Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Avventure Investigative #2: L'Avventura in Giallo

D&D può essere usato per creare delle avventure investigative interessanti? Eccovi il secondo articolo di una serie in cui espongo le mie idee in merito.

Read more...

Sage Advice - Evoluzioni delle Creature

Jeremy Crawford ci parla dell'evoluzione futura dei blocchi delle statistiche e delle nuove razze giocabili introdotte in The Wild Beyond the Witchlight.

Read more...

Eccellenti Esempi di Design: Emberwind

Proseguiamo con l'analisi degli "eccellenti esempi di design" presentandovi Emberwind, un GdR pensato per poter essere giocato anche senza un master.

Read more...

La terra di Noth

Andiamo ad esplorare un altro angolo di Centerra, la bizzarra ambientazione ideata da GoblinPunch. In particolare oggi parleremo della Terra di Noth, un impero in forte ascesa.

Read more...
By Lucane

I Mondi del Design #2: "Tutto ruota intorno a me" - Parte 1

Questo articolo prosegue la traduzione della rubrica dedicata al Game Design scritta da Lewis Pulsipher ed è il secondo di una lunga serie.

Read more...

World of Darkness - Chloe Maliya


MrDeath

Recommended Posts

E' appena finito un altro duro allenamento di Kung Fu, insieme alle tue poche compagne di corso sei tornata negli spogliatoi e dopo la doccia vi siete perse in chiacchiere fino ad arrivare a parlare di problemi economici. Infatti nonostante tu te la cavi benino e il tuo lavoro ti basti a sopravvivere a questi tempi di crisi i tuoi adorati nonni non se la passano altrettanto bene. La vecchia baracca in cui vivono ha bisogno di una sistemata o presto il tetto crollerà e loro hanno appena i soldi per mangiare a giorni alterni. Purtroppo hanno sempre meno clienti e la sola pensione di Popo basta a sufficienza. Tu, in nome del forte legame che hai con loro, ti sei ripromessa di aiutarli ma non sai proprio che fare. Il tuo lavoro ti lascia giusto il tempo di allenarti e di riposare, non hai certo tempo per farne un secondo e i soldi che hai ti bastano giusti giusti per te e l'affitto dell'umile appartamento in cui ti sei trasferita da ormai un anno abbondante.

La compagna di corso con cui stai parlando di queste cose ha il tuo stesso problema ma ha risolto dedicandosi, una paio di sere alla settimana, agli spogliarelli in uno squallido nightclub. Infatti aderisce al corso proprio per potersi difendere dopo il lavoro. Continuando a parlare d'improvviso le si illumina il volto, ha appena avuto un idea che ti può tornare utile. Come ti spiega entusiasta ha sentito parlare di una palestra abbastanza rinomata che sta cercando giovani combattenti dilettanti da preparare per un incontro che si terrà molto a breve in un importante locale della città, il K.O. Si tratta di MMA femminile e anche se attualmente non è presa sul serio ed è solo votata a scaldare il pubblico prima dell'incontro vero e proprio è una vera opportunità per fare un po' di soldi con facilità e in poco tempo. Per la partecipazione solo solo 100 dollari e la preparazione, ma in caso di vittoria ne porteresti a casa 2000. Spiegandoti la cosa la vedi piuttosto eccitata all'idea che tu possa partecipare e magari anche vincere e ti guarda con occhi speranzosi in attesa di una tua risposta.

Data: Venerdì 5 Luglio 2013

Ore 23:05 circa

Spoiler:  
Oggi al negozio ti tocca il turno notturno, attacchi alle 24:00 e stacchi alle 6:00.
Link to comment
Share on other sites


  • Replies 9
  • Created
  • Last Reply

Wow! In effetti non sarebbe male guadagnarsi 2000 dollari per quanto? Mezz'ora di combattimento?

"Sai è una proposta interessante, solo che stasera sono di turno al mini-market, non è che per caso hai il numero di chi organizza gli incontri? Così mi faccio dare ​un appuntamento. Tu lavori lì la sera?"

Mentre le parlo mi preparo ad andarmene e tiro fuori il telefono per segnarmi il numero.

Spoiler:  
Se non mi da il numero le chiedo di dirmi il nome del tizio che organizza gli incontri e dove posso trovarlo di giorno
Link to comment
Share on other sites

Soddisfatta della tua risposta affermativa la vedi sfoggiare il suo più bel sorriso mentre si appresta ad aprire la borsetta in cerca di qualcosa, ne tira fuori un bigliettino da visita tutto colorato che sponsorizza l'evento. Qui c'e' tutto quello che ti serve, sono felice abbia accettato... ricordati di fare il mio nome quando parli con loro, mi daranno un piccolo compenso se vinci. Sarò lì a fare il tifo per te quella sera! Dice con tono gentile e soddisfatto.

Spoiler:  
Nel bigliettino vi sono riportati un paio di nomi e numeri di telefono da contattare nel caso ci si voglia iscrivere.
Link to comment
Share on other sites

Le sorrido anch'io e mi dirigo al lavoro. Mentre faccio il mio turno mi ritrovo a rigirarmi il biglietto tra le mani pensando a cosa fare...

Nana mi darebbe un'occhiataccia glaciale e mi direbbe che sono diventata una delinquente (visto che non ha mai approvato le mie lezioni di Kung Fu) invece Popo mi direbbe di picchiare forte, ma di stare attenta... Lo so che non è una via proprio onesta, ma in fondo sono brava e i nonni hanno davvero bisogno di una sistemata alla casa...

Raccolgo il coraggio e quando non c'è nessuno al negozio chiamo il numero scritto nel biglietto cercando di dare l'impressione di essere una tosta.

