Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.
By aza

Maestri d’Arme – Jari il Cacciatore di Mostri

Dopo l'uscita della serie TV di The Witcher, dedicata a Geralt di Rivia, il noto Strigo cacciatore di mostri, grande utente di alchimia sulla quale abbiamo già fatto questo precedente articolo.
Per l’occasione, abbiamo deciso di intervistare Jari Lanzoni, (qui il suo sito), schermidore e appassionato di fantasy nonché di… lotta ai mostri!
Ciao Jari, dicci chi sei e quali sono le tue esperienze in ambito di scherma e fantasy

Direi uno strano amalgama di tante cose: direi principalmente un padre e un marito, poi un lettore, uno scrittore e un appassionato di combattimento storico. Al momento lavoro nel settore del turismo dopo aver cambiato una dozzina di mansioni e posti di lavoro, dal becchino al grafico, una necessaria flessibilità assai tipica di questo periodo che però mi ha permesso di mettere da parte una serie di competenze trasversali.
Mi sono interessato alla scherma storica una ventina di anni fa, entrando in contatto con alcuni gruppi e assistendo ad un paio di seminari; nel 2002 ho conosciuto il metodo della Sala d’Arme Achille Marozzo, caratterizzato da un approccio rigoroso alle fonti e una forte purezza nella ricerca delle nostre tradizioni Marziali. In particolare, la Sala d’Arme Achille Marozzo si è sempre distinta per la scelta di pubblicare i risultati dei propri studi e contribuire alla diffusione della Scherma Storica.
Dopo un paio d’anni di corso sono passato da allievo ad Aiuto-Istruttore dei corsi basi seguendo poi tutte le fasi per diventare docente. Al di là della mia esperienza come Istruttore ho avuto modo di pubblicare due manuali inerenti la scherma storica: “La Lancia, La Spada, la Daga” dedicato alla scherma medievale e “Il Combattimento Storico da Strada” dove approfondisco le più strane situazioni avvenute in duello e in battaglia.
Direi che la mia esperienza con il fantasy nasce sia dalla grandissima passione per la lettura che per i giochi di ruolo, commistionando le due cose per divertimento personale. Ho pubblicato alcuni romanzi, tra lo storico e il fantasy, nel mio ultimo lavoro “La Scherma del Cacciatore di Mostri” (quì il link) ho voluto immaginare il ritrovamento di un trattato di scherma rinascimentale, a lungo occultato, dedicato non al duello contro altri schermidori ma contro gli Innaturi, esseri scaturiti da favole e leggende. L’Autore doveva necessariamente essere allievo di un Trattatista che conoscevo bene per poterne ricalcare le tecniche di combattimento: ecco quindi il bolognese Johanni della Viverna, divenuto Maestro d’Arme sotto la guidae del celebre Giovanni Dalle Agocchie.
Parliamo di mostri: ogni creatura richiede le sue armi e le sue tecniche. Facci degli esempi…
Avendo indicato il rigore per le fonti storiche come un attributo qualitativo, credo sia lecito non inventare nulla ma, appunto, citare qualcuno più autorevole di me.
Il primo esempio che mi viene in mente è tratto da “Guerrino detto il Meschino” un eroe popolare del Basso Medioevo, nato dalla penna di Andrea da Barberino nel 1473. Si tratta di un guerriero che si è fatto da sé, ignora di possedere nobili natali e ha deciso di farsi strada nella vita apprendendo l’arte della spada. Tra le innumerevoli avventure (di cui consiglio la lettura) si trova anche lui a dover affrontare un Innaturo. E’ descritto come un “gran verme” ma in seguito si apprende che doveva avere due o quattro zampe artigliate.

Prossimo al combattimento, Guerrino fa qualcosa di assolutamente naturale per chi è ormai un veterano del combattimento: valuta una Strategia. Il pensiero di ogni Schermidore deve essere Fluido. Non carica con il cavallo e la lancia in resta, azione potente ma inutile contro un avversario estremamente rapido e dal corpo serpentino. Guai se schivasse la lancia e, in un batter d’occhio, fosse padrone dello scontro. Spada e scudo sono e restano i compagni ottimali per difendere e offendere con perizia, specie un essere di manifesta forza. Si tratta di una coppia d’arme che denota anche prudenza, Guerrino ancora non conosce appieno tutte le risorse del nemico.
Di nuovo un cambio di strategia, necessario vista l’abilità del nemico. Al Guerrino è bastato pochissimo per valutare le capacità dell’Innaturo rispetto alla scelta delle armi. Lasciata spada e scudo rotella, armi troppo lente e facilmente afferrabili, afferra il pugnale che ogni cavaliere porta con sé (forse la celebre misericordiae) e, giunto a stretto contatto, colpisce dove le scaglie si sono allargate per il movimento del corpo, affondando l’arma corta in un punto vitale dell’avversario.

…e se una normale lama non bastasse? Cosa propone il manuale di “magico”?
Quando ho iniziato la stesura del manuale ho ripensato all’esperienza de “Il Combattimento Storico da Strada” e di tutte le strane soluzioni che propone (lanci di cappe, di sostanze, accecamenti, false cadute etc etc…), ho anche riflettuto sul fatto che uno schermidore non si sarebbe affidato solo alla lama. L’idea di inserire la magia però non mi convinceva, forse per la vecchia dicotomia Guerriero-Mago di Dungeons & Dragons che mi porto dietro da trent’anni esatti.
Come sempre mi sono affidato alle fonti storiche, cercando qualsiasi soluzione Alchemica che però derivasse da un vero trattato storico e che un lettore curioso potesse consultare. Ecco quindi “Opera” di Alchimia di Giovanbattista Birelli, il “Magiae naturalis sive de miraculis rerum naturalium” di Giovanni Battista della Porta, ho attinto a piene mani dai “De’ capricci medicinali” di Leonardo fioravanti e altri testi ancora.
Sarebbe stato più facile inventare di sana pianta una serie di soluzioni fantasiose, più spettacolaristiche e meno “rustiche”, ma credo sia anche affascinante “lavorare” imponendosi regole e “paletti” da non superare.
Curiosamente, o forse no, è stata la Ricerca Storica che ha portato in evidenza il Fantastico e il Magico. Allo stesso modo, quasi tutti i mostri del libro provengono da testi storici o da trattati, primo fra tutti il “Compendio dell’arte essorcistica” di Girolamo Menghi. Questo assieme di risorse aumenta le abilità del Cacciatore di Mostri, li conferisce una serie di soluzioni per limitare le forze nemiche, ma anche per celare la propria identità e stordire eventuali testimoni al pari di un “Man in Black” rinascimentale.
Occorre fare un esempio di come si applichino certe sostanze.
Mi viene in mente il caso delle Streghe che presidiano pozzi o piccoli stagni. Si tratta dello spauracchio che le madri utilizzavano tempo fa per spaventare i bambini: se si fossero avvicinati troppo al pozzo il mostro li avrebbe presi e portati via. Uno stratagemma pedagogico rurale per chi deve lavorare duramente la terra tenendosi vicino i bambini, che di certo all’epoca non avevano un asilo o altre strutture in cui stare.
La Marabecca siciliana, come la Jenny Dentiverdi inglese, la Bourda emiliano-romagnola o la Janara di Benevento, attende in prossimità di una cisterna. In questo caso il buon Johanni della Viverna avrebbe pronta una buona ronca dall’asta lunga, ottima per colpire a buona distanza, ma si sarebbe ben guardato da scendere nell’elemento di elezione dell’Innaturo. Ecco quindi una buona “mistura che arda sott’acqua” dal trattato di Alchimia Giovanni Battista della Porta, quando questa sorta di fuoco greco avrà incendiato parte dello specchio d’acqua la Strega dovrà salire in superficie per fuggire le fiamme, senza sapere che la via di scampo le è stata accuratamente preparata. A questo punto ci si affiderà all’abilità dello Schermidore con la ronca per ripulire la zona dal minaccioso Innaturo…
Certo, tutto questo darsi da fare può attirare l’attenzione di testimoni, ma sempre il Birelli offre una soluzione con un composto “A far che le persone facilmente escano di sentimento, che paiano pazzi”, e così anche se raccontano ciò che hanno visto alla Loggia della Mercanzia, in Piazza Maggiore o agli uomini del Bargello nessuno gli crederà.
La serie di The Witcher sta per uscire: dai filmati del gioco e le scene di combattimento della serie già uscite, cosa possiamo dire dello stile di combattimento dello Strigo, riferito agli stili storici e ai mostri che egli affronta?
Devo premettere che di The Witcher io so pochissimo. Ricordo di aver installato il gioco, visto l’animazione iniziale con l’amico che me lo regalò e aver giocato tipo 5-10 minuti notando positivamente che permetteva di cambiare la guardia del personaggio. Di lì a poco nacque mia figlia e addio Strigi, Streghe e altro, dovevo gettarmi nella battaglia delle notti insonni, affrontare orde di rigurgiti e debellare pannolini. Non ho ancora letto i romanzi e quando me lo segnalarono dopo l’uscita del libro mi scoprii estremamente ignorante.
Rispetto ai bellissimi filmati che ho visto online, lo stile scelto per Geralt di Rivia consiste in colpi ampi, grandi “caricamenti” con l’arma alzata fin sopra la testa e lame che proseguono il movimento fino a terra. Il corpo ruota completamente esponendo la schiena all’avversario, spesso vortica per eseguire una sequenza di colpi continui, in alcuni casi per aumentare la potenza d’impatto Geralt esegue attacchi dopo un balzo per aggiungere spinta e peso del colpo alla forza cinetica del taglio. Il tutto contro mostri grandi e grossi, e quindi bersagli ben definiti su cui sferrare Colpi Finiti, ossia a piena potenza e senza possibilità di cambiare il percorso dell’arma. Quando deve affrontare gli uomini non mancano calci, pugni e spallate per alternare le azioni della spada, oltre a del sano combattimento corpo a corpo e un buon utilizzo del pugnale con colpi di punta alla gola o sotto l’ascella, quindi in un punto non protetto.
Tutto questo corrisponde alle necessità di spettacolarizzazione del prodotto ludico, in cui lo spettatore deve poter godere dell’intera dinamica dell’arma, essere copartecipe del movimento e della potenza dei colpi. Rispetto a queste logiche consiglio “the Game” di Baricco, che descrive in maniera perfetta il rapporto che si sviluppa tra lo strumento ludico e il corpo del giocatore.
La Scherma Storica, ovviamente, è qualcosa di completamente diverso: non si espone mai la schiena all’avversario, non si tentano “scivolamenti” o spallate, niente pugni e calci perché occorre sempre gestire la distanza rispetto all’avversario. I colpi devono essere misurati: i caricamenti inutili sono da escludere, nel momento in cui si va a sollevare le braccia per aumentare la potenza d’impatto un avversario può colpire proprio gli arti, inoltre colpi troppo telefonati fanno esporre a contro-tecniche brevi e rapide, spesso proprio alla mano di chi sferra il taglio che di per sé ha il vantaggio della potenza ma lo svantaggio della lentezza. Ogni tanto Geralt ha infatti il buonsenso di infilare una punta rapida nella gola o nel petto degli avversari. C’è anche da dire che le finte, che richiedono falsi colpi e non Colpi Finiti, sono alla base della scherma e potrebbero non essere ben comprese dallo spettatore all’interno di un combattimento concitato
In un vero combattimento si predilige l’economia di energie, i mezzi colpi, gli arretramenti e gli scarti laterali, le finte etc etc… non è così lineare come in The Witcher, in Berserk, nella serie Gundam Iron Blooded Orphans o nei vari film di Star Wars. E tuttavia lo stile di questo tipo di prodotti, così come è stato per l’ottima scherma rievocativa dei re-enactors, non è da disprezzare in quanto contribuisce fortemente alla narrazione, alla trasposizione dello spettatore all’interno della dinamica di combattimento. Si “racconta” del personaggio anche attraverso il suo corpo e il suo modo di combattere, se ne avverte la tensione, si accusano i colpi che subisce e si gode della raggiunta vittoria.
Aggiungo un dettaglio, e forse una profezia.
Sono certo che prima o poi salteranno fuori corsi di “Scherma Witcher” o “Scherma Strigoi” (o con altri nomi onde evitare problemi di copyright) come è accaduto per la Scherma Jedi che si sta affermando come disciplina in ogni parte del mondo. Premetto che un qualsiasi schermidore storico, con almeno un paio d’anni di esperienza di combattimento, non avrebbe problemi a vincere un confronto con questo tipo di appassionati, ma non è assolutamente questo il punto.
Credo che qualsiasi Storia (perché è quella la leva fondamentale!) faccia uscire di casa un ragazzo o una ragazza, staccandolo da una console o dallo smartphone, in modo che stia con altri ragazzi, gli permetta di fare movimento fisico e intraprendere un percorso anche minimamente marziale, non possa che essere una cosa positiva. Fosse pure volteggiare in salto con la spada dello Strigo (ma perché la tiene sulla schiena?) o ruzzolare con una spada laser. E magari andarsi a bere una birra insieme dopo gli allenamenti! Chiaramente, un vero percorso di scherma storica sarebbe consigliabile, anche per suscitare maggior passione per lo studio, la storia e la cultura. Tuttavia non va assolutamente sottovalutato il valore umano e sociale che un qualsiasi corso di Scherma per Cacciatori di Mostri può avere.
Sorge però un interrogativo: chi sarebbe il ”Maestro” di questi corsi? Chi diventerebbe il riferimento sportivo, ma anche morale, di questi ragazzi forse troppo manipolabili? Magari un furbetto che vuole fare del denaro, meglio se con la barba imbiancata, i modi dell’uomo vissuto e il carisma del mentore misterioso. Non ci sarebbe nulla di strano visto il proliferare di Maestri improvvisati e Guru della Scherma Storica di oltre vent’anni fa, quando questa disciplina e la rievocazione storica muovevano assieme i primi passi, con tutte le conseguenti e disastrose ricadute. E questo è forse l’unico elemento preoccupante dei futuri corsi da Strigo o AmmazzaDraghi. Per diventare Istruttori di scherma storica o moderna ci sono dei percorsi, è richiesto rigore, anche morale, la capacità di trasmettere correttezza e non furbizia, controllo e non violenza.
L’attributo necessario, forse, andrebbe ricercato nell’ossatura di figure eroiche come Geralt. Se la Storia genera una disciplina, allora la direttiva morale del Personaggio può far comprendere il tipo di Maestro da cercare.
Grazie ancora per l’intervista. Trovate qui il sito di Jari con le sue opere. E voi lettori, se vi è piaciuto l’articolo date un’occhiata anche a quelli qui sotto
❚ 5 falsi miti sulla spada medievale
❚ Affondo vs fendente – La fisica in 7 punti – Battle Science III
❚ 5 errori sulle armature in Dungeons & Dragons
Articolo originale: http://www.profmarrelli.it/2019/12/18/jari-lanzoni-cacciatore-mostri-witcher/

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il prof. Marrelli su facebook e su ludomedia.  
Read more...

5 Criminali da Catturare

Articolo di J.R. Zambrano del 21 Maggio
I criminali sono codardi e superstiziosi, ma possono essere degli ottimi ostacoli, avversari, e persino possibili alleati per avventure di tutti gli allineamenti. Che nascondano un cuore d'oro commettendo crimini per ragioni altruistiche, o usino le loro attività criminose per un guadagno personale (a discapito della società), qui troviamo cinque criminali che saranno una buona aggiunta a qualsiasi partita.
Il Ladro di Gioielli

Crenth Teablossom è un halfling che apprezza le cose più raffinate nella vita. Crenth è un professionista consumato, un ladro di gioielli orgoglioso della sua abilità di sedurre le sue potenziali vittime e farle flirtare col pericolo e il furto, di solito il suo furto dei loro gioielli. Crenth non fa discriminazioni per quel che riguarda i suoi bersagli: sesso, età, persino la specie non sembrano contare per lui, solo che la vittima sia ricca e in possesso di gemme uniche. Di solito le sue storie romantiche finiscono in disastro, ma Crenth è ossessionato dalla sfida di riuscire in un'impresa, e potrebbe aiutare gli eroi che a loro volta vogliano aiutarlo nella sua ricerca della prossima gemma leggendaria.
O potrebbe comparire per complicare la situazione attirando attenzioni indesiderate o rubando il gioiello di un PNG da cui i giocatori hanno bisogno di qualcosa. Questo darà loro un compito semplice da completare, riportare il gioiello rubato per avere ciò di cui necessitano.
Il Capo della Banda

Jenny la Sorridente è una Dragonide cresciuta nei quartieri poveri di una grande città portuale. Da giovane era una lottatrice famosa negli incontri clandestini sulle banchine, e successivamente ha usato i suoi muscoli e la sua considerevole astuzia per prendere il controllo delle Manticore, una banda con le mani in pasta ovunque: dalle estorsioni al contrabbando fino alle minacce occasionali. Jenny sa che la sua è una banda di duri e spesso questo procura loro lavori extra come scagnozzi, ma, per quel che riguarda il porto, non c'è nessuno più tosto o che ne sappia più di Jenny la Sorridente.
Potrà dimostrare di essere un contatto utile, o potrebbe anche mettersi sulle tracce degli avventurieri che stanno causando problemi nel suo porto. Gli avventurieri potrebbero doversi scontrare con alcuni dei suoi uomini prima che Jenny arrivi e gli dimostri come ha guadagnato il suo soprannome.
L'Esattore delle Tasse

Orvald Tiberius Veng è un umano che lavora per il Magistrato locale ed ha il compito, teoricamente, di raccogliere le tasse da coloro che devono dare la loro giusta quota ai governanti della città. Ma Veng non si comporta equamente con tutti e tende a riscuotere i soldi solo da coloro che non possono permettersi di dargli una mazzetta per chiudere un occhio. Ciò significa che raccoglie le tasse solo dei poveri e degli indifesi, e quando non possono pagare ci sono sempre le segrete del Magistrato locale ad aspettarli. Naturalmente Veng ha in pugno il Magistrato e finché l'argento continua a scorrere nessuno di importante si farà avanti per fare qualcosa riguardo le attività di Veng.
Il Borsaiolo

Surlo Roth non ha mai avuto un colpo di fortuna in vita sua. Quando distribuirono i destini, quello di Surlo andò perso nella posta a languire in qualche ufficio per le lettere dimenticate e alla fine fu rispedito al destinatario. Surlo è una ladra esperta, possiede le mani più leste che abbiate mai visto, ma non riesce a controllarsi. Quando si annoia le sue mani cominciano a prudere, e quando ciò accade non si sa mai da chi proverà a rubare. Una volta rubò l'amuleto dell'Alto Sacerdote di Pelor e fu maledetta a risplendere come il sole per i tre giorni successivi. Un'altra volta rubò il pugnale preferito del Maestro della Gilda dei ladri. C'è una ragione se non è mai durata più di una settimana, due al massimo, in una gilda.
Se ruberà dai PG, non si può sapere in quale guaio si caccerà. O magari ha rubato qualcosa ed ha bisogno del loro aiuto per rimetterla a posto prima che qualcuno se ne accorga.
L'Ombra

Arlin Drast è un kenku che vive secondo il principio: "se non ti vedono, non sei mai stato lì". Usa le sue considerevoli abilità di furtività e imitazione per infiltrarsi praticamente ovunque. Conosciuto tra i circoli della criminalità come la persona con cui parlare quando si vuole sapere qualcosa, Drast si è infiltrato anche nei luoghi considerati più sicuri e non c'è informazione che si salvi da lui. Può infiltrarsi ovunque, imitare chiunque, e ciò è quello che lo ha fatto finire nei guai questa volta.
È venuto a conoscenza di un complotto ai danni del duca, ed ora degli assassini lo vogliono morto. I PG possono aiutarlo, ma dovranno essere più furtivi dell'Ombra stessa.
Usate uno di questi PNG la prossima volta che avete bisogno di dare una sfumatura poliziesca ad una delle vostre partite. Buone Avventure!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/05/dd-five-criminals-in-need-of-catching.html
Read more...

Anteprima Mythic Odysseys of Theros #2 - Il Sommario e alcuni Mostri Mitici

Come molti di voi già sapranno, Mythic Odysseys of Theros sarà il prossimo supplemento ufficiale in arrivo per D&D 5e, la cui nuova data di uscita è il 21 Luglio 2020 dopo il recente rinvio causato dal coronavirus. Visto che, tuttavia, la versione digitale del manuale uscirà ugualmente il 2 Giugno 2020 su servizi quali D&D Beyond, Fantasy Grounds e Roll 20, la WotC ha deciso di rilasciare in questi giorni alcune anteprime: il Sommario e alcuni Mostri Mitici (ovvero mostri dotati di capacità particolari dette Azioni Mitiche).
Potete trovare maggiori informazioni sul contenuto di Mythic Odysseys of Theros nei seguenti nostri articoli:
❚ L'annuncio ufficiale di Mythic Odysseys of Theros
❚ 16 ulteriori dettagli su Theros
❚ Regole per i Mostri Mitici dal manuale di Theros
❚ Anteprima Mythic Odysseys of Theros #1 - Contenuti vari da Fantasy Grounds
Ecco qui di seguito, invece, le anteprime (per ingrandire le immagini, cliccate su di esse):




Read more...

Quella volta in cui i giochi salvarono il mondo

Articolo di Talien del 22 Maggio
Erodoto a suo tempo scrisse di come, durante un periodo di grandi difficoltà, una intera nazione sopravvisse grazie ai giochi. I giochi di ruolo da tavolo potrebbero svolgere una funzione analoga in questo periodo di pandemia.

Quella volta che i giochi salvarono la Lidia
Nel libro introduttivo de Le Storie Erodoto scrisse
Re Ati essenzialmente usò dei giochi come metodo per far distrarre i suoi sudditi dalle difficoltà, di modo che le razioni potessero durare più a lungo e che la carestia risultasse più tollerabile. E fecero così per 18 anni! Jane McGonigal, autrice di Reality is Broken: Why Games Make Us Better and How They Can Change the World, ci spiega come questo si potrebbe applicare ai giochi moderni:
Gli effetti benefici dei giochi di ruolo sono ben noti ai giocatori; durante un periodo come questo, Dungeons & Dragons e gli altri GdR da tavolo sono particolarmente adatti a queste forme di escapismo positivo dalla pandemia.
Come prosperano le campagne di GdR
Dungeons & Dragons in origine prosperava nei campus universitari, dove si trovava un mistico mix di giocatori, limiti di spostamento e tempo libero. Man mano che D&D divenne sempre più popolare questi tre fattori iniziarono ad applicarsi anche ai licei e alle basi militari.
Giocatori: D&D solitamente richiede un gruppo di propri pari con cui giocare. Anche se era possibile giocare con i propri fratelli e sorelle o con altri membri della propria famiglia, una fonte costante di giocatori della propria età era la situazione ideale. Dovevano poter essere disponibili a giocare per lunghi periodi di tempo (quattro ore o più) e partecipare ripetutamente a sessioni costanti nel tempo. I campus delle università, i quartieri nei pressi delle scuole superiori e le basi militari fornivano una popolazione adeguata di giocatori.
Limiti di spostamento: un fattore importante per l'accesso ai giocatori era che non avessero altri posti dove andare. Gli studenti dei licei e delle università e, in misura minore, gli adulti delle basi militari sono spesso confinati nello stesso luogo per mesi o anche anni. Questo permette ai mondi delle campagne di svilupparsi, se lo si vuole.
Tempo libero: i giocatori che hanno altre opzioni di intrattenimento saranno attirati facilmente a fare altro. Negli anni '70 e '80 la televisione e i videogiochi erano sempre più dominanti, ma non quanto Internet lo è al giorno d'oggi. I giocatori meno interessati alle altre forme di socializzazione (come le feste) erano più inclini a cercare un gruppo di giocatori di ruolo come forma di socializzazione. E naturalmente avere un lavoro quotidiano estremamente irregimentato, limitante o addirittura non averne proprio uno aiutava in tal senso.
Man mano che gli anni sono passati questi fattori sono cambiati. I giocatori sono diventati più anziani, i limiti di spostamento sono diventati meno problematici, ma è diventato più difficile per gli adulti trovare dei nuovi giocatori. E naturalmente il tempo libero si è ridotto; non tanto per le responsabilità degli adulti, ma anche per via della presenza di ulteriori opzioni di intrattenimento che competono per il tempo e l'attenzione dei giocatori. Visti i limiti particolari della pandemia questi tre fattori sono tornati improvvisamente di voga.
"Bloccati" a casa con la propria immaginazione
Con così tanti giocatori e DM bloccati nelle proprie case i limiti di spostamento sono stati reimposti. Un gran numero di giocatori non possono andare da nessuna parte e con questi limiti ci sono meno opzioni di intrattenimento che competono per la loro attenzione. Hanno potenzialmente anche più tempo libero, visto che sono incrementati i licenziamenti e le licenze, gli spostamenti per lavoro sono ridotti e molti adulti altrimenti molto impegnati hanno scoperto che varie delle loro responsabilità si sono ridotte significativamente grazie al lavoro o all'insegnamento da remoto.
Grazie ad Internet il gioco online si è impennato:
E il gioco aiuta in un altro modo, fornendoci una via di fuga virtuale dal mondo fisico:
Fortunatamente questa pandemia non dovrebbe durare tanto quando la carestia che afflisse il popolo della Lidia. Ma nel frattempo stiamo seguendo un'antica ed onorata tradizione ben nota anche agli antichi Greci: quando si devono affrontare tempi difficili un po' di escapismo aiuta molto.
Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/threads/when-gaming-saved-the-world.672289/
Read more...

Role Playing June

Il sito Comicon, in collaborazione con le più importati realtà del mondo del gioco di ruolo in Italia, ha organizzato per il mese di Giugno una grande iniziativa virtuale chiamata RPJ - Role Playing June, la quale vedrà i giocatori cimentarsi su Discord in one shot per moltissimi dei giochi di ruolo attualmente pubblicati in Italia. Sarà possibile sia partecipare come giocatori, che essere semplici spettatori.

Entriamo più nel dettaglio leggendo direttamente l'annuncio per RPJ.
Tratto dalla pagina di Role Playing June
Per partecipare agli eventi giornalieri andate nella pagina dedicata a ROLE PLAYING JUNE e cliccate giorno per giorno sui link che trovate nel calendario degli eventi. Noi di Dragon's Lair non possiamo che consigliarvi di presenziare assiduamente in modo da poter dare un'occhiata a tantissimi gdr e al modo in cui vengono giocati.
Buone Avventure (in Remoto)!
Read more...
Bomba

Capitolo Otto - Sulle orme dei draghi

Recommended Posts

Bjorn Skaldsson (Kalashtar Ardente)

Il guerriero continuò a guardarsi intorno circospetto mentre i suoi compagni si svegliano, ancora insospettito dalla voce che aveva sentito durante il suo turno di guardia. Aveva provato a cercarla attorno a sé, ma aveva ottenuto scarsissimi risultati: aveva optato per tornare nell'accampamento, pur senza avvicinarsi a Seline e Celeste, rimaste sveglie nonostante la sua offerta di lasciarle dormire. Non so cosa si stiano dicendo, ma ci sarà un motivo per cui non mi hanno invitato. E, soprattutto, vorrei evitare che dei predoni ci attacchino a sorpresa durante il mio turno di guardia. 

Quando ormai il sole si stava sollevando all'orizzonte venne raggiunto proprio dalle due ragazze, che gli rivelavano di aver sentito anche loro quella strana voce. Allora non era semplicemente nella mia testa! L'ho sentita anch'io. Ne parlerò con gli altri, non possiamo ignorarla. Disse rassicurando le due ragazze, ancora incerto su quel misterioso messaggio. Sembrava tanto una trappola, ma cercare di evitarla non avrebbe comunque giocato a loro favore: chiunque gliela avesse tesa conosceva il loro obiettivo, avrebbe potuto approfittarne in altri modi. 

Si raccolse assieme agli altri attorno al fuoco per fare una rapida colazione, usando la sua sacca magica per non intaccare le razioni del gruppo. Il drago fu il primo a parlare, introducendo l'argomento che il guerriero del Nord stava per affrontare. Dovremmo valutare attentamente il nostro itinerario. Disse rivolgendosi ai suoi compagni dopo le parole del drago, fermando Clint prima che sellasse il suo cavallo. Questa notte, durante il mio turno di guardia, qualcuno è riuscito ad avvicinarsi a noi senza farsi vedere o sentire. Non mi ha attaccato e non si è palesato: mi ha semplicemente detto di passare vicino ad un luogo chiamato Roccaferma, in cui ci attende un dono sotto una roccia segnata. Spiegò Bjorn ai suoi compagni, senza nominare Seline e Celeste: non voleva che screditassero quella affermazione solamente per i sospetti che nutrivano nei confronti delle due. Son consapevole che potrebbe trattarsi di una trappola, ma sarei pronto a correre il rischio. Quella creatura conosce la nostra meta: preferisco affrontarla direttamente e risolvere il problema che averci a che fare più tardi, magari in una situazione critica. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Clint Connor

"Mmhhhh?", intervenne Clint, "sicuro di non esserti assopito ed essertelo sognato, Bjorn? Mi sorprenderebbe anche solo il fatto che tu non avessi cercato di individuare l'origine della voce, lasciandoci poi continuare a dormire...".

Share this post


Link to post
Share on other sites

DM

L'esposizione di Bjorn, alla luce della conversazione di Seline e Celeste, attirò l'attenzione di Emercuryadar Ho presente il punto disse il drago Possiamo attardarci, se lo ritenete opportuno, oppure no se avete timore di un'imboscata, ma come in ogni buona democrazia dovrete decidere a maggioranza. Io mi asterrò, per permettervi di avere numero dispari esclamò, prima di riprendere la sua forma usuale. Il nitrito spaventato dei cavalli fu accolto con una smorfia dal drago d'argento, che con una spinta delle poderose zampe si riproiettò in cielo Mi assicurerò che dall'alto non giungano problemi... poi se vediamo Plathonirax tanto meglio! disse rivolto in basso, prima di iniziare a solcare il cielo in direzione di Cima Ruggine.

Sellati i cavalli, che guardarono afflitti prima l'area poi i propri cavalieri, il gruppetto ripartì. Il sole ostentò la sua presenza quel giorno, con buona pace però dei cavalieri che sapevano di non essere nella peggiore stagione dell'anno. Gli eroi potevano percepire l'atmosfera di quella landa sconfinata e piena di sorprese. L'inverno alle porte sembrava comunque aver ridotto i pericoli della fauna locale, cui pochi rappresentanti si fecero avanti. Uno dei momenti più emozionanti quella giornata avvenne quando un grosso serpente sbucò da una tana nel terreno, facendo impennare il cavallo di Ariabel. Clint abbattè rapidamente il velenoso aggressore, ligio al suo dovere.

x Celeste

Spoiler

Ascoltare +7+19=26

Osservare +7+3=10

x Clint

Spoiler

Ascoltare +14+12=26

Osservare +14+4=18

Fu dopo l'ora di pranzo, dopo aver mangiato qualcosa in fretta, che Celeste e Clint udirono l'inconfondibile verso degli avvolto in cielo. Incuriositi, i due si avvicinarono al punto da cui proveniva facendo una particolare scoperta. Quando tutti furono riuniti, e gli avvoltoi fuggiti alla vista di Emercuryadar, i sette poterono tutti vedere il cadavere trovato dagli esploratori. Di ciò che un tempo doveva essere un vivente, erano rimaste solo le grandi ossa con ben poca carne ancora da offrire per gli ingordi mangiacarogne. Ciò che però balzò subito all'occhio degli osservatori furono le dimensioni dello scheletro, alto almeno una ventina di centimetri in più di Bjorn, che era un gran pezzo d'uomo. Se l'identità di quel colosso era sconosciuta, i suoi averi sembravano assai miseri. Un paio di braghe di tela sdrucite e strappate, una shemagh in cotone grigio e una borsa a tracolla. Il contenuto però sembrava essere stato depredato e la borsa era stata squarciata. Il defunto non sembrava aver più nulla da dare al mondo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Clint Connor

Clint si premuró di accertarsi della condizione di Ariabel, dopo l'incidente del serpente, scusandosi per essere stato tanto lento nel reagire e decidendo di continuare la cavalcata a guardia ancora più alta. Sentiva su di sé la responsabilità non solo per l'incolumità di Ariabel, ma anche per quella di Chandra. Inoltre, nonostante i problemi degli ultimi giorni, le acclarate capacità di Celeste e la presenza di Bjorn, l'educazione autoimposta dell'adepto lo faceva sentire in obbligo anche verso ľelocatrice e verso Seline, per le quali, però, di certo, la guardia del gigante del Nord era una buona garanzia ulteriore. 

Ed a proposito di figure massicce, il ritrovamento dello scheletro attrasse oltremodo l'attenzione di Clint, che, secchione una volta, secchione per sempre, si mise a studiare i resti con accademica curiosità. 

Si concentrò soprattutto sulla ricerca di eventuali litodermi ossei, nel dubbio che fosse un Goliath, visto ciò che sapevano sulla popolazione autoctona.

DM

Spoiler

Conoscenze (Natura, Geografia) +13, Cercare/Osservare +14.

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ariabel 

Di nuovo splendida e glabra Ariabel si godeva la cavalcata senza troppi pensieri sul futuro risparmiando le forze per quando sarebbe stato necessario un suo intervento attivo.

Forse per questo non si accorse del serpente e dovette tenersi stretta a Kantor per evitare la disarcionasse: Clint grazie disse sinceramente colpita, sei davvero prezioso.

Dopo quel contrattempo ella tornò vigile e si ripropose di procurare qualcosa per cena

Xdm

Spoiler

Tutti i giorni provo sopravvivenza  (0) per cacciare e quando non rotte recupero le freccie usate.

 

Edited by shadizar

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bjorn Skaldsson (Kalashtar Ardente)

Ne sono certo. Ho provato a cercare la fonte, non ho trovato nulla. Spiegò il guerriero a Clint, che dubitava delle sue parole. Effettivamente non posso biasimarlo, è parecchio strano anche per me che ci ho assistito. E, soprattutto, non è possibile che sia un mio sogno. Non ne ho mai avuti in tutta la mia vita. Concluse mentre il volto veniva coperto da un'ombra di tristezza. 

Durante il viaggio scelse una posizione simile a quella del giorno precedente, in modo da tenere sott'occhio Celeste mentre rimaneva al fianco di Seline. Lanciò un paio di sguardi alla ragazza per capire se fosse il caso di chiederle di cosa avesse discusso la sera precedente. Forse non farei altro che mostrarmi sospettoso. E non voglio che Seline pensi che io non mi fidi di lei. Poco dopo l'ora di pranzo arrivarono vicini ad un enorme cadavere, più alto persino del guerriero. Ormai era irriconoscibile, ma Bjorn non poté che pensare ad uno di quegli strani umani nominati dal drago d'argento prima della loro partenza. Di certo non è un gigante. A meno che non sia un gigante affetto da nanismo. Il corpo era stato spogliato di ogni bene, provando che non si trattava semplicemente di una vittima della natura. Da quanto tempo pensiate sia morto? Chiese infine ai suoi compagni.

Master

Spoiler

Durante il viaggio faccio prove di Ascoltare +9 e Osservare +5. Inoltre non ho problemi con le razioni grazie alle Everlasting Ration (a Bjorn serve solo dell'acqua).

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Edriust

Ariabel

Si girò verso il suo interlocutore con fare curioso, era immerso nei suoi pensieri e non si era accorto di essere stato avvicinato. Portò la mano sinistra al simil basco che aveva in testa e fece un cenno del capo in risposta al suo saluto. 

La mia presenza qui è stata piuttosto fortuita. Il mio girovagare si è interrotto con l'incontro con Vedrà che ha chiesto i miei servigi. Non sono votato a un bene collettivo o alla salvezza del mondo, ma più alla conoscenza di me stesso e di quello che potrebbe succedermi. Una collezione di ricordi, storie e vicende che riempiranno la mia memoria quando non potrò più fare tutto quello che faccio ora. 

Salí sul suo cavallo per proseguire il viaggio, aspettando che lo facesse anche Ariabel, nel caso volesse continuare e approfondire il discorso.

Il serpente è le ossa per la strada resero la giornata decisamente più interessante rispetto a quella precedente. Sapere di chi si trattava potrebbe essere davvero utile. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Clint Connor

Mentre studiava i resti umanoidi, Clint si trovò a ripensare alle parole di Bjorn: benché lui stesso temesse un inganno ed un pericolo, il discorso del Nordico poteva quasi avere senso. Però, un dubbio lo tormentava, per cui prese da parte il gigante biondo per condividerlo con lui:

Bjorn

Spoiler

"E se... non vorrei sembrarti eccessivamente paranoico, ma... e se questa voce e questo dono fossero connessi alla maledizione di Celeste? Continuiamo a non saperne nulla e né Tonum, né Celeste stessa sono stati granché eloquenti al riguardo. Bisognerà prestare particolare attenzione, nel caso...".

 

Edited by Ghal Maraz

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ariabel con Eldriust

Spoiler

E così sei un collezionista seriale di ricordi ed emozioni?  Chiese Ariabel proseguendo la sua cavalcata  con Eldriust,  è interessante e poetico ma mi sfugge di che cosa campi. Insomma cosa pensi di guadagnare da questa impresa se non ti interessano la salvezza dei tuoi cari o la fede al regno? E scusa la franchezza, ma come possiamo fare affidamento su di te se il nemico ti propone qualcosa di più eccitante e curioso e tu decidi di accettare?  

 

Edited by shadizar

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chandra 

Dopo la chiacchierata notturna con Emercuryadar sulle usanze sessuali degli umani ed avergli spiegato la magia che permeava l'oggetto un grado di far riprodurre due donne, l'attenziine di Chandra fu catturata dal racconto di Bjorn sulla voce che suggeriva un percorso alternativo. 

La curiosità della barda era spesso superiore al suo buonsenso quindi non si fece pregare per variare il tragitto ed andare a vedere dive quelle parole l'avrebbero condotta. 

 

Il ritrovamento del cadavere spolpato dai rapaci fu una macabra scoperta e Chandra lasciò i rilievi del caso a Clint guardandosi intorno per vedere se cu fosse qualche traccia fresca o segni di lotta

Spoiler

+3 cercare, +11 ascoltare se servono. Conoscenze arcane e sapienza magica +15 se ci dovesse essere magia in giro. Per le provviste sono autosufficiente con gli oggetti magici. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ariabel per tutti

Ma come è giunta questa voce? Ti ha sussurrato nelle orecchie o l'hai sentita direttamente nella testa?

Non sono una grande esperta. Seline forse tu conosci la differenza e chi sarebbe in grado di produrre certi effetti? Io ad esempio potrei inviare dei messaggi a breve distanza ma non sarei capace di farli provenire da dentro.

Inoltre non ci hai detto se era la voce di un uomo o di donna, accenti? Inflessioni particolari?

Tutto questo chiese l elfa mentre gli altri erano intenti ad osservare i resti di quello che poteva essere un Goliath o un mezzogigante.

Nessun altro ha sentito niente? Io probabilmente a quell' ora ero sveglia, lo sono sempre di solito ma non ho notato nulla di strano.

In quanto a ciò che ti è stato chiesto invece, non posso escludere che si sia trattato di un sogno ad occhi aperti ma se andiamo a vedere cosa c'è in quel luogo dovremmo toglierci ogni dubbio e scoprire anche se abbiamo un altro nemico o un nuovo alleato. Ovviamente prenderemo le nostre precauzioni. Io ad esempio vorrei arrivare sul luogo dall' ' alto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seline

Il tragitto riprese e Seline era convinta a proseguire attraverso la deviazione indicata dalla voce, appoggiando così la decisione di Bjorn, come stava facendo la maggior parte del gruppo. Non aggiunge parole a quella conversazione, si poteva leggere chiaramente dalla propria espressione e dal suo annuire alle parole del nordico che aveva già preso la sua scelta.
Il viaggio ebbe un piccolo intoppo con un serpente che cercò di attaccare Ariabel, prontamente difesa da Clint e dal cadavere di un umanoide alquanto alto, perfino più di Bjorn. Gli occhi scarlatti della tiefling si posarono su ciò che rimaneva di quel corpo e ancora una volta non ebbe niente da proferire, ma semplicemente osservarsi meglio nei dintorni.
Jackpit, stai allerta..
Agli ordini mia signora!

Spoiler

Osservare +7
Ascoltare +9

La sua particolare attenzione per ciò che la circonda viene a mancare quando sente le parole di Ariabel. Lo sguardo va ad inquadrarla per qualche istante, indecisa sulla risposta da dare, prima di proseguire.
Beh quella voce l'ho sentita anche io, ma non le ho dato peso fino a quando Bjorn non ha accennato la stessa cosa.
Proferisce la stregona, riflettendo qualche istante.
Può aver utilizzato un semplice trucchetto, ma ammetto che quella voce è entrata nella mia testa mentre stavo dormendo.
Mormora per cercare di trovare una possibile soluzione, cercando allo stesso modo di escludere totalmente la possibilità che si tratti di quell'entità che ha visto molto tempo fa e di cui, attualmente, non ha avuto più contatti.
Non credo sia lui Seline.. Ha parlato anche a Bjorn e pure a Celeste.. Che senso avrebbe?
In effetti hai ragione..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Celeste(Umana Elocatrice) 

Ehm... Ecco anche io sarei per dirigermi verso la deviazione. Magari potrebbe essere qualcosa a cui sarebbe meglio fare attenzione subito. Quindi... Ecco... Disse l'elocatrice toccandosi rispettivamente i due diti indici imbarazzata. Anche io, Ariabel, ho sentito quella voce... Si potrebbe escogitare qualcosa in merito per precauzione. 

Quando il viaggio riprese la ragazza dai capelli bianchi e Clint vennero attirati da un insolita cerchia di avvoltoi, spaventatati successivamente da Emercuyadar. Il ritrovamento rattristò la ragazza. Un i resti scheletrici di un cadavere, piuttosto massiccio, erano stati lasciati lì come immondizia. La ragazza raccolse le mani e le portò dinanzi alla bocca, chiudendo gli occhi. Divini... Guidate quest'anima verso la felicità e la pace... E guidate le stesse anime a cui ho sottratto la vita ieri con i miei peccati... Il gesto non durò molto. Per quanto Celeste non avesse fede in un singolo dio lei credeva fermamente che i Divini vegliassero sopra di lei e sopra tutti gli altri. Un segno di rispetto già riproposto durante la loro visita di un anno fa al cumolo dei druidi. L'elocatrice poi commentò sottovoce... È triste... Non avere una sepultura... L'anima è più tranquilla quando il corpo riposa indistrubato... Poi rivolse lo sguardo al gruppo, ed alle domanda di Bjorn, alla quale probabilmente nessuno sarebbe riuscito a dare una risposta. Forse Tonum avrebbe potuto aiutarci... Benedire il corpo, o cose così... Uff... Spero se la stia cavando bene... 

Spoiler

Ripeto le prove per il proseguimento. 

 

 

Edited by Organo84

Share this post


Link to post
Share on other sites

Edriust

X ariabel

Spoiler

Diventare ricco è sicuramente uno dei motivi. Ho vissuto tutta la mia giovinezza di stenti e adesso che ho la possibilità di evitarlo, farò di tutto... Ma non sonl disposto a sacrificare l'onore, la parola data, o un impegno preso. Quindi su questo puoi stare tranquillo. È solo che grandi cause o grandi campagne non mi smuovono più di tanto se non c'è un interesse personale. Sono solo, sono stato solo e sarò solo... In queste parole non c'è un tono malinconico o triste, ma una pura constatazione dei fatti. Vedere un mio simile così ben integrato da speranza ma non mi illudo. Voi siete compagni di viaggio, condividerò con voi la strada, le difficoltà e tutto il resto, mettendo a disposizione le mie capacità, ma quando tutto questo sarà finito? 

 

In prossimità dello scheletro, si guardò intorno... Scusate, ma se provassimo a cercare qualche indizio non solo sul corpo ma anche in zona? Qualcosa magari ci porta qualche informazione jb più.. Si che sembra sia passato molto tempo ma potrebbe essere un idea no? Perlustriamo l'area a cerchi concentrici allargando sempre di più il raggio non finché non troviamo qualcosa o pensiamo che sia inutile.. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ariabel X Edriust

Spoiler

bhe essere soli non è affatto brutto. Io mi ci crogiolo abbastanza ed è splendido esser libero da qualunque vincolo.

