Vai al contenuto

Shaward

Utenti
  • Conteggio contenuto

    4
  • Registrato

  • Ultima attività

Informazioni su Shaward

  • Rango
    Novizio
  • Compleanno 29 Ottobre

Informazioni Profilo

  • Sesso
    Non rispondo
  • Località
    Milano
  1. L'utilizzo dell'incantesimo in modo preferenziale rispetto al Raggio Rovente ( che è comunque presente nella lista di incantesimi grazie agli incantesimi di stirpe) sarebbe quasi esclusivamente per motivi di Role Play, tuttavia mi vedrò costretto a ripiegare esclusivamente su Sguardo Bruciante per divertirmi un po' a dar fuoco alle cose... :'(
  2. E anche questo è vero >.<' Dannato incantesimo, più ci rifletto più lo detesto e meno lo capisco T.T
  3. Mmmmh per spegnere le fiamme ha senso che sia destrezza, in realtà, in quanto la regola generale per un bersaglio che ha preso fuoco è: " Se i vestiti o i capelli di un personaggio prendono fuoco, egli subisce immediatamente 1d6 danni. Per ogni round successivo il personaggio in fiamme deve effettuare un altro Tiro Salvezza su Riflessi. Il fallimento indica che subisce altri 1d6 danni in quel round. Il successo indica che il fuoco si è estinto (ovvero, una volta che supera il Tiro Salvezza, non sta più andando a fuoco)"
  4. Buongiorno. Inauguro la mia registrazione sul forum con una meravigliosa domanda riguardante la regolamentazione di questa spell abbastanza particolare. L'incantesimo da Mago/Stregone di 2° livello, tratto dal manuale "Ultimate Combat" recita "Puntando il dito su una creatura, questa Prende Fuoco spontaneamente. Il bersaglio subisce 3d6 danni da fuoco e Prende Fuoco. Un Tiro Salvezza su Tempra riuscito dimezza il danno ed evita di Prendere Fuoco. Ogni round al turno dell'incantatore, un bersaglio incendiato può tentare un Tiro Salvezza su Riflessi per estinguere le fiamme (CD pari a quella dell'incantesimo); altrimenti subisce altri 1d6 danni da fuoco." e la traduzione risulta coerente sia in Inglese sia in Italiano. Che non è nulla di particolarmente peculiare o complicato. Tuttavia nel setting della nostra campagna ci imbattiamo costantemente in non morti (capita mai eh ) e i "Tratti dei non morti" recitano "I non morti sono immuni a malattie, effetti di morte, effetti di influenza mentale (charme, compulsioni, finzioni, trame ed effetti di morale), paralisi, veleno, sonno, stordimento e qualsiasi effetto che richieda un Tiro Salvezza sulla Tempra (a meno che l’effetto si applichi anche agli oggetti o non sia innocuo)" Il tiro salvezza di Immolazione spontanea, tuttavia, non prevede la possibilità che venga affrontato da un oggetto, visto che in ogni altra situazione è esplicitamente dichiarato (come, per esempio nell' incantesimo Sguardo Bruciante che recita " Gli occhi ardono come carboni roventi, consentendo di incendiare oggetti o avversari con uno sguardo." ) Questo significa che i Non Morti considerano il TS su tempra di Immolazione Spontanea come sempre superato? La cosa renderebbe la mia Ifrit stregone MOLTO triste :/
  5. Buongiorno! Sono Stefano, di 25 anni. Gioco a D&D e Pathfinder da parecchio tempo, come a ogni genere di videogame mai rilasciato sul mercato Spero andremo d'accordo a lungo ^^
×
×
  • Crea nuovo...

Informazioni Importanti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Ulteriori Informazioni.