Spoiler:  
Non ho scritto la mia parte di conversazione, ma gli dico che la mia amica xx mi ha parlato dell'incontro e che vorrei partecipare.
Link to comment
Share on other sites

La nottata al negozio passa tranquilla e hai modo di chiamare già dopo un oretta di lavoro. Prendi comodamente posto dietro la cassa e componi il numero esitando un attimo prima di premere "Call" per ripensare a cosa dire e come dirlo. Quando ti senti pronta chiami, il telefono squilla per alcuni lunghi istanti e quando inizi a pensare che nessuno risponderà senti una voce maschile dura e impostata rispondere chiedendo chi parli. Dopo esserti presentata brevemente gli spieghi come e chi ti ha ingaggiato e ti vengono fatte poche e brusche domande sulla tua disciplina. Al termine del breve interrogatorio l'uomo ti da appuntamento per oggi stesso alle 21:00 proprio al K.O. e poi chiude la chiamata senza neanche darti tempo di ribadire o confermare. Il tizio con cui ha parlato ha detto di chiamarsi Cotton, ma non hai idea di come sia fatto o come riconoscerlo.

Data: Sabato 6 Luglio 2013

Ore 1:20 circa

Link to comment
Share on other sites

Finito il turno torno a casa nel mio appartamento per farmi una doccia e andare a dormire mentre la città si sveglia.

Mi alzo alle 12:30 con una fame da lupi e mentre cucino qualcosa alla svelta mi ricordo dell'appuntamento di stasera al K.O. quindi preparo anche una borsa con un cambio adatto al combattimento. Il turno di oggi è dalle 14 alle 20, quindi avrò giusto il tempo di cambiarmi ed arrivare al locale in fretta. Durante il mio turno inizio a sentire il nervosismo per l'incontro di stasera. Forse non dovevo nemmeno portarlo il cambio, forse non combatto oggi, e poi non so neanche chi sia questo Cotton! Forse sto solo pensando troppo e FORSE sto pensando a troppi forse. Meglio non pensarci, anche se mi si sta chiudendo lo stomaco dal nervosismo... Appena finisce il turno mi do una ritoccata al trucco e mi dirigo al K.O. con un quarto d'ora d'anticipo ma solo quando entro mi rendo conto del fatto che sto DAVVERO per fare un combattimento per soldi... Cerco di non agitarmi di più e chiedo al barista del locale dove posso trovare un certo Cotton.

Spoiler:  
Devo mettere anche io la data e l'ora alla fine del post?
Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Arrivi al locale giusto qualche minuto prima, è situato in pieno centro in una posizione di grande prestigio. Da fuori la struttura sembra enorme e spartana ma conserva un certo stile. I colori predominanti sono il grigio e il nero che ne ricoprono le facciate della struttura e danno quel tocco misterioso alle finestre rigorosamente oscurate del locale. Spicca su tutto la scritta a caratteri cubitali KO posta in cima alla struttura di 3 piani. Quando ti presenti all'entrata un grosso buttafuori dal volto sospettoso ti ferma ponendosi tra te e la porta un istante prima che tu provassi ad aprirla. Questo non è un abbigliamento adatto alla nostra clientela signorina, inoltre il locale sarà aperto al pubblico solo dalle 22. ha la voce forte e impostata, nonostante tutto sembra cerchi di essere gentile.

Data: Sabato 6 Luglio 2013

Ore 20:45 circa

Spoiler:  
no, non serve ;)
Link to comment
Share on other sites

Sorrido imbarazzata al buttafuori: "Scusami, non sapevo che il locale aprisse alle 22, e poi non so che tipo di abbigliamento serva qui dentro, solo che ho un appuntamento con Cotton alle 21 e una borsa con un cambio di abiti, se è più comodo per te lo chiamo al cellulare, oppure mi accompagni da lui?" Resto lì ad aspettare una sua risposta mentre do un'occhiata al mio riflesso sul portone del locale chiedendomi cos'è che non va... Eppure non mi sembra di essere vestita tanto male... Cavolo!

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Dall'auricolare che porta all'orecchio senti pronunciare poche parole che non riesci a distinguere bene. Il buttafuori, ascoltando i nuovi ordini si gira un attimo come per riflesso a guardare qualcosa alle sue spalle... solo ora noti una piccola telecamera che ti sta puntando dall'alto. Il ragazzone estrae un telefono dalla sua tasca, devi essere una delle lottatrici, il nome prego

Una volta fornito il tuo nominativo si toglie di mezzo e ti apre la porta di vetro oscurato del locale permettendoti di entrare Si goda la serata signorina, Cotton la raggiungerà a breve al bancone

Anche l'interno del locale è molto spartano ma sicuramente non spoglio, le pareti sono infatti piene di ritratti, foto e articoli dedicati a grandi lottatori. Al centro dell'ampio salone vi è un grosso ring, un piccolo gruppo di tecnici stanno finendo di preparare e chiudere la gabbia metallica che lo cinge. Tutt'intorno vi sono numerosi tavolini per i clienti. Infondo, dalla parte opposta alla tua vi è il lungo bancone del locale. Alle spalle del barman decine se non centinaia di bottiglie di alcolici si estendono sistemate per tutta la parete.

Link to comment
Share on other sites

"G-grazie mille, buona serata anche a lei!" Rispondo con una punta di imbarazzo. Quando entro mi guardo intorno, osservo le foto dei campioni cercando foto di lottatrici donne. Mentre mi dirigo al bancone faccio un cenno di saluto agli operai che sistemano la gabbia intorno al ring e infine mi siedo al bancone chiedendo il permesso al barista. "Salve, posso sedermi? mi hanno detto di aspettare qui il signor Cotton..."

Certo che quella gabbia fa un po' impressione... meglio non preoccuparsi prima del tempo, in fondo è dell'avversario che devo preoccuparmi...no?...

Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.