Jump to content

Hokuto

Ordine del Drago
  • Content Count

    64
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

6 Coboldo

About Hokuto

  • Rank
    Prescelto
  • Birthday 01/01/1985

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Dr Joran Delmen "Aaargh!" mi lascio sfuggire una sonora imprecazione quando vengo raggiunto da diversi colpi esplosi dai nostri avversari. "Il signor Fourteen ha ragione" mugugno rivolto a Nova, "se non ci troviamo dei nuovi ripari rimarremo troppo esposti!". A quel punto, vista la gravità dei colpi subiti, la vocazione medica ha la meglio: somministro rapidamente a Nova l'ultimo siero di guarigione di media potenza rimanente, prima di lanciarmi verso il mucchio di detriti al centro della stanza, tuffandomi per cercare riparo. @master:
  2. Dr Joran Delmen Osservo la situazione, mentre Fourteen avanza rapidamente. "Signor Ratatoshk, signorina Pinkstarr, credo che sia opportuno coprire il signor Fourteen mentre fa quel che deve" dico, avanzando verso il riparo costituito dai barili sulla sinistra della stanza.
  3. Dr Joran Delmen "Non sono certo un professionista dell'infiltrazione, ma credo di poter fare un tentativo" rispondo a Fourteen, osservando le figure di quelli che un tempo erano tecnici della nave. "Naturalmente stiamo pronti a tutto, non si può mai sapere. Usiamo tutto ciò che può facilitarci, come ad esempio un oggetto lanciato nella direzione opposta per provocare un rumore che li attiri".
  4. Dr Joran Delmen Dopo aver fatto un gesto con la mano ai miei compagni per fugare le loro preoccupazioni circa le mie condizioni, rifletto velocemente sull'ultimo scambio di opinioni tra Fourteen e Sobek: "a onor del vero non ho alcuna competenza nell'ambito tecnologico, la mia preferenza per una stanza rispetto ad un'altra sarebbe un semplice tirare ad indovinare. E tirare ad indovinare non aiuta mai" dico, finendo di sistemare come meglio posso il modo in cui l'armatura mi calza dopo la raffica. "Mi fido della perizia tecnica del signor Fourteen".
  5. Dr Joran Delmen Barcollo fino ad appoggiarmi contro una parete, stringendo i denti per sopportare il dolore mentre ansiosamente recupero il siero curativo dalla borsa per usarlo il più rapidamente possibile. Mentre la sensazione di benessere della cura si diffonde nel mio corpo, mi lascio scivolare a terra con un sospiro: "ora va molto meglio" dico, rispondendo a Fourteen. "Datemi giusto qualche secondo per recuperare, e poi possiamo dirigerci verso l'area di raffreddamento". @master:
  6. Dr Joran Delmen "In tutta onestà, non esito a definire il piano un rischio incosciente e suicida... ma temo che al momento non abbiamo altre opzioni, o tantomeno il tempo per escogitarle". Inizio a frugare nel mio equipaggiamento medico, estraendone alcune fiale con le quali comincio ad armeggiare - agitandone alcune, riscaldandone altre; con una delle fialette tenuta tra le labbra a causa delle mani occupate, spiego biascicando: "naturalmente sarei un medico alquanto discutibile se permettessi a qualcun altro di accollarsi un rischio, se esiste una possibilità di scelta. E poi il mio organismo ha avuto anni di pratica per integrarsi bene con gli effetti dei miei... cocktail". Completata la preparazione della mistura, una fialetta dalla cupa tonalità arancione, la mostro agli altri prima di caricarla nella mia pistola a iniezione - pistola che poi punto contro la mia coscia destra: "questo siero combina l'effetto di irrobustimento da voi già conosciuto, con un potenziatore adrenalinico che mi permetterà per breve tempo di muovermi molto, molto velocemente... anche se l'effetto dura una manciata di secondi, per non creare danni permanenti alla muscolatura". Faccio un respiro profondo per dissimulare il nervosismo. Anni ed anni di studio della medicina e della chirurgia mi hanno portato a... correre davanti ad un plotone di esecuzione automatizzato. Chissà cosa direbbe il rettore dell'Università Biomedica. "Quando siete pronti, datemi il segnale". @dm:
  7. Dr Joran Delmen "Dannazione" mormoro alla vista dello scempio in sala macchine... tutti quei corpi ammassati non lasciano indifferente neppure me. "Se non è possibile disabilitare quelle torrette in remoto" dico rivolto agli altri "credo che l'opzione migliore sia abbatterle dalla distanza di sicurezza; è vero che comporterà un dispendio di tempo e munizioni, ma le nostre scorte mediche sono già esigue abbastanza senza che la signorina Pinkstarr tenti di sedurre delle armi automatizzate". Poi rifletto un secondo, prima di proseguire: "se però qualcuno preferisce fare l'eroe, ho ancora un pò del mio siero per irrobustirlo un minimo".
  8. Dr Joran Delmen Rimango qualche istante in silenzio. "I corridoi tecnici di una nave non sono certo un luogo in cui fare passeggiate tranquille, e questo anche senza una folla di scalmanati intenzionati a massacrarci" dico mentre mi tolgo per un momento gli occhiali e mi massaggio il setto nasale con due dita... un gesto che solitamente impiego per distendermi per un secondo i nervi, ma che stavolta può fare ben poco. Rivolgo quindi la mia attenzione a Fourteen, Nova e Sebek: "per quanto il pericolo sia notevole, la mia proposta è di prepararci al meglio delle possibilità attuali e proseguire verso il cuore della nave, per... 'staccare la spina' alla IA, come detto dal signor Fourteen". Li guardo poi uno per volta negli occhi: "non vi nascondo che il mio interesse nel fronteggiare questa IA è anche prevalentemente personale, in quanto è mia intenzione capire quale sia il nesso con l'ambasciatore di Apostae che ho incontrato in precedenza. Sono sicuro che anche voi vedete la generale utilità di affrontare questa folle IA, ma sapendo che il mio punto di vista potrebbe non essere obiettivo, mi rimetto alla decisione del gruppo". Detto questo mi guardo un attimo attorno e, indicando le credenziali di accesso ora in mano a Fourteen, sentenzio: "sicuramente, qualsiasi cosa optiamo per fare, direi di rifornirci di quante più scorte riusciamo a trasportare".
  9. Dr Joran Delmen "Il rappresentante di Apostae presso i mondi del Patto..." ripeto lentamente, come per assimilare la nozione. "Signor Fourteen" dico all'androide, "appena ne ha occasione sarebbe così gentile da collegarsi alla rete e fare per me una ricerca su chi questo drow sia? Nome, carriera e quant'altro? D'altronde se si tratta di una figura politica dovrebbero esserci un bel pò di informazioni disponibili, sebbene sicuramente appesantite da menzogne ed influenze mediatiche". Guardo il gruppo, meditando un momento su quanto sia opportuno svelare riguardo al passato, prima di limitarmi ad un laconico "lo chiedo perchè io ho già incontrato quel drow di persona, in precedenza... e come dice giustamente anche la signorina Pinkstarr, siamo ben oltre le semplici coincidenze".
  10. Dr Joran Delmen "Ascoltiamo quello che questo Bjorn può aggiungere al quadro generale, non disponiamo ancora di informazioni sufficienti ad avere del tutto chiaro quello che sta accadendo. L'importante è non farsi suggestionare dalle circostanze, o rischiamo di essere indotti a conclusioni errate. Adesso però, se volete scusarmi, c'è qualcosa che devo appurare a livello personale". Mi rivolgo sia al densogramma della drow che alla lashunta e all'ufficiale medico, parlando con tono abbastanza 'cauto': "c'è qualcosa che vorrei chiedervi al di fuori dell'intera questione di 'Cunicoli e Coboldi'. La IA di questa nave... il suo aspetto, per essere precisi: è modellato su qualcuno in particolare? Chi ha assegnato alla IA questo aspetto al momento della programmazione?" domando mentre nella mente mi si affacciano mille pensieri ed ipotesi. Forse mi sbaglio... o forse no.
