Jump to content

About This Club

L'ultimo grande viaggio dell'umanità.
  1. What's new in this club
  2. Harumori "Akai" Ashikaga @Pressi della Sezione II
  3. Sumio Lo shuttle continua il suo viaggio, più rapido di qualsiasi colonna armata, di qualunque esploratore. La meta è nel mezzo della fittissima foresta aliena, però, e lo shuttle non può atterrare di certo. Né volete farvi vedere dal nemico. Perciò si addossa ad un albero particolarmente alto e largo, da usare come aiuto per la discesa, e cala una serie di scalette di corda. Gli ultimi due metri vanno fatti in caduta libera, comunque! Vicino alla perduta Sezione II
  4. Sorry non avevo visto lo spoiler per me. Si, puoi farlo senza troppi problemi. Hai sicuramente molta strumentazione adatta allo scopo e "tascabile".
  5. Reyna Anche i passaggi rispondo freddamente a Friedrich Di ai tuoi di restare in questa zona dello shuttle aggiungo prima di tornare dal resto della mia sezione Sezione III
  6. Friedrich Seidel Certamente, è un compito abbastanza semplice. Non dovrebbe richiedere troppi sforzi. Rispondo al generale, aggiungendo Posso anche usarle per trovare la posizione precisa dei nostri compagni, per poter coordinare meglio l'attacco.
  7. Aaron Clarke Non credo, Akai. Non sono tenuti a farlo: ci hanno già dato molto. In ogni caso, io non li fermerò di certo dal partecipare allo scontro se vorranno... rispondo non troppo fiducioso al samurai, non mi aspetto il loro aiuto anche in questo campo: anche solo guardandoli, è palese che non hanno gli uomini per permettersi di affrontare perdite, né mi sembra che vi siano buoni soldati e guerrieri. Certo, hanno la bambina pirocinetica, ma la sua assenza mi fa intuire che sia morta. Sì, non sono decisamente in condizione di affrontare una schermaglia con leggerezza. In ogni caso, certo, Akai. Il piano è quello. Vi daremo fuoco di copertura in modo da permettervi di ingaggiarli a distanza ravvicinata: lì sarete in vantaggio.
  8. Harumori "Akai" Ashikaga Facce nuove, astronavi, assalti alla sezione. Nulla di tutto questo mi tange finché Aycan è spaventata, e si regge a me in questo turbinìo di eventi che se già per me è traumatico, per lei dev'essere infernale. Mi sono messo in disparte insieme a lei per tutto questo tempo, tenendole le mani e rassicurandola. Con quelle poche parole che so nella sua lingua le ripeto che va tutto bene. Fin quando è con me, né questi improbabili alleati, né i Gurahal che ci aspettano a casa potranno farle del male. Intanto osservo in silenzio ciò che accade attorno a noi: riconosco alcuni visi che come il mio, non sono cambiati nemmeno dopo secoli nelle bare di ghiaccio. Mi sembra l'altro giorno che facevamo conoscenza sulla luna. Non che abbia più importanza. La diffidenza regna sovrana. Non potrebbe essere altrimenti. Le guerre in corso su Kepler sono con tutta probabilità frutto di altri figli della Visnu, come possiamo essere sicuri che loro siano diversi? E per loro deve valere la stessa cosa. Il respiro di Aycan è più regolare adesso. Le accarezzo i capelli e la lascio per andare verso Clarke-sama, che sta dando gli ordini in plancia. "Io e Shen li prenderemo dal lato, non visti. Attraete il fuoco su di voi quanto basta, e tenete al sicuro la Aycan." Poi dò un'occhiata agli altri della Sezione III: c'è Reyna, che ricordo vagamente. I miei occhi istintivamente volano sulla sua maglietta: chissà se ha ancora quelle lucine che diventano parole a comando...? "Clarke-taicho. La Sezione III si unirà a noi?"
  9. Ajand Fundar Mentre prendo nota della risposta di Friederich ( e mi appunto che il prossimo passaggio lo pagherà abbondantemente il triplo di quanto sarebbe costato su Marte), do un’occhiata a Clarke ringraziando di avere l’elmo sul viso. In tutto questo questo cerco di non manifestare nervosismo od altra emozione, ma incrocio le braccia ed inizio a tamburellare sul braccio meccanico. Che faranno questi quando scopriranno che arriveremo di sicuro tardi? @sezione III, solito canale privato
  10. Sumio Almeno a parole, si dicono d-accordo. Eppure Fredrich si chiude alle domane. Certo quel che non si può chiedere si può intuire. @gm Io sono un medico, non un guerriero. Rispondo a Clarke, di certo non ho intenzione di combattere se non per difendermi o i miei interessi diretti, come per proteggere lo sciuttle dovesse finire sotto attacco.
  11. Aaron Clarke Fortunatamente ci permettono di salire sullo Shuttle nonostante l'arrivo dei venti guerrieri Berleigh: evidentemente, visto che hanno ascoltato la conversazione con il loro drone, hanno acconsentito tacitamente. Evito di interferire nella discussione tra Friedrich e Reina, preferisco far finta di non ascoltare e lasciare ai due amici (forse?) la questione. Vi ringrazio per averci permesso di portarli con noi, senza di loro avremmo avuto poche chance di farcela. Senza di voi, nessuna. Dico ai nostri soccorritori dopo essermi assicurato che i soldati siano ai loro posti. Tra poco vado a parlare con i miei uomini, nel frattempo vi chiedo di attraccare nelle vicinanze dello scontro: non vogliamo avvertirli della nostra presenza, e se li sorvolassimo con il vostro shuttle li metteremmo in allerta. Da lì in poi spetta a voi, se vorrete aspettarci o andarvene, non importa. Anche se vorremmo potervi ringraziare come si deve, una volta che sarà tutto finito. Con gli Uomini (Non è segreto, è solo rivolto ai combattenti e a chiunque sia interessato ad ascoltare)
  12. Friedrich Seidel Sì, ho ignorato quella domanda. E non intendo rispondervi: le informazioni sono preziose, come ben sai. Concludo in risposta alla donna. Non è tanto sfiducia nei confronti di Reyna, quando nei confronti del resto della Sezione: il Progetto Samsara si è rivelato essere tutto meno che onesto e aperto, non ho nulla ad assicurarmi che l'attuale Sezione II non sia controllata da un uomo privo di scrupoli. Ma concordo pienamente con il vostro punto di vista. La missione originale del progetto è fallita e l'unica speranza di sistemare lievemente le cose siamo noi. O almeno spero... Entro quindi nel jet, andando a sedermi vicino a Clarke e al resto della Sezione III. Ho raccolto abbastanza informazioni, ora dobbiamo prepararci allo scontro: penseremo più tardi a come gestire questa situazione.
  13. Shen Yun-Chow Mi unisco ai guerrieri nostri alleati, sedendo in mezzo a loro: ho conquistato il loro rispetto mostrando le mie capacità, ma ora voglio meritarmi la loro fiducia unendomi a loro. D'altronde, il mio stesso passato non mi rende particolarmente integrato con nessuno. Quindi, se devo scegliere dove stare, è bene che io lo faccia mettendomi al livello degli "estranei".
  14.  

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.