Vai al contenuto

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Sondaggio di Settembre - Eladrin e Gith

La WotC ha appena rilasciato un nuovo Sondaggio, nel quale ci viene richiesto di dare la nostra opinione sull'ultimo Arcani Rivelati, dedicato alle razze Eladrin e Gith.
Se non avete ancora letto l'Arcani Rivelati, potete trovarlo al seguente link.
Qui di seguito, invece, troverete il collegamento al nuovo sondaggio:
sondaggio: eladrin e gith  
Leggi tutto...

E' uscito Tomb of Annihilation

Da oggi, 19 Settembre 2017, è ufficialmente uscita in tutti i negozi la nuova Storyline di D&D, Tomb of Annihilation. Ambientata nella misteriosa e selvaggia penisola di Chult, abitata da donasauri e da altre straordinarie creature, quest'avventura metterà i PG a confronto con una terribile maledizione, capace di far tornare in vita i morti.  Maggiori informazioni su Tomb of Annihilation le potrete trovare nell'articolo che abbiamo scritto il Giugno scorso.
Livelli: Avventura per livelli 1-11.
Prezzo: $49.95.
 
Leggi tutto...

Adesso su Kickstarter #7: Shadow of the Demon Lord, Edizione Italiana

Shadow of the Demon Lord è un gioco di ruolo dark fantasy creato nel 2015 da Robert J. Schwalb. La Wyrd Edizioni ha appena lanciato una campagna Kickstarter per finanziare la creazione di un Boxed Set in italiano.
Shadow of the Demon Lord ha riscosso un notevole successo internazionale. Il gioco è ambientato in un mondo fantasy giunto ai suoi ultimi giorni. Gli eventi che stanno facendo precipitare il mondo verso l’apocalisse sono causati dal Signore dei Demoni (il "Demon Lord" del titolo) - un essere semidivino che attraverso la sua influenza sta corrompendo il mondo. Il tempo e lo spazio si stanno sgretolando, disastri e calamità minacciano la civiltà, e demoni e mostri infestano la terra. Le influenze di Warhammer sono evidenti nelle tinte decisamente fosche dell’ambientazione: si sconfina spesso nell’horror (pensate al Book of Vile Darkness per D&D 3.0), e il gioco tocca anche temi “per adulti”.
A livello di meccaniche, SotDL è un gioco di impostazione tradizionale, non molto innovativo e non eccessivamente complesso in termini di regole: uno degli obiettivi di Schwalb era quello di creare un gioco facile da imparare. La meccanica di base è piuttosto semplice e familiare: tiro di 1d20 a cui si aggiunge un modificatore, cercando di superare un numero target. La presenza di fattori vantaggiosi e svantaggiosi viene espressa da banes e boons, una meccanica che ricorda per certi versi il Vantaggio/Svantaggio di D&D 5e in quanto a eleganza e versatilità. In pratica, per ogni circostanza che impone uno svantaggio si tira 1d6; il singolo risultato più alto si sottrae al tiro del d20. Allo stesso modo, ogni circostanza che impone un vantaggio porta al tiro di 1d6 extra; il singolo risultato più alto tra tutti i d6 tirati si somma al tiro del d20.
Il gioco offre numerose possibilità per quanto riguarda la creazione del personaggio. I personaggi appartengono a una delle diverse razze disponibili (stirpi): umani, nani, goblin, orchi, changeling e una razza di esseri meccanici (clockwork). Ogni razza ha un ampio set di tabelle contenenti spunti per il background, la personalità o l’aspetto del personaggio.
I personaggi iniziano al livello 0, con una “professione” che non fornisce bonus meccanici; se sopravvivono e raggiungono il livello 1, si guadagnano l’accesso ad uno dei “novice paths”, paragonabili alle quattro classi canoniche di D&D (Warrior, Rogue, Magician, Priest). Salendo di livello, i personaggi ottengono l’accesso ad altri paths (expert e master) che conferiscono diversi set di poteri o specializzazioni. Nel complesso, le opzioni per la creazione dei personaggi sono davvero molte.
Il combattimento si svolge a turni; nel complesso è simile a D&D, ma con alcune interessanti variazioni - per esempio, i personaggi possono scegliere tra giocare un “turno veloce” o un “turno lento. I primi permettono ai personaggi di agire rapidamente, potendo però effettuare solo una azione oppure un movimento, ma non entrambi; i turni lenti permettono ai personaggi di agire e muoversi, ma al costo di agire dopo i personaggi che hanno scelto un turno veloce.
Ulteriori informazioni sul sistema di gioco si trovano qui.
Mr Schwalb è ben noto nel mondo dei giochi di ruolo. Ha lavorato a lungo con la Green Ronin, partecipando alla scrittura di diversi prodotti per il d20 system; è stato uno degli autori di Warhammer Fantasy Roleplay, e il principale designer per A Song of Ice and Fire Roleplaying Game. Ha inoltre alle spalle una collaborazione di lunga data con la Wizards of the Coast, nel corso della quale ha partecipato alla scrittura di diversi manuali per la terza edizione di D&D. Più recentemente, ha fatto parte del design team che ha dato alla luce D&D 5e.
La Wyrd Edizioni è invece una casa editrice italiana nata nel 2003, che ha curato la traduzione italiana di giochi di ruolo piuttosto noti a livello internazionale (Numenera, The Strange, Mouse Guard, 13th Age, Dragonero GdR) - è molto nota per i Boxed Set di ottima qualità e ricchi di materiali di gioco.
Il Kickstarter ha un target di €4,000. L'edizione italiana di SotDL verrà comunque pubblicata, indipendentemente dall'esito del Kickstarter - l’obiettivo della campagna è quello di finanziare la creazione di un Boxed Set, che verrà creato in 3 versioni, due delle quali saranno edizioni limitate e non disponibili dopo la conclusione del Kickstarter, contenenti materiale aggiuntivo. Il pledge minimo per l’edizione Base è di €50 (il prezzo per il pubblico sarà probabilmente 59,99), che dovrebbe essere disponibile già a Novembre, in occasione del Lucca Comics. Con questo pledge ci si aggiudica il Boxed Set oltre che i PDF di tutti i manuali. Per le edizioni limitate, che partono dai 90 euro, la consegna è stimata per Dicembre.
Link:
La campagna Kickstarter
Schwalb Entertainment
Wyrd Edizioni

