Jump to content

apetta88

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    128
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

7 Coboldo

1 Follower

About apetta88

  • Rank
    Esperto
  • Birthday 03/22/1988

Profile Information

  • Gender
    Femmina
  • Location
    Gioia del Colle
  • GdR preferiti
    Sine Requie, Vampiri La Masquerade
  • Occupazione
    Medico

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. La ragazzina,dopo essersi avviata verso il bancone, inizia a trafficarvi dietro e nel giro di qualche minuto è di ritorno con una boccia di vetro colma di liquido color del sangue. Questo lo fa lo zio Davide... Spiega la voce cristallina, osservando tutti e tre gli uomini, fissando un po' più a lungo Wakanda. La giovane non sembra essere l'unica a interessarsi dei visitatori, anche i due avventori già presenti nel locale ora fissano i nuovi venuti con il tipico sguardo inquisitorio che i vecchi di ogni paesino riservano al forestiero di turno. Si tratta infatti di due uomini di età matura, il primo con la sommità del capo calva e una canuta corona di capelli corti, dal naso adunco e ingobbito, il secondo più robusto di corporatura, con una coda di cavallo un tempo mora, ora brizzolata, e una folta barba dello stesso colore, entrambi in compagnia di un paio di bicchieri di quello che sembra essere un distillato casalingo di colore giallastro. Posso esservi di aiuto in altra maniera? il sorriso della ragazzina si stira un po' di più mentre si protende verso il tavolo con il torace, le mani dietro la schiena. Un uomo sui 40 anni, tarchiato e dai corti capelli castani, entra nel locale, saluta con un cenno gli astanti e, anche lui fissando con attenzione il trio di novità, si va a posizionare su una delle panche, distante dagli altri due.
  2. La ragazzina alza le spalle e sorride, mostrando un canino spezzato. Certamente, accomodatevi dove preferite... Ribatte annuendo, subito dopo gli occhi si posano, non nascondendo un certo stupore, sull'indiano . I due piccoli occhi di pece fissano seri il forestiero, quasi a volerlo studiare a fondo, poi sbattono le ciglia un paio di volte e la voce chiara di ragazzina ricomincia a ciarlare lieta, come se nulla fosse mentre un'allegria un po' più forzata della precedente rianima gli occhi Dunque...Rosso o bianco? Bicchiere unico, quartino o bottiglia intera?
  3. Il paese è piccolo e l'osteria, che non è difficile da trovare, a pochi vicoli di distanza, è esattamente proporzionata ad esso: nel piano terra di una casa a tre piani è stata ricavato uno stanzone di 20-25 mq dall'arredamento molto scarno, con 2 grandi e rozzi tavoli di legno ognuno affiancato da due grosse panche, lunghe quanto il tavolo e altrettanto rozze. In fondo alla stanza un camino, ora spento ma indubbiamente molto utilizzato. Sulla vostra destra tre finestre portano luce nell'ambiente, arrivando a rischiarare, con la luce del tardo meriggio che si appresta ormai al tramonto, il bancone sul lato opposto della stanza, massiccio e dai pochi fronzoli.E l'ora in cui ancora il locale è poco frequentato, a un primo sguardo vedete solo due uomini, seduti uno accanto all'altro con il bicchiere di vino in mano che interrompono immediatamente la conversazione al vostro arrivo nel locale. Benvenuti, posso esservi di aiuto? Un voce delicata vi fa voltare alla vostra sinistra. Davanti a voi una ragazza sui dieci-dodici anni, dagli occhi neri e dalla corporatura esile sorride, mani dietro la schiena, nel suo vestito azzurro dalle tinte sbiadite, umile ma pulito e ordinato. Dietro di lei una porta socchiusa fa intuire la presenza di un vano scala che porta ai piani superiori.
  4. Seguirò sicuramente il vostro consiglio, fratello. Mi sta giusto tornando il mal di testa. Risponde il prete, in tono asciutto, al francescano. Alla domanda del Navajo Felicia sembra voglia ribattere qualcosa, qualcosa che sembra bloccarsi in gola dopo un veloce sebbene involontario sguardo al religioso che ha in cura. È quest'ultimo a rispondere per lei Non bisogna buttare il bambino con l'acqua sporca. Il nostro francescano è un ottimo medico e ha salvato molte vite in questi anni, sarebbe sciocco negarlo per un singolo errore. Spiega tranquillo In ogni caso, sebbene io abbia sempre ritenuto padre Giulio un tipo forse troppo tollerante nei confronti dei peccatori, non lo ho mai considerato un servo franco del demonio. Al massimo può essere stato ingannato da lui, nascosto sotto mentite spoglie, ma non credo lui abbia scelto di servirlo di sua spontanea volontà. È la chiosa del ragionamento mentre ormai accompagna i tre alla porta. Tutto ciò che sapevo l'ho detto, inquisitore. Chi ha orecchi per intendere intenda. Buona giornata. Saluta sbrigativo chiudendo la porta alle spalle del gruppo.
  5. A quell'accusa non tanto velata il vecchio sacerdote sembra offendersi e i suoi atteggiamenti si fanno più arcigni. Sospettate di me, inquisitore? Chiede con lo sguardo carico di sdegno Allora chiedetelo alla mia perpetua dove ho passato la notte! Si alza di botto e si dirige verso il piano superiore strillando FELICIA! Dalle scale la figura nervosa di una donna sui 45 anni si affaccia con sguardo preoccupato a indagare cosa sia successo Padre, son qui... Cosa è successo? Chiede con voce tremante Felicia, spiega all'inquisitore qui presente e a tutta la sua corte come ho passato la notte... La donna fissa interdetta l'uomo, poi volge uno sguardo rapido al gruppo di ospiti e infine risponde titubante Padre, non ricorda? È stato a letto tutta la nottata con la febbre e io che le facevo i suffumigi ogni ora e poi verso le 5 e mezza si è alzato per andare a confessare e non si è nemmeno coperto bene Scende le scale con aria scocciata E adesso magari le è anche tornata... Bofonchia mettendo al vecchio prete una mano sulla fronte Bada a come mi parli, donna... E non toccarmi! La redarguisce il castigatore scostandole la mano con fastidio prima di voltarsi con aria di sfida verso gli altri Dunque ora che abbiamo appurato che il mio alibi è ragionevolmente Sottolinea quest'ultima parola trapassando con lo sguardo l'inquisitore ferreo... che ne dice, inquisitore, di andare a verificare quello degli altri e lasciarmi riposare prima che mi ammali di nuovo? Conclude con aria stanca e stizzita
  6. Alza un sopracciglio al ragionamento del francescano Il maligno li ferisce eccome i suoi fedeli, fratello Indica con un ampio gesto della mano Vanni, senza però degnarlo di uno sguardo e anche il nostro inquisitore potrà confermarlo il braccio ritorna in grembo con un gesto lento per lui non siamo che pedine, da sacrificare quando non più utili agli scopi. Nulla a che vedere con la misericordia di Dio, che mai e poi mai metterebbe due suoi figli l'uno contro l'altro e tanto si è addolorato quando Caino ha preso la vita di Abele. Alza lo sguardo al cielo E chi potrebbe essere lo strumento del maligno se non la matricida? si puntella con le mani sui braccioli, nell'atto di alzarsi Forse la madre, sua strenua difenditrice fino alla fine e ora cenere? Forse Padre Franco, così indulgente nei confronti della piccola e dei suoi atteggiamenti riottosi? Si alza in piedi continuando a guardare il giovane medico O forse il vostro collega, Padre Giulio, che ha prescritto la sua terapia oppure Livio, il farmacista, che ha venduto quelle erbe? Il vecchio prete arriva a fronteggiare il giovane frate, con sguardo severo e la voce nervosa Perchè cercare a forza un alibi per chi non ne ha? E' così difficile accettare che il diavolo si possa nascondere anche dietro fattezze innocenti? Avete così paura di non saperlo riconoscere senza la puzza di zolfo? Chiede con tono di sfida
  7. Alle parole del futuro inquisitore il prete sembra calmarsi. Inquieto? si, la cosa mi rende inquieto. E' un fallimento come Padre Castigatore non aver impedito un tale scempio. Spiega asciutto, sostenendo lo sguardo del Sotium Un cucchiaio in più che ha fatto egregiamente il suo effetto... Continua serio Perchè dargliene uno solo e non tre? Sorride tirato Perchè se avesse buttato nel pentolino tutto il cartoccio ora non sareste qui a postulare che si tratti solo di un tragico errore. non nasconde affatto il suo compiacimento nel vedere che il ragionamento fila Il demonio è astuto, Inquisitore, e lei lo dovrebbe ben sapere... Si volge verso il francescano e alza le spalle mentre lo ascolta Anche l'omicidio è una prova di Dio, secondo lei? a me sembra più una prova del Maligno visto che, a differenza di Abramo e Isacco, Lui non ha mandato un angelo a fermare il brutale assassinio,ma possiamo avere visioni differenti a riguardo... Conclude sornione
