Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Cosa c'è di nuovo su Kickstarter: Avatar Legends

Andiamo ad approfondire i dettagli di questo Kickstarter di grande successo, di cui avevamo già parlato in anticipo su questo forum. 

Read more...

Un annuncio ufficiale riguardo il canone di Dungeons & Dragons 5E

Dopo le dichiarazioni di Jeremy Crawford sul canone di Dungeons & Dragons i D&D Studios hanno rilasciato un post pubblicato sul loro blog in merito a ciò che viene considerato canonico per il gioco.

Read more...

I romanzi, i videogame e i manuali precedenti alla 5a Edizione non sono considerati canonici per D&D 5E

Jeremy Crawford, lead designer e responsabile della 5a Edizione di D&D, ha dichiarato che tutto il materiale legato alle passate edizioni non è considerato canonico ai fini della 5E.

Read more...

Alfeimur: Uscite per il 2021

Scopriamo assieme le novità per il 2021 della linea di Alfeimur Quinta Edizione.

Read more...
By Lucane

Humble Bundle: 13th Age

Un nuovo Humble Bundle, questa volta a tema 13th Age, è stato reso disponibile in collaborazione con la Pelgrane Press.

Read more...

Dubbi sui gradi sfida


Lyt
 Share

Recommended Posts

Ho un dubbio sui gradi sfida, dubbio che pensavo di aver risolto. Ma oggi mi è tornato

Cosa significano i gradi sfida dei mostri? e quanto valgono?

 

Mi spiego, da quanto ne sapevo (generalmente) un grado sfida vuol dire che in media servono 4 pg di un certo livello per gestirsela (con relativa facilità). Ma oggi mentre facevo un paio di ricerche ho notato che mostri come il Tarrasque hanno gradi sfida superiori al 20 (livello massimo in 5e) quindi come si dovrebbe gestire? Si chiamano altri 2 png al 20? Il grado sfida non tiene conto delle armi magiche e quindi gli si può tenere testa con un paio di spade +3?

 

Diciamo che un ripasso generale sui gradi sfida mi tornerebbe utile😅 (è l'unica parte di 5e che non ho ancora ben capito)

Link to comment
Share on other sites


Allora intanto bisogna partire da un punto fermo. I gradi sfida sono fatti male in 5e. Un gs elevato da solo contro pg di livello superiore al 2 in uno scontro che dovrebbe essere bilanciato viene sconfitto con estrema facilitá se i pg hanno full risorse o comunque non con la difficoltá attesa se ne hanno consumate alcune.

Detto ciò la GDM da regole veramente fallaci e prova a metterci una pezza la xanathar che spiega meglio come affrontare la questione, ma senza effettivamente risolvere il problema. Alcuni hanno affrontato la questione e stilato nuove tabelle per gli incontri che qualcuno ha linkato ma che ora non ritrovo.

personalmente ormai vado ad occhio e modifico le cose sulla base della situazione fintanto che non avrò capito bene come funziona, ma rimane il fatto che il boss da solo è comunque più scarso di N add, quindi è bene evitare combattimenti con boss potente e basta anche se usare boss meno potenti fa perdere pathos, ma purtroppo questo é uno dei grossi bug della 5e. 

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Lyt ha scritto:

Ho un dubbio sui gradi sfida, dubbio che pensavo di aver risolto. Ma oggi mi è tornato

Cosa significano i gradi sfida dei mostri? e quanto valgono?

 

Mi spiego, da quanto ne sapevo (generalmente) un grado sfida vuol dire che in media servono 4 pg di un certo livello per gestirsela (con relativa facilità). Ma oggi mentre facevo un paio di ricerche ho notato che mostri come il Tarrasque hanno gradi sfida superiori al 20 (livello massimo in 5e) quindi come si dovrebbe gestire? Si chiamano altri 2 png al 20? Il grado sfida non tiene conto delle armi magiche e quindi gli si può tenere testa con un paio di spade +3?

 

Diciamo che un ripasso generale sui gradi sfida mi tornerebbe utile😅 (è l'unica parte di 5e che non ho ancora ben capito)

Il grado sfida è puramente indicativo (per non dire fatto male).

È vero, ci sono talmente tante cose da tenere conto che penso sia impossibile definite un vero e proprio grado sfida. Pertanto, i gs dei mostri sono indicativi. 

In 5e sono calibrati nel srguente modo:

Un gs X offre una sfida di difficoltà NORMALE ad un gruppo di 4 pg di lvl X senza l'ausilio di oggetti magici.

Qui precisiamo alcune cose: X è lo stesso valore (esempio: gs 5= sfida normale per 4 pg di lvl 5 senza oggetti magici).

La sfida normale si intende un livellp di difficoltà accessibile, che non richiede per forza di cose di utilizzare risorse preziose (quali eccessivi usi di proprie abilità) o ne richiede una minima parte.

Ci sono diversi gradi di sfida:

- Facile: uno scontro a favore dei pg, possono affrontare la minaccia senza correre pericoli

- Normale: il calibro dei GS (in generale). Dovrebbe indicare una sfida equa, come spiegato sopra

- Difficile: sono sfide intense e impegnative, che costringono i giocatori ad usare le loro risorse per vincere lo scontro. Se prendiamo per esempio le varie avventure ufficiali, per scontro difficile si intende un combattimento che ha come grado sfida uno o due livelli sopra quello dei giocatori.

esempio: un mostro di gs 7 per un gruppo di 4 personaggi di 5° livello (quando però si ha solo un mostro, lo scontro tende sempre ad essere a favore dei giocatori, rendendo la sfida piu facile. Un boss meno forte ma con dei minion che, sulla carta, equivale ad un combattimento con ga 7 è piu indicato per il concetto di "difficile")

- Mortale: il livello piu difficile di sfida proposta: generapmene si intende dai 3 livelli di gs in su rispetto al livello dei pg (un combattimento gs 8 contro un party di 4 gs 5). Attenzione che Mortale mon significa sbilanciato; anche in uno scontro mortale i giocatori, se usano le loro risorse al massimo e un pò di arguzia, devono essere in grado di uscirne vivi. Qualora questo non dovesse accadere, il combattimento risulta semplicemente sbagliato.

Tutte queste parole però servono solo a fornire dei concetti indicativi. L'ausilio di oggetti magici cambia drasticamente le carte in tavola, un effetto sorpresa agevola il combattimento, ecc ecc.

I mostri con gs superiore a 20 stanno ad indicare dei mostri incredibilmente forti, tanto forti da risultare pericolosi per un gruppo di livello massimo. Questo però non significa che un gruppo di 4 pg al 20 non possano affrontare Demogorgon (gs 26) o il Terrasque (gs 30), semplicemente sarà una sfida terribilmente difficile (e sconsigliata, in quanto mostri del genere sono solitamente usati come sfida finale, magari con uno scontro campale o altre diavolerie da dm). Ricordo che parliamo di gs 26 e 30 (in questo caso) in confronto a 4 pg lvl 20 senza oggetti magici.

Spero di essere stato abbastanza preciso, alla fine il gs serve al master come punto di riferimento per creare la sfida, col tempo ti ci fai la mano, conosci i player e i pg, capisci un po dove puoi spingerti e te inizierai a considerare il gs un valore secondario.

  • Like 3
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Sia sul manuale DM che poi sulla xanathar guide viene spiegato per bene con tanto di esempi.. dalla tua domanda mi viene il dubbio che tu non l'abbia letto e non è bene per un DM 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, AVDF ha scritto:

Sia sul manuale DM che poi sulla xanathar guide viene spiegato per bene con tanto di esempi.. dalla tua domanda mi viene il dubbio che tu non l'abbia letto e non è bene per un DM 

Si ma sono fatti dimmerda. è assolutamente naturale che un dm che li ha letti dopo averli provati abbia dei dubbi.

il fatto è che chi ha giocato ad altre edizioni si aspetta una cosa decisamente diversa e fatta meglio. In 3e che aveva tonnellate di problemi i GS erano fatti da dio almeno. 

Edited by Lord Danarc
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, AVDF ha scritto:

Sia sul manuale DM che poi sulla xanathar guide viene spiegato per bene con tanto di esempi.. dalla tua domanda mi viene il dubbio che tu non l'abbia letto e non è bene per un DM 

Per quanto non abbia una copia fisica di xanathar leggo le wiki e mi informo sui contenuti. Infatti (come ho anche scritto) so che:

4 ore fa, Lyt ha scritto:

un grado sfida vuol dire che in media servono 4 pg di un certo livello per gestirsela (con relativa facilità)

Il problema è che mi è venuto il dubbio a guardare le GS di alcuni mostri superiori al 20

Inoltre come hanno detto, provando i fight seguendo solo la regola sopraelencata i combattimenti vengono abbastanza semplici. è per questo che avevo dubbi (più sulla pratica che sulla teoria)

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Alonewolf87 ha scritto:

Beh magari é solo la mia esperienza personale ma non ho mai avuto difficoltá a bilanciare uno scontro. Le regole erano chiare e mi è bastato sempre applicarle dal primo giorno a quando sono passato alla 5e una quindicina di anni dopo (comprendo anche pathfinder nel computo). Regole semplici e scontri adeguati… il resto no eh, aveva grossi bug e problemi di bilanciamento ma in quest’aspetto mi sono sempre trovato bene. 

