Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Sondaggio sul futuro di D&D 5e di Luglio 2020

La Wizards of the Coast ha finalmente rilasciato il consueto sondaggio annuale dedicato al conoscere gli interessi dei giocatori, in modo da decidere le mosse da compiere nel prossimo futuro editoriale di D&D 5e. In questo nuovo Sondaggio, infatti, ci verranno fatte domande riguardanti i nostri gusti, le nostre abitudini di gioco e il materiale che vorremmo veder pubblicato o maggiormente supportato in futuro.
In particolar modo, nel Sondaggio del 2020 la WotC vuole sapere quali sono le nostre ambientazioni preferite, quanto tempo vorremmo poter dedicare al gioco se non avessimo limiti di sorta, quali sono per noi le caratteristiche che identificato un buon Dungeon Master, quali sono le risorse e i supporti di gioco da noi usati tradizionalmente e quali abbiamo utilizzato durante il Lockdown causato dal COVID-19, quali sono i game designer di D&D che conosciamo e quanto ci farebbe piacere leggere i loro nomi sui manuali, e così via.
Rispondendo al sondaggio, quindi, potrete contribuire a decidere il contenuto e la forma dei prossimi manuali di D&D. Se volete dire la vostra, rispondete al seguente sondaggio:
sondaggio sul futuro di d&d di luglio 2020
 

Fonte: https://dnd.wizards.com/articles/news/dd-survey-2020
Read more...

Manticore Games offre 20.000 $ per un'Avventura di D&D creata con la piattaforma Core

La software house Manticore Games ha di recente ricevuto dalla WotC l'autorizzazione per l'organizzazione di un concorso intitolato D&D Design-a-Dungeon contest e dedicato alla creazione dell'avventura videoludica definitiva in stile D&D. Manticore Games, infatti, è proprietaria di una piattaforma per la creazione di videogiochi online per PC, il Core, progettata appositamente per consentire a chiunque di creare un proprio videogioco online senza essere per forza un programmatore esperto, e ha deciso di mettere alla prova i giocatori di tutto il mondo per vedere cosa questi ultimi sono in grado di creare con il suo software. I creatori delle avventure migliori potranno vincere premi per un ammontare totale di 20.000 dollari.

Il concorso D&D Design-a-Dungeon, che durerà fino al 6 Settembre, richiede che i partecipanti realizzino con il software Core un'Avventura appartenente a una delle seguenti 4 Categorie:
Dungeon, Caverne e Catacombe Le Terre Selvagge Fortezze e Torri Piani Elementali Per partecipare al concorso basterà creare un gioco in Core e incluedere '[DnD]' nel titolo o nella descrizione di quest'ultimo.
Il materiale inserito per il concorso dovrà assumere la forma di una vera e propria avventura di D&D e sarà giudicato non solo per l'estetica del mondo digitale creato dagli autori, ma anche in base al livello narrativo e d'interazione dell'avventura. Il materiale inviato, dunque, dovrà avere la forma di un vero e proprio videogioco, e non essere semplicemente una serie di scenari da esplorare con il proprio avatar virtuale. All'interno del software Core i partecipanti troveranno tutto ciò che gli servirà per creare l'avventura. Per aiutare i meno esperti nell'uso di Core, tuttavia, Manticore Games ha creato un framework scaricabile qui e pensato per fornire agli utenti un tutorial edelle linee guida su come usare il programma per creare i propri giochi. Non è obbligatorio scaricare e usare il framework per partecipare al concorso.

I 20.000 dollari messi in palio saranno utilizzati per premiare i lavori migliori. 5000 dollari in gift card di Amazon saranno assegnati al lavoro migliore di tutti, a prescindere dalla categoria. Il denaro restante, invece, sarà assegnato ai migliori 2 lavori per ognuna delle categorie: 2500 dollari in gift card di Amazon per il 1° posto e 1250 dollari per il 2° posto. Oltre ai premi in denaro i vincitori riceveranno altri premi in base alla qualità del loro lavoro, come spiegato sul sito ufficiale del concorso.
Per ogni nuovo candidato iscritto al concorso, inoltre, Manticore Games donerà alla raccolta fondi Extra Life 100 dollari, fino a un massimo di 10.000 dollari.
Tutti i giochi creati durante il concorso saranno svelati e resi disponibili in occasione di un evento speciale organizzato durante il PAX Online, la fiera dedicata al gioco che si terrà a settembre e che quest'anno sarà online a causa del COVID-19. Durante questo evento speciale, alcuni degli avventurieri e dei Dungeon Master più celebri - come Jerry Holkins (Acquisition Incorporated) e Deborah Ann Woll (Deredevil, Relics & Rarities) - saranno presenti per annunciare i vincitori del concorso e per giocare alle avventure da loro realizzate.
Per maggiori informazioni sul Core e sul Concorso D&D Design-a-Dungeon potete visitare la pagina ufficiale del concorso e seguire l'account twitter ufficiale di Manticore Games @CoreGames.
Grazie a @Muso per la segnalazione.
Fonte: https://dndcontest.coregames.com/
Read more...

Sottoclassi, Parte 4

Articolo di Ben Petrisor, con Jeremy Crawford, Dan Dillon e Taymoor Rehman - 5 Agosto 2020
Due spettrali Sottoclassi si manifestano negli Arcani Rivelati di oggi: il College degli Spiriti (College of Spirits) per il Bardo e il Patrono Non Morto (Undead Patron) per il Warlock. Potete trovare questi talenti nel PDF disponibile più in basso, mentre rilasceremo presto un sondaggio per sapere cosa ne pensate di loro.
Questo è Materiale da Playtest
Il materiale degli Arcani Rivelati è presentato allo scopo di effettuarne il playtesting e di stimolare la vostra immaginazione. Queste meccaniche di gioco sono ancora delle bozze, usabili nelle vostre campagne ma non ancora forgiate tramite playtest e iterazioni ripetute. Non sono ufficialmente parte del gioco. Per queste ragioni, il materiale presentato in questa rubrica non è legale per gli eventi del D&D Adventurers League.
arcani rivelati: sottoclassi, parte 4
Link all'articolo originale: https://dnd.wizards.com/articles/unearthed-arcana/subclasses-part-4
Read more...

Curse of Strahd: la Beadle & Grimm pubblicherà la Legendary Edition

Se la Revamped Edition recentemente annunciata dalla WotC non dovesse bastarvi, potrebbe essere vostro interesse sapere che la Beadle & Grimms ha deciso di pubblicare la Legendary Edition di Curse of Strahd, l'Avventura dark fantasy per D&D 5e ambientata a Ravenloft (qui potete trovare la recensione pubblicata su DL'). Per chi tra voi non lo sapesse, le Legendary Edition della Beadle & Grimm sono versioni extra-lusso delle avventure pubblicate dalla WotC per D&D, contenenti oltre all'avventura tutta una serie di accessori pensati per rendere l'esperienza dei giocatori più immersiva e divertente.
Al costo di 359 dollari, dunque, all'interno della Legendary Edition di Curse of Strahd potrete trovare:
l'Avventura per D&D 5e Curse of Strahd suddivisa in libri più piccoli, in modo da aiutare DM e giocatori a orientarsi più facilmente nel suo ampio contenuto. Come aggiunta, sono stati inseriti alcuni PG pre-generati per i giocatori e una serie di incontri di combattimento bonus. 17 mappe per il combattimento che coprono ogni angolo di Castle Ravenloft, la dimora di Strahd. Una mappa dell'intera Barovia disegnata su tela. 60 Carte di Scontro, che permetteranno ai giocatori di farsi un'idea dei PNG e dei mostri che si troveranno di fronte grazie alle loro illustrazioni. Una serie di supporti di gioco per i giocatori, quali lettere, atti relativi a misteriose proprietà, note scritte dal proprio "gentile" ospite, monete del Regno di Barovia, ecc., utili per dare ai vostri giocatori elementi concreti con cui sentirsi più immersi nella campagna. Uno Schermo del DM con illustrazioni originali sul fronte e le informazioni utili a gestire la campagna sul retro. Una serie di pupazzi per le dita, con cui divertirsi a interpretare i mostri e i PNG dell'Avventura. La Legendary Edition di Curse of Strahd uscirà a Novembre 2020.
Grazie a @Muso per la segnalazione.


Fonte: https://www.enworld.org/threads/beadle-grimms-legendary-edition-curse-of-strahd.673629/
Link alla pagina ufficiale di Beadle & Grimm: https://beadleandgrimms.com/legendary/curse-of-strahd
Read more...
By aza

D&D 3a Edizione compie 20 anni!

Nel mese di Agosto, di 20 anni fa, veniva rilasciato il Manuale del Giocatore di Dungeons & Dragons 3a edizione.
Sicuramente la 3a edizione rappresenta uno spartiacque per quel che riguarda D&D e segna l’inizio dell’epoca moderna del gioco per diversi motivi:
Innanzitutto, per la prima volta D&D aveva un sistema coerente di regole. Precedentemente erano presenti svariati sottosistemi che non si integravano tra di loro. C’era ben poca coerenza. Ci ha donato l’OGL, che ha rappresentato una svolta enorme nel mondo dei giochi di ruolo. L'OGL infatti ha permesso a chiunque di poter produrre materiale compatibile o derivato dal regolamento di D&D. La quantità di materiale pubblicata per d20 negli anni 2000 è, e probabilmente lo sarà per sempre, ineguagliabile. Ha revitalizzato D&D in un modo che non si vedeva da moltissimo tempo. Negli anni ’90 con il boom dei videogiochi, la nascita dei giochi di carte collezionabili e regolamenti ben più evoluti di AD&D (si può pensare alla White Wolf che all’epoca era il nome più importante) D&D soffriva e non poco. Ha visto il ritorno di Diavoli, Demoni, Assassini, Barbari, Mezzorchi e Monaci. La seconda edizione nacque con ancora fresco il ricordo delle polemiche riguardanti il “satanic panic” degli anni ’80. Quindi tutto ciò che poteva essere considerato “moralmente offensivo” come diavoli/demoni, assassini o mezzorchi venne rimosso. I barbari vennero ritenuti ridondanti rispetto ai guerrieri e i monaci  poco adatti ad ambientazioni basate sull’Europa occidentale medievale. Queste le prime cose che mi vengono in mente, ma vi invito a condividere con noi i vostri ricordi, le esperienze e i pensieri per questo 20° anniversario di D&D 3E.
Read more...

Recommended Posts

Molto probabilmente non ha bisogno di pubblicità visto il successo che ha avuto, tuttavia durante la quarantena ho giocato tanto e con tante persone diverse alla 5e. Proponendo spesso Journey to Ragnarok mi sono accorto che quasi nessuno, fuori dalla community di Need Games, conosceva questo titolo.

Per chi non lo conoscesse è un modulo di ambientazione e avventura della 5e completamente in italiano. Usa al 100% le meccaniche, regole e classi della 5e ma è ambientato in un altro universo. Un universo basato sulla Mitologia Norrena. Viene aggiunta una nuova classe, un archetipo per ogni classe in flavour vichingo e tante altre chicche oltre che un’avventura che porta i personaggi dall’1 al 15.

Ho deciso di fare una recensione dato che mi sono divertito molto a giocarlo in questi mesi e volevo anche una breve intro per far conoscere il gioco se dovessi proporlo.

Cerco di rimanere nei 10 minuti in quanto credo che per approfondimenti più seri sia sempre meglio leggere che guardare video 😉

Consiglio di darci un’occhiata a chi avesse voglia di cambiare un po’ aria dalle solite ambientazioni o fosse interessato alla mitologia norrena 😊

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

IMHO Avventura 7/10 è troppo. Tutta la seconda parte, quella relativa agli altri 8 mondi oltre Midgard, di avventura è scritta male, carente nelle descrizioni e nelle meccaniche. Lascia molta libertà a Master e Giocatori? Si, ma allora non è più un modulo d'avventura ma un'ambientazione scritta bene o, appunto, un'avventura scritta male. LA cosa è ancora più fastidiosa considerando che tutta la parte di avventura su Midgard è invece scritta molto bene. Mah.

Cmq bella Recensione.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Canaso ha scritto:

IMHO Avventura 7/10 è troppo. Tutta la seconda parte, quella relativa agli altri 8 mondi oltre Midgard, di avventura è scritta male, carente nelle descrizioni e nelle meccaniche. Lascia molta libertà a Master e Giocatori? Si, ma allora non è più un modulo d'avventura ma un'ambientazione scritta bene o, appunto, un'avventura scritta male. LA cosa è ancora più fastidiosa considerando che tutta la parte di avventura su Midgard è invece scritta molto bene. Mah.

Forse hai ragione. Secondo me la sufficienza (6) la prende per forza. La parte di Midgard che è quella che ho masterato seguendo il manuale è fatta molto bene mentre nelle parti successive sono andato molto più in freestyle. Avrei potuto specificare tra 6 e 7 per questa ragione.
 

Cita

Cmq bella Recensione.

Dici che è un format che può tornare utile? Ho notato che la maggior parte delle recensioni di gdr in italiano su youtube sono o mooolto lunghe o fatte maluccio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

My two cents

Concordo con la maggiorate di quanto descritto nella recensione, con un paio di appunti.

La campagna, nella prima parte, è fatta veramente bene, come detto da @Canaso. Pur non avendo ancora concluso la seconda parte causa coronavirus, ma siamo "un pezzo avanti", la sensazione che ho è che il livello della seconda parte sia molto inferiore rispetto alla prima. Mentre in quest'ultima sei in un bellissimo sandbox con N opportunità da sfruttare e scelte da compiere, negli altri mondi ti trovi una storia railroadata con 0 possibilità di scelta. Il DM lamentava inoltre la mancanza di mappe specifiche per gli incontri. Circa le regole opzionali dei mondi, l'idea è buona, ma è molto male implementata. Alcune classi si troveranno a bestia in alcuni modi senza poter fare molto al riguardo e ad essere divinità in altri(paladino). Noi l'abbiamo modificata incrementando o diminuendo di 1 il livello di potere della magia nei mondi, come da tabella dato che massimizzare o minimizzare è una cosa assurda. Sopratutto considerando che questa non è più una meccanica presente nell'edizione.

Altra cosa riguarda il bilanciamento degli archetipi. Noi abbiamo giocato diversi personaggi (abbiamo iniziato con alcuni PG e poi passando fuori Midgard li abbiamo cambiati), quindi abbiamo esperienza con un ladro, un guerriero, due barbari, due maghi, un bardo, un paladino, un maestro delle rune, due chierici. Non tutti, ma poco ci manca, ed abbiamo usato solo gli archetipi dell'ambientazione. Riguardo quindi al bilanciamento mi trovo a sostenere che non è fatto bene. Alcuni archetipi sono molto potenti (il chierico è sgravato, potendo prendere incantesimi da qualsiasi lista anche fino al 5°, il mago è forte, anche se dipende dall'interpretazione del potere che gli permette di perdere un incantesimo preparato a favore di due a caso dati dal DM. Dinamica fatta male. Se ti serve di capire cosa dice uno in una lingua che non conosci, o di impedire la morte per caduta del gruppo è ovvio che serva comprensione dei linguaggi o linguaggi e caduta morbida. Se decidi di perdere un incantesimo (che deve essere di livello più alto di quello che ti serve) e il DM non ti da tra le opzioni quello che ti serve è ridicolo, se lo fa è banale. Dinamica fatta male ma molto forte nel momento in cui diventa ovvio che il DM deve darti tra le opzioni quello che ti serve. Al contrario l'archetipo del ladro è praticamente inutile. una versione N volte più scarsa del mistificatore arcano, con spell predeterminate e non a scelta che lanci tipo warlock e capacità meh. Convincere uno che è una foca per un'ora può essere divertente, ma non incide nel gioco così tanto, sopratutto in un'ambientazione in cui si scherza molto poco. E noi abbiamo fatto moltissime sessioni "politiche". Circa il maestro del sapere ho avuto una sensazione molto negativa. Il cerchio è una dinamica molto interessante ma, anche in questo caso, male applicata. Farlo apparire e mantenerlo implica l'impossibilità di fare altre cose, inoltre anche la dinamica delle rune non mi pare ben fatta. alcune hanno effetti negativi e positivi, altri solo positivi. Insomma, come classe per me è bocciata, almeno per l'aett che ha giocato il nostro maestro. A supporto dell'impressione c'è il fatto che nessuno nella seconda parte ha deciso di fare il maestro delle rune.

Detto ciò l'ambientazione è molto ben sviluppata, l'aspetto storico è aderente alla realtà e gli elementi dei clan sono ottimi, anche in ottica di campagne politiche nella campagna e fuori da essa. Le illustrazioni sono eccezionali. Molto meglio di quelle del manuale base, che non mi piacciono (proprio due livelli diversi, serie A e serie B). Mi sento di consigliarlo.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Loot and Roll ha scritto:

 

 

1 ora fa, Loot and Roll ha scritto:

Dici che è un format che può tornare utile? Ho notato che la maggior parte delle recensioni di gdr in italiano su youtube sono o mooolto lunghe o fatte maluccio.

A me è piaciuta, lunga il giusto, hai toccato tutti gli elementi salienti del modulo e non li hai lodati a dismisura (anche se sei stato generoso 😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 21/5/2020 alle 21:55, Loot and Roll ha scritto:

Molto probabilmente non ha bisogno di pubblicità visto il successo che ha avuto, tuttavia durante la quarantena ho giocato tanto e con tante persone diverse alla 5e. Proponendo spesso Journey to Ragnarok mi sono accorto che quasi nessuno, fuori dalla community di Need Games, conosceva questo titolo.

 

Per chi non lo conoscesse è un modulo di ambientazione e avventura della 5e completamente in italiano. Usa al 100% le meccaniche, regole e classi della 5e ma è ambientato in un altro universo. Un universo basato sulla Mitologia Norrena. Viene aggiunta una nuova classe, un archetipo per ogni classe in flavour vichingo e tante altre chicche oltre che un’avventura che porta i personaggi dall’1 al 15.

 

Ho deciso di fare una recensione dato che mi sono divertito molto a giocarlo in questi mesi e volevo anche una breve intro per far conoscere il gioco se dovessi proporlo.

 

Cerco di rimanere nei 10 minuti in quanto credo che per approfondimenti più seri sia sempre meglio leggere che guardare video 😉

Consiglio di darci un’occhiata a chi avesse voglia di cambiare un po’ aria dalle solite ambientazioni o fosse interessato alla mitologia norrena 😊

 

 

 

 

WOW!

Devo essere sincero: è stato il tuo video a convincermi a comprare il manuale (proprio oggi in formato PDF). E devo dire che sono rimasto piacevolmente colpito.

L'impaginazione, le immagini e in generale la capacità di suscitare interesse sono al top. Lo dico anche considerando che solitamente le versioni digitali riescono ad attirare meno l'attenzione per tempi prolungati... invece 300 e più pagine lette in una sola volta!

Non vedo l'ora, appena avrò più tempo, di proporre di giocare qua sul forum quella campagna. 

Il 22/5/2020 alle 12:54, Lord Danarc ha scritto:

My two cents

Concordo con la maggiorate di quanto descritto nella recensione, con un paio di appunti.

La campagna, nella prima parte, è fatta veramente bene, come detto da @Canaso. Pur non avendo ancora concluso la seconda parte causa coronavirus, ma siamo "un pezzo avanti", la sensazione che ho è che il livello della seconda parte sia molto inferiore rispetto alla prima. Mentre in quest'ultima sei in un bellissimo sandbox con N opportunità da sfruttare e scelte da compiere, negli altri mondi ti trovi una storia railroadata con 0 possibilità di scelta. Il DM lamentava inoltre la mancanza di mappe specifiche per gli incontri. Circa le regole opzionali dei mondi, l'idea è buona, ma è molto male implementata. Alcune classi si troveranno a bestia in alcuni modi senza poter fare molto al riguardo e ad essere divinità in altri(paladino). Noi l'abbiamo modificata incrementando o diminuendo di 1 il livello di potere della magia nei mondi, come da tabella dato che massimizzare o minimizzare è una cosa assurda. Sopratutto considerando che questa non è più una meccanica presente nell'edizione.

Altra cosa riguarda il bilanciamento degli archetipi. Noi abbiamo giocato diversi personaggi (abbiamo iniziato con alcuni PG e poi passando fuori Midgard li abbiamo cambiati), quindi abbiamo esperienza con un ladro, un guerriero, due barbari, due maghi, un bardo, un paladino, un maestro delle rune, due chierici. Non tutti, ma poco ci manca, ed abbiamo usato solo gli archetipi dell'ambientazione. Riguardo quindi al bilanciamento mi trovo a sostenere che non è fatto bene. Alcuni archetipi sono molto potenti (il chierico è sgravato, potendo prendere incantesimi da qualsiasi lista anche fino al 5°, il mago è forte, anche se dipende dall'interpretazione del potere che gli permette di perdere un incantesimo preparato a favore di due a caso dati dal DM. Dinamica fatta male. Se ti serve di capire cosa dice uno in una lingua che non conosci, o di impedire la morte per caduta del gruppo è ovvio che serva comprensione dei linguaggi o linguaggi e caduta morbida. Se decidi di perdere un incantesimo (che deve essere di livello più alto di quello che ti serve) e il DM non ti da tra le opzioni quello che ti serve è ridicolo, se lo fa è banale. Dinamica fatta male ma molto forte nel momento in cui diventa ovvio che il DM deve darti tra le opzioni quello che ti serve. Al contrario l'archetipo del ladro è praticamente inutile. una versione N volte più scarsa del mistificatore arcano, con spell predeterminate e non a scelta che lanci tipo warlock e capacità meh. Convincere uno che è una foca per un'ora può essere divertente, ma non incide nel gioco così tanto, sopratutto in un'ambientazione in cui si scherza molto poco. E noi abbiamo fatto moltissime sessioni "politiche". Circa il maestro del sapere ho avuto una sensazione molto negativa. Il cerchio è una dinamica molto interessante ma, anche in questo caso, male applicata. Farlo apparire e mantenerlo implica l'impossibilità di fare altre cose, inoltre anche la dinamica delle rune non mi pare ben fatta. alcune hanno effetti negativi e positivi, altri solo positivi. Insomma, come classe per me è bocciata, almeno per l'aett che ha giocato il nostro maestro. A supporto dell'impressione c'è il fatto che nessuno nella seconda parte ha deciso di fare il maestro delle rune.

Detto ciò l'ambientazione è molto ben sviluppata, l'aspetto storico è aderente alla realtà e gli elementi dei clan sono ottimi, anche in ottica di campagne politiche nella campagna e fuori da essa. Le illustrazioni sono eccezionali. Molto meglio di quelle del manuale base, che non mi piacciono (proprio due livelli diversi, serie A e serie B). Mi sento di consigliarlo.

Come ho detto, l'ho appena comprato questo regolamento. Non posso esprimere giudizi attendibili come i tuoi. Tuttavia ad una prima analisi penso che il cambio da sandbox a semi-railroad della storia sia uno degli elementi che la rende così completa. Per quanto riguarda il bilanciamento tra le classi... sono convinto che in presenza degli incantesimi sarà impossibile trovare un bilanciamento vero e proprio dal 1° al 20° livello in qualsiasi ambientazione si sia. Nessuna arma eguaglierà la capacità di riportare in vita i morti o di evocare piogge di meteore. Questo inconveniente l'ho risolto in due modi (da DM): massiccio ricorso alle homerules (ho modificato gli effetti di moltissimi privilegi di classe di qualunque ambientazione senza starci a pensare due volte) e impostazione della campagna "su misura" per i Pg (cioè incontri preparati apposta per far scatenare il Barbaro e prove politiche nelle quali senza il face di turno non si andava da nessuna parte). I

Share this post


Link to post
Share on other sites

In realtá la 5e é molto bilanciata. La differenza in termini di output di danni tra un pg minmaxato e uno tranquillo è minima. E lo stesso vale per pg diversi. Per la prima volta gli usufruitori di magia e i non caster hanno ruoli in ogni livello. Questa è una valutazione ampiamente condivisa dalla comunità dei giocatori, non una mia opinione.

ciò posto alcune classi sono assolutamente sbilanciate purtroppo. Giocare il ladro fino al 9 ha praticamente significato giocare senza archetipo. 2 spell a short rest predeterminate e mai determinanti e una capacitá ogni tanto utile. Di conversi il chierico è fuori scala. Può facilmente accedere a scudo, evoca famiglio, la cavalcatura del paladino, e quella migliorata. Praticamente rendono inutile avere altre classi. Il mago é forte ma ha quel problema che lo rende oggettivamente mal costruito e anche questo mi pare oggettivo. 

Circa le hr a me non piace modificare il regolamento e cerco di introdurle solo se veramente necessarie. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 21/5/2020 alle 21:55, Loot and Roll ha scritto:

Molto probabilmente non ha bisogno di pubblicità visto il successo che ha avuto, tuttavia durante la quarantena ho giocato tanto e con tante persone diverse alla 5e. Proponendo spesso Journey to Ragnarok mi sono accorto che quasi nessuno, fuori dalla community di Need Games, conosceva questo titolo.

 

Per chi non lo conoscesse è un modulo di ambientazione e avventura della 5e completamente in italiano. Usa al 100% le meccaniche, regole e classi della 5e ma è ambientato in un altro universo. Un universo basato sulla Mitologia Norrena. Viene aggiunta una nuova classe, un archetipo per ogni classe in flavour vichingo e tante altre chicche oltre che un’avventura che porta i personaggi dall’1 al 15.

 

Ho deciso di fare una recensione dato che mi sono divertito molto a giocarlo in questi mesi e volevo anche una breve intro per far conoscere il gioco se dovessi proporlo.

 

Cerco di rimanere nei 10 minuti in quanto credo che per approfondimenti più seri sia sempre meglio leggere che guardare video 😉

Consiglio di darci un’occhiata a chi avesse voglia di cambiare un po’ aria dalle solite ambientazioni o fosse interessato alla mitologia norrena 😊

 

 

 

 

Salve a tutti, innanzitutto fantastica recensione, non era troppo lunga, rispetto ad altre che durano anche mezz'ora senza concludere nulla, ha trattato i temi principali in maniera coerente, senza spoilerare dettagli della trama, in maniera che anche coloro che hanno intenzione di giocare la campagna non sappia troppe cose; e infine erana bellissima la grafica del video, e del tutto coerente con il tema trattato.

Io conoscevo "Journey to Ragnarok" già da febbraio, a causa di un mio interesse verso sia i giochi di ruolo che verso la mitologia norrena, ed avevo intenzione di comperarlo al Romics che si sarebbe tenuto ad Aprile nei pressi di Roma. Ma per ovvi motivi poi non ho più potuto acquistarlo. Ora pensavo di prenderlo in qualche negozio o online, ma prima volevo sapere da voi, che forse già avete acquistato il volume, qualcosa sull'archetipo del Barbaro che non è stato citato ne nel video ne nei commenti precedenti (se sì mi scuso per non averlo notato) e sui nuovi oggetti magici introdotti con il modulo di avventura.

Grazie

Edited by Sthor Helder

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 31/5/2020 alle 20:47, Sthor Helder ha scritto:

Salve a tutti, innanzitutto fantastica recensione, non era troppo lunga, rispetto ad altre che durano anche mezz'ora senza concludere nulla, ha trattato i temi principali in maniera coerente, senza spoilerare dettagli della trama, in maniera che anche coloro che hanno intenzione di giocare la campagna non sappia troppe cose; e infine erana bellissima la grafica del video, e del tutto coerente con il tema trattato.

Io conoscevo "Journey to Ragnarok" già da febbraio, a causa di un mio interesse verso sia i giochi di ruolo che verso la mitologia norrena, ed avevo intenzione di comperarlo al Romics che si sarebbe tenuto ad Aprile nei pressi di Roma. Ma per ovvi motivi poi non ho più potuto acquistarlo. Ora pensavo di prenderlo in qualche negozio o online, ma prima volevo sapere da voi, che forse già avete acquistato il volume, qualcosa sull'archetipo del Barbaro che non è stato citato ne nel video ne nei commenti precedenti (se sì mi scuso per non averlo notato) e sui nuovi oggetti magici introdotti con il modulo di avventura.

Grazie

L'archetipo del Barbaro in JtR è quello della Tempesta. Fondamentalmente hai la possibilità di accumulare cariche Tempesta che poi scarichi quando vai in Ira, facendo danni aggiuntivi da tuono con i tuoi attacchi. E' un bel archetipo di ambientazione (come tutti gli archetipi di JtR) anche se non saprei dire quanto sia  più, o meno, funzionale degli altri archetipi da Barbaro (non sono un maniaco delle ottimizzazioni); a guardarlo così di sicuro non è scarso o inutile e se fossi player ci farei un pensierino.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 31/5/2020 alle 20:47, Sthor Helder ha scritto:

Salve a tutti, innanzitutto fantastica recensione, non era troppo lunga, rispetto ad altre che durano anche mezz'ora senza concludere nulla, ha trattato i temi principali in maniera coerente, senza spoilerare dettagli della trama, in maniera che anche coloro che hanno intenzione di giocare la campagna non sappia troppe cose; e infine erana bellissima la grafica del video, e del tutto coerente con il tema trattato.

Io conoscevo "Journey to Ragnarok" già da febbraio, a causa di un mio interesse verso sia i giochi di ruolo che verso la mitologia norrena, ed avevo intenzione di comperarlo al Romics che si sarebbe tenuto ad Aprile nei pressi di Roma. Ma per ovvi motivi poi non ho più potuto acquistarlo. Ora pensavo di prenderlo in qualche negozio o online, ma prima volevo sapere da voi, che forse già avete acquistato il volume, qualcosa sull'archetipo del Barbaro che non è stato citato ne nel video ne nei commenti precedenti (se sì mi scuso per non averlo notato) e sui nuovi oggetti magici introdotti con il modulo di avventura.

Grazie

Gli oggetti magici invece sono circa 20, alcuni artefatti potenti mentre altri oggetti anche più ottenibili.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Similar Content

    • By vorongren
      Ciao ragazzi, sto cercando un sistema di regole indicato per gestire un'avventura con le seguenti caratteristiche:
      ambientazione sistema solare (anche home made) tecnologia realistica (no misteriosa tecnologia aliena, no magia, no strani poteri divini, no teletrasporto, no macchina del tempo, ecc) parte manageriale per astronave ma anche magari per base sia planetaria che non gestione decente delle armi da fuoco (anche instant kill va bene, ma no armi inverosimili alla quake, per dire) e dei combat anche tra astronavi classi realistiche (ad es marine, ingegnere, pilota, mercante, poliziotto, ecc, NO psion o altre cose simili) piuttosto che razze, caratteristiche dipendenti dal pianeta di origine focalizzazione gdr o comunque non solo sul combat e non solo manageriale. avete idee o suggerimenti? 
       
      grazie
    • By AugustoV
      Ciao a tutti, stavo cercando un'ambientazione per poter creare una campagna ambientata nel mondo di avatar senza dover creare e bilanciare io tutte le classi. Sostanzialmente qualcosa di simile al manuale homebrew di StarWars, ma per Avatar. Sapete indirizzarmi da qualche parte?
       
      P.S. Moderatori spero di non aver fatto casini con questa discussione 
    • By ZerryBlack95
      Buongiorno a tutti!
      Ho scaricato il pdf in inglese di "Arkadia", manuale di ambientazione "greca" di d&d 5e. Volevo chiedere se qualcuno sa SE e QUANDO questo manuale verrà mai tradotto in italiano!
    • By senhull
      FINALMENTE CI SIAMO!!!!!!
      Affilate le vostre carte di credito e potete procedere con l'acquisto qui.
      Buon divertimento e ci vediamo tra qualche giorno, quando me lo sarò bevuto!
       
    • By senhull
      Ciao a tutti,
      in questo tweet, sembra che domani ci sarà un'interessante intervista live streaming (diretta TWITCH) su Exploring Eberron sul canale di D&D Beyond.
      Alcuni ovviamente hanno intenso (sbagliando) che sarà disponibile anche per quella piattaforma, ma KB ha confermato che sarà solo su DM Guild, come previsto dal contratto.
      Anche se posso considerarmi tra i fortunati che hanno ricevuto alcuni spoiler inediti di questo libro, non mi resta che attendere l'uscita con il cuore in gola...
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.