Jump to content

Impesio

Ordine del Drago
  • Content Count

    20
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

6 Coboldo

About Impesio

  • Rank
    Viandante
  • Birthday 04/06/1997

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  • GdR preferiti
    DnD 3.5, DnD 5e
  • Interessi
    Cartografia, worldbuilding

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Eh già. Io sono andato a leggere in inglese e dice "In the playtest version, those two monsters have some significantly different abilities. The tiger still has grab, allowing it to grapple a creature it hits with its jaws or claw attack, and the pounce action, allowing it to Stride and then Strike. Based on its real-world fighting style, it now also has wrestle, allowing it to claw a creature it's grabbed and knock it prone, and sneak attack, granting it extra damage against flat-footed creatures (typically ambushed via Stealth or those prone from its wrestle). " NOn si sa bene se siano abilità che diano azioni o cosa.
  2. Beh sì perché c'è scritto che è necessario averla già afferrata. Afferrare permette di fare il grappling e Lottare poi ti permette di attaccare e buttare a terra. La tua modifica salta uno step invece. Direi che è differente fare come proponi tu Artiglio-Attacco Attaco rispetto a Afferrare-Lottare-Attacco. Potenzialmente la tua modifca potrebbe permettere alla tigre di fare due furtivi (sempre che sia stato spiegato bene il fatto che quando è prono può farne due)
  3. Ma secondo me questo genere di semplificazione non è in linea con le 3 azioni concesse dallo stile di combattimento. Questa è una semplificazione alla dnd 5e. Ti spiego come l'ho percepita io: pathfinder2 vuole creare catene d'azioni che ti permettono di creare effetti diversi a seconda della tua decisione di concatenazione. Quindi il fatto di combinare Passo lungo e un Colpo secondo me ha l'effetto di trasformare 2 azioni in una sola che rientra nelle caratteristiche della tigre, stesso discorso per Lottare. Quindi non sarebbe una sovrastruttura. Dunque Afferrare-Lottare-Furtivo potrebbe risultare una combo viabile della tigre, tanto quanto attacco-attacco-attacco o spostamento-spostamento-spostamento. Magari mi sbaglio ma forse sto capendo male io. Ma se quello che penso è corretto allora la decisione più logica e spaccare le azioni un subfasi e non fare come la 5e che invece cerca di racchiudere in un'azione fatta e finita tutto il flusso della stessa. Meglio o peggio non ne ho idea ma di certo applicare il metro della 5e (che sto giocando da un po') su PF2 mi pare lo stesso errore di quando molti giocatori applicarono il metro della 3.5 sulla 5. Oggi i più possono considerare che, seppure la 5e possa risultare ad alcuni molto semplificata, questa semplificazione è perfettamente coerente col sistema stesso. E in pochi credo possano criticare oggettivamente la 5e come brutta, ma forse esterna ai propri gusti. E la coerenza interna alla fine è quella che conta.
  4. Update: Legionarius v3 Il Legionarius è un guerriero che fedele e dotato di una grandissima disciplina; le sue conoscenze spaziano dal combattimento alla costruzione e all'ingegneria; sono soldati dotati di visione tattica e flessibilità. Sono pochi i quelli che possiedono le conoscenze tecniche necessarie per costruire strade, e altre complesse opere lignee come ponti, macchine d'assedio e da guerra, accampamenti fortificati. Però, presi da soli, i questi guerrieri non sono il meglio che si può trovare; ma nella Legione, sono pressoché imbattibili; questi guerrieri infatti danno il meglio quando accorpati a gruppi di Legionarii oppure accompagnati da persone di cui si fidano ciecamente e con cui si allenano strenuamente per migliorare le abilità reciproche di coordinazione. Così la legione divenne una macchina da guerra, nel suo tempo, pressoché imbattibile a lungo termine. Il Legionarius tipico indossa la lorica segmentata, un'armatura di bande d'acciaio, porta sempre con sé dei giavellotti per poter attaccare il nemico a distanza e nel combattimento ravvicinato utilizza la spada corta, il Gladius, e lo scudo a torre, lo Scutum. Oggetto caratteristico: Scutum Lo Scutum è lo scudo a torre che accompagna il Legionarius per per tutta la sua carriera militare, portando i graffi e le incavature delle sue imprese; nessuno di questi soldati compie il suo dovere senza lo Scutum. È il suo strumento difensivo, e talvolta anche offensivo, caratteristico e nessuno riesce a utilizzare efficacemente uno strumento pesante e ingombrante come questo quanto loro. Lo Scutum fornisce un bonus di +2 alla CA e il suo utilizzatore può godere di un bonus di mezza copertura; non si hanno le competenze per brandire lo Scutum se non specificato. Manipulus Il legionario combatte solo con persone di cui riesce a fidarsi e con cui riesce a costruire un'intesa tale da riuscire a eseguire le sue tattiche con perfetta coordinazione tra i manipolari. Al 3° livello il legionario può indicare alcuni membri (minimo 1) in numero massimo pari al suo odificatore di carisma come "manipolari", cioè i compagni di manipolo. Farlo richiede di passare quattro ore di tempo addestrandosi con loro. Per cambiare uno o più membri del suo manipolo un legionario deve spendere quattro ore di tempo per addestrarsi con le nuove reclute e poi decidere con quali degli altri membri sostituirle. L'addestramento manipolare può essere svolto solo una volta ogni riposo lungo. (Alternativa realistica ma non player-frendly: allenamento ogni giorno di un'ora) Flessibilità Tattica. Al 3° livello il Legionarius può aiutare uno dei suoi manipolari in combattimento con un'azione bonus. Può usare questa abilità per un numero di volte pari al suo modificatore di carisma e deve effettuare un riposo lungo per riottenerle. Exercitatio Il Legionarius deve condurre un addestramento che può durare fino a 10 anni. Qui apprende le basi del suo stile di combattimento e come declinarle in battaglia. Addestramento Difensivo. Al 3° livello il legionario ottiene la competenza per usare lo Scutum. Azioni Legionarie. Inoltre, sempre a partire dal 3° livello il Legionarius può compiere come azione bonus un'azione legionaria; il Legionarius può effettuare 1 azioni legionarie e quando le termina deve compiere almeno un riposo breve per ripristinarle. Al 7° livello il numero di azioni legionarie possibili diventa 2 e al 10° diventa 3. Lancio del Pilum. Il Legionarius può effettuare un attacco a distanza con un giavellotto, una lancia o un tridente. (QUESTIONE ATTACCO A DISTANZA) Colpo di Scudo. Il Legionarius ha la possibilità di sbilanciare o spingere con lo Scutum. Posizione Difensiva. Il Legionarius può mettersi in schivata fino al suo prossimo turno. Ultimo Uomo. Il Legionarius guadagna all'inizio del suo turno un numero di punti ferita temporanei pari al suo modificatore di carisma, egli continua a guadagnare questi punti temporanei per un numero di turni pari al modificatore di costituzione. Ingegnum Le legioni sono in grado di costruire in tempi brevissimi infrastrutture molto efficaci: strade, ponti, fortezze, macchine d'assedio, valli. Queste opere stupiscono e intimoriscono le popolazioni meno civilizzate, inoltre permettono ai legionari di costruire sufficienti infrastrutture per le colonizzazioni future. A partire dal 3° livello il Legionarius ottiene la competenza con gli strumenti da Costruttore e con gli strumenti da Falegname. A partire dal 10° livello, il Legionarius e i suoi manipolari condividono le competenze degli strumenti da Artigiano quando cooperano per fabbricare un oggetto. In particolare il Legionarius ha lo sconto del 25% sul prezzo delle macchine o opere d'assedio. https://it.wikipedia.org/wiki/Armi_d%27assedio_(storia_romana) Castrum[ Durante le campagne militari, le legioni creavano spesso accampamenti, erano difesi e organizzati a tal punto che divennero il punto di partenza per la fondazione di numerose grandi città. A partire dal 7° livello il Legionarius è in grado di impostare un accampamento basilare in 15 minuti con forma quadrata di lato 12 m con al centro il focolare; finché dentro l'area del suo accampamento lui e i manipolari non posso essere colti di sorpresa. A partire dal 15° livello il lato di controllo si estende a 24 m. Inoltre a livello 10° il Legionarius ottiene vantaggio quando effettua un tiro per colpire con una delle macchine d'assedio elencate nell'abilità Ingegnum, quando questa si trova all'interno del Castrum. Legionarius può spendere un ora del suo tempo per rinforzare il suo Castrum costruendo una palizzata oppure un fossato. Il Legionarius ha lo sconto del 25% sul prezzo delle macchine o opere o strumenti di fortificazione. https://it.wikipedia.org/wiki/Castrum#Fortificazioni_esterne Decanus La disciplina, per quanto inoculata in qualsiasi ottimo soldato, è solamente lo strumento dei comandanti per muovere le pedine esattamente come vogliono loro. Il Legionarius non è più solo un soldato, è il comandante del suo manipolo e le sue abilità di comando gli permettono di coordinare i suoi manipolari in modo che siano più efficaci in combattimento. Tattiche Manipolari. Al 10° livello un Legionarius può espendere un'azione bonus per conferire ai suoi manipolari un bonus dovuto alle tattiche manipolari. Per riutilizzare quest'abilità il Legionarius deve effettuare almeno un riposo breve. Fuoco di Sbarramento. I manipolari ottengono fino al prossimo turno del Legionarius l'abilità di lanciare come reazione un giavellotto, una lancia oppure un tridente. Opportunità Offensiva. Quando il Legionarius sbilancia un suo avversario, i suoi manipolari possono usare un reazione per infliggergli un attacco in mischia. Difesa Assistita. I manipolari del Legionarius possono usare una reazione per essere considerati in Schivata fino al suo prossimo turno. Ultima Resistenza. I manipolari guadagnano all'inizio del turno unnumero di punti ferita temporanei pari a 1d6 + [Carisma del Legionarius], essi continuano a guadagnare questi punti temporanei per un numero di turni pari al modificatore di Costituzione del Legionarius. Impetus Il Legionarius e i suoi manipolari ottengono un grado di coordinazione tale da potere attaccare efficacemente il nemico senza comunicare. A partire dal 15° livello, se nel raggio di 1,5 m dalla posizione del legionario v'è un manipolare, il legionario ha vantaggio sul tiro per colpire contro l'avversario, se questo può effettuare un attacco in mischia. Inoltre fino al turno successivo del legionario i suoi manipolari hanno vantaggio al tiro per colpire contro un qualsiasi nemico a portata. Testudo Il Legionarius è in grado di sfruttare la disciplina e la coordinazione dei suoi manipolari per entrare nella formazione difensiva caratteristica della legione: la Testudo, lenta ma solida come la roccia. Al 18° livello un Legionarius può ordinare ai manipolari di istituire una Testudo spendendo un'azione bonus durante il suo turno; gli effetti della formazione Testudo durano per un minuto di tempo; l'abilità è utilizzabile due volte e gli utilizzi spesi vengono recuperati dopo un riposo lungo o breve. Per essere in formazione Testudo il Legionarius e i suoi manipolari (minimo 1) devono trovarsi entro 1,5 m gli uni dagli altri; in formazione Testudo brandire uno Scutum fornisce copertura tre quarti, mentre brandire uno scudo classico fornisce mezza copertura. Se la formazione Testudo è composta solo da Legionarii allora la copertura è totale.
  5. Sembrate bravi nel playtest, potrei proporvi degli eventuali contentuti per migliorarli? Io ho spesso idee carine ma non le so buttare bene in regole di gioco.
  6. Salve a tutti! Ritorno da vuoi per chiedervi pareri, opinioni e critiche su un nuovo archetipo marziale che ho provato a impostare. Come sempre qualsiasi commento costruttivo è ben accetto, ma bando alle ciance! Vi presento subito il nuovo archetipo. Legionarius Il Legionarius è un guerriero che fedele e dotato di una grandissima disciplina; le sue conoscenze spaziano dal combattimento alla costruzione e all'ingegneria; sono soldati dotati di visione tattica e flessibilità. Sono pochi i soldati che possiedono le conoscenze tecniche necessarie per costruire strade, e altre complesse opere lignee come ponti, macchine d'assedio e da guerra, accampamenti fortificati. Però, presi da soli, i questi guerrieri non sono il meglio che si può trovare; ma nella Legione, sono pressoché imbattibili; questi guerrieri infatti danno il meglio quando accorpati a gruppi di Legionarii oppure accompagnati da persone di cui si fidano ciecamente e con cui si allenano strenuamente per migliorare le abilità reciproche di coordinazione. Così la legione divenne una macchina da guerra , nel suo tempo, pressoché imbattibile a lungo termine. Il Legionarius indossa la lorica segmentata, un'armatura di bande d'acciaio, porta sempre con sé dei giavellotti per poter attaccare il nemico a distanza e nel combattimento ravvicinato utilizza la spada corta, il Gladius, e lo scudo a torre, lo Scutus. Oggetto caratteristico: Scutus Lo Scutus è lo scudo a torre che accompagna il Legionarius per per tutta la sua carriera militare, portando i graffi e le incavature delle sue imprese; nessuno di questi soldati compie il suo dovere senza lo Scutus. È il suo strumento difensivo, e talvolta anche offensivo, caratteristico e nessuno riesce a utilizzare efficacemente uno strumento pesante e ingombrante come questo quanto loro. Lo Scutus fornisce un bonus di +2 alla CA e il suo utilizzatore può godere di un bonus di mezza copertura, al prezzo dello svantaggio ai tiri per colpire se non addestrato adeguatamente, campo in cui il Legionarius eccelle. Manipulus Il legionario combatte solo con persone di cui riesce a fidarsi e con cui riesce a costruire un'intesa tale da riuscire a eseguire le sue tattiche con perfetta coordinazione tra i manipolari. Al 3° livello il legionario può indicare alcuni membri (minimo 1) in numero massimo pari al suo bonus di carisma come "manipolari", cioè i compagni di manipolo. Farlo richiede di passare quattro ore di tempo addestrandosi con loro. Per cambiare uno o più membri del suo manipolo un legionario deve spendere quattro ore di tempo per addestrarsi con le nuove reclute e poi decidere con quali degli altri membri sostituirle. L'addestramento manipolare può essere svolto solo una volta ogni riposo lungo. (Alternativa realistica ma non player-frendly: allenamento ogni giorno di un'ora) Addestramento con lo Scutus Tra un Legionarius e il suo nemico, c'è sempre lo Scutus; i Legionarii si dispongono in formazioni che utilizzano abilmente la protezione fornita dal loro grande scudo: la testuggine è la più grande applicazione della difesa offensiva legionaria. Al 3° livello il legionario ottiene la competenza per usare lo Scutus senza svantaggio al tiro per colpire, inoltre, a partire dal 7° livello, ha la possibilità di sbilanciare o spingere con lo Scutus come azione bonus. Se quest'azione va a buon fine, a partire dal 10° livello, i manipolari possono cogliere l'attimo e usare una reazione per effettuare un attacco d'opportunità sul suddetto nemico se è a portata. Ingegnum Le legioni sono in grado di costruire in tempi brevissimi infrastrutture molto efficaci: strade, ponti, fortezze, macchine d'assedio, valli. Queste opere stupiscono e intimoriscono le popolazioni meno civilizzate, inoltre permettono ai legionari di costruire sufficienti infrastrutture per le colonizzazioni future. A partire dal 3° livello il Legionarius ottiene la competenza con gli strumenti da Costruttore e con gli strumenti da Falegname. A partire dal 10° livello, il Legionarius e i suoi manipolari condividono le competenze degli strumenti da Artigiano quando cooperano per fabbricare un oggetto. In particolare il Legionarius ha lo sconto del 25% sul prezzo delle macchine o opere d'assedio. https://it.wikipedia.org/wiki/Armi_d%27assedio_(storia_romana) Castrum Durante le campagne militari, le legioni creavano spesso accampamenti, erano difesi e organizzati a tal punto che divennero il punto di partenza per la fondazione di numerose grandi città. A partire dal 7° livello il Legionarius è in grado di impostare un accampamento basilare in 15 minuti con forma quadrata di lato 12 m con al centro il focolare; finché dentro l'area del suo accampamento lui e i manipolari non posso essere colti di sorpresa. A partire dal 15° livello il lato di controllo si estende a 24 m. Il Legionarius può spendere un ora del suo tempo per rinforzare il suo Castrum costruendo una palizzata oppure un fossato. Il Legionarius ha lo sconto del 25% sul prezzo delle macchine o opere o strumenti di fortificazione. https://it.wikipedia.org/wiki/Castrum#Fortificazioni_esterne Pilum Durante la battaglia la legione attende la carica del nemico pazientemente; una volta a portata i Legionarii scagliano una devastante ondata di giavellotti che travolge le prime linee nemiche. A partire dal livello 10° un Legionarius può effettuare un attacco a distanza con un giavellotto, una lancia o un tridente come azione bonus. Tattica Manipolare Il Legionarius e i suoi manipolari ottengono un grado di coordinazione tale da potere attaccare efficacemente il nemico senza comunicare. A partire dal 15° livello, se nel raggio di 1,5 m dalla posizione del legionario v'è un manipolare, il legionario ha vantaggio sul tiro per colpire contro l'avversario, se questo è a portata. Inoltre fino al turno successivo del legionario i suoi manipolari hanno vantaggio al tiro per colpire contro lo stesso nemico, se lo hanno a portata. Testudo Il Legionarius è in grado di sfruttare la disciplina e la coordinazione dei suoi manipolari per entrare nella formazione difensiva caratteristica della legione: la Testudo, lenta ma solida come la roccia. Al 18° livello un Legionarius può ordinare ai manipolari di istituire una Testudo spendendo un'azione bonus durante il suo turno; gli effetti della formazione Testudo durano per un minuto di tempo; l'abilità è utilizzabile due volte e gli utilizzi spesi vengono recuperati dopo un riposo lungo o breve. Per essere in formazione Testudo il Legionarius e i suoi manipolari (minimo 1) devono trovarsi entro 1,5 m gli uni dagli altri; in formazione Testudo brandire uno Scutus fornisce copertura tre quarti, mentre brandire uno scudo classico fornisce mezza copertura. Se la formazione Testudo è composta solo da Legionarii allora la copertura è totale.
