Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Esplorando Eberron è uscito in italiano

Preparatevi ad esplorare Eberron in italiano grazie alla Need Games e Keith Baker

Read more...

Progetta Le Tue Avventure #3: Ferrovie e Scatole di Sabbia

Eccovi il terzo articolo della mia serie di consigli per progettare le avventure.

Read more...

Hexcrawl: Parte 1

Con Hexcrawl si intende il viaggio dei PG attraverso una mappa composta da esagoni (hex) dove ogni esagono corrisponde ad un tipo di terreno (pianura, montagna, palude, collina, mare, ecc). In questa rubrica Justin Alexander ci spiegherà nel dettaglio le regole che usa per realizzare le sue avventure Hexcrawl

Read more...

Un nuovo trailer per Dark Alliance

I fan possono ora visionare un trailer che va a mostrare in maggior dettaglio il gameplay di Dark Alliance, il nuovo videogioco a tema Dungeons & Dragons previsto in uscita nei prossimi mesi.

Read more...

La Marvel annuncia ufficialmente il GdR legato al suo Universo

La Marvel Entertainment ha deciso di entrare nel mondo dei giochi di ruolo annunciando un GdR sul loro universo fumettistico.

Read more...

Le Cappe D'Oro: Un nuovo inizio


Recommended Posts

Ophelia

"Ah, non vedo la senorita da un po'. Potrebbe dare davvero una mano al piano... Dunque monsieur Pierre si infiltrerà tra la servitù. Io questa volta preferirei una parte meno noiosa... Abbiamo abbastanza informazioni per farmi giungere come una nuova arrivata di questa organizzazione?"

Edited by Pippomaster92
Link to post
Share on other sites

  • Replies 366
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Topic precedente Con la morte di Ntoni, il ritorno dal mondo dei morti di Ophelia ed Armos e l'aggiunta al gruppo del misterioso "Malekith" cambia radicalmente i vostri piani e vi costringe a m

Ophelia Montoya "Mancanza di stile? E dire che vi credevo più aperto di vedute, monsieur. Ammetto di aver sviluppato un certo interesse per gli abiti clericali da una mia piccola avventura nel mo

Ophelia Montoya Con Armos Quando vengo presentata decido di rispettare la teatralità di Pierre inchinandomi alla moda degli attori di teatro.  "È un onore per me conoscere altri amici

Posted Images

Armos

Traduttore e guardia del corpo direi, un traduttore con un fucile di tale fattura risulterebbe alquanto sospetto dico con un sorrisetto mentre mostro a Pierre l'ubicazione della casa Possiamo usare quanto trovato dai mercanti per confezionare degli abiti adatti le parole di Ophelia però mi fanno venire un'idea e se foste una coppia di mercanti? alterno lo sguardo tra Ophelia e Astrid ed io il vostro umile ed esotico servitore

Link to post
Share on other sites

Astrid scuote appena la testa alla proposta di Armos "Parliamo di una città molto cristiana, anche se con due cristianesimi che litigano tra loro... sarebbe una recita divertente, ma è meglio se Ophelia si fingesse la mia dama da compagnia o qualcosa di simile e tenessi Pierre come mio marito. E tu puoi fare il tiefling factotum, da maggiordomo a traduttore a guardia del corpo. Domattina prendiamo il necessario per organizzare la nostra farsa."
Alla domanda sulla posizione di Lara risponde la paladina "Ha trovato un tempio nascosto di Sarenrae in città ed ha detto che deve farci qualcosa di importante, credo far incantare e consacrare la sua scimitarra, dovrebbe tornare tra poco o domattina al più tardi."

Link to post
Share on other sites

Ophelia

"Dama da compagnia? Oh Astrid, non hai che da chiedere" sorrido mandandole un bacio, poi torno un po' più seria "Pensate che essere nobili in visita ci sia sufficiente per prendere contatti in fretta? Non suonerà in po' sospetto se forziamo la mano? Forse dovremmo pensare ad una copertura più allettante per questo collettivo criminale. Piuttosto: come potremmo esserne venuto a conoscenza in modo non sospetto?"

