Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Strixhaven: A Curriculum of Chaos uscirà a Novembre

La Wizard of the Coast ha rilasciato nuovi dettagli sul prossimo manuale di crossover tra Magic: The Gathering e D&D 5E

Read more...

Pausa Estiva degli Articoli

L'estate è arrivata anche per noi dello Staff Dragons' Lair, quindi gli articoli vi salutano fino a Settembre.

Read more...
By Lucane

The Wild Beyond the Witchlight uscirà a Settembre

Scopriamo le ultime novità riguardanti la nuova avventura per D&D 5a Edizione. 

Read more...

Fizban's Treasury of Dragons uscirà ad Ottobre

Scopriamo i nuovi dettagli rivelati in questi giorni sul futuro manuale di D&D 5E.

Read more...

Progetta Le Tue Avventure #7: Va in Scena la Sfida

Eccovi il settimo articolo della mia serie di consigli per progettare le avventure.

Read more...

[Warcraft] idee per continuazione campagna


rexxar1
 Share

Recommended Posts

allora premetto subito che ho l'ambientazione di warcraft e l'unica cosa che mi manca da ideare è la storia per ora ho pensato a questa ( per chi conosce i 2 giochi della blizzard warcraft 3 + espansione:

2 secoli dopo la fine dell'espansione (arthas si iberna sul ghiacciaio di icecrow) il mondo di azeroth è tornato ala normalita in questi 200 anni sono morti jaina prodmure e trall capi degli umani e degli orchi, con la loro morte fu rotta anche la pace che a lungo aveva tenuto calme le acque, gli orchi con a capo un tiranno guerrafondaio si spingono alla conquista del mondo che recalmano come loro e gli umani si ergono a sua difesa, gli elfi invece dopo la morte di tearine ( comandante degli elfi, ricordo che gli elfi persero l'immortalità con la distruzione dell albero della vita) si sono tenuti fuori come agli albori.

in pratica il flagello fu annientato durante l'era di jaina e di trall e le città vennero ricostruite, cosi i pg 200 anni dopo si trovano in un mondo diverso da quello vissuto dai nonni o bisnonni, moltissimi hanno dimenticato le vicende accadute 200 anni prima, la guerra ormai è contro gli orchi ma...volevo fare che dopo 200 anni arthas dal suo trono si desta per riprendersi ciò che è suo di diritto.

i pg saranno un combattente ed un infiltrato la bozza lò buttata giu ma non sò come svilupparla i pg partono dal lv 2 idee?? scusate il poema ^^

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 16
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Arthas non era diventato il lich king? Non sono molto pratico anche se mi piace molto come gioco.

Allora ti do un pò di idee casuali

Artahs si svegla in un mondo diverso da quello di 200 anni prima, cosa è successo?

Non lo sa ma in testa ha solo l'idea di dominare parte alla ricerca di cripte dimenticate dove anni orsono c'erano castelli e ville, per risvegliare i suo luogotenenti per assisterlo nella conquista del mondo

Link to comment
Share on other sites

Nella storia ufficiale, Arthas diventa il Re dei Lich alla fine di The Frozen Throne, ma poi viene ucciso in World of Warcraft e il paladino Bolvar diventa volontariamente Re dei Lich al fine di controllare i non morti liberati in modo che non attacchino i mortali.

Detto questo, la tua storia mi sembra un ripetersi di Reign of Chaos. Alleanza contro Orda e di punto in bianco si scatena il Flagello...

Link to comment
Share on other sites

allora partiamo dal presupposto che l'orda non si unirà MAI all'alleanza (il capo è un guerrafondaio e gli orchi sono tornati ad essere soltanto bramosi di sangue niente piu saggezza od altro) quindi un ripetersi non può accadere visto che non ci sarà allenza da parte dell'orda, arthas si sveglierà dopo 2 secoli con l'idea di dominare il regno ma al tempo stesso è combattuto interiormente ( voglio fare una sorta di doppia personalità, il re dei lich e arthas ancora buono con in mente i momenti passati insieme ai suoi vecchi amici i primi amori ecc.. diciamo voglio cercare di stravolgere la storia non affidarmi a wow che perlaltro odio, essendo combattuto da 2 personalità potrebbe rendere la storia più strana)

a una cosa che non vi ho detto in 200 secoli nessuno sa più cosa è accaduto nel passato la guerra è stata dimenticata e cosi anche il sacrificio degli eroi ecc... non ci sono piu archivi che ne raccontino la storia ( bruciati durante il dominio del flagello) ne gente ancora viva per raccontarlo ( o morti durante la guerra per estirpare il flagello o morti di vecchiaia )

Link to comment
Share on other sites

Se vuoi qualche consiglio più preciso, devi dirmi cos'è successo precisamente da TFT alla tua ambientazione.

