Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Regole per Mostri Mitici dal manuale di Theros

Articolo di J.R. Zambrano del 15 Maggio
Il nuovo manuale Mythic Odysseys of Theros promette di includere molto materiale mirato a rendere il gioco di Dungeons & Dragons qualcosa di più simile ai miti greci che hanno ispirato l'ambientazione. Ne abbiamo visto alcuni frammenti nella forma di doni sovrannaturali che danno poteri extra ai personaggi iniziali, e negli artefatti che rappresentano le armi degli dei in persona, che aspettano di essere impugnate da eroi potenti quanto i semidei.

Ma oggi, daremo un'occhiata a come sono le regole dall'altra parte dello Schermo del Dungeon Master. Una delle più eccitanti nuove possibilità annunciata per questo manuale è il sistema per creare Mostri Mitici. Un sistema di regole applicabile a qualsiasi creatura mostruosa per renderla molto più pericolosa, così da offrire la sensazione di stare combattendo una creatura venuta fuori dalle leggende. Andando oltre le Azioni Leggendarie, queste nuove regole potrebbero finalmente dare la possibilità a D&D di avere delle "boss fight" degne di questo nome. Le regole in questione sono state mostrate in un'anteprima generica su Dragon+.
Tratto da Dragon+


Sembra proprio che abbiano fatto loro il vecchio detto "il modo migliore per combattere una creatura grande, grossa e cattiva è quello di dividerla in due". Questo assomiglia molto al metodo di AngryGM per creare gli incontri con i boss, ed è un'ottima notizia, quel sistema ha molto senso, meccanicamente parlando, se volete separare il combattimento in due fasi distinte. Per esempio un'Idra, dopo essere stata abbattuta, potrebbe diventare un'idra a più teste, o un dio/dea potrebbero avere un'espressione più irata quando si entra nella seconda fase.

Sappiamo tutti che i Kraken saranno una grossa parte dell'ambientazione e, dopo aver visto i mostri nelle immagini precedenti, avrete capito che in generale questo manuale vuole aumentare il livello di potere nel vostro gioco. Dunque terremo gli occhi aperti per vedere esattamente come funzioneranno queste regole, ma, nel frattempo, tenetevi pronti per il massacro mitico.
Buone Avventure!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/05/dd-mythic-odysseys-of-theros-monster-rules-reveal.html
Read more...
By aza

Armature vs Armi da fuoco rinascimentali – Historia

ATTENZIONE: Questo articolo è la seconda parte del precedente sulle armi da fuoco: prima di proseguire la lettura, potete mettervi in pari cliccando qui!
Abbiamo visto come le armi da fuoco siano apparse clamorosamente nei campi di battaglia dell’europa di metà ‘300 e nei secoli successivi si siano affermati anche nelle loro forme “manesche” (cioè utilizzabili da una persona sola, “a mano”, come un archibugio).
Questo però non ha portato a un’immediata scomparsa delle armature, e anzi per secoli esse hanno continuato a prosperare fornendo spesso una protezione importante a chi le indossava, persino contro i temibili archibugi. Ma come hanno fatto?
Andiamo a scoprirlo insieme!
FERRO E ACCIAIO

Ricostruzione di altoforno rinascimentale, Deutsches Museum (Foto CC0)
L’acciaio è una sostanza metallica, una lega di Ferro e Carbonio. Per quanto la sua invenzione sia comunemente associata all’età moderna, in realtà nella lavorazione alla forgia del ferro, il carbonio presente nel carbone della forgia stessa va a legarsi con il ferro formando uno strato superficiale di lega ferro-carbonio. L’effetto di questa lega può essere di vario tipo, come andremo a vedere, in base alla percentuale di carbonio e ai metodi di raffreddamento di questo. 
Significa comunque che, in un certo qual modo, si hanno le prime armi e armature costituite parzialmente d’acciaio sin dall’età del ferro.
Pensare inoltre che, nell’antichità, si usasse come materiale di partenza il ferro puro è un’imprecisione: la maggior parte del ferro, infatti, si otteneva dalla fusione dei minerali ferrosi attraverso una fornace, operazione che lasciava sempre delle inevitabili impurità nel metallo.
Alle temperature della fornace, infatti, il ferro non si liquefà mai del tutto, ma viene in qualche modo a “colare” dalla pietra in una sostanza viscosa che si porta inevitabilmente dietro impurità della roccia d’origine.
Le caratteristiche della fornace, oltre a determinare la qualità del metallo finale, limitano anche la quantità di materiale ottenibile in un singolo processo.
Si tendeva, infatti, a partire da un’unica massa di metallo per costruire oggetti poiché saldare più pezzi metallici avrebbe portato a caratteristiche fisiche peggiori.
Per ottenere singole masse di metallo maggiore, tuttavia, sono necessarie fornaci più grandi che richiedono a loro volta temperature maggiori non banali da raggiungere!
Per amor di completezza, anche se non tratteremo qui l’argomento, sono state prodotte invece nel medioevo lame d’acciaio di altissima qualità ottenute battendo insieme lamine metalliche diverse in quello che è comunemente noto come “acciaio a pacchetto” o “acciaio di Damasco”.

In “Ryse: Son of Rome” il protagonista indossa una tipica Lorica Segmentata.
Nel mondo antico, l’impero romano aveva costruito delle fornaci più grandi e calde, necessarie per ottenere lamine abbastanza grandi da costituire le piastre della Lorica Segmentata: l’armatura a piastre più famosa del periodo pre-medievale e che tutti noi identifichiamo oggi come la classica protezione del legionario imperiale.
Tuttavia la lenta fine dell’impero e l’abbandono di tali corazze in favore della più economica Lorica Hamata, a tutti gli effetti un cotta di maglia, portarono al disuso di tale tecnologia.
La capacità di ottenere piastre di dimensioni considerevoli tornò in auge con l’invenzione, verso la metà del ‘300 (ma diffusasi successivamente), dell’altoforno, una fornace in grado di raggiungere dimensioni e temperature capaci di fondere completamente il ferro.
Oltre a permettere di ottenere agglomerati metallici di dimensioni considerevoli e molto più poveri di impurità, l’altoforno produce una lega di ferro ad alto contenuto di carbonio, chiamata ghisa.
A differenza del ferro, che deve essere battuto per essere lavorato, la ghisa, trovandosi allo stato liquido quando esce dall’altoforno, può essere versata in uno stampo per produrre lavorati per fusione, in modo simile al bronzo.

BOOM! (Assassin’s Creed: Brotherhood)
Tuttavia questo tipo di lega, pur essendo usata all’epoca per la creazione di cannoni e relativi proiettili, è inadatta alle altre armi e armature poiché troppo fragile (come vedremo dopo).
Per ottenere invece un materiale lavorabile e adatto a tali armamenti, la ghisa veniva soggetta a un successivo trattamento di raffinazione, nella quale veniva nuovamente riscaldata in un ambiente ricco di ossigeno: in questa maniera, oltre a eliminare ulteriori scorie, parte del carbonio presente nel materiale si legava all’ossigeno formando anidride carbonica e abbandonando il metallo.
Questo processo forniva come risultato una lega di ferro con percentuale di carbonio inferiore al 2%, cioè quello che noi chiamiamo Acciaio!
PROPRIETA’ MECCANICHE
Due sono le proprietà meccaniche dell’acciaio che ci interessano: la sua Durezza e Tenacità.
La durezza è la resistenza, da parte del materiale, alle deformazioni: essa dipende sostanzialmente dal tipo di struttura che assumono gli atomi in toto all’interno del metallo.
Abbiamo già parlato di materiali duri in questo articolo sulle proprietà fisiche di armi e armature
La presenza di carbonio all’interno del ferro è in grado di raddoppiare la durezza rispetto al ferro ricco di scorie ottenuto mediante la fornace: per aumentare ulteriormente tale proprietà è necessario temprare il metallo, ovvero regolare come esso si raffredda dopo aver raggiunto una temperatura sufficiente a “riorganizzare” la struttura interna della lega.
Nel medioevo era uso comune una tempra non rapidissima in grado di formare un acciaio duro 3-4 volte il ferro ottenuto dalla fornace: è possibile invece temprare rapidamente il metallo, formando un acciaio estremamente duro, fino al doppio del precedente.
Tuttavia, questo tipo di tempra rischia di rendere l’acciaio fragile ed è dunque inadatto ai nostri scopi.
Ma cos’è la fragilità?

Perfino le armi più dure possono rompersi – Narsil, dalla trilogia del signore degli anelli
Un materiale si dice fragile se è facile spezzarlo: l’esempio classico di materiale duro e fragile è il vetro, che è difficilissimo da deformare ma si rompe con facilità.
La capacità di resistere alla rottura di un materiale è detta Tenacia ed è la caratteristica più importante per le armature: infatti la tenacia di un metallo definisce quanta energia è necessaria per perforarlo.
Questa energia dipende dalla qualità del materiale: un acciaio con un contenuto di carbonio dello 0.85%, ad esempio, ha una tenacia fino a 3-4 volte maggiore rispetto a quella del ferro di bassa qualità.
ENERGIE DI PENETRAZIONE
Per calcolare l’energia necessaria per penetrare una piastra di un’armatura entrano in gioco i seguenti fattori:
la forma dell’arma usata; lo spessore della corazza; la qualità del metallo; l’angolo con il quale il colpo incide sulla corazza. Partiamo dalla prima: come già detto nell’articolo sulle proprietà delle armi e armature (che trovate qui), la forma dell’arma, o meglio, della parte dell’arma che colpisce l’armatura definisce la pressione che essa è in grado di impartire: minore la superficie di contatto, maggiore è la pressione, minore è l’energia necessaria per perforare un materiale.
Si capisce dunque subito che le frecce, pur avendo energie decisamente inferiori a disposizione, sono molto più efficienti dei proiettili, che all’epoca consistevano in delle semplici sfere metalliche (da cui “pallottola”), e anche le lame, per risultare efficaci contro le armature, devono essere il più piccole possibili.
Mantenendo dunque il nostro studio unicamente sulle armi da fuoco, andiamo a vedere quanta energia serve a una pallottola per perforare una corazza.
Una stima delle energie a disposizione per vari tipi di armi da fuoco è stata fatta nella prima parte dell’articolo che trovate qui
Se partiamo ci riferiamo ancora una volta all’appendice di The Knight and the Blast fournace, partendo da una corazza spessa due millimetri di acciaio di buona qualità vediamo che servono poco più di 800 J affinché un’arma da fuoco perfori una simile corazza: immaginando di poter aggiungere 150 J extra per perforare ulteriori protezioni sottostanti (come imbottitura e cotta di maglia) vediamo che una tale armatura è ben lontana dal proteggere da un colpo di archibugio a distanza ravvicinata.
Tuttavia, una simile armatura ha ampio spazio di manovra per quanto riguarda il suo spessore.
L’energia necessaria per perforare un’armatura cresce come il suo spessore elevato alle 1.6: in pratica, raddoppiare lo spessore triplicherà (all’incirca) l’energia necessaria per perforare l’armatura.
Vediamo dunque che la stessa armatura spessa 3 mm richiede quasi 1900 J per essere perforata e un esorbitante 3800 J se portata a 4 mm, ponendo quindi il cavaliere al sicuro anche dai colpi dei primi moschetti!

Armatura da corazziere del ‘600, Morges military museum
Queste spesse armature, tuttavia, risultavano estremamente pesanti e furono in uso principalmente dopo il ‘600: infatti, con l’avvento degli eserciti nazionali, i vari regnanti cominciarono a ricorrere ad armamenti di massa, producendo corazze più spesse ma di qualità inferiore, riducendo l’energia necessaria a perforarle a un 50-75% di quella di un buon acciaio: queste armature, più che assicurare una protezione totale contro i nemici, servivano a ridurre il rischio di morte di un proiettile sparato da lontano.
L’estremo peso di queste protezioni portò a produrre armature complete solo per la cavalleria, andando a creare la figura del corazziere, cavaliere pesante con armi da fuoco, mentre la fanteria andò pian piano a ridurre l’armatura a pochi pezzi, principalmente il busto e l’elmo.
Un’altra opzione era ovviamente puntare su acciai di qualità migliore: i più raffinati potevano aumentare di un ulteriore 50% l’energia necessaria alla penetrazione, rendendo ad esempio la precedente corazza a piastre da 2 mm impervia ai comuni archibugi.
L’ultimo elemento da tenere in conto è l’angolo di incidenza tra il proiettile e la piastra: infatti, se il proiettile non raggiunge perpendicolarmente la corazza, esso tenderà a dissipare la sua energia e dunque l’energia necessaria alla perforazione verrà moltiplicata per un fattore pari all’inverso del coseno dell’angolo di incidenza.
Ricordiamo che il coseno è una proprietà degli angoli ed è un fattore compreso (per angoli inferiori ai 90°) tra 0 e 1: famosi valori sono circa 0.8 per un angolo di 30°, circa 0.7 per uno di 45° e 0.5 per uno di 60°.
Un proiettile che raggiunga una piastra con un angolo di trenta gradi richiederà il 25% circa di energia in più per perforarla: questo fenomeno non deve essere necessariamente causato dalla scarsa mira o fortuna del tiratore, infatti le armature venivano costruite con delle forme arrotondate o angolose proprio per far sì che i proiettili colpissero il bersaglio in maniera non perpendicolare.
Ovviamente quelli che stiamo facendo sono ragionamenti di massima: in diversi momenti e zone dell’europa post-medievale abbiamo visto una grande varietà nella qualità, forma e fattura di armi e armature. Un problema annoso, ad esempio, era quello della disomogeneità degli acciai, ovvero l’impossibilità di costruire oggetti (come armature) in acciaio le cui proprietà fisiche fossero le stesse in tutti i punti: in questo modo era possibile che due colpi sostanzialmente identici, raggiungendo punti diversi dell’armatura, ottenessero risultati di penetrazione diametralmente opposti.
Inoltre, con l’avanzare del tempo, anche le energie delle armi da fuoco sono andate via via ad aumentare: ad esempio un moschetto del 1600 poteva arrivare, con la giusta polvere da sparo, a imprimere quasi 4000 J di energia al proiettile. La presenza inoltre di miglioramenti bellici come la rigatura della canna, in grado di imprimere al proiettile un moto elicoidale che ne stabilizzasse la traiettoria, e le cartucce per rendere il caricamento più rapido resero indubbiamente le armi da fuoco sempre più letali.
IN CONCLUSIONE…
Le armature del rinascimento erano, in generale, in grado di proteggere chi le indossava dai proiettili delle armi da fuoco a patto che esse fossero relativamente leggere (pistole e in parte archibugi) e/o facessero fuoco da abbastanza lontano. Per quanto si tratti di condizioni apparentemente poco interessanti, ricordiamo comunque che in assenza di armatura un proiettile in tali condizioni sarebbe indubbiamente letale, se colpisse zone vitali!
La protezione poteva essere ottenuta e migliorata andando ad agire sulla qualità dell’acciaio, sullo spessore della corazza e sulle sue forme: questi fattori portarono, da un lato, allo sviluppo di armature molto costose, in grado di proteggere i ricchi signori dai proiettili più comuni, dall’altro a una produzione massiva di corazze di bassa qualità molto pesanti, che proteggevano interamente solo i reparti di cavalleria mentre i fanti si limitavano ad indossarne alcune porzioni.

L’azza: un letale mix di ascia, martello e lancia. Photo by Javy Camacho.
Questo sviluppo dell’armatura ebbe effetto anche sulle armi da mischia: da una parte, infatti, nel ‘400 si ha il massimo splendore delle armi in asta, come le alabarde o le temutissime azze e martelli da guerra, in grado di minacciare i nemici più corazzati grazie a una letale combinazione di massa, leva e spunzoni o piccole lame d’ascia in grado di penetrare più facilmente l’armatura.
Le picche, inoltre, diventeranno elemento fondamentale del campo di battaglia prima dell’invenzione della baionetta, in grado di minacciare sia la cavalleria, nello specifico tenendo a distanza i cavalli, sia la fanteria dall’armatura ridotta.
Nella prima metà di questo periodo nascono nuove spade per affrontare nemici corazzati come lo stocco, che non è il rapier inglese come Dungeons & Dragons ci suggerisce ma l’estoc, una spada a lama triangolare da infilare nelle giunture delle armature nemiche, oppure come lo spadone (zweihander, montante ecc) di dimensioni ragguardevoli e di importanza strategica nella lotta alle formazioni di picchieri.
La riduzione dell’armatura da fanteria, tuttavia, porterà successivamente all’invenzione di spade più sottili e agili come la striscia, che è il vero rapier di Dungeons & Dragons, un’arma eccezionale nei colpi di punta, o come la sciabola che rappresenterà il simbolo della cavalleria fino alla sua scomparsa nel ‘900.

Insieme di armi rinascimentali, tra cui un peculiare stocco con guardia a testa di martello
BONUS – Cosa giocare?
Se la sfida tra armi da fuoco rinascimentali e armature vi appassiona e volete provare l’ebbrezza di metterle a confronto, se vi piacciono i  giochi di ruolo (e se non vi piacciono è probabilmente perché non li avete provati), non posso che consigliarvi ampiamente Historia!

Historia è un’ambientazione tutta italiana per Dungeons & Dragons (quinta edizione) che vi cala in un rinascimento popolato da… animali antropomorfi!
Lungi dall’essere un mondo “carino”, Historia vi porrà in mezzo a intrighi, lotte politiche, battaglie campali, dilemmi etici, un mondo dove Alchimia, Magia e Religione si sfidano ogni giorno dove Spade, Armature e Pistole vivono fianco a fianco.
VAI AL KICKSTARTER!
Oltre a ciò, in ambito videoludico, abbiamo recentissimo Greedfall, ambientato in una versione fantasy dell’età delle esplorazioni, dove le armi da fuoco si incontrano ogni giorno con le corazze dell’acciaio migliore… con un pizzico di magia!
Inoltre, ha decisamente fatto scuola Mount & Blade: With Fire and Sword, l’espansione standalone del mitico Warband, passata purtroppo in sordina, che ci pone nel complesso panorama dell’europa orientale di metà ‘600, durante la rivolta cosacca contro il commonwealth Polacco-Lituano (per inciso, è grazie a questo titolo che so dell’esistenza di suddetto commonwealth…).

Come non citare poi la saga di Ezio di Assassin’s Creed, dove le armi da fuoco, appena accennate in Assassin’s Creed 2, si fanno sempre più presenti nei seguenti Brotherhood e Revelations, come a mostrare la lenta ma inesorabile diffusione di queste armi nel rinascimento.
E già che citiamo Ezio, non possiamo non guardare le produzioni italiane: se vi piacciono i librogame e i giochi di ruolo non posso che consigliarvi la saga di Ultima Forsan, ambientata in un macabro rinascimento assediato dai non morti dove solo le nuove tecnologie del ‘500 potranno tenere i nostri eroi in salvo dagli abomini!

Uno degli autori, Mauro Longo, famoso autore di librogame italiano nonché gestore del blog Caponata Meccanica e di una pagina su libri da tavolo per bambini (Bambini e Draghi), ha scritto numerosi libri game di Ultima Forsan e inoltre alcuni romanzi ambientati sempre in questo periodo come Guiscardi senza Gloria e il fabbricante di spettri. 
Se l’argomento vi è piaciuto, vi invito a leggere The Knight and the Blast Furnace di Alan Williams. Se invece cercaste una lettura (lievemente) più leggera, questo stesso argomento è stato affrontato e approfondito nel 2008 sul blog Baionette Librarie del mitico Duca, alias Marco Carra, con una serie di articoli sulle armi e gli acciai, più tecnici, che potete trovare qui.
Articolo originale: http://www.profmarrelli.it/2019/10/01/armature-vs-armi-da-fuoco/

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il prof. Marrelli su facebook e su ludomedia.  
Read more...

Mike Mearls è tornato nel D&D Team

In un articolo di qualche settimana fa vi avevamo segnalato alcuni importanti cambiamenti all'interno del D&D Team, ovvero la squadra della WotC impegnata nella creazione della 5a Edizione di D&D. In particolar modo, in base ad alcuni tweet pubblicati da Jeremy Crawford era sembrato che Mike Mearls (assieme a Crawford uno dei Lead Designer della 5e) non facesse più parte del Team e che, dunque, non avesse più alcun ruolo nella produzione di D&D. Crawford, infatti, rispondendo a un utente aveva affermato che Mearls "non lavora più nel team del GDR da tavolo e non lo fa da un certo momento dell'anno scorso" (riferendosi al 2019).
Durante una puntata del Dragon Talk di qualche giorno fa, tuttavia, il nuovo Produttore Esecutivo di D&D Ray Winninger (divenuto di recente il capo del D&D Team) ha dichiarato che "Mike Mearls è tornato a lavorare di nuovo a tempo pieno sul Gdr, dopo aver diviso per noi il suo tempo tra D&D e alcune cose legate a un videogioco. Adesso è tornato". Potete ascoltare le sue parole nel seguente video, a partire dal minuto 18:42:
In sostanza, sembra proprio che Mike Mearls non abbia abbandonato il suo lavoro all'interno del D&D Team, ma che negli ultimi mesi abbia semplicemente ricevuto dalla WotC l'incarico di collaborare con Larian Studios, software house belga, per la creazione del videogioco Baldur's Gate III (di cui vi avevamo parlato in questo articolo). Mike Mearls, dopotutto, nel giugno del 2019 aveva partecipato all'E3 2019 proprio in occasione dell'annuncio di Baldur's Gate III, così da ufficializzare la collaborazione tra la WotC e la software house videoludica (come è possibile notare da questo video pubblicato proprio in quei giorni). E' molto probabile, quindi, che nell'ultimo anno Mearls abbia lavorato come consulente dei Larian Studios, in modo da fornire loro tutte le informazioni su D&D necessarie per la creazione del gioco, come i dettagli narrativi sui Forgotten Realms o le regole della nuova edizione. In base a quanto dichiarato da Winninger, dunque, possiamo ritenere che Mearls abbia terminato il suo impegno e che, quindi, possa di nuovo lavorare a tempo pieno sul Gdr cartaceo come faceva prima.
Read more...

D&D 5E: avventure gratuite dalla Kobold Press

Articolo di Morrus del 19 Maggio
La Kobold Press ha rilasciato gratuitamente Prepared!, un'avventura per D&D 5E, come parte della sua iniziativa "Al Sicuro a Casa con Kobold Press". Entrate nel loro sito e usate il coupon SaferAtHomeWeek2.

 
I vostri giocatori stanno andando alla deriva?
Una dozzina di Avventure Autoconclusive per la 5a edizione per i Livelli 1-15.
Non dovrete più avere paura: Prepared! offre ai DM delle rapide soluzioni per movimentare le campagne e far divertire i giocatori mentre pensate alla vostra prossima mossa. Al suo interno troverete, infatti, delle brevi avventure autoconclusive per ogni ambiente, compreso:
Una fabbrica aliena dove delle vittime sono risucchiate della loro essenza vitale e vengono trasformate in orrori eterei Un laboratorio alchemico abbandonato dove è stato lasciato un assistente mostruoso La caduta letterale del cielo ai piedi degli avventurieri Alcuni goblin che hanno costruito una strana "fortezza" in un fosso a lato di una strada Una misteriosa terrazza di pietra spuntata fuori dalla neve, con un antico macchinario che scintilla dal livello più alto ...e altro ancora, tutto con le bellissime mappe di Meshon Cantrill! Con Prepared! il designer Jon Sawatsky ha creato una dozzina di scenari fantasy per la 5a edizione, utilizzabili in ogni ambientazione con PG di vario livello. Non correrete più il rischio di trovarvi senza nulla di pronto!
Queste avventure presentano dei mostri provenienti sia dal Manuale dei Mostri canonico di D&D 5E che dal Tome of Beasts.
Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/threads/free-d-d-adventure-from-kobold-press.672206/
Read more...

È iniziata la campagna del Book of Fiends 5E

Articolo di Morrus del 21 Maggio 2020
La Green Ronin ha lanciato una campagna di crowdfunding per il Book of Fiends, un manuale con copertina rigida riguardante demoni, diavoli e altri cattivoni assortiti.

L'originale Book of Fiends uscì nei primi anni 2000 per D&D 3.5. Univa Legions of Hell e Armies of the Abyss, i due libri precedenti della Green Ronin (all'epoca il primo dei due era uno dei miei libri di terze parti preferiti per la 3.5 ).
Quello di cui parliamo ora sarà un manuale di 200 pagine con oltre 130 demoni, diavoli e abitanti del piani inferiori. Vi troverete i Signori degli Inferi, i Principi dei Demoni, gli Esarchi di Gehenna e mostri di GS 0-31.
La campagna di crowdfunding si svolge su GameOnTabletop e potete prendere il PDF per $25 o il manuale cartaceo con copertina rigida per $50.
Tratto dalla presentazione ufficiale

Perché Game on Tabletop e non Kickstarter? Chris Pramas di Green Ronin risponde:
Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/threads/green-ronins-book-of-fiends-for-5e.672252/

Link alla campagna di crowdfunding: https://www.gameontabletop.com/cf372/the-book-of-fiends-5e.html
Read more...
Bomba

Capitolo Quattro – Un percorso nella terra delle illusioni

Recommended Posts

Mulroht Tanner

“Mi chiamo Mulroht Tanner, avrei gran voglia di tornare ad Huruk-Rast, ma coi confini chiusi mi accontento di non morire di fame. C'è un posto dove rifocillarsi, in questa cittadina, che sia accessibile a quest'ora?”

Share this post


Link to post
Share on other sites

Efraym Al Rasul

Maledetto me! abbassò lo sguardo quando Vassi lo rimproverò. Ho fatto soffrire anche lei... maledetto me! Il lucertoloide abbassò gli occhi e disse @shadizar sto facendo del mio meglio... ma è difficile... accennò un inchino e annuì non dirò più... nulla... come mi hai ch... come mi hai ordinato...

Ef si mise in ginocchio di fronte all'altare e, seppur ascoltando le eventuali risposte del sacerdote, chiuse gli occhi e meditò in silenzio. Il dolore e la rabbia lo consumarono e lo abbandonarono, si sentì in contatto con quel Dio di cui non sapeva ancora nulla, eppure lo sentiva così vicino a lui... Dove sto sbagliando? Come posso rimediare? A che questa sofferenza? pensò all'uomo che aveva lasciato fuori e gli si strinse il cuore Signore... che cosa posso fare per far terminare il male? Cosa posso fare per compiere ciò per cui tu mi hai mandato? ripensò alle notti passate ai ceppi e ricordò le voci nella sua testa. Sussurri, che però erano reali quanto lo fosse lui. Obbedirò allora...

Decise di donare un'offerta a questi Dei che gli stavano parlando. Decise di donare un offerta a tutti coloro che avevano creduto in lui e tutti coloro che avrebbero creduto in lui in futuro. Con il suo artiglio incise profondamente la carne del suo palmo destro e lasciò scorrere il sangue lungo il suo braccio. guardò il flusso scorrere fino al suo gomito e lo leccò.

Rimase in silenzio mentre il sacerdote si spiegava.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Angelica Draconis

L'arrivo a Fodell non fu dei più lieti. Il coprifuoco vigeva sul luogo e il gruppo di studenti lo aveva appena infranto. Le guardie che li accolsero per quanto dire e inflessibili sembrarono piuttosto comprensive nei confronti dei ragazzi appena arrivati, o quanto meno più che con il povero elfo. Non credevo che ci fosse uno stato quasi di legge marziale...venire frustati per un coprifuoco...speriamo di andarcene presto da questo luogo Come già previsto vennero abbozzate delle scuse per giustificare agli elfi la nostra presenza...cosa che sembrò funzionare, forse più per merito della presenza di Luna che per le parole stesse di Ragnar e gli altri. Angelica rimase in silenzio e lasciò condurre agli altri il gioco....che ancora una volta rischiava di essere mandato in fumo da Efrayam certo che non impara mai...ci avrei giurato che non sarebbe riuscito a mantenere la parola il pensiero della ragazza venne però interrotto dall'intervento di Vassilixia ed Eolion, che placarono il lucertolone. Mentre ascoltava le varie conversazioni Angelica cercò di memorizzare qualsiasi informazione utile potesse venir fuori o di far mente locale su tutto quello che sapeva sugli argomenti che potevano avere un certo peso nelle argomentazioni. Come la domanda appena posta da Ragnar

@Dm

Spoiler

 Conoscenze arcane/ locali/ natura/ dungeon/ piani/ religioni +16

Tutte le altre conoscenze +6 senza gradi

Per fornire Info a chi come Ragnar ha bisgono di sapere qualcosa, ma anche per sapere più dettagli possibili su luoghi, persone,etc che vengono citate ad esempio la comunità di ninfe

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vassilixia 

Efraym accettò di dargli ascolto e si allontanò verso l'altare con le spalle curve. Vassi si sentiva triste per aver agito in un modo tanto brusco e sperava che lui l' avrebbe perdonata ma erano in una situazione pericolosa e il buoncuore del rettiloide rischiava di mettere tutti in pericolo.
Vassilixia disse voltandosi verso il sacerdote e piegando il capo in un lieve inchino, onorata di conoscervi.
Abbiamo saputo del blocco da poco e no', non conosciamo praticamente nulla di queste terre, ma avevamo già intenzione di recarci dalle ninfe del luogo e se ciò può essere anche di vostra utilità uniremo volentieri le due cose.
Ma prima di procedere possiamo sapere se il blocco è a causa di un dissidio con i nostri popoli? Non vorremmo venir scambiati per spie o sabotatori di qualche sorta.

Spoiler

Diplomazia +14

Dopo un +2 alla prova di @Ian Morgenvelt per avere info sulla magia selvaggia.

 

Edited by shadizar

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eoliòn Von Gebsatell (umana silverbrow mezza celestiale) 

Appena vide che Efraym stava perdendo la presa sulla spada con il rischio di lasciarla cadere e fare un baccano pazzesco in piena notte, Eoliòn con un abile gesto la prese prima che potesse cadere guardando poi il mezzodrago con un espressione "Ma che diavolo fai?!", ma si rese poi conto che Efraym sembrava che confuso, come perso in pensieri e considerazioni. Vide poi Vassilixia avvicinarsi anche lei e cercare di farlo ragionare e di parlarci con maniere ben più pacate di lei. Si rese conto di aver esagerato, di essere stata inutilmente dura seppur non rinnegasse nulla di quanto affermato; li aveva messi a rischio ed a Lagocristallo aveva promesso che avrebbe cambiato atteggiamento, cosa che non sembrava. "Ha ragione Vassi; dalle ascolto anche più di me. Ho sbagliato a rimproverarti così duramente, sono molto tesa e non mi piace sentirmi bloccata in questo posto. Scusami.". Detto ciò provò a riconsegnargli l'arma perché la riponesse nel proprio fodero per poi aggiungere, vedendolo intenzionato a pregare in quel tempio dedicato ad un dio elfico "Se dopo vorrai pregare Bahamut altrove, sarò lieta di farti compagnia.". 

@shadizar @GelTheBest e tutti quelli in ascolto 

Edited by Pyros88

Share this post


Link to post
Share on other sites

Deborah Borealis(Tiefling Burattinaia del Terrore) 

Madnyss & Sorrow(Burattini)

Ouch! Deve far male... Uhihihiihi! Sghignazzò Madnyss quando prese la decisione di entrare nel tempio, lasciando l'uomo in balia della milizia. Non facciamo nulla? Chiese Sorrow alla padrona. Deborah non rispose, aprendo il proprio degli incantesimi e cominciando a sfogliarlo, tuttavia non era per nulla contenta della situazione. Mamma non lo avrebbe mai permesso... Ma non posso rischiare adesso che gli incantesimi mi rimbalzino contro... Non è un posto sicuro... Il gruppo venne così accolto dal prete, il quale cominciò a fare domande. La strega preferì rimanere in silenzio, rispettando le parole scelte dal resto del gruppo, alzando unicamente la mano destra quando il fratellino la presentò. Oltretutto a quella scena Efraym stava nuovamente creando dei danni al gruppo e come suo solito aveva cominciato a sfrignare non appena qualcuno gli alzava la voce contro. Non capisco proprio perché lo avete lasciato venire, sapevate benissimo che si sarebbe comportato ancora così... Ora che abbiamo passato il confine non possiamo neanche più lasciarlo indietro... Si farebbe uccidere. 

I piccoli pupazzi cominciarono a muoversi attorno la stanza, osservando e toccando un po' tutto. Finché non furono proprio lontani dalla vista del gruppo.

X DM

Spoiler

Madnyss & Sorrow (Psicocristallo) 

Ascoltare +8

Osservare +8 

Muoversi Silenziosamente +6

Nascondersi +6 (+ taglia minuscola) 

 

Edited by Organo84

Share this post


Link to post
Share on other sites

Shaun Draconis

Shaun fu costretto a fare buon viso a cattivo gioco, ma quasi più nei confronti di Efraym che degli Elfi. 

Erano loro gli invasori e non sapevano un bel nulla delle leggi locali (o, perlomeno, lui non ne sapeva un bel nulla, cosa che sarebbe stata la solita fonte infinita di scorno per quel secchione di suo padre), benché dubitava che contemplassero la corruzione delle guardie come risoluzione alle controversie.

"Shaun, piacere di conoscervi!", furono le parole con cui, invece, si presentò, quando fu il suo turno di condividere la sua identità. Il suo sorriso forzato, nel salutare, nascondeva un desiderio acceso di strozzare a morte il sacerdote elfico, che non stava smentendo il tanto decantato occhio lungo della sua razza, mentre parlava con Luna. 

 

Era un buon modo, per tentare di abbassare le statistiche sulla longevità degli Elfi. 

Edited by Ghal Maraz
  • Like 1
  • Haha 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragnar Bjornsson

Grazie: siete impareggiabili. Sussurró ad Alucard ed Angelica, ascoltando le domande che i suoi compagni ponevano al sacerdote. Delle ottime richieste, ma mancava ancora un'informazione. Scosse la testa all'ennesima stranezza di Efraym, che sembrava essersi dato anche all'autolesionismo, chiedendosi per quale ragione avesse deciso di dargli una seconda opportunità. Sono un dio generoso: dovrò smussare questo aspetto del mio carattere. Mi scusi se la disturbo nuovamente, ma come i miei compagni sono incuriosito da questa nazione tanto affascinante. Non abbiamo potuto fare a meno di notare come la magia risponda in maniera particolare in questo luogo: sarebbe così gentile da spiegarci qualcosa di questo fenomeno? E conosce per caso un qualche modo per limitarne gli effetti o controllarlo? Avremo bisogno di ogni risorsa per la nostra caccia. 

Master

Spoiler

Diplomazia +20 sul sacerdote.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Forgrim Minyar Tanner (Umano)

 

Forgrim sentì l'elfo gridare. Lo stanno fustigando.... Avrei dovuto fare di più....le mie parole non sono bastate.  L'umano si porto le mani alle orecchie per cercare di ignorare le urla, togliendole solo quando i suoni finirono. Si sentiva amareggiato per non essere riuscito a evitare una simile punizione al cacciatore. Esattamente come il suo amico Efraym anche Forgrim sentiva l'impulso di correre fuori a visitare quella povera vittima, ma sapeva che non era il momento opportuno e che il momento era ancora troppo pericoloso. Doveva essere paziente.

Cercò di rivolgere le sue attenzioni al sacerdote. Piacere, il mio nome è Forgrim. Fece un inchino. La ringrazio dell'ospitalità che ci riserva. Faremo tutto il possibile per arrecare meno disturbo possibile. Disse prima di vedere l'impulsività del lucertoloide. La situazione potrebbe ingarbugliarsi nuovamente. Il suo animo  puro soffre di fronte alle ingiustizie. 

 

 

 

Edited by SassoMuschioso

Share this post


Link to post
Share on other sites

DM

x chi ha richiesto delle prove

Spoiler

 

Alucard Conoscenze (religioni) +9+10=19

Angelica Conoscenze (religioni) +16+8=24

Angelica Conoscenze (natura) +16+16=32

Angelica Conoscenze (locali) +16+17=33

Angelica Conoscenze (arcane) +16+16=32

Ragnar Diplomazia +20-10(Efraym)+13=23

Deborah prova di livello per la pergamena di Camminare nei Sogni +7+15=22

 

Informazioni su Vandria Gilmadrith

Luke si limitò a dire Dorian, cercando di non esporsi e mantenere la copertura posta con tanta fatica da Alucard. Finres annuì in silenzio quando tutti i membri del gruppo si presentarono, il viso che divenne tuttavia paonazzo alle parole del lucertoloide, l'ira contenuta solo grazie agli occhi dolci di Luna. La maleducazione sembrò rimettere in discussione i modi dell'elfo, che concesse a malapena un'occhiata ad Efraym ed ignorò le sue domande, come se a rivolgersi a lui fosse stato uno scarafaggio gigante Potete prenderne anche voi, se proprio dovete rispose stizzito a Damien. Finres non sembrava affatto soddisfatto della presenza dei mezzo-immondi, Mulroht in particolare che ricevette un giudizio lapidario Per quelli come te, sul retro della panetteria lasciano degli avanzi...

Quando Ragnar avanzò le richieste dei suoi compagni, perfino l'Eltear non ebbe nulla da ridire sui modi del tiefling E' evidente che non siete mai stati qua, finora commentò asciutto La magia selvaggia permea Frondargentea fin da tempi immemori, una piaga caotica in questo mondo già di per sé mondato da fin troppa anarchia. Un fardello che noi elfi ci portiamo e combattiamo, nella speranza di poter un giorno curare questo tumore che risiede su Arth Angelica potè confermare le parole del sacerdote, laddove un vero metodo per dominare le interferenze magiche non vi fosse, se non un forte allenamento. Un ambiente difficile per gli incantatori, ma che elevava coloro che ne scoprivano i segreti. Finres quindi fece un vago cenno con la mano Questo è il villaggio di Fodell disse Comunità del confine est, parte del glorioso regno di Frondargentea comandato dal nostro leader il Signore delle Fronde spiegò con fervore e orgoglio. La famiglia Glynrora aveva stabilito fermamente il proprio dominio, in quello che in molte parti di Arth veniva considerato un regime con forti tratti dittatoriali. Il fatto che fossero stati menzionati i campi di lavoro, ne confermava tristemente l'esistenza. Essi si vociferava fossero campi di prigionia, dove i condannati erano costretti a lavori forzati per sedici ore al giorno, razioni scarse e di pessima qualità, assenza di acqua pulita e dormitori simili a scatole di sardine, posti dove ogni diritto veniva gettato alle ortiche e da cui nessuno era riuscito a fuggire, complice il fatto che le guardie che avessero fatto scappare un prigioniero sarebbero state condannate allo stesso fato. E qualunque condanna prevedeva non solo l'incarcerazione del reo, ma anche della sua famiglia e delle due generazioni successive. Il nostro popolo non si prodiga senza un motivo. Il coprifuoco dopo il tramonto è stato istituito per garantire ordine e sicurezza, dal momento che vi è una imponente ricerca per la nostra principessa, Ciradyl Glynrora. Ella è scomparsa e il nostro esercito, sotto la illuminata guida del nostro leader il Signore delle Fronde, si sta mobilitando per ritrovarla disse con fervore Non il genere di impresa adatto a un gruppo di studentelli. Tuttavia accetto il vostro aiuto per informare le ninfe di Verderovere.

