Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Paths Peculiar - Per favore Arthur Cobblesworth, vai a dormire

Uno One Page Dungeon di Niklas Wistedt incentrato su dei rumori molesti in un cimitero

Read more...

Recensione: Tasha's Cauldron of Everything

Con colpevole ritardo pubblichiamo la recensione del penultimo manuale uscito per D&D 5E: Tasha's Cauldron of Everything.

Read more...

Quando un lupo non è un lupo? - Parte 2

Oggi Goblin Punch vi parlerà di una possibile e viscida variante per i vampiri per le vostre avventure.

Read more...

La WotC prende il controllo della localizzazione in Italia di D&D 5E

Un comunicato stampa appena rilasciato dalla Asmodee annuncia una importante novità per il futuro di D&D 5E in Italia.

Read more...

Viaggio nella DM's Guild XI - Il Genio dell'Illusione

Il Genio dell'Illusione è un’avventura Gdr in stile Fantasy/Medievale scritta ed illustrata da Matteo Valenti.

Read more...
  • entries
    27
  • comments
    555
  • views
    7.0k

Androidi


Androidi

Dalle forge degli inventori di Atlatis escono ogni giorno nuove meraviglie, ma la più strepitosa sono indubbiamente gli Androidi, umanoidi costruiti interamente da parti artificiali e animati da una combinazione di complesse formule arcane e Oricalcum. Definiti nei modi più disparati, da “abomini” a “monumenti viventi dell’ingegno umano”, gli Androidi sono un popolo relativamente giovane: sono nati durante la guerra, nel tentativo di creare nuovi soldati che potessero assaltare la Fiamma senza preoccuparsi delle perdite tra i propri ranghi. Gli esperimenti, i cui fautori sono tuttora sconosciuti, non diedero però i frutti sperati: il processo non era assolutamente economico e, quindi, praticamente impossibile da riprodurre su larga scala. È per questo che oggi gli Androidi sono vere e proprie rarità: le loro peculiarità li rendono degli ottimi lavoratori di fiducia e agenti speciali, ma la loro disturbante (a parere delle autorità, almeno) tendenza all’indipendenza fa perdere loro parecchio valore. Ed è questa la ragione per cui vivono in una sorta di limbo, a metà tra l’essere considerati veri e propri cittadini o semplici giocattoli troppo costosi. 

La Creazione

Una delle numerose domande tuttora senza risposta è proprio quella relativa alla creazione degli androidi: non si hanno infatti dati di nessun tipo né sulle procedure sperimentali che hanno portato a questa scoperta né sulle persone (o la persona, secondo alcuni) che fu responsabile della “creazione della vita”. Le teorie sono molteplici, dalle più colorite fino a quelle scientificamente asettiche. Alcuni esempi sono:

  • Un esperimento sull’Oricalcum, volto ad usarne le straordinarie proprietà arcane per potenziare dei costrutti e creare i soldati definitivi, che sarebbero stati in grado di conquistare il Cuore del Patto. L’esperimento ebbe però esiti insperati: l’energia dell’Oricalcum interagì con gli incantesimi che animavano i costrutti, iniziando a donargli l’intelletto e il libero arbitrio. 
  • Un progetto finanziato da uno degli Imperatori di Atlatis per terminare gli inutili sprechi di uomini e risorse nella Guerra: perché affannarsi a catturare una località sostanzialmente indifendibile quando avrebbero potuto ricreare l’oggetto del proprio desiderio, il Cuore del Patto, nei laboratori? Il progetto fu ovviamente fallimentare, ma le formule volte a comprendere come infondere un cristallo di energia elementale pura crearono il primo sciame di Oricalcum, che riuscì a fuggire e iniziò a cercare un corpo che lo potesse ospitare, come quello di un costrutto.
  • La Guerra è stata caratterizzata da diversi eventi catastrofici di natura magica, ma il più spettacolare è certamente la formazione della Piaga. I costrutti minatori usati per estrarre l’Oricalcum dalla catena vulcanica vennero perduti durante l’incidente, ma alcune fonti sembrano sostenere che alcuni di loro siano stati in grado di sopravvivere assorbendo le energie all’interno del proprio corpo, iniziando così il processo evolutivo che li portò a trasformarsi negli androidi.

Il fatto che rende questa faccenda più assurda non è l’assenza di prove sul processo, ma la grande quantità di documenti che espongono minuziosamente il processo necessario a creare un nuovo androide. Un processo tanto straordinario quanto costoso: le attrezzature e le quantità di energia richieste sono tali da rendere la creazione di un nuovo androide uno sforzo non ininfluente anche per i più ricchi Tecnocrati. L’operazione più complessa e delicata è l’infusione dei frammenti di Oricalcum che comporranno il Cuore dell’androide: il cristallo deve accumulare l’energia nel corso di lunghe sessioni, così che possa avere il tempo per stabilizzare i propri livelli energetici ed interagire con gli altri frammenti, formando così un complesso stabile. Affinché il processo vada a buon fine, però, non basta avere pazienza e procedere con cautela: è infatti necessario stabilizzare il corpo inserendo delle componenti provenienti da ogni Gigante, anche in piccolissime quantità, e fissarle con l’esposizione ad un flusso elementare, che gli permetterà di nucleare sopra al Cuore. È solo al termine di questa operazione che l’androide viene realmente animato collegando il Cuore al corpo artificiale, operazione non immune ad incidenti: alcuni esemplari sono infatti impazziti, attaccando gli scienziati in preda ad una furia ferina e correndo verso l’esterno in maniera sgraziata, come delle copie rozze e regredite di un essere umano.

Il corpo artificiale degli androidi è in grado di sopportare tossine normalmente ritenute letali e sopravvivere senza bisogno di cibo, ma non è comunque completamente indipendente: il Cuore ha infatti bisogno di essere esposto ad un flusso elementare ogni mattina, così da poter stabilizzare i propri frammenti e rigenerare l’energia. Operazione decisamente semplice, vista la facilità con cui è possibile accedere a flussi come quelli dell’acqua o dell’aria, ma che rende gli Androidi ben diversi dalle “macchine perfette” immaginate dai loro creatori.

Cittadini dell’Impero? 

Gli Androidi sono diffusi su tutto Atlatis, anche se negli ultimi decenni sono state create alcune unità nella Città del Patto. Il loro status di umanoidi artificiali rende la loro vita decisamente complessa: persino la liberale Città del Patto si rifiuta di riconoscerli in toto come cittadini a tutti gli effetti, richiedendo che vengano testati da una commissione di esperti e che ricevano una lettera di raccomandazione da un altro cittadino, a patto che non sia anch’esso un Androide. La procedura dell’Impero è molto più semplice: un Androide può essere riconosciuto come cittadino solamente se viene affrancato da un Tecnocrate. Infine, la Confederazione dell’Oricalcum ha una politica più permissiva: un Androide, infatti, può diventare cittadino se riesce a guadagnarsi delle lettere di raccomandazione scritte da almeno tre persone differenti o se riesce a distinguersi per una impresa riconosciuta dal Consiglio delle Gemme. 
Ciò che rimane uguale in ogni luogo è il trattamento degli Androidi che devono ancora conquistare la cittadinanza: sono considerati, a tutti gli effetti, delle macchine dotate della parola. Il loro trattamento può essere più o meno umano, in base all’indole dei loro controllori, ma non è in nessun caso paragonabile alla libertà. Per questo si sussurra che alcune cellule estremiste del Fronte degli Umili stiano provando a fare propaganda tra gli Androidi, così da avere dei soldati o delle spie già infiltrate nelle case della nobiltà. Non si hanno però prove di nessun tipo sulla veridicità di simili voci. 
Viste le loro peculiarità e la loro difficoltà nel provare o comprendere le emozioni, molti Androidi vengono reclutati in forze militari o speciali unità volte a mantenere l’ordine pubblico, sia su scala limitata che come agenti dipendenti direttamente dall’Imperatore o dal Consiglio delle Gemme. La loro appartenenza ai corpi militari, però, non implica automaticamente l’essere riconosciuti come cittadini: perché concedere dei diritti alla propria fedelissima guardia del corpo o al proprio assassino prezzolato di fiducia?

Regole

Gli Androidi usano le statistiche presentate sul Bestiario V.

Invece di ottenere un punto ferita o un punto abilità bonus, gli Androidi possono scegliere uno dei seguenti bonus di classe preferita:

  • Tutti: Ottieni +1/4 utilizzi di Nanite Surge. Ogni Androide che avanza di un livello nella sua classe preferita può scegliere questo bonus.
  • Alchimista: Ottieni 1/4 di una nuova Scoperta. Questa può essere solamente relativa alla modificazione del Mutageno o delle Bombe (o delle Alchemical Ordnance, in caso il personaggio abbia accesso a questa capacità).
  • Arcanista: Aggiungi 1/6 ai punti giornalieri della Riserva Arcana.
  • Guerriero: Ottieni 1/6 di un talento Advanced Weapon Training.
  • Intrepido: Aggiungi 1/4 ai livelli di classe effettiva per calcolare il danno extra inflitto con la Gesta Colpo Preciso se si impugna una Spina Energetica o la Imperial Temn. 
  • Investigatore: Aggiungi un estratto al Libro delle Formule dell’Investigatore. Questa formula deve essere al massimo di un livello inferiore rispetto alla massima lanciabile (minimo 1).
  • Ladro: Ottieni 1/6 di una Dote da Ladro.
  • Mago: Aggiungi un incantesimo da Alchimista, Chierico o Druido della scuola di Trasmutazione (Metamorfosi) o con il descrittore Elettricità al tuo Libro degli Incantesimi. Questo incantesimo può essere al massimo di un livello inferiore al massimo che puoi lanciare e viene considerato come se fosse di un livello più alto, a meno che non sia anche della lista da Mago.

0 Comments


Recommended Comments

There are no comments to display.

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.