Jump to content

(TdG) La Città Sacra


Black Lotus
 Share

Recommended Posts

Dorian

La situazione si complica in pochi istanti. Giallo è uno degli incantatori più resilienti che abbiamo mai conosciuto e la sua potenza in termini di magia è portentosa. Vedo cadere al suolo sia Bernard che Tristan, mentre un modo di rabbia e determinazione mi avvolge. Rael mi affianca e riesce a danneggiare Giallo, non ho altro tempo, devo agire ora con Hólomin ma so che il sacerdote si difenderà da me! 

Guardo Cedric che arretra accecato, mentre le sue mani già si preparano a lanciare un incantesimo. Il mago recupera la vista nel momento in cui carico l'affondo, scagliando 4 dardi di pura energia che colpiscono Giallo in pieno petto! 

Questa è l'occasione perfetta! Carico il colpo, Giallo interpone la sua luce, ma io ho già preso la mira: Hólomin affonda tra le giunte dell'armatura superando qualsiasi difesa ed esaurendo le energie di Giallo!

Un tempo, avrei mirato alla gola, ma quest'uomo è simile a noi, solo dall'altra parte della bilancia. Il colpo, se curato, non sará mortale. 

"È finita, Reverendo Azarov. È stato forte e ha dato prova della sua fede, ma noi tutti l'abbiamo superata. Cedric, Viktor, come stanno Tristan e Bernard?!" Non volendo allontanarmi dal nostro nemico, lascio agli altri le cure.

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Scelta: Non Uccidere Giallo
Lo scontro arriva al suo climax: il pugnale di Dorian, denso di energia infrarossa, penetra le difese dell'Alto Chierico, superando perfino la luce abbagliante. Ma il giovane Erede delle Ombre, questa volta, era pronto a quella mossa, e quindi, grazie anche all'aiuto di Rael, sapeva come muoversi. Poco prima che il pugnale di Dorian penetri nella carne, un dardo incantato di Cedric colpisce Giallo, indebolendolo. Infine, la lama si conficca nella carne, il sangue esce copioso dalla ferita: il colpo, pur non essendo mortale, è poderoso. Giallo grida dal dolore: il suo scudo magico svanisce. Infine, cade per terra, perdendo tutte le forze.

Spoiler

Giallo sconfitto!

Note: +3000 XP ciascuno. Ciò porterebbe tutti sopra la soglia per livellare, ma ricordo che il Level Up può avvenire solo a valle di un long rest, quindi (per ora) restate al livello 6.

Soccorso
Viktor e Cedric iniziano a prestare soccorso ai feriti, ovvero Bernard e Tristan, stabilizzandone le condizioni.

Le Parole dell'Alto Chierico
"Un miracolo..." mormora il Reverendo, moribondo. "Ciò che voi avete fatto... è un miracolo..." continua. "Non avevate nessuna speranza... eppure, volete arrivare fino in fondo... non credo nella fortuna, ma credo nel destino... il destino, però, costruito con le proprie mani" asserisce, la voce vecchia, stanca e dolorante. "Ecco, sono ora costretto ad ammetterlo: gli dei sono dalla vostra parte, poiché voi siete nel giusto. La fede è nulla senza la carità... e, risparmiandomi la vita, avete mostrato di possedere la vera carità... la mia carità invece, nel tempo, è divenuta solo ipocrisia..." e Giallo ripensa a tutte le vite sacrificate per le Spedizioni Oscure, tutto il male fatto in nome di un "bene superiore" (che forse non esiste nemmeno). Per la prima volta dopo tanti anni, la lama di Dorian è quasi uno specchio per l'Alto Chierico, che lo costringe a guardare ciò che egli è diventato nel corso del tempo, abbandonando le sue radici.

Azarov ricorda il tempo in cui era davvero un uomo caritatevole, un uomo con tanta fede, poiché aveva tanta carità. Stimato ed amato da tutta la sua comunità, poi è asceso agli alti vertici clericali, dove è invece diventato un chierico con il pugno di ferro. Istituzionalizzando la sua carità, non esercitandola più di prima mano, era rimasto agli occhi del pubblico come un grande filantropo. Ma dentro il suo cuore era indurito, e gli atti concreti di carità erano stati sostituiti da ideali astratti ed ideologie più politiche che religioso, fino ad arrivare alla completa strumentalizzazione, in cui le persone sacrificate nelle Spedizioni Oscure non erano più vite umane, ma solo numeri su un pezzo di carta. Non più una tragedia, ma solo una statistica.

