Share on other sites

[EGGAR]

Spoiler:  
Dopo la sfuriata del comandante, mi defilo anche io come tutti e, non avendo alcuna mansione da eseguire a bordo, sgattaiolo fino alla mia stanza. Avvicino lo sgabello traballante al tavolino, e provvedo ad accendere la lanterna. Con cautela, prendo il piccolo fagottino che avvolge con cura il mio prezioso, e lo osservo contro la luce della lanterna, osservando i giochi di colore e la sua trasparenza. Meraviglioso... Rimango incantato così un pò, prima godendone del potenziale valore monetario e poi vagando con la mente apprezzando la bellezza della gemma. Un rumore da fuori, forse un marinaio che ha gettato a terra una cima, mi riporta bruscamente alla realtà. In fretta, riavvolgo la gemma nel panno e la ripongo al suo posto. Uff... la traversata sarà ancora parecchio lunga....
Link to comment
Share on other sites

ERASMUS

Spoiler:  

Torno svogliato alla mia cabina, senza nessuna intenzione di rimettermi a lavorare. Riempio lentamente la pipa, notando con dispiacere che l'ultimo sacchetto di tabacco è ormai prossimo a finire. Apro il piccolo oblo e lascio vagare lo sguardo all'orizzonte mentre prendo qualche leggera boccata dalla pipa. Una strana sensazione di malinconia e incompletezza mi coglie, mentre i pensieri si mettono in moto da soli: << possibile che sia tutto qui? ci deve essere qualcosa di più...>>

Link to comment
Share on other sites

[ROSS]

Spoiler:  
Il tuo alloggio è abbastanza accogliente, in particolar modo dato che che, come mappiere, necessiti dell'ampio tavolo ligneo sul quale lavorare di compasso e pennino. La mappa delle acque dell'Ovest, tua grande opera degli ultimi 3 anni, giace sul detto tavolo, alla luce di una lanterna ad olio, incompleta. Su quella pergamena, sono impresse coordinate e luoghi che pochi, in tutta la Bretonnia, possono solo ipotizzare. Immatura, tuttavia, attende li d'esser completata... Impresa che non sai neanche tu se mai riuscirai a completare.

Per il resto nulla accade, circa due ore passano tranquille mentre scrivi il diario.

----

[EGGAR]

Spoiler:  
Il gioiello è stupendo, difficile sempararsene anche sol un istante. Mentre lo osservi geloso quasi dei tuoi stessi occhi ecco che alla porta senti bussare con qualcosa che sembra la sommità di un bastone: <<(Toc-Toc) Emm... Salute a Voi, Mercante. Sono qui per scambiar verbo con Vostra persona, qualora foste d'accordo... Affari interessanti porto a questa soglia.>>. Quindi silenzio.

----

[ERASMUS]

Spoiler:  
Una baraonda, ecco cos'è il tuo alloggio. Due tavoli adiacenti alla parete sono coperti di alambicchi, pestelli e pentolini, mentre le scaffaluture traballano di fiale e boccette riempite con ogni tipo di sporca e puzzolente sostanza, raccolta chissà dove. Sul tavolo più vicino a te, tuttavia, gorgoglia su d'un piccolo braciere un contenitore di vetro, al cui interno una brodaglia giallognola bolle lievemente da ore. E' la ''Serafina'', la tua nuova sperimentazione in fatto di veleni. Perchè i veleni da sempre sono uno dei tuoi argomenti principalmente trattati, in fatto di ricerca naturale, eredità di qualche tuo parente.

Questa volta, stai tentando l'estrazione dei principi propri ad una strana radice, trovata negli intestini di una precisa specie di pesce che appare nutrirsene.

La sostanza sembra essere pronta all'analisi.

----

[JONAS]

[DARIEL]

[Ancora in coperta, a curar i propri affari lavorativi. Il Carpentiere ritorna a tirare martellate ad un asse precaria adiacente alla chiglia, mentre il sarto torna a riparare il cordame del bompresso. Per il momento nulla di particolare accade.]

Link to comment
Share on other sites

[ROSS]

Spoiler:  
Finito di scrivere il Diario, mi alzo, mi aggiusto la veste e gli occhialini per darmi un aria da intellettuale ed uscendo dal mio alloggio chiudo a chiave la porta.

Inizio a camminare tranquillamente verso ilponte della nave

Link to comment
Share on other sites

[EGGAR]

Sentendo bussare alla porta mi affretto il più possibile nel riporre il gioiello nella sua confezione, mentre esclamo un "Un momento. Arrivo!"

Mi assicuro di aver ben celato il contenitore, quindi mi alzo ed apro la porta, curioso di vedere chi viene a parlarmi di affari. Non credo di aver riconosciuto la voce che ha parlato. Bene, forse la traversata potrebbe rivelarsi più fruttuosa e meno inutile.

Link to comment
Share on other sites

[Jonas]

Esco e col mio strano modo di fare,avvinghio le gambe ad un albero usurato e mi ci arrampico su;ho con me gli attrezzi e mi ci metto di buzzo buono.

Attirare le ire del Capitano non è proprio mio interesse...

Non è con lui che ho un affare in sospeso,quindi meno mi metto in mostra,meglio è.

Link to comment
Share on other sites

ERASMUS

Spoiler:  

Guardo con affetto il mio lavoro, faccio un timido tentativo di mettere in ordine la confusione infernale della mia cabina, ma smetto subito. << qualcuno ha detto che le grandi idee nascono dal caos, no?!>>.

Mi metto con rinnovato entusiasmo a lavorare sulla nuova mistura, e visto che il veleno sembra quasi pronto prendo il mio diario e pianifico i primi esperimenti. Prendo da una gabbia sotto il tavolo una femmina di ratto adulta cercando di essere il più dolce possibile.

<<Vieni qui piccola.>> La immobilizzo e, incomincio a sperimentare, partendo da una singola goccia, somministratata secondo la via che più mi sembra appropriata date le caratteristiche che ipotizzo possa avere il veleno. <<Scusa, ma è per il bene della scienza.>>

Link to comment
Share on other sites

[ROSS]

Spoiler:  
La porta del tuo alloggio si serra alle tue spalle, mentre ti avvii verso il ponte. Passando attraverso il ponte di coperta vedi DARIEL, intento a riparare lo spesso cordame del bompresso. Sta seduto nella zona di prua, tra le sedie e la tappezzeria, taciturno a tirar di filo il grosso cavo.

Il resto del ponte è deserto, benchè sia ricco di voci di marinai che si urlano comandi, mentre il cuoco si ode fischiettare una allegra melodia.

Ti trovi nel mezzo, ed è ciò che vedi.

----

[EGGAR]

Spoiler:  
Sistemi tutto e tenti di nascondere la pietra.

[EGGAR][iNT]

Infilato il prezioso su d'una scaffalatura, dentro il portagioie e dietro un libro, ti dirigi di corsa verso la porta, incerto se aprire o meno, non conoscendo chi sia di retro.

Sei quasi paranoico. Cosa fai?

----

[JONAS]

Spoiler:  
[JONAS][AGILITY]

Come un gatto ti aggrappi di gamba al legno del Maestro. Qualche palata di mano e sei in cima, al primo ramo traverso. Qui cacci fuori il tuo amato martello, dal quale mai sia che ti debba separare, e guai a chi provi a portartelo via, e cominci a tirar magliate sui chiodi che perdono presa, sostituendo quelli vecchi e in rovina per lo iodio.

[JONAS][TRADE-CARP.]

Il lavoro, come al solito, è da vero Mastro. Terminato il lavoro scendi giù, sfilando coi piedi intorno al tronco e piombando diritto sul ponte. Ti stiracchi la schiena e butti un occhio all'orizzonte...

----

[DARIEL]

Spoiler:  
Stai tirando di filo il cordone del bompresso, solo nella zona di prua del ponte in coperta. Vedi passare ROSS, apparentemente preso da pensieri lontani, e lo vedi soffermarsi presso le scale per il ponte.

[DARIEL][TRADE-SARTO]

Mese dopo mese, stai facendo pratica, e i risultati si vedono: le cuciture sono solide e l'operato è buono. Poggi il cordame e ti stiracchi. Per il momento ti dedichi una pausa.

----

[ERASMUS]

Spoiler:  
Afferri la bestiola strettamente e la poni sul tavolo.

Appena somministri la sostanza, noti subito che il roditore squittisce e si dibatte, ma poi si calma, divenendo mansueto ed apparentemente affamato, come se ne desiderasse ancora.

Sbigottito osservi la vicenda, mentre l'animale si divincola, ma non per fuggire, bensì per raggiungere il contagocce contenete il liquido che sembra piacerle così tanto.

Link to comment
Share on other sites

[ROSS] @Dariel

Spoiler:  
<< Lavoro duro eh? >> dico sorridendo in maniera pacifica.

<<Questi giorni sono veramente noiosi....>> aggiungo togliendomi gli occhiali e passandomi una mano su gli occhi stanchi e arrossati.

Aspettando la risposta mi appoggio al bordo del ponte e guardo l'orizzonte.

In effetti, dopo tre giorni di viaggio, le ore e i minuti sembravano anni e il continuo passeggiare per il ponte con il capo immerso nel Diario era la mia unica occupazione. L'unico evento che amavo profondamente era l'incontro in mensa dove l'equipaggio era riunito attorno ad un tavolo e durante la quale ero solito osservare i comportamenti della ciurma per la mia seconda opera " Come evitare di essere lasciati in un isola deserta con un solo colpo di pistola dalla ciurma ammutinata", abbreviato per comodita in "Come evitare l'ammutinamento".In più amavo ascoltare gli esileranti effetti degli esperimenti di Erasmus, il farmacista.

Ecco,questo amavo dei viaggi in nave: tranquillità, fratellanza con i compagni di viaggio e, ovviamente ampliare le mie raccolte cartacee.

Link to comment
Share on other sites

[Jonas]

Il mare è calmo,stò ricominciando ad annoiarmi...

Un grido di gabbiano poco sopra di me preannuncia qualcosa di poco buono...

Infatti,un escremento mi colpisce sulla spalla!!<<Nooooo maledetto!!

Figlio di una gabbiana con lo scorbuto,maledetto tu e tutti quelli come te!>>

Non riesco a non gridare,è più forte di me,anche se so benissimo che questo suscita l'ilarità dei miei compagni.

Infatti,tutt'intorno è uno scoppio di risa e parole poco simpatiche verso di me...

Link to comment
Share on other sites

[Dariel]

<<Vero, ma è sempre così quando si tratta di lunghi viaggi in mare, la noia è sempre il peggior nemico. La cosa migliore da fare è trovarsi un qualche passatempo>> Rispondo mentre continuo ad arrotolare una corda, lanciando un'occhiata a Ross.

<<Come va invece con la stesura del diario di bordo?>>

quando sento le imprecazioni del carpentiere rido assieme al resto dell'equipaggio

Link to comment
Share on other sites

[ROSS]/[DARIEL]

Mentre chiaccheri con DARIEL/ROSS, senti le imprecazioni di JONAS provenire dal ponte sopra di voi, seguite dalle risate dei marinai al lavoro vicino al lui, col velame.

----

[JONAS]

La maleodorante ''esternazione'' del volatile ti casca tra capo e spalle, con un suggestivo <<(Splat)>> e tutti i marinai vicini a te, sul ponte, non riescono a trattenere una risata, cosa rischiosa conoscendo gli effetti delle tue ire.

Al sentire tutto ciò, la porta dell'ufficio si spalanca ed esce il CAPITANO, vestito in uniforme solo dai piedi in su, perche sul petto non ha altro che bretelle, probabilmente colto in fase di riposo: <<Maledetti diavoli, che accidenti succede qui?! Branco di nullafacenti, la Compagnia vi paga per lavorare e, testimoni gli Dei, al nostro ritorno smetterà di farlo! E ora datevi da fare! Quelle vele devono essere tese e gonfie entro dieci secondi!>>. Sbatte quindi la porta e rientra nel locale.

----

[EGGAR]

Ti avvicini alla porta e la apri lentamente, tentando di chiarire subito chi vi si trovi retro.

Alla tua vista appare un uomo, basso e paffuto, vestito in modo abbastanza sgargiante e con un bastone in ottone nella mano sinistra.

Appena ti vede in volto, china lieve il capo ed esclama: <<Di nuovo salute a Voi, Mercante>>. Risolleva il capo sorridente, e noti subito che almeno 3 o 4 denti sono in oro, ed il volto è solcato da alcune cicatrici. Riponendosi il cappello piumato, in una rapida mossa entra nell'alloggio, osservandosi intorno curioso.

<<Eh, come prima classe non è un granchè quella riservataci dalla compagnia. Non trovate? Ma di questi tempi...>>, continuando ad osservare ovunque in modo molto pacato e vago.

Link to comment
Share on other sites

ERASMUS

Spoiler:  

<<Incredibile! sembra che invece di un veleno io abbia creato una nuova droga!>>

Dovrò continuare gli studi per valutare gli effetti, la tossicità e i possibili problemi dati dall'astinenza. Annoto un piano di lavoro e mi immergo nuovamente nello studio, esaltato da questa nuova scoperta. Gia immagino batterie di ratti a cui somministrare sempre crescenti dosi di Serafina.

<<Non scalpitare mia cara, presto ne avrai dell'altra, anche se temo che dovremo verificare anche la dose letale>>

In particolare voglio valutare prima di tutto se dà effetti evidenti, come alterazione delle percezioni, variata sensibilità al dolore...

Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

×
×
  • Create New...