  7. Il mio ideali di ambientazione completa implica che dovrebbe essere giocabile in ogni suo punto. Poi è ovvio che dati i cambiamenti nel tempo devono essere fatti degli accorgimenti.
  8. Come mai la domanda su quando giocherei l'ambientazione?
  9. Fatemi sapere quando potete rileggere con calma. Quindi secondo voi vale la pena che continui?
  10. La mappa è alla seconda pagina. Devi zoomarla molto per vederla bene. La lettura rende di più al 125% dello zoom.
  11. A @Lord Karsus Si, faccio ingegneria, ma sono un appassionato delle dinamiche storiche e mi piace trarne spunto. Ho solo paura di essere ripetitivo. Al contrario delle stirpi latine italiane del nostro mondo, l'Evestria sono molto più culturalmente coese di quanto si possa credere, quello che hanno fatto gli Alviani è stato liberarsi di una filosofia particolarista. Inoltre la crisi dei grandi regni è una cosa che avviene non solo ad Alvia, la Pebeania crolla nello stesso periodo, la Lenea piomba in una sorta di Sengoku Jidai. Un po' un medioevo classico. Dal punto di vista bellico, mi voglio spiegare, il fatto che Alvia ha fatto epurazione di benedetti ha sì decretato un declino militare, che sarà totalmente colmato dal trasformarsi della guerra nelle altre zone del continente. Quando le altre nazioni sono costrette a misurarsi con il declino dei benedetti, Alvia ha già collaudato un esercito di massa in grado di tener loro testa. E come hai detto: la storia è ispirata, non copiata. Ovviamente i tuoi "Grandi Alviani devono ancora arrivare", sono nell'Età dell'Aquila. Se ti interessa la versione integrale te la posso passare, come ti ho detto, la storia dei Re Oscuri lì proposta è un riassunto, in realtà è lunga il doppio. Lì sono stato particolarmente ispirato e prolisso. Anche se devo ammettere mi viene più difficile spiegare i motivi della prosperità che quelli della decadenza. A @Pippomaster92 Per uno sfortunatissimo evento ho perso la mappa originale, ho fatto mappe molto migliori per periodo più avanti della storia. Inoltre ho iniziato ingegneria quest'anno e sono lontano dal pc buono e ho poco tempo. Preferisco impiegarlo a scrivere. L'idea originale è che a guidare l'ambientazione sia una wikipedia. In cui la navigazione è molto più facilitata. Però non escludiamo manuali. Per quello c'è un trucchetto. Proverò a inventarmi un nome più immanente all'ambientazione. Ne sto organizzando una che inizierà a febbraio, dopo gli esami. Io non sono un master eccellente (forse nemmeno bravo). Però rispondo alla tua domanda: voglio far loro giocare l'epilogo della civiltà Alviana e tentare di renderli protagonisti almeno indiretti degli eventi macroscopici dell'impero. In estate ho tentato di far avviare un play by forum appena successivo all'età dell'Alloro perché volevo scrivere una storia fatta da giocatori. Però ha avuto bassissimo successo e ho dovuto chiuderla dopo un mese. Ho anche poca esperienza in merito. Come mai questa domanda? Ti piacerebbe giocarci? Mi piacerebbe proprio fare una mappa per "regione", ma come ho detto: ho problemi di tempo e lontananza dal pc potente. Il mio deviantart: http://impesio.deviantart.com/art/Vilistra-519-Apogeo-dell-Impero-della-Lunga-Notte-621577321 Il mio obiettivo è creare un Fantasy realistico. Similmente a Andreij Sapkowski nella sua saga. Voglio mettere alla prova la mia immaginazione e questo era l'inizio. Vi ringrazio ragazzi. A leggervi mi sono commosso. Pensavo sareste stati più feroci.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.