• inserzioni
    43
  • commenti
    346
  • visualizzati
    9.265

Sandbox: come gestirlo in quattro punti

The Stroy

859 visualizzazioni

Il sandbox è uno stile di gioco in cui il master non prepara una storia per la campagna o l'avventura, ma si limita a inserire i personaggi all'interno di un contesto, lasciarli muovere e far reagire il mondo alle loro azioni.
Lo stile sandbox lascia la massima libertà ai giocatori e può risultare veramente divertente per tutto il gruppo, ma non è immediato da gestire.
Quello presentato in questa inserzione è un metodo in quattro punti che può aiutare a rendere un'avventura o una campagna sandbox più gestibile per il master e più coinvolgente per tutto il gruppo.

1. Dialogo

Prima di sedersi al tavolo e progettare l'avventura, il master dovrebbe proporre l'idea ai giocatori, spiegando come funziona il gioco sandbox, avvertendoli che avranno qualche responsabilità in più sull'avanzamento della trama e accertandosi che siano interessati a una partita in questo stile.
Parlare apertamente con i giocatori di cosa ci si aspetta da loro è il modo più semplice per assicurarsi che lo facciano - e che si divertano facendolo.
Questo è importante in qualsiasi tipo di campagna, ma in una così è semplicemente vitale.

2. Trame

Secondo una certa visione, sandbox significa che il master prepara numerose missioni, agganci e trame e lascia che siano i giocatori a decidere quali seguire e quali no.
Il rischio (quasi una certezza) di un'impostazione di questo tipo è che porti il master a sprecare un sacco di lavoro, o al limite a riciclarlo, potenzialmente rischiando di fare illusionismo.
Un modo più efficace per gestire la varietà di trame necessaria per il gioco in questo stile, assicurandosi al tempo stesso che i giocatori siano interessati, è far sì che siano i giocatori stessi a creare queste trame, magari durante la stesura del background dei personaggi, e far loro decidere quali seguire in un momento che lascia al master il tempo necessario a preparare il materiale richiesto - ad esempio alla fine della sessione, invece che a metà.

3. Forze

Spoiler

Nota: ad alcuni questo punto potrebbe richiamare i fronti di Dungeon World.
Non è un caso che i punti in comune siano numerosi, ma tengo a fare presente che le forze non sono ispirate ai fronti, per il semplice fatto che i fronti non sono originali: sono semplicemente consuetudini di buon gioco già affermate a cui DW ha dato una ritinteggiata schematizzandole e chiamandole regole.
È su queste consuetudini, non sui fronti, che si basa il metodo qua descritto (che a sua volta è una ritinteggiata degli stessi principi).

In una campagna o avventura sandbox, il master non dovrebbe preparare una trama, ma le forze (personaggi, mostri, fazioni, fenomeni, oggetti ed entità) che creeranno quella trama durante il gioco.
Le forze dovrebbero essere proattive, non reattive. Questo significa che dovrebbero avere dei piani da completare, con cui i PG e le altre forze potranno interagire, invece di esistere semplicemente in uno status quo che i PG puntualmente infrangeranno. Le entità statiche non sono forze (anche se possono diventarlo), sono fondale.
Il modo migliore per assicurarsi che una forza sia proattiva è assicurarsi che abbia un obiettivo chiaro e un metodo per raggiungerlo: il master deve sapere di quali risorse dispone, come le utilizza, in che punti si articola il suo piano e cosa è o non è disposta a fare per completarlo.
A questo punto, il master può calare i PG all'interno dello scenario creato dalle varie forze, osservare come si comportano e far reagire di conseguenza le varie entità.
L'assenza di una trama già scritta può fare paura, ma non è bisogna preoccuparsi: basta inserire personaggi (giocanti e non) interessanti nel mondo, e la storia sarà interessante a sua volta.

4. Improvvisazione

Il sandbox richiede una dose doppia di improvvisazione. Qualcosa sull'argomento l'ho già detto con la mia proposta per tre regole di improvvisazione (1, 2, 3) per cui non lo ripeterò qua.
Per questo stile di gioco, comunque, la più importante delle tre regole è la seconda: dire di sì. La ragion d'essere di questo stile di gioco è la libertà concessa ai giocatori e ai personaggi.
È fondamentale 
consentire ai personaggi di fare quello che i giocatori descrivono (purché non vada contro ciò che è accettabile per il gruppo). Se si gioca senza accettare questa premessa, tanto vale non dedicarsi al sandbox.

