Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

La Scatola Bianca è arrivata in italiano

Torniamo indietro nel tempo fino al 1974 e giochiamo usando le regole di OD&D in italiano!

Read more...

Tabella per il Tempo Atmosferico

Oggi GoblinPunch ci offre degli spunti per del tempo atmosferico bizzarro e peculiare da inserire nelle nostre partite.

Read more...
By Lucane

Una Sandbox Fantasy nel Dettaglio: Parte XIX

Anche se per voi lettori della D'L è passata solo una settimana, per i lettori di Robert Conley erano stati necessari sei anni per leggere questo articolo.

Read more...

Esplorando Eberron è uscito in italiano

Preparatevi ad esplorare Eberron in italiano grazie alla Need Games e Keith Baker

Read more...

Progetta Le Tue Avventure #3: Ferrovie e Scatole di Sabbia

Eccovi il terzo articolo della mia serie di consigli per progettare le avventure.

Read more...

Recommended Posts

Elle 

L'arrivo delle due donne a bordo porta una ventata di.. di.. femminilità? Un misto di bellezza, fascino e punti di vista ribaltati; e soprattutto, qualche occhiata in meno per me, visto che Miranda si è imboscata non appena ha potuto. Gli uomini non sembrano apprezzare i modi rudi della nana, troppo sfacciati e al di sopra delle righe, un mix letale di ferocia nanica e amore di mamma: a farne le spese, grazie al cielo, sono solo Tholin e Deneb, il mozzo che si è preso le urla grazie al cielo non fa testo, anche se è stato utile per mettere subito in chiaro chi comanda. A ben pensarci, se mai fossimo costretti, la nana si rivelerà senz'altro un ottimo nostromo. Trattengo il sorriso e guardo verso Seline: lei è di un'altra pasta, più appariscente e silenziosa, e costretta a far fronte all'attuale capovolgimento di mondo; capitano su quel guscio di noce, ora retrocessa e la sua nave trasformata in qualcosa di nuovo. Di sicuro però sa come comportarsi di fronte agli uomini, l'autorità non le manca di certo. Come pure lo stile.

Quando all'orizzonte appare la sagoma, ordino prudentemente di avvicinarla sottovento. Da li non si può muovere di sicuro, ma l'ultima capatina fatta qui era stata molto differente: la carcassa era completamente inabissata, e la barchetta con la quale ci eravamo avventurate io e le ragazze decisamente più piccola di questa. La marea ci fa un favore, ma la cosa non può durare. Quando arriviamo a una gomena di distanza, e incalzata dalla domanda di Tholin, comincio a berciare gli ordini Tutti gli uomini a posto per virare e subito si scatena un putiferio che solo un'occhio esperto può reputare organizzato. Serrate la gabbia. Serrate il trinchetto. Animo. Signor Raftal, fate muovere i vostri uomini. Una dopo l'altra, le vele spariscono, riducendo progressivamente la spinta. Alla fine, solo fiocco e randa mantengono in panne la nave a una cinquantina di metri dal relitto. La lancia in mare ordino alla fine della manovra, non volendo avvicinarmi senza conoscere a fondo sia la situazione della marea che la conformazione della secca Armo della lancia, armo della lancia. Signora d'Autremont, a voi l'onore: piazziamo un afforco sulla secca. Signor Raftal, i cavi d'ormeggio a prua, grazie. La signora d'Autremont ci ormeggerà alla secca, ben lontani dai guai. Ora mi volto verso Tholin con sguardo stranamente duro, mentre Seline raggiunge l'armo della lancia per cominciare le operazioni di afforco dell'ormeggio una parola con voi prima di sbarcare, signor Kydar. Nella mia cabina, prego. Mi volto solo un secondo ancora verso il cassero La nave è vostra, signor Deneb. 

@Tholin

Spoiler

Giunti dabbasso, chiudo rapida la porta e attraverso lo spazio angusto per fronteggiare il ragazzo dall'altra parte del tavolo, lo sguardo severo. Tholin, so perfettamente quanto ci tieni. Ma.. ma.. ma tu devi, prima di tutto, tenere a noi. La nostra incolumità, l'incolumità della Chimera, vengono prima di tutto il resto. I morti sono morti.. non possiamo riportarli indietro. I vivi invece.. bè, abbiamo responsabilità verso i vivi. Non farmi dubitare di ciò. Sei un bravo ragazzo, e mi fido di te. Ma non voglio che la tua brama di dare una degna sepoltura ai tuoi zii e recuperare il loro tesoro ci porti al disastro. Per prima cosa, appena saremo ormeggiati, ti occuperai di mappare la secca, prima dalla nave, poi con la scialuppa.. siano ringraziati gli abissi per averla presa in prestito da Iver.. io farò il punto nave e valuterò la marea. Solo dopo che avremmo messo in sicurezza l'approdo e sicuri delle acque intorno a noi potrai sbarcare. Sono stata chiara? E un'altra cosa.. c'è qualcosa di cui dovrei sapere, prima di salire sul relitto? C'era a bordo qualcosa di pericoloso, o che è bene he gli altri non vedano?  

 

Link to post
Share on other sites

  • Replies 505
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Eike Dammi un minuto, Iver. Mi volto e guardo i miei compagni, invitandoli a salire a bordo con un cenno Andiamo, prima che i ragazzi facciano un bordello. Quindi mi volto dagli uomini, avvicinan

Deneb " Non abbiamo molto tempo per pensare e la cosa non mi piace affatto.. E' così che si rischia di fare delle stupidaggini! L'ultima volta sono quasi diventato pa... " mi interrompo guardando

Deneb Nonostante i piccoli aggiornamenti fatti durante la settimana negli incontri con il resto del gruppo in giro per la città, è la sera alla residenza Kydar, dopo una prima settimana, che si

Posted Images

Raftal

"AVETE SENTITO IL CAPITANO?! MUOVERSI! Voi sei agli alberi di gabbia! Voi a quello di prora! AVANTI!" esclamo battendo le mani con ritmo concitato, indicando alla ciurma.

Mi appresto poi, una volta che la nave ha cominciato a rallentare a seguito dell'ordine, a indicare ai marinai per equipaggiare la lancia, aiutandoli anche io per fare prima, e spostarla in mare.

"Prego, capitano. Signorina D'Autremont..." lasciando passare Seline, dandole la mano per aiutarla, se serve, con un tono di voce felice e un occhiolino che spunta dalle orbite della maschera.

Una volta confermato da Seline che la nave è ora ormeggiata, guardo il felinide. "Ormeggio eseguito, signor Deneb."

Tutti

Spoiler

Se ho scritto cose sbagliate aykman ha tutto il diritto di correggere il post 😂

 

 

Link to post
Share on other sites

Tholin

Spoiler

Le parole di Elle non mi sorprendono, al suo posto avrei detto le stesse cose.
"Capisco perfettamente, e sono d'accordo; riuscire a trovare i cadaveri degli zii, anche se sono su quella secca, potrebbe portarci via un mucchio di tempo, che forse non abbiamo, quindi prima di tutto dobbiamo occuparci del carico... che ti assicuro essere innocuo: alcuni manufatti rinvenuti nei ruderi di Minos, principalmente sculture o frammenti di statue, e piccoli oggetti di uso comune tipo monete o pettini.
In realtà, anche se recuperiamo tutto, non è molta roba: un paio di statue -una in pietra, con decorazioni in gemme, grande come un'elfo, e una in bronzo, alta quasi 3 metri nonostante gli manchino le gambe, ma cava... quest'ultima bisogna fare attenzione all'equipaggio, perchè il bronzo ha una patina d'oro, ma è così sottile che a grattarlo tutto non otterresti due monete d'oro- e 3 o 4 casse con oggetti più piccoli... questi ultimi sono di minor valore perchè, a parte qualche moneta d'oro o argento, non ci sono metalli nobili o pietre preziose
"
Mi fermo un secondo, ripensando a quella notte.
"Ma c'è un'oggetto che, almeno per me, vale molto più di tutto questo... il diario dello zio Abelor, con la copia dei disegni trovati sulle pareti di quella stanza a Minos! Se la sua teoria è esatta, tra quei disegni potrebbe esserci il segreto per attraversare incolumi la Cintura d'Onice... e un segreto del genere avrebbe un valore incalcolabile, per la Loggia!" le dico in un sussurro, in modo da non farmi sentire da nessuno.
'Per la Loggia, e per molte altre organizzazioni e governi...' penso tetramente.
"Il diario si trova nella cabina dei miei zii, in una cassetta di legno laccato avvolta in vari strati di stoffa oleata, posta dentro un baule rinforzato... questo significa che, se il baule non è finito in mare, ci sono buone possibilità che il diario sia ancora intero e leggibile, nonostante i due anni sott'acqua.
Il problema è che la cabina era a poppa, e a giudicare da quello che ho visto, quella zona della nave si trova dentro al fango della secca... potrebbe essere un problema. Il resto del carico è nella stiva centrale; potremmo avere delle difficoltà a tirarlo fuori di lì, ma niente paragonate a quelle per il recupero del diario
"
Poi, giusto per essere sicuro "Quando gli uomini sbarcheranno sulla secca, dovrei andare con loro; conosco la posizione del carico e la planimetria della nave, e faremmo molto prima a trovare il tutto"

Appena uscito dalla cabina con Elle, mi arrampico sulla coffa in cima all'albero maestro, per avere una visuale migliore dell'isolotto mentre lo schizzo su un foglio.

Spoiler

@Bellerofonte oltre a fare un disegno dell'isola, ovviamente cerco di capire quale possa essere il percorso con meno pericoli per arrivare al relitto.

 

Link to post
Share on other sites

Deneb

Tutti i miei sforzi per cominciare a farmi rispettare almeno un po' dalla ciurma vengono vanificati dagli atteggiamenti di Rhuna. Nella mi stessa situazione un altrettanto sconsolato Tholin, con il quale condivido uno sguardo di rassegnazione, non dando seguito alle parole della nana.

Lo sguardo che riservo verso coloro che becco a ridacchiare, invece è parecchio eloquente. Trascorro il resto del breve viaggio ad occuparmi dei miei doveri e ad informarmi delle eventuali necessità delle nostre ospiti NON naniche.
La faccenda di Seline mi incuriosisce e ascolto con interesse lo scambio tra lei e Damian. 
Trovare Miranda invece è come sempre facile e complicato allo stesso tempo. Basta cercare il posto meno frequentato dell'intera nave e la timida ragazza lo avrà già fatto suo. 

Spoiler

Assorta nella lettura e complice il mio passo felpato mi avvicino a lei, tanto basta per farle percepire la mia presenza, ma non troppo da spaventarla, tossicchio un paio di volte sommessamente " Lettura interessante a quanto vedo... Anche se credo di non aver mai avuto il piacere " palesatomi, riduco la distanza che ci separa, sedendomi accanto a lei, ma mantenendo sempre quel minimo distanziamento, così da non rendere le cose troppo imbarazzanti " Era dal nostro precedente viaggio che non ti vedevo prenderti un momento per te... Piuttosto, sono stati felici del recupero del medaglione? "

Tornato a spazi decisamente più consoni per la mia altezza, di quelli angusti dei ponti sottocoperta, assisto nuovamente al quasi magico caos organizzato che si scatena ad ogni ordine del capitano. Mi guardo attorno mentre le manovre vengono ultimate, per poi riportare lo sguardo sul ponte sottostante il cassero di poppa, richiamato dalle parole del "Goliath" " Ben fatto Signor Raftal "

Passo in rassegna gli uomini " Chiunque non abbia ricevuto un ordine diretto dal Capitano Thorne, si preoccupi di tenere in ordine il ponte e che tutto sia pronto per le prossime manovre, gli altri tengano gli occhi bene aperti sull'orizzonte, voglio essere sicuro di non avere nulla di cui preoccuparmi mentre approntiamo il recupero! "

Spoiler

se servisse persuasione 7

 

Link to post
Share on other sites

Elle

@Tholin

Spoiler

Bene Tholin, sono felice che la cosa sia chiara: la tentazione è più grande quando l'oggetto del nostro desiderio è tanto vicino; è allora che bisogna aver più forza. mi sfrego le mani col sapone e me le lavo nel catino incastrato in un angolo della cabina, liberando il giovane dal peso del mio sguardo Se il carico si trova ancora a bordo, quei pirati che ci siamo scelti come equipaggio lo troveranno, senza alcuna difficoltà; nonostante fossero in saldo, non sono affatto male. Manderò Seline a fare il giro della secca da terra, mentre tu ti occuperai dei rilevamenti e della mappatura dalla scialuppa. Deneb si occuperà del recupero, mentre Raftal esplorerà da solo la cabina. Appena hai finito ti unirai a lui. Io resterò a bordo per occuparmi dello stivaggio

 

Risaliti in coperta, ci dividiamo, Tholin verso i suoi compiti, io a dare gli ordini agli altri Signor Deneb, ottimo atterraggio, complimenti. Ora, voi e metà dell'equipaggio andrete a terra e vi occuperete del recupero del carico. Mi raccomando, c'è roba fragile. Il signor Raftal.. ah, eccolo qui.. signor Raftal a voi, visto le vostre doti, la cabina; il signor Kydar vi raggiungerà non appena avrà finito con i suoi compiti. Ci interessa soprattutto il diario di bordo, forse al sicuro in un forziere nella cabina. E abbasso di colpo la voce se doveste trovare dei cadaveri.. mi capite.. che Tholin e Rhuna siano tenuti d'occhio, non voglio che ci sbattano il naso contro all'improvviso. Alzo nuovamente il volume e proseguo la signora d'Autremont e la sua squadra esploreranno la secca da terra, avvisatela quando la raggiungete; io e una squadra invece ci occuperemo di approntare la stiva, i gherlini di carico e di tonneggiarci più vicino, se il signor Kydar ci darà buone notizie. Se non c'è altro, potete andare. Non c'è un minuto da perdere. Appena finito con loro, spedisco due uomini in testa d'albero a tener d'occhio l'orizzonte, due ad aprire i graticci della stiva e altri due a issare il gherlino; poi, sporgendomi dal buttafuori di maestra, lancio dei pezzetti di legno in mare, valutando la forza della marea: siamo partiti che era appena cominciata la fase di stanca, se la fortuna ci assiste, potremmo avere tre o quattro ore per lavorare.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
Il 30/4/2021 alle 23:32, Bellerofonte ha scritto:

Ventesimo giorno del V mese, anno 1492, ore 15:10

Chimera Cremisi, Bivio delle Correnti || Brezza da sud, soleggiato

@Deneb

Spoiler

Miranda mantiene lo sguardo fisso sul libro per tutto il tempo. Soltanto stare da sola con te riempie di ansia la sua voce, che trema flebile dopo la tua: "S-sì...ehm...grazie ancora. L'Alta Sacerdotessa vi ringrazia e mi ha offerto di tornare al tempio." si affretta a cercare qualcosa tra le pieghe del grembiule e te lo porge: un foglio di carta arrotolato. "Ho rifiutato." si alza di scatto, chiude il libro, esita qualche istante sul guardarti o sull'andare via, poi ti sorride imbarazzata e fa un mezzo cenno della mano: "Ora devo-devo andare a-sì, di là, ecco...ciao." e ti lascia lì, da solo.

Cita

Dolce consorella,

ciò che la Loggia ha compiuto è un atto di gentilezza che Gond non dimenticherà. In questi tempi travagliati, in cui la magia è mera fonte di denaro e potere, qualcuno - quattro, a quanto dici tu - si è prodigato a restituire il maltolto senza aspettarsi nulla in cambio, compiendo ciò che pochi al giorno d'oggi riescono a fare: la cosa giusta.

L'Anello di Maglubiyet, come ben sai, è un artefatto che come molti altri fu creato con l'intento di riportare i goblin più ferini all'ordine nel tentativo di creare una società nuova e ordinata per quelle creature, imbrigliando il potere del caotico dio da loro venerato e convertirlo al bene. Eppure, nelle mani sbagliate, non faceva che versare altro sangue secolo dopo secolo.

Non so come esprimere la somma soddisfazione nel sapere che il cerchio si è spezzato e che l'oggetto è tornato al suo posto, qui a Southport, come un prodigo figlio che torna a casa dopo anni di scelleratezze. Nessuno lo ruberà più, ora.

Confido che la tua permanenza alla Loggia abbia generato frutti inaspettati, perciò considerati non più bandita: anzi ti invitiamo ora a tornare come sacerdotessa a tutti gli effetti. Ti sei dimostrata degna, e chissà quante altre cose potresti fare qui con noi.

Ringraziandoti e confidando nel tuo imminente ritorno,

Alta Sacerdotessa Levington

 

@Tholin

Spoiler

IsolaKiU8WvJ.png è un termine esagerato: la nave è incagliata su uno sputo di terra del diametro di meno di venti metri, perlopiù inghiottito dall'acqua che vi bagnerà gli stivali fino alle ginocchia. Parte della Odysseus è sommersa, ma il ponte sembra percorribile e sicuro da percorrere.

Sul ponte vedi alcuni detriti derivati dall'incuria e dalle pessime condizioni degli alberi.

Per quanto riguarda il fazzoletto di terra emersa, non c'è altro che sabbia.

@Deneb, Elle

Spoiler

La nave che avete davanti è instabile: le correnti hanno creato la secca e probabilmente smosso il relitto dalle profondità, mentre la marea vi ha dato una mano a scoprirlo. Tuttavia il relitto ha i giorni (le ore?) contate, visto che si trova sull'orlo di un precipizio e se lo scafo si spezza, o se le correnti cambiano, addio nave.

Per ora la fortuna vi assiste, ma si sa: il Bivio delle Correnti è capriccioso quasi quanto gli avventurieri che osano attraversarlo.

La Chimera si muove in direzione della secca, e Seline prende dal colletto due mozzi e fa in modo che si armino di cime ed arpioni, che fissano il brigantino a terra.

"Sì mastro Deneb! Sì capitano!" urla qualcuno, mentre corre a occupare la vedetta.

Seline annuisce, si toglie il cappello e il cappotto e senza fare troppi complimenti si butta in acqua con netto stupore dell'equipaggio. Quando riemerge è praticamente arrivata a riva: "Sembra una sirena!" "Incredibile!" Aluk è particolarmente affascinato: "Ho sentito che i Pionieri sono...eclettici. E destano stupore in coloro che li attorniano."

Seline saluta mentre si strizza l'acqua dai capelli e passeggia solitaria sulla sabbia. Gli uomini le corrono nuotano dietro, e poco dopo essere arrivati l'epeé dansante segnala con le braccia che la spiaggia, prevedibilmente, è deserta. E' possibile arrampicarsi facilmente sul ponte usando ciò che rimane della catena dell'ancora, tuttavia.

  • Haha 1
Link to post
Share on other sites

Tholin

Dopo aver finito lo schizzo, mi calo fino al ponte.
"Da quello che ho potuto vedere dalla coffa, la secca non pare nascondere pericoli; c'è sempre il rischio di qualche creatura nascosta sotto alla sabbia, ma non mi pare di aver scorto movimenti di alcun tipo... però, per esserne sicuri, dovremo aspettare di essere lì sopra. Il problema maggiore è il fatto che la stiva sarà piena d'acqua, e forse anche di sabbia... per trovare e recuperare il carico, potremmo metterci più del previsto" riferisco ad Elle e Raftal.

Link to post
Share on other sites

Deneb

Spoiler

Trattengo una risatina per l'atteggiamento oltremodo timido di Miranda, che però non fa altro che renderla ancora più adorabile e per certi certi desiderabile. Riesco a malapena a rispondere a quelle due parole che mi butta li, prima di lasciare la stanza per un'imprecisata cosa da fare " Sono contento tu sia rimasta con noi "

Prima di tornare sopra coperta mi prendo qualche momento per leggere il biglietto che mi ha consegnato la ragazza bandita?! Devo trovare il modo di parlarle di questa faccenda...

" Ho dovuto solamente controllare che quanto da lei disposto venisse svolto! " Il ritorno di Elle sul ponte e la nuova posizione della nave mi permettono di concentrarmi sul relitto e la sua posizione. Approfitto del lavoro fatto da Tholin, dando un'occhiata a quella rudimentale, ma assolutamente utile mappa, cercando di capirci qualcosa di più " Capitano permette una parola?

@Elle

Spoiler

" La posizione della nave non mi sembra affatto stabile ne sicura, dovremmo fare in modo di essere rapidi e accorti allo stesso tempo "

" Signor Tholin, che voi ricordiate, a bordo ci sono oggetti particolarmente ingombranti da non riuscire ad essere caricati su una scialuppa? " chiedo cercando di organizzare mentalmente le varie fasi e azioni per il recupero.

Link to post
Share on other sites

Tholin

La domanda di Deneb è sensata.
"Come ho detto prima ad Elle... al capitano Thorne, ci sono due statue; una è di marmo... pesa abbastanza, ma è alta appena 1 metro e mezzo; basta fare attenzione quando la si carica sulla scialuppa.
Il problema maggiore è la seconda; pur essendo cava e priva di gambe, è fatta di bronzo, ed è alta quasi 3 metri; per caricarla sulla nave abbiamo dovuto sollevarla dal fondo usando un'argano, che però ora non c'è più... probabilmente è stato strappato via dalla tempesta. Per caricarla sulla Chimera Cremisi, dovremmo affiancare le due navi e trasbordarla a mano... ma è una mossa altamente rischiosa! Rischiamo di danneggiare la nostra nave o incagliarci a nostra volta! Forse è meglio lasciar perdere la statua più grande... quella più piccola ha comunque un valore maggiore
"

Link to post
Share on other sites

Elle

Non ci affiancheremo di certo. Recisa come un colpo di accetta. Il rischio non vale la candela. Ma vedremo cosa riusciremo ad improvvisare con cavi e tronchi, non disperate. Ora, il fattore tempo è fondamentale, più di tutto il resto. Terrò il numero minimo di ragazzi a bordo, tutti gli altri parteciperanno al recupero.  Guardo Seline sulla spiaggia, una vaga sensazione di angoscia nella sua immagine solitaria sulla rena vicino al relitto schiantato Ma dobbiamo sbrigarci: la Odisseus non è altro che un ricordo, ma noi che sappiamo a chi rivolgere le nostre preghiere e perché non la profaneremo per lucro. Andate. Tutto ciò che potrebbe tornare utile a bordo venga recuperato, non solo il carico. Così, lo spirito di coloro che sono andati verrà con noi, e avranno pace sapendo di non esser stati dimenticati.

Edited by aykman
  • Like 1
Link to post
Share on other sites
Il 3/5/2021 alle 19:46, Bellerofonte ha scritto:

Ventesimo giorno del V mese, anno 1492, ore 15:10

Chimera Cremisi, Bivio delle Correnti || Brezza da sud, soleggiato

@Raftal

Spoiler

Lo scafo sott'acqua è semidistrutto, e si regge a malapena sull'eremo di sabbia che trattiene la nave dallo sprofondare nuovamente - e definitivamente nelle profondità marine. Alcuni buchi nello scafo ti permetterebbero di entrare, premesso che tu riesca a togliere le macerie che ostruiscono il passaggio.

m0Sw8Og.png

 

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites

Deneb

" Direi di cominciare a raggiungere la nave, sincerarci delle condizioni della stessa e dei reperti al suo interno, recuperare il recuperabile e poi occuparci di quello che dovesse mancare all'appello. Abbiamo una lista di priorità e vedremo di attenerci ad essa al netto del rischio che il recupero di tali oggetti può determinare " faccio rivolto agli uomini, visto che mi sembra si sia arrivati ad un accordo.

Aspetto repliche da Elle e Tholin, se non dovessero essercene, raggiungo una delle scialuppe, pronto a calarmi " Capitano io sono pronto! Attendo un suo ordine per procedere se non abbiamo altro da discutere "

Spoiler

Una volta raggiunta la spiaggia e messe in sicurezza le scialuppe, cerco di sincerarmi dello stato della secca,stati chiedendo a Seline. Quanta stabilità possiamo aspettarci e cerco di valutare lo stato dello scafo, il peso di quanti uomini potrebbe reggere.

