• inserzioni
    20
  • commenti
    49
  • visualizzati
    2.592

Combattenti - Le Armi del Sopravvissuto

Morgan Bale

155 visualizzazioni

Come già preannunciato nell’articolo precedente, elencherò ora le armi che le unità di ricognizione e difesa devono avere per proteggere civili e viaggiatori da zombie e infetti. Sia chiaro che tutte le armi sono buone contro i non morti, ma alcune sono più efficaci di altre. Per questo inserirò nella descrizione anche un fattore di efficacia verso queste creature, uno per gli zombie e un altro per gli infetti.

Mitra.jpg

Mitra
Tipologia: arma da fuoco automatica
Munizioni: proiettili 9 mm
Raggio di azione: medio
Efficacia: zombie (75%) - infetti (80%)

Descrizione: l’MP5-SD6 è un ottima arma da fuoco portatile con soppressore integrato che ci permette di scaricare piccole raffiche sui non morti senza fare troppo rumore. I caricatori sono molto facili da togliere e inserire e sono compatibili con le tasche a molla di quasi tutti i gilet tattici in commercio (… o che almeno ERANO in commercio prima dello sprofondare del mondo all’Inferno). E’ un arma molto efficace sia contro gli zombie che gli infetti perché oltre al silenziatore che ci permette di uccidere silenziosamente, all'occorrenza, con le giuste modifiche, si possono anche montare sopra e sotto il corpo centrale un mirino telescopico per prendere meglio la mira una torcia per pattugliamenti e ricognizioni notturne.

Machete.jpg

Machete
Tipologia: arma bianca
Munizioni: -
Raggio di azione: corto
Efficacia: zombie (75%) - infetti (10%)

Descrizione: il machete è un lungo coltello latino a un filo soltanto usato nella giungla per farsi strada attraverso la fitta vegetazione. Ma è anche una valida, anzi validissima arma da taglio contro i non morti. Le dimensioni non eccessive della lama ci permettono movimenti rapidi ed efficaci e a differenza del coltello possiamo colpire alla testa gli zombie senza doverci avvicinare più del dovuto. Dato che la maggior parte di essi sono lenti, possiamo usarla tranquillamente in mischia quando le munizioni scarseggiano. Ma contro un gruppo ben fornito di infetti affamati che si lancia a 45 km/h contro di noi… mmm… date retta a me… Rinfoderate il machete e scappate senza pensarci due volte.

Bastone.jpg

Bastone
Tipologia: arma contundente
Munizioni: -
Raggio di azione: corto
Efficacia: zombie (70%) - infetti (20%)
Descrizione: concepito inizialmente come sfollagente per la polizia, questo attrezzo si è evoluto nel corso del tempo fino a diventare un’arma micidiale. Anche se l’apparenza inganna, il bastone telescopico è capace di infliggere danni gravissimi quanto un machete o un’ascia per via del corpo centrale di acciaio durissimo e ben modellato. Con un tasto si innesca un meccanismo a molla ben concepito che lo “spara fuori” dall’impugnatura, e per richiuderlo basta semplicemente spingere la testa verso il basso. Questo lo rende anche pratico da portare e facile da nascondere. Dato che la carne degli zombie è molto fragile, contro di questi il bastone è molto efficace, ma ricordiamoci che è pur sempre un’arma contundente concepita per causare danni temporanei. Dunque risparmiatevi dall’usarlo contro gli infetti. Servirebbe a ben poco e rischiereste quasi certamente di morire.

Balestra.jpg

Balestra
Tipologia: arma primitiva
Munizioni: dardi
Raggio di azione: medio
Efficacia: zombie (55%) - infetti (25%)
Descrizione: la balestra è un’arma rinascimentale che come l’arco si è evoluta nel corso dei secoli fino ai modelli tattici più moderni capaci di scagliare frecce con punte d’acciaio con grande potenza e a distanze ragguardevoli. La balestra in particolar modo sa essere tanto pratica quanto micidiale. Con un colpo si può tranquillamente uccidere sia uno zombie che un infetto, tenendo conto però dei rischi. Infatti quest’arma da caccia è molto silenziosa, ma per ricaricarla occorrono sia tempo che manualità. Dunque il rischio di usarla in mischia contro gli zombie è appena accettabile, se magari insieme a noi ci sono altri sopravvissuti che ci spalleggiano, ma contro gli infetti è praticamente inutile. Eccezion fatta per i rarissimi casi in cui dobbiamo (e soprattutto possiamo) ucciderne qualcuno silenziosamente.

Lanciagranate.jpg

Lanciagranate
Tipologia: arma da fuoco semi-automatica
Munizioni: granate 40 mm
Raggio di azione: medio
Efficacia: zombie (70%) - infetti (90%)
Descrizione: il Milkor MGL (Multiple Grenade Launcher) è uno dei migliori lanciagranate in circolazione. Può sparare anche più di 6 colpi e alloggia le munizioni in un grande tamburo posto sotto il corpo centrale. Può sparare colpi esplosivi, fumogeni e lacrimogeni ed ha un impatto devastante sulla fanteria leggera. In particolar modo, contro gli infetti. Le granate che sputa una alla volta dalla grossa canna posta davanti infatti possono causare ingenti danni anche a un gruppo numeroso di individui, mutilando, bruciando e scaraventando per aria i bersagli un attimo dopo la deflagrazione. Tuttavia, i danni che causa l’MGL, seppure terrificanti, sono grossolani e questo potrebbe rappresentare un rischio quando si cerca di respingere un drappello di zombie che anche dopo aver perso gambe e braccia riescono comunque a strisciare verso di noi.

Minigun.jpg

Minigun
Tipologia: arma da fuoco automatica
Munizioni: proiettili 7.62 mm
Raggio di azione: lungo
Efficacia: zombie (60%) - infetti (95%)
Descrizione: l’M134 è forse la mitragliatrice a canne rotanti più famosa nel suo genere. Riesce a esprimere senza problemi una potenza di fuoco impressionante (circa 10.000 proiettili) a velocità elevatissime, e anche da molto lontano. Non è un’arma portatile, per niente. Viene quasi sempre montata su elicotteri e mezzi cingolati. Ma vi dico questo: se vi dovesse capitare che il vostro convoglio o il vostro gruppo venga attaccato da un’orda di non morti composta anche da migliaia di zombie o infetti che siano e siete così fortunati da avere una di queste formidabili sputafuoco con voi… non disperate. Potete ancora salvarvi.

M. Bale :skull:


A Thorgar e MattoMatteo piace questo contenuto


0 Commenti


Non ci sono commenti da visualizzare.

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account e registrati nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora