Jump to content

Ectoblast - Forma Fantasmatica


Hanzo

Recommended Posts

Oggetto: Film d'Azione/Commedia, videogioco d'Azione/Rpg, o Rpg puro/Avventura.

Soggetto: Personaggi di un fittizio (ed utopico) Regno Etereo

Protagonista: Jack Lowdann (da vivo), Iago Il Cocchiere (da morto)

Prologo

Jack Lowdann lavora un in una piccola catena di distribuzione di materiale hardware/software. Al culmine del suo lavoro per debellare un virus, un baco (reale) si installa nei circuiti, e li fonde. La messa a terra pare non funzionare, qualcosa va storto, insomma, Jack viene sbalzato indietro da un'esplosione di tutto l'impianto di workstation.

Si ritrova così nel Regno Etereo. Varie persone l'avvicinano e lo chiamano Iago, e dopo le prime spiegazioni, gli vien dato in dotazione un Cocchio, l'Ectoblast, un Cocchio simile a un velivolo fantascientifico, dalle forme esotiche ed aerodinamiche allo stesso tempo, utopico come il Regno Etereo stesso.

L'Ectoblast non può viaggiare nè nel tempo, nè nello spazio.

Nel Regno Etereo regna l'eternità, tutti sono morti in circostanze misteriose, e tutti hanno i nomi (in parte) di ciò che facevano in vita, e devono risalire al loro compito.

Iago quindi prende le "redini" del cocchio. Il velivolo è in grado di viaggiare in questo ipotetico Iperspazio Siderale, dove il Regno Etereo è quasi immenso. Quasi, poiché l'unico limitare è dato dal contatto col regno dei vivi. Se Iago dovesse, per disgrazia, sforare il limite del Regno Etereo, dell'eternità, e tornare al tempo mortale, porrebbe fine al mondo, come lo conosciamo.

Iago dismette il nome col quale lo chiamano, e inizia a farsi un nome come Jack, facendo consegne di Blasterìa, una materia in grado di tenere intatte le fondamenta del Regno Etereo. E' Etereo, non eterno, perciò la Blasterìa deve essere costantemente rifornita, attraverso l'Ectoblast.

Jack è solo. Jack e il suo Ectoblast. L'equipaggio si forma a mano che Jack trova i suoi "simili", ossia quelli che per esperienza possono pilotare con lui l'Ectoblast.

Corpo centrale

Jack si dirige al Centro Smistamento dei Cocchieri, il suo numero è il 61-12, ma per comodità vien chiamato Settantatré.

Lì incontra una persona che non si sarebbe mai aspettato. Il suo compagno di lavoro, Matthew Halfheart, ora Alpha Artherios, è morto in un altra circostanza misteriosa. L'unica cosa che ricorda, è d'essere stato trafitto da più colpi di proiettili, di grosso calibro, mentre camminava per strada.

Il codice di Matthew è 019-43, per comodità Ottantasette.

Il Centro Smistamento scarta alla visita Jack, per il ruolo di Cocchiere. Gli riscontrano una strana sindrome del Regno Etereo, quella di Pharisaeus. Ha potenziale, ma non è in grado di comandare. Il comando della Ectoblast viene dato a Matthew.

Iago e Alpha quindi si dirigono per prendere il volo.

Prima tappa: Lantàno Silverio.

E' una porzione di Regno Etereo dove la Blasterìa è in quantità a malapena sufficienti, perché il Regno non venga spazzato via. Perciò l'Ectoblast, grazie al lavoro dei due ingegneri Iago e Alpha, viene rimessa in condizione di Iniezione Maggiore. Rifornisce Lantàno Silverio di blasterìa, quel tanto che basta per non farla collassare. Gli abitanti ringraziano i due. Tra loro c'è una ex-cocchiera, dimessasi da poco tempo, per via di un trauma della sua vita terrena.

Karyn Boyle, il nome del Regno Etereo; sconosciuto quello terreno. E' morta da ormai settecentosettantasette anni, ed il suo nome può essere rilevato solo tramite l'apparecchio multiuso della Confraternita dei Nomi, un altro Centro Smistamento, ma più rilevante di quello dei Cocchieri.

Karyn chiede ad Alpha di essere riammessa dai cocchieri. Per far questo, deve scoprire il suo vero nome, e l'unico modo è portare una sufficiente prova di abilitazione al servizio. Ossia conseguire una consegna di blasterìa praticamente impossibile, nella regione chiamata come

Nova Lynx

di recente scoperta e colonizzazione.

Iago (Jack) trova il modo di ottimizzare il meccanismo della Ectoblast, sfruttando i consigli di Alpha. Qualcosa va storto, e la Ectoblast non ha più modo di partire, il consumo della Iniezione Maggiore è arrivato ai limiti.