Dici che i ricordi del passato sono stati distrutti. Quindi che fine hanno fatto i regni di Theramore e Stormwind?

Theramore non può non serbare ricordi delle guerre del passato, visto che è stata fondata proprio in seguito ad esse. E visto che Theramore è piena di maghi, paladini e sacerdoti fuggiti da Lordaeron, è piena anche di libri. Quindi per accettare la tua premessa, immagino che l'unica spiegazione possibile sia che è stata spazzata via dall'Orda. Solo che a quel punto, visto che era l'unico insediamento umano nel Kalimdor, come hanno fatto l'Alleanza e l'Orda a combattere per 200 anni se sono in due continenti diversi?

Stormwind nella storia ufficiale non è mai stata toccata dal Flagello. Quindi come giustifichi che tutte le memorie storiche siano sparite nel nulla?

Inoltre, se il Flagello ha perso, come hanno fatto le memorie dei vincitori ad essere cancellate? Capisco l'Orda che è semi-analfabeta (ma la memoria orale rimane) e Lordaeron e Dalamar che sono state distrutte, ma se gli umani di Theramore, Stormwind e gli altri regni (ci sarebbero anche Stromguard e Kul Tiras) hanno vinto come hanno fatto a perdere tutte le loro memorie?

Tutta la storia del passato dimenticato mi sembra fare acqua da tutte le parti.

Detto questo, come sono i territori attualmente? E le fazioni sono rimaste invariate? I Reietti, gli elfi del sangue e i naga che hanno fatto per 200 anni? Cos'è successo a Gilneas, visto che vuoi ignorare WoW (idea non malvagia a mio parere)?

Link to comment
Share on other sites

aiutooo sono sotto il plotone d'esecuzione ^^

bè come vedi a molte domande non sò dare risposta :)

cerco infatti qualcuno che possa aiutarmi a chiarire le idee e aiutarmi nella creazione del bg, come detto sopra la mia è solo un'idea abozzata ma vedo che te ne indenti molto di warcraft se puoi darmi una mano ad amalgamare il tutto :)

allora non sono 200 anni che si combattono, tutto è successo dopo la morte di jaina e trall e non subito in pratica il tiranno è salito con la forza dopo qualche anno di lotte tra le varie tribu, gli umani a kalimdor non so se farli spazzati via, da bg mi piace però l'idea di una roccaforte che ancora tiene duro, a lorderon bè potrebbero arrivarci con zeppelin o navi no?

coloro che si facevano chiamare elfi del sangue sono morti tra guerra e vecchiaia e la loro stirpe è andata ad estinguersi rimangono ben pochi elfi alti.

i naga non mi piacciono credo non ce li metterò proprio o comunque non per ora non sapre come introdurli

per le memorie possono esserci ancora ma sono sotto chiave in qualche posto segreto e i maghi piu potenti o paladini potrebbero averli letti ma il resto della popolazione che gli importa cosa gli è successo 200 anni fa? ( potrebbe essere un'ottima quest per i pg andare a trafugare gli archivi per leggere la storia passata)

ti ringrazio davvero per l'aiuto che mi dai :)

Link to comment
Share on other sites

Vediamo di chiarire le idee quindi.

A Kalimdor vuoi che rimanga in pratica tutto come prima. Gli elfi della notte restano ad Ashenvale, l'Alleanza resta su Theramore e l'Orda avrà avuto tempo di consolidare il proprio comando su Durotar, Mulgore e le Isole Echo in 200 anni. I centauri sono stati sconfitti?

A Northrend cos'è successo? È sopravvisuto solo Arthas o il Flagello si è ritirato lì?

