Lord Karsus

Ordine del Drago
  • Conteggio contenuto

    41
  • Registrato

  • Ultima attività

Informazioni su Lord Karsus

  • Rango
    Prescelto
  • Compleanno 27/11/1992

Informazioni Profilo

  • Sesso
    Maschio
  • Località
    Milano

Visitatori recenti del profilo

182 visualizzazioni del profilo
  1. Altro Indie

    @Zellos, @Gordan, @Landar, @Karl_Franz, @Guorrilla, @John Sheppard sono in cerca di delucidazioni! Grazie!
  2. Altro Indie

    Ciao ragazzi, sono Lord Karsus, mi ero messo in lista d'attesa perché ero interessato! Quello che ho già capito: Dobbiamo scegliere una Nazione tra quelle esistenti nella mappa. Ogni Nazione ha delle sue propri valori delle Statistiche: Comando (abilità degli ufficiali), Esercito e Marina (abilità dei soldati), Caserme e Porti (proporzione di soldati rispetto al totale), Economia (quanti Punti Economia ho ogni turno), Stabilità (quanto la popolazione è contenta e unita), Magia (quanti Punti Magia ho ogni turno) e Intrigo (abilità nello spionaggio). Dobbiamo creare un Regnante, scegliendo tra i vari tipi di regnanti (Generale, Signore della Tela, Mago, etc..) e aggiungendo Pregi o Difetti. Sia i tipi che i Pregi e Difetti danno bonus/malus alle Statistiche della Nazione. Ogni turno i giocatori spendono i Punti Economia e i Punti Magia nei Progetti. Un esempio di Progetto potrebbe essere "Aumentare mezzo punto l'Economia della Nazione" che costa 3 Punti Economia, oppure "Missione di spionaggio" che costa da 1 a 3 PE. Il Master tira in segreto un 1d6 contro l' investimento nel Progetto del Giocatore. Se il Master fallisce il tiro, il Progetto ha successo. Domande: L'ambientazione è quella di qualche videogame, libro o gdr oppure è stata creata ad hoc? Dove trovo le Statistiche delle Nazioni? Quello che devo fare adesso è scegliere la mia Nazione tra le rimanenti e creare il mio Regnante (es: Generale, Lealtà incondizionata), e poi aggiungere altri dettagli di ruolo (es.: razza, background), giusto?
  3. Un' ottimo articolo! In particolare ho apprezzato: "[...] con quest'ultimo metodo io sono portato ad agire come se mi trovassi fisicamente lì, non potendo ricorrere alla skill X e al talento Y... e questo, amici miei, aiuta l'immedesimazione e non la ostacola": sono d'accordo. Intravedo una somiglianza con la tecnica di scrittura dello "Show, don't tell". Ossia, anziché dire "tiro su Diplomazia per convincere la guardia a farmi passare" (tell), devo impegnarmi a dire le parole esatte, ossia mostrare in termini concreti come lo faccio (show): "Gli dico che sono stato una guardia anche io, che otto mesi fa salvai il villaggio, gli do la mia Spada lunga+2 promettendogli che se viene recriminato da un superiore può tenerla, etc...". Come nella scrittura esimersi dal dare giudizi o raccontare l'azione in generale e invece mostrare dettagli sensoriali, descrivere la gestualità, etc. aiuta il lettore nell'immersione, così è anche nei gdr. E se un giocatore vuole interpretare un personaggio abile nella Diplomazia ma non sa parlare? E' il rovescio della medaglia, ma i benefici superano ampiamente i costi. Può sempre impegnarsi, magari diventa un modo per prendere coscienza di alcuni blocchi nella sua immaginazione, nella visualizzazione, nel problem solving, etc.
  4. Film

    @Il Signore dei Sogni sì <3. Nella sua lista dei migliori film 2016 figura anche Rogue One, 3.0, all'ultimissimo posto su più o meno 250 titoli. Insomma, siamo ai livelli di U2 e Beatles lol Conoscendolo è chiaro: una pura operazione commerciale senza alcuna ambizione artistica che si rifà senza aggiungere assolutamente niente ad una commercialata di 40 anni fa... Certo che se i tuoi riferimenti sono Wells, Kusturica, Malik... è più che comprensibile.
  5. Gruppo

    Pardòn il mio cell un giorno non funziona e l'altro neanche @Lone Wolf e @Pippomaster92 anche io spingevo subdolamente lol per un Bardo perché condivido quello che avete detto in più c'è solo il Mago come full caster @User69 io spingevo per il Bardo ma in effetti l'Intrepido forse era anche meglio, considerato che è un perfetto Melee (che scarseggia nel gruppo) più fa il face Zaorn ecco a scegliere il Warpriest e non il Chierico lol... a me il Sacerdote Guerriero sembra nettamente inferiore al Chierico, no? Smite alla fine ha scelto il ladro per il flavor Grazie mille a tutti
  6. Gruppo

    Pardòn il mio cell un giorno non funziona e l'altro neanche @Lone Wolf e @Pippomaster92 anche io spingevo subdolamente lol per un Bardo perché condivido quello che avete detto in più c'è solo il Mago come full caster @User69 io spingevo per il Bardo ma in effetti l'Intrepido forse era anche meglio, considerato che è un perfetto Melee (che scarseggia nel gruppo) più fa il face Zaorn ecco a scegliere il Warpriest e non il Chierico lol... a me il Sacerdote Guerriero sembra nettamente inferiore al Chierico, no? Smite alla fine ha scelto il ladro per il flavor Grazie mille a tutti
  7. Buon pomeriggio. Poco fa si è aggiunto un quarto giocatore al nostro gruppo: - Mezzorco Sacerdote Guerriero 1^: built basata su arma con portata e attacchi di opportunità. - Umano Ranger 1^: built basata sul tiro con l'arco. - Umano Mago (Evocatore) 1^: built classica da evocatore, scuole opposte Ammaliamento e Necromenzia. Che classe aggiungereste a questo gruppo? Dato che siamo ancora alla terza sessione, e possiamo ancora cambiare classi, ne cambiereste qualcuna?
  8. Ambientazione

    Wow, davvero ottima. Leggi molti libri di storia o sbaglio? Le dinamiche sono molto realistiche, i nomi mi piacciono e la mappa pure solo: Tutto il periodo dei Re Oscuri è evidentemente ispirato al periodo Tardo Imperiale. Lo smantellamento dell'impero romano è stato lento perché Roma era nata come società incredibilmente coesa, aveva costruito (materialmente) e conquistato (quindi rubato) molto: si capisce perché, a mio avviso, è stata così lenta a morire. Alvia non vive la stesso ciclo fisiologico di ascesa e caduta, non sembra avere la stessa "massa da decomporre". Più verosimilmente, sarebbe caduta sotto l'invasione nanica. In generale, si respira troppo quel gusto amaro e nostalgico del periodo Tardo Imperiale, pieno di tradimenti, familicidi, complotti. Penso che la Roma delle origini sia stata una civiltà immensa. Dove sono Cincinnato, Scevola, Regolo ? Mi sarebbe piaciuto molto di più vedere Alvia che fa il culo al mondo per mezzo millennio, e poi viene inculata dal primo idiota. Troppo simile a Roma? Magari, però penso che sia una dinamica assolutamente fisiologica di qualsiasi grande civiltà. Comunque lo devo rileggere, l'ho letto tutto d'un colpo perché sono fissato col worldbuilding, ma la scrittura è troppo piccola, né aiuta l'assenza di mappe. Bellissima ambientazione, complimenti. Mi è piaciuta molto.
  9. Film

    Ciao Matt(e)o, vengo un po' tardi... La sceneggiatura di Rogue One è piena di deus ex machina (come Lucas), di motivazioni trite (come Lucas), di morale rancida (come Lucas), di dialoghi imbarazzanti (come Lucas), intrecci narrativi forzati (a differenza di Lucas). Risultato: le sceneggiature di Lucas erano piacevoli, quella di Rogue One è fastidiosa. Tanto è vero che per quanto grottesca fosse la semplicità psicologica dei personaggi di Lucas, ti ci affezionavi. I personaggi di Rogue One sono assolutamente asettici. Non mi ricordo il nome di nessuno, davvero. Tanto fanno schifo i personaggi che la parte migliore del film è quella finale, in cui termina la narrazione dei personaggi e inizia la battaglia. La regia non l'ho mai studiata come argomento, ma la telecamera si muove in continuazione ed è piena di primi piani dal basso, mentre quella di Lucas era statica, a campo largo, dall'alto. Risultato: la regia di Lucas aiutava a metabolizzare quel grande carnevale di concept design che è il worldbuilding di SW, la regia di Rogue One da un senso di impotenza (specie per le inquadrature dal basso) che non è in linea con lo stile "classico" di Star Wars. Il concept design quando va bene è un manierismo perfetto di quello di Lucas (esempio le tipiche brevissime inquadrature sulle razze strane di Star Wars, oppure l'architettura delle città, davvero ottima), quando va male manca. Naturalmente dovevano riprendere tutto il concept design degli episodi IV-VI, ma dove potevano aggiungere (ad eccezione delle razze e delle città), non l'hanno fatto o lo hanno fatto malissimo (es. il bastone del proto-jedi cinese... ma dai). Non c'è nessuna degli "invisible tricks" di Lucas: una su tutti, per quello che ho notato, è quella di riempire la sceneggiatura di archetipi, miti, sottoculture, stili architettonici, sport, etc. Esempio: Venezia (Naboo), la capoeira (Dart Maul), la formula uno (i caccia), il padre che insegna al figlio a cacciare (Jango e Boba Fett), il parto Virginale (Anakin senza padre), i gentleman inglesi (C3P0), Excalibur (la spada laser), i nazisti (l'Impero), la bomba atomica (la Morte Nera), e così tanti altri riferimenti che un giorno mi divertirò a scriverli tutti. Come scrive il mio critico preferito: Questo mi sembra uno dei marchi di fabbrica più caratteristici di Lucas. Ecco, non c'è nessuna creazione di nuovi riferimenti in Rogue One. Rogue One non è un film ambizioso, né scrupolosamente manierista, regge semplicemente perché c'è il trenta per cento di tutto quello che c'era già nei vecchi Star Wars, pari pari, ed è più o meno abbastanza. @tamriel hai preso proprio quella scena *.* @SilentWolf secondo me non è una questione di caratterizzazione psicologica, ma di intrecci narrativi forzati. Tanto è vero che neanche negli altri Star Wars c'era un briciolo di caratterizzazione, ma empatizzavi comunque con i personaggi. Avete notato che l'edificio di Darth Vader è uguale alla torre di Karleth del Manuale dei Livelli Epici?
  10. Personaggio

    Ciao Nosgot! Bel nome utente! Il Rakhasa ha Alterare forma, +6 al Car, Individuazione dei pensieri basata sul carisma e lancia come uno stregone di 7^. Un perfetto caster face. Il modificatore di livello tiene conto di questo, pagheresti quattordici livelli di classe per delle capacità assolutamente non funzionali alle meccaniche della tua built. Anche considerando che dovrete arrivare agli epici in cui i caster sono molto forti. Quanto a flavor il Rakshasa ne ha da vendere, ma da un punto di vista meccanico ci sono delle scelte secondo me molto più performanti per un lanciatore. Un semplice Mezzogiante Combattente Psichico 1^, ad esempio può lanciare già un'arma Enorme. Giusto per dire. Se il Rakshasa lo giochi per il flavor, puoi chiedere al tuo DM di crearti una razza simile al Rakshasa ma con delle statistiche uguali ad altre più performanti. Oppure giocare un Morfico o un Felinide. 14 livelli sono tanti e non avresti praticamente niente di utile! Buon inizio, i primi livelli sono i più belli!
  11. PbF

    Originale la commistione di romanzo storico e fumetti Marvel! Mi interessa e mi piacerebbe saperne di più, attendo nuovo post...
  12. Ambientazione

    @MadQueen stai dicendo che è apprezzabile che qualcuno scelga di fare di mestiere quello che ama? Non ci vedo nulla di virtuoso in questo. Al contrario, fare di lavoro quello che piace è la scelta più comoda, mentre stimo chi taglia con le proprie passioni se queste non portano da nessuna parte e affronta la difficoltà di fare qualcosa che all'inizio non piace, se questa si presenta come alternativa alla lunga più utile, e se questa può fare molte più possibilità di scelta. Parlo per esperienza personale: io avrei voluto fare Filosofia, invece ho scelto Economia. Certo, la Filosofia mi piaceva, ma ero cosciente che l'ambiente era morto e le opportunità di scelta nella mia vita pari a zero. Ho avuto difficoltà a iniziare Economia, ma adesso sono un super appassionato di ricerca del personale e value investing, faccio parte di una associazione studentesca di consulenza che mi ha dato l'opportunità di conoscere gli amministratori di molte importanti società, e mi sento più vivo che mai. Ringrazio me stesso per non avere scelto "quello che amavo", perché mi sarei autorinchiuso in una cantina e prima o poi avrei sentito la puzza di muffa. Provenire dal mio corpo.
  13. Ambientazione

    @MadQueen ti ringrazio per aver apprezzato la critica, ma come si fa a condividere il tuo discorso? Lo scrittore del libro non ha nessuna predilizione per alcuna figura retorica (es. Lansdale per le iperboli), per la lunghezza del periodi (es. Hamingway per i periodi brevissimi), per determinate forme di dialogo (es. Saramago per i dialoghi liberi), insomma, non c'è nessuno stile peculiare da conservare: è una scrittura generica. È come scriverebbe qualcuno che non ha mai letto nulla su come scrivere. Non prendiamoci in giro.
  14. Ambientazione

