Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.
By aza

Maestri d’Arme – Jari il Cacciatore di Mostri

Dopo l'uscita della serie TV di The Witcher, dedicata a Geralt di Rivia, il noto Strigo cacciatore di mostri, grande utente di alchimia sulla quale abbiamo già fatto questo precedente articolo.
Per l’occasione, abbiamo deciso di intervistare Jari Lanzoni, (qui il suo sito), schermidore e appassionato di fantasy nonché di… lotta ai mostri!
Ciao Jari, dicci chi sei e quali sono le tue esperienze in ambito di scherma e fantasy

Direi uno strano amalgama di tante cose: direi principalmente un padre e un marito, poi un lettore, uno scrittore e un appassionato di combattimento storico. Al momento lavoro nel settore del turismo dopo aver cambiato una dozzina di mansioni e posti di lavoro, dal becchino al grafico, una necessaria flessibilità assai tipica di questo periodo che però mi ha permesso di mettere da parte una serie di competenze trasversali.
Mi sono interessato alla scherma storica una ventina di anni fa, entrando in contatto con alcuni gruppi e assistendo ad un paio di seminari; nel 2002 ho conosciuto il metodo della Sala d’Arme Achille Marozzo, caratterizzato da un approccio rigoroso alle fonti e una forte purezza nella ricerca delle nostre tradizioni Marziali. In particolare, la Sala d’Arme Achille Marozzo si è sempre distinta per la scelta di pubblicare i risultati dei propri studi e contribuire alla diffusione della Scherma Storica.
Dopo un paio d’anni di corso sono passato da allievo ad Aiuto-Istruttore dei corsi basi seguendo poi tutte le fasi per diventare docente. Al di là della mia esperienza come Istruttore ho avuto modo di pubblicare due manuali inerenti la scherma storica: “La Lancia, La Spada, la Daga” dedicato alla scherma medievale e “Il Combattimento Storico da Strada” dove approfondisco le più strane situazioni avvenute in duello e in battaglia.
Direi che la mia esperienza con il fantasy nasce sia dalla grandissima passione per la lettura che per i giochi di ruolo, commistionando le due cose per divertimento personale. Ho pubblicato alcuni romanzi, tra lo storico e il fantasy, nel mio ultimo lavoro “La Scherma del Cacciatore di Mostri” (quì il link) ho voluto immaginare il ritrovamento di un trattato di scherma rinascimentale, a lungo occultato, dedicato non al duello contro altri schermidori ma contro gli Innaturi, esseri scaturiti da favole e leggende. L’Autore doveva necessariamente essere allievo di un Trattatista che conoscevo bene per poterne ricalcare le tecniche di combattimento: ecco quindi il bolognese Johanni della Viverna, divenuto Maestro d’Arme sotto la guidae del celebre Giovanni Dalle Agocchie.
Parliamo di mostri: ogni creatura richiede le sue armi e le sue tecniche. Facci degli esempi…
Avendo indicato il rigore per le fonti storiche come un attributo qualitativo, credo sia lecito non inventare nulla ma, appunto, citare qualcuno più autorevole di me.
Il primo esempio che mi viene in mente è tratto da “Guerrino detto il Meschino” un eroe popolare del Basso Medioevo, nato dalla penna di Andrea da Barberino nel 1473. Si tratta di un guerriero che si è fatto da sé, ignora di possedere nobili natali e ha deciso di farsi strada nella vita apprendendo l’arte della spada. Tra le innumerevoli avventure (di cui consiglio la lettura) si trova anche lui a dover affrontare un Innaturo. E’ descritto come un “gran verme” ma in seguito si apprende che doveva avere due o quattro zampe artigliate.

Prossimo al combattimento, Guerrino fa qualcosa di assolutamente naturale per chi è ormai un veterano del combattimento: valuta una Strategia. Il pensiero di ogni Schermidore deve essere Fluido. Non carica con il cavallo e la lancia in resta, azione potente ma inutile contro un avversario estremamente rapido e dal corpo serpentino. Guai se schivasse la lancia e, in un batter d’occhio, fosse padrone dello scontro. Spada e scudo sono e restano i compagni ottimali per difendere e offendere con perizia, specie un essere di manifesta forza. Si tratta di una coppia d’arme che denota anche prudenza, Guerrino ancora non conosce appieno tutte le risorse del nemico.
Di nuovo un cambio di strategia, necessario vista l’abilità del nemico. Al Guerrino è bastato pochissimo per valutare le capacità dell’Innaturo rispetto alla scelta delle armi. Lasciata spada e scudo rotella, armi troppo lente e facilmente afferrabili, afferra il pugnale che ogni cavaliere porta con sé (forse la celebre misericordiae) e, giunto a stretto contatto, colpisce dove le scaglie si sono allargate per il movimento del corpo, affondando l’arma corta in un punto vitale dell’avversario.

…e se una normale lama non bastasse? Cosa propone il manuale di “magico”?
Quando ho iniziato la stesura del manuale ho ripensato all’esperienza de “Il Combattimento Storico da Strada” e di tutte le strane soluzioni che propone (lanci di cappe, di sostanze, accecamenti, false cadute etc etc…), ho anche riflettuto sul fatto che uno schermidore non si sarebbe affidato solo alla lama. L’idea di inserire la magia però non mi convinceva, forse per la vecchia dicotomia Guerriero-Mago di Dungeons & Dragons che mi porto dietro da trent’anni esatti.
Come sempre mi sono affidato alle fonti storiche, cercando qualsiasi soluzione Alchemica che però derivasse da un vero trattato storico e che un lettore curioso potesse consultare. Ecco quindi “Opera” di Alchimia di Giovanbattista Birelli, il “Magiae naturalis sive de miraculis rerum naturalium” di Giovanni Battista della Porta, ho attinto a piene mani dai “De’ capricci medicinali” di Leonardo fioravanti e altri testi ancora.
Sarebbe stato più facile inventare di sana pianta una serie di soluzioni fantasiose, più spettacolaristiche e meno “rustiche”, ma credo sia anche affascinante “lavorare” imponendosi regole e “paletti” da non superare.
Curiosamente, o forse no, è stata la Ricerca Storica che ha portato in evidenza il Fantastico e il Magico. Allo stesso modo, quasi tutti i mostri del libro provengono da testi storici o da trattati, primo fra tutti il “Compendio dell’arte essorcistica” di Girolamo Menghi. Questo assieme di risorse aumenta le abilità del Cacciatore di Mostri, li conferisce una serie di soluzioni per limitare le forze nemiche, ma anche per celare la propria identità e stordire eventuali testimoni al pari di un “Man in Black” rinascimentale.
Occorre fare un esempio di come si applichino certe sostanze.
Mi viene in mente il caso delle Streghe che presidiano pozzi o piccoli stagni. Si tratta dello spauracchio che le madri utilizzavano tempo fa per spaventare i bambini: se si fossero avvicinati troppo al pozzo il mostro li avrebbe presi e portati via. Uno stratagemma pedagogico rurale per chi deve lavorare duramente la terra tenendosi vicino i bambini, che di certo all’epoca non avevano un asilo o altre strutture in cui stare.
La Marabecca siciliana, come la Jenny Dentiverdi inglese, la Bourda emiliano-romagnola o la Janara di Benevento, attende in prossimità di una cisterna. In questo caso il buon Johanni della Viverna avrebbe pronta una buona ronca dall’asta lunga, ottima per colpire a buona distanza, ma si sarebbe ben guardato da scendere nell’elemento di elezione dell’Innaturo. Ecco quindi una buona “mistura che arda sott’acqua” dal trattato di Alchimia Giovanni Battista della Porta, quando questa sorta di fuoco greco avrà incendiato parte dello specchio d’acqua la Strega dovrà salire in superficie per fuggire le fiamme, senza sapere che la via di scampo le è stata accuratamente preparata. A questo punto ci si affiderà all’abilità dello Schermidore con la ronca per ripulire la zona dal minaccioso Innaturo…
Certo, tutto questo darsi da fare può attirare l’attenzione di testimoni, ma sempre il Birelli offre una soluzione con un composto “A far che le persone facilmente escano di sentimento, che paiano pazzi”, e così anche se raccontano ciò che hanno visto alla Loggia della Mercanzia, in Piazza Maggiore o agli uomini del Bargello nessuno gli crederà.
La serie di The Witcher sta per uscire: dai filmati del gioco e le scene di combattimento della serie già uscite, cosa possiamo dire dello stile di combattimento dello Strigo, riferito agli stili storici e ai mostri che egli affronta?
Devo premettere che di The Witcher io so pochissimo. Ricordo di aver installato il gioco, visto l’animazione iniziale con l’amico che me lo regalò e aver giocato tipo 5-10 minuti notando positivamente che permetteva di cambiare la guardia del personaggio. Di lì a poco nacque mia figlia e addio Strigi, Streghe e altro, dovevo gettarmi nella battaglia delle notti insonni, affrontare orde di rigurgiti e debellare pannolini. Non ho ancora letto i romanzi e quando me lo segnalarono dopo l’uscita del libro mi scoprii estremamente ignorante.
Rispetto ai bellissimi filmati che ho visto online, lo stile scelto per Geralt di Rivia consiste in colpi ampi, grandi “caricamenti” con l’arma alzata fin sopra la testa e lame che proseguono il movimento fino a terra. Il corpo ruota completamente esponendo la schiena all’avversario, spesso vortica per eseguire una sequenza di colpi continui, in alcuni casi per aumentare la potenza d’impatto Geralt esegue attacchi dopo un balzo per aggiungere spinta e peso del colpo alla forza cinetica del taglio. Il tutto contro mostri grandi e grossi, e quindi bersagli ben definiti su cui sferrare Colpi Finiti, ossia a piena potenza e senza possibilità di cambiare il percorso dell’arma. Quando deve affrontare gli uomini non mancano calci, pugni e spallate per alternare le azioni della spada, oltre a del sano combattimento corpo a corpo e un buon utilizzo del pugnale con colpi di punta alla gola o sotto l’ascella, quindi in un punto non protetto.
Tutto questo corrisponde alle necessità di spettacolarizzazione del prodotto ludico, in cui lo spettatore deve poter godere dell’intera dinamica dell’arma, essere copartecipe del movimento e della potenza dei colpi. Rispetto a queste logiche consiglio “the Game” di Baricco, che descrive in maniera perfetta il rapporto che si sviluppa tra lo strumento ludico e il corpo del giocatore.
La Scherma Storica, ovviamente, è qualcosa di completamente diverso: non si espone mai la schiena all’avversario, non si tentano “scivolamenti” o spallate, niente pugni e calci perché occorre sempre gestire la distanza rispetto all’avversario. I colpi devono essere misurati: i caricamenti inutili sono da escludere, nel momento in cui si va a sollevare le braccia per aumentare la potenza d’impatto un avversario può colpire proprio gli arti, inoltre colpi troppo telefonati fanno esporre a contro-tecniche brevi e rapide, spesso proprio alla mano di chi sferra il taglio che di per sé ha il vantaggio della potenza ma lo svantaggio della lentezza. Ogni tanto Geralt ha infatti il buonsenso di infilare una punta rapida nella gola o nel petto degli avversari. C’è anche da dire che le finte, che richiedono falsi colpi e non Colpi Finiti, sono alla base della scherma e potrebbero non essere ben comprese dallo spettatore all’interno di un combattimento concitato
In un vero combattimento si predilige l’economia di energie, i mezzi colpi, gli arretramenti e gli scarti laterali, le finte etc etc… non è così lineare come in The Witcher, in Berserk, nella serie Gundam Iron Blooded Orphans o nei vari film di Star Wars. E tuttavia lo stile di questo tipo di prodotti, così come è stato per l’ottima scherma rievocativa dei re-enactors, non è da disprezzare in quanto contribuisce fortemente alla narrazione, alla trasposizione dello spettatore all’interno della dinamica di combattimento. Si “racconta” del personaggio anche attraverso il suo corpo e il suo modo di combattere, se ne avverte la tensione, si accusano i colpi che subisce e si gode della raggiunta vittoria.
Aggiungo un dettaglio, e forse una profezia.
Sono certo che prima o poi salteranno fuori corsi di “Scherma Witcher” o “Scherma Strigoi” (o con altri nomi onde evitare problemi di copyright) come è accaduto per la Scherma Jedi che si sta affermando come disciplina in ogni parte del mondo. Premetto che un qualsiasi schermidore storico, con almeno un paio d’anni di esperienza di combattimento, non avrebbe problemi a vincere un confronto con questo tipo di appassionati, ma non è assolutamente questo il punto.
Credo che qualsiasi Storia (perché è quella la leva fondamentale!) faccia uscire di casa un ragazzo o una ragazza, staccandolo da una console o dallo smartphone, in modo che stia con altri ragazzi, gli permetta di fare movimento fisico e intraprendere un percorso anche minimamente marziale, non possa che essere una cosa positiva. Fosse pure volteggiare in salto con la spada dello Strigo (ma perché la tiene sulla schiena?) o ruzzolare con una spada laser. E magari andarsi a bere una birra insieme dopo gli allenamenti! Chiaramente, un vero percorso di scherma storica sarebbe consigliabile, anche per suscitare maggior passione per lo studio, la storia e la cultura. Tuttavia non va assolutamente sottovalutato il valore umano e sociale che un qualsiasi corso di Scherma per Cacciatori di Mostri può avere.
Sorge però un interrogativo: chi sarebbe il ”Maestro” di questi corsi? Chi diventerebbe il riferimento sportivo, ma anche morale, di questi ragazzi forse troppo manipolabili? Magari un furbetto che vuole fare del denaro, meglio se con la barba imbiancata, i modi dell’uomo vissuto e il carisma del mentore misterioso. Non ci sarebbe nulla di strano visto il proliferare di Maestri improvvisati e Guru della Scherma Storica di oltre vent’anni fa, quando questa disciplina e la rievocazione storica muovevano assieme i primi passi, con tutte le conseguenti e disastrose ricadute. E questo è forse l’unico elemento preoccupante dei futuri corsi da Strigo o AmmazzaDraghi. Per diventare Istruttori di scherma storica o moderna ci sono dei percorsi, è richiesto rigore, anche morale, la capacità di trasmettere correttezza e non furbizia, controllo e non violenza.
L’attributo necessario, forse, andrebbe ricercato nell’ossatura di figure eroiche come Geralt. Se la Storia genera una disciplina, allora la direttiva morale del Personaggio può far comprendere il tipo di Maestro da cercare.
Grazie ancora per l’intervista. Trovate qui il sito di Jari con le sue opere. E voi lettori, se vi è piaciuto l’articolo date un’occhiata anche a quelli qui sotto
❚ 5 falsi miti sulla spada medievale
❚ Affondo vs fendente – La fisica in 7 punti – Battle Science III
❚ 5 errori sulle armature in Dungeons & Dragons
Articolo originale: http://www.profmarrelli.it/2019/12/18/jari-lanzoni-cacciatore-mostri-witcher/

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il prof. Marrelli su facebook e su ludomedia.  
Read more...

5 Criminali da Catturare

Articolo di J.R. Zambrano del 21 Maggio
I criminali sono codardi e superstiziosi, ma possono essere degli ottimi ostacoli, avversari, e persino possibili alleati per avventure di tutti gli allineamenti. Che nascondano un cuore d'oro commettendo crimini per ragioni altruistiche, o usino le loro attività criminose per un guadagno personale (a discapito della società), qui troviamo cinque criminali che saranno una buona aggiunta a qualsiasi partita.
Il Ladro di Gioielli

Crenth Teablossom è un halfling che apprezza le cose più raffinate nella vita. Crenth è un professionista consumato, un ladro di gioielli orgoglioso della sua abilità di sedurre le sue potenziali vittime e farle flirtare col pericolo e il furto, di solito il suo furto dei loro gioielli. Crenth non fa discriminazioni per quel che riguarda i suoi bersagli: sesso, età, persino la specie non sembrano contare per lui, solo che la vittima sia ricca e in possesso di gemme uniche. Di solito le sue storie romantiche finiscono in disastro, ma Crenth è ossessionato dalla sfida di riuscire in un'impresa, e potrebbe aiutare gli eroi che a loro volta vogliano aiutarlo nella sua ricerca della prossima gemma leggendaria.
O potrebbe comparire per complicare la situazione attirando attenzioni indesiderate o rubando il gioiello di un PNG da cui i giocatori hanno bisogno di qualcosa. Questo darà loro un compito semplice da completare, riportare il gioiello rubato per avere ciò di cui necessitano.
Il Capo della Banda

Jenny la Sorridente è una Dragonide cresciuta nei quartieri poveri di una grande città portuale. Da giovane era una lottatrice famosa negli incontri clandestini sulle banchine, e successivamente ha usato i suoi muscoli e la sua considerevole astuzia per prendere il controllo delle Manticore, una banda con le mani in pasta ovunque: dalle estorsioni al contrabbando fino alle minacce occasionali. Jenny sa che la sua è una banda di duri e spesso questo procura loro lavori extra come scagnozzi, ma, per quel che riguarda il porto, non c'è nessuno più tosto o che ne sappia più di Jenny la Sorridente.
Potrà dimostrare di essere un contatto utile, o potrebbe anche mettersi sulle tracce degli avventurieri che stanno causando problemi nel suo porto. Gli avventurieri potrebbero doversi scontrare con alcuni dei suoi uomini prima che Jenny arrivi e gli dimostri come ha guadagnato il suo soprannome.
L'Esattore delle Tasse

Orvald Tiberius Veng è un umano che lavora per il Magistrato locale ed ha il compito, teoricamente, di raccogliere le tasse da coloro che devono dare la loro giusta quota ai governanti della città. Ma Veng non si comporta equamente con tutti e tende a riscuotere i soldi solo da coloro che non possono permettersi di dargli una mazzetta per chiudere un occhio. Ciò significa che raccoglie le tasse solo dei poveri e degli indifesi, e quando non possono pagare ci sono sempre le segrete del Magistrato locale ad aspettarli. Naturalmente Veng ha in pugno il Magistrato e finché l'argento continua a scorrere nessuno di importante si farà avanti per fare qualcosa riguardo le attività di Veng.
Il Borsaiolo

Surlo Roth non ha mai avuto un colpo di fortuna in vita sua. Quando distribuirono i destini, quello di Surlo andò perso nella posta a languire in qualche ufficio per le lettere dimenticate e alla fine fu rispedito al destinatario. Surlo è una ladra esperta, possiede le mani più leste che abbiate mai visto, ma non riesce a controllarsi. Quando si annoia le sue mani cominciano a prudere, e quando ciò accade non si sa mai da chi proverà a rubare. Una volta rubò l'amuleto dell'Alto Sacerdote di Pelor e fu maledetta a risplendere come il sole per i tre giorni successivi. Un'altra volta rubò il pugnale preferito del Maestro della Gilda dei ladri. C'è una ragione se non è mai durata più di una settimana, due al massimo, in una gilda.
Se ruberà dai PG, non si può sapere in quale guaio si caccerà. O magari ha rubato qualcosa ed ha bisogno del loro aiuto per rimetterla a posto prima che qualcuno se ne accorga.
L'Ombra

Arlin Drast è un kenku che vive secondo il principio: "se non ti vedono, non sei mai stato lì". Usa le sue considerevoli abilità di furtività e imitazione per infiltrarsi praticamente ovunque. Conosciuto tra i circoli della criminalità come la persona con cui parlare quando si vuole sapere qualcosa, Drast si è infiltrato anche nei luoghi considerati più sicuri e non c'è informazione che si salvi da lui. Può infiltrarsi ovunque, imitare chiunque, e ciò è quello che lo ha fatto finire nei guai questa volta.
È venuto a conoscenza di un complotto ai danni del duca, ed ora degli assassini lo vogliono morto. I PG possono aiutarlo, ma dovranno essere più furtivi dell'Ombra stessa.
Usate uno di questi PNG la prossima volta che avete bisogno di dare una sfumatura poliziesca ad una delle vostre partite. Buone Avventure!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/05/dd-five-criminals-in-need-of-catching.html
Read more...

Anteprima Mythic Odysseys of Theros #2 - Il Sommario e alcuni Mostri Mitici

Come molti di voi già sapranno, Mythic Odysseys of Theros sarà il prossimo supplemento ufficiale in arrivo per D&D 5e, la cui nuova data di uscita è il 21 Luglio 2020 dopo il recente rinvio causato dal coronavirus. Visto che, tuttavia, la versione digitale del manuale uscirà ugualmente il 2 Giugno 2020 su servizi quali D&D Beyond, Fantasy Grounds e Roll 20, la WotC ha deciso di rilasciare in questi giorni alcune anteprime: il Sommario e alcuni Mostri Mitici (ovvero mostri dotati di capacità particolari dette Azioni Mitiche).
Potete trovare maggiori informazioni sul contenuto di Mythic Odysseys of Theros nei seguenti nostri articoli:
❚ L'annuncio ufficiale di Mythic Odysseys of Theros
❚ 16 ulteriori dettagli su Theros
❚ Regole per i Mostri Mitici dal manuale di Theros
❚ Anteprima Mythic Odysseys of Theros #1 - Contenuti vari da Fantasy Grounds
Ecco qui di seguito, invece, le anteprime (per ingrandire le immagini, cliccate su di esse):




Read more...

Quella volta in cui i giochi salvarono il mondo

Articolo di Talien del 22 Maggio
Erodoto a suo tempo scrisse di come, durante un periodo di grandi difficoltà, una intera nazione sopravvisse grazie ai giochi. I giochi di ruolo da tavolo potrebbero svolgere una funzione analoga in questo periodo di pandemia.

Quella volta che i giochi salvarono la Lidia
Nel libro introduttivo de Le Storie Erodoto scrisse
Re Ati essenzialmente usò dei giochi come metodo per far distrarre i suoi sudditi dalle difficoltà, di modo che le razioni potessero durare più a lungo e che la carestia risultasse più tollerabile. E fecero così per 18 anni! Jane McGonigal, autrice di Reality is Broken: Why Games Make Us Better and How They Can Change the World, ci spiega come questo si potrebbe applicare ai giochi moderni:
Gli effetti benefici dei giochi di ruolo sono ben noti ai giocatori; durante un periodo come questo, Dungeons & Dragons e gli altri GdR da tavolo sono particolarmente adatti a queste forme di escapismo positivo dalla pandemia.
Come prosperano le campagne di GdR
Dungeons & Dragons in origine prosperava nei campus universitari, dove si trovava un mistico mix di giocatori, limiti di spostamento e tempo libero. Man mano che D&D divenne sempre più popolare questi tre fattori iniziarono ad applicarsi anche ai licei e alle basi militari.
Giocatori: D&D solitamente richiede un gruppo di propri pari con cui giocare. Anche se era possibile giocare con i propri fratelli e sorelle o con altri membri della propria famiglia, una fonte costante di giocatori della propria età era la situazione ideale. Dovevano poter essere disponibili a giocare per lunghi periodi di tempo (quattro ore o più) e partecipare ripetutamente a sessioni costanti nel tempo. I campus delle università, i quartieri nei pressi delle scuole superiori e le basi militari fornivano una popolazione adeguata di giocatori.
Limiti di spostamento: un fattore importante per l'accesso ai giocatori era che non avessero altri posti dove andare. Gli studenti dei licei e delle università e, in misura minore, gli adulti delle basi militari sono spesso confinati nello stesso luogo per mesi o anche anni. Questo permette ai mondi delle campagne di svilupparsi, se lo si vuole.
Tempo libero: i giocatori che hanno altre opzioni di intrattenimento saranno attirati facilmente a fare altro. Negli anni '70 e '80 la televisione e i videogiochi erano sempre più dominanti, ma non quanto Internet lo è al giorno d'oggi. I giocatori meno interessati alle altre forme di socializzazione (come le feste) erano più inclini a cercare un gruppo di giocatori di ruolo come forma di socializzazione. E naturalmente avere un lavoro quotidiano estremamente irregimentato, limitante o addirittura non averne proprio uno aiutava in tal senso.
Man mano che gli anni sono passati questi fattori sono cambiati. I giocatori sono diventati più anziani, i limiti di spostamento sono diventati meno problematici, ma è diventato più difficile per gli adulti trovare dei nuovi giocatori. E naturalmente il tempo libero si è ridotto; non tanto per le responsabilità degli adulti, ma anche per via della presenza di ulteriori opzioni di intrattenimento che competono per il tempo e l'attenzione dei giocatori. Visti i limiti particolari della pandemia questi tre fattori sono tornati improvvisamente di voga.
"Bloccati" a casa con la propria immaginazione
Con così tanti giocatori e DM bloccati nelle proprie case i limiti di spostamento sono stati reimposti. Un gran numero di giocatori non possono andare da nessuna parte e con questi limiti ci sono meno opzioni di intrattenimento che competono per la loro attenzione. Hanno potenzialmente anche più tempo libero, visto che sono incrementati i licenziamenti e le licenze, gli spostamenti per lavoro sono ridotti e molti adulti altrimenti molto impegnati hanno scoperto che varie delle loro responsabilità si sono ridotte significativamente grazie al lavoro o all'insegnamento da remoto.
Grazie ad Internet il gioco online si è impennato:
E il gioco aiuta in un altro modo, fornendoci una via di fuga virtuale dal mondo fisico:
Fortunatamente questa pandemia non dovrebbe durare tanto quando la carestia che afflisse il popolo della Lidia. Ma nel frattempo stiamo seguendo un'antica ed onorata tradizione ben nota anche agli antichi Greci: quando si devono affrontare tempi difficili un po' di escapismo aiuta molto.
Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/threads/when-gaming-saved-the-world.672289/
Read more...

Role Playing June

Il sito Comicon, in collaborazione con le più importati realtà del mondo del gioco di ruolo in Italia, ha organizzato per il mese di Giugno una grande iniziativa virtuale chiamata RPJ - Role Playing June, la quale vedrà i giocatori cimentarsi su Discord in one shot per moltissimi dei giochi di ruolo attualmente pubblicati in Italia. Sarà possibile sia partecipare come giocatori, che essere semplici spettatori.

Entriamo più nel dettaglio leggendo direttamente l'annuncio per RPJ.
Tratto dalla pagina di Role Playing June
Per partecipare agli eventi giornalieri andate nella pagina dedicata a ROLE PLAYING JUNE e cliccate giorno per giorno sui link che trovate nel calendario degli eventi. Noi di Dragon's Lair non possiamo che consigliarvi di presenziare assiduamente in modo da poter dare un'occhiata a tantissimi gdr e al modo in cui vengono giocati.
Buone Avventure (in Remoto)!
Read more...
  • Regolamento e FAQ:
    Regolamenti e Privacy

    Sign in to follow this  

    Regolamento del sito


    Il forum di discussione Dragons' Lair è uno spazio virtuale gestito privatamente, e in quanto tale ogni utente visitatore o registrato può essere soggetto a restrizioni o allontanamenti secondo il giudizio degli Amministratori del sito. Il presente Regolamento del Forum Dragons' Lair contiene le norme stabilite dagli Amministratori come condizione necessaria per la partecipazione degli utenti alle attività della Community D'L. Per Community D'L si intendono sia le persone fisiche degli utenti registrati, sia le Aree di Discussione (ovvero le Sezioni del Forum e i vari Sottoforum), le Aree Utente (ovvero Messaggi Privati, Bacheche, Firme, Avatar, e Informazioni pubbliche del profilo), e le Aree Accessorie (ovvero Download, Blog, Gallery e Calendario).

    Il presente Regolamento del Forum è suscettibile di modifiche e integrazioni che verranno annunciate nella Sezione del Forum Dragons' Lair. Ogni modifica del Regolamento viene applicata in vista di una migliore chiarezza espositiva e della risoluzione di problematiche controverse. Il buon senso di tutti gli utenti registrati, è un valore a cui gli Amministratori si appellano affinché le norme del presente Regolamento del Forum possano configurarsi sempre più come concetti scontati e condivisi, e sempre meno come limitazioni da rispettare.
     

    CAPITOLO 1: AREE DI DISCUSSIONE

    Per Aree di Discussione si identificano le varie Sezioni del Forum con relativi Sottoforum. All'interno delle Aree di Discussione ogni utente è tenuto a comportarsi secondo le norme descritte in questo Capitolo. Alcune Sezioni del Forum o Sottoforum possono essere regolamentate da ulteriori norme, che saranno esposte in discussioni in evidenza dal titolo Regolamento di Sezione.

    Per qualsiasi chiarimento si invitano gli utenti a contattare privatamente un Amministratore, un Supermoderatore, o un Moderatore della Community (link)

     

    1: Cosa non è consentito fare nel sito

    1.1 Inserire messaggi che insultano, offendono o diffamano sia persone fisiche, sia persone giuridiche di diritto pubblico o privato.

    1.2 Inserire messaggi provocatori, denigratori, sarcastici o dai toni aggressivi. Astenersi da tali comportamenti è necessario per creare un ambiente sereno di discussione.

    1.3 Fornire o richiedere materiale pornografico, pirata, o finalizzato a pratiche commerciali scorrette, o a qualsiasi altra attività illecita ai sensi delle vigenti leggi italiane.

    1.4 Fornire o richiedere immagini di nudo, scabrose o comunque sconvenienti, sia direttamente che tramite link a siti esterni.

    1.5 Scrivere messaggi in linguaggio scurrile, usando abbreviazioni tipiche dei messaggi SMS, abusando del Caps Lock, o comunque in qualsiasi modo che ostacoli la lettura del testo.

    1.6 Promuovere o difendere ideologie, movimenti, o pensieri che siano discriminatori o non rispettosi della libertà individuale.

    1.7 Rispondere a tono a provocazioni, flamebait, o a qualsiasi violazione del regolamento descritta nei punti precedenti.

    1.8 Utilizzare un account in modo condiviso con altri utenti. Similmente nessun account può essere ceduto, anche temporaneamente, ad altre persone.

    1.9 Registrare o utilizzare più di un account per la stessa persona.

    1.10 Iscriversi con un indirizzo e-mail che non sia riconducibile alla propria persona. Ad esempio tramite indirizzi e-mail di familiari o amici.

    1.11 Inserire messaggi fuori tema (in gergo OT), in particolare per: autopromozione o referral non autorizzati; post-counter SPAM; ringraziamenti.

    1.12 Inserire discussioni in sezioni non adatte al tema della stessa, o trattare Temi a Rischio. I Temi a Rischio sono argomenti di discussione considerati ad alto rischio di degenerazione. Una lista dei Temi a Rischio attuali è sempre presente in un apposito topic in evidenza collocato nelle sezioni opportune.

    1.13 Crossposting, ovvero utilizzare lo stesso testo per creare risposte in più discussioni.

    1.14 Necroposting, ovvero rispondere ai singoli messaggi di discussioni a tema esaurito. Si considerano discussioni a tema esaurito le richiesta prive di risposta per più di 15 giorni. Utilizzare un topic a tema esaurito per porre una nuova domanda non è considerato necroposting.

    1.15 Topic bump, ovvero rispondere ad una discussione al solo scopo di portarla in cima alla lista nella relativa sezione.

    1.16 Inserire messaggi multipli consecutivi a intervalli di tempo inferiori alle 24h. Entro 24h dall’invio di un messaggio è possibile modificarne il contenuto.

    1.17 Scrivere messaggi di carattere commerciale contenente pubblicità, link a prodotti o aste. Le discussioni di compravendita vanno inserite nella Sezione del Forum Mercatino.

    1.18 Pubblicare il contenuto di e-mail, chat private o M.P. senza l'esplicito consenso dell'autore. Si può comunque segnalare privatamente ai Moderatori.

    1.19 Incitare alla violazione delle regole qui descritte, o criticare pubblicamente l'operato dei Moderatori D'L.

    La violazione delle norme contenute in questo Paragrafo può portare all'applicazione di provvedimenti disciplinari a discrezione dei Moderatori, secondo le modalità specificate nel Sistema di Avvertimenti (link).

     

    2: Cosa è necessario comprendere prima di pubblicare contenuti nel sito

    2.0 Buonsenso, rispetto ed educazione sono ingredienti fondamentali per qualsiasi discussione civile e proficua.

    2.1 Denigrare l'altrui modo di giocare o di concepire il gioco, in questo sito è sempre considerato un comportamento provocatorio se non offensivo. Si consiglia di evitare di dare giudizi negativi anche impliciti in questo senso.

    2.2 Scrivere in maniera sintetica, curando ortografia, grammatica, sintassi e formattazione del testo, aiuta a rendere comprensibile il messaggio. Un messaggio eccessivamente lungo scoraggia il lettore, così come un messaggio presentato come un paragrafo di testo concentrato privo di maiuscole, linebreaks o spazi appropriati.

    2.3 L'avatar di ogni utente ne consente l'identificazione immediata e facilita la comprensione delle discussioni. Avere un avatar è obbligatorio. Si sconsiglia di cambiare avatar frequentemente.

    2.4 L'utilizzo dei TAG aiuta la catalogazione dei contenuti per facilitare eventuali consultazioni future.

    2.5 Un titolo sintetico, essenziale, e privo di punteggiatura, aiuta la catalogazione della discussione per facilitare eventuali consultazioni future. Durante la creazione del titolo di una discussione si consiglia di evitare: termini generici come "aiuto" o "suggerimento"; la forma interrogativa; più di quattro parole; slash, backslash, virgole, punti, punti esclamativi o qualsiasi segno di punteggiatura non strettamente necessario.

    2.6 Rispondere a una discussione esistente è preferibile ad aprire una nuova discussione con lo stesso tema. La funzione Cerca è una risorsa che può aiutare voi e gli altri a trovare la soluzione al vostro problema.

    2.7 Leggere le discussioni in evidenza permette di conoscere molte risorse messe a disposizione degli utenti.

    La violazione delle norme contenute in questo Paragrafo può: determinare un'aggravante per le violazioni del punto 1; in casi particolarmente significativi, portare all'applicazione di provvedimenti disciplinari a discrezione dei Moderatori, secondo le modalità specificate nel Sistema di Avvertimenti (link).

     

    3: Regolamenti di Sezione

    All'interno delle Aree di Discussione, ovvero le Sezioni del Forum e i Sottoforum, possono essere presenti delle discussioni dal titolo REGOLAMENTO di SEZIONE. Tali discussioni riportano norme specifiche richieste per quella particolare Area di Discussione. Gli utenti sono invitati a verificarne la presenza nelle sezioni in cui intendono inviare contenuti.

     

    4: Argomenti Trattati

    Il forum Dragons' Lair è uno spazio virtuale di discussione su temi relativi ai Giochi di Ruolo. La struttura del forum stabilisce e regolamenta la suddivisione degli argomenti trattati in apposite Aree di Discussione. Nonostante ciò, alcuni argomenti non possono essere trattati (vedi i punti 1.3 e 1.12).

    Inoltre, sebbene il regolamento non proibisca esplicitamente di trattare temi politici, religiosi o di attualità (purché sia fatto nelle Aree di Discussione adatte), si stabilisce che

    4.1 Chiunque apra e/o partecipi a tali discussioni si fa carico delle responsabilità che gli verranno attribuite in caso di degenerazioni del topic stesso.

    4.2 Qualsiasi infrazione del regolamento compiuta nell'ambito di tali discussioni, è considerata di maggior gravità rispetto alla norma.

    4.3 Non sono in alcun caso permesse discussioni di propaganda (o denigrazione) politica e/o religiosa, che verranno immediatamente cancellate.

     

    5: Moderazione e Contestazioni

    L'Amministrazione del forum delega ad alcuni utenti meritevoli, denominati Moderatori, il compito di controllare e intervenire per garantire il rispetto del Regolamento, la risoluzione di problemi tecnici, e la catalogazione efficiente dei contenuti. L'organico dei Moderatori viene modificato e rinnovato in cicli di circa 12 mesi, e ogni cambiamento viene annunciato pubblicamente nella Sezione del Forum Dragons' Lair. Le seguenti norme definiscono i poteri dei Moderatori

    5.1 Gli utenti Moderatori vengono abilitati dal sistema alle seguenti azioni:

    • Modificare/spostare/fondere/clonare qualsiasi contenuto presente nelle sezioni di propria competenza.
    • Mettere in rilievo/aprire/chiudere qualsiasi contenuto presente nelle sezioni di propria competenza.
    • Modificare sondaggi presenti nelle sezioni di propria competenza.
    • Assegnare avvertimenti a qualsiasi utente, nonché rimuoverne i PE più recenti, in seguito a violazioni del regolamento generale o di sezione.
    • Nelle sezioni di propria competenza, chiamare lo SLOW DOWN per una discussione secondo le modalità descritte di seguito.

    5.2 Lo strumento di moderazione SLOW DOWN per una discussione, viene chiamato con un post del moderatore e l'aggiunta del tag [SLOW DOWN] al titolo della discussione. In una discussione con tag [SLOW DOWN], ogni utente può rispondere una sola volta per giorno solare (dalle 00:00 alle 23:59 della stessa giornata). I trasgressori di tale regola verranno sanzionati secondo le modalità descritte nella sezione 7.

    5.3 In caso di dinamiche impreviste, di dubbia interpretazione, o non contemplate dal Regolamento, si delega all'autorità dei Moderatori la possibilità di decidere caso per caso in che modo operare.

    5.4 I Moderatori non sono obbligati ad avvisare alcun utente prima o dopo un loro intervento, di qualsiasi natura esso sia (modifica del titolo di un topic, trasferimento di una discussione da una sezione ad un'altra, eliminazione di un intervento/discussione).

    5.5 In conformità con quanto espresso al punto 1.19 di questo Regolamento, non è consentito criticare apertamente l'operato degli Amministratori o dei Moderatori sul forum, ma è comunque possibile richiedere spiegazioni o segnalare un comportamento scorretto tramite M.P. al diretto interessato, a un Supermoderatore o a un Amministratore.

     

    6: Segnalazioni

    In ogni contenuto, compresi quelli privati, è presente il pulsante "Segnala Messaggio", che riporta il messaggio all'attenzione dei Moderatori, con l'aggiunta di un commento inseribile dall'utente segnalatore. Per qualsiasi violazione impunita del Regolamento, comportamento ritenuto scorretto, o lamentela relativa ad un messaggio, gli utenti sono tenuti ad utilizzare questa funzione e attendere l'intervento di un Moderatore. Eventuali abusi di questa funzione saranno soggetti a provvedimenti amministrativi.

     

    7: Infrazioni e Sanzioni

    Ogni moderatore può assegnare delle Infrazioni o Sanzioni, secondo le modalità descritte nell'attuale Sistema di Avvertimenti (link).

    Le Infrazioni e le Sanzioni ricevute sono visibili ad ogni Moderatore del forum, e lo storico delle Infrazioni di ogni utente viene usato come base per decidere i provvedimenti da prendere in caso di violazioni future.
    Ogni Infrazione assegna all'utente una certa quantità di punti avvertimento. I punti avvertimento non comportano di per sé alcuna limitazione, ma al raggiungimento di alcune soglie di punti il sistema impedirà all'utente di pubblicare contenuti o di accedere al sito per un periodo di tempo variabile, proporzionale alla quantità di punti avvertimento accumulati.

    L'eventuale espulsione dal forum (Ban) riguarda la persona fisica e non l'account dell'utente, quindi si provvederà a eliminare qualsiasi altro account clone creato successivamente.

    Ogni utente sanzionato o "infrazionato" è tenuto a richiedere spiegazioni ad un Moderatore, qualora non gli fosse chiaro il motivo.

     

    CAPITOLO 2: AREE UTENTE

    I contenuti inviati nelle Aree Utente sono soggetti alle stesse norme descritte ai Paragrafi 1, 2 e 4, Capitolo 1 del presente Regolamento del Forum.

     

     1: Avatar e Firma

    Con il termine Avatar si intende un'immagine personale scelta da ogni utente che lo rappresenta all'interno del forum. La Firma è un contenuto di testo compatibile con il BBCode che viene visualizzato al termine di ogni messaggio inviato dall'utente. Testo e immagini scelti dall'utente come Avatar e Firma non possono contenere

    1.1 Link a siti esterni: pubblicitari, noti o segnalati per phishing, di giochi con contatore di visite.

    1.2 Immagini o riferimenti a personaggi politici, o ricollegabili ad ideologie politiche, di qualsiasi nazione o epoca.

    1.3 Immagini che espongano nudità, di qualsiasi genere.

    La violazione delle norme contenute in questo Paragrafo può portare all'applicazione di provvedimenti amministrativi a discrezione dei Moderatori, secondo le modalità specificate nel Sistema di Avvertimenti (link).

     

    2: Bacheca e Informazioni pubbliche del profilo

    Per Bacheca si intende l'omonima pagina del profilo di ogni utente registrato sul forum. Per Informazioni pubbliche del profilo si intendono le informazioni visibili nella pagina Informazioni del profilo di ogni utente.

     

    3: Messaggi Privati e Chat

    Messaggi Privati e Chat sono dei sistemi di comunicazione privata gestiti dalla piattaforma software del forum. Questi contenuti privati non sono visibili ai Moderatori, ma possono essere segnalati attraverso la funzione apposita descritta al punto 6, Capitolo 1 del presente Regolamento del Forum.

     

    4: Cancellazione di un utente registrato

    Gli utenti che vogliono veder rimossi i propri dati di registrazione dal forum D'L devono inviare un'e-mail all'indirizzo privacy@dragonslair.it tramite il loro indirizzo di registrazione specificando il nome dell'account utente, oppure inviare un messaggio privato ad un Amministratore del forum.

    La procedura di rimozione di un account prevede la cancellazione dei dati inseriti all'interno del profilo del forum (compreso ovviamente l'indirizzo e-mail). Il nickname scelto in fase di registrazione rimane associato ai messaggi scritti dall'utente prima della cancellazione del profilo; il nickname compare nelle pagine delle discussioni con il titolo di "guest", senza profilo associato.

    Lo Staff D'L non può eliminare la totalità dei contenuti inviati dall’utente (vedi Termini di servizio). Anche nel caso in cui vengano cancellati tutti i messaggi scritti, potranno rimanere visibili eventuali citazioni (totali o parziali) di questi messaggi all'interno dei contenuti inviati da altri utenti.

    Ogni utente può provvedere autonomamente alla cancellazione dei propri messaggi privati, scritti e ricevuti, prima che l'account venga cancellato. È anche possibile anche scaricare i messaggi privati in vari formati, utilizzando l'apposita funzionalità presente nel proprio profilo personale. Una volta cancellati, i messaggi non potranno essere ricuperati in alcun modo.

     

    CAPITOLO 3: AREE ACCESSORIE

    I contenuti inviati nelle Aree Accessorie sono soggetti alle stesse norme descritte ai Paragrafi 1, 2 e 4, Capitolo 1 del presente Regolamento del Forum.
     

    1: Gallery

    Per Gallery si intende l'insieme delle immagini caricate dall'utente sul proprio profilo. Le immagini inserite non possono

    1.1 essere protette da copyright, a meno che i diritti d'autore non appartengano direttamente all'utente, o al sito dragonslair.it.

    1.2 contenere nudità, totale o parziale, a prescindere dallo scopo per cui è presente (vedi anche la voce 1.4 del Capitolo 1). Alcuni motori di ricerca monitorano le nostre immagini pubbliche in maniera automatica, e possono imporci pesanti restrizioni per la presenza di nudità.

    1.3 contenere riferimenti politici, ideologici o religiosi controversi, secondo la valutazione dei Moderatori.

     

     2: Articoli, Blog, Calendario e Download

    Oltre alle Aree finora descritte, ogni utente registrato è abilitato a inserire contenuti:

    • nel proprio Blog, sotto forma di intervento o di commento. Ogni utente registrato è abilitato a possedere un Blog all'interno del sito.
    • nel Blog di un altro utente, sotto forma di commento ad un intervento.
    • nel Calendario comune Dragons' Lair, sotto forma di evento o commento.
    • come commento a un Articolo, pubblicato nella pagina Home del sito.
    • in area Download, sotto forma di file scaricabile o commento ad un file.

    Ognuna di queste Aree va utilizzata per esclusivamente per le finalità ivi dichiarate. Ricordiamo in particolar modo la validità delle norme 1.3 e 1.4 del Capitolo 1.


    2.1 Qualsiasi contenuto pubblicato in area Download deve essere libero da copyright, a meno che i diritti d'autore appartengano direttamente all'utente, o al sito dragonslair.it

    La violazione delle norme contenute in questo Paragrafo può portare all'applicazione di provvedimenti amministrativi a discrezione dei Moderatori, secondo le modalità specificate nel Sistema di Avvertimenti (link).

     

    Edited by aza

    Sign in to follow this  



×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.