PDA

Visualizza versione completa : [Recensione] Ricochet Robots - Il puzzle game fatto gioco da tavolo



Jalavier
4 nov 2010, 10:32
Lucca è appena passata, potevano mancare le mie recensioni? Intanto parto con questa... ma spero di postarne altre nei prossimi giorni. :yes:

Un po’ gioco da tavolo, un po’ videogioco, Ricochet Robots è una sorta di puzzle game dove tutti si sfidano a risolvere per primi e meglio le intricate situazioni che si creano. A Lucca era al “discount” a 5€, è andato esaurito subito.


http://img221.imageshack.us/img221/1112/ricochetbox.jpg


Autore: Alex Randolph
Lingua: indipendente dalla lingua
Giocatori: 2+ (volendo si gioca anche in 30 se tutti riescono a vedere bene la plancia)
Durata di 1 partita: 30 – 40 minuti
Prezzo indicativo: intorno ai 20€ salvo superofferte come a Lucca

Contenuto della scatola: plancia quadrettata divisa in 4 pezzi a doppia faccia, un ferma plancia, 4 robottini di diverso colore, 17 segnalini obiettivo, 4 segnalini posizione iniziale robot, una clessidra da 1 minuto e il regolamento.

Preparazione: si unisco i 4 pezzi di mappa in maniera casuale (96 combinazioni possibili), si fermano con il ferma plancia, si piazzano casualmente i 4 robottini con sotto il segnalino posizione del rispettivo colore.

Il gioco: regole semplicissime ma veramente impegnativo a livello di ragionamento (e anche di memoria per certi aspetti). Ad ogni turno viene estratto casualmente un segnalino obiettivo. Questo segnalino ha un colore e un simbolo. Il colore indica quale robot sarà il protagonista del turno, il colore più il simbolo indicano una casella della mappa che riporta lo stesso colore e lo stesso simbolo. Lo scopo del gioco è portare il robot sorteggiato, detto “attivo”, fino alla casella bersaglio nel minore numero di mosse possibili. Sulla mappa quadrettata abbiamo muri, altri 3 robot, un perimetro esterno e una zona di 4 caselle centrali, costituita dal ferma mappa. Ognuno di questi elementi è un ostacolo ma al tempo stesso un aiuto fondamentale nel raggiungere il nostro scopo. I robot infatti quando vengono mossi proseguono in linea retta finchè non sbattono contro qualcosa, a quel punto possono prendere una direzione a 90° rispetto a quella percorsa. Nel conteggio delle mosse non vengono considerati i singoli quadretti ma i tratti percorsi. Possiamo muovere sia il robot attivo che gli altri 3, per posizionarli in punti strategici e deviare il robot attivo verso il bersaglio.

http://img221.imageshack.us/img221/3498/gamezk.jpg

Ogni giocatore crea mentalmente la sequenza di mosse necessarie. Quando è soddisfatto del numero di mosse (meno sono meglio è) lo dichiara ad alta voce “ci arrivo in 10 mosse” e gira la clessidra. Gli altri giocatori hanno ora un minuto di tempo per dichiarare il loro numero di mosse. Di norma si cerca una strada con meno mosse, ma si può anche dichiarare uguale o di più, sperando che chi ha dichiarato per primo si sia sbagliato. Quando è terminato il minuto si verificano le soluzioni. Chi ha dichiarato meno, o a parità di mosse chi ha dichiarato prima, muove i robot sulla plancia riproducendo la strada che si è creato mentalmente. Se non ci sono errori prende il segnalino obiettivo estratto e si inizia un nuovo turno, spostando i segnalini posizione nella nuova posizione dei robots creatasi. Se il primo giocatore ha sbagliato, il secondo in lista prova la sua soluzione e così via, finchè non viene trovata una strada corretta e si assegna il segnalino. Se nessuno risolve l’enigma, il segnalino torna nella riserva. La partita termina quando tutti i segnalini sono stati presi e vince chi ne ha ottenuti di più.

Commento: classico rompicapo che potrebbe benissimo essere un videogames, necessità di un po’ di colpo d’occhio, memoria e capacità logiche per arrivare al traguardo con meno mosse degli altri. Il divertimento è assicurato anche per chi fatica a trovare le strade migliori perché il gioco è molto coinvolgente e frenetico. I materiali non sono tanti ma di buona qualità e robustezza, il poterci giocare tutti insieme a prescindere dal numero è un qualcosa che pochi titoli possono vantare.