Edited by Pippomaster92
Link to post
Share on other sites

Pierre di Penthièvre

Guardo divertito Ophelia quando stuzzica Astrid con la sua battuta, tornando anch'io più serio Siamo sicuri di voler andare tutti e, soprattutto, presentarmi come marito del personaggio? Le "trattative" verrebbero certamente rivolte con il sottoscritto. Io proverei veramente ad infiltrarci in più punti: abbiamo bisogno di informazioni per creare una copertura convincente, come suggerisce mademoiselle Ophelia. Dico prima di ringraziare Jeanne con un cenno del capo. 

Link to post
Share on other sites

Rogue

Rimasta silente il più del tempo con la mia bottiglia di vino lascio parlare gli altri, leggermente estraniata con lo sguardo anche se contribuisco con qualche cenno di assenso e parola. 

E’ difficile a momenti alterni aprirsi con qualcuno dopo un intera vita di sfiducia e tradimenti.

quando e’ ok che io intervenga i mi intrometta, dopotutto?

Senza preavviso afferrò la bottiglia di vino mia, bevendo direttamente da essa finendo a fatica la metà ancora contenuta prima di poggiarla sul tavolo pesantemente, alimentandomi con un po’ di coraggio liquido. 

Non mi sono MAI infiltrato al fianco di altri, sarà in esperienza nuova. Esordisco sbagliando un pronome personale, indice forse che qualche tratto o pensiero della mia vecchia vita solitaria torna alla mia mente. Se vi infiltate tutti, volete che io tenga un occhio su tutti quanti o che entri alla mia vecchia maniera?

Link to post
Share on other sites

"Quello che ti senti di fare, Rogue, sono entrambe cose utili che ci aiuterebbero non poco." risponde all'elfa per poi rispondere a Rogue con un sorrisetto divertito "Mi piacesse il genere ci farei un pensierino... comunque parlavamo di una copertura da ricchi mercanti alla ricerca di nuovi mercati, non nobili, quindi ci converrebbe lavorare su quello, cercando se il nostro bersaglio ha un negozio od un magazzino tanto per iniziare."

Link to post
Share on other sites

Ophelia

"Non sai cosa ti perdi" rispondo, divertita, ad Astrid. Sembra che di recente sia diventata meno ostile nei miei confronti. Peccato non poter cogliere il frutto proibito, ma almeno il clima del gruppo si è rasserenato. Invece non ho ancora inquadrato bene Rouge. Ora per esempio sembra timida e impacciata, tanto da doversi far forza a suon di vino. Ma stanotte, sentendo certe storie, si è divertita parecchio.

Link to post
Share on other sites

Pierre di Penthièvre

Sorrido sentendo lo scambio di battute tra Astrid e Ofelia, rispondendo poi alla prima Preferirei infiltrarmi come servitore o attendente, se possibile. Non voglio farmi sfuggire quella via d'indagine. Dico per poi guardare pensieroso Rouge. Anche se forse potrebbe farlo lei, madamoiselle. Almeno io potrei fingere di essere tuo marito, mon amour. 

Edited by Ian Morgenvelt
Link to post
Share on other sites

Rogue 

Piu’ coinvolta e di aiuto nel discorso di prima mi rilasso nella mia ebrezza assumendo una posa più rilassata sulla sedia. 

Se posso aiutare anche solo facendo la servente non sarà un problema. Facile. Commento per poi voltarmi alla proposta di Ophelia, sorridendo. Dama da compagnia non è un ruolo che interpreto spesso, ma non è fuori dal mio repertorio. Sembra un ottima idea magari noi duebinflitrarci così 

Link to post
Share on other sites

E fu sera e fu mattina, inizia un nuovo giorno con tanto da fare ed il ritorno di Lara in locanda.

Nota

Spoiler

Se avete altro da dirvi fatelo con uno o due spoiler di flashback, ma da quanto ho capito siete pronti a riprendere le indagini.

 

Link to post
Share on other sites

Pierre di Penthièvre

Andiamo quindi a dormire, con il piano ormai pronto. Ci incontriamo il giorno dopo anche con Lara, pronti ad aprire il sipario. È un vero piacere vederla, mademoiselle Lara. La sua abilità sarà certamente molto utile ai nostri fini. Dico alla ragazza, facendo un riassunto di quanto deciso ieri Allora siamo d'accordo sul piano? Io e Astrid saremo dei mercanti del nord, interessati ai prodotti locali, e mademoiselle Ophelia sarà la nostra dama da compagnia. Monsieur Armos si fingerà il nostro traduttore, mentre mademoiselle Rouge e mademoiselle Lara si fingeranno delle domestiche e cercheranno di ottenere informazioni dalla servitù. 

Link to post
Share on other sites

Rouge

La mattina ci ritroviamo, riposati e pronti. 
Domestica con Lara, capito. Saremo invisibili in piena vista ammicco facendo un cenno alla donna Vado a preparare le vesti piu' adeguate. Una veste magica per una serva attirerebbe non poche attenzioni, preparero' un travestimento ad hoc per entrambe. 

Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Lara sorride appena a Rouge "Auree magiche? Non sono un problema, posso nasconderle. Con abbastanza pergamene ed un uso saggio delle nostre borse conservanti possiamo portarci dietro tutta la nostra roba senza problemi... ma si, un buon travestimento mondano aiuta sempre quando l'abito fa il monaco ed il gioiello fa l'aristocratica."

 

Edited by Tarkus
Link to post
Share on other sites

Pierre di Penthièvre

Potresti mostrarmi l'accento che vorresti usare, mon amour?  Così da rimanere coerenti e giustificare la presenza di un traduttore. Chiedo ad Astrid, iniziando a riflettere sul mio personaggio. 

Link to post
Share on other sites

Passate la mattinata a procurarvi abiti adatti, comprare un lotto della merce di cui Pierre ed Astrid vogliono fingersi mercanti (potete scegliere con calma cosa) e rifinire la vostra recita prima di cercare i due su cui volete indagare e trovarli non è difficile: il padre è alla gilda dei sarti, il figlio ad una delle locande più lussuose e prestigiose del quartiere sud, ad un tavolo con quattro veneziani ed un paio di tedeschi.

Link to post
Share on other sites

Pierre di Penthièvre

Una volta acquistata la merce mi incontro nuovamente con i miei compagni, che ci spiegano dove si trovino i due uomini. Io direi di iniziare ad approcciare il padre: potremmo andare alla Gilda dei sarti per stringere un accordo tra i tessitori locali e dei ricchi mercanti di moda. In questo modo saremmo sicuri di attirare la sua attenzione senza risultare sospetti.