Nei continenti orientali invece non ho ancora ben capito cosa sia successo. Alla fine di TFT siamo rimasti con buona parte di Lordaeron sotto il controllo del Flagello ad est e dei Reietti ad ovest. Dici che il Flagello è stato sconfitto: chi ha reclamato quindi i regni liberati? E i Reietti sono stati spazzati via pure loro?

Ironforge e Stormwind, visto che l'Alleanza ha vinto contro il Flagello, immagino siano all'apice del loro splendore.

Dovresti pensare un pochino di più a cosa può essere successo a elfi del sangue e naga. I naga si sono appena risvegliati dopo essere spariti per 10.000 anni dalla circolazione. Non puoi farli sparire nuovamente senza alcuna ragione l'anno dopo!

Gli elfi del sangue erano già sull'orlo dell'estinzione, quindi puoi anche decidere che sono quasi estinti. Però dovresti spiegare cos'è successo: in TFT gli elfi del sangue si alleano con i naga, con Illidan e con i draenei e conquistano le Terre Esterne. Non mi sembravano messi così male. A meno che tu non decida che siano stati decimati nella Battaglia del Trono Ghiacciato (cosa che ha senso, visto che dovevano già essere in pochi).

Piuttosto che decidere che la storia è stata cancellata (che mi sembra piuttosto arbitraria come cosa), giustificherei la cosa in un altro modo. Gli eventi sono avvenuti 200 anni fa, quindi è normale che solo chi studia la storia sappia esattamente com'è andata. Inoltre, visto che le ostilità tra l'Alleanza e l'Orda sono riscoppiate, ha senso che la gente preferisca ignorare e dimenticare il fatto che una volta le due fazioni erano state alleate, come se non fosse mai successo.

Detto questo, ecco come svilupperei la storia partendo da TFT.

Northrend

Una volta fusosi con Ner'zhul, Arthas apprende i piani del Re dei Lich. Attaccare immediatamente non è una buona idea, perché le razze mortali si sono alleate per sconfiggere il Flagello e la Legione Infuocata, e buona parte delle forze del Flagello sono state decimate dalla Guerra Civile tra i fedeli al Re dei Lich, i fedeli a Sylvanas e i fedeli ai Signori delle Tenebre.

Decide così di richiamare gran parte delle sue forze al Trono Ghiacciato e di lasciar credere ai mortali di avere vinto. Quando i mortali avranno ricominciato a combattere tra loro e avranno sconfitto i nemici del Re dei Lich (i Reietti e Illidan), egli tornerà con una nuova invasione.

Lordaeron

Le forze alleate dell'Alleanza e dell'Orda riescono a riconquistare Lordaeron in qualche anno. Il Flagello si lascia sconfiggere di proposito, mentre i Reietti resistono a lungo, ma vista la loro incapacità di creare nuovi non morti vengono infine sconfitti.

In seguito alla guerra, Jaina, Thrall e gli altri capi spartiscono le terre equamente. Le terre di Quel'Thalas e Lordaeron occidentale sono assegnate all'Alleanza. Siccome Jaina è la figlia del Grand'Ammiraglio di Kul Tiras, tutte queste terre sono unite in un'unica nazione: Theramore comprende ora le vecchie Lordaeron, Quel'Thalas e Kul Tiras.

Le terre orientali, strappate ai Reietti, e il vecchio regno di Alterac passano invece all'Orda, visto che ormai gli umani hanno perso interesse in queste terre. In questo modo, gli orchi e Durotar si espandono anche nel vecchio continente.

Quando la guerra tra le due fazioni imperverserà, questo sarà il campo di battaglia principale. Inoltre, rimane da decidere cosa si nasconde a Gilneas.

Stormwind & Khaz Modan

Un'ottimo modo per movimentare le cose secondo me sarebbe iniziare una guerra fredda tra Theramore e Stormwind. Theramore è la più grande nazione del nord, è giovane e si è alleata con gli orchi, concedendo a loro persino delle terre. Stormwind è la più grande nazione del sud, uno dei più antichi regni umani e la sua rivalità con gli orchi non è mai diminuita da quando perse contro di loro nella Prima Guerra. Una faida all'interno degli umani sarebbe molto interessante. In una situazione del genere, vedrei bene Stormwind alleata con Stromguard (che una volta era il centro dell'impero Arathi), mentre Theramore alleata con i nani Wildhammer.