"Ecco la mia tessera... vi aprirà la porta. Io ora andrò a fare ciò che sapevo andasse fatto fin dall'inizio... a rimediare i miei errori. Andate, Eletti di Zero, avete la mia benedizione, per quanto possano valere le parole di un vecchio chierico..." e, detto ciò, Azarov utilizza le sue ultime forze magiche per lanciare un potente incantesimo, che riconoscete come Word of Recall. L'Alto Chierico scompare dalla vostra vista in un lampo di teletrasporto, ma non senza prima lasciarvi un ultimo dono: il suo bastone. Viktor lo identifica come un bastone magico, unico nel suo genere, con il quale Tristan risulta essere già in sintonia. Questo bastone è simile ad un Bastone della Guarigione, ma il suo potere magico intrinseco è di gran lunga superiore.

Spoiler

Equip: Staff of Supreme Healing, oggetto unico, richiede sintonia. Tutti i membri della casata Horst sono considerati automaticamente in sintonia con esso quando lo impugnano (e ciò può andare oltre il limite del numero massimo di oggetti in sintonia). Funziona come Staff of Healing, ma le cure sono massimizzate. In aggiunta, ogni giorno all'alba, la Staff of Supreme Healing riguadagna automaticamente tutte le sue cariche. La Staff of Supreme Healing la trovate con 8 cariche residue (su 10).

Ultima carica: Non sapete cosa accade spendendo l'ultima carica, ma sapete che, al contrario di una normale Staff of Healing, l'effetto avviene deterministicamente (senza alcun tiro di dado).

Tessera magnetica di Giallo: La prende in custodia Viktor.

Cure
Prima di entrare nella Tesoreria, è opportuno che vi curiate. Fortunatamente, Tristan ha ripreso i sensi a sufficienza per utilizzare il potente bastone di Giallo.

Spoiler

Tags: @Alonewolf87, @Gigardos, @SamPey

Discutete su Discord su come distribuire le cure a vostra disposizione.

Fate un post di interpretazione a testa, poi si procede con la Tesoreria.

 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Dorian

Le parole di Giallo

Risparmiare il reverendo è stata la scelta giusta. Le sue parole sono colme di pentimento ma anche voglia di rimediare. 

Appoggio una mano sulla sua spalla, dopo che ci ha consegnato la sua tessera.

"La ringraziamo, Reverendo Azarov. Sono davvero felice che lei abbia capito"

Lascio la presa sull'anziano e osservo il suo "teletrasporto". Rimasti soli, volgo le mie attenzioni sui miei compagni "Bernard, Tristan, come state? Siamo quasi in fondo, non molliamo ora"

Cerco di essere incoraggiante, mentre guardo come stanno Cedric e Viktor, mimando un grazie con la bocca ad entrambi.

Cure

Cerchiamo di riprendere fiato, aiutati con le risorse magiche in nostro possesso. Terminate le cure e sistemandomi le bende nei punti in cui si erano allentate, mi volto verso il gruppo "siamo pronti? Abbiamo un cristallo da prendere"

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

@Black Lotus

il momento del colpo fatale arriva e Dorian è lì pronto a infliggerlo, ma non letalmente. Dorian ha preso una scelta, che condivido. L'ordine del tavolo dei colori, va eradicato, ma non per questo distrutto.... tranne Viola, per lui il mio stocco e le mie zanne non avranno pietà... è arrivato a minacciare ciò che ho di più caro.

scuoto la testa e mi siedo in disparte per svuotare la mente, la pressione si sente e pulsa pesante nelle mie vene.

quando giallo ci rivolge la parola e ci lascia in aiuto per proseguire sia la sua tessera , unico mezzo per andare oltre, sia il suo bastone, potente reliquia arcana in grado di eseguire cure portentose, chino la testa e gli auguro buona sorte e che gli dei gli possano dare una mano in quello che ora dovrà affrontare.

cure

Pensate prima ai più feriti, io sto bene.

dico mentre mi bendo alla meglio i graffi dello scontro e strappandomi le scaglie bruciate per lasciare spazio a quelle nuove.

Fratelli, compagni di caccia, appena vi riprendete, vi chiedo di essere pronti ancora una volta, dietro il prossimo passo ci potrebbe essere finalmente l'epilogo di questa avventura e...
la fine?
la rottura?
di questa situazione fatale che ci ha portato qui. 

mi alzo e mi porto in testa al gruppo, scudo e stocco alla mano, copia al mio fianco

quando volete, io, Rael Mar Serpeforix , sono pronto anche ad affrontare l'oblio finale.

dico concludendo il mio discorso e puntando lo stocco oltre la porta che ci separa dalla metà

Edited by Gigardos
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

  • Moderators - supermoderator

Bernard

Quando mi riprendo vedo che l'Alto Chierico è ancora vivo, per quanto sconfitto. Dopo che ci siamo curati al meglio del possibile, anche grazie al bastone che Giallo consegna a Tristan dico agli altri Abbiamo fatto bene a risparmiare l'Alto Chierico, per quanto abbia compiuto azioni deplorevoli lo ha fatto per via della disperazione, della mancanza di altre opzioni a lui visibili. Quindi non se ne faccia troppo una colpa messer Azarov, potremmo benissimo essere stati facilmente anche noi nella sua posizione.

Quando poi l'Alto Chierico scompare, forse andato ad unirsi alla lotta contro Viola, guardo Dorian e Rael, uno strano presentimento che mi attanaglia il cuore Andiamo, la fine è vicina ma temo che avremo ancora molte scelte difficili da fare prima della conclusione di questa intricata storia.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

 La Grande Porta Blindata
"Ora sto meglio, grazie" dice Tristan a Dorian, dopo essersi ripreso grazie alle cure magiche. Il bastone che impugna, lo stesso che poco prima teneva Giallo, è un oggetto magico particolare, e Tristan percepisce "a pelle" il suo grande potere. Anche Cedric e Viktor, dal canto loro, sentono di condividere con voi il peso delle grandi responsabilità che essere un Eletto di Zero comporta. Senza indugiare oltre, Viktor avvicina la tessera di Giallo al lettore magnetico, ed una luce verde di un LED si accende, emettendo il caratteristico suono di accettazione.

I due imponenti Golem di Ferro si muovono, in sincronia, afferrano le grandi aste della porta blindata ed iniziano a ruotarla, cosa che sarebbe stato alquanto complicato (ma non impossibile) fare da soli. Infine, sentite un suono meccanico, secco e deciso, e la porta blindata si apre.

Fondamenta del Castello: Tesoreria
La tesoreria è una enorme stanza chiusa, con un solo punto di accesso, spoglia di arredi, ma costellata di sensoristica. Ogni singolo pannello del pavimento, del soffitto e dei muri laterali è un pannello a pressione, mentre vari altri sensori di movimento tengono accurata traccia di qualunque spostamento al suo interno: non un granello di polvere in quella stanza si può muovere senza che un sensore lo sappia.

Lunghe file di armadietti di sicurezza fiancheggiano i lati Est ed Ovest della Tesoreria, mentre la "navata centrale" è costellata da piedistalli che sorreggono delle teche di cristallo, contenenti i più svariati oggetti, tutti palesemente magici e di grande potere. A colpo d'occhio, vedete quanto segue.

Spoiler

Spada: Una spada lunga, di pregiatissima fattura umana, all'apparenza dorata, con incastonate gemme preziose che, probabilmente da sole, varrebbero migliaia di monete d'oro. Bernard sembra riconoscere quella spada come un artefatto descritto nei libri di storia, risalente all'Era Antica. Un artefatto di cui la sola forgiatura è a sua volta una lunga ed intricata leggenda. Una spada ritenuta perduta per sempre, in grado di trasformare perfino il più umile dei guerrieri in un grande condottiero: la Spada dei Re.

Arco: Un incredibile arco, di pregiatissima fattura elfica, che sembra fatto di pelle di drago fiammeggiante, e di un metallo cinereo, volteggia nella teca. Anche quest'arma è leggendaria e perfino Dorian ne ha sentito parlare: un artefatto dell'Era Antica (anch'esso considerato perduto per sempre), l'Arco dei Draghi, il cui potere è così grande che una singola sua freccia è forte come il soffio di un drago.

Martello: Un martello da guerra, di ineguagliabile fattura nanica, come ricavato da un blocco unico di un qualche materiale particolarissimo e all'apparenza indistruttibile. Un altro artefatto dell'Era Antica ritenuto perduto, che si dice fosse stato impugnato dalla divinità della folgore, il dio dei tuoni e delle tempeste.

Pugnale: Gli occhi di Dorian si posano su una lama sottile e scura, di un metallo sconosciuto, estremamente affilato. Ennesimo artefatto perduto dell'Era Antica, si dice fosse stato impugnato dalla divinità dei ladri e degli assassini, un pugnale in grado di avvelenare al semplice tocco con i più disparati e letali veleni.

Verga: Una verga d'oro, con diverse gemme che fungono da bottoni. Artefatto perduto dell'Era Antica, Bernard ne ha sentito parlare nei libri di storia come la Verga dello Splendore, si dice che sia in grado di trasformarsi in molteplici armi, creare una dimora fortificata, incutere timore nei nemici e donare il potere di comandare a chi la impugna, che viene dagli altri considerato come un carismatico sovrano.

Bacchetta: Una bacchetta magica, di un legno rarissimo, mai visto prima. Emana potere di tutte le Otto Scuole di Magia, risultando la bacchetta più potente del mondo. Il materiale con cui è realizzata risale sicuramente all'Era Antica. Questo è l'oggetto che Lust ha chiesto a Bernard di recuperare.

Stocco: Gli occhi di Rael cadono invece su uno stocco, anch'esso di pregiatissima fattura elfica. Lo stocco sembra spettrale, nonché dotato di una leggera vibrazione, un effetto stranamente simile a quello della sua Echo. Bernard riconosce quell'oggetto come una lama sottile elfica, e quello stocco in particolare è probabilmente un artefatto perduto dell'Era Antica noto come Lama dell'Eco, impugnato, così narra la leggenda, dal primo Echo Knight della storia, di cui ne racchiude il potere.

Falce: Il più macabro di tutti gli oggetti è un'antica falce. Apparentemente realizzata con materiali di scarsissimo valore, sembra una falce di pessimo valore: lama parzialmente arrugginita, manico dal legno vecchio, l'oggetto in sé sembra vecchio ed usurato. Eppure, tutti e tre gli Eletti di Zero realizzano che, tra tutte le armi presenti, quella è certamente la più letale, ma al tempo stesso la più difficile da utilizzare. Nell'Era Antica, veniva chiamata la Falce della Morte, in quanto le leggende narrano che fu creata dalla divinità della morte in persona. Più che leggende, però, si narravano terribili sventure ai mortali che fossero così pieni di boria da pensare di poter dominare un oggetto così potente. Ma, come dicevano tali storie, "la morte riscuote sempre i suoi debiti... e, di fronte alla morte, siamo tutti debitori". O forse erano solo vecchie storie raccontate dai bardi attorno al fuoco per redarguire gli avventurieri troppo temerari ed avidi di ricchezze.

Ottavo Cristallo
Davanti a voi, al centro della stanza blindata, vi è però l'oggetto per il quale siete venuti: l'Ottavo Cristallo. Notate subito che c'è qualcosa di diverso in questo cristallo: al contrario di tutti gli altri che avete raccolto finora, non emana alcuna aura ultra-violetta. Forse ciò sta a significare che questo è l'ultimo pezzo del puzzle.

Sicurezza
I sistemi di sicurezza del caveau sono tutti perfettamente attivi. Le tessere in vostro possesso vi autorizzano ad accedere alla teca dell'Ottavo Cristallo senza alcun problema, ma non alle altre teche, che andrebbero invece rotte, facendo quindi scattare l'allarme. Ciò implicherebbe che i due Golem di Ferro alle vostre spalle diventerebbero vostri nemici (nonostante l'aiuto fornitovi da Rothschild).

Blackmail
Prima che possiate prendere qualunque decisione, un monitor alle vostre spalle scende dal soffitto e si attiva, mostrandovi una "vecchia conoscenza" che avreste fatto volentieri a meno di rivedere: Erynor Darkgate, il sicario del Circolo degli Otto. Un uomo che non si pone alcun tipo di problema nel giocare sporco pur di raggiungere i suoi obiettivi.

La scena inquadrata dal monitor è una ripresa (alquanto improvvisata) di una telecamera. Bernard riconosce immediatamente il paesaggio: muretti a secco e verdi praterie arrivano fino al bordo di alte scogliere, che precipitano poi a strapiombo sul mare. In primo piano, vi è Erynor, con un ghigno trionfante sul viso, con alle spalle il vecchio faro (ora una struttura fatiscente) vicino Shakar. Accanto ad Erynor, bendati ed imbavagliati, con le mani legate dietro la schiena e piegati sulle ginocchia, vi sono tre persone. "La connessione è attiva" dice una voce fuori campo. "Bene!" esclama Erynor.

"Eletti di Zero, so che potete sentirmi, vi vedo dalle telecamere della tesoreria. Innanzitutto, mi congratulo con voi per essere arrivati così in fondo. Lasciate che vi presenti i miei ospiti d'onore..." ed indica le tre persone. "Iniziamo! Il nostro primo ospite è Meleor Tramennis, fratello di Bernard Tramennis" e poggia in modo pesante la mano su Meleor, che viene scosso da un brivido di terrore ed inizia ad agitarsi. "Sta buono! Se tuo fratello farà il bravo, non ti accadrà nulla" lo zittisce subito Erynor con un calcio alle gambe.

"Il nostro secondo ospite... Leena Elaydark, adorabile sorellina di Naevys Elaydark, con cui immagino che un certo Dorian Calemas abbia avuto a che fare" enfatizza il cognome di Dorian, e poggia la mano pesante sulla spalla di quella che è praticamente una bambina mezz'elfa, che inizia subito a piangere.

"Infine, il nostro terzo ospite... il più reticente in assoluto ad accettare il mio cordiale invito... nonché il più speciale dei tre..." e posa la mano su una creatura umanoide dal fisico alquanto possente, seppur pieno di cicatrici, abrasioni, ed altri segni di innumerevoli battaglie. Al contrario degli altri, questo ospite è legato delle manette adamantine anti-magia, ed è tenuto immobile da dei pesanti tiranti attaccati a diverse ganasce attaccate sul suo corpo, tenute poi assieme da catene adamantine per ulteriore precauzione. "Ecco a voi Shukak, la Regina dei Lucertoloidi! L'ospite più speciale, dedicato ovviamente ad un Eletto altrettanto speciale, come Rael Mar Serpeforix" asserisce, con sprezzante sarcasmo, Erynor.

Il Ricatto di Erynor
"Ora... !" il sicario richiama l'attenzione. "Ritengo che qui tutti noi vorremmo evitare inutili spargimenti di sangue... risolviamo quindi la faccenda in modo civile" inizia. "So già che a Viola non piacerà per nulla la mia soluzione, essendo contro la Profezia e bla bla bla, ma a mali estremi, estremi rimedi..." dice. "Eletti di Zero: distruggete l'Ottavo Cristallo. Fatelo, e questa storia finirà per sempre e ce ne andremo tutti a casa felici e contenti" conclude.

@Alonewolf87, @Gigardos, @SamPey

Spoiler

Note: Per velocizzare, già vi dico che Erynor non accetterà compromessi di alcun tipo. Discutetene su Discord, poi mi aspetto un post di ruolo (anche brevissimo) ciascuno.

Vi faccio notare che (quello che segue è un caso "limite" ma possibile) non c'è alcuna necessità di avere una voce unanime: se anche solo uno di voi sceglie in modo diverso dagli altri, allora si tira Iniziativa, per vedere chi è più veloce ad agire e quindi a far sì che la sua azione (che potrebbe essere di prendere il cristallo e portarlo via, per salvarlo dalla distruzione, oppure di prenderlo e distruggerlo) si vada ad imporre con la forza su tutti gli altri. In tal caso, gli alleati si schierano con il PG di riferimento.

In poche parole, qui c'è la possibilità (teorica) che il party si fratturi.

La Scelta
Dovete quindi scegliere se distruggere l'Ottavo Cristallo, oppure inserirlo nel Diario di Ada Blackrose. Erynor vi lascia ovviamente qualche minuto di tempo per discutere privatamente tra voi. Potete parlare tra voi in un punto cieco delle telecamere e dei microfoni, in modo tale che Erynor non possa né vedervi né sentirvi. Anche i vostri tre alleati, dopo una veloce discussione telepatica tra loro, decidono di farsi da parte, aspettandovi nell'anticamera del caveau (la stanza dove avete combattuto Giallo).

@SamPey

Spoiler

The Whisperer of Secrets
Percepisci un sussurro, che sai essere la telepatia infrarossa di Scarecrow. Proprio come le altre volte, nonostante sia un sussurro, esso zittisce tutti i tuoi pensieri. In quel silenzio perfetto, senti la voce di Scarecrow che dice:

Il cristallo nella teca è un falso, per questo non ha l'aura ultra-violetta.

Quell'informazione stravolge tutto, ovviamente. Ma come farà Dorian a convincere i suoi compagni di una cosa del genere? Non avere l'aura ultra-violetta è certamente un indizio forte, sì, ma non è una prova schiacciante, dato che non avete certezza che tutti gli otto cristalli debbano necessariamente avere l'aura ultra-violetta.

Ed ora la sua posizione è diventata enormemente più complicata. Scarecrow non gli ha dato alcun ordine, lasciando quindi a Dorian la scelta. Purtroppo, dati i trascorsi tra Dorian e Bernard (che Dorian ricorda bene essere stato il primo a finire nel ricatto di Erynor tramite la famosa lettera nera, ma Bernard è anche quello che più di tutti ha dubitato di Dorian), non sarà per nulla facile.

Ed infine, scenario forse ancora peggiore... cosa accadrà se Bernard e Rael decidessero di salvare il cristallo, sacrificando quindi i prigionieri, per poi scoprire che il loro atto è stato vano, essendo quel cristallo un falso? Non sembra esistere alcuna soluzione facile. ma, nonostante ciò, una scelta bisogna pur compierla.

 

Edited by Black Lotus
  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

Dorian

Tesoriera

Rimango allibito da ciò che si trova qui dentro: non sono mai stato in un posto anche lontanamente simile a questo, non ho mai visto così tanti cimeli e non mi capacito di quanto valore possano avere per essere riposti con così tanta cura in questo luogo così ben protetto. Se avessimo più tempo e più tranquillità, mi sarebbe davvero piaciuto analizzare tali artefatti. Ma il nostro obiettivo primario è un altro e dobbiamo prima risolvere ciò che è necessario.

 Ottavo Cristallo

Giunti dinnanzi all'oggetto tanto reclamato, mi irrigidisco. L'assenza di aura ultravioletta potrebbe rappresentare la chiave di volta per l'ultimo passo da svolgere. Ma i miei pensieri vengono interrotti da una proiezione. 

Blackmail e il Ricatto

Non appena comprendo la situazione, digrigno i denti nel vedere Erynor. Un gelo mi percuote quando vedo i prigionieri, soffermandomi sulla sorellina di Naevys. 

Ho già estratto Hólomin e fatto un passo avanti quando dalla mia bocca esce un "bastardo...!" Quasi strozzato.

Devo mantenere la calma.

Scrocchio il collo, come se avessi un formicolio alla nuca. Respiro pesantemente ma mi concentro. Poi parlo telepaticamente ai miei amici.

Nel mentre, mi slego le bende sulla mano, tanto basta per far vedere cosa c'è sotto.

Mostro, senza troppe cerimonie, la mia mano orrendamente sfigurata, girando poi il polso in modo da fare vedere il taglio perenne che ho sul palmo e che ogni volta mi autoprocuro con Hólomin.

@Alonewolf87 @Gigardos

Spoiler

Quel cristallo è un falso. Permettetemi di distruggerlo, salviamo i nostri cari.

So che potreste non credermi visto il mio ultimo trascorso, ma dovreste aver capito come io sia fatto.

La mia mano, il mio corpo, testimoniano il mio percorso e ció per cui sto lottando, queste cicatrici per me fanno da garante.

Distruggiamo il cristallo e salviamo gli ostaggi, ma senza arretrare di un passo dal nostro obiettivo.

Non sono sicuro mi senta, ma io tento di guadagnare anche solo qualche secondo "Erynor! Devi giurare sulla tua vita che, se faremo ciò che dici, lascerai tutti gli ostaggi liberi!"

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

La Risposta di Erynor a Dorian
Erynor replica rapidamente. "Hai la mia parola, Dorian, la parola di un uomo d'onore. Lascerò liberi tutti gli ostaggi. Dopotutto, le loro vite non mi interessano" dice, accompagnando le sue parole con un leggero inchino formale.

Link to comment
Share on other sites

@Black Lotus

la domanda rivelatrice di Rael

Erynor, dacci garanzia che chi è la con te e chi effettivamente sia. permetti di chiedere una cosa alla mia regina Shukak, una cosa che solo lei è in grado di sapere

Spoiler

se acconsente chiedo quanto segue

di chi era famiglio e soprattuto il nome del suo gioco preferito.

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

La Risposta di Erynor a Rael
"Come ho detto poco prima a Dorian..." inizia Erynor, un ghigno di superiorità in volto, "... io sono un uomo d'onore. Se non vi fidate della mia parola, che senso hanno queste trattative?" chiede retoricamente. "Mi dispiace, ma non posso toglierle il bavaglio. Al contrario degli altri due miei ospiti, Shukak ha un carattere alquanto ribelle" commenta, con la sua solita nota di sprezzante sarcasmo.

"Voglio però venirti incontro... ti farò vedere Shukak da vicino..." ed Erynor avvicina di molto l'inquadratura su Shukak, in modo che siano ben visibili i segni sul suo corpo, che Rael riconosce essere nei punti che ricordava. Tornano pure altri dettagli fisici che Rael riconosce, come le particolari scaglie che ha Shukak, a metà strada tra un drago ed un lucertoloide, ed altri dettagli fisici minori.

"Prima che me lo chiediate..." Erynor fa la stessa cosa con Meleor, facendo vedere un segno distintivo sul suo corpo, che Bernard riconosce. Per quanto riguarda Leena, invece, la "prova" che ha Erynor è un ciondolo che ha Leena, al cui interno c'è una foto di lei con sua sorella, Naevys.

Erynor rimette infine la telecamera al suo posto. "Utilizzare degli ostaggi falsi, in tutta onestà, non sarebbe nel mio stile. Se dubitate ancora delle mie parole, per me non c'è alcun problema, posso sempre chiudere le trattative alla vecchia maniera. Ora sbrigatevi e prendete la vostra decisione finale, altrimenti inizierò ad essere... poco cortese..." e mostra il suo pugnale. "Non dimenticate chi ha il coltello dalla parte del manico" conclude, impugnando saldamente il manico della sua lama da sicario.

@SamPey

Spoiler

The Whisperer of Secrets - Part 2
Percepisci nuovamente un sussurro, la telepatia infrarossa di Scarecrow. Proprio come le altre volte, nonostante sia un sussurro, zittisce tutti i tuoi pensieri. In quel silenzio perfetto, la voce di Scarecrow dice:

Gli ostaggi sono autentici.

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Dorian

Cerco in tutti i modi di convincere i miei compagni ed amici, ma questa volta pare impossibile smuoverli. Come biasimarli dopotutto. 

Il tempo scorre ed i miei occhi scrutano nello schermo, incrociando il malevolo sguardo senza pietà di Erynor, passando poi per i prigionieri, concludendo sulla piccola Leena, la sorella di Naevys. Colei a cui ho rinunciato, colei che ho allontanato per proteggerla, colei a cui le ho fatto promesse di protezione e le ho promesso di farla ricongiungere alla sua sorellina.

Io devo proteggerla, devo fare ciò che serve per proteggere tutti!

Erynor sa come piegarci, conosce i nostri segreti...tuttavia non conosce tutto. 

So cosa devo fare. Con o senza l'approvazione dei miei amici. 

@Black Lotus

Spoiler

io mi fido delle tue parole. Queste catene ne sono la prova. Pagherò le conseguenze, lo so, ma se questo sarà ciò che serve per sistemare le cose, lo farò a testa alta.

Ricordati quale è il percorso che ho scelto di seguire.

@Alonewolf87 @Gigardos

Spoiler

Perdonatemi, ma devo agire!

Quasi come un turbine, roteo all'indietro e, tenendo stretto Hólomin con la mano sbendata, sferro un colpo secco al cristallo della memoria! 

Mi giro di scatto, i miei occhi di ghiaccio ora velati di rosso fissano intensamente la figura di Erynor.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Scelta: Distruggere il Cristallo
In quel frangente, è Dorian ad avere i riflessi fulminei per prendere in mano la situazione, ed è la sua scelta quella che determina l'esito degli eventi, nel bene e nel male. Il giovane Erede delle Ombre scatta sulla teca dell'Ottavo Cristallo (o di quello che forse è solo un falso), ed il suo pugnale impatta sul cristallo, frantumandolo. I frammenti cadono per terra, mentre Bernard vede tutta l'aura magica che quell'oggetto possedeva svanire nel nulla. L'energia magica abbandona i frammenti di cristallo, che perde tutta la sua luminosità intrinseca, segno che l'oggetto magico è stato definitivamente distrutto: qualunque informazione possedesse, ora è andata perduta.

La reazione di Erynor Darkgate
Un battito di mani proviene dallo schermo. "Ben fatto, Dorian! Mi piace il tuo sguardo" dice, con il suo solito sarcasmo sprezzante. "Adesso, Eletti di Zero, tornatevene a casa. La festa è finita" aggiunge, mentre poi sembra dare indicazioni ai suoi sottoposti, dicendo: "Qui abbiamo finito" e notate che diversi individui (umanoidi dai volti coperti, vestiti con vesti scure, anonime, tipico abbigliamento di chi vuole celare la propria identità) iniziano ad adoperarsi.

Tra tutte le figure dei sottoposti (ne contate cinque) di Erynor, però, rimanete sorpresi nel vedere che una di esse, che si avvicina all'inquadratura della telecamera, ha il passamontagna tenuto molto più lasco, e riuscite quindi ad identificarlo: è Garion. In quell'attimo, Garion sembra rivolgersi a due altri sottoposti, ai margini dell'inquadratura, mentre Erynor dà le spalle a quella scena. Non fate però in tempo a dire nulla, perché la trasmissione viene interrotta.

Un Messaggio Inatteso
Dopo pochi secondi, il monitor si riaccende. Ma questa volta, a parlare, non è Erynor, e lo scenario è ben diverso. Su uno sfondo scuro, di quella che sembra una delle tante stanze della base del Circolo degli Otto, si erge una donna, dal volto di una bellezza statuaria, stoica, ma lapidaria al tempo stesso, come se la sua bellezza fosse stata congelata per l'eternità in una maschera di vanità. La donna, vestita con abiti degni di una regina, ha serpenti per capelli, ma la vostra attenzione è attirata dall'oggetto che ha in mano: un grande cristallo semi-trasparente, a forma di ottaedro, dalle sfumature violacee, che emana una notevole aura magica ed una altrettanto notevole aura ultra-violetta.

"Eletti di Zero, se il vero cristallo volete, allora dovrete venire da me a prenderlo. Vi attendo tra le verdi tenebre della mia dimora" asserisce, la sua voce è come quella di una matrona, una donna d'altri tempi, ma persuasiva ed autorevole al tempo stesso. Si tratta di una voce che, proprio come la figura stessa, ha un fascino sinistro, lo stesso di una persona bella ma afflitta da una maledizione. "Andate a Sud, e mi troverete" conclude. Dopo quelle parole, senza darvi occasione di replicare, la trasmissione s'interrompe di netto.

