Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Odissea dei Signori dei Draghi verrà presentato a Lucca Comics & Games 2021

Diventate eroi mitologici in un mondo dove Dei e Titani camminano in mezzo ai mortali.

Read more...

Hexcrawl : Parte 11 - Riempire Ancora gli Esagoni

Se la fantasia e il furto non sono sufficienti, possiamo usare anche altri modi per riempire gli esagoni del nostro hexcrawl.

Read more...

Creare avventure usando i BG dei personaggi

In questo articolo Wade Rockett ci spiega come usare i Background di un personaggio di 13th Age per coinvolgerlo nella propria avventura. 

Read more...

La Terra dei Fiori #3: Brynth

Continuiamo a scoprire altri luoghi del peculiare mondo inventato da GoblinPunch.

Read more...
By Lucane

I Mondi del Design #3: "Tutto Ruota Intorno a Me" Parte 2

Riprendiamo le riflessioni di Lewis Pulsipher circa due stili di gioco opposti, "individualista" e "collaborativo": secondo lui si tratta di differenze generazionali che portano il design dei giochi ad essere orientato verso un gusto piuttosto che verso l'altro. Voi cosa ne pensate?

Read more...

La mia campagna


Jonnie
 Share

Recommended Posts

Ok, abbiamo giocaot la prima sessione di DW. Mi sono presentato al tavolo con la seguente preparazione:

-una mappa con una linea azzurra per un fiume e una specie di ovale verde scuro per una palude.

-le statistiche dei mostri della palude.

-la vaga idea che ci sarebbero stati di mezzo dei contrabbandieri e un vecchio mistico.

è venuto fuori che nella palude c'erano cinque città in rovina, che nelle città si trovano dei troni magici piuttosto misteriosi, e che i pg sono amici del capo del borgo da cui provengono.

Ecco cosa ho tirato fuori durante la creazione del Fronte.

I Troni Maledetti di Darkwall

 

Pericolo 1: La Gilda dei Liberoscambisti (Gilda dei Ladri)

 

Impulso

 

: impossessarsi con l'inganno

 

Disastro Incombente

 

: usurpazione

 

Oscuri Presagi

 

:

  • [*=3]I Liberoscambisti inviano una missione esplorativa nelle Paludi della Morte
    [*=3]I Liberoscambisti assimilano un'altra organizzazione impossessandosi delle sue basi
    [*=3]I Liberoscambisti inviano missioni a lungo raggio
    [*=3]I capi della Gilda si impossessano di uno dei Cinque Troni di Darkwall
    [*=3]Repulisti all'interno della Gilda
    [*=3]I capi della Gilda usano il Potere dei Troni

     

Pericolo 1: Le Ripugnanti Creature delle Paludi della Morte (Parassiti Umanoidi)

 

Impulso

 

: riprodursi, moltiplicarsi, consumare, estendere la superficie delle Paludi a danno delle terre coltivate.

 

Disastro Incombente

 

: pestilenza

 

Oscuri Presagi

 

:

  • [*=3]I batracidi delle Paludi della morte si infiltrano nelle fognature di Markant
    [*=3]Bukunawa blocca i commerci fluviali
    [*=3]I batracidi si insediano nelle rovine di Darkwall
    [*=3]I batracidi acclamano un Re-Sciamano
    [*=3]Le creature della palude sciamano sulle terre coltivate
    [*=3]Diffusione della Febbre Verde
    [*=3]I batracidi conquistano Markan

     

Poste in gioco:

  • A cosa servono (e come si usano) i misteriosi Troni di Darkwall?
  • Chi controllerà la città di Markant?
  • Chi c'è dietro alla Gilda dei Liberoscambisti?

Cast:

  • Manuchar Pugnodiferro, abile Fabbro e Borgomastro di Markant "democraticamente eletto"
  • Il Vecchio Mistico che vive al centro delle Paludi della Morte

Ho preparato solo 2 pericoli, per potermi lasciare spazio di manovra nel caso uscisse qualcos'altro di interessante.

Ed ora, ecco l'insediamento di Markant (il nome dovrebbe venire da qualche tipo di videogame mi dicono).

Markant, Borgo al limitare della Palude

Prosperità: Moderata

Popolazione: In Crescita

Difese: Sorveglianti

Etichette:

  • Commercio con Forte Passogrigio
  • Commercio con Terminus
  • Anarchico

Markant è un insediamento piccolo e periferico, sorto nel punto in cui il fiume azzurro sfiora le Paludi. Originariamente poco più di un mercato e un rifugio per i contadini della zona, ha subito una crescita forsennata negli ultimi anni. è stato forse per la creazione di Forte Passogrigio, che ha attirato i militari e le loro famiglie? o è tutto merito del Borgomastro Manuchar?

Problemi e Note

 

  • Mi è risultato un po' complicato mantenere la centralità della fiction durante i combattimenti. L'abitudine a D&D è proprio forte...
  • Forse abbiamo applicato male una abilità del Paladino
  • Il meccanismo del Fail Forward a volte può essere un po' impegnativo da gestire. Ad un certo punto il mago ha lanciato cinque volte di seguito "Contattare gli Spiriti" (facendo ogni volta domande sceme del tipo "hai capito che mi devi rispondere?"). Per cinque volte ha fatto 7-9, e per cinque volte ha scelto di attirare delle attenzioni indesiderate. Ora, per fortuna si trovavano dentro Darkwall e c'erano i Fuochi Fatui... ma se fossero stati in una situazione diversa, al terzo FF mi sarei trovato in imbarazzo.
  • Devo imparare a gestire meglio le debolezze del gruppo: non c'è nessuno che abbia armi a distanza!
Edited by AndreaP
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By Halaster Blackcloack
      Quando tirare e quando non tirare? Questo è il dilemma.
      In generale secondo me se non c'è un rischio non ha senso tirare. Un'imboscata funziona se si sa da dove vengono i nemici o al massimo puoi nasconderti in generale. Ma se ti nascondi dietro un albero specificatamente contro un rumore che hai sentito e dietro di te passa qualcuno, è difficile che non ti veda, in questo caso secondo me un tiro è superfluo: puoi tirare contro il rumore dl cerbiatto che sta passando da un lato, ma se non hai percepito il mezz'orco che ti vuole stuprare dietro di te...
    • By Marco NdC
      Notavo che con giocando gli Appetiti Erculei del Barbaro (link all’actual play), sto avendo difficoltà a tirare 6-
      Più esattamente su ben 13 tiri… fino ad ora non ho mai fatto un 6-
      Roba forte!
      Premesso che la cosa non mi fa schifo (ma di questo passo non salirò mai di livello), che i dadi sono stati oggettivamente benevoli, e che tendo comunque a tirare con le abilità in cui sono più forte (COS, FOR e SAG), mi chiedevo quale fosse l’effettivo vantaggio statistico di tirare 1d6+1d8

      Per cui sono andato di anydice:

       
      Come immaginavo 1d6+1d8 è statisticamente sovrapponibile ad un 2d6+1
      Quindi la cosa ancora non mi torna. Tanto più che su 1d6+1 la percentuale di fare 6- è addirittura minore rispetto a 1d6+1d8.
      Rispettivamente 27.78% e 31.25%
      Le percentuali invece si rovesciano in caso di 10+
      Dunque 31.25% per 1d6+1d8 contro 27.78% per 2d6+1, e il divario aumenta all’aumentare dei bonus. Rispettivamente 3.5% -> 4.16% -> 4.17%

      In pratica, se anche non di molto, 1d6+1d8 tende ai risultati più estremi (il che sarebbe in linea con il temperamento focoso di un Barbaro).

      Alla fine della fiera deduco che l’assenza di 6- su ben 13 tiri del mio actual play, non c’entri un tubo con la meccanica in sé, ma è stata una questione meramente fortunosa.

      Complicazioni quando d6 > d8
      Secondo la mossa, il rovescio della medaglia di tirare 1d6+1d8 avviene quando il d6 supera il d8.
      Ovviamente lo svantaggio tattico non è oggettivamente quantificabile. Dipende dalla complicazione che il master mette in fiction.
      Ad ogni modo l’evento capita nel 31.25% dei casi. Quasi una volta su tre (la stringa di riferimento su anydice è: output 1d6 > 1d8) che a mio avviso non è poco.

      Ora, al netto di elucubrazioni sul bilanciamento, che non hanno senso in DW, lo si può ritenere un rovescio della medaglia adeguato?
       
    • By Marco NdC
      In questo thread intendo discutere il “giusto” metodo per dare un valore agli oggetti personalizzati, ossia quelli non elencati in Equipaggiamento.
      Quanto costerebbe, chessò, una Doppia Ascia Orchesca anziché una Cotta di Maglia in Mithril? Che caratteristiche avrebbero?
      Ovviamente il master ha piena libertà a riguardo, il mondo di gioco è suo, ed il bello di Dungeon World è che ogni universo è un discorso a sé, dunque tutto da scoprire.
      Di conseguenza non solo questa è una discussione in cui ognuno può e deve dire la sua, ma invito a prenderla più come un esercizio di stile, un divertissement 😉

      Ma esiste un metodo per determinare quello che la mossa Fare Rifornimento definisce come “prezzo onesto”?
      Per me potrebbe essere, a grandi linee, lo stesso seguito dagli autori del gioco.
      Osservando l’elenco di beni/servizi in Equipaggiamento, forse non ci sono delle logiche super-rigorose, ma delle linee guida sicuramente sì.
      Cercherò dunque di prendere l’oggetto che più si avvicina a quello personalizzato, applicare queste linee guida e al limite “arrotondare per eccesso” (poi spiego perché).

      Questi i criteri di riferimento:

      Vantaggio/Svantaggio Meccanico
      Eccetto i preziosi, in DW gli oggetti non hanno un valore realistico.
      Le armi che hanno le stesse etichette, hanno anche lo stesso valore.
      Una mazza rudimentale o una spada finemente decorata, finché avranno le etichette “media, peso 1”, il loro valore sarà sempre di 8 monete.

      Vantaggio/Svantaggio Fictional
      In DW l’aspetto fictional è tanto rilevante quanto quello meccanico. Tuttavia, forse perché essendo più situazionale, il manuale sembra non prenderlo in considerazione.

      C’è vantaggio e vantaggio
      Ad es. il tag +1 danno è sempre più vantaggioso rispetto il tag perforante 1 (il secondo si applica solo quando il bersaglio è provvisto di armatura).
      Oppure, l’aumento del peso è più incisivo quando riguarda un’arma da lancio, visto che per fare più attacchi se ne dovranno trasportare di più, rispetto una spada o uno scudo.

      Etichette Neutrali
      Alcune etichette non danno un chiaro Vantaggio/Svantaggio.
      Ad esempio la portata “lunga” non è necessariamente più vantaggiosa di “media” o viceversa. Dipende dalle circostanze. Per cui i valori sono sovrapponibili.

      Etichette non Neutrali
      Lo stesso non vale quando le armi attivano mosse diverse, poiché le mosse hanno un “valore” diverso.
      Ad esempio l’etichetta “vicino” (arma a distanza) è considerata più vantaggiosa rispetto “media” (confronta l’Arco Logoro (mo 15) con il Randello (mo 1), uguali in tutto eccetto per l’essere armi da tiro anziché da mischia).
      Presupponendo che le armi che usano Raffica siano più vantaggiose, poiché permettono di infliggere danno senza subirne.

      Nel dubbio “arrotondare” per eccesso
      Soprattutto quando un oggetto è migliore sotto ogni aspetto rispetto un altro, il criterio sarà di abbondare largamente con il costo. Ciò ridurrà/annullerà il rischio di rendere quest’ultimo del tutto desueto.

      Non è la somma che fa il totale
      Se un’arma che ha +1 perforare costa 10 mo;
      Se un’arma che ha +1 danno costa 15 mo;
      Se un’arma che ha precisa costa 25 mo;
      Non significa che un’arma che abbia tutte e tre le etichette, costi 10 + 15 + 25 mo;
      Raggruppare più vantaggi in un unico oggetto ne aumenta il valore secondo una curva tanto più crescente, tanto più sono i vantaggi che si sommano (vedi Spada da Duellante).
    • By Marco NdC
      Il Templare è una classe non ufficiale di DW, ideata da Jacob Randolph e reperibile in Dungeon World Alternative Playbooks.
      Sostanzialmente riscrive il Paladino conferendogli delle meccaniche più inquisitorie. O almeno questa sembra il suo concept.

      Spiego perché a mio avviso il Templare sia una classe mal scritta, sia a livello concettuale, sia a livello meccanico.
      Parto proprio dalle mosse, premettendo che l’unica che si salva è quella presa a piè pari dal Paladino: I am the Law.
       
      Inquisition
      When you and an NPC have a private chat, roll+CHA.
      On a 10+, hold 3.
      On a 7-9, hold 2.
      On a 6-, hold 1, but the NPC will try to run away or attack you.

      Spend your hold 1 for 1 on the following:
      • You find out who they work for and why.
      • You find out their goal and how far they'll go to get it.
      • You find out if they intend to harm anyone, and if so, who.
      • You find out if they are hiding something, and if so, what.