In generale, ma in particolare durante le fasi di improvvisazione, è vitale anche mantenere la coerenza.
Le azioni e reazioni di personaggi e forze sono la spina dorsale del sandbox. Se il master non rispetta la coerenza del mondo, non solo non dà modo ai giocatori di muoversi in maniera sensata, ma perde anche il suo miglior strumento per sviluppare la trama.

Va notato che coerente non vuol dire spietato. Diversi corsi d'azione possono essere egualmente coerenti, e il master dovrebbe scegliere quello più adatto al livello di difficoltà concordato con il gruppo, non quello più punitivo.
Inoltre, se qualcosa stride con la coerenza della realtà di gioco, la reazione corretta nella maggior parte dei casi (per non dire sempre) non è proibire quella cosa, ma trovare un modo per renderla coerente - è un gioco di fantasia, una soluzione si trova.

 

Anche questa volta l'argomento è molto vasto, ma come sempre lo spazio è tiranno.
Ho cercato di essere il sintetico, per cui sicuramente ho lasciato fuori qualcosa che invece doveva essere detto: aspetto dubbi, domande, commenti e proteste nella sezione dei commenti!

 

Rubrica musicale: Salem - King Night (Witch House)


A Hennet87, Orto, Mancaugi e 11 altri piace questo contenuto


9 Commenti


Nulla da aggiungere o da chiedere.
In poche righe è ben chiaro cosa fare, di più non è possibile dire senza andare troppo nello specifico. 
 

A The Stroy piace questo contenuto

Condividi questo commento


Link al commento

Veramente un'ottima guida!

Ammetto che la mia paura nel sandbox è che i giocatori tendano a "perdersi", a vagare da una parte all'altra per la mancanza di un vero e proprio filone. Ho letto però che consigli di fare, in realtà, tante missioni (o mini missioni)  che si possono intrecciare, forse in questo modo è più gestibile! 

Condividi questo commento


Link al commento

Ottima Inserzione! Mi sembra davvero utile per dare un'idea generale del Sandbox. A questo punto, secondo me, un passo successivo molto utile per un DM sarebbe una Inserzione in cui fai un esempio di come costruire passo passo una Forza. ;-)

Condividi questo commento


Link al commento

Non per tirare acqua al mio mulino, ma un PbF che sto gestendo qui (Revelation, The Ballad of Black Hand Finn) è un buon esempio di sandbox.

Ho iniziato introducendo i personaggi in un luogo abbastanza piccolo e isolato, permettendo loro di conoscere l'ambientazione, a loro nuova. Spinti dai loro desideri e dai loro interessi hanno vagato per questo villaggio parlando con vari png e cominciando a comprendere quali sono le Forze in atto nel mondo.

Tutto quello che sta accadendo ora al gruppo deriva in egual modo dalle loro libere azioni e da ciò che stanno facendo altre Forze. Se si stufano, possono sempre prendere e andare da qualche altra parte. Ora sono entrati nel loro primo dungeon. Se incontrassero difficoltà potrebbero recarsi alla città più vicina per cercare aiuto o informazioni; nel frattempo è sempre importante ricordarsi che il mondo va avanti.

Sono gli stessi Pg ad aggiungere informazioni importanti all'ambientazione stessa. Il punto di un sandbox è che è quasi necessario "perdersi" e vagare: il master deve fare in modo che ogni strada a fondo cieco abbia qualcosa di interessante. Il filone nell'ambientazione sandbox c'è, ma non è lineare. Più che altro è diramata in tante direzioni diverse.

A The Stroy piace questo contenuto

Condividi questo commento


Link al commento

Qual è il problema con l'illusionismo?
Premesso che se i giocatori capiscono o sospettano non c'è l'illusione ma solo il railroad, quindi deve essere assolutamente invisibile, non riesco a immaginare pericoli per la qualità di gioco in un'azione come prendere un'idea per una quest parzialmente sviluppata e assegnare un tempo o un luogo non appena sia opportuno.

Condividi questo commento


Link al commento

Non sempre è facile farlo al volo.

