Jump to content

Le Rovine di Torrecorvo 1.1.0

   (0 reviews)

3 Screenshots

About This File

Questa breve avventura è stata scritta a seguito dell’esigenza di introdurre, in una serata, il Gioco di Ruolo ad un gruppo di neofiti. La prima ispirazione è arrivata sfogliando il “Libro del Game Master” contenuto nel box “Pathfinder - Set Introduttivo” (pag. 31 per chi ne è in possesso), il resto è venuto da se durante una fredda domenica veneta di novembre.

La trama dell'avventura è questa:

Cita

La cittadina di Sandpoint è stata per qualche tempo disturbata dalle incursioni notturne di un Drago Nero, chiamato Zannanera, che attaccava le carovane dei mercanti dirette  verso la città e razziava il bestiame al pascolo degli abitanti.
Un gruppo di eroi reclutato dal sindaco di Sandpoint è da poco riuscito a mettere in fuga il Drago...
ma Zannanera ora è stato visto nuovamente da alcuni esploratori mentre parlava con una misteriosa figura ammantata di nero nei pressi delle antiche rovine di Torrecorvo, un torrione di vedetta ormai in disuso ed abbandonato da decenni. Chiunque parlasse con il drago non è certo amico di Sandpoint! Il sindaco ha quindi deciso di chiedere nuovamente aiuto ad un gruppo di eroi, affinché vadano a Torrecorvo e scoprano perché a Zannanera interessa tanto la zona.

Il dungeon sottostante a Torrecorvo, che un tempo era la prigione cittadina, ospita ora un chierico malvagio chiamato Thelsikar. Thelsikar usa il complesso di sale e gallerie sotterranee per radunare mostri e venerare la dea-demone Lamashtu. La dea ha concesso a Thelsikar una visione di come creare un potente elisir che potenzia i draghi ed il chierico ha già dato a Zannanera la prima dose di elisir, con la promessa di averne ancora in cambio del suo aiuto per prendere il controllo della vicina città e della regione...

 

L'avventura, ambientata a Golarion, si svolge in un dungeon diviso in 9 ambienti.
Il file è strutturato in modo da comprendere tutto il necessario per dirigere la sessione: l'avventura illustrata ambiente per ambiente, le schede riassuntive dei mostri e dei PNG che compaiono nella vicenda con alcuni spunti per il DM utili ad impersonarli (nomi, tratti fisici, peculiarità ecc), la descrizione degli incantesimi usati, la mappa del dungeon. Per tutto il resto si fa riferimento alle sole regole contenute nel Manuale di Gioco.

 

NB: da neo master mi sento di consigliare per semplicità di svolgere la partita utilizzando dei PG da voi preparati a priori con delle schede semplificate (come quelle comprese in “Pathfinder - Set Introduttivo” scaricabili gratuitamente dal sito della Paizo o delle schede standard parzialmente compilate, lasciando momentaneamente in bianco le parti più complesse e di minor interesse per un principiante).

Consigli, critiche e suggerimenti sono ben accetti, sono attivo come master da giugno 2016 e mi sto facendo le ossa!


What's New in Version 1.1.0

Released

Aggiunta mappa più leggibile (parzialmente realizzata al computer) in una pagina dedicata.

  • Like 1
 Share


User Feedback

Recommended Comments

E' classica avventura da pacchetto. Semplice e bella.
A me piacciono sia le cose "pre-impacchettate" sia quelle customizzate da me.
Il consiglio che ti do è miscelare tutto con l'oriente o con le epoche moderne. Impazzisco per questo genere di cose... Tipo questo...

:hang1:

Link to comment
Share on other sites

Buon lavoro. Hai realizzato proprio il prototipo dell'avventura base, semplice e che permette ai pg di familiarizzare con il gioco. Unica nota, a mio avviso, forse un filo troppo corta.. :) Però, per il resto, buon lavoro. Tra parentesi, la vedo bene anche come avventura introduttiva ad una campagna più grande. I templi di qualche divinità malvagia e le tane di drago, sono sempre ottimi posti dove mettere oggetti o mappe tra i tesori, che siano la base per qualcosa in futuro.. Sono anche ottimi posti dove disseminare oggetti maledetti che diventeranno, anche loro, la base per avventure future, se i pg dovranno incominciare qualche cerca, per aiutare un compagno ormai vittima del maleficio...

Link to comment
Share on other sites

@Thorgar grazie per il commento! Sono felice che l'avventura ti piaccia. :) 

Per la lunghezza: l'intento quando l'ho scritta era di presentare il gioco ad un gruppo di 5 avventurieri nuovi al mondo non solo di Pathfinder ma dei GDR da tavolo. Con loro, tra spiegazioni ed esempi e qualche improvvisazione in corso d'opera (trappole aggiunte al volo nella prima sala per far capire loro quanto poco saggio sia stato entrare in un Dungeon senza nemmeno dare uno sguardo ai pavimenti, per esempio), il Dungeon ha richiesto due sessioni per essere completato (circa 6 ore), una lunghezza giusta per il suo scopo "didattico". In realtà pensavo durasse anche meno :D 

Non avevo valutato l'idea di riciclarlo come capitolo iniziale di una campagna ma in effetti i recenti moduli per D&D 5E insegnano che non bisogna mai prendere a leggera i fanatici che appartengono a culti di draghi ;) 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, DarthFeder ha scritto:

il Dungeon ha richiesto due sessioni per essere completato (circa 6 ore), una lunghezza giusta per il suo scopo "didattico".

Effettivamente si... 6 ore è una lunghezza perfetta per un'avventura introduttiva... a leggere l'avventura, sembrava un po' più corta.. :)

Comunque, per concludere, è ottima perché ha tutto.. qualche tiro abilità, trappole, porte segrete, qualche scontro easy, l'enigma delle mani bruciate, giusto per far spremere un po' le meningi, un bel boss con qualche tirapiedi e addirittura un drago.. io non ho mai usato draghi, in avventure per pg di primo livello... mi sembrano creature un po' troppo forti, con le quali è un po' facile, che ci scappi subito il morto... a te come è andata??? tutti vivi?? :)

2 ore fa, DarthFeder ha scritto:

Non avevo valutato l'idea di riciclarlo come capitolo iniziale di una campagna

A volte, avventure che sembrano semplici missioni a se stanti, sono ottime per ficcare i pg in guai più grossi, senza che manco se ne rendano conto.. :) La casualità o banalità di alcuni eventi, aiuta a ritardare la comprensione di un disegno d'insieme più grande... O fargli trovare un oggetto molto importante, senza che ne realizzino fin da subito la portata, e da qui, sviluppare una trama più vasta...

 

2 ore fa, DarthFeder ha scritto:

i recenti moduli per D&D 5E insegnano che non bisogna mai prendere a leggera i fanatici che appartengono a culti di draghi ;) 

Qua purtroppo, non so di cosa parli... la 5a edizione, mannaggia, mi è  sconosciuta... :) 

Ho giocato il D&D base, l'advanced, la 3.5, sto leggendo i manuali di Pathfinder, ma della 4 e della 5 non so davvero quasi nulla, purtroppo.. 

 

 

Link to comment
Share on other sites

@Thorgar con il drago è andata bene! È una versione presa dal Set Inteoduttivo e depotenziata rispetto ai Draghi Neri del bestiario vero e proprio. Usa solo una volta il Soffio, si cerca di farlo svolazzare qua e la e di limitare gli attacchi...i PG dovrebbero riuscire ad ucciderlo o ferirlo seriamente, se si mette male si può optare per uccidere un PG (tanto nel Dungeon dovrebbero trovare una o due pozioni di risurrezione apposta) e poi far volare via il drago dalla crepa sul soffitto della grotta. Insomma c'è più per fare apparenza ed impressionare i giocatori che per far veramente danno ;) 

la 5ª edizione merita davvero, io ho quasi del tutto abbandonato PF a suo favore. Se ti capita provala! 

 

E grazie ancora del del feedback positivo :)

Link to comment
Share on other sites

@DarthFeder beh usato così, allora è perfetto!! Comunque il drago è la creatura più evocativa del gioco (non per niente si chiama dungeons and dragons :D ) e fa sempre la sua figura... fa subito sentire i pg degli eroi, sconfiggere un drago, anche se semplicemente scappa.. E poi, la vendetta di un drago sconfitto, è un altro buon spunto per avventure future... 

Seguirò il tuo consiglio sulla 5a, anche se sto aspettando per vedere se la traducono... non ho problemi con l'inglese, però il fatto che non ce la stiano traducendo mi irrita un po'... e ho appena fatto investimenti su Pathfinder, quindi è davvero un progetto futuro.. 

Di niente per il feedback!! L'ho fatto volentieri!! :)

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.