Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Quattro nuove classi da testare per PF2

Articolo di Morrus del 06 Novembre
Sono ora disponibili da scaricare e testare le classi dell'investigatore, dell'oracolo, dell'intrepido e del fattucchiere, che saranno poi inserite nella Advanced Player's Guide prevista per Luglio prossimo. Questo playtest durerà per meno di un mese, fino al 02 Dicembre.

L'investigatore è un personaggio astuto e abile nel muoversi negli ambienti urbani, che si prende in carico dei casi per trovare indizi e risolvere misteri. Questa classe si lega a degli aspetti del gioco che non sono molto approfonditi nel Core Rulebook, quindi il playtest serve per vedere se il loro approccio alla risoluzione dei misteri risulta soddisfacente anche mantenendo le regole del gioco in generale flessibili.
L'oracolo controlla dei poteri divini incanalando dei concetti universali, lancia dei potenti incantesimi di rivelazione che hanno un costo per il suo corpo e agiscono come una maledizione nociva. Vogliamo assicurarci che gli effetti della maledizione siano divertenti e intriganti senza sbilanciare però la classe rispetto ad altri personaggi. Per questo playtest abbiamo reso disponibili solo alcuni misteri, ma ce ne saranno altri nella versione finale.
L'intrepido è l'agile e scattante maestro del campo di battaglia, che si muove con gesta acrobatiche tra i nemici e che può raggiungere uno stato di sensi acuiti utile per infliggere devastanti colpi letali. Vi faremo testare un sistema che incoraggia l'ottenere Eleganza, ovvero uno stato di abbagliante stile e agilità che consente agli intrepidi di usare capacità più potenti. La versione del playtest enfatizza alcune nuove regole specifiche per questa classe di modo che possano essere testate a fondo, ma la versione finale potrebbe ottenere alcuni dei talenti da arma del guerriero adatti ad uno stile da duellante.
Il fattucchiere serve una misteriosa entità che funge da patrono, lanciando incantesimi e fatture imparate grazie ad un potente famiglio. Si tratta della classe da incantatore più flessibile che abbiamo introdotto, dato che vi permette di costruire il vostro percorso non solo scegliendo dei talenti, ma anche le lezioni che si possono imparare dal proprio famiglio. Vogliamo assicurarci che queste opzioni funzionino al meglio sia meccanicamente che narrativamente in tutte e tre le tradizioni da incantatore a cui i fattucchieri hanno accesso.
Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/threads/playtest-four-new-pathfinder-2e-classes.668402/
Read more...

Anteprima Eberron: Rising from the Last War #2: Il Sommario

NewbieDM sul suo account Twitter ha pubblicato l'immagine che ritrae il Sommario di Eberron: Rising from the Last War, il primo manuale cartaceo dedicato ad Eberron in uscita il 19 Novembre 2019 (potete trovare qui e qui maggiori informazioni sul supplemento). NewbieDM sul suo account Twitter ha rivelato anche numerose altre anteprime di Eberron: Rising from the Last War: se vi interessano, potete cercarle tra le immagini della sezione "Contenuti" della sua pagina Twitter (controllate a partire dalla data del 14 Novembre e proseguite la ricerca tra le immagini pubblicate nei giorni precedenti).
Qui di seguito, invece, potete trovare l'immagine del Sommario (per ingrandirla cliccate su di essa):

Read more...

I Draghi Gemmati stanno per arrivare in D&D 5e

In occasione della recente puntata di Spoiler & Swag, Natahn Stewart e Kate Welch della WotC hanno rivelato che il 21 Novembre verrà rilasciato un nuovo Set di Dadi speciale realizzato per festeggiare il 5° Anniversario dell'uscita di D&D 5e e il 45° Anniversario dall'uscita di D&D in generale. Questo set, che avrà un costo di 299,99 dollari (fra poco capirete perché) e sarà limitato a un massimo di 1974 copie, conterrà undici dadi in alluminio con i numeri colorati di blu, tra cui sarà presente un d20 con incastonato un piccolo zaffiro (questa gemma è stata scelta dalla WotC in quanto di solito essa è usata per commemorare il 5° e il 45° anniversario di un avvenimento). La vera sorpresa all'interno di questo set, però, è il fatto che esso contiene le statistiche del primo Drago Gemmato di D&D 5e, ovvero il Drago di Zaffiro.
Per chi tra voi non lo sapesse, i Draghi Gemmati costituiscono la terza categoria di draghi presenti in D&D, assieme ai Draghi Cromatici e ai Draghi Metallici. A differenza dei Draghi Cromatici (che sono malvagi) e di quelli Metallici (che sono buoni), i Draghi Gemmati sono neutrali.
La presentazione del Drago Zaffiro all'interno di questo set speciale, dunque, segna l'ingresso dei Draghi Gemmati nella 5a Edizione di D&D. Non sarà necessario, tuttavia, acquistare questo set di dadi per poter utilizzare il Drago Zaffiro nelle vostre campagne. Nathan Stewart, infatti, ha dichiarato che esso (e, chi lo sa, magari anche gli altri Draghi Cromatici, NdRedattore) sarà reso accessibile a tutti, ma si dovrà aspettare l'inizio del 2020.
E' possibile, quindi, che all'inizio del 2020 uscirà un nuovo supplemento in cui saranno presenti i Draghi Gemmati.
Voi che ne pensate? Ditecelo nei commenti.
 




Fonti:
https://www.enworld.org/threads/299-d-d-anniversary-sapphire-dice.668498/
https://www.enworld.org/threads/d-d-gem-dragons-are-officially-back.668530/
Read more...

Mettere in Piedi una Campagna nei Reami

Articolo di Ed Greenwood del 11 Ottobre 2019
Giocare ad avventure one shot, così come fare binge-watching di una bella mini-serie televisiva, può essere divertente, ma prima o poi qualsiasi giocatore di GDR vorrà provare una campagna, una serie di avventure interconnesse in cui la posta in gioco - e si spera anche le ricompense - possano essere più alti. Più tempo trascorso insieme agli amici, facendo di più e più a lungo. Molte campagne finiscono per esaurire il carburante e svanire, ma altre vanno avanti letteralmente per decenni costruendo, si spera, ricordi piacevoli (e cos'altro è la vita, se non una collezione di ricordi? Quindi cosa stiamo realmente facendo mentre viviamo le nostre vite? Stiamo costruendo una collezione di ricordi!) delle serate trascorse con gli amici attorno a un tavolo da gioco.

Il che, dato che il luogo dove realmente vivo sono i Reami, mi porta al come impostare e gestire una campagna nei Forgotten Realms.
Non esiste un modo giusto o un modo sbagliato di giocare a D&D o di fare il DM o di condurre una campagna, ma vi voglio illustrare come l'ho fatto io e, soprattutto, perché.
Primo, per risparmiare tempo e confusione, creavo dei personaggi pregenerati, comprensivi di background, i quali erano tutti giovani che cercavano la loro fortuna e lasciavano le loro case, tutte situate nella stessa comunità, per la prima volta nella vita. Questo ci permetteva di saltare i momenti confusionari in cui bisognava capire quali fossero tutte le capacità da scegliere, e soprattutto mi permetteva di costruire "abilità di vita quotidiana" e un passato per ogni personaggio. Lasciavo che i giocatori potessero scegliere tra il doppio del numero di personaggi necessari (per offrire loro maggiori scelte di classe, razza, genere e background), e spesso il gruppo di PG includeva un personaggio di riserva, gestito da me come DM fino a quando era necessario: ogni volta che un PG moriva o diventava incosciente, quel giocatore usava la riserva per il resto della sessione, invece di essere escluso dal gioco.
Ed il passato di quei personaggi dava ai giocatori situazioni problematiche per i loro personaggi (come la reputazione della famiglia, faide in corso e debiti) che potevano essere sfruttate o ignorate, a seconda di come andava il gioco.
(Man mano che il gioco andava avanti, alcuni giocatori sicuramente avrebbero voluto provare altre classi, ed io mi ero già preparato sin dal principio per mandare i PG iniziali in pensione invece di farli morire gloriosamente o altro. Molti PG in pensione potevano in caso uscire dal pensionamento per fungere da rinforzi temporanei oppure potevano mettere in piedi esercizi commerciali consolidati o creare una famiglia, dalle cui fila potevano poi essere selezionati i PG futuri.)
Secondo, avevo fornito loro un piccolo Compendio del Giocatore: un breve riassunto di ciò che sapevano riguardo ciò che li circondava, completo di mappe ridicolmente incomplete (ovvero una piccola area conosciuta circondata da frecce che indicavano cose come: "Thay molto lontano in questa direzione" e simili) dei Reami con tanto di Hic Sunt Dracones. Questa era la loro "conoscenza comune iniziale", e sì, avevamo una Sessione Zero in cui tutti potevano tranquillamente esporre le loro domande e trascrivere le mie risposte ai loro quesiti che sorgevano dalla lettura del Compendio. I loro personaggi avrebbero anche potuto essere dei ragazzi innocenti, ingenui e con gli occhi spalancati dalla meraviglia che si avventuravano in un mondo grande e spaventoso ... ma "sapevano quello che sapevano" e i giocatori potevano usarlo come solida base da cui iniziare.
Terzo, avevo incoraggiato i giocatori a parlare immedesimandosi nei loro personaggi, tranne quando si interagiva tra giocatore e giocatore: "Mi passi quel d12, per favore?" O "Passami le patatine" o tra giocatore e DM: "Ho vissuto qui tutti la mia vita; ho mai visto questa persona / quel distintivo prima d'ora? ”.E avevo fatto estendere la cosa, a partire dall'inizio della prima sessione di gioco, ai "consigli di guerra" , in cui i PG discutevano su dove sarebbero andati e cosa avrebbero cercato di fare rimanendo sempre nel personaggio. Volevo che prendessero l'abitudine di scegliere il loro destino, così come fanno degli eroi che cambiano il mondo rispetto a dei ragazzi che reagiscono solo a ciò che il mondo fa capitare loro.
Sì, questo significava che dovevo dettagliare il mondo in tutte le direzioni (nelle immediate vicinanze, almeno) e avere varie avventure pronte all'uso, indipendentemente dai luoghi e dalle attività che avrebbero scelto, ma avevo già questo mondo vasto e complesso, che doveva solo essere rifinito con dei dettagli locali. (Questo, oltre alla necessità di rispondere a tutte le domande dei miei giocatori per anni e anni, è il motivo per cui avete dei Reami così profondamente dettagliati.)
Eppure tutta quella mole di lavoro valeva la pena di essere fatta, perché i giocatori, attraverso i loro personaggi, avevano la possibilità di scegliere.
Anche nella campagna "casalinga" dei Reami, dopo decenni di gioco, ho sempre incoraggiato questi "consigli di guerra" fatti rimanendo nel personaggio, momenti in cui i PG discutevano su dove andare e cosa fare, in modo che si sentissero padroni dei loro destini, non tirapiedi che venivano spinti di qua e di là da un potente Dungeon Master divino (o, peggio ancora, da un DM che si comportava in modo tale da sembrare l'avversario dei giocatori).
La vita è una serie di scelte morali, in fondo lo sappiamo tutti; organizzate le cose intorno al vostro tavolo da gioco in modo da dare ai vostri giocatori scelte morali da compiere tramite i loro personaggi, e le avventure AVRANNO PIÙ IMPORTANZA per loro, e quindi saranno più significative, successi ben più importanti del semplice "ammazza il mostro, arraffa il tesoro, via col prossimo dungeon."
Quarto, mi assicuravo che i giocatori avessero una serie di avventure tra cui scegliere, tra cui qualche bel massacro per sfogare le frustrazioni della vita reale e un mistero o due (perché tutti amano i misteri; sono seducenti, possono davvero interessanti se il mistero non deve essere risolto per ottenere la sopravvivenza o la libertà). Comprese alcune scelte che sembrassero facili rispetto ad avventure tipo "combatti il Grande Signore Oscuro."
Per le mie mini-campagne da biblioteche (giocate nelle biblioteche pubbliche in cui lavoravo, gestendo dei programmi per adolescenti, un pomeriggio alla settimana per 13 settimane consecutive), non avevo il tempo per lasciare che i personaggi dei giocatori vagassero in giro e scegliessero la loro prima avventura, quindi ho risolto con l'idea dei contratti di avventura. Il gruppo di avventurieri avrebbe iniziato a giocare nel Cormyr, avendo appena ottenuto un atto reale, che imponeva loro una condizione per la concessione dello stesso, che era l'unico modo legale in cui i PG potevano andare in giro armati nel paese. Questa era una missione primaria quindi, prima di cercare avventure in modo indipendente per conto vostro, voi, la nascente Compagnia dell'Unicorno o la Spada Azzurra o la Lama Luminosa, dovete completare prima questa missione (eliminare quei fastidiosi briganti o guidare i goblin fuori dalle colline attorno a quella valle di confine). Un compito del genere costringeva il gruppo di PG ad esplorare caverne o una rovina che i loro bersagli stavano usando come tana, ed ecco che un'avventura per rompere il ghiaccio era in corso...e poteva essere impostata per mostrare chiaramente una via verso diverse altre avventure, dando ai giocatori le loro prime scelte reali.
E gli avventurieri di successo, nella vita reale e nel gioco, cosa fanno? Cercano di ottenere il meglio dalle loro scelte.
Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/threads/getting-a-realms-campaign-up-and-running.667087/
Read more...

Baldur's Gate: Discesa nell'Avernus è il prossimo manuale per D&D 5e in italiano

La Asmodee Italia ha aggiornato la pagina delle sue prossime uscite e ha rivelato quale sarà il prossimo manuale in arrivo per D&D 5e in lingua italiana: si tratta di Baldur's Gate: Discesa nell'Avernus (Baldurs Gate: Descent into Avernus), l'avventura nella quale i giocatori non solo potranno visitare la famosa città di Baldur's Gate, ma anche intraprendere con i loro personaggi una discesa nel primo livello dei Nove Inferi, l'Avernus.
Baldur's Gate: Discesa nell'Avernus, che è stato di recente protagonista di un evento ufficiale organizzato dalla WotC presso il Lucca Comics & Games 2019, è previsto per Gennaio 2020. E' importante tenere presente, tuttavia, che questa è al momento una data solo indicativa: in caso di imprevisti è possibile che la data possa slittare. Avremo maggiori informazioni sulla data di uscita definitiva quando saremo più vicini al momento della pubblicazione.
Se cercate maggiori informazioni su Baldur's Gate: Discesa nell'Avernus, potete leggere la recensione del manuale, gli articoli di anteprima e quelli di approfondimento che abbiamo pubblicato negli ultimi mesi:
❚ Recensione di Baldur's Gate: Discesa nell'Avernus
❚ Baldur's Gate: Descent into Avernus è la prossima avventura per D&D 5e
❚ Anteprima #1: Le stat della Infernal War Machine
❚ Anteprima #2: La mappa dell'Avernus e altre immagini
❚ Anteprima #3: Sommario e inizio Capitolo 1
❚ Diamo uno sguardo ai mostri dell'Averno
❚ Baldur's Gate: Discesa nell'Avernus - Come vendere la propria anima guadagnandoci
❚ Baldur's Gate: Discesa nell'Avernus - I nostri Oggetti Magici infernali preferiti
Qui di seguito, invece, potete trovare la descrizione ufficiale pubblicata sul sito di Asmodee Italia:
Dungeons & Dragons - Discesa nell'Avernus
Benvenuti a Baldur’s Gate, una città dove l’ambizione, la corruzione e l’omicidio dilagano. Avete appena iniziato la vostra carriera da avventurieri, ma restate subito coinvolti in un complotto che vi condurrà dalle ombre di Baldur’s Gate alle prime linee della Guerra Sanguinosa! Avrete abbastanza fegato da ritorcere le macchine da guerra infernali e i nefandi contratti contro l’arcidiavolessa Zariel e le sue diaboliche legioni? Riuscirete a tornare a casa sani e salvi quando sul vostro cammino vi attendono le sterminate forze del male dei Nove Inferi?
Lingua: italiano
Data di uscita: gennaio 2020


Read more...
Sign in to follow this  
lepracauno

WOTC e art gallery

Recommended Posts

Mi sembra incredibile rivedere le gallery della WOTC e notare come in molte immagini si sia abbassato quel "senso di qualità" che si potevano notare in vecchi manuali..

é solo una mia impressione o nella nuova edizione le illustrazioni sembrano più tirate alla buona?!

Share this post


Link to post
Share on other sites

ommioddio, stai criticando la 4ed ! Nel caso specifico le illustrazioni .

Risparmierò tempo ai fan nel replicarti e ti risponderò con le cinque opzioni standard solitamente usate .

