Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Jaquayare i dungeon: Parte 3 - La filosofia dello Jaquayare

In questa terza parte impareremo come usare nella giusta misura gli strumenti di dungeon design fornitici nel capitolo precedente.

Read more...
By aza

Psionici in Dungeons & Dragons, parte 3

Continuiamo questa serie di articoli sugli Psionici in D&D e vediamo come sono stati trattati nel primo manuale interamente dedicato a loro: il Complete Psionics Handbook di AD&D 2a Edizione.

Read more...

Tasha's Cauldron of Everything è uscito anche in Europa

E' ora disponibile in tutti i negozi il supplemento dedicato alla maga Tasha, pensato per espandere il regolamento con diverse nuove meccaniche di gioco.

Read more...

Idra Bizzarre

Oggi Goblin Punch, nella sua rubrica di rivisitazione dei mostri classici, ci propone delle varianti peculiari dell'Idra.

Read more...

Viaggio nella DM's Guild VI - L'isola della Tregua

Questa settimana vi parliamo de L'isola della Tregua, un'avventura uscita dalle menti di Andrea Maffia, Massimo Tartaro, Matteo Galassi e Simone Rossi Tisbeni!

Read more...

Grado Sfida Insufficiente


Recommended Posts

Buonasera,

mi ritrovo a chiedere un vostro consiglio o comunque ad aprire una discussione su un tema che nelle ultime sessioni mi ha messo in seria difficoltà. Ultimamente il grado sfida degli incontri da me preparati è stato a dir poco insufficiente.

Premessa: cosa intendo per insufficiente. Un combattimento "normale" (ossia non una bossfight al culmine di un arco narrativo) dovrebbe, a mio avviso, mettere in difficoltà i pg quel tanto che basta per fargli pensare strategie nuove o comunque combo che vadano al di la dal "lancio l'incantesimo x, do la spadata y". Altrimenti il rischio è che il combattimento diventi qualcosa di ripetitivo e noioso che i giocatori non vedano l'ora di superare per agguantare la ricompensa successiva.

Nelle ultime sessioni ho avuto delle aggiunte al mio party: siamo passati da un party da 5 pg (ladro druido chierico barbaro e bardo) ad un party da 6 così composto druido chierico barbaro bardo warlock e mago. Tutti di livelllo 6. L'aggiunta di questi due pg mi ha messo in seria difficoltà.

Nell'ultima sessione hanno letteralmente obliterato un gigante delle colline, che ok non è una creatura insuperabile, ma è pur sempre un GS 7, quindi immaginavo un combattimento per lo meno equilibrato. Invece tra Deflagrazioni mistiche massimizzate, incantesimi velocità che boostano un po tutti, il povero Gigante si è ritrovato sconfitto in pochi round. 

Ora mi chiedo, ok che un gigante non avendo resistenze a incantesimi non è la creatura piu adatta ad affrontare un party così composto, ma mi chiedo se il mio errore è solo nella scelta delle creature o magari sbaglio a valutare il GS. Chiarisco nuovamente che il mio obbiettivo non è rischiare il tpk ad ogni incontro, ma neanche pianificare delle passeggiate di salute.

Consigli?

Link to post
Share on other sites

  • Replies 5
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Ciao. Il grado di sfida è un parametro con un ampio grado di approssimazione (non è una scienza esatta). Comunque, nominalmente, un GS X è una sfida "standard" per un gruppo di 4 personaggi di li

Innanzitutto grazie a tutti per le dritte, sono stato davvero utili. Anche io avevo pensato alle difficoltà che comporta 1 singolo nemico, cioè non è minimamente equo compiere un attacco e poi su

Ciao.

Il grado di sfida è un parametro con un ampio grado di approssimazione (non è una scienza esatta). Comunque, nominalmente, un GS X è una sfida "standard" per un gruppo di 4 personaggi di livello X. Standard significa che consuma, all'incirca, da un 20% a un 25% delle loro risorse: niente di troppo impattante, quindi, se sono "freschi" e al pieno delle forze.

Se non ricordo male un gruppo può tranquillamente tollerare incontri fino a GS X+3 o GS X+4, che risultano però molto più difficili (tali da consumare quasi del tutto le risorse del gruppo, per cui se non sono al pieno delle forze i PG rischiano grosso).

Un gruppo di 6 personaggi è più forte di un gruppo di 4. Difficile dire con esattezza di quanto, ma possiamo supporre che ci voglia all'incirca un +2 di GS per riequilibrare il loro numero.

Tutte queste cose le trovi scritte meglio nella Guida del DM.