Link to post
Share on other sites
  • Similar Content

    • By Ian Morgenvelt
      Nome dell'ambientazione: 
      Pianeta Terra, anno 2015: all'oscuro della maggior parte dell'umanità, le creature dei miti e delle leggende hanno continuato a prosperare, integrandosi nella nostra società e modificandola profondamente.
      Temi
      Temi principali
      Come nelle fiabe: Le leggende, i miti, le fiabe e l'epica… sono tutti metodi con cui l'umanità ha tramandato le imprese di esseri fondamentalmente diversi da loro. Dei, "lupi cattivi", streghe, troll ed elfi sono molto più reali di quanto si possa pensare, come sapevano gli antenati degli uomini moderni: le storie non erano solamente racconti per allietare una serata, ma avvertimenti su questo mondo tanto affascinante quanto pericoloso.
      Questi esseri, ormai dimenticati o scherniti, non sono certo spariti nel nulla: sono cambiati, ma hanno mantenuto i loro ruoli narrativi. E, soprattutto, vivono tutt'ora in mezzo a noi, nascondendosi sotto pelli mortali e penetrando in profondità nella società moderna. O fuggendo totalmente da essa, infestando luoghi che tutt'ora vengono guardati con timore irrazionale: da dove nascerebbero le leggende metropolitane, altrimenti? La Grande Mascherata: Le storie del passato sono state dimenticate o guardate come sciocche superstizioni con cui si trastullavano i nostri avi. E proprio per questo la maggior parte delle persone si rifiuta di credere al soprannaturale, anche quando viene messa di fronte a prove inconfutabili. Il cervello umano non riesce ad accettare che possa esistere qualcosa di tanto assurdo, in grado di farci sentire totalmente inermi e impotenti: per questo ogni uomo attiva una sorta di meccanismo di autodifesa, razionalizzando qualunque avvenimento a cui assiste. La deflagrazione infuocata creata dal mago? Una fuga di gas, non c'è dubbio! E quelle fotografie spaventose di un lupo sono chiaramente il frutto della mente fantasiosa di un appassionato di Photoshop. E via dicendo.  I Liberatori: Non tutti gli uomini sono ignari del soprannaturali. Parte di loro sono dotati della capacità di vederlo e comprenderlo, che sia una benedizione (o maledizione) di famiglia o semplice arguzia. E, ovviamente, alcuni di loro sono in grado di comprenderne i vantaggi. Ma la reazione più comune è indubbiamente un'altra: la paura.
      E' proprio per questo che sono nati i Liberatori, una società che vuole eradicare il soprannaturale e far tornare l'umanità sul trono che si è affibbiata da sola. Molti li conoscono come semplici complottisti da forum, folli che continuano ad insistere sull'esistenza dell'area 51 o sulle prove dei presunti avvistamenti di fate e folletti. Ma pochi conoscono ciò che vi è realmente dietro: questi uomini e queste donne sono un vero e proprio esercito, pronto ad eseguire il proprio compito con cieca devozione. Diverse creature lo hanno imparato a proprie spese: anche un drago non può nulla contro una folla armata di fucili automatici.  La tua vita per la tua Nazione: Le persone che sono certamente state in grado di sfruttare il soprannaturale sono i capi di stato (sempre ammesso che siano realmente tali). La magia e l'occulto sono regolati da leggi, come tutti gli altri aspetti della vita quotidiana, anche se tendono ad essere più blande e permissive, per non limitare le occasioni offerte da questi poteri. Una delle più famose è il cosiddetto Servizio Eterno: la necromanzia, la tradizionale magia nera, non è illegale, a patto però che il mago abbia un Sigillo statale. Sigillo che comporta la possibilità di venire arruolati per controllare gli "uomini" che difendono il proprio stato: gli eserciti e parte delle unità di polizia (in base ai singoli stati) sono innocenti sacrificati e rialzati da oscuri riti, spesso dotati di un istinto animalesco ed un cervello semplice. L'unica cosa che riesce a tenerli a bada è il potere controllato dai necromanti, in grado di farli ballare come marionette. E non sempre per il bene della patria.  Temi Secondari
      Cabala di potere Gli arcanisti sognano pecore elettriche I signori del crimine Il nemico alle porte Il tempo è denaro La rottura del patto Venti di magia
    • By Ian Morgenvelt
      @Athanatos @Cronos89 @Ghal Maraz @PietroD  @Pippomaster92 @shadizar @Tarkus @Zellos 
      Come vi avevo anticipato, con la creazione dei Volti abbiamo terminato di creare l'ambientazione. Noterete che abbiamo ancora molti dettagli da tratteggiare e molti buchi da riempire: è una cosa voluta, in questo modo sarete libero di aggiungere tutti i dettagli che vorrete con i vostri personaggi.
      E, infatti, inizieremo proprio a crearli a partire da questo post. Vi guiderò passo per passo, approfittandone per spiegarvi le regole del sistema, così che abbiate modo di "digerirle" e farmi tutte le domande del caso. 
      Partiamo dalle base, ossia la risoluzione dei conflitti: qualunque sfida viene risolta tirando 4 dadi a 6 facce abbastanza particolari, a cui viene poi sommato il valore dell'abilità che si vuole utilizzare per superare l'ostacolo. I dadi, in particolare, variano tra -1 e +1 (1-2: -1, 3-4: 0, 5-6:+1), fornendovi così un bonus che può variare tra -4 e +4. Vi spiegherò in maniera più specifica il funzionamento delle prove e dei combattimenti quando vi avrò introdotto le abilità, ma iniziate pure a farmi tutte le domande che volete sulla questione. 
      La prima cosa che dovremo definire saranno gli Aspetti, il centro del personaggio e dell'intero sistema. Un Aspetto è una breve frase che descrive un luogo, una situazione o, in questo caso, un personaggio. La frase che utilizzate deve essere facilmente inseribile in un discorso: per poterli utilizzare per influenzare le meccaniche, infatti, dovrete inserirli direttamente nella narrazione. 
      I vostri personaggi saranno definiti da un totale di cinque Aspetti: il Concetto base, il Problema, la Relazione e due Aspetti liberi. Inizieremo a focalizzarci sui primi due, che saranno il fulcro del vostro personaggio.
      Il Concetto base indica la sua identità, le sue parti essenziali. Dovrete quindi scrivere una breve frase che lo riassuma ("Il nuovo Cavaliere Nero", "Guardiano del Tempio di Efeso", "Mago folle"...) e una descrizione di qualche riga che presenti il personaggio. Non scrivete il background completo, solamente le sue caratteristiche principali e la sua identità.
      Il Problema, invece, rappresenterà un difetto del vostro personaggio. Deve essere qualcosa che renda la vita del vostro PG più complicata: potrebbe trattarsi di una vera e propria debolezza, come quelle di molte figure mitologiche (il calcagno di Achille o i capelli di Sansone, per dire), di un rapporto complicato con un familiare/amico/conoscente, un nemico molto importante... Qualunque cosa vi venga in mente, insomma. Anche in questo caso dovrete scrivere una breve frase per riassumerlo e una rapida descrizione. 
      Una volta che avremo definito Problema e Concetto base vi spiegherò il funzionamento della risorsa più importante del gioco (i punti Fato) e la sua influenza sugli Aspetti. 
      Nota finale, staccata dal resto: come volete che gestisca il tiro dei dadi? Lo delegate completamente a me o preferite usare una app/sito per tirarli voi? E sareste eventualmente interessati ad un canale di chat più diretto rispetto al forum, per chiedere dubbi vari (e riempirlo di spam, meme e cagate varie, come parte di voi ben sanno)?
    • By Pippomaster92
      4 Sarenith, 4711. Okeno, mattina.
       
