Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Anteprime di Strixhaven: Curriculum of Chaos #1

Andiamo a scoprire alcune anteprime su Strixhaven: A Curriculum of Chaos, il prodotto cross-over tra D&D e MtG in uscita tra due mesi.

Read more...

Hexcrawl : Parte 8 - Esempio di Legenda per gli Esagoni

Nell'ottava parte di questa rubrica Justin Alexander ci illustrerà alcuni esempi di esagoni da lui creati all'interno della sua mappa.

Read more...

Anteprime di Fizban's Treasury of Dragons #1

Stanno circolando in questi giorni i primi frammenti di anteprima del contenuto del manuale sui draghi di D&D 5E: Fizban's Treasury of Dragons.

Read more...

Zone Jaune

Un nuovo articolo legato a Il Re in Giallo, in cui Gareth Ryder-Hanrahan prova ad inventare alcuni spunti per delle inquietanti avventure legate ad una misteriosa zona piagata dai poteri occulti. 

Read more...

Anteprime di The Wild Beyond the Witchlight #2 - Leproidi/Harengon

Andiamo a scoprire meglio le caratteristiche dei leproidi, la nuova razza giocabile di conigli antropomorfi.

Read more...

Cambia canzone!


Aerys II
 Share

Recommended Posts

ODIO l'house, in quanto pur non essendo musica si è guadagnata quel prenome grazie alle ondate di truzzi che riempiono giga su giga di loop di basi sintetiche elaborate da calcolatori al solo scopo di far fare soldi alle case discografiche italiane, che non producono musica per amor dell'arte ma schifezza per amor delle tasche.

A parte questa NON musica, direi che mi risulta difficile odiare un genere musicale, a meno che non sia commerciale al 100% e venga usato per lobotomizzare le orecchie dei poveri disgraziati.

Quoto in pieno quasi tutto il tuo discorso, salvo una piccola nota: le case discografiche che producono musica per l'amor dell'arte sono davvero, davvero poche, se non nessuna. Anche fra i generi musicali che qualcuno potrebbe considerare quasi completamente privi di commercializzazzioni (vuoi l'Hard Rock meno di massa, vuoi i seicento sottogeneri del Metal...) resta la costante che chi produce musica lo fa per averne un ricavo. Certo, una casa di produzione discografica può avere le sue regole e votarsi ad un genere particolare (la NuclearBlast, per quanto produca un sacco di musica, credo che si possa sognare i soldi tirati su dai produttori di Lady Gaga o Madonna), può avere una sua etica, ma se non fiuta il guadagno è molto difficile che decida di promuovere un disco per amore dell'arte.

Per il resto sono d'accordissimo con te: ricordo di aver avuto una delle reazioni più violente della mia vita quando conobbi il ragazzo di un'amica, che dopo un paio di chiacchiere mi disse: "se vuoi una sera di queste devo suonare in un locale e ci vediamo lì". Io, molto entusiasta di aver incontrato un musicista di belle speranze gli chiesi che strumento suonasse e lui mi rispose: "sono un Dj". Seguirono bruttissimi discorsi al limite dell'educazione in cui discutemmo molto animatamente del fatto che un Dj non sia un musicista. O, almeno, io l'ho sempre pensata così.

Link to comment
Share on other sites


Sì, purtroppo hai ragione, ma a parte gli ovvi discorsi sulla necessità di guadagnare per campare direi che c'è un modo per campare con dignità, e di sicuro non quello di fuorviare gli ascoltatori incauti spacciando per musica tutto quello che è possibile ascoltare da un CD. Discorsi del genere sono stati affrontati anche qui, con discreta partecipazione intellettuale. Il mio odio è comunque più concettuale che di genere. Insomma, di preferenze commerciali ce ne sono sempre state (i Ridillo ne sono un esempio lampante: un Funky agli albori della cultura Rock era una cosa su cui investire poco) ma almeno erano musica. Gruppi di persone che si mettevano in gioco. Qui si tratta invece di votarsi ad un Dio House che ti promette ricavi abbondanti con spese minime, al prezzo di uno spessore musicale che scava al di sotto di qualunque soglia negativa mai raggiunta. Questa cosa sminuisce il ruolo dei musicisti (e danneggia il Paese: se la musica classica fosse ancora ascoltata o seguita non ci sarebbero episodi di musicisti d'eccezione che emigrano o cambiano mestiere) e nel frattempo distrugge la coscienza musicale degli ascoltatori di massa, che si lasciano facilmente influenzare dalla musica che 'va'.

Insomma, di certo le case discografiche hanno la loro parte di responsabilità, ma come diceva anche Machiavelli per un furbo che sale ci sono mille polli che abboccano.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Mi verrebbe in mente la frase che fa da titolo al topic, ascoltando canzoni famose (e anche belle) ma che sono state riproposte tante di quelle volte ed abusate, che di riflesso hanno scassato

posso citare ad esempio

Smoke On the Water

We Are the Champions

per dirne due, ma sono sicuro ce ne siano anche altre.

edit: mi viene in mente anche The Final Countdown

Link to comment
Share on other sites

Eh boh, una canzone che non riesco a sopportare è proprio smells like teen spirit, e praticamente tutte quelle dei nirvana.

Sono passato da un estremo all'altro, ascoltavo molto metal, tutti i "generi" (se così possiamo definirli) sottogeneri parenti paccotti e contropaccotti, e adesso ne ho la nausea, appena sento un doppio pedale, un blast o qualcosa del genere cambio.E devo dire che in realtà mi fermo qua, perchè non trovo tutta questa riluttanza verso queste pop-star, non andrò mai ad ascoltarle però ognuno fa il suo lavoro eh.

Ah e detesto toxicity, non mi chiedete perchè.

Link to comment
Share on other sites

Non sopporto i DJ... in blocco. Quello non è fare musica... è rubarla o, nel caso meno peggiore, utilizzare un programma di editor audio con tutte melodie e ritmiche precampionate... che mi fa comunque ribrezzo. Fare musica significa perdere tempo ad imparare a suonare uno strumento per poi creare della vera musica... entrando nello specifico, purtroppo troviamo molte canzoni, di per sé stupende, di cui hanno abusato ingiustamente, tra cui i sopracitati "We are the champions" e "Smoke on the water"... direi che con l'uscita di Iron Man 2 (che peraltro mi fa schifo il concetto di quel tipo di film) anche Thunderstruck degli AcDc, che era una stupenda canzone, rientra ormai in quel circolo di canzoni che non riesco più, mio malgrado, ad ascoltare... per mia fortuna i Dream Theather non si prestano per melodica a certe cose e quindi non corro il rischio di smettere di ascoltarli per sfinimento... :yes:

Link to comment
Share on other sites

Non sopporto i DJ... in blocco. Quello non è fare musica... è rubarla o, nel caso meno peggiore, utilizzare un programma di editor audio con tutte melodie e ritmiche precampionate... che mi fa comunque ribrezzo. Fare musica significa perdere tempo ad imparare a suonare uno strumento per poi creare della vera musica

Ti quoto di cuore, Raffa, ma capita a volte di non avere l'opportunità di fare musica nel modo che si vorrebbe. Io sto componendo musica orchestrale, e devo ammettere che uso suoni campionati. questo sia per una questione pratica (da un lato posso avere a disposizione un'orchestra, dall'altro posso modificare lo spartito quante volte voglio senza che i violinisti mi tirino dietro leggii ed archetti, dall'altro ancora credo che mi sarà difficile trovare un'orchestra che mi suoni i pezzi a gratis) che per la difficoltà oggettiva di creare gruppi musicali stabili, con feeling eccetera. Poi sono sempre pronto a mettermi in gioco se si offre un'opportunità buona, ma devo dire che i miei tentativi sono stati finora vani, e che la musica da solista non è così facile e liberatoria come molti vogliono far credere. Il pianoforte è una mia grande passione, ma se non riesco a condividerla con nessuno mi sento come se non avessi mai posato le dita su un tasto.

Io distinguerei invece dall'utilizzo che si fa della musica. Se la si fa per ascoltarla, per veicolare emozioni, eccetera è un conto. In questo caso credo sia anche accettabile lo studio. Se la si fa solo per venderla ed incassare soldi, non ne voglio sapere. Un compositore deve sentirsi legato alle sue opere. questa è musica.

ps: Bilbo, l'House non è musica. ti stai contraddicendo :lollollol

Link to comment
Share on other sites

Ti quoto di cuore, Raffa, ma capita a volte di non avere l'opportunità di fare musica nel modo che si vorrebbe. Io sto componendo musica orchestrale, e devo ammettere che uso suoni campionati.

Il fatto, Raven, è che tu fai musica in un dato modo consapevolmente... e sopratutto, come hai detto, sarebbe alquanto complicato tirar su un'orchestra per puro scopo ludico... il mio problema è che quella "musica" (non dico frastuono, perché altrimenti mi ritrovo allo stesso livello di quelle berdine (ho il raffreddore!) che dicono che il metal e il punk è solo casino sensa senso...) viene considerata come tale, e va anche per la maggiore. E' triste. :cry: e questa emoticon non renderà mai l'idea del mio dolore interiore, che mi sta dilaniando... mi sento offeso come bardo e come bassista...

Il pianoforte è una mia grande passione, ma se non riesco a condividerla con nessuno mi sento come se non avessi mai posato le dita su un tasto.

Ah, dolce ironia... stiamo cercando un tastierista per un gruppo progressive... e sembra proprio che non si trovi... :suicide:

Link to comment
Share on other sites

Il pianoforte è una mia grande passione, ma se non riesco a condividerla con nessuno mi sento come se non avessi mai posato le dita su un tasto.

Ah, dolce ironia... stiamo cercando un tastierista per un gruppo progressive... e sembra proprio che non si trovi... :suicide:

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

comunque dovrei aggiungere tutta la musica commerciale che viene trasmessa su quel canale maligno chiamato "MTV".

quindi tutte le cose tipo lady gaga, shakira eccetra.

Mi fa venire il ribrezzo.

anche il rap ovviamente

hai ragione, è solo un insieme di insopportabili suoni :teach:

Link to comment
Share on other sites

Posto, facendo la vece di mio padre, un pezzo che non riesce più a sopportare...

è "'Tis a Fine Sunny Day", un pezzo in stile dark atmosferico oppressivo ed angosciante che ho composto pochi giorni fa.

Il fatto è che il basso in questo pezzo è fatto apposta per essere ossessionante, monotono, senza risoluzione. Purtroppo ho l'impianto audio nuovo, con bassi eccezionali, e dalla porta chiusa escono solo quelli, quindi appena mi capita (anche solo per sbaglio) di riascoltarlo, in qualsiasi parte della casa si trovi mio padre, mi giunge la sua voce carica di disperazione:

"Piantala!!!"

:lol:

Link to comment
Share on other sites

mamma mia, da quando hanno fatto la versione truzza odio ancora di più i dj

ma perchè ce l'hanno tutti col rap? Quello si può definire musica e non è neanche male...

non mi piace il rap, ecco perchè. Sono solo gusti

ps:quando ho sentito la versione house di thunderstruck mi è venuta voglia di suicidarmi

Link to comment
Share on other sites

Ammazza cheppalle che siete oh, quello che fai con un set da DJ non lo fai con una chitarra, e sicuramente non puoi ballare con una chitarra (beh forse sì, ma fino ad ora ho solo pogato per una chitarra, che non sia folk). Basta fare gli stereotipati!Qui si parlava di CANZONI e non delle solite menate sui generi e blabla.

Ciao.

Link to comment
Share on other sites

Dipende dai chitarristi che conosci tu: ascolta Steve Vai o Adrian Belew e dimmi che la chitarra è uno strumento limitato rispetto a un pc (che è quello che intendi con "set da DJ"). ;-)

Vous avez fraintendes moi (Mi hai frainteso!)

Quello che stavo cercando di dire è che OGNI strumento (Che sia un simpler da PC un gameboy con un nanoloop etc.) ha le sue determinate caratteristiche e crea determinati suoni; e rispetto a un PC, ora che ci ripenso, è uno strumento limitato in fatto di SUONI, ma non di tecniche, sono due cose differenti...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By Graham_89
      Evengard: 150 tracce musicali Fantasy, completamente Gratuite e senza alcun Copyright!
      Cosa succede quando mettiamo insieme la passione per la Musica e quella per i Giochi di Ruolo? A questa domanda potrà sicuramente rispondere Marco Cutini, compositore Romano - anno '99 - che con il suo grande talento e passione per Dungeons & Dragons ha deciso di fare un'enorme regalo a tutti i Giocatore di Ruolo!
      Il 17 Gennaio di quest'anno viene pubblicato un nuovo video sul suo canale YouTube (che a oggi conta più di dodicimila iscritti) intitolato "Evengard - Trailer (Original Music for Dungeons and Dragons)". In quei 51 secondi, con un sottofondo musicale da far accapponare la pelle, viene annunciato l'inizio di un nuovo e ambizioso progetto: Evengard!
      Evengard in breve: Una raccolta musicale Fantasy ENORME e completamente GRATUITA, senza alcun Copyright e utilizzabile liberamente su YouTube o Twitch. Nel momento in cui sto scrivendo queste righe l'album contiene già ben 44 tracce, ma l'autore ci ha promesso che arriverà a oltre 150 e saranno rilasciate con il tempo direttamente sul suo canale YouTube!
      Siete streamer alla ricerca di colonne sonore da usare per le vostre sessioni?
      Siete master che si sono stancati di far ascoltare la solita colonna sonora ai propri giocatori?
      O forse siete solo degli amanti del Fantasy che hanno voglia di rilassarsi ascoltare bella musica?
      In ogni caso Evengard, "dove magia e creatività si trasformano in musica", è ciò che fa per voi!
      Tutto questo lavoro e l'autore non chiede alcun pagamento? Ma com'è possibile?
      Certo che è così! Basta solo che gli vengano riconosciuti i giusti crediti!
      Di seguito tutti i Link utili per tenersi sempre aggiornati sul progetto!
      Link alla Playlist: https://bit.ly/3sBLKzQ
      Link al Canale YouTube: https://www.youtube.com/c/MarcoCutini/featured
      Link alla Pagina FB: https://www.facebook.com/evengardmusic/
      Visualizza articolo completo
    • By Graham_89
      Cosa succede quando mettiamo insieme la passione per la Musica e quella per i Giochi di Ruolo? A questa domanda potrà sicuramente rispondere Marco Cutini, compositore Romano - anno '99 - che con il suo grande talento e passione per Dungeons & Dragons ha deciso di fare un'enorme regalo a tutti i Giocatore di Ruolo!
      Il 17 Gennaio di quest'anno viene pubblicato un nuovo video sul suo canale YouTube (che a oggi conta più di dodicimila iscritti) intitolato "Evengard - Trailer (Original Music for Dungeons and Dragons)". In quei 51 secondi, con un sottofondo musicale da far accapponare la pelle, viene annunciato l'inizio di un nuovo e ambizioso progetto: Evengard!
      Evengard in breve: Una raccolta musicale Fantasy ENORME e completamente GRATUITA, senza alcun Copyright e utilizzabile liberamente su YouTube o Twitch. Nel momento in cui sto scrivendo queste righe l'album contiene già ben 44 tracce, ma l'autore ci ha promesso che arriverà a oltre 150 e saranno rilasciate con il tempo direttamente sul suo canale YouTube!
      Siete streamer alla ricerca di colonne sonore da usare per le vostre sessioni?
      Siete master che si sono stancati di far ascoltare la solita colonna sonora ai propri giocatori?
      O forse siete solo degli amanti del Fantasy che hanno voglia di rilassarsi ascoltare bella musica?
      In ogni caso Evengard, "dove magia e creatività si trasformano in musica", è ciò che fa per voi!
      Tutto questo lavoro e l'autore non chiede alcun pagamento? Ma com'è possibile?
      Certo che è così! Basta solo che gli vengano riconosciuti i giusti crediti!
      Di seguito tutti i Link utili per tenersi sempre aggiornati sul progetto!
      Link alla Playlist: https://bit.ly/3sBLKzQ
      Link al Canale YouTube: https://www.youtube.com/c/MarcoCutini/featured
      Link alla Pagina FB: https://www.facebook.com/evengardmusic/
    • By Nyxator
      Girovagando nel magico tubo delle meraviglie in cerca di musiche per gdr mi sono ritrovato in quel di Barovia.
      No, davvero, non scherzo. All'inizio ho pure pensato fosse qualcosa di ufficiale, alla chessò "levo la scatola bara kitsch e ci schiaffo il cd audio."
      Invece è una playlist fanmade con 13 (più una contenitore) musiche per Curse of Strahd.
      Siccome imho è assai azzeccata e magari torna utile, ve la segnalo. 
       
       
      (Nota: i titoli potrebbero contenere piccoli spoiler su nomi di png e location)
       
       
      P.S: sul canale ho visto che in questo periodo l'autore sta postando quelle per Rime of the Frostmaiden. 
    • By Alonewolf87
      La musica può essere un incredibile strumento per migliorare l'atmosfera di immersione in un gioco e oggi vi parleremo di una compagnia italiana che si prefigge di creare musiche apposite per i GdR.
      La Sonor Village è una compagnia di Roma che si occupa di sonorizzazioni e di creazione di colonne sonore, che lavora alla creazione di materiale per vari GdR.   Sentiamo cosa ha da dirci @Antonio Affrunti, il direttore di questa compagnia, in merito ai loro progetti legati al mondo del gioco di ruolo:   In questi anni Sonor Village ha lavorato per i seguenti editori: Upper Comics, Verbavolant, Fallvision, Acchiappasogni, Minos Game, Hyper Comix, I.D.E.A., A.P.S., Scuola di GdR, Dicegames Italia  e altri.

      Visualizza articolo completo
    • By Alonewolf87
      La Sonor Village è una compagnia di Roma che si occupa di sonorizzazioni e di creazione di colonne sonore, che lavora alla creazione di materiale per vari GdR.   Sentiamo cosa ha da dirci @Antonio Affrunti, il direttore di questa compagnia, in merito ai loro progetti legati al mondo del gioco di ruolo:   In questi anni Sonor Village ha lavorato per i seguenti editori: Upper Comics, Verbavolant, Fallvision, Acchiappasogni, Minos Game, Hyper Comix, I.D.E.A., A.P.S., Scuola di GdR, Dicegames Italia  e altri.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.