1) Stai facendo trolling

2) Aspetta i nuovi manuali ; ci saranno illustrazioni migliori

3) Usa una home rule (cioè prendi Photoshop e aggiustatele )

4) Quelle della 3.5 erano uguali ( se non peggio )

5) Stai facendo trolling

A parte gli scherzi, trovo le illustrazioni assolutamente adeguate al "mood" dei manuali . Molto dettagliate e quasi "fumettistiche" stile Image . Non mi piace molto lo stile di O'Connor ( anche se è molto migliorato dai suoi primi lavori ) , e a parte qualche "caduta di stile" , tipo la nana con l'ombra della barba , la CGI di sfondo agli Eladrin e lo stirge che sembra Homer Simpson bivaccato sul divano , nel complesso il giudizio è più che positivo .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io invece trovo il livello medio delle tavole veramente caduto in basso...non è vero che sono allo stesso livello della 3.5 e O'Connor credo sia uno dei pochi (insieme a Ralph Horseley) ad avere i requisiti minimi per pubblicazioni di questo livello. Se le illustrazioni saranno migliori nei prossimi manuali è solo perché alla WOTC hanno rischiato il linciaggio. In ogni caso non è che siano tirate alla buona, è che hanno assunto gente nuova e molto acerba...

EDIT: :P mi sono accorto che sto discutendo con un "Baldholder miope" a proposito di illustrazioni :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

credo che non sia trolling il mio( e poi cos'è?!?!)

comunque che fine ha fatto Lockwood? Sam Wood? Wayne Reynolds?

Un tempo popolavano le varie immagini dei manuali e ora!?!?

Share this post


Link to post
Share on other sites

credo che non sia trolling il mio( e poi cos'è?!?!)

comunque che fine ha fatto Lockwood? Sam Wood? Wayne Reynolds?

Un tempo popolavano le varie immagini dei manuali e ora!?!?

...costano troppo? Forse anche la WotC è in crisi...

Per inciso, trolling vuol dire fare il troll ovvero scrivere cavolate con il solo scopo di rompere le sfere del drago... e ovviamente il tuo non era affatto un intervento di trolling. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh...costano troppo...sarebbe come dire che la disney dovrebbe affidarsi a dilettanti per i cartoni animati dai...Sono sicuro che un po' tutti i settori siano in crisi, ma non credo che alla Ferrari si affidino a tecnici poco esperti perché vendono meno ora...e sicuramente fare prodotti di bassa qualità non può che nuocere alle vendite ;) Ovviamente tutto IMHO

Share this post


Link to post
Share on other sites

personalmente però questo "abbassamento" arriverà ad influire anche sull'immaginario fantasy.

Mi spiego: io son cresciuto con Elmore, Diterlizzi, Lockwood, Sweet e compagnia cantante e ho una chiara idea di fantasy che reputo modesto e di un certo valore e questo è nato anche dalle pagine dei manuali con cui ho giocato..

Share this post


Link to post
Share on other sites

1) credo che anrea scherzasse col discorso del trolling, ha solo riportato le risposte standard dei fanatici della 4th

2) la wiz E' in crisi. Quello è un dato di fatto tanto che alla Hasbro ogni due per tre taglian teste o tentano ristrutturazioni. Non a caso ha fatto la 4th per allargare il bacino di utenza ai giocatori non D&D e non "fantasy classico" (esempio, per attirare gente amante di WOW... non a caso molte illustrazioni sembrano quelle di WOW...). Ciò detto non per questo andrebbero nin cerca di illustratori meno cari, primo perchè sanno che i disegni fanno il 60 % del loro lavoro di marketing, quindi quei soldi li spendono comunque volentieri, secondo perchè non credete che gente più famosa prenda poi chissà quanto. Nemmeno mostri sacri come Amano o Frazetta son mai diventati ricchi, e neanche tutti i grandi illustratori degli anni 90 (Parente, Guay ecc.)

3) IMHO le illustrazioni son di buon livello, certo è che son più da yugiho che non da AD&D. Certo roba alla Cabral o Whelan ora come ora non potrebbe più finire nei libri della wizard, sembrerebbe fuori posto. Persino per Magic uno come Dan Scott ha fatto molti lavori recentemente, mentre grandi illustratori fantasy tipo guay e brom non si vedon più.

Share this post


Link to post
Share on other sites

X Lepracauno : ovviamente la mia prima parte del post era una velata ironia , Allsunday ha compreso in pieno ...

Lockwood è disperso, Sam Wood non lo vedo da un sacco e Reynolds ( a mio avviso il meno dotato dei tre ) bazzica la Paizo .

Altri artisti validi dei manuali 3.5 sono Arnie Swekel e Dubisch .

Share this post


Link to post
Share on other sites

1) credo che anrea scherzasse col discorso del trolling, ha solo riportato le risposte standard dei fanatici della 4th

2) la wiz E' in crisi. Quello è un dato di fatto tanto che alla Hasbro ogni due per tre taglian teste o tentano ristrutturazioni. Non a caso ha fatto la 4th per allargare il bacino di utenza ai giocatori non D&D e non "fantasy classico" (esempio, per attirare gente amante di WOW... non a caso molte illustrazioni sembrano quelle di WOW...). Ciò detto non per questo andrebbero nin cerca di illustratori meno cari, primo perchè sanno che i disegni fanno il 60 % del loro lavoro di marketing, quindi quei soldi li spendono comunque volentieri, secondo perchè non credete che gente più famosa prenda poi chissà quanto. Nemmeno mostri sacri come Amano o Frazetta son mai diventati ricchi, e neanche tutti i grandi illustratori degli anni 90 (Parente, Guay ecc.)

3) IMHO le illustrazioni son di buon livello, certo è che son più da yugiho che non da AD&D. Certo roba alla Cabral o Whelan ora come ora non potrebbe più finire nei libri della wizard, sembrerebbe fuori posto. Persino per Magic uno come Dan Scott ha fatto molti lavori recentemente, mentre grandi illustratori fantasy tipo guay e brom non si vedon più.

Chiedo scusa ma un'affermazione come la tua implica che le illustrazioni siano davero calate di brutto, mi si perdoni il termine! Senza offesa per Yugi-Ho ma capisci che è come paragonare i Pokèmon ai mostri del Monster Manual? Inoltre credo che anche l'associazione Magic-D&D non valga poi molto visto che ci sono illustrazioni di Magic che sono quasi al livello di "inguardabile". Per farti capire, quando ero giovane mi avevano proposto di entrare nello staff degli illustratori di Magic (lo so, sono stata scema ma ero giovane e inesperta e non mi sentivo all'altezza) mentre lavorare per la WotC resta un'utopia che neanche prendo in considerazione.

@Akè: La Ferrari non risentirà mai della crisi, un po' come la Disney, quindi non hanno bisogno di fare tagli così drastici come è toccato fare alla WotC. Non me ne intendo di marketing, tantomeno di quella della Wizard ma sono sicura, almeno dalle scelte che stanno facendo nell'ultimo periodo, che la crisi abbia colpito anche lei. Poi magari sbaglio ma a me la cosa sembrava palese, tant'è che, diciamocelo: oramai i manuali si trovano anche senza doverli pagare, e la gente spende davvero molto meno per manuali, avventure e compendium vari. Questo è un mio parere ma secondo me ha ragione Allsunday quiando dice che la 4° edizione sia stata creata per vendere di più, non certo per accontentare la fetta di mercato degli appassionati, degli old school diciamo...

In ogni caso, la mia l'ho detta e forse non avrei dovuto tornare tra questi topic ma vabbè, oramai è fatta...

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Chaya: quando persino la prostituzione è un settore in crisi, vuol dire che è universale ;-) La crisi ha colpito anche la Ferrari, anche se non così duramente da mandarla in fallimento ovviamente, anche perché è un'azienda solidissima. Inoltre trovo azzeccato il paragone fatto da allsunday, e anche la tua osservazione: sembra veramente quasi ai livelli di Yugi-ho!, ergo il livello è proprio calato di brutto. Con Dark_Megres, appena avuto in mano MDG e MDM, li abbiamo smontati in 20 minuti... e io non ero affatto prevenuto, cambiare stile non deve per forza voler dire fare cose più scadenti, ma è quello che hanno fatto con D&D! A me lo stile WOW non piace, per vari motivi, ma posso riconoscere che ho visto delle tavole fatte molto molto bene, così come magari ho visto delle tavole in stile più classico, che adoro, fatte con i piedi. Mi sembra di vedere quello che è successo negli anime giapponesi dai, con tutti i vari yugi-ho appunto, pokemon e tutta quella fila che da anni impesta i palinsesti...son 3 linee in croce, ovvio che facciano in fretta a creare sti cartoni, che anno dopo anno saranno sempre più semplificati...tra qualche mese ci ritroveremo con delle sferette animate :-p

Termino qui il mio delirio che sto volando OT.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quel che mi preoccupa sarà la proliferazione di bimbominkia che vedendo quelle immagini si sentiranno sempre più fighi dicendo io voglio fare il PG yugiho.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quel che mi preoccupa sarà la proliferazione di bimbominkia che vedendo quelle immagini si sentiranno sempre più fighi dicendo io voglio fare il PG yugiho.....