  11. Dr Joran Delmen Rimango in silenzio mentre ascolto lo scambio tra la drow e Fourteen. "L'esistenza della Grande Opera in sé non mi stupisce" dico ai miei compagni, "nei laboratori dei mondi del Patto c'è abbondanza di progetti per la realizzazione di soldati potenziati di ogni tipo, durante i miei anni nell'esercito ho avuto modo di imbattermi in molti dati classificati che non esiterei a definire... torbidi. La vera domanda che mi pongo è un'altra" dico, spostando lo sguardo verso il densogramma: "sappiamo che lei si è ispirata a quello che ha appreso di noi tramite l'Oracolo per creare i personaggi del suo gioco... ma perchè mai l'Oracolo le ha mostrato proprio noi? Quello che intendo dire più precisamente è: il suo tutore stava usando l'Oracolo per indagare su di noi? E perchè? Mi sembrerebbe una incredibile coincidenza se, a caso tra centinaia di miliardi di esseri in tutta la galassia, fossimo stati sorteggiati proprio noi".
  12. Dr Joran Delmen Col tono di voce più amichevole possibile nonostante il protrarsi della bizzarra situazione, mi rivolgo al densogramma: "La sua offerta è molto gentile, ma più che crediti siamo in cerca di risposte. Come adesso le andremo a spiegare, si è creata una sorta di spiacevole... sovrapposizione tra la persona dei miei compagni, ed i personaggi interpretati dalla signorina Narsha e dagli altri giocatori di 'Cunicoli e Coboldi'... personaggi da lei creati ed assegnati, se non ho capito male". Faccio scorrere rapidamente uno sguardo tra i miei compagni, che ho volutamente evitato di presentare, cercando conferma di quanto detto. Poi mi rivolgo di nuovo al densogramma: "Credo che qualche spiegazione sia d'uopo".
  13. Dr Joran Delmen Annuisco lentamente, soppesando gli eventi. In questo momento la flemma di Fourteen è una vera e propria benedizione. "Sono sicuro che avremo presto una spiegazione soddisfacente su quanto sta accadendo qui" ribadisco a mia volta per mantenere la situazione in questa fase di relativa calma.
  14. Dr Joran Delmen Il mio sguardo si sposta tra Nova e Sobek: "Vedete di darvi una calmata, tutti quanti. Cercate di mantenere un minimo di contegno, lasciarsi andare al momento non serve a niente" dico con tono gelido. A quel punto mi rivolgo alla giovane Lashunta indicando l'anello con il quale armeggia. "Signorina, comprenderà facilmente che i miei compagni sono comprensibilmente confusi e allarmati da ciò che ci racconta. Sarebbe innanzitutto così gentile da astenersi, almeno per il momento, dall'attivare sistemi od equipaggiamenti misteriosi che per quanto ne sappiamo potrebbero celare una qualche minaccia?". A quel punto traggo un profondo respiro prima di continuare: "mi pare evidente che ci troviamo di fronte ad un qualche caso di identità sovrapposte. Analizziamo la situazione con calma, e sono sicuro che la verità emergerà. Sarebbe così gentile, signorina, da iniziare la sua spiegazione con calma e dal principio? Cos'è 'Cunicoli e Coboldi', chi sono i personaggi di cui parla, chi ve li ha assegnati e perchè? Tutto, con calma, dall'inizio" dico con un tono tagliente che - almeno nelle mie intenzioni - non ammette repliche. @master:
  15. Dr Joran Delmen Osservo lo svolgersi della scena di fronte a me. "Signor Fourteen" dico brevemente all'androide, "esistono diversi precedenti, in medicina, di pazienti che contraggono disordini mentali o persino condizioni fisiche in seguito alla connessione con strumentazioni neurali afflitte da virus informatici. Secondo lei può essere accaduto questo, sulla Covenant?". Poi, mentre il siparietto con la giovane Lashunta si svolge, eseguo un breve check-up a distanza tramite la mia apparecchiatura sulla ragazzina: niente di estensivo, d'altronde i sistemi del tubo di stasi avrebbero già segnalato eventuali anomalie. "Dottor Du Bries, non sia severo col signor Ratatoshk: per quanto i suoi modi le possano sembrare sgarbati sono sicuro che il suo unico intento è quello di garantire la sicurezza della nostra spedizione, e anche se lei non può saperlo i pericoli incontrati finora sono sempre stati abbastanza imprevedibili" dico, mentre comunque faccio un cenno verso il massiccio Vesk come a dire 'non credo ci sia pericolo'. Lascio che Fourteen conduca la conversazione con Narsha. Notevole Dr Delmen, ora hai la definitiva conferma che persino un androide si relaziona con le persone meglio di te. Forse avresti dovuto prenderla, quella licenza di abilitazione in Psicologia Relazionale di Base.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.