Rimane il fatto però che l'esperienza del cameratismo e ti auguro, dell' amicizia, sono emozioni che non hanno prezzo  e valgono la pena di essere coltivati.

Non tradirci e potremo darti molto più di quanto tu ti aspetti dalla vita, disse facendogli l'occhiolino e spronando Kantor ad andare più veloce, e non parlo solo di soldi.

 

 

Edited by shadizar

Share this post


Link to post
Share on other sites

DM

x Clint

Spoiler

Trattandosi di anatomia di un cadavere la considero una prova di Guarire

x Ariabel

Spoiler

Sopravvivenza +0+14=14

L'ambiente ostile aumenta le usuali CD di 2. Ariabel riesce comunque a procurarsi due razioni dalla preda presa.

x Bjorn

Spoiler

Ascoltare +9+11=20

Osservare +5+12=17

x Seline

Spoiler

Ascoltare +9+1=10

Osservare +7+14=21

x Chandra

Spoiler

Ascoltare +11+17=28

Mmmm disse Emercuryadar guardando il cadavere, laddove i primi rilievi di Clint non sembravano aver dato un esito certo E' uno scheletro ben strano e sproporzionato. Potrebbe essere sì di un goliath, come anche di un mezzo gigante, il risultato di un incrocio tra un umano e un gigante. Forse il vostro medico saprebbe dirlo con più precisione... certo è che la sessualità ha strani effetti a volte... sapevi, Clint, che esistono dei peni magici capaci di permettere a una donna di ingravidare un'altra donna? Di questo passo i maschi rischieranno l'estinzione! disse scandalizzato.

Stabilito a maggioranza di allungare il percorso verso Roccaferma, il gruppo proseguì: nonostante gli attenti controlli, il cadavere non sembrava celare sorprese. Ariabel, attenta come sempre, colse la presenza di una preda interessante dopo circa un'ora di viaggio e la sua freccia trafisse in pieno un giovane coyote. L'arciera reale ebbe tra l'altro la soddisfazione di recuperare la propria freccia integra, prima di poter aggiungere quel trofeo alla lista di catture che aveva effettuato finora. Tuttavia la maestra delle maschere dovette constatare le maggiori difficoltà nel trovare prede in quell'ambiente ostile, in cui solo i predatori più versatili e astuti erano in grado di districarsi nelle difficoltà climatiche delle Colline Cremisi. Spellato e disossato, il coyote avrebbe saziato lo stomaco di due viaggiatori.

L'arrivo a Roccaferma decretò l'inizio di una approfondita ricerca da parte degli eroi, con Emercuryadar che stava di vedetta contro eventuali imboscate in compagnia di Chandra. A trovare la pietra profetizzata fu Seline per mezzo del suo famiglio

x Seline

Spoiler

L'ho trovato, mia signora disse tutto eccitato Spero potrò ottenere una ricompensa per questo disse mentalmente, con tono lascivo

//Un aspetto che non abbiamo mai considerato, ma che ti butto lì adesso, sulla base di quello che mi hai suggerito oggi su discord, è il fatto che il tuo famiglio è intelligente e abissale. Ergo, anche lui ha i suoi appetiti.

La scoperta era autentica: un grosso masso a ridosso di una collinetta su cui era stato inciso un triangolo nero con la punta rivolta verso il basso. Spostato grazie alla forza delle braccia dei più forzuti, il masso rivelò una nicchia all'interno della quale gli eroi trovarono alcuni interessanti oggetti, cui era allegata una pergamena con una spiegazione dei relativi effetti. La pergamena non era firmata.

x tutti, contenuto della nicchia

Spoiler

1 Trackless Boots (DoTU)

1 Gloom Mask (DoTU)

1 Shard +10 (EPH)

la divisione può essere effettuata in "strategie di combattimento"

Dopo aver recuperato gli oggetti, il gruppo si diresse infine a Cima Ruggine. La tana di Plathonirax si ergeva all'interno di una spelonca in cima a una collina non molto diversa dalle altre. Era possibile raggiungerla a piedi, ma ciò poteva avvenire solo inerpicandosi attraverso uno stretto sentiero che richiese agli eroi di smontare da cavallo Non credo dovrete temere che eventuali aggressori possano avvicinarsi disse Emercuryadar Dopotutto siamo nel territorio di un drago. Raggiunta la cima tramite la supervisione del drago, l'argentato si avvicinò verso l'ingresso e gridò Plathonirax! Sono Emercuryadar, in compagnia di amici! Mostrati! Il drago quindi attese qualche secondo, ma non ottenne risposta. I secondi si trasformarono in un minuto, alchè Emercuryadar ripetè la sua frase... ma ancora nulla. Il drago d'argento si corrucciò Non mi piace... facciamoci avanti, ma ad armi sguainate!

Il gruppo avanzò all'interno della buia caverna, facendo luce tramite un incanto del drago d'argento. Il terreno scendeva rapidamente per un primo tratto, cosa che richiese molta attenzione da parte degli avventurieri. Infine, quando essi giunsero a un grande spiazzo che segnava la tana del drago, con tanto di mucchio di tesori, un rumore tremendo proruppe in quel silenzio, dal punto in cui si trovava Bjorn PRRRRRRRRRRRR!!!!!! il rumore, simile al più tonante dei peti, sembrava terminare con quello che pareva il suono di una torta lasciata cadere a terra. Prima che i presenti potessero interrogarsi sullo stato intestinale del nordico, una risata soffocata esplose in tutto il suo fragore

Muahahahahahahahah!!!!! a ridere era, appollaiato sul soffitto, un giovane drago di rame Stupido umano, hai mangiato pesante? Ahahahahahahahahah!!!! il drago ridiscese, squadrato male da Emercuryadar E guarda qua chi, c'è, Emercuryadar. Ti stavi cagando sotto anche te? Adesso cos'è, viaggi con gli insaccati? Capito? Ahahahah... insaccati, come i salumi!

Il drago di rame non era molto grande, lungo dalla coda alla testa circa due metri e mezzo, di un color ruggine spento, ma dagli artigli affilati sebbene sporchi. Dopo un altro eccesso di risate il drago osservò gli avventurieri Sono Plathonirax, sciocchi umani! Che c'è, non sapete stare a uno scherzo? il drago di rame li guardò con aria di superiorità Che cosa volete da me? Parlate in fretta, ma esaustivamente che se devo fare tanti botta e risposta poi mi annoio. Tu, Emercuryadar, puoi anche sederti lì in un angolo, se proprio devi.

Più che l'aria di volersi sedere, Emercuryadar aveva l'aria di chi si sarebbe macchiato di dragocidio a breve.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chandra 

@pietra 

Spoiler

Chissà chi sarà stato a guidarci qui, magari Plathorinax saprà darci una risposta se non è stato lui... Disse la barda. 

Se non serve a nessuno io prenderei quella maschera: al buio faccio fatica a vedere bene quindi un mano farebbe comodo... 