Dovranno utilizzare un altro Cocchio, che trovano non molto dopo (5 anni terrestri). Il nuovo Cocchio è dello stesso modello della Ectoblast, ma si chiama Fenicius, e richiede almeno tre piloti.

Il Fenicius è sotto sequestro della Confraternita dei Nomi, così i tre si servono del mezzo pubblico del Regno Etereo, il 777-Boom, o come viene chiamato in gergo, il Big Bang, l'unico mezzo pubblico, capace di ospitare miliardi e miliardi di anime eteree. Il prezzo è l'unico cruccio, molto salato. Almeno una misura di blasterìa, corrispondente a un millesimo di tacca di Iniezione Maggiore.

Arrivati alla Confraternita dei Nomi, li attende Janus, detto anche Magus della Confraternita. Un tempo era un praticante (in vita) di sette spiritiche, di magia bianca, nera, un villano - contadino -, un uomo che col suo solo cenno poteva maledire ogni essere umano.

La Confraternita ha deciso di punirlo, dandogli l'aspetto di un uomo deforme, in vita, dopo un incidente (sulla terra) in cui è rimasto sfigurato da un incendio nella sua casa, tutta paglia e legna, ben tremila e trecento anni terrestri fa.

Metà del suo viso non si vede, e l'altra metà è nascosta da una maschera, la cui estensione copre più di quanto sarebbe necessario.

Janus è il quarto pilota che la Confraternita dei Nomi, messasi di accordo col Centro Smistamento, lo assegna a fare da co-pilota, per la Fenicius, che la Confraternita ha posto sotto sequestro.

E il Centro Smistamento, visti i brillanti compiti di Iago e Alpha, la assegna a Iago, che ha brillantemente risolto (buco nella storia) una operazione di cui lui neanche era a conoscenza. Alpha diventa così supervisore, e Karyn Boyle riscopre il suo vero nome.

E' una lontana antenata, sia di Iago che di Alpha, ed il suo nome è Beatrix De Laminae.

Riscoperto il nome, riscoperto il compito. La Fenicius è in grado di trasportare armamenti a base di due componenti: blasterìa e fenicio, un composto di blasterìa e tempo dei mortali.

Il fenicio è ben più potente, ma molto più pericoloso e instabile.

Se si esaurisse la blasterìa, e restasse solo il fenicio, l'intero mondo mortale andrebbe incontro a fine sicura.

Ed ecco perché la Fenicius ospita un vano per mille tera-tacche di blasterìa, e solo mille tacche di fenicio.

La blasterìa brucia di più, consuma di più. Il fenicio è l'ultima risorsa, ma devono esserci almeno il 77,7% di risorse di blasterìa superiori, perché il fenicio possa dare il suo contributo.

Quando il fenicio viene usato in combinazione con la blasterìa, in condizioni di sicurezza, il Cocchio Fenicius viaggia a metà della velocità della luce, nello spazio siderale del Regno Etereo. Velocità di gran lunga maggiore del Big Bang.

Esso è perciò un velivolo di ricognizione, e non di combattimento. Rifornisce ciò di cui hanno bisogno le comunità, ed entra in battaglia solo se necessario. Non può auto-occultarsi. Le battaglie sono tra il Regno Etereo, e il regno dei mortali.

Il regno dei mortali è come una lancetta su un orologio a pendolo, che è ferma su sè stessa, e non conta nè minuti nè secondi, ma solo ore.

E' una minaccia sicura per il Regno Etereo, ed il Regno Etereo invia continuamente le sue navi da combattimento, che appaiono come sogni, ai vari mortali prescelti.

La più nobile, la più pura, la più potente, tra le navi da combattimento del Regno Etereo, è la Grand Flint Rockberry. Un nome che fra i mortali genererebbe risa; il vero nome della nave viene tenuto segreto. Neanche la Confraternita dei Nomi lo conosce. Ma solo il Potente Ministero Etereo.

Jack (Iago), Matthew (Alpha), Beatrix (Karyn), e Janus (nome sconosciuto, formano l'unità Fenicius.

Matricole I. A. = Iago e Alpha

Matricola B. J. = Beatrix e Janus

L'unico modo in cui Janus è entrato a far parte dell'equipaggio, è perché in un momento della vita, nel suo ardere e rimanere sfigurato, ha passato venti anni terrestri nella vergogna per il male fatto, che ha poi accettato con attiva rassegnazione, e espiato, prima di spirare.

Janus è il più antico, tra gli eterei.

Segue Beatrix.

Iago e Alpha sono coeterei. Stessa pasta del Regno, e anche i migliori nel pilotaggio, come cocchieri.

La Fenicius parte per il suo viaggio. Scoprirà come combattere il regno mortale, solo "volando", distribuendo blasterìa, e facendo fuoco sui potenziali Incubus, i velivoli mortali nemici, che si materializzano come per la magia di Janus, nel Regno Etereo.

Gli incubus sono assai più degli eterei, non sono nè mortali, nè eterei.