    Sto leggendo dal capitolo 1 su Google Books. Lo stile è snello e sopprattutto veloce, in fin dei conti piacevole da leggere. Ci sono comunque alcuni errori di stile: - L'uso esagerato e improprio gerundio, i personaggi fanno continuamente qualcosa facendo sempre qualcos'altro. Non che sia un grave errore, ma da fastidio, specie per il numero di volte in cuibè usato. - Troppi avverbi (dal cap 1: "disse speditamente", "pulsò velocemente", "il dirigibile si muoveva con moderata velocità", "saltellava impazientemente", "la guidò con fermezza") - Troppi aggettivi (dal cap 1: "conferivano un aspetto autoritario", "la sua figura austera" etc). Troppo astratto, non aiuta la visualizzazione. Ad esempio il passo: "Osservando [gerundio!] l'orizzonte limpido [aggettivo astratto!] e sereno [aggettivo astratto!], il capitano era ritto in piedi nella sala di comando. La sua figura austera [aggettivo astratto!] si rifletteva nella gande vetrata del ponte del ponte dal quale si godeva di un'ampia visuale del cielo di Ansorac: poche nubi [qui prima si racconta del cielo limpido poiblo si descrive: errore!]" potrebbe essere reso così "Il capitano era nella sala di comando, in piedi. Schiena diritta, il petto in fuori e le braccia conserte. La testa in alto verso la vetrata del ponte, da cui si godeva di una visuale quasi completa del cielo di Ansorac." Nel secondo caso hai RACCONTATO al lettore che è "autoritario", nel secondo hai MOSTRATO che ha una gestualità sicura e fiera, il che spesso è associato con l'autorità. Non puoi infatti mostrare visivamente che qualcuno ha un aspetto autoritario, se vuoi che il capitano sia autoritario fagli mollare un ceffone al primo mozzo che contesta un ordine. - Errori sulla gestione dei dialoghi: (dal cap1: "-Benvenuti nella Fossa dei Leoni... signori- parlò una mezzaleonessa" qui ci sono sei (sei!) righe di discorso prima di capire chi sta parlando. Bastava fare "-Benvenuti nella Fossa dei Leoni- disse una mezzaleonessa -... signori-"). - Il mega infodump sul M.A.S.E. e Manowar a poche pagine dall'inizio è un bloccone indigesto. - Nessun rispetto per lo show don't tell (Cap 1: "in molti punti della città le guardie cercavano di portare ordine nel caos della folla" è RACCONTATO, mentre qualcosa del tipo "Un ragazzino mise un piede sopra la recinzione, ma una guardia lo spintonò di nuovo fuori, nessun muscolo facciale impegnato a esprimere i sentimenti di quel gesto. Un signore dai capelli bianchi spintonò una donna magrissima ai lati della coda, così una guardia gli afferrò la giacca e gliela strappò, mentre con un calcio sulla coscia lo spinse fuori dalla fila": indipendentemente dalla qualità di questo mio edit, questo è quello che si intende per MOSTRARE. Stesso fatto, il primo senza il secondo con dettagli visivi, ne risulta una minore o maggiore immersione del lettore. Naturalmente stesso fine della regola che prevede di ben calibrare avverbi e aggettivi. - Penso che ci sia anche un problema di punto di vista. La gestione del punto di vista non l'ho ancora ben capita come tecnica di scrittura quindi non mi esprimo. Insomma penso che il romanzo, da un punto di vista stilistico, abbia bisogno di un profondo lavoro di editing. Da un punto di vista del wordbuilding, mi sembra abbastanza classico. Personalmente apprezzo molto le contaminazioni di fantascienza all'interno di un romanzo fantasy (parlo dei M.A.S.E.), ma dei "cristalli attivatori di energia" mi sembra qualcosa di già visto e rivisto. Perché chiamare un personaggio Kronos? Perché? Perché? Sono un worldbuilder, posso prendere carta e penna e mixare tedesco e atzeco e creare nomi come Atlein, Exkless, Ozto, Kwalker, Xitlesein, Einexetler. A mio parere la coerenza linguistica da molto realismo a una ambientazione fantasy. Ho apprezzato particolarmente il nome Tolkeniano "Manowar". I miei due cent.
  15. Personaggio

    @RexCronos sono d'accordo con quello che hai detto tu, e aggiungo quella che per me è la naturale conclusione del tuo discorso, ossia: se non si trascora l'aspetto interpretativo, qualsiasi built va bene. @smite4life devo ammettere che in fase di creazione ho pensato prima al fatto di creare un caster classico senza nessun concept psicologico da dietro. E ammetto anche che ho cercato di adattare il concept alla scheda che avevo praparato. Il tuo discorso è convincente, però pensavo che un giocatore potrebbe essere anche molto bravo a razionalizzare le stat in termini di interpretazione. Bello l'episodio del fratello maggiore*.*, lo trascrivo immediatamente sul BG! Occhio a non confondere l'introversione con la sociopatia, penso che la maggior parte dei sociopatici siano persone molto carismatiche. @Fioppo ne parliamo a voce <3