Vai al contenuto

Zengar

Ordine del Drago
  • Conteggio contenuto

    3.596
  • Registrato

  • Ultima attività

  • Giorni vinti

    1

Zengar ha vinto il 28 Ottobre 2013

I contenuti di Zengar hanno ricevuto più mi piace di tutti!

1 ti segue

Informazioni su Zengar

  • Rango
    Eroe
  • Compleanno 15/04/1975

Informazioni Profilo

  • Località
    Milano
  • GdR preferiti
    Pathfinder
  1. Pathfinder Rise of the Runelords - The Fortress of the Stone Giants

    Conna annuisce "Le vostre sono domande lecite. Come faccio a sapere che Mokmurian sta ingannando tutti? E' molto semplice; io ho scoperto che l'origine dei suoi grandi poteri magici non deriva affatto dal suo sangue, come vuole far credere, invece egli fa quello che il nostro popolo considera una delle più grandi eresie: studia ed impara la magia dai libri!" Conna fa una smorfia, dimostrando il suo disprezzo per la cosa, disprezzo che solo un appartenente al suo popolo evidentemente può capire. "In segreto da tutti, nei sotterranei di questa fortezza egli ha una immensa libreria di antichi tomi, da cui egli impara le arcane arti. Questo non solo dimostra che sta ingannando il nostro popolo, ma che le voci che lo vogliono essere una reincarnazione degli antichi signori sono infondate! E' vero che lo spirito della torre nera è suo alleato cosi come le lamie, ma questo perché, nonostante quello che egli vuole far credere, Mokmurian non è colui che in ultimo tira le fila di tutto questo. Mokmurian non mi ha uccisa e anzi mi tiene vicina a se per il mio particolare potere, ovvero quello di poter parlare alle rocce, e di interrogarne il passato, un'abilità che egli sta sfruttando per cercare qualcosa, ed è per questo che ha mandato varie spedizioni di giganti guerrieri a raccogliere rocce dai più antichi siti dove si trovano i resti delle opere dei nostri grandi signori. Egli tiene segreto il motivo di tutto questo, ma io sono riuscita a spiarlo, ed ho scoperto che egli cerca l'accesso ad un antico luogo chiamato Forgia delle Rune, e gli ho sentito spesso nominare un nome, che riporta in noi antichi ricordi ancestrali: Karzoug." Conna fa una pausa, per permettervi di assimilare le informazioni, prima di continuare. "Per quanto riguarda come agire, le nostre opzioni sono semplici. Dovrete introdurvi nel santuario di Mokmurian, al di sotto di questa fortezza, ed ucciderlo. Una volta che egli sia stato sconfitto, sarà facile per me mostrare agli anziani delle tribù i libri di magia su chi Mokmurian studiava, e svelare l'inganno. A quel punto tutti capiranno di essere stati ingannati e torneranno alle loro case sulle montagne. Se non riusciste a sconfiggere Mokmurian, dovrete comunque trovare delle prove del suo inganno, cosi da convincere gli anziani, Certo qualcuno rimarrà fedele a Mokmurian, sopratutto i giganti che egli ha reso schiavi tramite un empio rituale, ma la maggior parte si ribellerebbe, infine ne verrebbe schiacciato, nonostante i suoi poteri. Io posso guidarvi fino all'ingresso dell'area sotterranea, a cui nessuno ha accesso tranne Mokmurian e i suoi servi più fedeli, e nel frattempo iniziare a spargere la voce del tradimento di Mokmurian, preparando la rivolta. Questo mi esporrà molto, e se doveste fallire, Mokmurian mi farebbe uccidere, quindi sto rischiando la vita tanto quanto voi, ma io sono vecchia e non voglio morire sapendo che il mio popolo sarà sterminato in una guerra insensata."
  2. Pathfinder Rise of the Runelords - The Fortress of the Stone Giants

    "Sbagliate a pensare che sia solo il desiderio di vendetta a costringermi a rivolgermi a voi per un'alleanza, persino un nano, uno dei nostri più antichi nemici!" Dice Conna, in risposta alle vostre domande. "Quello che voglio è proprio la salvezza del mio popolo, e l'unico modo per ottenerla, è la morte di Mokmurian. Ma lasciate che vi spieghi. Qui dovremmo essere al sicuro, da quando mio marito è stato sacrifificato qui in un rito blasfemo e la sua anima assetata di vendetta infesta questo posto, gli altri giganti evitano questo luogo, poichè solo io posso placare la spettro." Conna, rompendo l'aura austera e insespressiva che ha tenuto finora, comunque tipica degli esponenti della sua razza, fa una smorfia di dolore e frustrazione. "Mokmurian è nato nella nostra tribù, qui sull'altopiano Storval dove abbiamo la nostra casa. Fu ben presto chiaro che il giovane fosse affetto da una grave deformità, ovvero la sua orribile bassezza, egli infatti da adulto non sfiora nemmeno i 3 metri; per questo motivo fin da subito ci si aspettò grandi cose da lui. Non so quanto sapete della nostra gente, ma quando uno della nostra gente nasce con simili deformità, è normalmente segno che sia dotato di grandi poteri magici, della vera magia, non della falsa magia che umani ed elfi studiano sui loro libri, che consideriamo blasfema e abominevole. Tuttavia ben presto ci si rese conto che Mokmurian non era dotato di alcun potere, niente dell'eredità dei nostri antichi signori era in lui. Fisicamente debole e senza poteri, era considerato inutile nella tribù, un reietto senza nessun onore. Decise di lasciare la tribù e per molti decenni nessuno lo vide più." "Fu alcuni anni fa che la voce di un potente signore dei giganti era sorto sull'altopiano Storval. Si iniziò a parlare di qualcuno dotato di un potere immenso, della magia dei nostri antichi grandi signori, i Signori delle Rune, che governarono col nostro aiuto nel vecchio mondo, prima dell'Oscurità. Qualcuno iniziò a dire che egli era addirittura la reincarnazione di uno di essi, che lo spirito di un Signore dell Rune era rinato nel corpo di un gigante, per riportarci agli antichi splendori; d'altronde a chi altri le lamie possono obbedire, e chi altri avrebbe potuto stringere un'alleanza con il terribile spirito che abita nella torre nera, attorno a cui questa fortezza è costruita, se non un antico signore?" "Cosi le varie tribù di giganti iniziarono a riunirsi attorno a lui, e costruire questa fortezza, finchè anche la nostra tribù si diresse qui. Potete immaginare la nostra sorpresa quando scoprimmo che il famoso signore dei giganti era proprio Mokmurian. Esso ci aveva lasciato da reietto, ma lo ritrovammo dotato di un potere magico immenso, come nessuno altro gigante abbia mai potuto vantare. Egli non perse tempo a prendere la rivincita sulla tribù che a suo avviso lo aveva scacciato con disonore, fece imprigionare mio marito, il capo della nostra gente e lo sacrificò con un rito blasfemo, dopo avere inciso il simbolo della stella a sette punte sul suo petto." Conna fa una breve pausa, avendo terminato il racconto, prima di procedere con quelle che sono le sue intenzioni. "Se siete qui, saprete bene quali sono le intenzioni di Mokmurian: dichiarare guerra a tutta Varisia, scacciare uomini, shoanti, nani ed elfi, una guerra totale, che porterà allo sterminio delle nostre razze. Non so se Mokmurian potrà portare il nostro popolo alla vittoria, ma anche se cosi fosse, a quale costo? Quanti giganti moriranno per le sue folli idee di conquista? Non siamo mai stati un popolo bellicoso, ed abbiamo saputo convivere con le altre razze per molti secoli, ed ora siamo ad un passo dalla rovina per la sete di potere di Mokmurian che infiamma gli animi degli stolti giovani guerrieri della nostra gente." "E non è solo questo; io so che Mokmurian sta ingannando tutti. Egli non è ciò che vuole farci credere."
  3. Pathfinder Rise of the Runelords - The Fortress of the Stone Giants

    La gigantessa vi conduce attraverso un corridoio in una stanza poco lontano da dove vi trovavate prima. Le pareti di questa caverna sono dipinte con figure rosse, gialle, marroni e nere che rappresentano immagini di giganti, mammuth, alci e viverne; altre figure sono più difficili da definire, forse ogre, o piccoli di gigante, e persino umani. I nani sono rappresentati molto chiaramente, con barbe e piccole asce, mentre vengono schiacciati sotto degli enormi piedi. Una semplice lanterna ad olio illumina un piccolo altare all'estremità in fondo della cavern. Una modesta offerta di corna, zoccoli e pelli di alce sono stat impilati davanti all'altare come sacrificio. "Ora rimanere dietro a me, e non temete, lo tengo sotto controllo.Ora capirete perchè qui non verremo disturbati." Dice Conna, avviandosi verso l'altare, mentre vi domandate di chi stia parlando. Improvvisamente l'aria della stanza diventa gelida e una sorta di tenebra sembra avvolgere tutto, sebbene l'illuminazione non sia in realtà cambiata; le immagini delle pitture rupestri sembrano iniziare a muoversi, vedete i giganti stilizzati dare la caccia ai mammuth e agli alci, e combattere contro i piccoli nani armati di asce. Una brezza gelida vi sferza contro, gelandovi le ossa, e il gigante più grande disegnato sulla parete sembra iniziare ad uscire dal muro, prendendo la forma di una entità spettrale dagli occhi rossi che sprigionano odio, e la cui visione sembra paralizzare le vostre membra, instillandovi un innaturale terrore a cui cercate disperatamente di resistere. "Placa la tua ira, Vanderrec! Non riconosci Conna la Saggia, tua moglie?" Esclama con autorità la gigantessa, sollevando le braccia verso il gigante spettrale. "Torna nel tuo sonno eterno, non c'è nulla qui per te ora!" La figura spettrale inizia a retrocedere, tornando ad essere un dipinto nella parete, e l'aria di gelo e terrore svanisce. La stanza torna ad avere il suo aspetto normale, mantenendo però un che di soprannaturale, e con la coda dell'occhio, vi sembra di continuare a vedere le figure stilizzare sui muri muoversi. Conna si volta verso di voi "Come vedete, questo altare una volta dedicato ai nostri antenati, è ora investato dallo spirito vendicativo di colui che fu mio marito, in grande Vanderrec, capo della nostra gloriosa tribù. Egli è stato qui sacrificato da colui che ora si fregia di questo titolo, Mokmurian."
  4. Pathfinder Rise of the Runelords - The Fortress of the Stone Giants

    X Emerald La gigantessa, che sembra dall'aspetto piuttosto anziana, anche se ancora vigorosa, vi osserva e parla con un'aria di grande saggezza, come di chi ha vissuto molto. "Non aspettavo il vostro arrivo, tuttavia se il vostro obbiettivo è di uccidere Mokmurian, forse possiamo aiutarci a vicenda." Dice, osservandovi uno a uno, con occhi scrutatori ma non ostili. "Ma non possiamo parlare qui, dopo quello che avete fatto, presto arriveranno altri soldati. Venite con me, c'è un posto sicuro dove nessuno verrà a disturbarci." Dicendo questo vi fa cenno di seguirla, controlla che ne corridoio non vi sia nessuno, e si incammina, senza attendere la vostra risposta
  5. Pathfinder Rise of the Runelords - The Fortress of the Stone Giants

    Emerald usa il suo potere di curare le ferite tramite le sue mani, anche se viene applicato a sun di ceffoni sul coppino del guerriero, che vede le sue ferite rimarginarsi, se non la sua dignità. State ancora riprendendovi dalla fatica del duro combattimento quando percepite un movimento provenire dal corridoio che esce ad est della stanza, e la figura di un gigante appare all'ingresso della stanza. Vi voltate con le armi in pugno per fronteggiare la nuova minaccia, trovandovi davanti una femmina di gigante delle rocce La gigantessa non sfodera la sua arma, ed anzi pone le mani di fronte a se, facendo segno di fermarvi, prima di rivolgersi a voi in lingua comune dal forte accento. "Fermate le vostre armi, io non sono vostra nemica. Voglio parlare con voi."
  6. Pathfinder Rise of the Runelords [Nuovo topic di servizio]

    No vi ho gia aggiornato gli XP quando ho fatto il post, perchè mi ero accorto che li avevate un pò a caso quelli che avete adesso cmoprendono anche quelli del combattimento appena fatto, in effetti dovevo dirlo...
  7. Pathfinder Rise of the Runelords - The Fortress of the Stone Giants

    Rurgosh si avvicina ad Arkteus, invoncando la benedizione di Torag, cercando di mantenere la guardia alta contro gli attacchi del gigante, per alleviare le ferite del compagno. Emerald, incanalando il potere di punire il male attacca Galenmir, tuttavia il suo potere non ha alcun effetto sul gigante, e i suoi attacchi non ricevono nessun aiuto divino! Arkteus, dal canto suo, rifiuta il suggerimento dell'amica e continua imperterrito ad attaccare Senza aiuto divino i colpi di Emerald vengono parati facilmente dal gigante, che sogghigna soddisfatto, anche se Arkteus successivamente riesce ad infiggergli una brutta ferita. Da dietro, Artax cerca di dilaniare il nemico con i suoi artigli, e Iago lo bersaglia da distanza con il suo arco Anche gli attacchi di Artax vanno a vuoto, ma con un tiro particolarmente preciso e fortunato, Iago riesce a conficcare due frecce allo stesso momento nel petto di Galenmir. Il gigante, barcolla, cade in ginocchio, poi si accascia riverso al suolo, non ancora morto, ma reso incosciente dalle ferite. Fine combattimento
  8. Pathfinder Rise of the Runelords - The Fortress of the Stone Giants

    Rurgosh lancia la sua maledizione su Galemnir Il gigante tuttavia riesce a resistere agli effetti della maledizione, che non sortisce alcuna conseguenza su di esso. Arkteus, concentrando i suoi sensi sul gigante, attacca, cosi come Emerald, che grazie alla sia magia riesce a muoversi indisturbata fino ad arrivare a portata del suo obbiettivo. Iago nel frattempo bersaglia di frecce il gigante ferito da Emerald, finendolo, dirigendo poi i successi attacchi su Galemnir. Artax continua il suo assalto con i suoi poderosi artigli contro Galemnir, aiutando Arkteus ed Emerald Turno Nemico Galemnir, rimasto da solo, non vuole comunque arrendesi, e con un urlo feroce si scaglia contro Arkteus, tentando di finirlo Arkteus si difende come può, ma il piccone da guerra colpisce con forza inaudita, e un violento colpo sull'elmo quasi gli stacca la testa, e il guerriero riesce a rimanere in piedi, barcollante, per puro miracolo. Turno dei Giocatori Mappa
  9. Pathfinder Rise of the Runelords - The Fortress of the Stone Giants

    Arketus carica il capo dei giganti, seguito da Artax, mentre Emerald tiene a bada l'altro gigante, che viene bersagliato anche da Iago, uscito dal tunnel. Il gigante, approfittando della sua maggiore portata, sferra un attacco contro Arkteus prima che questi possa avvicinarsi abbastanza. Rurgosh, fiaccato dai colpi, fa un passo indietro e beve una pozione magica, ritrovando un pò di vigore Turno Nemico "Stolti! Pensare di poter entrare impunemente nella fortezza del possente Mokmurian! Pagherete con la vita questo errore!" Esclama il gigante, lanciandosi in un feroce attacco contro Arkteus Turno dei Giocatori Mappa
  10. Pathfinder Rise of the Runelords - The Fortress of the Stone Giants