Esistevano, nei primissimi picosecondi, prima di esser formati. Ora sono chiamati Incubus, e regnano incontrastati nel regno dei mortali.

Il Regno Etereo ha predisposto che la Fenicius e la nave da combattimento Sleepkeeper lavorino in squadra.

- il resto - da scrivere -

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 3
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Alcune note a margine

Ho preso ispirazione da due videogiochi

1 - Omicron: The Nomad Soul

2 - Mass Effect

Ma ho cercato di mantenermi il più lontano possibile da tecnologie che rimandino a una realtà puramente fisica. Note a margine, e buco nella storia da riempire.

Janus, il Magus della Confraternita, è la persona chiave della storia. L'ago della bilancia pende su di lui. Ci si può fidare? E' affidabile, in battaglia? E' affidabile, fuori dal "gioco"?

La faccia visibile di Janus è quella di un uomo dalla carnagione (così appare nel Regno Etereo) più scura che esista, e dai riflessi pallidi di un blu cobalto, nelle iridi. La maschera è di stampo "africano", senza particolari espressioni. Anzi, desta una certa inquietudine, ma è stata imposta a Janus; i motivi li conoscono in pochi, e pochi sanno dell'esistenza di Janus.

(Janus è un chiaro omaggio a Chrono Trigger, ossia Magus)

Janus, al momento del trapasso, ha chiesto perdono pubblico, sfigurato, in pubblica piazza. Nessuno lo considerava, anzi, più chiedeva perdono, più veniva deriso, sbeffeggiato, umiliato.

Il suo popolo è il popolo della gente dalle piccole roccaforti, un'isola (dal richiamo "atlantideo") dove una primitiva tecnica univa la praticità alla difficoltà d'uso.

Per guidare un mezzo di trasporto servivano cavalli, e dei più robusti.

Perciò si tento di utilizzare degli asini selvatici. Meno propensi a portare il carico, ma motivabili con sferzate e intrugli a base di bel-astèr, una pianta tipica.

Il lantano, altra pianta, però estranea al luogo di Janus, era solo aromatica.

Janus ha avuto una conversione al male nei suoi primi anni di maturità, verso i 16 anni, da allora, fino a 23 anni, ha praticato la sua arte oscura. A chi gli faceva un cruccio, diceva "Morirai presto". Giorni dopo, quella persona non rivedeva l'alba del nuovo giorno.

Un potere potente, eppure meschino. Janus, vissuto 3300 anni prima dell'inizio di questa "opera", è l'anello (rimando a Lord of the Rings) mancante del puzzle della storia.

Non è vitale alla sua prosecuzione, ma portato appresso, arricchirebbe di molto.

I personaggi fissi sono Iago, Alpha e Beatriz.

I.A., da cui nel gergo, nella storia, più avanti, il Regno Etereo li ha nominati "intelligenze artificiali", sotto consiglio della Confraternita dei Nomi.

Formazione del Regno Etereo.

Il Regno Etereo è una diramazione di un luogo ben più vasto, il Regno della Psiche (o Psiché, comunque lo si voglia pronunciare).

La Mente, nel Regno Etereo, è tutto.

La sanità di mente è tutto. E' concessa libertà di "parola", ma non di pensiero. Il minimo pensiero considerato "malvagio" dal Regno della Psiche, viene punito con forti "mal di testa", che gli eterei chiamano "punizioni di psiche".

Non sanno neanche perché avvengano. E' certo che colpiscano anche il regno dei mortali, sebbene in maniera diversa.

Il Regno Etereo è così formato. Non ci sono stelle, a parte tre soli e quattro lune, che alternano il ciclo "giorno-notte". Le quattro lune sono come le quattro stagioni mortali.

L'Inverno corrisponde alla Luna Novéria

La Primavera corrisponde alla Luna Renòvar

L'Estate corriponde alla Luna Kàrisol

L'Autunno corrisponde alla Luna Avèrion

e i Tre Soli non hanno nomi specifici, per gli eterei

I Tre soli brillano per 3/4 della giornata, dopodiché subentrano le Lune. Quella che splende di più viene presa a riferimento, per datare l'epoca, che non viene segnata in anni terrestri (benché si conosca la numerazione e la datazione), ma in lunarii.

Il tempo in cui si colloca la storia è nel 2500° lunario, tempo di Avèrion.

I lunari sono presi a modello di "segno zodiacale", ossia il tempo in cui è morta una persona, sotto quale stagione mortale.

Iago è di Novéria

Alpha è di Avèrion

Beatrix è di Avèrion

Janus è di Kàrsol

Janus, a sua volta, è un antenato di Beatrix.

La Confraternita dei Nomi rilascia un dato importante sul suo nome, per la collocazione come "ruota dei Cocchieri".

Inizia con la K di Kàrsol

e finisce con la "é" di Novéria, senza accento.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...