I nani di Ironforge potrebbero rimanere neutrali tra le due fazioni. Probabilmente dovrebbero aver inventato qualcosa di nuovo oltre alla polvere da sparo in 200 anni. Inoltre, bisogna vedere se sono riusciti a liberarsi dei nani Dark Iron e degli ultimi rimasugli del clan Blackrock.

Kalimdor

Theramore secondo me dovrebbe essere razziata dall'Orda. Se iniziano le ostilità tra i due, considerando anche che nella mia proposta Theramore si è espansa ad est, non ha senso che una singola città resista per un secolo contro il resto del continente. Gli ultimi abitanti di Theramore potrebbero essersi rifugiati ad Ashenvale presso gli elfi della notte.

L'Orda controllerebbe gran parte del territorio, eccettuata Ashenvale che rimane l'ultimo territorio dell'Alleanza e le terre dei centauri, che ancora resistono.

Terre Esterne

Kil'jaeden mantiene la sua promessa e fa fuori Illidan per aver fallito la sua missione, oppure lo rapisce per poi usarlo in seguito. Kael'thas e Vashj rimangono soli a guidare le forze unite di elfi del sangue e naga nella Cittadella Nera. Notare che entrambi sono ancora in vita, visto la longevità delle rispettive razze.

Si sviluppa una società piramidale:

  • I sempre meno numerosi elfi del sangue e le naga femmine formano il vertice della società e passano la maggior parte del tempo a studiare la magia.
  • I naga maschi eseguono gli ordini.
  • I draenei di Akama vengono trattati poco più come servitori. Sebbene ancora fedeli alle altre razze per l'aiuto contro gli orchi infernali, iniziano ad averne abbastanza di questa situazione e potrebbero ribellarsi.
  • Gli orchi infernali sono schiavi e carne da macello.

Persa la guida di Illidan, hanno iniziato a concentrarsi a colonizzare il resto delle Terre Esterne, ancora sotto il controllo degli altri draenei e degli orchi infernali. Tuttavia, i naga rimangono fedeli alla loro regina, mentre sia naga sia elfi del sangue rimangono vincolati al servizio di Kil'jaeden. La prima preme per iniziare l'invasione di Azeroth e reclamare il mondo di superficie, mentre il secondo desidera solo che i suoi servitori radunino le forze per schiacciare Arthas non appena tornerà in azione e in seguito preparare una nuova invasione demoniaca.

Questa qualche idea per la parte storica (che mi appassiona abbastanza). :-)

Link to comment
Share on other sites

fenice tu sei mitico!!! leggendo quello che hai scritto mi sono appassionato pensa te :) (fatti chiamare dalla blizzard per fare warcraft 4 ^^)

allora la storia mi piace molto e da bg ora spiega quello che avevo solo abozzato^^

bene quindi la storia del continente è fatta al massimo aggiusterò qualcosina, ora devo decidere come farà arthas a dar via alla conquista e quanto ancora aspetterà, in piu inizialmente volevo far aumentare i pg di livello facendoli partecipare alla guerra contro gli orchi quindi tutte quest di assassinio, battaglia, sabotaggio ecc... che ne pensi?

ps: una domanda ma per caso hai una mappa dettagliata del continente con segnate ogni città? purtroppo non riesco a trovarla grazie :)

Link to comment
Share on other sites

Grazie. :-)

Ti serve una mappa di quale continente?

Mappa del continente di Lordaeron post-The Frozen Throne

Spoiler:  
LordaeronLoC.JPG

Mappa del continente di Khaz Modan post-The Frozen Throne

Spoiler:  
KhazModan.JPG

Mappa del continente di Azeroth post-The Frozen Throne

Spoiler:  
AzerothLoC.JPG

Mappa del continente di Kalimdor dopo l'invasione del Grand'Ammiraglio Proudmoore

Spoiler:  
KalimdorWRPG.JPG

Mappa del continente di Northrend dopo l'alleanza tra l'Orda e i Reietti (evento che avviene in WoW).

Spoiler:  
Northrend.JPG

Mappa del mondo pre-Cataclisma (evento di WoW).

Spoiler:  
Notare che certe zone sono state aggiunte in WoW e quindi potrebbero non esistere nella tua ambientazione. In particolare le isole ad ovest di Kalimdor.

worldmap.gif

Per quanto riguarda la campagna. Arthas avrà come prima cosa bisogno di rinfoltire le sue fila e quindi creare altri non morti. Il fatto che gli eventi del passato siano stati per lo più dimenticati tornerà utile. Potrebbe o tentare di far tornare in vita il Culto dei Dannati, oppure creare una nuova religione allo stesso scopo (per evitare di essere scoperto subito).

Per esempio, potrebbe creare due culti gemelli, uno tra gli umani e uno tra gli orchi. Il culto degli umani insegna le arti oscure della necromanzia ma le pratica solo sui cadaveri di orchi, mentre il culto degli orchi fa la stessa cosa sui cadaveri umani. I due culti sono alleati, ma si presentano al mondo come nemici, ognuno facente parte della rispettiva fazione, in modo da non suscitare subito antipatie, ma anzi aumentare ancora di più l'ostilità tra le due razze.

I PG potrebbero quindi trovarsi a dover a che fare con loschi necromanti umani ufficialmente loro alleati ma che segretamente lavorano per Arthas, e contemporaneamente trovarsi dei loschi necromanti orchi che sono anche ufficialmente loro nemici.

Domanda: ma gli orchi come stanno messi?

Dici che sono tornati sanguinari. Ma la cultura sciamanica ricreata da Thrall che fine ha fatto, non ci sono più sciamani? E gli orchi si sono evoluti un po' come civilità o rimangono una civiltà barbarica? Dopotutto, da quando sono migrati da Draenor, hanno avuto un sacco di tempo per relazionarsi con razze tecnologicamente più avanzate di loro.

Link to comment
Share on other sites

grazie mille mi servivano queste mappe :) non riuscivo a trovarle cosi dettagliate, l'idea dei necromanti mi piace assai.

potrebbero essere stati ufficializzati dal re degli umani e la mano argentea potrebbe investigare per capirci qualcosa di piu visto che cmq si muove contro i non morti ( e qua ci sta bene perchè un pg si farà guerriero/paladino combattente quindi potrebbe investigare per conto della gilda su questi necromanti )

gli orchi sono tornati barbarici ma ben addestrati, la cultura sciamanica è pressochè scomparsa gli orchi vengono addestrati al meglio all'arte della guerra (dal nuovo tiranno) sono estremamente tattici e difficilmente si schierano sul campo con la consapevolezza di venir sconfitti, diciamo che si sono incentrati molto sul cambattimento e sulla tattica dell'insieme invece del singolo individuo

Link to comment
Share on other sites

Se vuoi maggiori informazioni geografiche, il manuale base di Warcraft GdR contiene la descrizione di Kalimdor, il manuale Terre di Azeroth descrive i continenti orientali, mentre Lands of Mystery descrive il resto del mondo (e di nuovo Kalimdor), anche se l'ultimo contiene vario materiale di WoW.

Per gli orchi, che ne dici di sviluppare due culture un po' distinte (un po' come gli umani hanno vari regni e culture)? Gli orchi rimasti a Kalimdor potrebbero aver conservato le loro tradizioni sciamaniche, grazie anche all'influenza dei tauren. Mentre gli orchi di Lordaeron potrebbero averle messe da parte a favore della concentrazione sulla guerra.

Solo che, se gli orchi non adorano più spiriti, che cosa adorano? Che incantatori si trovano tra le loro fila?

Link to comment
Share on other sites

Sarebbe meglio il contrario : gli orchi migrati ad est restano fedeli ai loro precetti sciamanici(per mantenere anche un senso di continuità con la loro tradizione), invece gli orchi più incacchiati di Kalimdor potrebbero aver abbandonato il culto sciamanico per dedicarsi ad un culto oscuro come la religione voodoo dei troll oppure ad un nuovo culto che venera divinità guerriere di recente nascita; per il tipo di incantatori questo dipende dal credo adottato da codesti pelleverde

Link to comment
Share on other sites

Mi sembra che la mia idea originaria abbia più senso. Ci sono molte più buone ragioni per cui dovrebbero essere gli orchi di Lordaeron a perdere la fede nello sciamanesimo rispetto a quelli di Kalimdor.

