• Accedi per seguirlo  
    Che mi seguono 0

    Le vecchie edizioni di D&D tornano in stampa!

    Questa è decisamente una buona notizia per tutti gli amanti delle passate edizioni di D&D, sia che il vostro legame con queste ultime dipenda dal fatto che state giocando a un'edizione andata fuori stampa, oppure dal fatto che provate una grande nostalgia per i manuali pubblicati un tempo. La WotC, infatti, sembra aver deciso di rendere di nuovo disponibili per la stampa tutti i manuali del passato (al momento la disponibilità è limitata, ma il numero dei manuali stampabili dovrebbe aumentare man mano che WotC e DriveThruRPG riusciranno a organizzare il servizio).
    La WotC non ha ancora effettuato un annuncio ufficiale, in attesa probabilmente di un servizio più completo, ma la cosa non è sfuggita agli appassionati ed ha già fatto notizia.  

    Già da diverso tempo, molti dei vecchi manuali di D&D erano stati resi di nuovo acquistabili in versione PDF sul sito del DMsGuild. A lungo, tuttavia, gli appassionati delle vecchie edizioni hanno chiesto alla WotC di rendere di nuovo disponibili alla stampa quegli stessi manuali, e l'azienda alla fine sembra aver deciso di accettare la sfida. In questi ultimi tempi, infatti, la WotC ha iniziato ad attivare un piano in cui è coinvolto pure il sito DriveThruRPG, e che prevede la possibilità di stampare i manuali delle vecchie edizioni (tutte quelle precedenti alla 5a) attraverso il servizio Print on Demand.

    Per chi non lo conoscesse, il Print on Demand è un servizio che consente al singolo acquirente di ordinare la stampa delle copie di un manuale che desidera acquistare, fintanto che questo manuale può contare sull'opzione Print on Demand.
    Il cliente pagherà, quindi, il costo della stampa e del materiale usato per creare il libro, oltre a quelli canonici del manuale stesso (insomma, il costo del contenuto del manuale) e della spedizione. Il prezzo del manuale stampato, quindi, sarà maggiore rispetto a quello della versione PDF, ma l'acquirente avrà il vantaggio di poter avere tra le mani un manuale cartaceo.
    Attraverso questo servizio, l'azienda invece può rendere di nuovo disponibili per la stampa dei manuali che, altrimenti, gli costerebbe troppo ristampare (i costi per la stampa di questi manuali, infatti, risulterebbero per l'azienda decisamente maggiori dei guadagni ottenibili vendendo i manuali ai vari interessati).

    Da notare che la WotC ha approfitatto dell'idea per rendere stampabili anche i supplementi per D&D 5a originariamente non pensati per la stampa, come Elemental Evil Player's Companion (normalmente un PDF scaricabile gratuitamente).

    Se desiderate acquistare la versione stampata dei manuali delle precedenti edizioni, potete rivolgervi ai seguenti siti (ricordatevi che, nel tempo, il numero di manuali stampabili tenderà ad aumentare):

    ❯ │ Dungeon Masters Guild

    ❯ │ DriveThruRPG

    A Thorgar, Rasaele, Hero81 e 3 altri piace questo contenuto

    Accedi per seguirlo  
    Che mi seguono 0

    Feedback utente


    Non vedo cosa ci sia da rallegrarsi. Avendo a disposizione i .pdf (costo ridotto e impatto ambientale 0) che bisogno c'è della carta?
    Per quanto sarà già un mercato estremamente di nicchia, spero nessuno ne faccia effettivamente richiesta.

    Semmai potrebbero organizzarsi per fornirli anche in formato Kindle, Cube, ecc. (se proprio fosse utile...).

    Ciao, MadLuke.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    31 minuti fa, MadLuke ha scritto:

    Non vedo cosa ci sia da rallegrarsi. Avendo a disposizione i .pdf (costo ridotto e impatto ambientale 0) che bisogno c'è della carta?
    Per quanto sarà già un mercato estremamente di nicchia, spero nessuno ne faccia effettivamente richiesta.

