Jump to content

Hrontor

Members
  • Content Count

    14
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

1 Coboldo

About Hrontor

  • Rank
    Apprendista
  • Birthday 09/13/1990

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  1. Però, citando il manuale: Coloro che si trovano all'interno dello spazio extradimensionale possono vedere all'esterno come se ci fosse una finestra di 90 x 150 cm centrata sulla corda. La finestra è presente nel Piano Materiale, ma è invisibile, e anche le creature che sono in grado di vederla non riescono a guardare attraverso di essa . E ciò mi fa pensare che comunque il ladro, all'interno della finestra abbia sempre occultamento totale, per cui a regola orientando la finestra in modo che dia sulla zona di combattimento il ladro avrà furtivo libero, no? Inoltre in quella posizione è anche immune agli incantesimi, eccetto Dissolvi magia, suppongo. Edit: ho notato solo ora il fatto che la corda possa essere raccolta all'interno della zona protetta, quindi decisamente non è necessario utilizzare Allarme per proteggerci da eventuali intrusi che si avvicinino troppo.
  2. Avrei due domande riguardanti l'incantesimo Trucco della corda. Se uso Trucco della corda, e poi casto Allarme intorno alla zona dove si trova il capo inferiore della corda, magari in versione mentale, funzionerà se qualcuno entra nell'area protetta? Oppure è un effetto che non è in grado di attraversare i piani? Se in combattimento casto Trucco della corda, posso farci entrare il ladro del party così che possa attaccare con la balestra da posizione occultata? Il manuale parla chiaramente degli incantesimi, ma non dice nulla riguardo a oggetti fisici.
  3. Spiego rapidamente. L'idea è quella per una one-shot natalizia. In questa città del Faerun la chiesa di Lathander ha la tradizione di fare un quarto Canto dell'Alba la mattina seguente il solstizio d'inverno, per celebrare la "rinascita" del Sole: in pratica alla sera del solstizio la città inizia a festeggiare, e i festeggiamenti culminano all'alba con gli inni in onore di Lathander, in una sorta di Natale/Capodanno faeruniano in cui alla fine del rituale tramite una bella illusione le fiamme assumono la forma di Lathander che regala dolci e frutta a tutti i bambini (un po' cliché, ma è giusto per dare il clima natalizio). Da alcuni anni a questa parte però il vampiro/chierico di Cyric attacca la città e rapisce alcuni bambini, proprio nel momento culminante della preghiera, poco prima dell'apparizione del dio, e lo fa per fare in modo che i fedeli smettano di credere in lui, così che il potere del nemico della sua divinità patrona diminuisca. E la falsa eclissi sarebbe giusto un "marchio di fabbrica", visto che i giorni di eclissi sono sacri a Cyric. Gli avventurieri si troverebbero in città per caso alcuni giorni prima del solstizio d'inverno e il capo della chiesa di Lathander locale chiederebbe i loro servigi per fermare questo fenomeno. E il Miracolo lo terrei per il finale, in cui il priore di Lathander, insieme ai priori delle più potenti divinità venerate in città evocano congiuntamente il miracolo trasformando nuovamente i bambini vampirizzati (e sopravvissuti alla caccia al main villain) in bambini normali.
  4. Buongiorno, avrei bisogno di alcune informazioni sui vampiri. Premetto di aver già letto la parte sui vampiri presente sul Manuale dei Mostri I della 3.5, ma ci sono alcune cose che non mi sono chiare. L'idea che stavo cercando di sviluppare è quella di un vampiro (chierico di una divinità malvagia nemica di Lathander, e io pensavo a Cyric), che durante uno dei Canti dell'Alba assalta la città vicina e, dopo aver "oscurato" il cielo, rapisce alcuni dei bambini della città, che verranno successivamente portati nel suo rifugio per essere a loro volta trasformati in vampiri. La prima cosa che mi servirebbe sapere è se è plausibile l'ipotesi che dei bambini vampirizzati possano continuare a crescere (tipo un bambino rapito e vampirizzato a 8 anni che continua nel suo sviluppo fisico e dopo 5 anni è, per quanto ancora vampiro e non morto, fisicamente diventato un ragazzino di 13 anni). O se comunque posso decidere io da DM che in quello specifico caso è così. La seconda cosa che mi servirebbe sapere è se esistono incantesimi di livello sufficientemente basso in grado di creare una zona di buio non troppo estesa (e se un chierico è in grado di castare un'illusione in grado di simulare un'eclissi). In alternativa, è verosimile che un chierico di livello basso (non voglio che il nemico sia CHR20) possa ottenere in qualche modo l'intervento della divinità senza appunto usare Miracolo? (Esempio: il chierico/vampiro in questione è totalmente determinato a distruggere il culto di Lathander in città e il dio apprezza così tanto da scatenare un'eclissi totale di brevissima durata per fargli compiere la sua missione in quel determinato giorno dell'anno) Terza e ultima cosa: è verosimile che Miracolo possa eliminare gli effetti della vampirizzazione e riportare quelli che erano stati trasformati alla normalità? Oppure in tutti questi casi la risposta è che io sono il DM e se decido che in questa one-shot funziona così allora funziona così anche se da regolamento non sarebbe così? Alla fine questi sarebbero tutti espedienti narrativi, utili alla storia ma nulla più.
  5. Grazie mille! Ero sicuro di aver visto quella tabellina da qualche parte, ma non ricordavo minimamente dove. E cercandola nella parte dedicata alle divinità ovviamente non riuscivo a trovarla.
  6. Sto cercando di dare il via alla mia prima esperienza da DM, sottoponendo ad alcuni amici che non hanno mai giocato a D&D "La Cittadella Senza Sole". Il mio problema arriva ora: per aiutarli ho limitato i manuali a quello base della 3.5, però per avere un mondo già esistente dove nulla devo creare ho deciso di utilizzare i Forgotten Realms come ambientazione. E ovviamente le divinità faeruniane sono diverse da quelle descritte nel PH1. Qualcuno sa dirmi se esistono "tabelle di conversione" per trovare le divinità giuste? Devo far scegliere un dio al mio chierico (al momento pare orientato verso Kord o Heironeous) e non so se tenere le divinità 3.5 o suggerirgli delle divinità faeruniane, per la coerenza.
  7. Ah ok, che Segreto mi dava un talento bonus lo sapevo, ero solo rimasto un attimo interdetto. Ti dirò comunque che per come sono fatto io mi piace l'idea di ruolare un personaggio ricco di conoscenze e che può essere decisivo proprio grazie a quelle. E Sapienza mi pare MOLTO interessante, anche se non è OP. Se volessi farmi il personaggio volutamente OP farei PunPun, come detto sopra. Voglio solo un personaggio concettualmente interessante, coerente con il suo background, divertente da giocare e utile ai fini della campagna. I primi due punti a mio modesto parere ci sono, il terzo lo do per scontato, avendolo creato a mio gusto personale, e il quarto anche, trattandosi comunque di un mago (anche se nel party c'è pure il chierico)
  8. Ma i talenti metamagici che richiedono di sacrificare slot di livello più alto sono così utili da poter sacrificare incantesimi più potenti per caricare incantesimi di livello più basso modificati? Se io volessi invece usare i talenti metamagici immediati (escludendo il rapidi immediati che è abbastanza folle dal punto di vista dei requisiti) non potrebbe essere più vantaggioso? O è troppo limitante la singola volta al giorno? E in che modo potrei spendere la mia abilità di classe Sapienza per guadagnare un talento? La Sapienza che ottengo al livello II del Loremaster mi sembra piuttosto OP, soprattutto considerando che nel party siamo 4 e non abbiamo un bardo.
  9. Uhm ok, questo mi sembra interessante. Se non posso usare incantesimi rapidi fino ad alti livelli non posso prenderlo più tardi e prendere altro prima? Magari iniziativa migliorata; poi non so se può essere utile ma per esempio mi era sembrato interessante il talento incantesimi innati o qualcosa del genere. Giusto per dire qualcosa che avevo visto e che mi pareva interessante. Guarderò appena possibile la cdp Maestro del Sapere comunque.
  10. Il DM è cambiato, non è lo stesso. E il ranger non era un elfo normale ma qualche razza con un qualche bonus, non ricordo bene. E inoltre il giocatore del ranger era l'unico un po' esperto del party, altri due avevano già giocato qualche volta mentre io ed un altro eravamo alla prima esperienza e il DM voleva una cosa molto lineare per tutti. E immagino che anche il nuovo DM (l'ex ladro) voglia rimanere su una cosa molto generica e tranquilla, senza le esagerazioni che ho visto in altri post con sotto-sottorazze dotate di certi bonus multiclassate con sottoclassi con altri bonus eccetera per ottimizzare al massimo il pg, altrimenti mi faccio il PunPun e ggwp a tutti. In questo senso cercavo consigli per fare un pg sensato e utile senza però strafare, anche perché sennò mi perdo tra tutti i manuali esistenti. Per una build da god come dovrei muovermi?
  11. Appena ho provato a chiedere quali siano i manuali di riferimento mi è stato detto di evitare di esagerare, e visto che già nella scorsa campagna ad uno dei giocatori è stato impedito di scegliere l'elfo silvano accoppiato al ranger vorrei evitare di esagerare e vedrò di limitare ai manuali base e al massimo al perfetto arcanista. Quindi rimarrò su un semplice mezzelfo mago senza troppe scelte particolari di classi di prestigio o talenti improbabili. Rimane aperta la questione della definizione del pg come individuo. Cosa mi consigliereste di fare da quel punto di vista?
  12. L'idea è che il personaggio abbia scoperto di avere talento per la magia "per caso" ed abbia appreso qualche trucchetto spiando i maghi elfici (info in più per il bg: padre umano, madre elfa dorata, del Sembia [è giusto?] o del Th*qualcosa* [sono nomi che ho trovato in Forgotten Realms di zone in cui pare non corra buon sangue tra le due razze e ho scelto i dorati in quanto più chiusi] cresciuto con la madre ma mal visto dal resto del villaggio) che comunque non l'hanno mai voluto come apprendista. La magia vera e propria la impara nei suoi viaggi, quindi potrebbe averla appresa un po' ovunque. Comunque chiederò al DM quali libri ci autorizza ad utilizzare. Come allineamento pensavo ad un atteggiamento del tipo "Non mi importa molto di quello che succede intorno a me, vivo per riscattarmi agli occhi di chi mi disprezzava e quello che mi importa sono solo conoscenze e potere", questo senza ovviamente fare del male a gente a caso (decidere su due piedi di giustiziare un membro di un banda criminale che si sta cercando di sgominare appena interrofato interrogato può essere definito comportamento da CM?). In alternativa l'idea era di avere un pg che punta ad incrementare i propri poteri e conoscenze per diventare un nuovo Azuth [non so se ho scritto bene], quindi darmi ad atteggiamenti più verso il B. Infine una domanda su questioni più tecniche ho visto che prendere l'Arcimago mi da alcuni privilegi ma per esempio mi impedisce di prendere talenti quindi mi lasciava perplesso: mi converrebbe arrivare a mago18 per sbloccare l'ultimo talento e poi buttarmi nelle CdP? È possibile prenderne più d'una? Per esempio mi incuriosiva anche il geometra. Posso arrivare in un futuro (lontano immagino) ad avere tipo mago18/geometra10/arcimago5? O livelli così alti sono privi di senso?
  13. In che senso "in che ambientazione" giochiamo? Comunque mi interessava un caster classico, non sono nemmeno sicuro di volerlo fare specializzato in una scuola particolare, per dire. Per esempio pensavo come CdP al Geometra, all'Arcimago e al Mago dell'Ordine o come si chiama. Però potrei tranquillamente tenermelo così mago semplice senza troppe complicazioni sopra. Edit: il DM mi ha detto che l'ambientazione sarà il Faerun ma, cito, "nel Faerun ci sei potuto arrivare un po' da dove ti pare".
  14. Salve a tutti, come scritto nel titolo mi servirebbe aiuto per la creazione di un pg per l'edizione 3.5. Avrei bisogno di consigli sia per il background che per la build vera e propria. Non sono interessato a ottimizzazioni particolari, vorrei solo un pg con cui divertirmi a tirare dei dadi mentre mi faccio qualche risata con gli amici. Spiego la mia idea di base. Giovane mezzelfo, proveniente da una regione in cui umani ed elfi non vanno molto d'accordo, cresce odiato dagli appartenenti ad entrambe le razze. Scopre di avere un po' di talento per la magia e ne impara i rudimenti spiando alcuni maghi della zona. Un giorno decide di partire per altre terre in cui trovare dei maestri che non lo disprezzino come se fosse un abominio, col desiderio di tornare un giorno nella sua terra natìa come potente mago ed essere finalmente rispettato da tutti. Come vedete l'idea per il background è abbastanza chiara, però già che ci sono mi piacerebbe poter essere più preciso, per cui chiedo a chi è più esperto: da che luogo potrebbe provenire il giovane mezzelfo? In quali regioni potrebbe essere stato a studiare la magia? Suggerimenti di questo tipo per avere un pg ben sviluppato insomma. Sulla base di questo che suggerimenti mi dareste per l'interpretazione? Allineamento? Divinità? Infine qualche consiglio per la build? Talenti? Abilità? Classi di prestigio? (inizio a livello 4 o 5) Non mi interessa un personaggio super-ottimizzato, ma solo uno che non sia una completa schifezza con cui divertirmi. Vi ringrazio per l'aiuto che mi darete.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.