 
Leggi tutto...
Accedi per seguirlo  
  • inserzioni
    8
  • commenti
    104
  • visualizzati
    308

Partenza

Accedi per seguirlo  
BomberDede

300 visualizzazioni

Salve a tutti.

Volevo condividere con voi una cosuccia.

Quest'estate ho preso la cosiddetta "Partenza"(chi è Scout può capire).

In poche parole è il momento in cui una persona prende delle scelte sul suo stile di vita futuro.

Sostanzialmente le scelte della partenza sono: Servizio, Fede, Scelta Politica.

Durante la cerimonia della Partenza uno Scout rende partecipi le altre persone delle scelte che ha fatto e della sua volontà di testimoniarle nella propria vita.

Tutto ciò è condito da un cerimonia con lettura di brani e canti.

Vi voglio linkare quindi il libretto vero e proprio in pdf(e' molto grosso) e un piccolo file word con un copia e incolla dei brani e dei canti che ho scelto e che, secondo me, rispecchiano quello che io personalmente ho scelto per la mia vita.

Spero alcuni di essi vi facciano riflettere e vi faccia piacere leggerli

PDF: http://www.megaupload.com/?d=KGXMTCH8

Doc: http://www.megaupload.com/?d=SYNNVIPG

Ciao a tutti e buona lettura

Dede

Accedi per seguirlo  


10 Commenti


Commento consigliato

Spiegami: Se uno fa parte dell'agesci, fede e scelta politica, non credi che siano "automatiche" o vogliamo far credere (sono stato scout nell'agesci, parlo con cognizione di causa) che se alla partenza lo scout si dichiara ateo e comunista ( e magari fa outing e si dichiara gay)....va bene lo stesso? ;-)

Sinceramente, ti sei mai posto la domanda?

Condividi questo commento


Link al commento

@ Merin: mi devo essere spiegato male. Certo che sono automatiche. Però dopo il tuo cammino scout scegli se a te quelle scelte vanno bene o no. Se non ti van bene prendi quelloc he si chiama "Saluto" e non farai più parte dell'agesci. Quelle 3 sono le scelte obbligate, poi ognuno aggiunge quelle che preferisce.

Anche se il fatto del comunismo non condivido appieno. Non me ne intendo molto maun comunismo un pò smorzato non ce lo vedo male nello scoutismo

@ Aerys: ebbene si, è un libretto a colori pieno zeppo di foto :lol:

Condividi questo commento


Link al commento

Io non vedo con particolare stupore il rito cui ha partecipato Bomber: dal mio punto di vista a un clan non si aderisce solo per volontà, occorre dedizione e "aderenza" alla causa. Aggregazione sì, ma tra aggregabili. ;-)

Condividi questo commento


Link al commento

Uhm, poco convinto.

Non è un rito di iniziazione alla "causa" scout.

Si tratta di un passaggio che, dopo determinate esperienze passate e condivise con un gruppo di persone (che suppongo alla lunga vengano considerate amiche) ti obbliga a scegliere se continuare a restare all'interno del gruppo o "salutare" e autotagliarti fuori.

Ovviamente IMHO.