      Come molte altre persone avete sentito parlare anche voi della "proposta d'affari" del mercante Shamir Iqbal, e avete deciso di approfondire la cosa discutendo con uno dei banditori ufficiali di Okeno: un uomo il cui solo lavoro è mettere in contatto gente come voi con gente come Haji* Iqbal.
      Il banditore vi ha parlato a lungo per capire che genere di persone siete, specialmente per capire se sia conveniente o meno farvi incontrare con il mercante, faccia a faccia. Dopo quasi un'ora l'uomo acconsente di darvi ulteriori informazioni e vi passa un piccolo ritaglio di pergamena da appuntarvi al bavero, con il sigillo ufficiale in cera di Haji Iqbal. Vi spiega che nell'arco di due giorni egli organizzerà una cena nella sua villa, durante la quale discuterà con gli ospiti e deciderà se coinvolgerli o meno nei propri affari. 
      Secondo il banditore il giro di soldi, la "dote del mestiere" per questo tipo di lavoro può essere parecchio alta, e Haji Iqbal ha fama di essere bonario, pio e soprattutto molto generoso con chi lo merita. In passato ha già lavorato con avventurieri di vario tipo, anche se di solito per operazioni commerciali di breve durata; comunque i partner commerciali del mercante hanno sempre manifestato grande soddisfazione e ne sono sempre usciti arricchiti. 
      Dopo avervi dato l'indirizzo della villa di Iqbal, il banditore vi suggerisce di non perdere la pergamena (vi identificherà agli occhi delle guardie) e soprattutto vi suggerisce di lavarvi e presentarvi in modo dignitoso, per fare bella figura. Visto che gli sembrate simpatici, aggiunge che dovrete stare doppiamente in guardia perché ha già dato sigilli di pergamena e cera ad altre persone: non siete gli unici candidati per questo posto. 
       
      6 Sarenith, 4711. Okeno, tardo pomeriggio.
      Raggiungete il palazzo del mercante con facilità, muovendovi in stradine buie dove la frescura vi da tregua dal torrido sole che sovrasta Okeno. 
      Come le abitazioni della maggior parte dei mercanti onesti e ragionevoli, la casa di Haji Iqbal appare come  un grande edificio ben tenuto, ma non offre alcun indizio sull'opulenza in esso contenuta. Si tratta ovviamente un gesto d’altruismo, per evitare di indurre i passanti nel terribile peccato dell’invidia.
      Da dove vi trovate è possibile vedere solo un alto muro di cinta, e intravedere le mura interne dell’edificio vero e proprio. Un portone in legno intarsiato e ferro damascato è guardato a vista da due eunuchi dalla pelle scura, scintillanti lame esotiche infilate nelle fusciacche di seta verde.
      Siete attesi, avete con voi i sigilli di pergamena e probabilmente il banditore di due giorni fa ha fornito una descrizione sommaria al padrone di casa: sia quel che sia le due muscolose guardie vi aprono la porta senza fiatare. 
      Superate le mura vi trovate in un lussureggiante giardino, tenuto in ombra dagli alti alberi che delimitano alcuni sentieri lastricati in pietra. Il piccolo parco circonda la casa su tutti e quattro i lati, offrendo un ulteriore velo all'intimità di chi vi abita.
      Al vostro ingresso un servitore si avvicina con un sorriso, e dopo un mezzo inchino vi chiede di seguirlo; vi scorta fino ad un colonnato e da qui ad un secondo giardino, questo costruito all'interno del palazzo vero e proprio. Anche qui ci sono alberi, erba, vasche con acqua e un porticato in legno intagliato sotto il quale sono disposti cuscini e bassi tavoli, il tutto approntato per un banchetto. Vi si chiede di accomodarvi e attendere il padrone di casa, che arriverà a breve.
      Mentre aspettate vi vengono serviti alcuni datteri addolciti col miele e delle coppe contenenti fresca acqua di rose. Due musicisti suonano piano una melodia dolce e ripetitiva, mentre da una macchia di arbusti coperti di fiori, a qualche metro da voi, emerge un ghepardo con un collare tempestato di zaffiri. Lo accompagna una bellissima e fiera ragazza straniera dalla pelle abbronzata e con numerosi tatuaggi bianchi sul corpo: una shoanti, probabilmente, o una di quelle streghe varisiane. Lei, i servitori e i musicisti hanno tutti splendide cavigliere argentee, lussuosi simboli della loro condizione di schiavi. Le due belve, il felino e la fanciulla, non vi degnano che di uno sguardo e scompaiono in una delle stanze che si affacciano sul giardino.
       
      Non siete gli unici ospiti di Haji Iqbal. Già seduti al lungo tavolo per la cena ci sono tre vudrani** dall'aria rigidamente compassata. Ciascuno è completamente rasato, e tutti portano sulla fronte un bindi circolare color argento. Dietro di loro, posate elegantemente a terra, si trovano tre corte lance dalla punta argentata e adorne di nastri gialli, e del medesimo colore sono le loro vesti di seta. Al vostro ingresso i tre umani vi osservano lungamente, ma non vi concedono spontaneamente né il saluto né alcuna altra parola.

      E poco dopo il vostro arrivo giunge un quartetto composto da tre nani e una nana, tutti con una faccia poco raccomandabile. Si sono presentati ben puliti, le barbe degli uomini pettinate e oleate, il velo della donna che lascia scoperto un volto piacevole ma arrogante, decisamente nuovo e ben inamidato. Ma è chiaro che sotto questa patina di civiltà ci sono quattro briganti, o criminali di bassa risma: il portamento è tipico di chi sa farsi rispettare nei bassifondi, le nocche dei tre maschi sono coperte da tatuaggi in nanico e tutti e quattro hanno al fianco corte asce con le lame ricche di segni e tacche. Si siedono ad una certa distanza da voi, con gli uomini che si dispongono a protezione della nana: la donna è chiaramente il capo del quartetto. 
      Nota
       