La Medusa ed il Falso Cristallo
Le parole della donna, che tutti riconoscete come Verde, sono evidenza del fatto che quello che avete distrutto era quasi certamente un falso. D'altro canto, è anche abbastanza sicuro che Verde vi abbia teso una trappola, dato che ora siete voi a dover andare da lei per recuperare il vero Ottavo Cristallo. Riconoscete, inoltre, che Verde ha l'aspetto di una Medusa, una Creatura Oscura nota fin dall'antichità per la sua capacità di pietrificare con lo sguardo. Tuttavia, avete anche intuito che Verde non è una Medusa come quelle sui libri ma, molto più probabilmente, è un'abile incantatrice che si è poi "ibridata" con una Medusa (o forse con un Adonei più potente). Come con tutti i Colori, quindi, si tratta di un avversario temibile.

Spoiler

Note: In poche parole, non vi aspettate il GS 6 del Manuale dei Mostri.

Resta il fatto che Verde sapeva del falso cristallo: è stato quindi un suo piano, magari fatto all'insaputa di Viola? Come avete oramai intuito, il Circolo degli Otto non sembra esattamente una organizzazione "compatta", ma ogni membro portava avanti i suoi piani personali, seppur la dottrina di Viola la facesse da padrone e sicuramente in pochi si permettessero di mettere la sua autorità in discussione. Ma, con il vostro arrivo e tutte le vostre azioni, le "regole non scritte" sono state stravolte, ed ora i Colori hanno preso iniziative autonome, e spesso anche contrastanti: il Circolo si è definitivamente fratturato. Al contrario di ciò che ha detto Erynor, i giochi non sono finiti: la vera partita, cioè la conquista dell'Ottavo Cristallo, è ancora tutta da decidere.

@Alonewolf87, @Gigardos, @SamPey

Spoiler

Un post di interpretazione a testa.

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

  • Moderators - supermoderator

Bernard

Provo a scattare dietro a Dorian quando va a distruggere il Cristallo, ma i miei riflessi sono decisamente inferiori ai suoi e non posso fare niente se non guardare impotente. Chissà quali memorie erano racchiuse lì dentro, ma ormai sono andate per sempre.

Cerco di mantenere un'espressione neutra, ma almeno ora posso sperare che per salvare Meleor ci sia più tempo. Sono praticamente sicuro che Erynor non li lascerà davvero andare, ma sono colto di sorpresa dalla fugace apparizione di Galion. Ok forse c'è una speranza che vengano davvero salvati, anche se Shukak potrebbe essere più problematica da liberare.

Una volta che il collegamento con Erynor si interrompe guardo Dorian Hai rischiato molto su una mezza certezza Dorian, sembravi praticamente certo della falsità del Cristallo. Come? Cosa hai notato?

Qualche attimo dopo però siamo interrotti da una nuova comunicazione e scopriamo che dietro questo scambio dell'ultimo minuto pare esserci il membro ancora mancante all'appello del Circolo degli Otto: Verde. Che scopriamo essere una specie di Medusa, nonché l'ideatrice dello scambio dell'ultimo momento del cristallo.

Secondo voi quale potrebbe essere lo scopo di Verde in tutto questo, oltre eventualmente a farci diventare belle statuine nella sua collezione? Vuole in qualche modo ottenere per sé il potere di Zero magari?

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

@Black Lotus

senza molto preavviso, Dorian scatta verso il cristallo e vano fu il tentativo di fermarlo.

una furia incontenibile di tradimento monta nelle mie viscere, mentre attendo a stento l'esito della rottura del cristallo.

aspetto in silenzio, leggermente sollevato che fosse un falso. Poi l'ultima comparsata dell'ennesimo colore, verde, già la incontrai una volta in città, scappando da non ricordo cosa... fui fortunato a sfuggirle, ma nulla oltre al suo particolare "aspetto", potetti notare in quella occasione.

mi avvicino verso Dorian a trasmissioni chiuse. lo guardo dritto negli occhi. posandoli entrambe le zampe sulle spalle e iniziando a fare pressione.

Questa volta ti è andata bene... tieni presente che a questo punto della caccia, dobbiamo tutti venire incontro a qualche sacrificio. Lì c'erano persone molto importanti sopratutto per me e per Bernard.

non è stato facile prendere la decisione del rischio per la causa ultima della nostra missione. abbiamo e stiamo ancora soffrendo dentro per questo.

egoista. non aggiungo altro.

lo libero dalla presa e mi dirigo fuori dalla stanza senza commentare altro.

mi porto davanti alla teche con i tesori

Signori, direi che queste ci potrebbero servire, che ne dite? ci schieriamo già pronti a batterci con le sentinelle a guardia della tesoreria o andiamo via a mani vuote?

 

Edited by Gigardos
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.