Jump to content

Powl

Members
  • Posts

    4
  • Joined

  • Last visited

About Powl

  • Birthday 07/29/1994

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  • Occupazione
    Studente
  • Interessi
    Giochi di ruolo, fotografia, leggere, disegnare.

Powl's Achievements

Novizio

Novizio (2/15)

  • First Post
  • Conversation Starter
  • Week One Done
  • One Month Later
  • One Year In

Recent Badges

1

Reputation

  1. Salve a tutti. L'altro giorno, bazzicando un po' per la rete, mi è venuta voglia di cominciare a dipingere miniature, più per il gusto di farlo che non effettivamente per giocare a qualche gioco in particolare. Mi sono quindi recato al games workshop della città in cui studio per ricevere informazioni in merito. Mi hanno detto che hanno dei pacchetti base per chi si avvicina al mondo delle miniature che comprendono sei colori della Citadel, un pennello, uno spray per il fondo, una confezione di armate Warhammer da 8-10 pezzi e sei lezioni di pittura in sede a 60-70 euro (a seconda dell'armata che si sceglie, il cui prezzo varia dai 20 ai 30 euro). Ora, io ho una discreta manualità con i pennelli ed avevo dipinto qualche miniatura in passato con risultati non proprio eccelsi, ma è anche vero che non disponevo di materiale eccezionale (acrilici di negozio di belle Arti e super Attack) quindi le lezioni mi farebbero molta gola calcolando che sarebbero poco più di 10 euro a lezione. Vivendo nell'epoca digitale, tuttavia, non posso non chiedermi se, per dipingere bene, non sia sufficiente guardare dei tutorial ben strutturati su internet soprattutto alla luce del fatto che vorrei soltanto occuparmi della parte pittorica e non tanto di quella ludica e sfruttare le miniature solo in qualche partita di Ded al massimo. Inoltre, ho visto anche alcuni kit di colori su Amazon della army painter, di cui ho letto buone recensioni e che sicuramente sono più economici rispetto a quelli della Citadel. Comprando da internet, ho visto che con una quarantina di euro, non acquistando miniature di Warhammer ma di altri produttori di cui ho letto qui sul forum, spenderei un 40-50 euro al massimo e sarei pronto per iniziare in autonomia con l'ausilio della rete come insegnante di pittura. Quindi, alla fine della fiera, conviene usufruire del pacchetto che mi è stato proposto in sede, oppure si può fare tutto da autodidatta seguendo dei tutorial? Scusate per il post kilometrico, ma sono pieno di dubbi e pur parlando con i miei amici, che non sono degli esperti del settore ma semplici appassionati di GDR, non ho fatto che aumentare ulteriormente i miei dubbi, per cui ho pensato di rimettermi a chi ne sapesse sicuramente più di me. Grazie già da ora per i consigli!
  2. Sicuramente quella da te citata è una campagna piuttosto lunga e ricca di dettagli che richiede una lunga preparazione come DM. Niente di impossibile sia chiaro, alla fine se hai avuto esperienza come giocatore per molto tempo, sai già la metà delle cose che devi fare per garantire una buona sessione. Comunque se ti piace Ravenloft e non vuoi subito buttarti in the curse of Strahd, la wizard dovrebbe aver pubblicato un'avventura chiamata Death House (non so se è scaricabile gratuitamente dal loro sito oppure se è a pagamento) che è un'introduzione a The curse of Strahd, per PG dal primo al terzo livello. Potresti iniziare con quella, vedere come va, e poi buttarti sull'avventura vera e propria. Comunque, in linea di massima, concordo con Hicks: non preoccuparti degli errori che potresti fare, tutti li fanno. L'importante è divertirsi tutti insieme intorno al tavolo 😉
  3. Dipende tutto da cosa uno intende per svenire. Se per svenire intendi essere privo di sensi e quindi essere tra -1 e -9 pf, il Manuale del Giocatore dice chiaramente che non si possono compiere azioni in questa situazione. Ora, i tiri salvezza vengono considerati azioni? Personalmente nel mio party non li considererei tali, anche perché se uno ci ragiona, escluso il tiro salvezza sui Riflessi, quando uno pensa a cose come la Tempra o la Volontà, sono caratteristiche intrinseche ad un essere vivente che non implicano lo svolgimento di un'effettiva azione. Per analogia a questo punto direi che anche tirare per i Riflessi non implica lo svolgimento di un'azione. Inoltre, quando un personaggio si appresta ad eseguire un colpo di grazia su un difensore indifeso, ovvero tra -1 e -9 pf, al difensore è comunque concesso un tiro salvezza sulla Tempra (CD 10+ i danni subiti) qualora sopravviva ai danni. Perciò in conclusione che personalmente ad un personaggio svenuto o addormentato concederei Tiri Salvezza.
  4. Salve a tutti. Questa mattina io e il mio gruppo di giocatori abbiamo avuto qualche discussione sull'ultima campagna che ho masterizzato. Ho cercato nel forum, ma non mi è parso di trovare una discussione simile in cui qualcuno esponesse questo problema. Vi riassumo cosa è successo: Nell'ultima campagna i pg dovevano svolgere una serie di quattro prove, al termine di ognuna delle quali veniva dato loro un indizio per risolvere un enigma che li avrebbe portati al tesoro finale. Gli indizi consistevano fisicamente di quattro cartoncini su cui erano scritte delle parole che, messe nel giusto ordine davano questo indovinello: La mia vita si misura in ore Servo venendo divorata Se grassa sono lenta Se magra sono veloce Il vento è il mio nemico Le varie parole erano state spezzate in modo da rendere la vita dei pg difficile, quindi avevamo per esempio lamia, vitasi, misurain, ore, servove ecc. La risposta all'enigma era "la candela", avvicinando i cartoncini ad una fiamma infatti sarebbe comparso, scritto col succo di limone, il luogo in cui i pg si sarebbero dovuti recare per prendere il tesoro. Ora il punto è questo: per tutta la durata della campagna il bardo con sei gradi in decifrare scritture continuava a prendere venti per decifrare ciò che era scritto, ma io semplicemente gli dicevo che era linguaggio comune, perché volevo ci arrivassero da soli. A fine campagna sono anche stato tracciato di incitare il metà gaming, perché secondo loro lo stregone con int 17 avrebbe dovuto ricevere suggerimenti perché era più intelligente del giocatore . Io ho risposto loro che per loro D&D era solo lanciare dadi . Il dubbio però mi è un po' rimasto e non so se avessero ragione loro. Voi come vi regolate con gli enigmi? E con i pg soprattutto?
  5. Powl

    Salve a tutti

    Salve a tutti, mi chiamo Luca e sono un giocatore di ruolo relativamente recente, anche se fin dalla più tenera età ho sempre provato fascinazione soprattutto per d&d. Ho da subito apprezzato questo forum per la sua continua attività (cosa rara sui forum ultimamente) e perché naturalmente amo il mondo del fantasy e dei GDR. Probabilmente vi assillerò con dubbi e domande tipiche da neofita, spero che non vi sia troppo fastidio Detto questo, spero di trovarmi bene
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.