Quindi, in definitiva: un GS 8 sarebbe una sfida "standard" (quindi ordinaria, interessante ma non da boss fight) per il tuo gruppo di 6 PG di livello 6. Una sfida davvero impegnativa, tale da metterli in seria difficoltà, potrebbe essere un GS 11 o forse addirittura 12. Per iniziare, però, direi di non esagerare: la prossima volta puoi provare con un GS 10 e vedere come va. Di sicuro il tuo gigante, con il suo misero GS 7, non aveva speranze, era addirittura al di sotto dello standard.

 

Questo per quanto riguarda la "matematica". Poi c'è un'altra cosa da tenere in considerazione: il nemico solitario, che combatte da solo, tende a produrre sfide molto incerte nel risultato, perché a seconda di chi vince l'iniziativa può cambiare tutto; se il mostro singolo ha sfortuna nell'iniziativa si trova facilmente accerchiato e bombardato prima ancora di poter agire una volta.

Il problema è tanto più evidente quanto più numeroso è il gruppo di PG: 4 PG contro 1 nemico, anche se forte, hanno già dalla loro il vantaggio del numero (come numero di azioni per turno), 6 PG contro 1 nemico hanno la strada davvero spianata.

Quindi, un altro consiglio per rendere le tue future boss fight più impegnative è di non mettere un nemico singolo. Tre giganti di GS 7 avrebbero composto in tutto un GS di circa 10, che è proprio dove ti consigliavo di andare, e avrebbero dato ai PG più filo da torcere perché non avrebbero permesso di concentrare tutto il fuoco su un solo bersaglio.

Se ti piace l'idea del boss singolo, anziché del gruppo di boss, metti pure un boss singolo ma circondalo con un grosso numero di servitori deboli, che hanno lo scopo di rallentare i PG, fiancheggiarli, separarli e in altro modo impedire che puntino tutti sul capo a muso duro sin dal primo momento.

 

Terzo e ultimo consiglio. Hai detto bene: le migliori boss fight sono quelle in cui non solo il nemico è più grosso e ha più punti ferita, ma il combattimento stesso si svolge in modo non convenzionale, con ostacoli o problemi inusuali, necessità di pensare strategie nuove e così via.

Questo è facile a dirsi ma difficile a farsi, lo comprendo. Ho però l'impressione che un grosso gigante un po' lento, che a parte picchiare facendo un mucchio di danni e farsi picchiare prendendo un mucchio di danni non sa fare molto, non sia la chiave per realizzare quello che stavi cercando.

Ci sono nemici che rendono il combattimento più vivace e creativo perché volano e/o hanno poteri magici e/o hanno qualche modo di controllare od ostacolare i PG: draghi, folletti, PNG incantatori, certi non morti...

Ma non significa necessariamente che tu debba cambiare nemico: potresti agire anche sull'ambiente. I tuoi giganti potrebbero essere al di là di un fossato, o di una palizzata, o di un terrapieno. Il combattimento potrebbe svolgersi in mezzo a un acquazzone o a del forte vento (che rende incantesimi e attacchi a distanza più difficili). Un chierico nemico potrebbe aver usato scudo su altri per assorbire i danni fatti al gigante, per cui rintracciare e uccidere il chierico può diventare la chiave per vincere facilmente l'incontro.

Oppure sullo scopo: magari i PG devono prendere il gigante vivo, per qualche ragione.

 

Spero di esserti stato d'aiuto.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Dulotio ha scritto:

Consigli?

Oltre a quanto già estensivamente spiegato da Bille Boo ti posso dire che per esperienza un gruppo di PNG di pari livello al gruppo con più o meno le stesse classi risulta uno scontro medio-facile per i PG.
Così per regolarti.
Poi il GS è basato sul gruppo standard guerriero/ladro/chierico/mago, se già fai barbaro/druido/chierico/mago i conti vano a farsi benedire.

Link to post
Share on other sites

c'è un altro fattore da considerare: i GS sono calcolati su un party standard (Nano Guerriero, Umano Chierico, Elfo Mago e Halfling Ladro), che però per le caratteristiche sfrutta la serie di èlite (15-14-13-12-10-8), cioè la serie di punteggi standard attorno alla quale ruota l'intero sistema di gioco.

già se i PG del party sono generati con punteggi migliori, devi considerare di alzare il GS di almeno 1 punto, se non di 2; inoltre, hai nel party ben 3 PG che si attestano nella prima posizione del tier system (Mago, Druido e Chierico) (commento opinabile perchè dipendente da ottimizzazione, equipaggiamento ed esperienza del giocatore, concesso, ma è indubbio che queste siano le classi più forti del gioco), il che alza notevolmente la potenza del gruppo (soprattutto da questi livelli, quando gl'incantesimi cominciano a diventare interessanti).

quindi, facendoci due conti puramente indicativi, supponendo che i PG siano generati con diciamo 76 punti (il che permette una serie tipo 16-14-14-12-10-10) e che abbiano un equipaggiamento adeguato al loro livello, come mostro singolo direi che un GS 10 come suggerito dal nostro amico di sorpa sia un'opzione abbastanza interessante.

come giustamente fatto notare, mettere più nemici deboli rende il gioco nettamente più impegnativo: 2 mostri GS 8 o anche 3 mostri GS 7 sono una sfida decisamente più interessante rispetto a un singolo mostro GS 10, soprattutto se sono costruiti come un party, cioè con capacità sinergiche che ne aumentano ulteriormente l'efficacia.
se il Gigante delle Colline fosse stato charmato da una Succube in combutta con un Cacciatore Invisibile (tutti e 3 mostri GS 7, equiparabili a un Barbaro, a uno Stregone e a un Ladro), allora il party avrebbe sudato un po'.

Link to post
Share on other sites

Innanzitutto grazie a tutti per le dritte, sono stato davvero utili.

Anche io avevo pensato alle difficoltà che comporta 1 singolo nemico, cioè non è minimamente equo compiere un attacco e poi subirne 6. Quindi per le prossime sessioni proverò a rendere lo scontro più competitivo, o con l'aggiunta di altri nemici, o con altri fatto già da voi indicati (fossati, condizioni atmosferiche avverse ecc ecc).

So che la guida del DM quando parla del GS fa riferimento ad un gruppo da 4 giocatori, e proprio per questo motivo avevo difficoltà a creare degli incontri soddisfacenti. 

Utilizzerò i vostri consigli, magari facendo vari test graduali (sempre utilizzando i miei giocatori come cavie ahahah). Avevo solo paura che presentando una creatura con ad esempio un GS 9, rendessi certo il tpk.

Grazie tante 🙂

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
29 minuti fa, Dulotio ha scritto:

Avevo solo paura che presentando una creatura con ad esempio un GS 9, rendessi certo il tpk.

La cosa fondamentale da considerare è che una creatura con GS pari al gruppo (sempre di 4 PG, classi standard ecc...) è una sfida che consuma il 25% delle risorse (in termini di pf, incantesimi, capacità ecc...)
Quindi qualunque gruppo potrebbe sconfigge un GS almeno di +2 con solo qualche difficoltà.

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Similar Content

    • By Hero81
      In tutti i romanzi fantasy degni di questo nome i combattimenti sono insaporiti da eventi casuali che ne influenzano, a volte anche pesantemente, l'esito.
      Un guerriero, durante la carica, solleva il classico polverone che infastidisce gli altri combattenti.
      Un corvo gracchia disturbando il mago impegnato a lanciare un incantesimo devastante....e cosi via, potrei continuare a lungo.
      Come simulare tutto questo al tavolo?
      Con la meccanica dei capricci del fato!
      La meccanica è molto semplice.
      All'inizio di ogni round, prima di fare qualsiasi altra cosa, il master lancia un dado.
      La taglia la decide lui: tanto è più grande, tanto più sarà importante l'effetto del capriccio.
      Se il risultato del dado è pari esso va ai giocatori, se è dispari va al master.
      Durante il proprio turno un PG (se il dado è finito ai giocatori) o un PNG (se è finito al master) può spendere il dado del fato tirandolo per aumentare o diminuire qualsiasi variabile casuale che lo riguardi....si: anche i danni da lui inflitti o subiti. O i tiri per colpire. O i tiri salvezza. In definitiva: quello che vuole. Il dado cosi speso è andato per sempre: non è riutilizzabile.
      Opzione 1: i capricci del fato non vanno spesi turno per turno ma si possono accumulare in un pool. Ci saranno quindi due pool: uno ad uso del master ed uno ad uso dei giocatori.
      Opzione 2: alcune meccaniche potrebbero fare riferimento ai capricci del fato. Ad esempio i guerrieri potrebbero aumentare la taglia del dado prima di spenderlo. Questo per rappresentare il fatto che un bravo guerriero sa volgere a proprio vantaggio e trarre grande beneficio anche da eventi casuali apparentemente insignificanti.
      Che ve ne pare?
       
    • By Aramyl
      Buongiorno a tutti,
      sono un master qualunque, abbastanza navigato in d&d 3.5 e 5e, ma c'è una cosa su cui non sono mai riuscito a formare un mio pensiero: come narrare i combattimenti. In particolare i miei dubbi nascono dalla definizione di "punti ferita" espressa nel manuale del giocatore a pagina 196:
      Leggendo quanto sopra reputo che venire colpiti, e quindi perdere punti ferita, non implichi necessariamente essere feriti, ma possa anche significare che si è "speso" parte della propria fortuna o che il proprio morale è stato danneggiato da un colpo nemico andato a segno.
      Personalmente adoro questa interpretazione, che non si vincola a regole ferree e che trovo più credibile: non sarebbe coerente, dal mio punto di vista, che un personaggio di livello 10 possa sopportare più ferite di un personaggio di livello inferiore.
      Fin qui tutto rose e fiori, ma in un combattimento un tiro per colpire andato a segno deve colpire, deve superare l'armatura, deve sopraffare le capacità di schivata del bersaglio e quindi infliggere una ferita. O almeno questa è la mia prima impressione.
      Da qui nasce la mia domanda: come narrare un colpo andato a segno? Se un lupo si lancia all'attacco e supera la CA del mio guerriero, ho l'impulso di raccontare che le sue zanne si sono infilate nell'attaccatura dei suoi bracciali e hanno lacerato la pelle del valoroso avventuriero, ma questo va in conflitto con quanto scritto all'inizio di questa discussione, poiché (e ripeto) perdere punti ferita non può corrispondere sempre a subire una lesione. Vorrei quindi chiedervi, quali altre possibili vie ci sono per narrare un tiro per colpire positivo? Come rendete attraverso le parole quella "spesa di fortuna", o quel danno non fisico portato da un'offesa nemica senza tradire il fatto che l'attacco ha superato le difese del bersaglio?
      Grazie in anticipo per il vostro tempo e per le vostre opinioni ^^
    • By Hero81
      Ciao a tutti,
      ho scritto questo piccolo file per giocare a Rolemaster senza le tabelle: ispirato alle Express Addenda Issue 3. (Un'espansione di Rolemaster Express)
      Provai a pubblicarlo sul forum ICE ma non mi hanno dato l'imprimatur.
      Un comportamento strano: all'inizio si erano detti interessati.....poi non si sono fatti più sentire.
      Forse è stata colpa dell'inglese... mmmh...imperfetto ma tant'è: mi sembra un peccato che marcisca sul mio hard disk per cui lo condivido qua.
      Chissà che qualche appassionato di questo antico regolamento non mi dia un parere.
      Ho aggiornato il file causa errore nella versione precedente.
       
       
      Rolemaster Hack (3).pdf
    • By Keyn
      Salve è da un pò che sto lavorando a questo contenuto homebrew, si tratta di un Giuramento sacro per la classe del Paladino per D&D 5° edizione.
      Inizialmente l'idea era quella di creare un archetipo che si concentrasse sul combattere draghi e creature simili (il nome iniziale era giuramento dell'Ammazzadraghi). Ho bocciato quest'idea quasi subito poiché portava l'archetipo ad essere nulla di più che un paladino Giuramento di vendetta incrociato con un ranger. Di questa idea l'unica cosa che rimane è il collegamento con i draghi ma il flavour è estremamente diverso rendendolo più simile a quello che potrebbe essere un paladino di bahamut o di Tiamat (o qualsiasi altra divinità di natura draconica) I dettami infatti sono molto liberi e non favoriscono un particolare allineamento rispetto ad un altro.
      L'archetipo è quasi completo e per come si presenta ora credo possa tranquillamente essere utilizzato in una campagna, tuttavia sono convinto che possano essere apportati ancora alcuni aggiustamenti per renderlo meglio equilibrato
      Di seguito il pdf del giuramento, se avete qualche suggerimento fatemi sapere
      Giuramento del Dragone.pdf
    • By Hero81
      Ciao,
      ogni master ha le sue varianti sui riposi, il manuale ne suggerisce alcune.
      Per la mia prossima campagna stavo valutando le seguenti.
      Tre categorie in vece delle solite due:
      Breve (30 min): non si recuperano punti ferita, nessuna modifica alle abilità che consentono di recuperare slot ogni riposo breve.
      Lungo (8 ore): si tirano i dadi vita, si recuperano tutti gli slot.
      Esteso (1 settimana): si recuperano tutti i punti ferita, i dadi vita e gli slot.
       
      Che ne pensate?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.