Primo, guarda le razze con cui vivono. Gli orchi di Kalimdor condividerebbero le loro terre con i loro alleati tauren, che sono la razza più sciamanica dell'intero gioco. Inoltre, tutte le altre razze del continente, amiche o nemiche, hanno religioni concettualmente simili: il druidismo degli elfi della notte è molto simile allo sciamanesimo, mentre gli incantatori divini di centauri e quilboar sono sciamani.

Prendi ora gli orchi di Lordaeron. Sono circondati da razze che si affidano primariamente alla magia arcana, e anche la loro magia divina deriva da una religione completamente diversa, quella della Luce. Mi sembra un ambiente molto più propizio a mettere in discussione i dogmi della fede degli orchi.

Altro punto, Kalimdor, per stessa ammissione di Thrall, è un ambiente molto simile a quello dove gli orchi hanno vissuto per milleni, sviluppando la loro cultura sciamanica: Draenor. Mentre invece gli orchi di Lordaeron si troverebbero di punto in bianco circondati da cavalieri in armatura, castelli e archibugi. Quale delle due culture è più probabile che cambi i propri costumi?

Altro punto, il regno di Durotar nel Kalimdor è stato fondato da Thrall in persona ed è stato tutto costruito intorno alla riscoperta dello sciamanesimo. Buona parte delle figure più importanti di Durotar sono sciamani. Perché un regno dove gli sciamani e la religione rivestono un ruolo tanto importante dovrebbe cambiare di punto in bianco?

D'altra parte, gli orchi non hanno mai avuto un regno stabile a Lordaeron. Questa è una colonia in un nuovo mondo, è più probabile che finisca per adottare una visione del mondo diversa.

Ultima questione, è che secondo l'OP lo sciamanesimo viene sostituito da una cultura incentrata sulla guerra. E chi è più in guerra tra gli orchi di Kalimdor e quelli di Lordaeron? Gli orchi di Kalimdor hanno solo una singola città da sconfiggere: per il resto gli elfi della notte se ne stanno isolati e gli unici nemici sono centauri e quilboar.

Mentre gli orchi di Lordaeron si trovano soli e immersi nella patria dell'Alleanza: ovunque si guardino intorno ci sono regni umani o nanici. Mi sembra più ragionevole che siano loro la fazione più guerrafondaia.

Link to comment
Share on other sites

gia credo che la versione di Fenice sia più consona per il mio immaginario, bene quindi la guerra si svolgerà più a lorderon dove gli orchi si sono sviluppati nell'arte della guerra ( armature pesanti, fucili ). quindi il bg credo sia concluso.

ora per i pg, allora come detto uno si farà paladino l'altro esploratore, credo di farli iniziare con qualche missione di sabotaggio o scontro con gli orchi, poi la mano argentea potrà affidare il compito di osservare i necromanti, li potrebbero trovare qualcosa riguardante arthas ( che non conoscono quindi dovrebbero andare anche a chiedere chi è visto che per la gente comune i 200 anni hanno cancellato tutto) qualche idea sulle quest riguardanti gli orchi per non cadere nel banale?

Link to comment
Share on other sites

Sarebbe bella una missione di infiltrazione, solo che le classi dei tuoi PG non sono molto adatte allo scopo.

Potresti fare ai tuoi PG le sentinelle. Hanno una postazione da difendere, tipo un passo, e li fai scontrare con gli orchi che vogliono conquistarlo. Quando non ce la faranno più, li rimanderai in patria a chiedere rinforzi e a organizzare un'offensiva vera e propria.