      After hearing their answers, you can put serious pressure on them for more - break some bones, threaten loved ones, or something similar. If you do, take +1 hold, but the NPC will never want anything to do with you ever again.

      1) Ridonda con I am the Law.
      Quest’ultima già può costringere un PNG a rivelare le info di cui sopra (e qualsiasi altra), ma in modo più sensato. Ad esempio mettendo il PNG nella posizione di non poter né scappare, né nuocere: “Ti ordino di rispondere secondo verità alle mie domande…”
      2) Qual è la ratio del trigger? Perché la presenza di qualcuno che possa aiutare nell’interrogatorio, non rende la mossa attivabile? Stesso discorso per altre circostanze favorevoli che non siano una “private chat”, chessò, un tribunale, la tortura, etc..
      3) Con il 6- il PNG è comunque costretto a fare qualcosa di potenzialmente stupido: attaccare o scappare.
      Ignorare le domande o mentire non è concesso.
      4) Con il 6- il Templare ottiene comunque una presa, dunque un’informazione… mentre il PNG combatte o scappa?
      5) Per quale motivo il giocatore dovrebbe scegliere l’ultima opzione (After hearing their answers) per avere una presa aggiuntiva? Tanto vale ripetere la mossa. Nella peggiore delle ipotesi (6-) otterrà comunque una presa (nonché un PE) e comunque il PNG non vorrà averci più nulla a che fare.
    • By Marco NdC
      Scenario:
      - Gli eroi si trovano dentro un gigantesco “pozzo”. Sulle pareti scendono giri e giri di scale, senza protezione, mentre al centro si spalanca una voragine a perdita d’occhio.
      - Il ladro è un tipo sveglio e agile, ma a sto’ giro gli è andata male: sta per cadere nella voragine. Il paladino lo salva in extremis. Adesso il primo penzola nel vuoto; il secondo è prono sui gradini, e lo tiene saldamente per un polso (evitandogli di Sfidare il Pericolo).
      - Come se non bastasse, da sopra si sta avvicinando una mummia con intenzioni tutt’altro che amichevoli.
      Le mummie di questo scenario si muovono indolentemente (seppur siano molto forti) con le braccia protese, si lamentano, ed hanno brandelli di bende che penzolano.

      In base a questo scenario
      Il Ladro fa la sua mossa: si dà slancio usando il braccio del paladino (a mo’ di liana?) per saltare oltre il ciglio della voragine, e tuffarsi addosso alla mummia. Così da farla arretrare.
      Il giocatore valuta che il dondolio della “liana” più il salto acrobatico sia uno Sfidare il Pericolo (tira un 7 puro. Dunque 9 se + DES, oppure 6 se + FOR), e il tuffo come un attacco in mischia, quindi tira un Taglia e Spacca e fa 4…

      Ci sta. Ma in pratica ha affidato la sua vita a ben due tiri di dado…
      Ora, aldilà dei risultati (che per giunta arrivano da una posizione precaria, nonché dopo l’aver perso molti punti ferita), la domanda che ci interessa è: il giocatore ha usato la Fiction a suo vantaggio?

      Ricordiamo lo slogan del momento: è la Fiction che rende POTENTI!
      Lo fa molto più dei dadi, che notoriamente sono pure traditori xD
      Ma prima di fare un esempio pratico… bisogna capirsi su cos’è la Fiction.

      (musica di Super Quark in sottofondo)
      Il manuale definisce la Fiction come il mondo che circonda i personaggi.
      Vero, ma per come viene poi trattata – sempre dal manuale – la si può descrivere più estesamente come:
      il mondo dei personaggi… determinato, un pezzo alla volta, dai giocatori (master compreso).

      Ossia non è un pacchetto-tutto-compreso caduto dall’alto (quello lo si può definire come “universo di gioco”), ma è più simile ai mattoncini Lego.
      A suo turno ognuno aggiunge il pezzo di Fiction che gli spetta, costruendo sui mattoncini che hanno piazzato gli altri.
      Fico no?
      E non è solo un “qui c’è uno sgabello anziché un boccale di birra”, ma è tutto. Proprio tutto. Le gesta dei personaggi sono pezzi di Fiction, le loro parole, i pensieri, le sensazioni e finanche i ricordi di eventi passati.

      Ma perché la Fiction rende POTENTI?
      Per due motivi:
      1) Può costruire “muri”.
      Nessuno può contraddire la Fiction. Nemmeno il master.
      Restando al parallelo con i Lego, nessuno può togliere o modificare un mattoncino che è stato già messo. Al più ci puoi costruire sopra o attorno… a patto che il tuo mattoncino si incastri (e questo ce lo dicono le regole di gioco).

      2) Può costruire “ponti”.
      Man mano che si aggiungono mattoncini la Fiction diventa sempre più ricca, moltiplicando le possibilità di agganciare mattoncini, qui o là, secondo gusto e/o convenienza.

      Riassumendo, con la Fiction si possono costruire “muri” contro le avversità, o “ponti” che ce le facciano scavalcare agevolmente (o quasi).
      Non ci credete? Siete confusi?

      Prendiamo lo scenario di cui sopra e ipotizziamo un uso virtuoso della Fiction.

      Ladro: «La stretta del paladino è ben salda. Per ora non c’è pericolo che cada. Sento il lamento della mummia avvicinarsi aldilà del bordo delle scale. Perfetto! Io so dov’è lei… ma lei non mi vede, nascosto e appeso nel vuoto come sono, aldiquà del bordo. Quella stupida benda penzolante dal suo stupido braccio proteso, annuncerà il suo lento ma inesorabile arrivo. Bene. Stringo il coltello tra i denti e aspetto. Riesco a vederla! A sorpresa, con un agile colpo di reni, le infilzo un piede, mi tiro su, afferro la benda, e trascinando la mummia di peso, la faccio volare nella voragine…»

      Qui l’unico tiro da fare è per la mossa del Ladro “Attacco Furtivo”, che è comunque molto vantaggiosa.
      Sia perché usa una caratteristica a lui congeniale (+2 in DES), sia perché un 7+ è sufficiente per portare a casa la pagnotta. Volendo (visto che i due si sono messi d’accordo) il paladino può anche aiutare e dare un ulteriore +1. Un successo quasi automatico (91,6% di successo).
      Ma vediamo la mossa:

      Attacco Furtivo (Des)
      Quando attacchi un nemico indifeso o preso di sorpresa con un'arma da mischia, puoi scegliere di infliggere i tuoi danni o di tirare+Des.
      ✴Con un 10+ scegli due opzioni.
      ✴Con un 7–9 scegline una.
      • Non entri in corpo a corpo col nemico
      • Infliggi i tuoi danni +1d6
      • Ti crei un vantaggio, +1 al prossimo tiro tuo o di un alleato contro il nemico.
      • Riduci la sua armatura di uno finché non la ripara.

      In questo caso non serve il danno, ma solo l’effetto. L’opzione “Non entri in corpo a corpo col nemico” permette di attaccare… e di non essere attaccati. Come GM, anche volendo essere cattivo, non potrei nemmeno inventarmi “ok, ma all’ultimo la mummia si attacca ad un tuo stivale. Cosa fai?”… perché la mummia NON può entrare nel corpo a corpo 😉

      Ma come faccio a sapere se questa è una giocata lecita?
      Semplicemente ho costruito sui “mattoncini” di Fiction già piazzati:
      - La mummia è lenta, io sono agile.
      - La mummia preannuncia la sua posizione, con il suo lamento, le braccia protese, le bende penzolanti.
      - Sono nascosto alla mummia poiché penzolante oltre il bordo delle scale. Per cui posso sorprenderla.
      - La presa del paladino è salda. Per ora non corro pericoli e posso raccogliere le idee.  
      - Una benda penzolante si può sfruttare come facile maniglia.
      Etc., etc..


      Contrariamente, nel caso della giocata reale, (aldilà del risultato dei dadi) la Fiction sta stabilendo cose che vanno a proprio svantaggio:
      - Sto giocando alla “liana” con il braccio del paladino.
      - Mi sto lanciando addosso un mostro molto forte (le sue mani, testualmente: “Ti strozzano con una forza sovrumana”)
      - Lo sto facendo su degli scalini ripidi e pericolosi (testualmente: “il fatto che ti trovi su dei gradini scoscesi non aiuta affatto…”
      Etc..
      E ripeto, al netto del 7-9 sullo Sfidare (che comunque significa guai) e del fail sul Taglia e Spacca…

      Spero di aver reso l’idea.
      Lo scopo di questo approfondimento è spiegare che una volta compresi questi concetti, si può giocare con le ali ai piedi, o con la zappa sui piedi… e che la fortuna/sfiga con i dadi c’entrerà relativamente poco… 🙂
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.