Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Quella copertina di Eberron è solo un segnaposto

Negli ultimi giorni numerose persone, sia negli USA che in altre parti del mondo, hanno iniziato a lamentarsi della qualità della copertina fin ora mostrata per Eberron: Rising from the Last War, primo manuale d'ambientazione cartaceo su Eberron per la 5e. Jeremy Crawford, dunque, Lead Designer di D&D 5e, ieri ha voluto rassicurare tutti con un Tweet, spiegando che la copertina fin ora mostrata su Amazon e sul sito ufficiale di D&D è una illustrazione interna al manuale usata come segnaposto (considerato che la news del manuale è diventata nota grazie al suo avvistamento sullo store di Amazon qualche giorno fa, non mi stupirei se la WotC fosse stata costretta a scegliere una immagine a caso perchè presa in contropiede e obbligata a rivelare il manuale prima del previsto, NdR). La vera copertina del manuale, creata da Ben Oliver, deve invece essere ancora rivelata.
L'immagine utilizzata al momento possiede più dettagli di quanto rivelato sulla copertina segnaposto. Potete vederla qui di seguito (cliccate sull'immagine per ingrandirla):

Read more...

Crawford rivela le razze presenti in Eberron: Rising from the last War

Attraverso il suo account Twitter, il Lead Designer Jeremy Crawford ha deciso di rivelare quali razze giocabili appariranno in Eberron: Rising from the Last War, il primo manuale ufficiale cartaceo su Eberron per la 5e in uscita il 19 Novembre 2019.
Le vere e proprie nuove Razze saranno:
Warfarged (Forgiati) Changelings (Cangianti) Kalashtar Shifters (Morfici) Nel manuale, inoltre, compariranno anche le versioni giocabili di:
Goblin Bugbear Hobgoblin Orchi (in un altro Tweet, Crawford chiarisce che gli Orchi di Eberron saranno leggermente diversi rispetto a quelli pubblicati in Volo's Guide to Monsters)
Read more...

Eberron: Rising from the Last War arriva a Novembre!

La Wizards of the Coast ha rivelato la data di uscita e il prezzo del primo manule d'ambientazione collegato a uno dei setting classici di D&D. Si tratta di Eberron: Rising from the Last War, specificatamente descritto come un "D&D Campaign setting and adventure book" (manuale d'ambientazione e d'avventura). Il manuale in lingua inglese uscirà il 19 Novembre 2019 al prezzo di 49,95 dollari (non sono ancora noti data di uscita e prezzo della versione italiana) e conterrà, oltre alle informazioni generali sul mondo di Eberron e un approfondimento dedicato alla città di Sharn, una campagna d'avventura ambientata nella regione del Mournland, nuove opzioni per PG, (tra cui la nuova Classe dell'Artefice e i Marchi del Drago), navi volanti, la nuova regola del Group Patron (un Background per il gruppo intero) e molto altro ancora.
Qui di seguito trovate la descrizione ufficiale di Eberron: Rising from the Last War, mentre in fondo all'articolo vi mostriamo la copertina standard del nuovo manuale e quella speciale della versione limitata (per ingrandire le immagini cliccate su di esse).
 