      *Haji è un termine onorifico che si usa per uomini anziani o comunque maturi, pilastri della società senza però essere nobili o sacerdoti. Per le donne si usa Hagga, ma è più raro. 
      **Abitanti della sperduta Vudra, la terra dei Regni Impossibili. Equiparabile alla nostra India. I vudrani sono gli umani nativi del posto. 
    • By Ian Morgenvelt
      @Athanatos @Cronos89 @Ghal Maraz @PietroD  @Pippomaster92@shadizar @Tarkus @Zellos 
      La campagna di FATE è ufficialmente aperta! Giocheremo una prima avventura e partiró da quella per creare la campagna. Io posterò ogni due giorni e vi chiederei di essere costanti: voglio tenere un buon ritmo. Ovviamente non ci sono problemi di nessun tipo se non avete nulla da dire o se siete troppo impegnati: basta che mi scriviate in privato per avvisarmi. 
      In questi giorni, mentre finisco Lady Blackbird con parte di voi, vorrei iniziare a fare il punto della situazione per organizzare i prossimi passi. Vorrei quindi che mi diceste se conosciate FATE e, nel caso, quanto lo conosciate: nel caso partiate da zero non dovrete preoccuparvi, ci penserò io a guidarvi nella creazione del PG (e, in ogni caso, il sistema è molto semplice). Potete intanto dare un'occhiata al regolamento, che trovate linkato in "Link Utili": useremo FATE condensato, che è una versione leggermente migliorata di FATE core (se conoscete il secondo conoscete il primo, di fatto).
      Prima di riflettere sui PG, però, dovremo creare l'ambientazione in cui verrà ambientata l'avventura. Per farlo useremo un metodo che ho creato pescando materiale da varie fonti: ognuno di voi dovrà proporre due "temi", che possono essere media vari (libri, film, canzoni...), veri e propri aspetti che vorreste approfondire (esempio: "Magia oscura e misteriosa" o "Mondo distrutto"), particolari luoghi o qualunque altra cosa che vorreste rendere un tratto caratteristico dell'ambientazione. Ognuno di voi avrà quindi 3 voti a sua disposizione e un veto, un voto che potrete usare per bloccare un tema proposto da un altro giocatore e che, ovviamente, non siete obbligati ad usare. I quattro temi con più voti saranno le caratteristiche principali dell'ambientazione, mentre gli altri saranno aspetti marginali e di minore importanza. Io raccoglieró il tutto e definirò quindi il mondo sulla base di quanto uscito.
      Passeremo quindi a creare i Volti, dei PNG che rappresentano un tema. Ogni tema avrà un Volto favorevole e un Volto contrario: ognuno di voi dovrà sceglierne uno e creare il corrispondente PNG. 
      Prima di iniziare a proporre i temi dovremo definire il genere della campagna (anche a grandi linee: nulla ci vieta di inserire degli elementi più fantasy in un'ambientazione fantascientifica, ad esempio): iniziate a discuterne tra di voi e vedremo cosa uscirà. L'unico "veto" che metto è sull'horror: non penso di essere in grado di narrare una vera e propria avventura di questo genere, al massimo potrei inserire alcuni elementi più inquietanti o gotici.
      Voti
      Cabala di potere: 2 Come nelle Fiabe: 4 Gli arcanisti sognano pecore elettriche: 2 I signori del crimine: 2 Il nemico alle porte: 1 Il tempo è denaro: 1 I liberatori: 3 La tua vita per la tua Nazione: 3 La grande mascherata: 4 La rottura del patto: 1 Venti di magia: 1 Veti
      Devils (and Angels) may cry Mondi che collassano
    • By Doctor95
      Ciao a tutti! Sono Paolo, ho 26 anni e sono un giocatore alle prime armi in cerca di un gruppo con cui giocare di ruolo online. Ho familiarità con D&D quinta edizione, Pathfinder e Namelessland. Mi piace molto giocare online utilizzando discord+roll20 (o simili). Sono disponibile tutti i giorni (preferirei non il giovedì ma se è l'unica opzione posso trovare il modo di esserci), dalle 21:00 in poi. Se fosse possibile inserirmi in un gruppo che deve partire o già avviato mi farebbe davvero molto piacere! Di seguito trovate il mio nickname discord: Doctor95ITA#7773. Potete contattarmi rispondendo al post, in PM oppure su discord a seconda di ciò che preferite.
      Grazie mille!

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.