Io personalmente sono il tipo di Master che prepara molto in ambito generico e ricicla quello che non usa.
Questi articoli sono per chi è alle prime armi con il determinato argomento. Ovvio che chi ha più esperienza può ricorrere in vari metodi per improvvisare in modo funzionale.

Inoltre The Story è in genere contrario alla pratica della preparazione estesa pre-campagna XD

 

Rispondendo @SilentWolf...una Forza non è difficile da costruire. Non è nulla di più che un'organizzazione/fazione/culto/etnia/partito con mezzi e interessi ben delineati (nella mente del Master). Ci vuole un poco di esperienza per muovere una Forza in modo naturale ed evitare che si intersechi sempre con il gruppo. Forse un po' di cura nei rapporti tra Forze. Ma non è un elemento così strano o astruso, pensalo come ad un singolo antagonista con molte capacità e mezzi. Ha un suo obbiettivo, e si muove per raggiungerlo. 

Condividi questo commento


Link al commento

@Madlefty: non parlerei di missioni (quella è la scuola di sandbox che non mi piace) quanto piuttosto di entità.
Ad esempio, invece di decidere "i PG devono fermare il necromante malvagio", si decide "c'è un necromante malvagio", poi i PG facciano come vogliono.
Per evitare il rischio di vagare, bastano le forze proattive: ad esempio, se i PG non fanno nulla, il necromante malvagio manda i suoi scheletri in città e distrugge qualcosa. I PG si trovano immediatamente con qualcosa da fare (che può anche essere approfittare del casino per saccheggiare).
Sostanzialmente, il trucco è buttare carne al fuoco ogni volta che il gioco rallenta.

@SilentWolf: lo tengo a mente per una mini-inserzione è futura, grazie dello spunto!

@DS: illusionismo significa dare più strade ai PG, ma fare in modo che quelle strade conducano tutte allo stesso punto, non riciclare materiale inutilizzato nei modi in cui i PG l'hanno portato a ricomparire.
Facendo un esempio, se mi aspetto che i PG vadano al Tempio del Fuoco ma loro vanno a quello dell'Acqua e io uso le stat dei mostri di fuoco reskinnandole velocemente, non sto facendo illusionismo, perché i PG sono andati al Tempio dell'Acqua e non a quello del Fuoco.
Se invece faccio credere ai PG che possano scegliere fra due Templi (uno a est e uno a ovest) ma poi qualsiasi decisione prendono si ritroveranno nel Tempio del Fuoco, sto facendo illusionismo.
Il succo è che non è bello perché è un po' prendere in giro i giocatori, ed è facile che venga sventato o scoperto (i PG decidono di mollare il tempio a est e vanno in quello a ovest e il GM si trova in braghe di tela) e può diventare una pessima abitudine che conduce al railroad.

@Pippomaster92: più che altro, sull'improvvisazione ho già fatto tre inserzioni, e non mi andava di ripetermi qua  :face_frog:

 

Come sempre, grazie a tutti per gli interventi e i complimenti!

Condividi questo commento


Link al commento

Ho letto i tuoi post sull'improvvisazione e devo dire che mi hai convinto per quanto riguarda i vantaggi pratici dati dal non preparare troppo.
Ma non è dei vantaggi pratici che vorrei parlare.

Secondo me l'illusionismo può presentarsi anche in forma involontaria, ovvero se io ho un certo modo di ragionare e certi gusti, può darsi che l'oste della prossima città finirà per chiamarsi Jim e avere certe caratteristiche estetiche e comportamentali precise a prescindere dalla città di arrivo.
Questo stando alla definizione è illusionismo nel senso che comunque il risultato è in larga parte prefissato, anche se paradossalmente a mia insaputa.
Potrebbe succedere che ci siano già state tre-quattro avventure in dungeon e il sentimento generale del party sia che c'è bisogno di un'avventura interpretativa. A quel punto io che avevo una mezza idea per una storia posso contestualizzarla ovunque disponendo un aggancio al momento giusto indipendentemente dal luogo. Anche questo è illusionismo.
(I giocatori hanno scelto di incontrare Jim più o meno di quanto abbiano scelto di andare a destra o a sinistra non sapendo da quale parte fosse il tempio del fuoco? Se c'è una differenza io non la capisco)

Mi sembra comunque (anche leggendo gli altri articoli) che tu ce l'abbia con l'illusionismo usato come alternativa a un atteggiamento reattivo, principalmente perché non funziona alla lunga. Su questo sono d'accordo.

Volendo rimanere in ambito teorico comunque a mio avviso le differenze tra le varie situazioni sono troppo sottili per tracciare una linea netta, e una certa dose di illusionismo è inevitabile (a meno di preparare effettivamente ogni cosa in anticipo ma anche questo non è quello che vuoi fare) e non è deleterio se usato ad esempio come un database a cui attingere in mancanza di contenuti. In senso lato perfino un generatore di dungeon [cito il generatore come esempio supremo della non intenzionalità] o scegliere un mostro a caso dal manuale si qualifica, se capisci cosa intendo, perché comunque appartiene a un set per quanto vasto di risultati delimitati:
mettere per forza Jim alla prossima taverna equivale a usare un generatore random con una sola opzione disponibile.
La differenza col generatore vero e proprio è solo la dimensione. La scala è talmente grande che nessuno lo può vedere.
Per me l'illusionismo è questo, è illusionismo solo se non si vede. 

Allo stesso modo, trovo che anche far succedere le cose quando la campagna rallenta sia in realtà una forma di railroading, in quanto intervento "deus ex machina" che ha luogo per ragioni di meta-gioco (cioè fare sì che il gioco funzioni secondo gli obiettivi prefissati: nel tuo caso la presenza di situazioni stimolanti, nel caso del DMDM l'avverarsi della sua trama stVpenda) eppure non è un intervento brutto, anzi funziona e aggiunge al gioco.
La presenza di forze proattive giustifica il tutto con paletti solidi, ma la situazione avviene di fatto quando ne hai bisogno tu. 

Quindi secondo me il problema non sarebbero tanto gli strumenti usati dal DM (ed è molto difficile tracciare una linea di demarcazione tra legittimo o non, a meno di fare processi alle intenzioni, e a me non sembra utile) ma molto più specificamente l'assenza della volontà di accogliere il cambiamento.

Modificato da D@rK-SePHiRoTH-

Condividi questo commento


Link al commento

Cerco di rispondere in poche parole, premettendo che i discorsi universali e filosofici sulla volontà umana e il caos legati al GdR non sono il mio pane.

La mia definizione di illusionismo è "dare due scelte che sembrano diverse ma che offrono il medesimo risultato".
Ad esempio: "potete andare a est o a ovest [ma ovunque andiate troverete lo stesso Tempio del Fuoco]" è illusionismo. Qualsiasi scelta compiano i giocatori, giocheranno la stessa avventura.
"Potete andare al Tempio del Fuoco o a quello dell'Acqua [ma ovunque andiate troverete gli stessi incontri ridipinti]", invece, non è illusionismo, perché offre comunque una scelta significativa. Un'avventura al Tempio del Fuoco sarà molto diversa rispetto a una al Tempio dell'Acqua, anche se magari gli incontri sono gli stessi.

La differenza che io faccio fra illusionismo e non illusionismo, e quella a cui mi riferisco quando scrivo, è questa, senza tirare in ballo set infiniti e ragionamenti un po' roboanti, che secondo me sono fuori luogo quando si parla di un gioco fatto per divertirsi insieme, di cui si dovrebbe guardare più che altro la realtà pratica: se non ci sono differenze significative fra due scelte, è illusionismo.
Cosa sia significativo, poi, lo stabilisce il gruppo di gioco.

Allo stesso modo, muovere la storia e dare ritmo, ad esempio spezzando la monotonia di sei dungeon crawl di fila o facendo arrivare un drago in città, non è illusionismo né railroad, anche se richiede una parte di arbitrio, è semplicemente fare il tuo dovere di master.
Anche senza processi alle intenzioni, c'è una differenza non trascurabile fra "i dungeon stanno diventando monotoni, la prossima volta cerco di puntare su altro" e "i combattimenti sono monotoni, se i PG non risolvono questo incontro parlando, non lo risolvono affatto".

A Pippomaster92 piace questo contenuto

Condividi questo commento


Link al commento

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account e registrati nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora