Vai al contenuto

Lindir87

Utenti
  • Conteggio contenuto

    8
  • Registrato

  • Ultima attività

Informazioni su Lindir87

  • Rango
    Apprendista
  • Compleanno 06/11/1987

Informazioni Profilo

  • Sesso
    Maschio
  • Località
    Gubbio
  • GdR preferiti
    Pathfinder, D&D, Scion, Exalted, Starfinder
  • Occupazione
    Consulente
  1. DnD 3e PbF commerciale-Topic organizzativo

    Io compro: - 1 mulo "Ferguson" 8 mo - 1 carretto 15 mo - 1 scudo li legno pesante 7 mo - attrezzi da scuoiatura 5 mo - 1 rampino 1mo - 5 razioni da viaggio 2,5 mo - 10 torce 1 ma totale: 42 monete d'oro e 6 d'argento
  2. DnD 3e La Corporazione [TdG]

    Darin Yew Venerdì 4 Giugno, anno 861[La Porta Rossa, tarda mattina] Darin sorride al nano mentre si alza intascando la sua parte del compenso, 25 monete facili per ora, una per la colazione e ne restano comunque 24, questa città è comunque troppo costosa per le povere tasche di un artigiano. Bene ci sono spese da fare e poco tempo per farle, il ranger concorda velocemente con i colleghi su quando rincontrarsi ed esce con passo spedito dalla locanda, cose da fare, tante cose da fare. Per prima cosa un carro, fondamentale se cacceranno qualche grossa preda, carretto e mulo sono senza dubbio la parte più costosa, 23 monete d'oro se ne vanno subito dal carrettiere, un piccolo carro e un mulo dallo sguardo simpatico di nome Ferguson. Un po di attrezzi extra poi per la scuoiatura e la lavorazione della pelle potevano senza dubbio servire visto il viaggio, di sicuro non era il caso di portarsi gli attrezzi buoni del negozio, altre 5 monete che partivano e l'anticipo che lentamente si esauriva. Poi lo scudo di legno, per affrontare la miniera dove forse l'arco poteva non essere di grande aiuto, un grosso scudo di legno al modico costo di 7 monete. Ultimi acquisti giusto per essere pronti ad ogni evenienza, un rampino, razioni per 5 giorni e dieci torce per una spesa totale di 42 monete d'oro e 6 d'argento, in pratica l'intero compenso già speso.
  3. DnD 3e La Corporazione [TdG]

    Darin Yew Venerdì 4 Giugno, anno 861[La Porta Rossa, tarda mattina] Darin afferra il suo piatto di pane e formaggio e inizia a mangiare avidamente dando una moneta al giovane cameriere, intanto ascolta le discussione con il Formichiere... Formichieri... che strano nome, non entrerei mai a far parte di una gilda con un nome simile. però 200 monete d'oro sono una bella somma, da dividere in 4, comunque 50 monete d'oro a testa, sono un bel bottino e anche se c'è un po di rischio dietro a questa missione il gioco sembra valere la candela. "Bene bene, sembra che abbiamo un accordo, 200 mo per la liberazione della miniera e dell'area intorno, la metà subito il resto a lavoro finito, ci teniamo tutto quello che troviamo mentre ripuliamo quel posto, e noi assicuriamo un lavoro ben fatto. Direi che siamo tutti contenti, un'altra cosa Formichiere se mi permette, i miei colleghi qui lavorano il ferro, Hennet è un cartografo e io come sapete lavoro la pelle, sono sicuro che potremmo accordarci una volta liberata la miniera per una futura collaborazione, d'altronde i minatori avranno bisogni di abiti robusti e di una mano a mappare la miniera, senza contare che i miei colleghi qui invece avranno sicuramente bisogno di acquistare il minerale che, vi assicuro a breve, estrarrete. Sono sicuro che un accordo di fornitura potrebbe agevolare tutte le persone a questo tavolo" Darin tace aspettando la risposta del nano e bevendo la ciotola di latte che gli è stata portata col pane.
  4. DnD 3e La Corporazione [TdG]

    Darin Yew Venerdì 4 Giugno, anno 861[La Porta Rossa, tarda mattina] "Grazie, si siamo noi, siamo qui per la miniera come ha detto il mio amico, vorremmo capire bene qual'è il lavoro e cosa c'è da guadagnare per noi. Mi presento in ogni caso, io sono Darin Yew, cacciatore, conciatore e impagliatore, il mio negozio e nella piazza ad Ovest." Darin si siede senza troppi complimenti o cerimonie afferrando una sedia dal primo tavolo e avvicinandosi maggiormente al nano, si volta poi verso il cameriere pensieroso per qualche secondo, esclamando infine. "Per me pane, formaggio e del latte, molte grazie" Guarda di traverso poi il suo collega Hennet che evidentemente non sa quanto sia pessima la brodaglia che passano per birra in questi locali.
  5. DnD 3e La Corporazione [TdG]

    Darin Yew Venerdì 4 Giugno, anno 861[La Porta Rossa, tarda mattina] "Da poco in realtà, ho passato la notte in caccia, sono rientrato solo alle luci dell'alba quindi non ho ancora avuto modo di mangiare. Il lavoro scarseggia quindi pensavo di procurarmi qualche materia prima e un po di carne ma mi è andata male, spero andrà meglio la prossima volta." Risponde tranquillo Darin ad Harry, il suo lavoro non è solo in bottega, gli piace pensare che riguardi anche le terre selvagge. "Da quello che ha detto il vecchio Elfo si parla di mettere in sicurezza l'area intorno, quindi spero non dovremo entrare nelle miniere, anche io mi trovo più a mio agio all'aperto, male che va chiederemo un pagamento più elevato." Continua a camminare con passo rilassato godendosi il sole del mattino con i suoi colleghi. Finalmente la locanda, il ragazzo entra nel chiasso rumoroso della sala comune cercando di fare abituare gli occhi all'ambiente chiuso, la confusione delle guardie è in netto contrasto rispetto alla calma delle strade, cosa avranno da fare tanto baccano in un posto dove non si può nemmeno bere. Il nano spicca come una mosca bianca, e non per il colore dei suoi capelli, Darin gli si fa incontro senza attendere i suoi colleghi. "Tordek giusto? vi dispiace se ci sediamo con voi? un nostro amico ci ha detto che avete bisogno di un aiuto per una faccenda spinosa, diceva il vero?"
  6. DnD 3e La Corporazione [TdG]

    Venerdì 4 giugno, anno 861 [Piazza dei negozi, tarda mattinata] Darin attende seduto che il vecchio elfo finisca di parlare ascoltandolo, il piano sembra semplice, è un cacciatore a cui chiedono di andare a caccia. Non ci vuole molto a capire che è qualcosa che è fatto apposta per le sue capacità. Ora bisogna vedere quanto ci si può guadagnare. Darin si alza insieme all'elfo e lo saluta con un sorriso sincero mentre se ne va, le sue orecchie si arrossano furiosamente quando l'elfo parla dell'affitto ricordandogli quanto realmente deve a quella persona e si fa un preciso appunto mentale di mettere da parte una parte dei guadagni questa volta così da saldare un po' di arretrati. Si volta verso i suoi compagni mentre cammina verso la locanda, un posto da poco che ben conosce. "Beh signori non so voi ma io non ho ancora fatto colazione, quindi farei un salto in locanda subito." mentre cammina si volta verso il suo vicino, un armaiolo che si occupa di costruire principalmente lance. "Mastro Nivam, voi siete stato un soldato di questa città, conoscete la guardia, conoscete di sicuro la locanda, vi chiedo quindi, conoscete per caso pure i formichieri?"
  7. DnD 3e La Corporazione [TdG]

    Venerdì 4 giugno, anno 861 [Piazza dei negozi, tarda mattinata] Darin alza la testa dal suo giaciglio, ha passato la notte fuori, nelle terre intorno alla città cacciando, sta notte è andata male, ma la prossima sarà di sicuro migliore è un periodaccio e gli affari vanno a rilento, la città cresce e le pelli sono abbondanti e i prezzi sono in calo. Mentre Darin si butta in faccia un po' d'acqua riflette che forse alla fine dovrà seguire le orme del padre e iniziare ad allevare qualche bell'esemplare di bestia da guardia, qualcosa di grosso e pauroso che i Nobili e i ricchi possano comprare per tenere al sicuro le loro case. Si guarda intorno per il piccolo laboratorio, pezzi di legno sparsi qua e là, attrezzi da intaglio è un gufo mezzo impagliato da finire, il suo letto ricavato in un angolo è un brocca di coccio con un po' d'acqua completa l'arredamento della sua stanza da letto e laboratorio. Si infila veloce indosso una lunga camicia di stoffa ruvida, e mette al collo la tracolla con la spada, abitudine più che reale bisogno, l'arco è buttato sul suo tavolo da lavoro, ha bisogno di essere teso e pulito e per ora rimane lì dov'è. Esce in quello che è il suo negozio, niente più di un bancone e qualche scaffale dove un paio di pelli di lupo prendono polvere insieme a qualche animale impagliato, la sua poca mercanzia, sono stati giorni di caccia magra. La voce del mercante gli arriva nitida dal grosso finestrone che da sulla piazza e Il giovane uomo scuote la testa ben sapendo di non poter rifiutare la chiamata. Con passo lento e stanco esce dal suo negozio e si avvicina al piccolo parco vestito dei suoi abiti da lavoro sdruciti ma puliti e con la sua spada allacciata sopra la spalla sinistra. Si avvicina al mercante con fare tranquillo e si siede sull'erba. "Sempre ben informato mastro Ethral, sono lieto che abbia preso così a cuore la nostra situazione, il ferro non è propriamente una risorsa che uso non mio commercio ma sono sicuro che potrò accordarmi con i nani per tenere le carcasse di qualsiasi cosa uccidiamo." Attende gli altri artigiani della piazza mentre fissa il vecchio elfo un po' dubbioso, nessuno va in giro a regalare notizie ed informazioni.
  8. DnD 3e PbF commerciale-Topic organizzativo

    https://www.myth-weavers.com/sheet.html#id=1298541 Darin è un tizio alto un metro e ottanta dalla pelle scura e dai capelli neri, ha una barba scura poco curata. È un ragazzo perennemente accigliato che prende seriamente il suo lavoro, per quanto è ben disposto a fare del bene non ha ancora compreso bene come, al momento è interessato a seguire le orme del padre, ranger è allevatore
×