    Continuate l'assalto sui giganti, ormai armati e pronti a ribattere ai vostri attacchi. Gli attacchi di Emerald, Arkteus Iago e Artax piovono sul gigante, che viene colpito un gran numero di volte, e stramazza al suolo morto. Rurgosh, ignorando i giganti più vicini, si getta a tutta velocità contro il capo di questi, arrivandogli a tiro, ma senza avere il tempo di attaccare, rimanendo a debita distanza dal nemico, dotato di maggiore portata. Turno nemico Il capo dei giganti afferra il suo piccone da guerra e attacca Rurgosh Rurgosh viene colpito duramente, e barcolla sotto il colpo del piccone da guerra del gigante, che riesce a deviare per un soffio dal suo petto, subendo una brutta ferita al braccio, non ancora letale però. Il restante gigante si scaglia contro Artax, ma il grosso grifone non viene scalfito dai sui attacchi Turno dei Giocatori Mappa
  11. Pathfinder Rise of the Runelords [Nuovo topic di servizio]

    Si hai ragione, nonostante al momento la voglia di continuare non sia molta, abbandonare questo pbf mi dispiacerebbe tantissimo, dopo tutto il tempo che abbiamo passato giocandolo, diciamo che la pigrizia sta controbilanciando la voglia di continuare, fare il master su un forum può essere molto impegnativo ( a volte impiego più di un'ora a scrivere un singolo post, tra mappe e tutto)
  12. Pathfinder Curse of the Crimson Throne - Topic Organizzativo

    Non so che dirvi ragazzi, abbiamo provato a riprendere il gioco, ma sembra che non stia funzionando, sembra che non ci sia molto interesse nel continuare, sicuramente in gran parte causata dalla mia scarsa presenza e dalle lungissime interruzioni che ci sono state. Dal canto mio sono piuttosto demotivato a continuare, anche se mi piacerebbe, ma se non si riesce a tenere un ritmo costante la cosa ho visto che non funziona
  13. Pathfinder Rise of the Runelords [Nuovo topic di servizio]

    Non so bene che dirvi ragazzi, non ho più avuto post da Ryuune e Iago da un mese, personalmente vorrei continuare, ma tra problemi di tempo miei, e le continue interruzioni inframezzate da brevissime riprese del gioco, sono piuttosto demotivato....
  14. Pathfinder Rise of the Runelords [Nuovo topic di servizio]

    esatto dipende molto da quello, se i PG sono tutti vicini posso prendere lo screen solo della parte interessata e cosi è ovviamente più definito
  15. Pathfinder Curse of the Crimson Throne - Seven Days to the Grave

    Mentre vi avvicinate, passate a fianco dei soldati della guardia, che si suddividono in gruppi, molti dei quali si presentano a rapporto per vedersi assegnate varie mansioni. La Kroft inizia ad avviarsi verso l'interno del maschi principale della cittadella, assieme alle vergini grigie e i dottori, ma quando vi avvicinate vi nota e vi fa segno di seguirla "Ah, siete voi. Molto bene, avevo proprio intenzione di parlarvi. Venite." La Kroft vi porta tutti all'interno. Mentre camminate non potete fare a meno di provare una certa inquietudine, sia per la presenza dei dottori bizzarramente abbigliati, ma anche per la presenza delle vergini grigie, in particolare del loro comandante, una donna molto alta e possente, con il volto coperto dall'elmo completo che le da un'aura impersonale e misteriosa. la Kroft vi fa accomodare. "Lui è il dottor Davaulus, il medico inviato dalla regina per occuparsi dell'epidemia, mentre lei è un alto ufficiale delle vergini grigie, la signora Kordaitra Destaid." Mentre la vergine grigia non si degna nemmeno di un cenno di saluto, il dottor Devaulus sorride con fare gentile e affabilmente vi stringe la mano. "Cosi voi sareste i difensori di Korvosa investiti dalla regina poco tempo fa. E' un piacere conoscevi e spero nella vostra collaborazione per affrontare questa difficoltà che la città sta passando. Sebbene non siamo cittadini di Korvosa, la nostra missione è portare speranza e guarigione ovunque le malattie colpiscano."
×