Angelica ricordava quel nome, che si riferiva all'unica corte fatata di Frondargentea e che si trovava a sud di Mylmanor. Le sue ninfe erano tristemente famose per il loro egocentrismo, il loro egoismo e la loro cupidigia: conscie della loro superiore bellezza, non aiutavano mai nessuno senza un tornaconto o il ricevimento di ingenti oboli, in particolar modo collane e gioielli preziosi, di cui adoravano adornarsi. Come costumanza di molte corti, i nomi delle loro esponenti si rifacevano a quelli di un elemento naturale, in questo caso le gemme stesse come nel caso della loro leader, Diamante. Finres appoggiò una mano sul fianco di Luna Tra di voi vi sono membri della loro razza, potrete parlarci e convincerle a dare supporto in questa ricerca concluse Il nostro leader sa essere magnanimo il tono di Finres si fece quindi cospiratorio Specie se così facendo non dovrà acconsentire all'offerta di-- CHE DIAMINE STA FACENDO??? urlò all'improvviso, il volto deformato dalla rabbia quando Efraym si incise con un artiglio, spillando sangue all'interno del tempio QUESTO E' TROPPO! PORTATE QUELLA BESTIA NEL CANILE DEL TEMPIO, DOVE DOVREBBE STARE! ordinò furibondo, il braccio puntato verso un punto della stanza, all'esterno del quale gli avventurieri potevano presumere vi si trovasse la rimessa per i cani allevati. E qualora essi vi si sarebbero diretti, avrebbero scoperto di non essersi sbagliati, disponendo il tempio di un piccolo canile dal forte odore di pelo bagnato e urina, fatto di staccionate in legno, dove venivano tenuti i mastini elfici, molossi dal pelo verde e lo sguardo acuto, più svegli di qualsiasi canide e letali nella caccia

Oggi mi sento generoso, ma bada bene minacciò Finres Azzardati a rimetere piede nel tempio e farò in modo tu venga scuoiato a suon di frustate, fosse anche l'ultima cosa che faccio! l'elfo rincarò la dose sui suoi compagni Volete un consiglio? Tagliategli la gola e lasciatelo nel bosco, per lo spasso dei mangiacarogne. Noi facciamo così con gli infanti nati deformi ed ecco perchè noi abbiamo una società funzionante! sebbene pareva che stesse per fornire delle altre informazioni, Finres non pareva più prodigo a parlare con i membri del gruppo.

x tutti

Spoiler

Checkpoint ritardato di un giorno a causa delle interazioni extra richieste. Dato che il fallimento della pergamena poteva pregiudicare le ruolate, ma avendo comunque manifestato a maggioranza la volontà di usarla, il suo uso è già stato tirato con successo. Nel prossimo post Deborah, Vassilixia, Luna, Malik, Damien, Alucard, Eoliòn e Shaun entreranno nel Reame dei Sogni, mentre il resto del gruppo rimarrà nel Piano Materiale (ma potrà comunque ruolare e/o agire).

 

  • Like 2
  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Luna Bjornsdòttir

Ma che luogo è questo? Pensò tra se e se Luna mentre sempre più tasselli si infilavano al loro posto. Almeno l'elfo sembrava essere raggirabile dalle abili parole di Ragnar e dalla sua bellezza.

Nonostante tutto però avevano conquistato la fiducia dell'elfo che in qualche strano modo li aveva addirittura ingaggiati per una sorta di missione diplomatica con le ninfe Come già anticipato, saremo lieti di aiutarvi disse cercando di non pensare a quella mano sul fianco Non mi piace come si stanno mettendo le cose non fece però in tempo a rispondere all'elfo che Efraym combinò uno dei suoi soliti casino Sto iniziando seriamente a pensare che sia meglio abbandonarlo, un suo errore potrebbe scatenare una guerra su tutta Arth.

Quando l'elfo si allontano, Luna si avvicinò a Shaun, richiamando anche Ragnar restando però a portata di orecchio di tutti Fino ad ora ci è andata bene, credo che l'elfo sia in qualche modo influenzabile disse con una specie di smorfia sperò di non dover utilizzare questa influenza per ovviare a qualche casino fatto da quella sottospecie di lucertoloide. fece un lungo sospiro quindi questa notte andremo nel sogno? Non mi sento totalmente al sicuro a farlo qui, ma non credo avremo altre possibilità

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vassilixia 

Guardò tristemente Efraym che veniva trascinato via pensando che dopo sarebbe dovuta andare a parlarci, ma ciò che veramente sentì come offesa fu il modo meschino in cui avevano trattato Mulroth. 

Preso il suo zainetto si avvicinò per parlargli

@PietroD

Spoiler

Mulroth stai bene? Chiese guardandolo preoccupata. Finora il taciturno amico si era comportato sempre benissimo e l'ingiustizia della situazione  faceva male a Vassi quasi come avesse visto bastonare un cucciolo.

Non ho con me molte provviste,  solo carote e mele che so' tu non apprezzi molto. Sei un tipo da carne mi pare.

Domani se me lo permetti ti aiuterò nella caccia ma per adesso fammi il piacere di accettarle. concuse tenendo da parte solo un paio di mele che voleva portare ad Efraym. 

Si unì quindi al gruppo che discuteva del viaggio nei sogni con la scusa di prendere una coperta per sé: quello di cui ho timore è che qualcuno ci interrompa durante il viaggio onirico. Siamo comunque in una situazione " marziale" se mi permettete il termine, potrebbero decidere di venire ad interrogarci di notte o controllare cosa stiamo facendo. Se ciò accade come potranno gli altri intervenire? Che scusa potrebbero usare?

@Organo84

Vi è modo chiese quindi rivolgendosi direttamente a Deborah di esser connessi a Dorian in maniera discreta ad esempio restando comodamente sdraiati nei nostri giacigli?

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Kat Po

Cercando di rimanere in silenzio nel mentre dei discorsi dell'elfo, Kat si fece nota mentale di non scordare il fatto che finchè c'era gente in giro non doveva chiamare il principe Dorian, ma Luke. Buon nome. E soprattutto, ottimo modo di comportarsi da parte del principe… Cosa che non poteva dire riguardo ad Efraim (ancora, di nuovo e per non dire come al solito) li aveva messi in una situazione precaria e si era fatto mettere ai ceppi.

"Se siete d'accordo…" Kat disse, tanto al gruppo quando a Finres "Terrò io d'occhio il nostro compagno lucertoloide per stanotte. Così che non arrechi altra offesa o danno ai nostri gentili anfitrioni." Disse alludendo a Finres e alla comunità di Fodell a cui elargì uno sguardo (se non altro un'occhiata) quanto più cordiale poteva. @GelTheBest

Appena ricevette un cenno d'assenso (badando che fosse l'elfo a darle il permesso più dei compagni), diede un bacio della buonanotte ad Astrid sulla fronte, si avvicinò a Luna per sussurrarle un "Sogni d'oro…" in silvano, parole più cariche di sentimento di quanto non volesse intendere ed uscì per il canile. @Plettro @Cronos89

SE Fodell acconsente questo è quello che succede nel canile

Spoiler

Cercò di rimanere tranquilla ed in silenzio, sfruttando le sue naturali capacità con gli animali per fare in modo di passare tranquillamente e non scatenare un coro di abbai. Si sedette accanto ad Efraim e lo fissò seria e severa.

"Francamente, mi aspettavo di meglio da te…" Disse mentre rattoppava la ferita che si era inciso addosso alla bene e meglio "Non stai tenendo un comportamento degno del sangue nobile di cui ti vanti e che condividi con tuo fratello. Straparli, ti fai del male, metti nei guai il gruppo. Efraim, cosa stai pensando?" Kat continuò facendo ben attenzione a parlare piano per non causare altri fastidi e mettere il gruppo nei guai.

"Sai io cosa penso? Penso che ti senti smarrito e che non sai cosa fare… Penso che tu pensi di essere il solo ad avere ragione quindi agisci di conseguenza. Ma dovresti fermarti a pensare due volte prima di agire e magari pensarci un'altra volta mentre agisci QUINDI…" Kat disse, mettendosi in piedi davanti al lucertoloide seduto in modo da far valere ancora di più le sue parole "Da oggi in avanti sarò io a prenderti sotto la mia ala. Prima di agire, straparlare o metterti in una situazione dove potresti fare del male a te stesso o agli altri del gruppo, ne parlerai con me, ed io ti consiglierò. Prenderai la punta del gruppo in caccia insieme a me e tuo fratello e non ti staccherai da noi finchè non avrai imparato, d'accordo?" Kat disse addolcendosi.

La sua sicurezza nel discorso non voleva essere una limitazione o un voler comandare Efraim privandolo della libertà… Ma voleva assicurarsi che Malik e suo fratello non fossero separati dal fatto che uno contribuiva e si era inserito nel gruppo, mentre l'altro continuava a mettere tutti in pericolo. Delle restrizioni erano necessarie, ma non dovevano essere per forza regole ferree e senza morale, un pò di caos non faceva male a nessuno ma quello che faceva Efraim era troppo. Gli serviva una guida… E la ninfa non aveva mai avuto problemi a guidare gli altri.

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eoliòn Von Gebsatell (umana silverbrow mezza celestiale) 

Scuotè sconsolata la testa, lo sguardo dispiaciuto ed arrabbiato allo stesso tempo diretto verso Efraym che aveva nuovamente combinato una delle sue versando del sangue in un luogo sacro seppur senza alcun intento violento e limitandosi solo al proprio e solo poche gocce. Era comunque un gesto inappropriato, tanto più che si vedeva con che cura maniacale l'elfo sacerdote tenesse in perfetto ordine e pulizia questo luogo. Si arrabbiò poi per le parole dell'elfo ed il differente trattamento che stavano subendo i suoi compagni dalla natura in parte abissale. Era ingiusto giudicarli per la natura che si era manifestata in loro e che non determinava a priori il loro comportamento ed morale. Sapeva però che tanti su Arth la pensavano allo stesso modo dell'elfo ed avevano anche atteggiamenti ben più aggressivi ex ostracizzanti di quello perpetrato dal sacerdote. Lamentarsi ed irritare l'elfo avrebbe solo peggiorato la loro delicata situazione, non ne sentiva il bisogno soprattutto se si trattava solo di un offerta di accomodamento e vitto meno ospitali; avrebbe lei stessa compensato almeno al grazie alle sue provviste magiche. Si avvicinò, accompagnando Vassilixia, a Damien, Mulroht, Deborah e Ragnar dicendo loro a bassa a voce: "È ingiusto il pregiudizio che state subendo, ma lamentarci non ci aiuterà in alcun modo, mi dispiace. Comunque per il cibo posso aiutarvi io: ho le razioni giornaliere del mio kit da viaggio, posso far comparire cosa più vi piace e distribuirlo fra voi. Anche Damien dovrebbe aver preso un oggetto simile dai doni delle ninfe. Non patirete la fame o perderete l'appetito con cibo poco gradevole o malsano fin quando potrò impedirlo.".

@AndRe89 @PietroD @Ian Morgenvelt @Organo84 @shadizar

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Efraym Al Rasul

Ef era una sola cosa in contatto con qualcosa di più grande. Mentre il sangue scorreva sulla sua mano egli potè sentire l'amore e la protezione degli dei.
Amore e protezione che vennero interrotti dall'urlo del sacerdote, che, dopo aver dato prova di odio indiscriminato verso i suoi amici e indifferenza nei confronti dei campi di lavoro, decise di farlo imprigionare. 

I templi sono luoghi degli Dei! Nessun uomo dovrebbe poter decidere chi vi possa entrare e chi no! pensò mentre il sacerdote elargiva le sue ultime minacce, mettendo in mezzo anche l'abbandono dei neonati storpi, come se Ef non odiasse abbastanza le usanze del popolo che aveva appena conosciuto.

Ef venne lasciato nel fango, circondato da queste specie di mastini elfici. Con la lingua sentì il sapore di terra bagnata, sapore che tutti conoscono, ma che non fa mai male rinfrescare alla memoria. Si alzò, bello sporco com'era, e riflettè un'altra notte al fresco... be' sono passati qualche giorni dall'ultima... sorrise tristemente guardandosi le mani, e guardando il taglio che si era inferto per gli dei. Non che abbiano fatto molto per proteggermi, ma immagino che vogliano qualcosa da me... a che pro tormentare un'anima in questo modo se non volessero nulla da me?

Certo Ef era arrabbiato con se stesso, ne aveva sbagliata un'altra, ma in fondo avrebbe preferito dormire tra i cani piuttosto che accettare l'ospitalità di un sacerdote così crudele.

Ad un tratto uscì @REDDISH-MUSE Kat Po, la quale si accostò a lui e gli fece l'ennesima proposta di prenderlo sotto la sua ala. Ef annuì senza dire nulla Promessa più... promessa meno... pensò.

Ascolta... Kat... mi concederesti una parola? disse timidamente Io... cioè quel sacerdote... è un mostro! Questo luogo e... anche la Savana... ovunque vi sono ingiustizie, probabilmente io sbaglio nel pensare di poter essere libero e felice solo se lo sono tutti gli altri... non soffro per aver insultato il sacerdote, cioè anche per quello, ma la cosa che mi fa più male è vedere questo luogo...

Comunque adesso non è questa la missione... cioè non è portare giustizia su queste terre... non ora almeno la mente dei giovani è sempre in funzione, e macina idee su idee e quando le ha macinate le scarta e le riprende; il lucertoloide dovette ammettere a se stesso di aver valutato l'idea di far della giustizia una missione, un giorno. Però è difficile... 

Ad un tratto guardò Kat e le avvicinò le labbra all'orecchio Gli altri stanotte vorranno entrare in quella specie di sogno... però non sembra un gran che... ci potremmo fare un giretto qui attorno... non possono accusarmi di aver infranto il coprifuoco! Sono stato sbattuto fuori! E mi piacerebbe sapere come sta l'uomo che fustigavano o qualche altro abitante del luogo... se c'è qualcuno che ha delle parole sincere su quello che sta accadendo a Frondargentea non è un sacerdote come quello... è un cittadino comune! O magari una guardia! Potremmo avvicinarne, se fanno ciò che fanno per la paura di essere mandati nei campi non saranno così restie a bere un boccale di birra sparlando del loro signore...

Ef arrossì attendendo la risposta dell'amica, che comunque avrebbe trattato come definitiva. Piuttosto... tre te e mio fratello... in Ef si risvegliò qualcosa che era stato sopito per MOLTO tempo, ovvero il sano e deciso desiderio di spettegolare. Diede un paio di colpi di sopracciglia alla ninfa Certo, non è bello come il sottoscritto, ma non puoi usarmi come paragone con i lucertoloidi, o ti sembreranno tutti inferiori alla media... sono una specie di unicorno! Però vedo che avete legato abbastanza... devo prepararmi a qualcosa? non c'era malizia nelle sue parole, solo un vago di ragazzina quattordicenne su una chat instagram con il nuovo "amico" presentatole dalla sua compagna di classe.

Edited by GelTheBest

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vassilixia 

Vassilixia proseguì ad esporre i suoi dubbi: io non penso sia il momento giusto per procedere con il nostro piano, in questo posto non siamo affatto liberi e non credo ci lasceranno tranquillamente qua dentro senza venire a controllarci o ad interrogare. Se in questo tipo di incanto i partecipanti dovessero materialmente sparire per coloro che rimangono questo potrebbe essere un bel guaio .

Se proprio la maggioranza vorrà procedere però io non mi tirerò indietro ma penso che sarebbe importante se Luna restasse:  ha la fiducia del primo sacerdote e magari riuscirebbe a distrarlo il tempo che ci serve per tornare, inoltre se la magia è fuori controllo io non vorrei che cio' fosse un pericolo per la creatura che porta in grembo.

Edited by shadizar
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Luna Bjornsdòttir

La ninfa non era peri niente contenta della decisione di Kat, ma sapeva che le sue decisioni difficilmente erano questionabili Non mi piace l'idea, ma se propsio sei convinta prese il proprio sacco a pelo, porgendolo alla ninfa per poi abbracciarla Fai attenzione, se si caccia in qualche guaio dovresti poter ricorrere anche a rimedi estremi... disse per poi staccarsi da lei e ritornare dagli altri e parlare della situazione che da li a poco ci sarebbe stata @REDDISH-MUSE

Mi trovi completamente d'accordo. Sarebbe meglio rimandare disse Luna alle parole di Vassilixia Avrà capito che cosa voleva l'elfo da me? E anche se vorrei venire con voi, sembra che io abbia un certo ascendente sul sacerdote, quindi è meglio se resto fuori a proteggervi sorrise sincera a Vassilixia per poi voltarsi verso Shaun e lanciarsi in un decisamente poco casto bacio Fai attenzione nel sogno disse per poi abbracciarlo, avvicinando @shadizar

Spoiler

non so cosa potrebbe succedere se l'elfo dovesse in qualche modo insospettirsi, ma farò tutto quello che devo fare per proteggerti disse con un velo di tristezza nella voce TUTTO, chiaro, ma non pensare neanche per un momento che sia un tradimento @Ghal Maraz

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Malik Al Rasul (Lucertoloide Mezzo-Drago di Ottone)


La situazione era ovviamente diversa da quella che si aspettavano. Ora se migliore o peggiore Malik ancora non sapeva deciderlo.
Certo è che, se la situazione non era delle migliori, l'atteggiamento del sacerdote nei loro confronti era altalenante. Disponibile con alcuni, meno con altri. Nel caso del fratello, per l'ennesima volta, con una motivazione più che valida. Scosse la testa quando fu cacciato dal tempio e mandato a passare la notte in mezzo ai cani.

Kat prese l'iniziativa, proponendosi per sorvegliarlo. Si avvicinò a lei, dopo che Luna le ebbe consegnato il suo sacco a pelo, porgendola una coperta di quelle che il sacerdote aveva portato loro @REDDISH-MUSE

Spoiler

" Prima Vassi, ora tu " le disse cercando di rimanere serio" Sembra quasi che convenga comportarsi male, tutte queste belle ragazze pronte a prendersi cura di te " concluse poi ridacchiando, provando in qualche modo a sdrammatizzare, nonostante non ci fosse poi così molto da ridere. Le allungò poi la coperta " Non vorrei che oltretutto dovessi sentire freddo... E grazie ancora " concluse poggiandole una mano sul braccio e carezzandolo leggermente.

Tornò dagli altri, a conversazione verteva ovviamente sulla possibilità di entrare o meno nel sogno del principe, si avvicinò abbassando il tono della voce e premurandosi di non farsi sentire da nessuno esclusi i presenti al conciliabolo " Il problema della magia rimarrebbe comunque, fintanto che siamo nei territori di Frondargentea. Il problema sarebbe spiegare la nostra sparizione... Se troviamo il modo di giustificarla, io direi di procedere comunque "

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragnar Bjornsson

Efraym, ancora una volta, rovinò i loro tentativi di rendersi amico il sacerdote dando sfoggio della sua idiozia. Mio padre parlava con estremo orgoglio di Sharifa: inizio a dubitare del suo giudizio anche sui suoi compagni. Kat si offrì volontaria per accompagnare Efraym nel canile: Ragnar le fece un cenno d'assenso, avvicinandosi quindi al lucertoloide per parlargli in tono tagliante. Prova a fare un'altra s*******a e ti rispedisco nella Savana a calci. Hai infranto la promessa che mi hai fatto due volte nel giro di qualche ora: vedi di tenere quella bocca chiusa. L'idea di tagliarti la lingua diventa sempre più allettante. Ragnar tornò dal sacerdote per continuare la sua opera, agganciandosi allo spiraglio che gli era stato fornito dal sacerdote. Per arrivare a Verderovere potremmo aver bisogno di un "lasciapassare", qualcosa che testimoni le nostre buone intenzioni con le pattuglie. Sarebbe tanto generoso da concederci qualcosa del genere? Chiese al sacerdote, attendendo la risposta prima di tornare dai suoi compagni. Mostrò il suo anello ad Eoliòn, facendole cenno di non preoccuparsi, per poi parlare agli altri su ciò che avrebbero fatto durante la notte. Anch'io preferirei rimandare la nostra missione. E, nel caso, ci penserò io a distrarlo. Ho bisogno che qualcuno copra le prime due ore, poi potrò fingermi un giovane incuriosito dalla religione elfica e dalla "gloriosa casata Glynrora". Concluse facendo un occhiolino a Luna, chiedendole poi di parlare per un momento.

Con Luna

Spoiler

A Lagocristallo mi avevi detto di avere modo di contattare le ninfe. Potresti usarlo per farmi domandare qualche informazione su Violara? Temo di averle lasciato un carico notevole sulle spalle.

@Cronos89

Master

Spoiler

Diplomazia +20.

Per la distrazione notturna (iniziare a far parlare il sacerdote dei due argomenti, facendo leva sul suo orgoglio) Raggirare +20

 

Edited by Ian Morgenvelt
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Damien Marsh (Human/Half-Fiend)

Come volevasi dimostrare la visione del sacerdote era estremamente discriminatoria, come ogni cosa in quel territorio. Damien non si preoccupo piu di tanto della cosa, anche se notava un certo disprezzo nei i suoi confronti, trovava tutto ciò divertente; una ottima occasione per stuzzicare il sacerdote. Se proprio dobbiamo?!...beh no..non si preoccupi allora, faremo senza rispose fingendo un rispetto che era solo pura ironia, per poi aggiungere quando si riferi a Mulroht, avvicinandosi al mezzo nano eh..purtroppo immagino sia chiusa la panetteria..e con questo coprifuoco ci è difficile uscire esordi ..ci perdoni.. concluse con un accenno di inchino nascondendo un sorrisetto beffardo. 

Se le cose sembravano aver preso un verso giusto grazie alle debolezze del sacerdote Efraym non riusci a stare fermo da un lato. Il taglio sulla mano fu la goccia che fece impazzire l'elfo ...visto i campi di "lavoro" che hanno penso gli sia andata anche bene il canile.. penso sorridendo vedendo portare via il lucertoloide.

 

Se ha lui poco importava essere disprezzato lo stesso non si poteva dire della "sorellastra" Eolion...non ti preoccupare esordi in risposta alle parole della giovane con un dolce sorriso sono abbastanza abituato ad avere sguardi poco amichevoli addosso..non sara certo quest'elfo a darmi fastidio per poi girare lo sguardo verso Mulroht, essendo lui quello ad aver subito la maggior arroganza del sacerdote o sbaglio Mulroht?! noi siamo quelli che siamo..e che gli altri ci guardino come meglio credono concluse con un sorriso per alleggerire la cosa comunque si dalle ninfe ho preso qualcosa di utile cibo e approvvigionamento..sai com'è Eolion..mi scordo sempre le provviste concluse scompigliandosi un po i capelli. @PietroD @Ian Morgenvelt @Organo84 @shadizar @Pyros88

 

La discussione poi giro verso quello che avrebbero dovuto fare la notte stessa ...forse diro una cosa azzardata...ma..dirgli quello che dobbiamo fare sarebbe visto male? senza andare nel dettaglio ovviamente..possiamo dire che dobbiamo entrare nel sogno di un nostro compagno per aiutarlo, cosi da chiedere il permesso e non avere problemi...anche perchè si possiamo rimandare, ma ormai fuori da Frondargentea credo che l'incubo si manifesterà nuovamente... comunque in qualsiasi caso avete il mio appoggio.. concluse lasciando al gruppo l'ultima decisione, non essendo completamente sicuro del suo giudizio.

 

 

 

Edited by AndRe89
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.