Link to comment
Share on other sites

bè infiltrazione la vedo molto difficile, difendere un passo mi piace, potrei fare che sono stati incaricati di "vivere" all'interno di un piccolo fortino e difendere un passo ogni giorno (o quasi) gli orchi proveranno ad attaccarlo, ad infiltrarsi ed altro per abbatterlo il loro compito sarà appunto vivere al suo interne con altri uomini e resistere il piu possibile

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By Arglist
      Ehilà
      Sono inciampato per puro caso in questo articolo (ma anche questo) riguardante i livelli di potere raggiunti dalle campagne. Oltre a notare (con estrema tristezza) quanto la cosiddetta oversemplificata D&D 5E piegata al politically correct non sia riuscita a rendersi giocabile nemmeno questa volta i livelli più alti (e penso ne sia una prova fattuale la completa inesistenza di materiale ufficiale riguardante il Tier 4), ho notato quanto i miei tempi non coincidano affatto con quelli dati dall'internet in generale.
      Quindi:
      - vittima anche dell'ultimo abbandono (ormai anni fa) di una campagna 5E - DiA - citando il narratore "questa campagna in un anno voglio finirla", con conseguente scambio di sguardi tra i partecipanti alla "ma è del settore questo?"
      - complice anche un sano esame di coscienza, con una campagna (unica rimasta) all'attivo da ormai 5 anni di Rise of Tiamat ed altre incompiute della durata di svariati anni
      -  risultante da confronti con altri possenti narratori emiliani che mi han confermato che prima dei 365 giorni canonici una campagna 1-7 ( (elevati a multipli di 2 per range 1-15 e 1-20 homemade) non l'abbiano mai finita
      - Tenendo conto che esce un AP l'anno, e che sempre nello stesso anno esce un AL ambientato in luoghi differenti, motivo che mi fa pensare che alla WOTC considerino normale terminare i moduli nell'anno?
      Mi chiedo: siamo noi italiani eccessivamente prolissi o sono i colleghi della perfida Albione e d'oltreoceano ad esser troppo frettolosi? E, se si, perché?
    • By supremenerd88
      Buongiorno a tutti,
      sto per iniziare una nuova campagna con degli amici di vecchia data con cui giocavo a D&D 3.5 e 4. Scegliendo tra D&D 3.5, 4, 5, Pathfinder 1e e Pathfinder 2e (dovendo comunque acquistare alcuni manuli avendone persi molti della 3.5 e 4 e non ci siamo dati limiti di budget e nemmeno di edizioni del gioco) saremmo propensi a iniziare la campagna con Pathfinder 1e per poter sfruttare le campagne precostruite che, dopo un'occhiata veloce su alcuni PDF che ho trovato mi sembrano veramente ben costruite (molto di più delle avventure di D&D per intenderci, che non ho mai apprezzato).
      A tal proposito ho visto che la prima campagna dell'Adventure Path che era uscita era "Rise of the Runelord" e, dato che farò il master, ho letto un po' di info qua e la e mi sembra molto interessante. il discorso però è questo: nella prima parte della campagna viene sensibilizzato il master a far conoscere la città di Sandpoint ai giocatori, descritta in una quindicina di pagine sul primo manuale dell'avventura. ho visto però che poi è uscito il manuale dedicato proprio a Sandpoint (https://pathfinderwiki.com/wiki/Sandpoint,_Light_of_the_Lost_Coast) nel 2018 (molto dopo l'uscita dell'avventura) al che mi chiedo: vale la pena acquistare il manuale in questione su Sandpoint per migliorare le prime sessioni di gioco oppure no? ma soprattutto: il manuale è "ambientato" prima dell'avventura di "Rise of the Runelord" oppure dopo? vorrei evitare di acquistarlo per poi scoprire che è per gestire Sandpoint al di fuori di questa campagna e dopo che un gruppo di avveturieri ha salvato la città dai signori delle rune...
      Grazie mille.
      P.s. non riesco a trovare l'elenco dei manuali di PF 1e in italiano (su pathfinderwiki ci sono i riferimenti dei manuali usciti in inglese ma dubito fortemente che siano stati tutti tradotti...). Esiste una lista dei manuali usciti in italiano e magari i link di dove acquistarli? PDF o cartacei non mi fa differenza, ma se esistono preferisco in italiano rispetto che inglese per velocizzare il tutto.
      Modificato 3 minuti fa da supremenerd88
    • By Benfoghor93
      Ciao a tutti, gioco a d&d da un annetto circa, più precisamente alla 3.5, sto per iniziare una nuova campagna e per la prima volta volevo creare un pg che usa le armi da fuoco, Il problema è che non riesco a trovare nessuna fonte ufficiale a riguardo. Sapete dirmi per caso se esistono dei manuali, anche in inglese, della 3.0 o 3.5 che tratti appunto queste armi ed anche eventuali classi?
    • By Baubeforeme
      Cercasi 3 giocatori attivi tra lunedì - giovedì per campagna D&D
      Se siete interessati a partecipare cerco solo persone da 25 anni in su. Esperienza nella 3.5 gradita 
      Possibilità di streaming su twitch /YouTube. 
      Piattaforma roll20
      Per maggiori info vi lascio il mio Discord :  BauBeforeMe#3512
    • By Pablo
      Ciao a tutti! Vorrei iniziare a fare il master e vorrei sottoporvi questo incipit di Campagna, per sapere se avete dei suggerimenti o comunque cosa ne pensate. Premessa, i Giocatori sono del paese Phandalin, e abitano in un Maniero (abbiamo già fatto altre campagne assieme, in cui ero giocatore, e quindi i personaggi si conoscono già)
       