Eberron: Rising from the Last War
Esplorate le terre di Eberron in questo supplemento di campagna per il più grande gioco di ruolo al mondo.
Che sia a bordo di di una nave volante o della cabina di un treno, imbarcatevi in una emozionante avventura avvolta nell'intrigo! Scoprite segreti sepolti per anni da una guerra devastante, nella quale armi alimentate dalla magia hanno minacciato un intero continente.
Nel mondo post-bellico la magia pervade la vita di ogni giorno e persone di ogni sorta si riversano in Sharn, una città di meraviglie dove i grattacieli squarciano le nubi. Troverete la vostra fortuna nelle squallide strade cittadine oppure rovisterete gli infestati campi di battaglia alla ricerca dei loro segreti? Vi unirete alle potenti Case dei Marchi del Drago, spietate famiglie che controllano tutte le nazioni? Cercherete la verità in qualità di reporter di un giornale, di un ricercatore universitario o di una spia governativa? Oppure forgerete un destino in grado di sfidare le cicatrici della guerra?
Questo manuale garantisce strumenti di cui sia i giocatori che il Dungeon Master hanno bisogno per esplorare il mondo di Eberron, inclusi la Classe dell'Artefice - un maestro delle invenzioni magiche - e mostri creati da antiche forze belligeranti. Eberron entrerà in una nuova era di prosperità o l'ombra della guerra discenderà su di esso ancora una volta?
Una completa guida di campagna per Eberron, un mondo dilaniato dalla guerra e armato da tecnologia alimentata dalla magia, da uno dei titoli più venduti sul DMs Guild: Wayfarer's Guide to Eberron. Una veloce immersione nelle vostre avventure pulp grazie all'utilizzo dei luoghi d'avventura facili da usare e creati per il manuale, contenenti mappe di treni folgore (lightning trains), navi volanti, castelli fluttuanti, grattacieli e molto altro. Esplorate Sharn, una città di grattacieli, navi volanti e intrighi in stile noir, e crocevia per le genti del mondo sconvolte dalla guerra. Include una campagna per personaggi interessati ad avventurarsi nel Mournland. Giocate l'Artefice, la prima classe ufficiale ad essere rilasciata per la 5a Edizione di D&D dall'uscita del Manuale del Gioatore. L'Artefice fonde magia e invenzione per creare oggetti meravigliosi. Create il vostro personaggio usando un nuovo elemento di gioco: il Patrono di Gruppo (Group Patron), un Background per tutto il gruppo. 16 nuove razze/sottorazze - il numero più alto rispetto a quelle pubblicate fin ora negli altri manuali di D&D - in cui sono inclusi i Marchi del Drago, che trasformano magicamente certi membri delle razze del Manuale del Giocatore. Affrontate mostri orrorifici nati dalle guerre più devastanti del mondo. DETTAGLI DEL PRODOTTO
Lingua: inglese
Prezzo: 49,95 dollari
Data di uscita: 19 Novembre 2019
Formato: Copertina rigida


Link alla pagina ufficiale del prodotto: https://dnd.wizards.com/products/tabletop-games/rpg-products/eberron
Read more...

Il Barbaro e il Monaco

Articolo di Ben Petrisor, con Dan Dillion e F. Wesley Schneider - 15 Agosto 2019
Nota: le traduzioni dei nomi delle meccaniche citate in questo articolo sono non ufficiali.
Questa settimana due Classi, il Barbaro e il Monaco, scoprono nuove possibilità da playtestare. Il Barbaro riceve un nuovo Cammino Primordiale: il Cammino dell'Anima Selvaggia (Path of the Wild Soul). Nel frattempo il Monaco ottiene una nuova Tradizione Monastica: la Via del Sè Astrale (the Way of the Astral Self). Vi invitiamo a dare una lettura a queste Sottoclassi, a provarle in gioco e a farci sapere cosa ne pensate. Tenete d'occhio il sito di D&D per un nuovo sondaggio e fateci sapere in quest'ultimo cosa ne pensate dell'Arcani Rivelati di oggi.
Questo è Materiale da Playtest
Il materiale degli Arcani Rivelati è presentato allo scopo di effettuarne il playtesting e di stimolare la vostra immaginazione. Queste meccaniche di gioco sono ancora delle bozze, usabili nelle vostre campagne ma non ancora forgiate tramite playtest e iterazioni ripetute. Non sono ufficialmente parte del gioco. Per queste ragioni, il materiale presentato in questa rubrica non è legale per gli eventi del D&D Adventurers League.
Arcani rivelati: il barbaro e il monaco
Link all'articolo originale: https://dnd.wizards.com/articles/unearthed-arcana/barbarian-and-monk
Read more...

Intervista a Massimo Bianchini di Asmodee Italia su D&D 5e

Massimo Bianchini, Country Manager di Asmodee Italia e dal 1997 una delle principali teste dietro alla traduzione dei manuali di D&D, ha di recente rilasciato un'intervista al sito Tom's Hardware, grazie alla quale possiamo farci un'idea più chiara sul modo in cui la Asmodee Italia gestisce la localizzazione di D&D 5e in italiano e su cosa possiamo aspettarci per il prossimo futuro.
L'intera intervista è disponibile sul sito Tom's Hardware, mentre qui di seguito potrete trovare alcuni estratti riguardanti specificatamente D&D 5e.
Grazie a @Checco per la segnalazione.
 
In questa epoca di ritorno in auge del gioco di ruolo Asmodee si è “portata a casa” uno dei prodotti più noti e diffusi sul mercato: Dungeons & Dragons. Come sta andando la linea editoriale?
Sta andando molto bene, e anche Wizards of the Coast e Gale Force 9 sembrano molto contente di quanto stiamo sviluppando sul mercato. Non c’è la certezza assoluta, ma in base alle informazioni di cui siamo in possesso, l’italiano è la seconda lingua in cui vengono venduti più manuali al mondo (dopo ovviamente l’inglese)!
La domanda più “pressante” e diffusa nella community dei giocatori di D&D è: “quando esce il modulo X?” “qual è la linea editoriale per raggiungere le pubblicazioni USA?”. Cosa possiamo rispondere in merito? Wizards of The Coast ha “ingranato la quinta” nella velocità di lancio di prodotti… come riuscirete a stare al passo?
L’accelerazione da parte di Wizards of the Coast si è verificata nel corso dell’ultimo anno e al momento stiamo cercando delle contromisure per riuscire a stare al passo. L’idea iniziale era quella di seguire la schedule di uscite originale con l’inserimento in semi-contemporanea delle novità più importanti dell’anno. Ed effettivamente, almeno inizialmente, eravamo riusciti a recuperare “tempo”: la nostra frequenza di uscite era più alta rispetto a quella delle uscite americane.
Purtroppo ora non è più così: il successo world-wide di D&D ha dato un impulso pazzesco alle produzioni americane e stiamo cercando con tutte le nostre forze di tenere il ritmo. Occorre anche dire che alcuni accessori prodotti da Gale Force 9 (come gli schermi del DM dedicati alle campagne o le carte incantesimo, oggetti magici e dei mostri) sono produzioni aggiuntive che portano via risorse, e che vanno ad aggiungersi alla realizzazione dei manuali. (E bisogna anche aggiungere che il gioco da tavolo del Dungeon del Mago Folle, in uscita a fine anno, è andato in coda alla produzione: lo staff che se ne occupa, per ovvie esigenze di coerenza, è lo stesso).
Il discorso generale è che è molto difficile lavorare su prodotti in maniera che non presentino errori di traduzione, e come si può immaginare ciò porta via molto tempo. In ogni caso, pur essendo partiti in ritardo rispetto alle edizioni di altri paesi (Francia, Spagna o Germania, per nominarne qualcuno) siamo comunque in linea con il numero di uscite di questi ultimi.
Il mercato USA gode di numerose versioni “collector” dei vari volumi. Sarà possibile vedere qualcosa anche per il mercato italiano o i numeri attuali sono ancora lontani da permettere stampe di manuali in edizioni diverse?
Siamo in attesa, ormai da molti mesi, dell’autorizzazione alla pubblicazione di questi magnifici manuali “collector”, che sono molto richiesti e che speriamo prima o poi di riuscire a portare nei negozi.
D&D ricopre un posto particolare nella tua evoluzione sia di appassionato sia lavorativa. Da quanto segui il prodotto come “giocatore” e da quanto come “addetto ai lavori”? Quando hai saputo di avere “in casa” il gioco quali sono state le tue reazioni? Felicità o “terrore” per la fan base che avresti dovuto affrontare?
Considerando che il primo manuale che ho editato risale al 1997 (Manuale del Giocatore di AD&D Seconda Edizione) direi che la fase del “terrore” l’ho passata da un pezzo. Diciamo che per la Quinta Edizione ero un po’ preoccupato perché non avevo seguito molto le uscite in inglese dal 2014 in poi… Quando abbiamo ottenuto i diritti, nel 2017, ho dovuto rispolverare glossari e terminologie che non toccavo da molti anni (dal 2009, ultimo manuale che ho seguito per la Quarta Edizione), ma alla fin fine crediamo di avere svolto un buon lavoro.
Attualmente siamo arrivati alla sesta stampa, che consideriamo un bel traguardo! C’è da dire che ho curato solamente la pubblicazione del Manuale del Giocatore, per tutte le altre uscite mi sono avvalso di una mia collaboratrice storica molto in gamba, Chiara Battistini, che sta seguendo tutta la produzione, lavorando sulla traduzione di un’altra pietra miliare del settore, Fiorenzo Delle Rupi.
Quanto del tuo bagaglio culturale e di esperienza troviamo nella attuale versione del gioco? Ti sei “portato dal passato” qualche glossario o elemento che avete utilizzato per mantenere una coerenza con le vecchie edizioni?
Ho una cartella “Glossari” creata più o meno nel millennio scorso, che ho (abbiamo) utilizzato nel corso di tutte le edizioni. In origine, cercammo di mantenere coerenza con la vecchia scatola rossa di D&D, pubblicata da Editrice Giochi, come ad esempio il mitico Dardo Incantato.
In linea di massima abbiamo sempre cercato di mantenere il massimo della coerenza possibile tra un’edizione e l’altra, anche nei termini più ricercati. Per esempio, nella Guida degli Avventurieri alla Costa della Spada, di prossima uscita, i termini geografici sono esattamente gli stessi della scatola base di Forgotten Realms di AD&D Seconda Edizione, pubblicata più di vent’anni fa!
Attualmente Asmodee attraverso Gale Force 9 detiene i diritti per la pubblicazione dei manuali cartacei e non quelli PDF. Il mercato sempre più sembra richiedere la vendita in bundle o anche singola per le versioni digitali… se si aprisse la possibilità secondo te il mercato italiano sarebbe una piazza interessante per questa tipologia di distribuzione?
Devo dire che nutro forti dubbi in merito, da noi la pirateria è ancora ampiamente diffusa, anche se capisco che sarebbe molto comodo avere la versione in pdf dei manuali per facilità di consultazione durante le sessioni di gioco. C’è da dire che è un problema che non si pone, dal momento che questa non è una decisione che spetta ad Asmodee Italia ma bensì a Wizards of the Coast.
Qualche numero sulla vendita di D&D in Italia? Siamo rimasti alle 10.000 copie del Manuale del Giocatore, qualche aggiornamento?
Al checkpoint di metà luglio siamo arrivati a 14.000 copie, ma il periodo migliore dell’anno è da settembre in poi.

Fonte: https://www.tomshw.it/culturapop/asmodee-dungeons-dragons-e-giochi-di-ruolo-intervista-a-massimo-bianchini/
Read more...

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

Eiden

Spillo Story

Recommended Posts

Spillo da Menci

Cinque regolette per il Pbf

Spoiler:  
- Si scrive in prima persona.

- I dialoghi del personaggio vanno scritti in grassetto.

- I pensieri del personaggio vanno scritti in blu corsivo.

- Eventuali cose scritte dal personaggio (biglietti, lettere, ecc) vanno scritti in rosso.

- Quando volete compiere un’azione (combattimento, prova abilità, incantesimi, ecc) descrivete l’azione con scrittura normale, mentre mettete in SPOILER l’azione in forma di regole.

Esci dalla porta della casa che condividi con i tuoi fratelli, è mattina presto, il cielo è limpido e l’aria è fresca, un’ottima giornata per iniziare il tuo “viaggio dello spirito”, accosti la porta senza chiuderla e con in spalla la tua sacca, ti volti per iniziare il tuo viaggio.

Per il paese dormo tutti o quasi… arrivato alla piazzetta del villaggio una voce ti chiama a se:

“ehi Spillo Giovane mio, aspetta un attimo”

E' una voce squillante che sai bene a chi appartiene, è Pollone il panettiere del villaggio, per lui è normale essere sveglio alle ore più strane.

“Tu che sei giovane ed hai buone gambe, potresti fare un favore ad un povero vecchio indaffarato?”

Dice mentre si pulisce le mani dalla farina, nell’aria l’odore di pane appena cotto è molto invitante e tu non hai fatto colazione, noti subito che l’odore proviene dal sacchetto che ballonzola dalla cintura dello gnomo.

“ma prima che ne dici se facciamo colazione?, se conosco le tue abitudini non ci hai ancora pensato, vero?”

Dice appena vi trovate di fronte, il tutto accompagnato da un caloroso sorriso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

"Che profumo. Questa è una delle cose che mi mancherà della mia famiglia" penso a malincuore.

Tu mi consci troppo bene rispondo a Pollono ricambiando il sorriso.

Un pensiero svolazza per un attimo nella mia mente: "un solo sorriso e l'umore di una persona può cambiare completamente"

In effetti se perdo un po' di tempo in confronto al lungo viaggio che mi attende non è una tragedia. La vera tragedia sarebbe incominciare con lo stomaco vuoto, accompagno quest'ultima frase da una risatina amichevole.

Poggio una mano sulla spalla dello gnomo e mi appresto a seguirlo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

"Allora accomodiamoci"

Dice, mentre con la mano ti inviata a sedere sulle panchine poste intorno alla piccola sorgente naturale della piazza. L’aroma del pane diventa fortissimo nell’attimo in cui apre il piccolo sacchetto che porta alla cintura, dal suo interno tira fuori due forme di pane speziato appena cotto che ti fanno venire subito l’acquolina, te ne porge una mentre continua con il suo discorso:

“sai, un uccellino mi ha detto che avresti iniziato il tuo viaggio proprio oggi e che lo avresti iniziato proprio da Isperia”.

Fa una pausa per tirare fuori dal suo grembiule due tazze, che va a riempire con l’acqua della fonte, porgendotene una, continua:

“così mi sono chiesto se non fosse stato il caso di chiederti un semplice favore.”

Share this post


Link to post
Share on other sites

Assaporo il pane. Ad ogni boccone cerco di godere al massimo di questa squisitezza.

Con la bocca ancora piena ricevo in mano la tazza d'acqua: Certo che tu sai come corrompermi, gli sorrido cercando di non mostrare ciò che sto masticando di gusto.

Bevo un sorso d'acqua per mandare giù il boccone appena finito.

Se posso, sai benissimo che ti aiuto volentieri, il mio tono è calmo, sul mio viso si allarga un sorriso amichevole, i miei occhi esprimono attenzione verso la richiesta dello gnomo.

Sono perfettamente a mio agio. So bene che qualsiasi cosa il mio amico mi sta per dire non sarà per me fonte di troppe preoccupazioni, "Qualsiasi cosa abbia in mente non sarà sicuramente per mettermi nei guai. Dopotutto, da qualche parte devo pur cominciare il mio viaggio: sarà un piacere farlo aiutando un amico"

Share this post


Link to post
Share on other sites

"Ottimo allora, mio giovane amico".

Dice, dandoti una pacca sulla spalla in segno di confidenza.

"Come ben sai ho una figlia, Stiria, molto più giovane di me, dovrebbe essere pressapoco della tua età, ma sono molti anni che è partita per il suo viaggio dello spirito ed io sto invecchiando".

Mentre dice questo il suo volto diventa per un attimo triste.

"Mi piacerebbe che gli portassi un mio messaggio, non dovrebbe essere difficile per te, poiché sono venuto a conoscenza che si è stabilita da qualche parte ad Isperia, a far cosa di preciso non lo sò, ma quello che so per certo è che è stata sempre una gnoma molto testarda".

Finisce il suo panino e pulendosi le mani, ti porge una lettera ben ripiegata e con un bollino di ceralacca.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infilo in bocca l'ultimo boccone e finisco in un sol sorso l'acqua rimanente nella tazza.

Afferrò la lettera e la sistemo nella sacca in modo che non si spiegazzi troppo.

Come se Stiria l'abbia già letta, rispondo al mio amico accompagnando la frase con un occhiolino.

"Se si trova ad Isperia, per quanto sia grande la città, non dovrebbe essere troppo difficile trovarla" , penso mentre creo un'immagine fantasiosa della gnoma: mi immagino Pollone con 2 lunghe trecce bionde che gli cadono sulla schiena e un prosperoso seno. Non riesco a trattenere una risatina al pensiero.

Bene. Credo sia ora che io vada. Grazie per la colazione e per la tua gentilezza. Ci rivedremo presto, un sorriso si fa spazio tra le mie gote.

Detto questo rimetto in spalla la mia sacca e cammino verso il bosco, in direzione di Isperia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

“Allora ci conto, a presto Spillo”.

Ribadisce Pollone mentre in lontananza ti saluta con la mano. Nel frattempo anche altri paesani si sono svegliati, hanno imbracciato i ferri del mestiere e sono solerti alle loro mansioni, quando passi ricevi un saluto ed un imbocca al Troll praticamente da chiunque è sempre un piacere per Menci quando un loro giovane diventa Adulto, cosa particolarmente evidente dopo la grande festa di Ieri sera. Ti avvii di buon passo perché anche se le mura sono abbastanza vicine, un mezzo chilometro in linea d’aria, la porta più vicina dista almeno tre ore.

Isperia è una città molto grande e il comune conta all’incirca 43.785 persone, di cui meno della metà popola la città vera e propria, visivamente l’impatto è molto forte imponenti mura bianche spesse più di dieci metri, cingono la città in una morsa protettiva, è anche attraversata da un fiume che funge da fonte principale di guadagno visto la sua alta navigabilità e la facilità con cui si possono creare bacini per la pesca e la coltura, si dice che vi si possa trovare di tutto.

Con queste idee e nozioni, passi tranquillamente la prima parte del viaggio, ormai manca più poco, un’oretta non ha mai fatto male a nessuno, ti rimane di passare soltanto dentro all’ultimo borgo…

Share this post


Link to post
Share on other sites

"Un viaggio tranquillo e senza ostacoli." penso sorridente scacciando via il pensiero di eventuali mezzorchi in cerca di rissa o animali affamati per il bosco.

"La prima cosa che farò entrato in città sarà trovare un luogo dove mangiare e conoscere qualcuno. Dopo cercherò anche la figlia di Pollono."

Accelero il passo, eccitatissimo per aver finito questa primissima parte del mio tragitto.

"Ormai non manca molto alle porte. Speriamo mi facciano entrare senza problemi"

Spoiler:  

Prima di presentarmi alle porte della città osservo da lontano se ci sono guardie e che genere di persone frequenta la città. Mi apposto per circa 3-4 minuti, poi mi faccio avanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La strada che stai percorrendo è molto ampia e ben lastricata, calcoli che sia ampia all'incirca otto metri, abbastanza da permettere il passaggio di due carrozze affiancate per senso di marcia, ai lati della strada corrono parallele due file di alberi che si fermano poco prima del centro abitato.

Le case hanno quasi tutte la forma slanciata e con i tetti a angolo acuto, usata dagli umani nei climi più rigidi, perché anche se non altissimi 600 m, la città è pur sempre in montagna ed in inverno è facile che nevichi.

Arrivi al primo bivio della strada maestra, noti guardando i cartelli e le abitazioni, che per arrivare alle prime locande e mercati dovresti girare a sinistra verso il borgo che si estende fuori dalle mura, mentre se continui sulla strada maestra è più facile imbatterti in botteghe di maestri artigiani.

post-928-14347050476527_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Di fronte alla prima, seppur blanda, scelta del mio cammino mi fermo un secondo e mi gratto la testa di riflesso.

"Io devo cercare di conoscere nuova gente per raccogliere informazioni. La cosa migliore sarebbe una bella locanda. E mi sta venendo fame...vediamo se riesco a pranzare con un bel bollito di porcospino"

Prendo la strada sulla sinistra sperando, tra l'altro, di avvicinarmi il più possibile alle porte della città.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La strada si trasforma presto in un allegro mercatino, con un gran vociare di gente che vende mercanzia varia ai lati, anche se è arrivata l'ora di pranzo ancora molta gente affolla le bancarelle, quindi fai fatica a passare, in più procedendo verso la città la strada si fa lastricata.

Mentre stai per girare l'angolo, il vociare cambia sembra di, di... "rissa", proviene dalla taverna alla tua destra, mentre te ne accorgi, un uomo passa volando davanti al tuo naso, questo ti fa perdere l'equilibrio e cadere con una bella "culata” a terra.

Con la caduta Sillick fuoriesce dalle tue tasche.

Spoiler:  
P.s. Il nome dello gnomo dell’inizio è Pollone non Pollono ;-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi massaggio il sedere addolorato. Quando mi accorgo di Sillick la prima cosa che penso è di sollevarla per evitare che venga pestata dalla folla.

Ancor prima di tirarmi su in piedi mi corico su un lato per afferrare l'animale e poggiarlo sulle mie coscie.

*E te cosa ci fai qui? Non ricordo di aver ordinato stufato di donnola per pranzo*

Intanto mi rimetto in piedi e poggio Sillick sulla spalla sinistra.

Incuriosito dal gran vociare, mi rimetto la sacca sulla spalla destra e mi avvio cautamente verso l'interno della taverna.

Spoiler:  

Ho usato gli "*...*" per indicare che non sto parlando ne gnomesco ne il comune: se vuoi che cambio metodo dillo.

- Uso giornaliero di "Parlare con gli animali" (dura 10 minuti)

Share this post


Link to post
Share on other sites

*ah ah ah, spiritoso... non potevi far più attenzione? stavo dormendo così bene... ma, ma cosa sta succedendo attento capo!*

Allertato dall'esclamazione di Sillick, ti fai da parte proprio mentre un uomo grande e grosso passa di corsa attraverso l'entrata del locale, è vestito pesante per essere una bella giornata, i suoi abiti sono di cuoio bordati con pellicciotto di buona fattura, i suoi pugni sono grandi quanto la tua testa, si dirige verso l'uomo volato via prima, accucciandosi "e così tu eri il più forte lì dentro? non è possibile, TU?"