    Semmai potrebbero organizzarsi per fornirli anche in formato Kindle, Cube, ecc. (se proprio fosse utile...).

    Ciao, MadLuke.

    Ci sono giocatori che si accontentano del PDF o, addirittura, considerano la versione digitale dei manuali decisamente meglio di quella cartacea (puoi avere il manuale ovunque, senza che ti pesi troppo; costa meno; non sprechi carta, ecc.). Altri giocatori, invece, amano il fatto di poter toccare con mano il manuale, amano la sensazione di poter sfogliare fisicamente le pagine o magari non apprezzano i nuovi dispositivi elettronici (e l'effetto della luminosità dello schermo sugli occhi), oppure si sentono scomodi a usare la versione digitale dei manuali. Al mondo ci sono tanti tipi di giocatori diversi, con gusti molto diversi e la mossa della WotC è ottima, perchè in questo modo tutti possono ottenere quello che vogliono, senza essere obbligati verso una soluzione o un'altra.
    La WotC, di contro, riesce a fornire un servizio richiesto senza spendere chissà quanti soldi in più. Si tratta di un mercato di nicchia? Non è un problema, visto che i costi della stampa e della distribuzione se li sobbarcano i clienti. ;-)

    Con questa decisione tutti vincono: la WotC incassa, i giocatori sono liberi di scegliere di avere un manuale PDF o cartaceo.
    Per questo è un'ottima notizia. ;-)

    Posso capire il discorso dell'impatto ambientale (il quale, però, in realtà è molto più complesso di quello che sembra e non è scontato che i manuali PDF non generino costi in questo ambito, visto il consumo di elettricità dei dispositivi elettronici e il problema del loro smaltimento come rifiuto), ma questo non cambierà troppo il fatto che ci sono giocatori che preferiscono avere il manuale fisicamente in mano, piuttosto che leggerne le pagine sullo schermo di un dispositivo che, alla lunga, ti fa bruciare gli occhi.

    Personalmente non difendo né un metodo, né l'altro. Trovo interessante il fatto che, ora, la gente sarà sempre più nella possibilità di ottenere la versione che vuole. ;-)

    Modificato da SilentWolf
    A aza e MattoMatteo piace questo contenuto

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Io mi associo a SilentWolf.

    Sono "vecchio", profondamente miope e "old school" quindi per me il cartaceo è fondamentale, soprattutto per quei manuali che uso e non uso. Infatti per i manuali ben conosciuti il problema non si pone, li conosci, ti puoi perdere qualche pezzo che vuoi rileggere per essere certo della cosa e il digitale è perfetto CTRL+F "testo" e via...  un attimo e ci sei. Quelli che non usi quasi mai, ma da cui estrapoli o cerci solo "la cosa particolare" stesso discorso, ma per quelli che usi, ma non così tanto da conoscerli veramente (e per quanto mi riguarda sono la maggior parte) lì sì che il cartaceo per me è fondamentale.

    Inoltre non dimentichiamo il concetto di collezionismo. Molti sono appassionati e vogliono collezionare i manuali, conosco persone che ne hanno 2 uno per utilizzo ed uno da collezione e non è un punto da poco visto che il mondo GDR sconfina in quello dei collezionisti.

    Pensate che è un anno che in 5 cerchiamo un Perfetto Arcanista da regalare ad un amico che li colleziona ed ancora nulla di fatto se non a prezzi fuori dal mondo :) quindi ottima cosa secondo me.

    E poi ... come farebbe un altro mio carissimo amico a studiarsi i MMs quando è "seduto sul trono"? Non ha lo stesso Pathos con un supporto digitale :)

     

    A SilentWolf piace questo contenuto

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti


    Crea un account o accedi per commentare

    Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

    Crea un account

    Crea un nuovo account e registrati nella nostra comunità. È facile!


    Registra un nuovo account

    Accedi

    Hai già un account? Accedi qui.


    Accedi ora