Jump to content

AlexITA81

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    1.3k
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

7 Coboldo

About AlexITA81

  • Rank
    Campione
  • Birthday 02/09/1981

Profile Information

  • GdR preferiti
    D&D, exalted, star wars d6

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Mara sente il *CRAAACK!* del legno che va in frantumi e quando vede la testa del mostro e poche braccia a stento resiste alla tentazione di fuggire gettandosi in acqua. Vimak invece rimane stoico, osserva il mostro negli occhi, forse vuole carpirne le motivazioni. Non mangi umani. Perché attacchi? Ti piace restare nella tenebra. Tenebra. Allora il goliath ha un'idea e si china poggiando il palmo della mano sul fondo di legno di "Ariete Corpulento" mentre con l'altra stringe l'amuleto che ha al collo. Voi non spaventare, darò luce a tutta la barca. La voce di Vimak esplode in un tuono rec
  2. Vimak smette di remare e solleva il remo dall'acqua quando tutto tace. Niente. Si guarda attorno e scruta nella notte. Silenzio. Anche Mara fa lo stesso, solo che si rivolge stizzita a Malik. Taci! Fai silenzio! La spadaccina resta ancora diverso tempo in attesa del peggio. In attesa del mostro. Decisamente non voglio sentire quanto è fredda l'acqua. Ma non accade altro. Allora alza la voce per farsi sentire anche da Jil e Darrox sulla "Capra a punta". Ci attacca e se ne va. Una minaccia? Come a dirci "so che siete qui, andatevene" ... oppure è solo curioso? Intelligente e curioso.
  3. Mara sgrana gli occhi allibita. Dannato mostro, ci ha trovati in fretta! Per gli Dei è sotto di noi, reggetevi alla barca! La spadaccina quindi si aggrappa con tutte le forze al bordo della barca aspettandosi l'onda in arrivo. Finire in queste acque gelate sarebbe un modo triste di finire la propria esistenza. Devo sopravvivere a ogni costo. Vimak afferra saldamente il remo e sfrutta la propria forza per far ruotare la barca di modo da prendere l'onda con la prua e non rovesciarsi. Malik lo vedi? Se si allontana dobbiamo seguirlo.
  4. Vimak volta lo sguardo verso Malik. Nessuna finzione, non sarebbe onorevole. La mia gente è abituata al freddo, io potrei nuotare nel mare gelato senza sentirlo. Vuoi fare una gara contro di me e verificarlo di persona? Mara da una pacca sul braccio di Vimak mentre gli indica di portare l'Ariete Corpulento in acqua. Dai testadura, non c'è tempo per le tue onorevoli sfide ora. Abbiamo del lavoro da fare. La spadaccina allora si rivolge all'esperta guida. Ascolta Malik, non è di certo sicuro quello che stiamo per fare. Ma vogliamo capirci qualcosa e per farlo, dobbiamo andare là. Questo sig
  5. L'aurora è qualcosa di stupendo, meraviglioso. Mara la osserva con gli occhi di una ragazzina. Vimak invece la osserva pensieroso. Un altro segno di Auril. Cosa vuoi comunicarci, Signora dell'Inverno? Il goliath trascina senza sforzo "Ariete corpulento" sul ghiaccio fino a fermarsi quando Malik spiega la zona. Vimak viaggia ancora poco vestito, con in più solo un mantello di pelliccia sulle spalle, una grossa borsa di cuoio al fianco, ed un bastone legato dietro la schiena possente. Mara cammina a pochi passi da Vimak. Per il viaggio indossa una cotta di maglia tirata a lucido sopra
  6. Mara si alza in piedi di scatto. Ottimo! Attrezzati bene Jil perché là fuori è più freddo di quanto pensi. La spadaccina quindi, con molta baldanza, si allontana verso le scale che portano alle stanze. Vimak resta in attesa per diverso tempo che il nano lanci una sfida. Ma non accade. Forse è un soldato, un guerriero ed ama solamente il conflitto? Lottare con il mostro potrebbe fargli bene. Anche il goliath allora si alza per andare alla propria stanza e raccogliere gli oggetti personali. Consiglio di portare torce, corde, provviste e giacigli per la notte. Quindi si accommiata segue
  7. Vimak ascolta interessato la descrizione di Jil in assoluto silenzio, poi posa gli occhi bianchi su Darrox. Scontro? Duello. No. Io non guerriero di clan Thunulakati. Io non amo battaglia, ma posso accettare sfida. Di abilità, di forza, di lotta, di resistenza, di corsa, di caccia o di sopravvivenza. Magari il tuo popolo ha sfide interessanti da proporre, sconosciute alla mia gente. Mara osserva Darrox e Vimax e lo sguardo intenso che si scambiano. Uomini. Sospira, quindi si piega sul tavolo per mettersi tra i due. Ehi voi due, se avete tante energie da sprecare, Jil ci ha dato delle otti
  8. La porta della locanda si spalanca di colpo e Mara vola letteralmente all'interno rotolando infine sulla schiena. La segue Vimak che chiude la porta per evitare che la neve entri. Il goliath si ferma sopra la spadaccina torreggiando in tutta la sua altezza. Arrendi? La voce è come un tuono. Mara ha il fiato corto, fa per rialzarsi, ma la testa le crolla sul pavimento di legno. Sì, dannato goliath. Vimak allora porge la mano per aiutarla a rialzarsi ma Mara la allontana colpendola col dorso. Faccio da sola. Lentamente la spadaccina si rimette in piedi e si guarda attorno. Quando vede Darro
  9. Le idee restano nell'aria diverso tempo mentre Mara e Vimak si rilassano al tavolo ed al tepore assieme ai due nuovi compagni. Sarà una nuova avventura questa? Forse la prima dopo una vita vissuta nell'ombra. La spadaccina, incapace di stare troppo ferma, d'un tratto si alza e si stira le braccia allungandole verso l'alto. Io allora faccio un giro, faccio un pò di domande ai pescatori, roba così. Voglio capire se dietro questo mostro c'è qualcosa che non ci dicono, qualche leggenda forse o magari un torto di vecchia data. Vimak si alza subito dopo salutando Darrox e Jil con un sempli
  10. Vimak grugnisce qualcosa annuendo all'affermazione del nano. In effetti sembra saperne. Mara si sistema meglio sullo sgabello e si piega verso Jil con un sorriso. In mare? Oh si, quando ero piccola mia madre mi accompagnava sulle rive di Neverwinter. Molto tempo fa. Neverwinter, il nome mi suona così lontano ora. Quanti anni sono passati? La spadaccina allora si rimette dritta, portando le mani dietro la nuca e rilassandosi. Vorresti attirare quella cosa in un posto a noi vantaggio eh? L'idea mi piace, dovremmo però esplorare tutto il lago per trovarlo. Mi domando solo: se è furbo,
  11. Mara alza il boccale per brindare assieme all'uomo mezzo ubriaco. Al mostro! Poi lascia il boccale vuoto sul tavolo e si volta a parlare con Jil. Niente pista? Allora significa che andremo a Targos, magari da li possiamo seguire i suoi spostamenti. Anche Vimak brinda ma non aggiunge nessun commento all'osservazione dell'uomo sul suo abbigliamento. Invece guarda il nano con attenzione ascoltando la sua descrizione del "mostro". P-l-e-i-o-s-u-a-r-o. Mai sentito. Non pesce, respira. Molto grosso, fisicamente forte quindi, sarà difficile da cacciare. Un tempo ho parlato con pescatori di mare,
  12. Seduta ad un tavolo della locanda, Mara fa un resoconto veloce di quanto scoperto a Jil, sorridendo divertita per l'impresa che vuole compiere. ... ed ecco che ci capita questa occasione di farci un nome! Insomma, per quanto pericoloso lo faremo sanguinare a dovere quel dannato mostro-mangia-barche. Tu piuttosto, col tuo visino sei riuscita a recuperare informazioni sulla compagnia mercantile? La spadaccina beve avidamente un buon sorso di birra, poggia il boccale sul tavolo versandone un pò e si pulisce la bocca sgraziatamente con la manica. Vimak si guarda attorno curioso, cercando di c
  13. Vimak resta pensieroso ad ascoltare la descrizione dello studioso. Anche Mara ascolta il mezz'elfo in silenzio con le braccia incrociate al petto ed un sorriso sprezzante sulle labbra. Alle parole di Darrox risponde subito. Ehi Darrox, il compenso non sarà un granché ma pensa al dopo. Ci faremo un nome, con tutto quello che ne consegue. Inoltre questo sapientone sarà in debito di un favore se gli portiamo qualcosa del mostro. Sempre che non sia un animale. Sai se ascolti le partite a carte dei soldati sentirai le più incredibili storie su animali, come cavalli o cani, che hanno difeso il
  14. Vimak continua a guardare Mara e lei annuisce. Il goliath allora sposta lo sguardo sul nano barcaiolo e parla ancora in nanico. Va bene amico, otto pezzi d'argento. Ti porteremo la testa del mostro come prova. Congedati dal pescatore, i due si adoperano per trascinare le piccole imbarcazioni sul ghiaccio fino al pontile, dove fissano le cime alle travi di legno. Nel farlo Mara caccia fuori qualche impropero in orchesco perché la rude lingua ben si adatta all'uso. Quando ha finito batte una spalla di Vimak. Ehi guarda là, Darrox ha fatto amicizia. Andiamo a sentire anche noi. Mara e V
  15. Mara assapora per un attimo la parola "eroi" pronunciata dal nano. Eroi. Ispira potere, ispira rispetto, ispira fiducia. Eroi di Bremen, per iniziare. Eroi delle Dieci Cittadine. Scriverò il mio nome nella Leggenda in un modo o nell'altro. La spadaccina si scuote dai propri pensieri quando si accorge di essere fissata da Vimak. Che c'è? Aspetta, conosco quell'espressione, dannato goliath, la classica "dai facciamolo per il bene della gente". Cinque pezzi d'argento non bastano, siamo in tre e dobbiamo contare anche Jil - sempre che possa aiutarci. E non sappiamo nemmeno cosa sia questo "m
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.