@tana di Plathorinax

Spoiler

Dopo la discesa poco agevole nella tana del drago e l'apparizione dello stesso accompagnata da uno scherzo di cattivo gusto, Chandra fece buon viso a cattivo gioco e si presentò con riverenza per evitare scenate da parte di Emercuryadar: Piacere Plathorinax, io sono Chandra Silverhand, spiacenti di aver fatto irruzione in casa tua senza invito, ma l'urgenza ci ha costretti alla maleducazione

Spoiler

Diplomazia +14 (piú il bonus dato da clint. +3? o una cosa del genere) per presentarci con rispetto nonostante tutto

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Clint Connor

"Non è tanto il non sapere stare ad uno scherzo, ma l'essere semplicemente impreparati alla sua calcolata perfezione!", si fece avanti Clint, ben conscio che, nonostante le sue ultime parole, il loro interlocutore era pur sempre un drago. "A volte, l'apprezzamento per l'umorismo e l'ilarità sembrano trasformarsi in muta sorpresa, nelle razze giovani!".

L'adepto sorrise palesemente, premendo su quel "giovani" come se fosse un diminutivo, quasi una qualità negativa. Un dispregiativo. Due passi avanti ed un inchino. 

Non era più il momento di negare il drago, dentro di lui. Plathonirax poteva anche deridere Emercuryadar, ma i grandi Vermi erano comunque fratelli e si portavano un diverso rispetto. Clint si premurò di rilasciare tutto quel fascino soprannaturale che teneva sempre dimesso. 

"Clint Connor, ben lieto di incontrarvi, finalmente, impareggiabile Plathonirax", riprese, accompagnando alle parole un gesto di omaggio. "Vi porgo i saluti della Corte di Firedrakes, che mi ha onorato di tale incarico. 

Veniamo, infatti, oggi a voi con un doppio ruolo".

Lentamente, Clint prese a guardare il drago negli occhi. 

"In primo luogo, giungiamo come latori di notizie: Azariaxis non c'è più. Sono certo che lo sapeste già per conoscenza indiretta, ma, avendone osservato coi miei occhi la dipartita, ve ne posso assicurare. Ora il Terrore Cremisi ha smesso di rivendicare territori non suoi, approfittando della minaccia iniqua di coinvolgere suo padre e gli alleati di suo padre", modulò le parole, studiando la reazione del drago. 

"Ma questa ombra si sta ora estendendo in altro modo. Sono certo sappiate della Xorvintaal... ebbene, la Xorvintaal minaccia ora il Katai, Glantria ed i fiordi del Nord. 

Grazie alla presenza al nostro fianco di Emercuryadar, pensavamo di chiedere ausilio ai Draghi che vigilano sul mondo, invece di provare a danneggiarlo. Contiamo sull'appoggio di Anzilisilvar, una volta svalicati i monti, e ci auguriamo di contare anche sul vostro, ora che la malevole Stirpe Rossa ha allontanato le sue brame da questa zona, lasciandovi maggiore libertà nei vostri... compiti. 

Non credete forse che sia possibile, ora, cercare, raggiungere e negare al nemico la tana del fu Azariaxis, stabilire la pace in queste Colline - sottraendole alla ignobile contesa di giganti e Goblin, molto probabilmente condotti qui per favorire la Xorvintaal - ed immortalare il vostro nome, al contempo, come profeta della giusta risata e campione del mondo?

E questo è il secondo scopo della nostra presenza, qui ed ora. Cerchiamo una alleanza che possa offrire benefici ed informazioni ad ambo le parti. Credete sia possibile?

Glantria si sta mobilitando, non resterà comunque inerme. Ma ci auguriamo di poter fare affidamento su di una forza ancora maggiore. Ci sosterrete?".

DM

Spoiler

Diplomazia +40.

 Tutti

Spoiler

Clint ha attivato Aura Minore: Ispirare Carisma. Avendolo sentito parlare, tutti gli altri PG hanno +4 alle prove di Carisma ed alle prove delle abilità basate sul Carisma. 

 

Edited by Ghal Maraz
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Edriust

Al cospetto del drago lasciò che i diplomatici del gruppo facessero le prime mosse mentre si guardava in giro, soprattutto verso i mucchi di tesori presenti alle spalle del drago. Cominciò a spostarsi lentamente sullo stesso lato senza oltrepassare il gruppo e rimanendo dietro la barda. 

Cominciò anche a valutare le distanze e a scorrere eventuali incantesimi utili per avvicinarsi senza fare rumore. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seline

Osserva il quasit mentre si avvicina tutto gongolante e con quella richiesta che lascia la tiefling completamente spiazzata, anche se non del tutto impreparata riflettendoci.
Ehm..
Oh.. Tranquillo piccolo mio, avrai la possibilità di divertirti molto presto.. Mh.. Su chi ti piacerebbe provare? Dimmi un po'.. Posso garantirti che la ragazza dai capelli bianchi non è male, ma anche il nordico ci sa fare e pure l'elfa.. Ma se vuoi possiamo provare anche gli altri.. O sei intenzionato ad avere il privilegio con la tua padrona?
E-Ehi! Aspetta che stai dicendo?? Non possiamo creare ulteriori problemi adesso!
Possiamo? Non c'è più un noi Seline, io faccio ciò che voglio adesso.. Che ti piaccia o pure no.. E il mio piccolo quasit ha bisogno della sua lussuriosa ricompensa, tranquilla.. Dovesse scegliere questo corpo, piacerà anche a te.
No! Jackpit, stammi a sentire.. Non è il caso adesso di..
Sì, ha ragione.. Adesso non è il caso, dobbiamo aspettare che almeno la notte cali. Questo gruppo di avventurieri sa essere alquanto ficcanaso ultimamente. Scegli con calma, ma ricordati.. Adotta una delle tue trasformazioni, altrimenti non sarà facile sedurli e farti dare il loro meglio..
Mia signora.. Gradirei molto avere come ricompensa il vostro corpo.
Mh.. Buongustaio.. Capisco.. Allora è ciò che avrai..
C-cosa!?! No! Non puoi!
Io posso tutto mia cara.. Non lo hai ancora capito.. Ma ben presto vedrai fino a dove posso spingermi e che cosa significa essere prigioniera del proprio corpo.

Scuote la testa la stregona, cercando di cacciare quei pensieri, prima di tornare a guardare il quasit con quell'espressione ricca di lussuria, facendola alquanto preoccupare ed iniziando solo adesso ad immaginare come il suo controllo sia limitato, seppur presente..
La stregona, successivamente, legge la pergamena trovata nel luogo indicato dalla voce, senza trovare alcuna informazione utile che la possa ricondurre al mittente di tutto ciò. Storce leggermente il naso prima di andare a prendere la maschera come propria ricompensa per aver trovato il luogo.


All'interno della tana di Plathorinax, Seline assiste ad un comportamento che la lascia completamente perplessa. Se in precedenza si spostò ad osservare Bjorn con un'espressione praticamente sorpresa e indignata, adesso trova il modo di ricredersi nel capire che è tutta opera del giovane drago di rame. Le sue parole portano la stregona a sollevare leggermente il sopracciglio destro, passando a squadrare i tesori, prima di ritornare nuovamente sulla creatura.
Questo sarebbe un drago?...
Un altro drago!! Ed è pure simpaticissimo HAHAHAHA! Ha fatto fare le puzzette al tipo grande e grosso! HAHAHA Uscire di casa è stata la scelta migliore di tutte!
.. Ha un comportamento alquanto stupido..
Sembra di aver a che fare con un bimbo.. Mh.. Chissà.. Potrebbe rivelarsi interessante e forse più malleabile di quel drago d'argento?

Cosa?
...
Alle parole di Clint e Chandra, solo una voce più forte delle altre si fa strada nella mente della stregona.
Non pensavo ci si potesse abbassare così tanto..
Storce il naso la tiefling, non ammettendo che si trova d'accordo con quella personalità nemica.

Edited by Nilyn

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.