Survival +4 o/e investigation +4

Se dovesse sembrarmi fattibile comincio a risalire la catena per arrivare al ponte della nave

 

Link to post
Share on other sites

Raftal

[Chimera Cremisi]

"Aye, Capitano." rispondo al capitano quando mi indica il suo piano di azione. Ascolto le parole di Tholin e annuisco, dicendo solo "Farò un controllo per assicurarcene." Infine mi preparo per saltare in acqua, non prima di aver pronunciato una parola di comando che, se fosse vero, attiverebbe il potere della maschera per nuotare.

"Natare" pronuncio e, infine, mi tuffo nelle profondità marine.

[Fondale]

Spoiler

Finalmente in acqua, nel mio vero habitat naturale, sento le mie stesse squame muoversi leggiadre, come se avessero finalmente ritrovato il contatto con la loro madre. 

Vago girando intorno allo scafo, verificando quelli che sono i punti in cui la nave è incagliata e i buchi da cui potrei cercare di entrare. Nel frattempo, osservo anche se riesco a notare movimenti all'interno che mi facciano presagire la presenza di una qualche creatura che abbia ben deciso di fare di tale relitto la sua casa.

I buchi paiono ostruiti da delle macerie, non capisco bene di cosa...Ma forse sfruttando bene la mia fisiologia amorfa potrei riuscire a passare dalla breccia, sempre però che non ci sia qualcosa ad aspettarmi dall'altra parte.

Meglio fare attenzione in qualsiasi caso.

@Bellerofonte

Spoiler

Piccola nota che non so se ricordavi e che nel caso potrei sfruttare per passare dalle brecce. Da manuale lo gnor può stringere il suo corpo attraverso spazi stretti fino a 60cm e non può essere danneggiato dalla pressione dell'acqua. 

Prima, giro intorno allo scafo, poi controllo i buchi e vedo se dall'altro lato c'è qualcosa di pericoloso, poi tento a entrare. Se non posso entrare, cerco di capire cosa ostruisca, prima di spingere.

 

Ho scurovisione a 36m

Se serve, faccio anche un bel

furtività +9

percezione +4

indagare +3

 

 

Edited by Daimadoshi85
Maschera come da TdS
Link to post
Share on other sites

Tholin

"Io ti aspetto con Deneb e Seline alla secca" dico a Raftal, prima che questo si butti in acqua.
Una volta arrivato alla secca con Deneb, dò un'occhiata più ravvicinata al relitto, cercando di stabilirne le condizioni e possibili ingressi.
Poi mando Umi a dare un'occhiata sul ponte.

Spoiler

Indagare +6 e Percezione -1

 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
Il 5/5/2021 alle 20:29, Bellerofonte ha scritto:

Ventesimo giorno del V mese, anno 1492, ore 15:15

Relitto della Odysseus, Bivio delle Correnti || Brezza da sud, soleggiato

@Tholin e Deneb sulla secca

Spoiler

Gli abiti bagnati fradici si asciugano in fretta tra il venticello da sud e il sole battente. Due uomini della ciurma stanno con le braccia incrociate dietro Seline, i cui capelli lisci e sgocciolanti riflettono argentei la luce del sole. Quando la raggiungete, ammirate insieme a lei lo stato della nave: "Il legno mi sembra ancora buono, basta solo stare attenti a dove mettete i piedi. Anche se scoraggerei di salire a bordo con più di quattro persone. Sapete, troppo peso rischia di sbilanciare la nave e farla scivolare nelle profondità prima del tempo." - con voi dentro. A parte questo, schegge e detriti sono il vostro vero nemico?

Deneb non si perde d'animo e scala l'ancora che lo porta sul ponte principale. Due paia di rampe di scale lo potrebbero portare rispettivamente sul castello di prua - dove non c'è altro che qualche asse sbriciolata e un sacco di alghe schifose - o quello di poppa - dove oltre alle alghe c'è ciò che rimane del timone, una manciata di pioli su mezza ruota inutilizzabile, non più attaccata alla pinna.

fwgiWl2.png

Ci sono tuttavia due porte che portano alle cabine di questo piano. Una delle due dovrebbe essere quella del capitano, l'altra è invece forse ciò che rimane dell'armeria. Il problema è che non sa quale è cosa.

@Tholin

Spoiler

L'armeria è quella a prua, la cabina del capitano è quella a poppa.

 

@Raftal sott'acqua

Spoiler

Non avresti probabilmente la forza di spostare tutte quelle macerie, ma ti accorgi di un passaggio più stretto in cui la tua fisionomia amorfa potrebbe passare. Un buco provocato da due assi mancanti che fa proprio al caso tuo. Ti ci infili dentro, e ti ritrovi in mezzo a macerie d'ogni tipo; una parte della nave, quella con lo scafo incagliato nel fondale, ha subito danni profondi dal trascinamento. Il resto della nave è in bilico sulla fossa. Si tiene per miracolo in equilibrio, ma potrebbe ricadere nelle profondità se colpita da forti scossoni, da un temporale o da un (probabile) cambio delle correnti nei prossimi giorni.

Le scale che portano al piano di sopra sono per metà intatte, mentre la base circolare degli alberi - anche di quelli che non ci sono più in superficie - occupa una parte dello spazio centrale della stiva.

vGz8Y83.png

C'è però qualcosa di curioso: un disegno a terra nel centro esatto della sezione, una strana incisione fosforescente con cinque cerchi, disegnata con nessuna alga fluorescente...quello che brilla è sangue. E sicuramente c'è della magia di mezzo.

La tua presenza non sembra disturbare il cerchio arcano.

XwjZdG3.jpg

  • Percezione: 21
  • Indagare: 20

@Elle a bordo della Chimera

Spoiler

Mentre gli altri si tuffano in mare, i tuoi uomini - e donne - restano a guardare, impazienti. Rhuna pensa e ripensa alle tue parole e alla fine mormora: "Io non mi muovo da qui, ho deciso." non ce la fa proprio ad accettare di poter incontrare i cadaveri degli zii di Tholin. "Se vuoi sbarcare va'. L'ordine a bordo lo mantengo io." e al di là della prevaricazione dei ruoli, sai che ne è capace.

 

Link to post
Share on other sites

Tholin

@ Deneb, sulla secca

Spoiler

"Seline, pensi che ci sia la possibilità di stabilizzare la nave, tirando delle corde tra lo scafo e il terreno della secca?" provo a proporre.
"Deneb, com'è lo stato del ponte?" chiedo ad alta voce.

 

Link to post
Share on other sites

Raftal

In fondo al mar

Spoiler

Per fortuna la mia fisiologia, che nessun umano comprenderebbe realmente, mi permette di entrare in un pertugio e osservare gli interni, pieni di macerie. L'instabilità della nave mi preoccupa, e ancora di più mi preoccupa il disegno arcano a terra al centro esatto del livello. 

Rimango fermo, perlustrando il piano, indeciso se salire fino sottocoperta o andare immediatamente ad avvertire Tholin, più avvezzo di me riguardo i cerchi arcani.

Decido infine di osservare semplicemente dalla scala, se al piano superiore noto qualcosa di strano, per poi uscire almeno ad avvertire dello strano ritrovamento.

Spoiler

Percezione +4 per guardare dalle scale il livello superiore

Arcano 0...Non so nemmeno se tirarlo, per me Raftal non capisce un tubo di magia...E mi pare un cerchio troppo complicato per provare a memorizzare qualcosa.

Osservo il piano superiore e poi esco per avvertire in superficie di questo cerchio arcano. Scrivimi nel TdS se noto qualcosa di particolare, altrimenti faccio un post in cui esco dall'acqua e spiego la situazione.

 

 

Edited by Daimadoshi85
Link to post
Share on other sites

Deneb

@Sul ponte della nave
 

Spoiler

 

Nonostante le condizioni della catena, grazie alla mia innata agilità, riesco a raggiungere senza troppi problemi il ponte della nave. La situazione è in linea con quanto mi aspettavo, distruzione, alghe e marciume.

Studio la situazione per qualche momento. Tendo le orecchie, mentre restando immobile, cerco di percepire rumori che tradiscano la presenza di qualsiasi cosa. Al tempo stesso scandaglio le superfici visibili alla ricerca di dettagli che possano svelarmi qualcosa in più su quanto accaduto alla nave o che potrebbe accadermi, dopo tutto questo periodo passato nelle profondità oceaniche.
Continuo a muovermi guardingo, provando a buttare un occhio nella grata che chiude l'accesso al ponte coperto, quando mi arriva la voce di Tholin

Spoiler

Perception e/o Investigation +4

 

@Tholin e gli spiaggiati 

Spoiler

Torno ad affacciarmi alla balaustra " Alghe, marciume e acqua putrida... Ci sono due porte una a poppa e una a prua, sai dove portano? " nel frattempo saggio il legname intorno alle gallocce lungo la murata per capire se sia possibile fissare qualche cavo a terra e guadagnare un minimo di stabilità in più.

 

Link to post
Share on other sites

Tholin

Spiaggia

Spoiler

"A prua c'è l'armeria... mi sembra di ricordare che non ci sia niente di importante, ma possiamo sempre darci un'occhiata dopo" rispondo a Deneb.
"Quello che mi interessa è nella cabina del capitano, a poppa. Aspetta, ti mando Umi per esplorare la zona... posso vedere attraverso i suoi occhi, ed è molto più leggera di te"
Detto questo, metto le mani a coppa, e un'attimo dopo la scimmietta si materializza li.
"Bene piccolina, ora sali da Deneb, e dai un'occhiata in giro... però fà attenzione" le dico.
Appena sale sul ponte, facendo la stessa strada usata da Deneb, chiudo gli occhi, vedendo il mondo con quelli di Umi; mentalmente la dirigo verso la cabina di poppa.

 

@Bellerofonte

Spoiler

Per la cronaca, avevo già mandato Umi di sopra prima (assieme a Deneb, non avendo inizialmente letto il suo spoiler in cui diceva che saliva sul ponte tramite la catena).

 

Link to post
Share on other sites

Elle

@Chimera

Spoiler

Fisso a lungo la donna, valutando sia le parole che l'atteggiamento. Quando finalmente mi decido, le dico semplicemente Bada che quei due indico fugacemente i due marinai sulle coffe tengano gli occhi ben aperti sul mare, e non su di noi. Non voglio sorprese. Accenno un segno d'intesa col capo e mi volto, avvicinandomi al castello e al marinaio impegnato a cogliere la cima d'ormeggio Chiama la scialuppa gli dico brevemente, poi mi metto a passeggiare sul ristretto spazio compreso il bompresso e le chiavarde delle manovre, aspettando la lancia. 

@spiaggia

Spoiler

La lingua di sabbia e rocce è tutto fuorché grande: una sfortuna esserci incappati nella tempesta. Anzi, a giudicare dallo scafo, una fortuna che non si sia distrutto nel momento stesso in cui ci cozzava contro. Mi avvio leggera verso il relitto, lasciando a pochi uomini il compito di rastrellare la spiaggia: già Seline avrà provveduto, immagino, e sicuramente avrà schiavizzato per benino i suoi uomini nel farlo; la sua esibizione li avrà sicuramente caricati a dovere. Sbuffo e arrivo fino da Tholin, impegnato a sognare ad occhi aperti davanti alla prua della nave Saliamo? chiedo impaziente, ora che sono così vicina. 

 

Link to post
Share on other sites
  • Similar Content

    • By Ian Morgenvelt
      Nome dell'ambientazione: 
      Pianeta Terra, anno 2015: all'oscuro della maggior parte dell'umanità, le creature dei miti e delle leggende hanno continuato a prosperare, integrandosi nella nostra società e modificandola profondamente.
      Temi
      Temi principali
      Come nelle fiabe: Le leggende, i miti, le fiabe e l'epica… sono tutti metodi con cui l'umanità ha tramandato le imprese di esseri fondamentalmente diversi da loro. Dei, "lupi cattivi", streghe, troll ed elfi sono molto più reali di quanto si possa pensare, come sapevano gli antenati degli uomini moderni: le storie non erano solamente racconti per allietare una serata, ma avvertimenti su questo mondo tanto affascinante quanto pericoloso.
      Questi esseri, ormai dimenticati o scherniti, non sono certo spariti nel nulla: sono cambiati, ma hanno mantenuto i loro ruoli narrativi. E, soprattutto, vivono tutt'ora in mezzo a noi, nascondendosi sotto pelli mortali e penetrando in profondità nella società moderna. O fuggendo totalmente da essa, infestando luoghi che tutt'ora vengono guardati con timore irrazionale: da dove nascerebbero le leggende metropolitane, altrimenti? La Grande Mascherata: Le storie del passato sono state dimenticate o guardate come sciocche superstizioni con cui si trastullavano i nostri avi. E proprio per questo la maggior parte delle persone si rifiuta di credere al soprannaturale, anche quando viene messa di fronte a prove inconfutabili. Il cervello umano non riesce ad accettare che possa esistere qualcosa di tanto assurdo, in grado di farci sentire totalmente inermi e impotenti: per questo ogni uomo attiva una sorta di meccanismo di autodifesa, razionalizzando qualunque avvenimento a cui assiste. La deflagrazione infuocata creata dal mago? Una fuga di gas, non c'è dubbio! E quelle fotografie spaventose di un lupo sono chiaramente il frutto della mente fantasiosa di un appassionato di Photoshop. E via dicendo.  I Liberatori: Non tutti gli uomini sono ignari del soprannaturali. Parte di loro sono dotati della capacità di vederlo e comprenderlo, che sia una benedizione (o maledizione) di famiglia o semplice arguzia. E, ovviamente, alcuni di loro sono in grado di comprenderne i vantaggi. Ma la reazione più comune è indubbiamente un'altra: la paura.
      E' proprio per questo che sono nati i Liberatori, una società che vuole eradicare il soprannaturale e far tornare l'umanità sul trono che si è affibbiata da sola. Molti li conoscono come semplici complottisti da forum, folli che continuano ad insistere sull'esistenza dell'area 51 o sulle prove dei presunti avvistamenti di fate e folletti. Ma pochi conoscono ciò che vi è realmente dietro: questi uomini e queste donne sono un vero e proprio esercito, pronto ad eseguire il proprio compito con cieca devozione. Diverse creature lo hanno imparato a proprie spese: anche un drago non può nulla contro una folla armata di fucili automatici.  La tua vita per la tua Nazione: Le persone che sono certamente state in grado di sfruttare il soprannaturale sono i capi di stato (sempre ammesso che siano realmente tali). La magia e l'occulto sono regolati da leggi, come tutti gli altri aspetti della vita quotidiana, anche se tendono ad essere più blande e permissive, per non limitare le occasioni offerte da questi poteri. Una delle più famose è il cosiddetto Servizio Eterno: la necromanzia, la tradizionale magia nera, non è illegale, a patto però che il mago abbia un Sigillo statale. Sigillo che comporta la possibilità di venire arruolati per controllare gli "uomini" che difendono il proprio stato: gli eserciti e parte delle unità di polizia (in base ai singoli stati) sono innocenti sacrificati e rialzati da oscuri riti, spesso dotati di un istinto animalesco ed un cervello semplice. L'unica cosa che riesce a tenerli a bada è il potere controllato dai necromanti, in grado di farli ballare come marionette. E non sempre per il bene della patria.  Temi Secondari
      Cabala di potere Gli arcanisti sognano pecore elettriche I signori del crimine Il nemico alle porte Il tempo è denaro La rottura del patto Venti di magia
    • By Ian Morgenvelt
      @Athanatos @Cronos89 @Ghal Maraz @PietroD  @Pippomaster92 @shadizar @Tarkus @Zellos 
      Come vi avevo anticipato, con la creazione dei Volti abbiamo terminato di creare l'ambientazione. Noterete che abbiamo ancora molti dettagli da tratteggiare e molti buchi da riempire: è una cosa voluta, in questo modo sarete libero di aggiungere tutti i dettagli che vorrete con i vostri personaggi.
      E, infatti, inizieremo proprio a crearli a partire da questo post. Vi guiderò passo per passo, approfittandone per spiegarvi le regole del sistema, così che abbiate modo di "digerirle" e farmi tutte le domande del caso. 
      Partiamo dalle base, ossia la risoluzione dei conflitti: qualunque sfida viene risolta tirando 4 dadi a 6 facce abbastanza particolari, a cui viene poi sommato il valore dell'abilità che si vuole utilizzare per superare l'ostacolo. I dadi, in particolare, variano tra -1 e +1 (1-2: -1, 3-4: 0, 5-6:+1), fornendovi così un bonus che può variare tra -4 e +4. Vi spiegherò in maniera più specifica il funzionamento delle prove e dei combattimenti quando vi avrò introdotto le abilità, ma iniziate pure a farmi tutte le domande che volete sulla questione. 
      La prima cosa che dovremo definire saranno gli Aspetti, il centro del personaggio e dell'intero sistema. Un Aspetto è una breve frase che descrive un luogo, una situazione o, in questo caso, un personaggio. La frase che utilizzate deve essere facilmente inseribile in un discorso: per poterli utilizzare per influenzare le meccaniche, infatti, dovrete inserirli direttamente nella narrazione. 
      I vostri personaggi saranno definiti da un totale di cinque Aspetti: il Concetto base, il Problema, la Relazione e due Aspetti liberi. Inizieremo a focalizzarci sui primi due, che saranno il fulcro del vostro personaggio.
      Il Concetto base indica la sua identità, le sue parti essenziali. Dovrete quindi scrivere una breve frase che lo riassuma ("Il nuovo Cavaliere Nero", "Guardiano del Tempio di Efeso", "Mago folle"...) e una descrizione di qualche riga che presenti il personaggio. Non scrivete il background completo, solamente le sue caratteristiche principali e la sua identità.
      Il Problema, invece, rappresenterà un difetto del vostro personaggio. Deve essere qualcosa che renda la vita del vostro PG più complicata: potrebbe trattarsi di una vera e propria debolezza, come quelle di molte figure mitologiche (il calcagno di Achille o i capelli di Sansone, per dire), di un rapporto complicato con un familiare/amico/conoscente, un nemico molto importante... Qualunque cosa vi venga in mente, insomma. Anche in questo caso dovrete scrivere una breve frase per riassumerlo e una rapida descrizione. 
      Una volta che avremo definito Problema e Concetto base vi spiegherò il funzionamento della risorsa più importante del gioco (i punti Fato) e la sua influenza sugli Aspetti. 
      Nota finale, staccata dal resto: come volete che gestisca il tiro dei dadi? Lo delegate completamente a me o preferite usare una app/sito per tirarli voi? E sareste eventualmente interessati ad un canale di chat più diretto rispetto al forum, per chiedere dubbi vari (e riempirlo di spam, meme e cagate varie, come parte di voi ben sanno)?
    • By Ian Morgenvelt
      @Athanatos @Cronos89 @Ghal Maraz @PietroD  @Pippomaster92@shadizar @Tarkus @Zellos 
      La campagna di FATE è ufficialmente aperta! Giocheremo una prima avventura e partiró da quella per creare la campagna. Io posterò ogni due giorni e vi chiederei di essere costanti: voglio tenere un buon ritmo. Ovviamente non ci sono problemi di nessun tipo se non avete nulla da dire o se siete troppo impegnati: basta che mi scriviate in privato per avvisarmi. 
      In questi giorni, mentre finisco Lady Blackbird con parte di voi, vorrei iniziare a fare il punto della situazione per organizzare i prossimi passi. Vorrei quindi che mi diceste se conosciate FATE e, nel caso, quanto lo conosciate: nel caso partiate da zero non dovrete preoccuparvi, ci penserò io a guidarvi nella creazione del PG (e, in ogni caso, il sistema è molto semplice). Potete intanto dare un'occhiata al regolamento, che trovate linkato in "Link Utili": useremo FATE condensato, che è una versione leggermente migliorata di FATE core (se conoscete il secondo conoscete il primo, di fatto).
      Prima di riflettere sui PG, però, dovremo creare l'ambientazione in cui verrà ambientata l'avventura. Per farlo useremo un metodo che ho creato pescando materiale da varie fonti: ognuno di voi dovrà proporre due "temi", che possono essere media vari (libri, film, canzoni...), veri e propri aspetti che vorreste approfondire (esempio: "Magia oscura e misteriosa" o "Mondo distrutto"), particolari luoghi o qualunque altra cosa che vorreste rendere un tratto caratteristico dell'ambientazione. Ognuno di voi avrà quindi 3 voti a sua disposizione e un veto, un voto che potrete usare per bloccare un tema proposto da un altro giocatore e che, ovviamente, non siete obbligati ad usare. I quattro temi con più voti saranno le caratteristiche principali dell'ambientazione, mentre gli altri saranno aspetti marginali e di minore importanza. Io raccoglieró il tutto e definirò quindi il mondo sulla base di quanto uscito.
      Passeremo quindi a creare i Volti, dei PNG che rappresentano un tema. Ogni tema avrà un Volto favorevole e un Volto contrario: ognuno di voi dovrà sceglierne uno e creare il corrispondente PNG. 
      Prima di iniziare a proporre i temi dovremo definire il genere della campagna (anche a grandi linee: nulla ci vieta di inserire degli elementi più fantasy in un'ambientazione fantascientifica, ad esempio): iniziate a discuterne tra di voi e vedremo cosa uscirà. L'unico "veto" che metto è sull'horror: non penso di essere in grado di narrare una vera e propria avventura di questo genere, al massimo potrei inserire alcuni elementi più inquietanti o gotici.
      Voti
      Cabala di potere: 2 Come nelle Fiabe: 4 Gli arcanisti sognano pecore elettriche: 2 I signori del crimine: 2 Il nemico alle porte: 1 Il tempo è denaro: 1 I liberatori: 3 La tua vita per la tua Nazione: 3 La grande mascherata: 4 La rottura del patto: 1 Venti di magia: 1 Veti
      Devils (and Angels) may cry Mondi che collassano
    • By Athanatos
      Passa qualche ora ancora, finalmente arriva da mangiare. Vi vengono posate elle zuppe molto povere. Un guaritore per favore! Chiede il prigioniero in salute, chiaramente preoccupato per il compagno di cella. Ma le sue parole restano inascoltate.
      Maledetti! Lo lasceranno morire. Impreca il ribelle.
      Non è che per caso sai badare a una ferita? Ti chiede poi.
      @Pyros88
       
    • By Lord Danarc
      Piccolo OT: posto che il numero degli oggetti magici dipende molto dall'ambientazione scelta, una high magic chiaramente avrà più oggetti di una low magic, alla fine non ci trovo nulla di male nel fatto che i PG abbiano tutti N oggetti magici, sopratutto considerando che molti di tali oggetti necessitano di attunement e quindi sono limitati a 3. E in ogni caso il 5e c'è quindi un cap dato dalle regole rispetto alle edizioni precedenti.
      Detto ciò gli oggetti magici non compresi nel calcolo dei GS creano un ulteriore problema nel bilanciamento di incontri che come appare pacificamente sono già un incubo. Non riesco proprio a capire come mai la 5e abbia un sistema fatto così male non solo nel calcolo dei GS (l'ultima volta una sfida che doveva essere molto difficile - assurda per le regole - è finita con la ritirata del mobile dopo 2 turni e un solo PG ferito in modo abbastanza grave ma non in pericolo di vita). Anche gli scontri molto brevi in realtà mi fanno abbastanza schifo. Questo significa che ad alti livelli un mago o comunque un caster avrà 3 round in cui lanciare 3 incantesimi potenti prima della fine dello scontro. Questo lo rende praticamente in grado di affrontare sempre tutto, visto che non avrà particolari problemi nel gestire i suoi incantesimi, se non decidere se è il momento di lanciare la spell più potente che ha 1v/g. 
      Fine OT.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.