Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Recensione: Tasha's Cauldron of Everything

Con colpevole ritardo pubblichiamo la recensione del penultimo manuale uscito per D&D 5E: Tasha's Cauldron of Everything.

Read more...

Quando un lupo non è un lupo? - Parte 2

Oggi Goblin Punch vi parlerà di una possibile e viscida variante per i vampiri per le vostre avventure.

Read more...

La WotC prende il controllo della localizzazione in Italia di D&D 5E

Un comunicato stampa appena rilasciato dalla Asmodee annuncia una importante novità per il futuro di D&D 5E in Italia.

Read more...

Viaggio nella DM's Guild XI - Il Genio dell'Illusione

Il Genio dell'Illusione è un’avventura Gdr in stile Fantasy/Medievale scritta ed illustrata da Matteo Valenti.

Read more...

I Racconti di Arthaleorn

Andiamo a scoprire una serie di romanzi fantasy italiani intimamente intrecciati con il mondo dei GdR.

Read more...

Il Licantropo - Prima Parte


Brillacciaio

1.2k views

Il primo articolo di questo blog si occuperà della creatura che gli dà il nome: il lupo mannaro.

Questi orrendi mutaforma hanno il potenziale per essere l’orrore definitivo perché parlano nel profondo alla nostra psiche e si ricollegano al passato remoto della nostra specie.
Il lupo è un predatore efferato ma resta una bestia famigliare e dall’aspetto mansueto, rendendolo perfetto per essere il volto dell’incubo – in senso letterale – che si intrufola nelle nostre case, perché strettamente associato alla paura della notte e del buio, nate da un più razionale terrore di essere cacciati.
Infatti mentre dalle comuni bestie ormai nelle nostre case ci sentiamo al sicuro, il Licantropo è dotato di quel tocco di umanità necessario a camuffarsi come uno di noi ed intrufolarsi nelle nostre stanze e nei nostri letti per colpirci quando siamo più vulnerabili.

Per non parlare di tutto ciò che si potrebbe dire sul tema stesso della metamorfosi!

D&D lo ha reso meno spaventoso e affascinante, forse per mancanza di capacità vistose con cui condire i combattimenti, ma noi siamo qui per rendergli il più possibile giustizia.

È un luogo comune che i Mannari siano il frutto di un accordo tra qualche Umano e uno spirito dimenticato delle foreste di Nerowynn, a nord tra le montagne, ma io personalmente ritengo che siano nati indipendentemente e che la loro capacità di assumere un aspetto sufficientemente umanoide sia un adattamento avvenuto per darci la caccia.
La mia tesi è forse avvalorata dal fatto che quasi mai li ho visti assumere aspetto di Umani o altre simili razze in assenza di prede o durante una battuta di caccia allo scoperto, quando invece preferiscono mantenere il loro aspetto di grossi lupi – a volte più grandi di un orso – vagamente mostruosi.
D’altra parte anche in questa forma sono capaci se necessario di procedere in maniera bipede e manipolare gli oggetti e non hanno necessità di mutare per le loro esigenze quotidiane. Inoltre anche la leggenda che abbiano una forma canina e una ibrida è appunto solo questo, una leggenda, e un Licantropo è sempre ben distinguibile nelle fattezze da un lupo troppo cresciuto. Quello a cui bisogna stare più attenti è la loro forma umanoide! Il loro aspetto lascia sempre certi indizi di un’ascendenza bestiale all’occhio attento, come denti vagamente aguzzi o una peluria sospetta, ma, ahimé!, fanno fin troppo bene il loro lavoro nell’imitarci e l’unico metodo che non lascia spazio a dubbi per identificarli è la magia.
Purtroppo non sempre si avranno a disposizione gli ingredienti necessari, e il mio consiglio è perciò di fare attenzione ai dettagli e se in viaggio nella natura selvaggia, soprattutto in posti come i monti Zerki o la brughiera dell’Altare Spezzato in cui sono diffusi, di diffidare dei viandanti Umani o anche Elfi e di tenere sempre un occhio aperto…

 Dal Capitolo I, 'L'Origine del Male'

I Licantropi hanno costruito nei secoli una società tribale molto strutturata e come tutte le creature intelligenti sono rispettosi della magia e hanno i loro culti, sicuramente di natura druidica o sciamanica, che ben si addice al loro essere dei mutaforma. Sono cacciatori nomadi quasi esclusivamente carnivori e si nutrono di grosse prede. Si dice che bevano il sangue di alcune vittime, tra cui gli Umani, quando sono ancora vive come parte di alcuni rituali propiziatori e che mangiare il cuore di un essere umano, soprattutto se giovane e innocente, gli doni anni di vita e preservi la loro capacità di mutare forma.

manuhell_red_riding_hood_by_manuhell-d7hiqw5.jpg.2a28e156367941366a68d370325475aa.jpg

Queste creature in passato hanno avuto legami stretti con la stregoneria in un periodo in cui le streghe facevano ricorso a tutte le forze di cui riuscivano a disporre per combattere le chiese che davano loro la caccia. È possibile tanto per dire che alcune loro stranezze, come la necessità di consumare cuori umani o il bizzarro rapporto con il ciclo lunare, siano dovute davvero a una maledizione o a un’altra forma di accordo magico.
Si dice che un Licantropo non possa mantenere la sua forma umanoide a volontà e che diventi particolarmente difficile per lui farlo più tempo passa in quella forma, di notte e quando si avvicina la luna piena. Un Licantropo giovane e ben nutrito può combattere queste pulsioni, anche se assumerà con ogni probabilità comportamenti bizzarri e nervosi, ma un vecchio Licantropo nascosto in un villaggio di uomini avrà difficoltà a nutrirsi abbondantemente, e il richiamo della luna per lui sarà troppo forte da resistere.

I Mannari sono creature affascinanti per molte ragioni, si dice per esempio che bere sangue fresco, soprattutto se giovane e innocente, li renda capaci di guarire velocemente e resistere alle ferite. Ho potuto constatare che almeno parte di questa storia è vera una volta che stavo braccando un grosso esemplare che avevo ferito in un territorio per lui poco conosciuto – nonostante le mie conoscenze non mi sarei mai azzardato altrimenti. Ho impiegato alcuni giorni a raggiungerlo e le tracce di sangue erano rimaste abbastanza intense, anche perché non si trattava certo di ferite di coltello o semplici frecce, fino a quando non mi sono trovato di fronte ad uno spettacolo terrificante, un’intera famiglia di contadini quasi interamente divorata.
Uno dei sopravvissuti della vicenda (a dirla tutta comunque morente) mi confessò che erano stati tanto sciocchi da lasciar entrare la creatura dentro casa loro poiché si era presentata come il sopravvissuto a un’aggressione da parte di un clan di Orchi erranti, per poi rivelarsi soltanto quando avevano abbassato ogni guardia. Quando arrivai la creatura era ancora in casa e non erano passate che alcune ore dall’attacco, ma era tornata in perfetta forma.

Ho poi sperimentato che soffrono di una curiosa serie di allergie, se così possiamo chiamarle, la più evidente è quella per l’argento. Questa loro peculiarità è ulteriormente accentuata da alcuni particolari procedimenti di lavorazione, che rende le lame forgiate alla maniera degli Antichi assai efficienti contro di loro in quanto bruciano la loro pelle e indeboliscono la loro capacità di rigenerarsi avvelenandone il sangue.
Se le mie conoscenze della magia non mi ingannano, e questo non accade pressoché mai, questa caratteristica è in realtà proprio un rimando al loro essere stati prede del Popolo Immortale (degli Antichi, N.d.R.) e alla sottomissione successiva alla loro ultima figlia, Sorella Evanora della Congrega dell’Ovest. È quello che viene chiamato un nodo simpatico o contagioso della Trama.

Ma la manifestazione forse più temibile della loro lunga storia su questa terra è un altro che sto ancora indagando. Temo che in certi soggetti suscettibili la presenza di un Licantropo sia in grado di causare una strana regressione che fa riemergere ombre maligne di certe antiche leggende, […] facendo sì che oltre al già immenso pericolo del Licantropo ci si debba trovare ad affrontare antichi demoni dei focolari – sebbene la loro esistenza sia dibattuta io sono fermamente convinto di averne le prove!
Tutto questo si manifesta all’inizio nelle classiche forme di una presenza come ombre che si agitano, fiamme che vacillano e si spengono, improvvise folate di vento anche in ambienti chiusi…

Dal Capitolo IV, 'Il Licantropo, Limiti e Debolezze' 

Continua…

Prima di lasciarvi vi chiedo di commentare con tutti i suggerimenti che avete per il proseguimento di questa serie, se l'idea del falso libro e il punto di vista interno del suo autore vi stanno piacendo o se preferireste un approccio più didascalico e con più consigli direttamente rivolti al gioco di ruolo e qualche suggestione in meno, o un'ambientazione meno specificata o quello che vi pare.
Fatemi sapere se la serie vi piace e vorreste che la continuassi (in ogni caso finirò questo articolo e alcuni altri che ho già in mente) e in caso quali creature vi piacerebbe vedere trattate con questo approccio.

Buona vita!

6 Comments


Recommended Comments

Cita

Prima di lasciarvi vi chiedo di commentare con tutti i suggerimenti che avete per il proseguimento di questa serie, se l'idea del falso libro e il punto di vista interno del suo autore vi stanno piacendo o se preferireste un approccio più didascalico e con più consigli direttamente rivolti al gioco di ruolo e qualche suggestione in meno, o un'ambientazione meno specificata o quello che vi pare.
Fatemi sapere se la serie vi piace e vorreste che la continuassi (in ogni caso finirò questo articolo e alcuni altri che ho già in mente) e in caso quali creature vi piacerebbe vedere trattate con questo approccio.

Personalmente preferisco la versione "libro", è più adatta ad essere usata per più sistemi.

Tra l'altro, sarebbe interessante vedere anche "versioni alternative" del licantropo "classico":

1) Altre creature mannare (esistenti irl presso popoli non europei).

2) Come si diventa mannari; nella mitologia norrena, se non sbaglio, basta bere l'acqua raccoltasi nell'orma di un lupo, o indossarne la pelle durante una notte di luna piena (idea ripresa parzialmente da Tolkien nel suo Silmarillio, in cui due personaggi indossano la pelle di un lupo e di un pipistrello per infiltrarsi nel covo di Morgorot).
Ma secondo leggende medioevali, basta essere il settimo figlio, o essere nati in un giorno specifico, per diventare licantropi.
E in un vecchio fumetto su Conan o Kull, un'uomo diventa licantropo solo per il fatto di aver ucciso un'altro mannaro mentre era in forma lupina.

 

P.S.: e, ricollegandomi al punto 2, ma riferito ad altri mostri (di cui spero parlerai), mi ricordo che in vecchissimo episodio de "I Superamici" (versione anni '80, pacchiana e camp, della "Justice League), l'unico modo per sconfiggere degli zombi era legarli con liane morte ad alberi morti, in una palude morta... per anni, da bambino, ho pensato che fosse quello l'unico modo per ucciderli, prima di sentir parlare di decapitazioni e "head-shot".

  • Thanks 1
Link to comment
4 ore fa, MattoMatteo ha scritto:

Personalmente preferisco la versione "libro", è più adatta ad essere usata per più sistemi.

Intendi come sto già facendo?

4 ore fa, MattoMatteo ha scritto:

Tra l'altro, sarebbe interessante vedere anche "versioni alternative" del licantropo "classico":

Saranno sicuramente almeno accennate. La mia idea era concentrarmi su una reinterpretazione personale più o meno vicina all'originale della creatura, ovvero la versione incontrata da Holliday con tutti i dettagli del caso, in questo caso per esempio le ragioni del rapporto con l'argento, il collegamento con i cuori umani oppure tutta l'interpretazione dei mannari come razza a sé stante adattata a cacciare gli uomini.

Oltre a questo stavo valutando se inserire altre possibili varianti, sempre senza puntare sulla raccolta sterile ed enciclopedica di tutte le versioni, anche perché informazioni di quel genere sono accessibili su wikipedia tanto per dire, mentre uno spunto di storia può far comodo quando stai preparando una campagna e ti manca qualche dettaglio.
Ma se qualcuno mi dimostra interesse (come stai già facendo tu) allora lo faccio.

4 ore fa, MattoMatteo ha scritto:

Come si diventa mannari;

Stessa risposta del punto precedente, circa, questa cosa farebbe parte in questo caso delle varianti. In parte però l'argomento sarebbe comunque stato coperto dalla seconda parte dell'articolo, in riferimento alle reazioni all'attacco di un mannaro, al trattamento delle ferite e simili.

Conto di finirlo entro qualche giorno.

4 ore fa, MattoMatteo ha scritto:

riferito ad altri mostri (di cui spero parlerai)

Assolutamente!

Link to comment

Bellissimo articolo! Mi piace molto l'idea del "falso libro" (ti assicuro che sono crollato quando ho scoperto che era falso: complimenti scrivi molto bene!); però allo stesso tempo mi piacerebbe vedere anche consigli rivolti più direttamente ai giochi di ruolo. Mi chiedo se sia possibile mantenere entrambe le cose!

Ci sono parecchi mostri che sarebbe interessante presentare, come ghoul, folletti malvagi (come gli splendidi berretti rossi), o ancora creature bestiali e ferali (tipo il wendigo, ma andiamo, il wendigo sarebbe troppo facile ; P ); ma sarebbe grandioso se riuscissi a presentare in chiave horror anche alcune creature classiche del fantasy, come goblin e orchi.

Comunque, mi piace anche l'idea di MattoMatteo di presentare, magari anche solo in modo un po' accennato, le "varianti" dei mostri che vengono presentati.

Edited by DemoneMalvagio
  • Thanks 1
Link to comment
1 ora fa, DemoneMalvagio ha scritto:

però allo stesso tempo mi piacerebbe vedere anche consigli rivolti più direttamente ai giochi di ruolo. Mi chiedo se sia possibile mantenere entrambe le cose!

Magari i numeri per i gdr potrebbero essere messi sotto spoiler.

  • Thanks 1
Link to comment

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.