Jump to content

Muso

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    3.6k
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    15

Muso last won the day on August 23

Muso had the most liked content!

Community Reputation

970 Dragone

About Muso

  • Rank
    Eroe
  • Birthday 01/27/1973

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  • Location
    Bologna
  • GdR preferiti
    D&D
  • Interessi
    Giochi di ruolo, baseball, computer
  • Biografia
    D&D player since 1987

Recent Profile Visitors

4.2k profile views
  1. Peccato. Ciò non toglie nulla al lavorone che avete fatto. Si nota un miglioramento sensibile.
  2. Il nuovo forum è molto bello. Una domanda: sarebbe possibile nella versione mobile spostare di nuovo il pulsante "contrassegna il forum come letto" di nuovo ad inizio pagina?
  3. Personalmente i motivi sono vari, ma specifico subito che avessero fatto uscire le ambientazioni di D&D e poi quelle di magic penso che molti vecchi giocatori avrebbero trovato meno da ridire. Detto questo: - È un altro gioco. Sarebbe come se quelli di Pathfinder facessero uscire dei supplementi per la Terra di Mezzo prima dei supplementi per Golarion. - Le ambientazioni di magic sono spesso dei contorni per il gioco di carte e spesso sono piuttosto scadenti. - Motivazione personale e opinabilissima: a me magic fa schifo. Odio il concetto di un gioco in cui vince chi pa
  4. Aspetto con molta cautela... prima di parlare ormai è meglio sentire l'annuncio. Due commenti veloci: - se esce qualcosa nel 2021/2022 per quanto mi riguarda sarebbero manuali che escono con 3/4 anni di ritardo (dare priorità alle ambientazioni di magic è stato solo uno spreco di tempo). - se ci fosse Spelljammer nelle tre non sarei molto contento. Al tempo della sua uscita ebbe solo un successo marginale. Era un setting molto di nicchia e ci sono stati altri setting molto più di successo. Ma non faccio pronostici.
  5. In effetti non avevo considerato Tiamat, anche se è un po' diversa da Auril essendo una divinità-drago.
  6. Finalmente ci siamo emancipati da Zambrano 🙂 Stupidate a parte: trovo questo articolo molto interessante. Mi è venuto da pensare cosa faceva un po' il vecchio BECMI di D&D. La scatola rossa era incentrata su un tipo di gioco (dungeon crawling), l'expert espandeva ai viaggi nelle terre selvagge o civilizzate che fossero, il companion iniziava a parlare di baronie, feudi, eserciti e così via fino al set immortal. Il gioco era lo stesso, ma venivano man mano esplorate strutture diverse.
  7. È interessante che per la prima volta nella quinta edizione (se non sbaglio) vediamo le statistiche di una divinità.
  8. Pagina 202 del Manuale del Giocatore Ecco il riferimento esatto alla regola
  9. Hai ragione tu. Adesso sono con il cellulare e non riesco a trovarti un riferimento, ma se per assurdo avesse ragione il tuo master allora anche chi attacca con due armi non potrebbe farlo senza un'abilità specifica (che non c'è di fatto, o meglio c'è l'abilità di classe del guerriero che permette di sommare il bonus di forza ai danni ma non è che conceda di fare o meno l'azione bonus). L'azione bonus la puoi sempre fare se hai qualcosa da fare che richiede un tempo "azione bonus" come il tempo di lancio di alcuni incantesimi.
  10. Ciao a tutti. Per il momento terrei il buon vecchio Strahd in naftalina. Se volete ritenetevi liberi di trovare altri tavoli (virtuali o meno).
  11. Direi di sì. L'idea della one shot o della campagna breve di quattro sessioni può funzionare. Manca il concetto di "sessione zero" che forse ti evita molte perdite di tempo.
  12. No no. È un elogio ai giocatori proattivi e fantasiosi. Mica si devono tirare per forza fuori i coltelli 😄 Ricordo una volta in cui due personaggi fecero di tutto per vincere il cuore di una compagna di gruppo o un personaggio che convinse gli altri pg a fare di tutto pur di fare sì che il dio dei morti gli ridesse l'amata defunta. O il paladino del gruppo che fece arrestare il ladro perché "vedrai che dopo mi ringrazierà" 😄
  13. @Bille Boo e @SilentWolf concordo pienamente. Quello che io chiamavo canovaccio contiene sia la motivazione del perché i personaggi si trovano a vivere quegli eventi (il conflitto direste voi usando una terminologia più appropriata della mia) sia le motivazioni dei singoli personaggi che sono state identificate fra il singolo giocatore e il DM. Mi viene da aggiungere che questo stile non sia per tutti i giocatori. Quelli propensi o abitiati a questo tipo di gioco hanno relativamente bisogno del master, si creano i loro obiettivi e la loro storia quasi in autonomia e la "trama principale" dell'
  14. Direi che @SilentWolf centra bene il punto anche se più che stile "sandbox" io lo chiamerei più stile "improvvisazione" per legarlo ad uno specifico stile teatrale. In pratica tutti gli attori al tavolo stanno improvvisando su un tema proposto, DM compreso che propone il tema/canovaccio ma poi deve improvvisare a sua volta facendo reagire il mondo di gioco in base alle azioni dei personaggi. Si conosce il punto di partenza ma non si ha assolutamente idea di dove si andrà a parare. Se qualcuno avesse mai visto un match di improvvisazione teatrale può farsene un'idea molto alla lontana, ma il co
  15. Saranno contenti quelli che lamentano poche opzioni. Alcune sembrano interessanti (tatuaggi e regole opzionali).
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.