Spoiler:  
Ok * * vammp bene.

Share this post


Link to post
Share on other sites

*Il nostro villaggio era quasi più tranquillo....quasi*

Passo il pollice destro sul mento dal basso verso l'altro e sussurro poche parole incomprensibili anche per il mio piccolo amico (nonostante egli, abituato a vedere quel gesto sa perfettamente cosa io stia facendo).

Mi avvicino ai due uomini e domando a quello più grosso con voce squillante "Che genere di strano gioco state facendo la dentro?", il tono inizia serio per terminare con una punta di ironia. Continuo con fare scherzoso e con un largo sorriso stampato sul viso "Non mi dispiacerebbe partecipare ma ho paura di non conoscere bene le regole...o forse sono troppo grosso per voi?" finisco la frase palesemente ironico, conscio del fatto di arrivare a malapena alla cintura dell'umano.

Spoiler:  

Ho lanciato sull'uomo appena entrato in scena (a cui mi sto ora rivolgendo) l'incantesimo Charme su persone: ha diritto ad un tiro salvezza sulla volontà (CD 15) per negare l'effetto. Se fallisce crede che io sia un suo grande amico e prende qualsiasi mia azione o frase nel modo più benevolo possibile (l'effetto dura un'ora)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il gigante finisce di posare un piede sulla persona a terra, mentre con le mani estrae delle manette da sotto gli abiti.

"Gioco?, stai fuori strada piccolo, non sto giocando questo è solo il mio lavoro, consiste nel vai e cattura il grattacapo di turno..."

afferma mentre finisce di ammanettare l'atterrato.

"sai è una bella noia, ogni volta tentano di opporre resistenza ma i più sono solo novellini... invece tu non dovresti stare insieme a tua madre, non sei troppo piccolo per girare da solo in questi posti?"

Spoiler:  
Charme su persone: Ts fallito, inc. riuscito!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ahahah scoppio in una sonora risata Vabbeh, che sono piccolo ma essere scambiato per un bambino...è la prima volta "Probabile che è la prima volta perchè è anche la prima volta che mi allontano dal villaggio"

Sorrido e lancio un occhiolino all'uomo Mai sentito parlare di gnomi? Non esistete mica solo voi giganti al mondo

Continuo sorridendogli Mi sembri una brava persona e io qui non conosco nessuno... continuo la frase con un mezza adulazione e visto che sei una specie di autorità in questa città non è che potresti aiutarmi a trovare una persona? Ovviamente un favore, per noi gnomi, viene sempre ricambiato concludo allargando ulteriormente il mio sorriso

Share this post


Link to post
Share on other sites

"Gnomi?, bè ora che ti guardo meglio... potresti esserlo... ma non eravate più... bassi?"

Con un calcio ben piazzato fa alzare l'uomo ormai reso inoffensivo.

"Ma non scambiarmi con un armigero, io non sono quel tipo di persona... però se è una persona che cerchi potresti provare con Oliver Giù in taverna... o se vuoi seguirmi ti posso condurre dai miei committenti".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora tu cammina che io sarò la tua ombra rispondo all'uomo questa città è troppo grande per me, senza un percorso segnato mi perderei di sicuro

Continuo dopo un secondo di pausa Comunque piacere, Spillo dico sorridendo ed alzando la mano in segno di saluto. E girando lo sguardo verso la mia spalla E questo rompiscatole è Sillick

Spoiler:  

Cerco di farmelo più amico possibile fintanto che prova una "simpatia speciale" nei miei confronti

Share this post


Link to post
Share on other sites

"Allora piacere Spillo e Sillick, io sono Brock e sono un... lavoratore".

Spinge l'uomo verso la strada e si incammina

"Segiumi, non ci metteremo molto... bisogna solo raggiungere la città alta".

Mentre si incammina inizia a fischiare un'allegro motivetto di marcia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Accompagno il suo motivetto schioccando le dita, mentre Sillick squittisce a tempo.

"Città alta...dev'essere dove vive la gente benestante del posto"

Mentre camminiamo mi rivolgo a lui perplesso In città cosa c'è di interessante da vedere? Fiere, mercati, giochi pubblici, monumenti...queste cose qui continuo dopo avere preso un attimo di fiato E ancora non ho capito chi comanda in questo posto

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.