Condividi questo commento


Link al commento

concordo con piri. Io ho dovuto lasciare gli scout agesci poiché seppur condividendo gli scopi dell'associazione e nella pratica agissi con il supporto e l'aiuto di tutti, nel momento in cui una persona a caso (il prete) comunicò che non andavo a messa e che ero sostanzialmente ateo, fui costretto a mollare. La tolleranza cristiana è applicata più dagli atei che dai cattolici...continuerò a sostenerlo senza timore di smentita. Poi ci si lamenta che uno diventi anticattolico :banghead:

Condividi questo commento


Link al commento

Beh, ma si sa che gli scout sono "amici del prete" (passatemi la semplificazione), non vedo perché andare vivere delle esperienze con loro se non se ne condivide l'ideologia. :think:

Io non sono mai stato "amico del prete" (passatemi sempre la semplificazione, su), non sono mai stato Scout né mai ci ho pensato perché la cosa non fa per me e perché non condivido le loro ideologie. Penso che se uno come me fosse stato "costretto" a fare lo Scout non sarebbe semplicemente arrivato al momento della Partenza (che arriva, mi pare di capire, dopo l'età per cui si può dire "Basta mamma, non ce la faccio più, mi sono rotto i co*lioni" da persone mature), perché si suppone che prima della convenzione sociale arrivi il buonsenso: mi rompo lo stracacchio ogni volta che si va a Messa? Smetterò di andarci, non aspetterò il momento in cui arriva Don Pedro a chiedermi "Soldato Joker, tu vuoi bene alla Vergine Maria?" per farlo. Come dice tra le righe Merino il Sagace, non serve professarsi cristiani per agire con compassione "cristiana", così come (aggiungo io) non serve essere Scout per piantare una tenda, stantuffare una giovincella e suonare la chitarra acustica dopo aver cancellato delle pitture rupestri credendo fossero opera di una banda di vandali, nonché per tutte le altre attività Scout. Se per essere formalmente Scout occorre professarsi X Y Z, vorrà dire che chi non è X Y Z non potrà esserlo. Altrimenti saremmo tutti Scout: portasse solo vantaggi e divertimento che attività formativa sarebbe? Una qualche forma di impegno/sacrificio/costanza ci dev'essere, credo.

Condividi questo commento


Link al commento

Piri il punto è questo:

per essere scout non c'è bisogno di essere cattolici etc etc

per esser scout AGESCI si. Si chiama Associazione Guide e Scout CATTOLICI Italiani mica per nulla.

Se uno condivide i valori dello scoutismo ma non la fede cristiana va al CNGEI che è identico con tolta la parte delal cristianità e sostituita con una sulla spiritualità più generica (semplifico molto, non me ne vgliate male).

Io penso che il puntosia questo: nel momento in cui uno prende la partenza fa queste scelte e decide se diventare un Capo scout.

Per diventare un capo scout Agesci è obbligatorio penso che ti si chieda di essere cristiano, di rispettare certi valori, di non avere eccessi in certi campi e anche, perchè no, avere un certo orientamento sessuale.

Questo non perchè vogliamo discriminare, anzi.

Però è giusto che un genitore che manda il proprio pargolo di 8 anni in un associazione cattolica sia sicuro che rispetti certi parametri.

Magari se no lomanderebbe da un altra parte no?

Mi pare giusto che si obblighi la gente a fare una scelta X Y Z perchè l'associazione fa una proposta ai genitori XYZ. Se tu non sei d'accordo non c'è niente di male, puoi fare mille altre cose belle uguali, ma non in un associazione cattolica. Tutto qui.

Poi vorrei sottolineare una cosa importante: nel momento in cui prendi la partenza non sei più un "educato" ma diventi un "educatore". Finchè sei un ragazzo puoi fare le scelte che vuoi (ti parloc ome capo), io sarò sempre lì a consigliarti etc e non ti manderò mai via perchè sei omosessuale, mussulmano o drogato. Solo che nel momento in cui vuoi diventare capo ed educatore di un associazione cattolica ti chiedo di rispettare certi valori.

Vi linko il patto associativo dell'agesci, è un documento a cui tutti i capi scout si rifanno e che prendono come esempio.

Dovrebbe aiutarti a capire meglio cos aintendo: www.fvgagesci.it/DOWNLOAD/Patto_Associativo_Agesci.pdf

Modifico una cosa per Merin: non so a che età sei stato costretto ad andartene sinceramente però non condivido quello che ha fatto il prete.

Penso che tu da persona adulta e matura nel momento della partenza avresti capito da solo che una scelta cattolica non rispecchiava la tua scelta di vita no? e penso che a quel punto avresti tu stesso scelto di non fare il capo agesci?.

Io sono profondamente contrario a mandare via la gente, diciamo che bisogna dialogarci e far capire quali sono i valori richiesti ad un capo scout. Poi sta alla maturità del singolo capiro che se non si condividono allora forse è meglio prendere un altra strada

Condividi questo commento


Link al commento

A parte un paio di apostrofi saltati (lo so, è più forte di me), intendevo più o meno quello che ha esposto Bomber (sebbene da profano dell'argomento).

Evidentemente sono il miglior commentatore del Blog di Bomber Dede degli ultimi centocinquanta anni.

Condividi questo commento


Link al commento

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account e registrati nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

×