(Ri)leggi qui....;-)

A parte gli scherzi, trovo le illustrazioni assolutamente adeguate al "mood" dei manuali

Comunque , visto che stai criticando pesantemente la 4ed , ti faccio rileggere le 5 risposta standard, stile 10 domande di Repubblica :

1) Stai facendo trolling

2) Aspetta i nuovi manuali ; ci saranno illustrazioni migliori

3) Usa una home rule (cioè prendi Photoshop e aggiustatele )

4) Quelle della 3.5 erano uguali ( se non peggio )

5) Stai facendo trolling

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chiedo scusa ma un'affermazione come la tua implica che le illustrazioni siano davero calate di brutto, mi si perdoni il termine! Senza offesa per Yugi-Ho ma capisci che è come paragonare i Pokèmon ai mostri del Monster Manual?

:lol: intendevo che le illustrazioni hanno una vena sempre più fumettistica e son sempre più lineari e schematiche, non certo una vena più sognante e grezza con quella delle illustrazioni di AD&D (ossia ad&d 2nd edition, quella prima della 3.5). Io stesso ho scritto che come livello sono buone, sono semplicemente diverse!

Inoltre credo che anche l'associazione Magic-D&D non valga poi molto visto che ci sono illustrazioni di Magic che sono quasi al livello di "inguardabile". Per farti capire, quando ero giovane mi avevano proposto di entrare nello staff degli illustratori di Magic (lo so, sono stata scema ma ero giovane e inesperta e non mi sentivo all'altezza) mentre lavorare per la WotC resta un'utopia che neanche prendo in considerazione.

la Wizards of the Coast produce Magic da prima di comprare i diritti di D&D dalla Tsr, quindi se tu lavorassi per magic, lavoreresti per la wizards :sleep:

Comunque il paragone è azzeccato, nel senso che la Wiz si muove in un certo modo lungo tutti i filoni del suo operato: così come magic è stato portato, a livello di regole e di scelte artistiche, dall'essere un gioco adulto e complesso all'essere un gioco per ragazzi e ragazzini, molto meno oscuro e con molti meno riferimenti a cose/personaggi scabrosi/morbosi/orrorifici, la stessa cosa è successa a D&D, anche se in modo più smorzato.

Diciamoci la verità, un'ambientazione alla ravenloft, un film come conan il barbaro, un disegno di brom suscitano sentimenti di terrore/turbamento che difficilmente potremo provare con un personaggio di WOW. E probabilmente sono, proprio per questo, meno adatti ad un pubblico molto giovane.

Oltretutto direi che le illustrazioni di magic sono enormemente migliori di quelle per D&D, data la maggior varietà e l'enorme partecipazione di tutti i più grandi artisti fantasy della storia recente. Di certo fino al 96/98 c'era molta più varietà, quindi si andava da miracoli visivi a orrende carte (Phil Foglio ad esempio), ma tutta la produzione del nuovo millennio è stata molto più "equilibrata".

Share this post


Link to post
Share on other sites

il mood dei manuali...

scendo un minimo nel lato tecnico: illustrazioni in cui lo spiccato senso del digitale e del 3d aiutano, personalmente, ad avere l'idea che l'illustrazione sia stata fatta solo di fretta...alcuni sembrano speedpainting...

Anche Lockwood, Sweet lavorano in digitale ma almeno studiano uno stile del mezzo digitale e non una mera maniera per far prima... in questo si basa la mia critica.

Se in futuro comparissero illustrazioni migliore sarei il primo a dire bene ma sul sito della wotc compaiono diverse gallery(anche dei dragon e dei dungeon) ma la qualità non sembra migliorare... motivo per cui ho paura di quel che porterà...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Siamo sicuri che non sia un thread di spamming? :rolleyes:

A parte questo, ma state parlando di illustrazioni tipo quelle che si possono trovare qui http://www.wizards.com/dnd/article.aspx?x=dnd/4art/20090508 ?

Allora non vedo questo scarto abissale con l'edizione precedente.

Ma entrando nel merito del cambiamento, credo ci sono alla base due fattori, quello economico e quello di scelta editoriale.

Per mantenersi su prezzi ragionevoli di sicuro conviene reclutare nuove leve e, dato che negli ultimi tempi il mondo dell'illustrazione si sta affollando enormemente, ovviamente si possono scegliere "artisti" di medio livello che non pretendano grosse somme di denaro. Sembra strano, ma mica tanto, appena si ha successo, nel senso che le tue opere sono riconoscibili e il tuo nome è ormai conosciuto, i compensi che si pretendono sono maggiori e, io dico, questo è sacrosanto, visto che dopo la gavetta ( che vuol dire non guadagnare nulla per lavorare come schiavi ) è giusto che sia riconosciuta la tua professionalità almeno quando arrivi ad essere riconoscibile.

Il secondo punto è la direzione che l'editore vuole percorrere per aumentare il proprio bacino di vendite. Questo implica la scelta di un direttore artistico che ha una certa visione del prodotto dal punto di vista grafico e che, considerando il budget a disposizione, recluta gli artisti come ritiene più opportuno per raggiungere il suo obiettivo.

Il tutto per dire che la nostalgia dei bei tempi passati lascia il tempo che trova, l'unica cosa che si può fare è non comprare i manuali se non ci piacciono.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rispondo sulle immagini che ha postato Lepracauno, perchè di 4ed ho solo la preview.

Parte scherzosa: a te sembreranno tristi, ma io cose così ancora non le so fare!! T_T

Parte seria: dite che quelle della 3ed erano molto meglio, ma io ho in mente una paladina (vedi MDG) veramente schifida, poi non parliamo degli halfling, che in ogni manuale, in ogni edizione poveretti fanno sempre una pessima figura... Illustrazioni "per occupare spazio" lo sembrano molto anche quelle che raffigurano gli incantesimi sempre nel MDG, c'è n'è una (sfocatura, offuscamento, passaggio ad un altro piano, non ricordo) in cui addirittura il bg è una foto di un albero sfuocata!

Nel manualetto inutile che ho io ci sono alcuni esempi di illustrazioni e le ho trovate carine, anche se certamente più tendenti al fumetto (non necessariamente giappo) e allo stile di wow. Certo, alcune immagini old stile sono fantasticherrime, ma se cerchiamo esempi di illustrazioni "buttate li" se ne trovano a iosa! :P

Comunque riguardo ai manuali di 4ed non so, come scritto all'inizio rispondo più che altro per le immagini postate da Lepra^^

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rispondo sulle immagini che ha postato Lepracauno, perchè di 4ed ho solo la preview.

Parte scherzosa: a te sembreranno tristi, ma io cose così ancora non le so fare!! T_T

Parte seria: dite che quelle della 3ed erano molto meglio, ma io ho in mente una paladina (vedi MDG) veramente schifida, poi non parliamo degli halfling, che in ogni manuale, in ogni edizione poveretti fanno sempre una pessima figura... Illustrazioni "per occupare spazio" lo sembrano molto anche quelle che raffigurano gli incantesimi sempre nel MDG, c'è n'è una (sfocatura, offuscamento, passaggio ad un altro piano, non ricordo) in cui addirittura il bg è una foto di un albero sfuocata!

Nel manualetto inutile che ho io ci sono alcuni esempi di illustrazioni e le ho trovate carine, anche se certamente più tendenti al fumetto (non necessariamente giappo) e allo stile di wow. Certo, alcune immagini old stile sono fantasticherrime, ma se cerchiamo esempi di illustrazioni "buttate li" se ne trovano a iosa! :P

Comunque riguardo ai manuali di 4ed non so, come scritto all'inizio rispondo più che altro per le immagini postate da Lepra^^

Quoto Mia, anche per quel che riguarda la parte scherzosa :-p (vorrei disegnare come certi illustratori della 4ed)

Io ho visto quasi tutti i manuali della 4° e mi sembra che lo stile che hanno scelto corrisponda ad una scelta ben precisa. Non vedo questo scarto abissale con le edizioni precedenti che però conosco poco, tranne la 3.5.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.