Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Personaggi di Classe #3 - Patrono Ultraterreno: La Fame Folle

Oggi lo chef ci consiglia un Warlock che trae i suoi poteri dal cannibalismo, buon appetito!

Read more...

Recensione: Emerald City, ambientazione e avventura per Mutants&Masterminds

Recensione: Emerald City, ambientazione e avventura per Mutants&Masterminds

Read more...

Waterdeep: il Furto dei Dragoni. Remix - Parte 1C: Fazioni dei Personaggi

Proseguiamo nel remix proposto da The Alexandrian dell'avventura Waterdeep: Il Furto dei Dragoni, finendo di parlare delle fazioni presenti a Waterdeep.

Read more...

In arrivo la Guida di Van Richten a Ravenloft, la Guida Omnicomprensiva di Xanathar e lo Schermo del Dungeon Master Reincarnato

Sono stati annunciati ufficialmente dalla WotC tre nuove localizzazioni italiane di prodotti per D&D 5E.

Read more...
By Lucane

I Mondi del Design #13: Le Quattro Fasi della Magia - Parte 3

Lew Pulsipher ci propone una serie di domande circa la diffusione della magia nel mondo di gioco, offrendo spunti di riflessione sui quali costruire campagne e ambientazioni più interessanti. 

Read more...

Tool


Aerys II
 Share

Recommended Posts

Dato che il vecchio thread su Maynard e compari è stato chiuso molto tempo fa, che ne dite di riaprirne uno ora che è nei negozi il loro nuovo album, "10.000 Days"?

Lo sto sentendo or ora, devo dire che mi piace. Chiaro, non si può giudicare un album dei Tool dopo un solo ascolto (e per di più superficiale), ma così su due piedi mi pare molto ma molto bello.

Dopo tutto, staranno cinque anni per far uscire un nuovo CD per un motivo, no?

Pareri? Domande? Affermazioni?

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Se dovessi giudicare i Tool nel complesso, gli aggetttivi non basterebbero (minchi* che brutta frase da politico retorico! :banghead:), sono uno dei miei gruppi preferiti.

Riguardo al nuovo album, non so. L'ho sentito ieri a casa di una mia amica, e neanche per intero, e, come dice giustamente Aerys, dato che si tratta di un CD dei Tool, non si può assolutamente giudicare dopo mezzo ascolto, Oggi o domani me lo compro, lo ascolto un po' e poi vi dico qualcosa di più serio.

Link to comment
Share on other sites

Difficili sono difficili, ma non più, ad esempio, dei Sonic Youth, e imho sono anche molto più bravi. Quindi, lo consiglio a tutti. E' musica di un livello tale che basta impegnarsi un po' all'inizio e poi ti sconquassa con la sua potenza.

Link to comment
Share on other sites

  • 4 weeks later...

Non c'è più religione! :naughty::snooty:

guarda che però è un buon segno, anche se scomprrirà nel giro di una settimana, vedere un genere metal così particolare ed unico in classifica vendite dominate da bitney spears e ramazzotti è un successone!!

Link to comment
Share on other sites

guarda che però è un buon segno, anche se scomprrirà nel giro di una settimana, vedere un genere metal così particolare ed unico in classifica vendite dominate da bitney spears e ramazzotti è un successone!!

Che sia un buon segno non c'è dubbio, solo ci sono rimasto di sasso... I Tool nella classifica di "Sorrisi e Canzoni" sono al loro posto come i Papa-Boys a un concerto dei Deicide! :-D

Link to comment
Share on other sites

  • 4 weeks later...

Concerto metabolizzato, dopo 24 ore dal ritorno a casa da Bologna: grandissimi.

Il batterista è un genio, una fo**uta macchina (sposta accenti con facilità disarmante, facendo alla fine lui a mio avviso il grosso del lavoro strumentale), basso e chitarra ipnotici come di consueto... Maynard spaziale, un vero animale da palco: emotivo, tecnicamente strepitoso, matto come un cavallo.

Un artista strepitoso e fuori dagli schemi.

Concerto non troppo lungo, ma nemmeno corto. E' durato il giusto per riempirmi di sudore senza uccidermi per un pelo (caldo, caldo, caldo... la folla mi pressava senza sosta, in un pogo disumano che sapeva di metallo e di psichedelia, in un mare di corpi...). Hanno sfoggiato brani presi da ogni album, praticamente, partendo con la malatissima e nuova "Rosetta Stoned" e chiudendo come di consueto con il cavallo di battaglia "Aenima".

Nel mezzo, un caleidoscopio praticamente ininterrotto di cori, pogo, luci, tempi dispari e arpeggi malati.

Nel mezzo, grandissimi pezzi, feedback e bassi a palla.

Nel mezzo, sedici anni di storia di un gruppo d'eccezione, inclassificabile.

Insomma, un'esperienza eccellente. I Tool non sono i soliti metallari da headbang, nè i soliti prog da assoli di un quarto d'ora, regalano sofferenza, delirio, maxischermi psichedelici, chitarre ribassate, riff ipnotici, tecnica, rabbia, divertimento, noise...

Un concerto da otto e mezzo, per lo meno.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 months later...
  • 2 months later...
  • 4 months later...

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.