Link to comment
Share on other sites

37 minuti fa, Lyt ha scritto:

Inoltre come hanno detto, provando i fight seguendo solo la regola sopraelencata i combattimenti vengono abbastanza semplici. è per questo che avevo dubbi (più sulla pratica che sulla teoria)

ma infatti per quello ti invitavo a leggere i manuali (anche perchè è il minimo che dovrebbe fare chi vuol fare il DM)..perchè la regola sopraelencata è troppo semplicistica, mentre esiste un criterio basato su vari gradi di mortalità... certo, come dicono altri, a volte il GS può essere buggato ma io trovo che in generale dia buoni risultati, o comunque una buona base da cui partire.

Comunque, per praticità, puoi anche usare il comodissimo sito kobold fight club.

Link to comment
Share on other sites

Aggiungo un punto che ho fatto altre volte, che credo sia il singolo punto più importante nel bilanciamento e nonostante questo viene misteriosamente dimenticato quando si parla di costruire incontri (ad esempio nella guida di Mike Shae). Quasi tutte le guide sembrano considerare un incontro come un evento nel vuoto, un evento che ha una probabilità di finire con la vittoria dei PG e una probabilità di finire con la vittoria dei mostri. Se la probabilità di vittoria dei PG è 100% è quindi un evento troppo facile, se è 0% (ma anche 90%) è un evento drammaticamente mortale. Scopo di queste guide è definire queste probabilità, evitare gli estremi.

Ma la struttura del gioco di D&D, e di quasi tutti i GdR che siano CRPG o TRPG, non è quasi mai una struttura in cui hai uno scontro con X probabilità di vittoria. Le regole del gioco sono pensate per un dungeoncrawl, e in questa struttura la struttura è una serie di incontri, ognuno dei quali brucia risorse. Ogni incontro preso singolarmente, i PG hanno una probabilità vicino al 100% di vittoria, se usano tutte le risorse a loro disposizione. La domanda giusta è: ce la faranno i giocatori ad arrivare a fine giornata senza aver esaurito le loro risorse? La domanda che ti devi porre su uno scontro è: quante risorse brucia questo scontro? Perderanno punti ferita? Slot incantesimo? Il gioco e i CR sono tarati non su uno scontro, ma su 6-8 incontri prima del riposo lungo, che ripristinerà tutte le risorse. Non si possono valutare gli eventi senza discutere la giornata. Se hai 2 incontri a riposo lungo, non puoi lamentarti se due scontri hard, che sono pensati per togliere un 20% di risorse, non risultino hard. I personaggi andranno a dormire con quasi tutte le risorse e nessuna probabilità di essere sconfitti. Ma se di scontri hard ne avessero affrontati 8? Allora è diverso, perché per riuscire a superare la giornata devono essere bravi, cercare riposi brevi, superare ogni scontro con meno perdite possibili. Uno scontro "deadly" da manuale non è uno scontro dove il gruppo rischia di morire, ma uno scontro che consumerà in media il 50% di risorse del gruppo. Potrebbe morire un membro del gruppo se le cose vanno molto male, ma la maggior parte degli incontri deadly sono semplicemente incontri che lasciano il gruppo con pochi hp e pochi slot.

E se vuoi invece uno scontro che singolarmente sia pericoloso, un incontro del primo tipo (X% di vittoria, (100-X)% di sconfitta)? Per quello esistono i mostri con CR (molto) superiore a 20. Lo scontro con questi mostri sono pensati non alla fine di un dungeoncrawl, ma in situazioni in cui i PG hanno accesso a tutte le risorse, come un incontro unico: ti riposi prima e ti riposi dopo. In questi casi, il manuale non ti aiuta, perché non è pensato per questo: dovrai andare necessariamente a CR molto più alti di un incontro deadly. All'inizio vai a esperienza, è difficile da valutare (anche perché al 20 dipende molto dalla composizione del gruppo, alcune abilità speciali possono essere devastanti in uno specifico incontro). Se lo scontro è importante, e uno scontro con un Tarrasque dovrebbe essere importante, ti suggerisco di provarlo prima della sessione. Prendi i tuoi personaggi, guardati le schede, e prova lo scontro. Questo ti darà un'idea generale.

Edit: aggiungo un link ad una guida che non dimentica questo punto

https://arcaneeye.com/dm-tools-5e/5e-encounter-building/

Edited by bobon123
  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By federico1976berton@yahoo.i
      Ciao a tutti, sulla guida al ladro ho trovato questa classe l: il guerriero tattico, che permette, con il talento fiancheggiatore, di fiancheggiare da soli indicando la propria casella come casella di fiancheggiamento. È vero? Cioè funziona proprio così come l'ho descritta?
    • By Anthaldin94
      Ragazzi diverbio con giocatore.
      Il mio npg ha un elmo che gli concede resistenza al fuoco.
      Il giocatore ha adepto elementale quindi ignora la resistenza.
      Ma se l npg usa l incantesimo assorbire elementi quindi 2 resistenza al fuoco. Si prende tutti i danni o metà? Usando l incatensimo assorbire elementi. Grazie mille 
    • By MadLuke
      Ciao,
           ancora sensazione di smarrimento: se un personaggio fa un attacco contro una creatura che ha Burn, o Sheat of Flame (Dragon Magazine) o Sussurri piaganti (MoF) subisce 1d6 danni da energia. Bene. Se il personaggio fa 4 attacchi in un round subisce 4d6. Bene.
      ...E se è in lotta, o addirittura immobilizzato? Assumendo che nei precedenti attacchi il momento di contatto arma/avversario ha durata pressoché istantanea (eppure sufficiente a ricevere il danno), in caso di lotta che sono a contatto continuo per 6" dovrebbe ricevere danno infinito.
      Come si fa?
      Ciao e grazie, MadLuke.
    • By Vale73
      Ciao a tutte e tutti, stavo pensando e ripensando alla regola (opzionale) sul manuale di espansione Tasha's Cauldron of Everything che permette di mettere a qualsiasi caratteristica, e non solo a quelle canoniche, i bonus razziali sulle caratteristiche. Istintivamente mi piaceva: mio figlio (12 anni) ha creato un dragonide artefice (background sapiente), e gli ho lasciato mettere il +2 in Intelligenza, anzichè Forza, e il +1 in Forza, anzichè Carisma, e anche la storia di background è venuta molto bene. Mi piacciono in generale tutte quelle regole che tendono ad ampliare la libertà di scelta e di personalizzazione in fase di creazione del personaggio. 
      E poi mi sono venuti in mente i Nani delle Montagne: +2 in Costituzione, +2 in Forza, Competenza sulle Armature Leggere e Medie, da un punto di vista delle meccaniche di gioco. E mi sono accorto che, da un punto di vista strettamente regolistico, potrebbero essere gli incantatori in armatura definitivi: Nano delle Montagne Mago: +2 in Intelligenza, + 2 in Costituzione (buona sia per i pf che per i tiri salvezza per non perdere la Concentrazione sugli Incantesimi), competenza sulle armature leggere e medie e quindi possibilità di lanciare tranquillamente incantesimi in armatura, secondo le regole della 5a; Nano delle Montagne Stregone (o Warlock): +2 in Carisma, +2 in Costituzione (e lo Stregone ha anche il Bonus di Competenza sui Tiri Salvezza su Costituzione), possibilità di lanciare incantesimi in armatura come sopra. 
      Inoltre, a mio avviso, la possibilità di mettere liberamente i bonus di caratteristica potrebbe rendere ancora più frequenti alcune build, privilegiando caratteristiche che sono a mio avviso più utili di altre in questa edizione di D&D: un esempio per tutti, la Destrezza. Fino al manuale di Tasha, se veramente volevi giocare un guerriero, un chierico, un paladino nano, difficilmente lo costruivi sulla Destrezza, perchè non avevi bonus su quella caratteristica e, soprattutto se usavi lo standard array o il point buy system per costruire il personaggio, il massimo che potevi ottenere in Destrezza era 15, contro il 16 o il 17 in Forza. Con la regola di Tasha, penso che sarà moooolto più frequente vedere Nani Paladini, Chierici o Guerrieri costruiti sulla Destrezza, in armatura leggera, che brandiscono uno stocco. Un ampliamento di immaginario, non necessariamente negativo....
      D'altro canto la regola di Tasha sul libero posizionamento dei bonus di caratteristica rende più appetibili combinazioni altrimenti poco vantaggiose da un punto di vista meccanico delle regole, e quindi magari raramente scelte per questo: nani o mezzorchi ranger, incantatori o bardi (quasi tutti i ranger che ho visto sono costruiti sulla destrezza), ad esempio.
      Così... non riesco ad avere un'opinione precisa su questa regola e se introdurla o meno nelle mie campagne... Voi che ne pensate? L'avete provata? Come ha funzionato al vostro tavolo?
      Grazie mille, buona estate e buona vita!
    • By Grappa
      Salve. Io e un player stiamo parlando dei vari bonus cumulabili e non cumulabili e abbiamo avuto un confronto di idee riguardo ai TS.
      Il bonus dato dall'incantesimo resistence greater nello spell compendium e il bonus dato dal mantello delle resistenze si sommano?
      Vi ringrazio
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.