  8. Ah, se lo dice lei mi posso solo fidare... Ribatte il prete sarcastico alzando le mani in segno di resa. I servi intelligenti si nascondono, quelli sciocchi rimangono immobili e affascinati a contemplare l'opera del Male... D'altronde, come diceva mamma, "il diavolo fa le pentole ma non i coperchi" Si volta verso il giovane futuro inquisitore chiedendo con un sorriso falsamente cordiale Lei cosa ne pensa, inquisitore? All'ultima domanda fa una faccia scocciata e risponde col tono paternalistico di cui ripete la lezione già ripetuta più volte. Una madre sterile che improvvisamente concepisce due vite, una di queste vite si interrompe in utero, il padre muore di tubercolosi e la madre soffre di atroci emicranie... Una famiglia segnata e chiaramente maledetta da Dio...
  9. Credo si tratti di cicuta, la stessa che la signora prendeva per il mal di testa... Fa segno con indice e medio della mano sinistra a indicare il numero due Due cucchiaini, la dose che la signora prendeva abitualmente aggiunge al novero delle dita il pollice, passando a tre Tre cucchiaini, la dose che la bambina ammette di aver somministrato. Richiude il pugno A quanto pare abbastanza per uccidere ma potrei sbagliarmi. Lei che ha la sapienza medica che a me manca, che ne pensa? Giovanni Scrolla le spalle alla domanda sulle discussioni Che c'è ancora da dire? Si lamentava del comportamento irrequieto della bambina, dei suoi capricci e del non riuscire a pagare il precettore che si ostinava a pagargli nonostante l'inutilità della cosa, dato che parliamo di una bambina Sottolinea l'ultima parola, come a esprimere un concetto assurdamente ovvio Parlava addirittura di rimandarla ai suoi parenti a Stigliano, mi è stato detto da qualcuno del paese. Alza gli occhi al cielo quando si parla del criminale a piede libero Per la grazia dell'Altissimo... Avete una rea confessa con più di un potenziale movente in una famiglia chiaramente non gradita a Nostro Signore e a lui non fedele e che dava segni di disagio da mesi. Stringe i braccioli della poltrona mentre aggiunge esasperato E' così difficile accettare la realtà dei fatti, ovvero un terribile ma banale matricidio, invece di cercare a tutti i costi un colpo di scena che non c'è? Si volge quindi al pellerossa per ascoltare le sue domande e rispondere, più tranquillo Paolo ha contratto la tubercolosi nel 1949 ed è stato internato in un lazzaretto da cui non è più tornato. Non ho sue notizie di lui da 3 anni, do quindi per scontato sia morto. Espone in fretta Di lui non so più di quanto un padre castigatore possa sapere di un suo fedele: Falegname, tendente alla blasfemia, apparentemente fedele alla moglie, certamente devoto al vino e alle carte. Un uomo con le sue debolezze, un peccatore come siamo tutti noi, nè più nè meno.
  10. Lo sguardo del Castigatore corre in silenzio seguendo il suono di ognuna di quelle voci, così diverse nel suono e nell'accento eppure così concordi nelle richieste e nei concetti espressi, con aria quasi annoiata ma lasciando parlare ognuno il tempo necessario, senza interrompere. Solo quando la voce del navajo, l'ultimo a dire la sua, si spegne, egli prende la parola e a quest'ultimo risponde La verità, mio buon figlio di Dio, è ciò che tutti amiamo... ma va saputa accettare, anche se ci piace poco, anche se è brutta lo sguardo ora sfiora gli altri due presenti brutta come una bambina apparentemente innocente che uccide colei che gli ha dato la vita Si approfonda ancora più nella sua poltrona mentre, mani giunte davanti la bocca, inizia a spiegare Da cosa volete che inizi? Fissa freddo il sotium Dal principio, come ogni storia che si rispetti, con una bambina che viene al mondo in un contesto sospetto di stregoneria, da una madre che tutti dicevano sterile, uccidendo la sorellina che con lei era stata in grembo e che porta il segno della maledizione di Dio fin dalla nascita? Sposta lo sguardo sul francescano, con un accenno di sorriso Oppure potrei iniziare dalla fine, da una bambina che somministra alla mamma un veleno sapendo quanto fosse pericoloso e non nega di averlo fatto, che mente spudoratamente, affermando di averlo somministrato di sera eppure il cadavere, al mattino quando arrivai io, era ancora caldo, segno che la donna lo aveva bevuto da poco... Gli occhi infine si piantano sul navajo Altrimenti potrei seguire la moda letteraria e iniziare in medias res, accennandovi la triste storia di una ragazzina inquieta che viene allontanata da scuola e deve andare a studiare da un precettore privato, di una donna disperata che viene a lamentarsi con me delle sofferenze che la sua unica figlia le da,rimpiangendo di non essere morta assieme a suo marito e di aver messo al mondo la bambina, di una famiglia senza una figura paterna a tenere le redini che alla fine arriva a sbriciolarsi e a consumarsi nella tragedia che abbiamo visto alfine... Allarga le braccia tornando a Leo Come vedete, inquisitore, ce ne sta in abbondanza da dire su questa faccenda...
  11. Anche voi interessati alla piccola assassina? Padre Matteo scruta con fare scocciato il gruppo di persone davanti alla sua porta fermando lo sguardo sul Sotium A quanto pare gli eretici han deciso tutti di abiurare le loro impure dottrine, lasciando l'Inquisizione a girarsi i pollici in preda alla noia, se un Inquisitore decide di sprecare il suo prezioso tempo a investigare per confutare la colpevolezza di una matricida rea confessa. Commenta acido all'indirizzo di Leo, poi torna a guardare il resto della platea, sbuffa lentamente e prosegue In ogni caso, a un emissario di Santa Madre Chiesa e alla sua corte non si chiude mai la porta in faccia, dunque entrate pure... Conclude con un sorriso forzato, mentre apre un po' di più la porta di casa, facendo un passo indietro nel gesto di invitarli a entrare, per poi chiudere la porta alle spalle del gruppo e avviarsi verso il centro della stanza, un salone, occupato da un divano nero da due posti e da una poltrona marrone, entrambi provvisti di braccioli. La casa appare curata, pulita e ordinata in maniera maniacale e questo è ciò che probabilmente le da una parvenza di maggiore ricchezza rispetto alle altre case del paese, prima fra tutti l'umile e disordinata dimora di Padre Giulio. Non so se ci sarà posto per tutti... Annuncia il prete indicando con un gesto distratto della mano il divano e procedendo verso la poltrona marrone, dove si lascia cadere stancamente Se foste arrivati prima, durante la mia conversazione con la signora, avrei ripetuto la stessa storia una volta sola... Commenta fissando serio i suoi ospiti, le gambe accavallate, il gomito sinistro che puntella il bracciolo, alla fine del quale sta la mano che sorregge la testa, avvolgendone la parte inferiore con le dita affusolate prima di concludere in tono lento Comunque, chiedete pure. Scioglierò ogni vostro dubbio...
  12. Giovanni arriva giusto in tempo per cogliere la presentazione del Navajo alla poliziotta e per vedere un prete in abito talare, probabilmente il Castigatore che cercava, dal naso adunco e dai capelli neri che iniziano a ingrigirsi, come in chi ha appena superato il mezzo secolo. Giovanni Il religioso,che stava scrutando scocciato le tre figure che si scambiavano i convenevoli sulla porta di casa sua, ora punta lo sguardo severo color nocciola sulla figura appena arrivata del francescano, come a studiarlo attentamente per qualche lungo secondo, per poi commentare in tono neutro Se volete continuare a fare salotto davanti casa mia vi lascio volentieri liberi di farlo, non mi disturbate Annuncia con voce melliflua e un sorriso tirato Quanto a me, dato che mi sembra di capire che la mia presenza sia superflua, toglierei il disturbo... Sempre se nessuno ha qualcosa in contrario... Conclude scrutando in volto ognuna delle quattro figure che affollano il suo pianerottolo, alla ricerca di un tacito assenso da parte di tutti, la mano gia' pronta sulla maniglia e ansiosa di chiudere la porta e con essa i quattro forestieri.
  13. Casa del Castigatore (Wakanda, Acidia, Leo) Giovanni
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.