      Eclissi – parte narrata
      Siete a Phandalin, è una bella giornata Estiva. Nella piazza principale stanno allestendo un palco per l’annuale festa di saluto all’estate. Durante la mattinata date una mano ai concittadini per i preparativi. E’ prevista musica e un grande banchetto, in cui ogni abitante porta qualcosa da mangiare. Lo stesso Lord Sindaco del Paese partecipa attivamente alla costruzione del palco, ed anche sfornando un ottimo pasticcio di anatra.
      E’ pomeriggio inoltrato, i preparativi sono ultimati. Siete vicini ai vostri cavalli, pronti per tornare a riposare al vostro maniero, quando notate che la luce per terra è strana. Ad un tratto è più buio.
      Fine parte narrata
       
      Il Sole sta subendo una eclissi, un disco nero nel giro di pochi minuti lo copre completamente. Visto che è giorno nessuna fiaccola è accesa e quindi un buio totale avvolge tutto. I Giocatori sentono freddo. I cavalli si sentono imbizzarriti, a stento si tengono. Gli abitanti urlano impauriti.
      Dopo qualche attimo dove una volta c’era il sole un cerchio rosso di fuoco si forma, con delle lingue di fiamme.
      TUTTI DEVONO FARE UN TIRO SU COSTITUZIONE (CD 15): se non lo passano cadono a terra in preda ad un potente mal di testa.
      Comunque tutti i Giocatori vengono avvolti da un terrore inspiegabile, un senso di paura e disperazione.
      Dopo alcuni minuti il cerchio rosso scompare. Il disco nero che occludeva il Sole molto lentamente si sposta, lasciando che la luce torni. Una volta scomparso completamente la normale luce del sole pomeridiano torna a riscaldare i Giocatori.
      Quelli che NON AVEVANO SUPERATO IL TIRO SU COSTITUZIONE cominciano a sentirsi subito meglio. A tutti il senso di terrore scompare.
      Nella piazza un quarto degli abitanti è riversa in malomodo per terra. Mentre la maggior parte è in piedi, ma terrorizzata per quanto avvenuto.
      Qui i giocatori si possono avvicinare e parlare con gli abitanti, sono tutti frastornati. Gli abitanti per terra sembrano svenuti, e non si riescono a risvegliare.
      I popolani riversi per terra dopo un po’ cominciano ad avere degli strani scatti muscolari, come quando si dorme profondamente. E dopo poco, in maniera del tutto scomposta, si rialzano. Aprono gli occhi, che ora sono rosso fuoco. Uno sguardo omicida è presente nei loro nuovi sguardi.
      Urlando aggrediscono a mani nude i popolani increduli, e gli stessi Giocatori.
       
      E’ solo un inizio. Vorrei che dietro all’eclissi ci sia un Lich, grazie a questa riesce a possedere quante più persone possibile di tutto il mondo conosciuto. Questo per creare un suo esercito con cui distruggere il mondo dei viventi. Devo ancora decidere come potranno sconfiggerlo e tutto il resto, ma mi sembra una storia che prende fin da subito. Non molto originale, ma comunque interessante. Sullo stile Horror. Non ci saranno i classici villaggi con le taverne, in cui sentirsi al sicuro. Saranno tutti distrutti e pieni di creature possedute. Verranno create delle roccaforti dai sopravissuti, quelle saranno le uniche zone sicure (circa...)
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.