• inserzioni
    20
  • commenti
    49
  • visualizzati
    2.622

Zombi e Infetti - Specie

Morgan Bale

298 visualizzazioni

Walker.jpg
WALKER (CAMMINATORE)
Tipologia: Zombie/Infetto
Decomposizione: 40-80%
Velocità: 1 metro x 2 secondi
Pericolosità: Bassa
La maggior parte dei non morti si risveglia e si muove per mangiare. Il walker è il tipico risorto semi-decomposto goffo nei movimenti e lento negli attacchi. Facile da bersagliare e da distanziare. Mirare alla testa è facile, anche quando è in gruppo e bastano i calabri anche più piccoli, come .32, .38 e .357.

 

Runner.jpg
RUNNER (CORRIDORE)
Tipologia: Infetto
Decomposizione: 20-50%
Velocità: 2,5 metri x secondo
Pericolosità: Molto Elevata
In molti casi, i risorti conservano la loro integrità muscolare e possono lanciarsi a gran velocità contro i vivi rompendo barricate e aggredendo con maggiore ferocia. Sono tra i più pericolosi perché sembrano come degli instancancabili maniaci omicidi pieni di adrenalina e aggressività. Prendere la mira è difficile perché in men che non si dica ci saranno addosso pronti per farci a pezzi senza pietà... peggio ancora se in gruppo.

 

Crawler.jpg
CRAWLER (STRISCIANTE)
Tipologia: Zombie
Decomposizione: 30-70%
Velocità: 0,5 metri x 2 secondi
Pericolosità: Moderata
Quando si cammina in mezzo a dei cadaveri bisogna sempre stare molto attenti. Perché è proprio in mezzo a quei corpi che possono nascondersi dei non morti che hanno perduto gambe o braccia e attendono il momento propizio per azzannarvi alle caviglie quando meno ve lo aspettate. Se si nota del movimento sospetto, bisogna subito aggirarlo o tenere pronte le armi (meglio se bastoni o qualunque cosa di lungo) per tenerli lontani dalla nostra figura e impedire loro di infettarci... o peggio ancora azzopparci per il resto della nostra vita.

 

Burning.jpg
BURNER (FIAMMEGGIANTE)
Tipologia: Zombie
Decomposizione: 10-90%
Velocità: 2 metri x secondo
Pericolosità: Elevata
Quando si affronta un gruppo di non morti bisogna stare molto attenti a non provocare esplosioni o dispersioni termiche per evitare che questi prendano fuoco. I burning zombie, enfatuati dal calore che li pervade, danno fondo alle poche energie che hanno nelle loro carcasse e si fanno come prendere da una fame assassina che misteriosamente li rinvigorisce e li sprona all'attacco verso i vivi. La loro velocità e la loro aggressività aumentano non di poco e diventa peggio che avere a che fare con dei runner inferociti, dato che il fuoco impiega un bel po per corrodere la scatola cranica e mangiarsi poco alla volta il cervello... mentre noi andiamo a fuoco. 

 

Baby.jpg
CHILD (NEONATO)
Tipologia: Zombie/Infetto
Decomposizione: 0-10%
Velocità: 1 metro x secondo
Pericolosità: Moderata
Quando ci addentriamo in edifici bui o di notte in accampamenti isolati potremmo scorgere la piccola sagoma di un infante che ci da le spalle. Presi dal desiderio di salvare vite, ci avvicineremmo... e il baby ci salterebbe addosso. Sono piccoli risorti non potenti come gli adulti, ma infidi e furtivi che usano l'ambiente circostante per nascondersi dietro mobili e dentro intercapedini per attaccarci quando meno ce lo aspettiamo. Essendo molto giovani, il loro cerebro è di gran lunga molto meglio conservato rispetto a tutti gli altri non morti e questo conferisce loro una misteriosa capacità di adattamento e di elaborazione di piccole tattiche subdole atte a coglierci impreparati. Prendere la mira è assai arduo contro di loro. Non solo per il fatto che saltellano come piccoli sciacalli, ma anche per il fatto che sembrano dei bambini veri... e questo rende la loro uccisione ancora più difficile.

 

Fat.jpg
REAVER (DIVORATORE)
Tipologia: Zombie/Infetto
Decomposizione: 10-40%
Velocità: 0,5 metri x secondo
Pericolosità: Bassa
Quando un non morto riesce a sopravvivere alla furia delle armi da fuoco e a scampare a molti assalti da parte dei vivi, continua a nutrirsi fino a diventare una massa informe piena di carne che lo rallenta nei movimenti riducendolo a un walker... con un bel po di ciccia addosso. Sembrerebbe un dettaglio trascurabile, ma non lo è. Difatti, questo gli conferisce resistenza non solo alle armi da fuoco, ma anche a quelle corpo a corpo. Gli organi vitali sono ben protetti da chili e chili di carne e la testa scompare in una grande pappagorgia che rimpicciolisce la scatola cranica costringendoci a dover usare molta precisione nella mira. Neanche i calibri più pesanti come .357, .44 magnum e .50 AE riescono a causargli danni considerevoli. Ci sono solo due modi pratici e veloci per ucciderlo: o si cerca di colpirlo alla testa o si mira alle gambe per farlo cadere. Data la sua mole non riuscirà mai a rialzarsi.

 

Armored.jpg
ARMORED (CORAZZATO)
Tipologia: Zombie/Infetto
Decomposizione: 50-60%
Velocità: 1 metro x 2 secondi
Pericolosità: Moderata
Molti ex agenti o paramilitari dotati di giubbotti, elmetti e bio-tute sono diventati dei non morti e i vestiti che prima li proteggevano da quegli esseri che cercavano di divorarli ora li proteggono dai vivi che cercano di salvarsi dalle loro stesse fauci. Possono essere privati di braccia o gambe senza troppa difficoltà, ma ferirli con armi bianche è quasi impossibile a causa delle corazze che indossano che li rendono molto ostici da ammazzare. Specialmente se si tenta di centrarli alla testa, dato che gli elmetti rinforzati che indossano bloccano una .357 magnum. Se in gruppo, conviene trattarli come dei devourer e tentare di farli cadere, altrimenti bisogna usare piccole armi da taglio e pugnalarli da sotto il mento verso l'alto, fino al cervello.

 

Mutant.jpg
MUTANT (MUTANTE)
Tipologia: Infetto
Decomposizione: -
Velocità: -
Pericolosità: Molto elevata
Alcuni terribili esperimenti neuro-biologici sono stati condotti prima e dopo dell'apocalisse generando abomini pericolosissimi che incrociano le sole due razze esistenti... i vivi e i morti. A queste spaventose creature sono stati affibbiati i nomi più strani e variopinti, ma altro non sono che mostri dotati di tentacoli, sinistre protuberanze e un intelletto fuori dal comune che li rende impossibili da affrontare se non altamente preparati. I non morti mutanti sono davvero rari (per fortuna), ma quando li si incontra è meglio darsela a gambe. Si nascondono dietro centinaia di non morti usandoli come scudo e nel corpo a corpo usano i loro arti super-sviluppati per mietere vittime con facilità. La loro velocità varia da tipo a tipo, così come i loro punti deboli... tra cui non per forza vi è il cervello come per tutti gli altri non morti.

 

Dog.jpg
DOG (CANE)
Tipologia: Infetto
Decomposizione: 20-60%
Velocità: 9 metri x 2 secondi
Pericolosità: Elevata
Si dice che il cane sia l'amico più fedele dell'uomo... beh, non proprio se il cane cerca di strappargli la giugulare. Si dice infatti che gli animali siano state le prime cavie a subire torture e trattamenti biologici pericolosi prima dello scoppio della grande pandemia. Questo li avrebbe resi dei predatori scaltri e letali in cerca costante di cibo. Degli sciacalli che si spostano anche in piccoli gruppi ben organizzati e che inseguono i vivi che molto tempo prima servivano come schiavi. Inutile ripetere che sono estremamente veloci e le loro mascelle sanno fare danni superiori rispetto a quelli dei non morti comuni. Prendere la mira è quasi impossibile. L'unico modo per ucciderli e respingerli con le armi fisiche per poi colpirli alla testa con qualcosa di appuntito o tagliente.

 

Crow.jpg
CROW (CORVO)
Tipologia: Infetto
Decomposizione: 10-20%
Velocità: 31 metri x 3 secondi (in volo)
Velocità: 1 metro x secondo (a terra)
Pericolosità: Media
Quasi tutti i virus si diffondono per via aerea. E se ciò accade in una apocalisse zombie... è facile prevedere che qualche uccello saprofago venga contagiato e cominci a trasformarsi. I corvi infatti, seppure abbiano un sistema immunitario molto più elevato rispetto all'uomo, misteriosamente sono molto compatibili coi virus mortali e questo li rende i trasformati per eccellenza e il loro istinto predatorio e lo straordinario vantaggio di poter volare li rende nemici da non sottovalutare. Le tattiche che qualche giorno fa usavano per cacciare lucertole e insetti, ora le usano contro le persone per cavare occhi e strappare pezzi di carne. Quando i corvi si muovono come un solo stormo oscurano il cielo con le loro ali corvine e percorrono grandi distanze in brevissimo tempo prima di sferrare un attacco. Ma è quando scendono al suolo che diventano facili da colpire ed è in quel momento che i sopravvissuti devono darsi da fare con bastoni e spranghe.

M. Bale :skull:


A RexCronos e SilentWolf piace questo contenuto


0 Commenti


Non ci sono commenti da visualizzare.

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account e registrati nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora